Sei sulla pagina 1di 1

L'attimo fuggente (Peter Weir, 1989): spunti di riflessione

A) Carpe diem: la felicit dell'attimo


Cogli l'attimo, cogli la rosa quand' il momento, perch, strano a dirsi, ognuno di noi in questa stanza un giorno
smetter di respirare, diventer freddo e morir (John Keating)
Non domandarti non giusto saperlo a me, a te
quale sorte abbian dato gli di, e non chiederlo alle cabale babilonesi,
o Leuconoe; al meglio sopporta quel che sar:
se molti inverni Giove ancor ci conceda
o ultimo questo che contro gli scogli fiacca le onde
del mare Tirreno. Sii saggia, filtra il vino e accorcia la speranza
perch lo spazio breve. Mentre parliamo, il tempo
geloso sar passato: cogli lattimo, e non fidarti del domani (Orazio, Odi, I, 11)

- John Keating, il professore libertario, invita i suoi ragazzi a vivere il presente (l'attimo, il
giorno) con profondit e creativit, poich l'unico tempo che ci realmente assegnato per
trovare la nostra felicit, realizzare il senso della nostra esistenza. Che cosa significa per te, nella
tua esperienza personale, cogliere l'attimo, vivere il presente?
................................................................................................................................................................
................................................................................................................................................................
................................................................................................................................................................
................................................................................................................................................................
................................................................................................................................................................
................................................................................................................................................................
B) Autorit vs. libert
Quando si renderanno conto che non sono n Byron n Shakespeare, la odieranno (Il prof. Mc Allister a John
Keating)
L'illuminismo dunque l'uscita dell'uomo dallo stato di minorit che egli deve imputare a se stesso. Minorit
l'incapacit di valersi del proprio intelletto senza la guida di un altro. Imputabile a se stesso questa minorit, se la
causa di essa non dipende da difetto d'intelligenza, ma dalla mancanza di decisione e del coraggio di far uso del proprio
intelletto senza essere guidati da un altro. Sapere aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza!
questo il motto dell'illuminismo (Immanuel Kant, Risposta alla domanda: che cos' l'illuminismo?, 1784).

- John Keating difende un ideale educativo fondato sull'autonomia della ragione e del giudizio
(quello che si chiama, a partire dal '700, l'illuminismo) e sulla libera espressione del potenziale
creativo dell'individuo, al di fuori degli schemi e delle convenzioni sociali. Questo ideale entra in
conflitto con l'educazione tradizionale, rigida, autoritaria del collegio Welton (i quattro pilastri:
Tradizione, Onore, Disciplina, Eccellenza) e, pi in generale, con i valori dominanti della societ.
Nel suo conflitto inevitabile con l'autorit, l'affermazione della libert personale pu condurre alla
morte (Neil Perry) o alla realizzazione dei propri desideri (Knox Overstreet), ma in nessun caso
appare priva di conseguenze per la vita degli uomini. Prova a sviluppare qualche considerazione sul
rapporto tra libert e autorit, nelle sue diverse forme.
................................................................................................................................................................
................................................................................................................................................................
................................................................................................................................................................
................................................................................................................................................................
................................................................................................................................................................
................................................................................................................................................................

Interessi correlati