Sei sulla pagina 1di 1

La lingua al microscopio

I pronomi di cortesia
La forma colloquiale pi diffusa, e anche naturale, certamente il tu: in questo modo
ci rivolgiamo ai familiari, agli amici, ai compagni di classe. Che questa forma sia la pi
naturale dimostrato dal fatto che i bambini usano solo questa, quale che sia la persona a cui si rivolgono. Presto, per, i genitori cominciano a spiegare al piccolo che dare
del tu a tutti non educato: vi sono persone con le quali si ha un rapporto meno confidenziale a cui bene rivolgersi in un altro modo. Ecco che allora, insensibilmente, i bambini cominciano ad apprendere lesistenza di situazioni comunicative diverse che richiedono diversi linguaggi. In particolare, impareranno luso dei pronomi di cortesia, cio di
pronomi che sostituiscono il tu quando la situazione lo richieda.
Tali pronomi sono: lei, ella per il singolare, voi, loro per il plurale; essi svolgono sia la funzione di soggetto sia quella di complemento. Vediamo come e quando vengono impiegati.
a. Lei (la, le) di gran lunga il pi diffuso tra i pronomi di cortesia; luso di questa forma
richiede che i verbi vengano concordati alla terza persona singolare, mentre gli aggettivi
e i participi passati concordano con il genere della persona a cui ci si rivolge. Questi pronomi si possono scrivere con la lettera maiuscola in segno di riguardo:
Caro dottor Rossi, sono felice di comunicarle (comunicarLe) che lei (Lei) stato
promosso alla carica di Responsabile dellUfficio Stampa.
Cara dottoressa Bianchi, sono felice di comunicarle (comunicarLe) che lei (Lei)
stata promossa alla carica di Responsabile dellUfficio Stampa.
Ella, invece, usato nel linguaggio burocratico o molto formale:
Chiarissimo Professore, sarei felice se Ella potesse collaborare alla nostra rivista...
b. Loro, di uso ormai piuttosto limitato, ha un carattere rigidamente formale e sopravvive
nel linguaggio burocratico:
Onorevoli colleghi, come loro hanno veduto...
c. Voi usato nelle stesse situazioni in cui si ricorre al pronome loro, ma pi comune,
essendosi mantenuto nel linguaggio burocratico-commerciale. Generalmente lo si scrive con la lettera maiuscola:
Alla spett. Direzione del Gruppo Sportivo Olimpia.
Siamo lieti di comunicarVi ladesione della Nostra
Societ alle gare di atletica leggera da Voi organizzate il 3 luglio p.v.
Il voi, un tempo molto usato nei rapporti interpersonali per esprimere sentimenti di affettuoso rispetto,
sopravvive in alcune zone dellItalia centro-meridionale; il verbo concordato al plurale, mentre
aggettivi e participi rimangono al singolare e
concordano per il genere con la persona a
cui si riferiscono:

LEI
STATO
PROMOSSO...

Caro nonno, con gli anni voi diventate


sempre pi arzillo!
Cara Annamaria, quando voi verrete
nella nostra casa, sarete sempre la
benvenuta.

P.G. VIBERTI, Di bene in meglio 2011 SEI - Societ Editrice Internazionale

Interessi correlati