Sei sulla pagina 1di 12

Bracciano Ambiente S.p.a. * $ede Ammínistrativ a: Via Archimazaase -

tte,2

îel.

06.97.24.05.66

I Fax

46.s7,24.05.64

Sede Legale:

F,zzalV Novembre, 7 - Sede Operativa: Via

  • - _-

-

t

\

e.r

\ARACCIANOAI-lBiE

|:[e;ff;.,

îel.

- Pror. Dir. Gen.43

06.ee.87.751 /

Bracciano, 9 febbraio 2012

N

T

E

AI Sindaco

ed ai Consigtieri

del Comune di Bracciano

06.99"87.791

00062

Bracciano

(RM)- C.r.

/P.IVA

A

fronte degli ultimi

accadimenti, è interesse di

questa

  • 08080561007 società rendere ulteriormente

www.braccian

oambiente.co

note ai cittadini di Bracciano, per mezzo dei

intraprese, dando appuntamento a tutti i

pubblico,

óve

discutere delle

loro rappresentanti, le iniziative

cittadini

ad

un

imminente

.onu"g.ro

  • m prospettive di sviluppo che ha dinanzia se.

Poiché ha dato orieine

scaturiti da una lettura superficialeiella

presente copia integrale della nota prot.

opportuno dedicareun chiarimento.

a

una congerie di

travisamenti,

stessa,alleghiamo (sub n. l) alla

167 del23 novembre201l, cui è

La nota in questione, tutt'altro che

altre precedenti dal medesimo tenore ed è stata

novembre al

accessibile a

segretata,fa seguito ad

trismessa nelro scorso

e, da tale data, è

protocollo ordinario della Regione Lazio

chiunque vi abbia interesse, come ogni atto della pubblica

Amministrazione.

Inutile aggiungere che né la Regione Lazio, né la Bracciano

l,accesso sia precluso al

Ambiente

hanno un protocollo riservato, .uì

cittadinoistante.

Oggettodella

rinnovo della

nota, come si evincedalla lettura della stessa,è

autorizzazione integrata ambientale (AIA),

due impianti di trattamento dei rifiuti

meccanico-biologico

.,uÀido,,

(TMB) ed un

proveniente

la richiesta di

avente ad oggetto la realizzazione di

solidi urbani: un impianto di trattamento

impianto di trattamento della FORSU, il così detto

dalla raccolta differenziata.

L'autorizzazione regionale relativa ai due

uuun uiu da

impianti è stata

200g,

oggettodella

deliberuzionedi consiglio comunale n. 95 del lò luglio

1 lgeli.rima

ch9 ne ha approvato

rnaggioranza ra rcarizzazione,p-ertanto lí

questa società per mezzo della

ottemperanza

agri indirizzi

richiesta di rinnovo dell'AIA,

nota 167, si configura come atto dovuto, in

espressidall'organo comunalesovrano in materiaoi pótitictre locali.

Quanto alla indicazione

contenutanella medesima nota delle

essa è

determinata dalla

colloqui intervenuti e

potenzialità dell'invaso adiacente all'attuale,

richiesta avanzatapiù volte, nel corso dei numerosi

  • :R-.- della corrispondenza intercorsa

_-g-.

con la Regione Lazio, nell'ambito della

II

'

I

w .-

s;i;

Bracciano Ambiente S.p.a. - Sede Amministrativ a:via Archimazzase

tle,2 - Tel"

06.97.24.05.66

r\"

\"noccr^Ho,AHBrENTE

/ Fax

  • 06.97.24.05.64 predisposizione del Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti, approvato

$edeLegale:

P,zzalV

definitivamenteil 18 sennaio2012.

Novembre,7 -

Ssde

Operativa:Via Seltevene PaloKm 6,5 - Tel.

06.99.87.751/

Fax

(art.2),

Infatti, per mezzodella notaprot. 112582del 14 Giugno 2011

lione Lazio chiedeva.tra l'altro. alla BraccianoAmbiente di

trasmetterc. entro sei mesi, wa

relazione "in merito alla morfologia della

discarica, alla volumetria occupata dqi rifiuti e suella ancora disoonibile

06.99.87.791

00062

Bracciano

(RM)- C.r.

/P.tvA

Per chi non ne fosse a conoscenza,va precisatoche questa

società gestisceuna discarica regionale ed è obbligata a fornire all'ente

  • 08080561007 territoriale Regione Lazio tutte - nessunaesclusa - le inform azioni richieste.

www,braccian

oamblente.co

m

Nella stessanota, pertanto, si rappresentatempestivamente -

perché dovuto - I'esistenza di una cava dismessa (denominata ex-Vaira)

immediatamente adiacente I'attuale

invaso

di

discarica,

cava

che

astrattamentepossiede le potenzialità per esserein futuro adibita a ricevere il

rifiuto di bacino che venga trattato per mezzo degli impi anti autorizzati,

comunementedetto "sowallo".

A questopunto, è necessariopoffe due premesse:

1) la legge impedisce I'aperturadi nuove discaricheper il

conferimento del rifiuto "tal quale", vale a dire non preventivamente trattato

mec c ani camente - b i oI ogi camente, stabilizzato e

inertizzato ;

2) il ciclo dei rifiuti, disciplinatodalle leggi statalie regionali

che regolano la materia, prevede che la frazione residua "di scarto', della

lavorazione del rifiuto, sia esso proveniente da raccolta differenziata che

indifferenziata, sia traitata, stabilizzata.resa inerte e debba esseresmaltita in

discarica; tale residuo, detto " sowello ", costituiscesolo una parte della

ftazione del rifiuto

complessivamentetrattato

ed è tanto meno inquinante del

rifiuto ootal quale" da potersi considerarepressoché innocua, ove smaltita

osservandole vigenti norme di sicurezza.

Da tali premesse,discende che I'indicazione.contenuta nella

solo

nibilità di

un invasoDer "

vuta alla richi

resi

e all'

anche

naturale conseguenzadel ciclo di trattamentodei rifiuti previsto dalle norme

che disciplinano la materia" così sintetizzabile: riduzione nella produzione

dei rifiuti e riuso, raccoltadifferenziata e capillare degli stessi,riciclaggio,

trattamento,

recupero,

valorizzazione

della

frazione

merceologica

proveniente dal rifiuto trattato e, infine, stabilizzazionee smaltimento della

frazione inerte in una discaricaresiduale.

La legge, peraltro, in alternativa alla produzione di frazione

inerte da destinare alla discarica o a complemento della stessa,prevede la

,rElfr

g

;!*:::

produzione,da partedegli impianti di TMB, di combustibileda rifiuti (cDR,

CDR-Q o CSS) da destinareall'incenerimento - alternativa legittimamente

Bracciano

Ambiente Lp.a. - Sede Amministrativ a:Yia Archimazzase tte, 2 - îel.

06.97.24.05.66

I Fax

08.97,24.06.64

SedeLegale:

P.zzalV Novembre,T - $ede Operativa:Via Settevene PaloKm 6,5 - Tel"

06.99.87.751/

Fax

06.99.87.791

r\"

\"n^ccrA*oAflBìE

N T E

praticatada quindici regioni italiane -

ma la cui frazione residua. la cenere.

è anch'essadestinata ad esseresmaltita in discarica.

Dunque,

I'ultimo anello del processo di trattamento dei rifiuti

è sempre una discarica -

spessouna cava dismessa - dove smaltire (a

pagamento,per chi non ne disponga) il prodotto residuo da trattamento o

incenerimento.

  • 00062 Questa

Bracciano

(RM)- C.r.

/P.tvA

governance,

relativamente

alla

rearizzazione

dell'impiantodi TMB, è alla ricerca della "best available

:

miglior tecnologia disponibile) che riduca

techniques,'(BAT

al massimo la pròduzione di

discarica

",

q.ruioru possibile,

  • 08080561007 frazione residuale di inerte da smaltire in una

www,br€cclan

oambl€nto.co

  • non producaaffatto combustibile dai rifiuti da destinareall'incenerimento. In
    m tal senso,prowederà modifica necessaria.

ad apportareal progetto originario dell'impianto ogni

nella nota I

li Ambiti

Te

bito terri

e reso

imali lA

"orovinciale

o

e

la definizi

metro

iti

dal Piano

le di

rritoriale

che determina le linee quida cui tutti eli operatori. tra cui la Bracciano

Ambiente, devono attenersi.

In sintesi:la Regione,dovendo predisporre il piano Regionale

di Gestione dei Rifiuti, ha chiesto alla Bracciano Ambiente, soggetto

pubblico gerente un invaso di discarica regionale, se avrà in futuro le

potenzialità di sostenereI'odierno carico, costituito dal bacino dei ventisei

comuni conferitori, owero se tali potenzialità siano da considerarsiesaurite

con il completamentodell'attuale invaso.

corso

di

Infatti, I'attuale invaso di discarica per rifiuto ..

tal

quale', è in

esaurimento e,

come previsto

dal

programma dell'attuale

maggioranza,è destinatoalla chiusuraentro il 31 dicembre2012.

Tuttavia, allo stato attuale, anche alla luce delle piu avanzate

metodologie di trattamento e delle norme più recenti, non esiste soluzione

che escluda il ricorso a discariche dove smaltire il residuo inerte dei rifiuti

trattati.

La verità, pertanto, è che la componenteultima del processo

(di qualunque processo) di trattamento del rifiuto prodotto dai cittadini di

Bracciano e di ogni parte d'Italia è destinata - dara legge (cfr. art. lg2,

D.Lgs. 152/2006, come modificato dall'art. 8 del D.Lgs. 20512010;cfr.

anche lettera g dell'art. 2, D.Lgs. 3612003di attuazione della direttiva

1999/31lcB) e dalle norrneregionali (come il citato PRGR) che disciplinano

la materia - ad esseresmaltita in una discarica.

&

.îa

Ètii

Braccíano

Ambiente $"p.a. - Sede Amministrativ a: Via Archimazzase

tte, 2 -

Tel.

06.97.24.05"66

I Fax

06"97.24.05.64

$ede Legale:

P,zza lV Novembre, 7 - Sede Operativa: Via $ettevene PaloKm 6,5 - Tel.

06.99"87.751I

Fax

06.99.87.791

00062

Bracciano

(RM) - C.r',. /P"IVA

r\"

\enlccrAr{oAfiBrrNTE

Detto ciò, va chiarito che la Bracciano Ambiente non ha

o domanda tesa alla realizzazione di una n

discarica. se pur per "ftazione inerte"

esclusivame

Ad awiso di questo C.d.A., infatti, questa è una scelta che

che

è

es

cittadini. unici azionistidella BraccianoAmbiente.

Compito di questoufficio è non precluderela facoltà di scelta

ai cittadini e ai loro rappresentanti, lasciando aperta ogni possibilità e

  • 08080661007 limitandosi a descrivere lo stato attuale e i diversi scenari che si delineano

www.braccian

oambiente.co

m

alI'orizzonte.

mezzo

e" dando

richiesta

te dasli uffici

reEionali.si indicano le sole volumetrie potenziali della ex-Vaira. ma a cui

ione

di

alcuna i

o

orosett

Non è dato comprendere,dunque, le ragioni per le quali la

nota tecnica in esame sia stata presentata alla cittadinanza come un

documentoriservato contenenteindicibili

cfr. precedente comunicazione inviata al

segreti,se non - come previsto:

consiglio comunale, in data l g

novembre 20ll

- rawisandovi I'intendimento di alcuni di gettare discredito

sull'operatodella BraccianoAmbiente, per mero tornacontopersonale.

Infatti, se oggi passa il

messaggio che questa

società è

improduttiva e mette in pericolo la salute pubblica, domani sarà più facile

convincere i cittadini della necessitàdi cedere (a prezzo di saldo) le azioni

della Bracciano Ambiente ai privati, probabilmente i soliti noti già in attesa

fuori della porta e - loro sì - ben consci del valore attuale e delle potenzialità

  • di questarisorsa pubblica, che funziona, che fornisce servizi ai cittadini, che

produce ricchezza e occupazioneper la collettività e che genera indotto per

artigiani e impresepresenti sul territorio.

E' bene tenere a

mente che, laddove la gestionedegli impianti

  • di smaltimento dei rifiuti è stata delegataai privati (come a Cupinoro prima

dell'interventodella BraccianoAmbiente), la salutepubblica è statamessa in

costante pericolo, poiché scopo precipuo dell'investitore privato è la mera

produzione di profitto, a scapito della sicurezza collettiva, che al contrario è

esclusivo interessedella gestioneattuale, ispirata ai principi di precauzione,

prevenzionee sostenibilità.

Parimenti, I'esperienzainsegna che, laddove la gestionedei

servizi pubblici è stata affidata ai privati, i costi per i cittadini sono

aumentati esponenzialmente,a fronte di un significativo scadimento del

servizioe, quindi, della qualitàdella vita dei cittadini.

@

lr

,r

tr

Bracciano Ambiente $.p.a. - Sede Amministrativ a: Via Archimazzase -

tte, 2

îel.

06.97.24.05.66

r\"

\tt^""rAHoAr-IBrENTE

  • I Fax

06,97.24.05.64

$ede Legale:

P.z:'alV Novembro, T - Sede Oporativa: Via $eltevene PaloKm 6,5 - Tel.

Quanto ai servizi che questa società pubblica rende alla

cittadinanza,chiunque di voi può giudicarli quotidianamentepasseggiando

per la nostra città.

Quanto alla gestione dell'impianto di Cupinoro, invitiamo

06.99.87.751/

Fax

06,99"87.791

ancora una volta tutti i cittadini, i comitati, le associazioni interessate a

contattare il nostro Ufficio

Relazioni con il Pubblico per verificare con i

  • 00062 propri occhi il duro lavoro che è stato svolto da questa azienda pubblica

Bracciano

(RM). C.r.

negli ultimi cinque anni e che viene

quotidianamente svolto nel loro

/P.tvA

interesse e per la loro sicurezza - sotto il costante controllo degli organi

  • 08080561007 statali, regionali, provinciali, deputati alla vigilanza in materia ambientale,

www.braccian

oambiente.co

della Agenzia Regionale per la ProtezioneAmbientale (ARPA Lazio), della

  • m ASL competentee dell'ENEA, che, interpellatosulla qualità delle matrici ambientali,ha espressoil suo positivo giudizio, consultabilesul sito della società - visitando personalmente gli impianti realizzati, che oggi rappresentanoper noi motivo di vanto e per Voi sono garanzia di tutela ambientale.

Opportuno aggiungereche, nel corso degli ultimi cinque anni,

nessun rilievo è stato sollevato dai citati enti di controllo, né tanto meno

dalla magistralura, in relazione alla gestionedegli impianti e/o dei servizi da

partedella BraccianoAmbiente.

Può dirsi, dunque, interesse di tutte le forze politiche

responsabili e di tutti coloro che abbiano a cuore la gestione pubblica delle

risorse ambientali e il futuro di questa città, salvaguardarela Bracciano

Ambiente da questa sistematica opera di disinformazione, contrastandola

con gli strumenti della traspatenzadella azione e della completezzadella

informazione, raccontandoai cittadini, che ne sono unici proprietari, come

stanno dawero le cose,affrnché possanodecidere il futuro della loro società

con cognizionedi causa.

In questa direzione è rivolto I'invito che formuliamo a tutti i

cittadini interessati ad un approfondimento sullo stato attuale e ad un

confronto sulle prospettive della Bracciano Ambiente, affinché partecipino

all'incontro pubblico che sarà organizzato e si svolgerà nelle prossime

settimanepresso l'archivio storico comunale.

ll

--

*ii:::

Il consisliod'

5

Ei

o eiq o

+ a

(\I(D

s{

ilo

,ip

ÈÈ

3q

qF *t

8;5

Fg;

;,""f

gEF

3cE

gs'8

€5€

*si

l9;. sE8

È;s

EOF

60€

È?o

;;i

rÈ.-.

Èg?

;as

É*E E$:

<g!a

-or+

F$s

F;g

Ltlt/t

-

&mt

Prot Dir. Gen. 162 del2iNovembre2011

Spett le

Regione Lazio

Dipartímento

Economica e Socia-le

pi"u-ool"

Regionale AnivÍtà

ffoduttive

e Rifiuti

AREA 13 -

hogrammazione

  • - Ciclo Integrato dei Rifiuti

c.a.:

DirettoreRegionale

Dott

Mario M"rott"

Fa*06 5161115T

Oggetto: Autori

successive

Integlata ,Ambientale AJA n. -4W

,i"tiu"ta."inli*Tffi

D.toS"ione

A;g,l;"1,'"T"1*i:'rg'.f#ri*'*k;"t?ffi

,_

del 2s/.as/a7 e

In data 2S/05/ZW7la scrivente Bracci

Decreto AIA n. 46/07

reatizzazionedi

a firma

o"

,*"

con annesso

produzione

Ambiente spa è shta autorizzata, con il

ril

jfrff:,T;xr::

di cogenerazione

da biogas per ra

unrotto di discarica

;ff;:

raddoppio di potenza dell,impianto

di'r"6

Mwe ed un impianto

di trattamento in situ del percolato derra

potenzialità di 60 nrc/ g-

di cui sopra' è stataintegrara con la Deternrinazione

con

la quale

la nostra

società è

stata autorizzata

alla

della volumetria di

ffi:Jr[t:n|o^

realizzazione*

rrr,,rr0n nuovo lofto di discarica di -completarnento,,

parte

avrebbe

dovuto

r.

350.000 nrc che in

ditrattamentoririuriconproduz,-,.J::T#;T::il1HTHI:

con la Deturminazione

trattamento rifiuti di cui

produzione

di

compost

Dirigenziare B 762.r,/09.

L,autorìzzazione derfimpianto

sopfa, preved.e anche ra

di

qualità

con

Ia

BAT

di

realizz-azione di una linea di

@est Av:

migliorativa relativa alla diopo+;*

di processo

digestione anaerobica come parte fondamentale dela linea

c\?

\tilcctaxoaMErE

N I

E

In data 0Z.M.2O1L Ia

Bracciano Ambiente ha presentato ur

quoridiaJ;;;:-:^::::

ffH"flrjT

ArA con pubbricazione su

una domanda di revisione

e la modifica di atcune

carica

degU impianti

parti gestionali e di moniroraggio :

connessi, di cui ad oggi siamo ancora in attesa della conclusione del'iter.

e

:"T:":":ftrn:-#il:":*t

inrerazione

arraderinizione

denanuova

_::rffi ::"trrapossibirità**,";,H#ffiTr::"::t;::?f

a,tuares,ima,.,Jil::r"x"ifi HTJHH::,J#jI*IT

conferimento

#ff"he

dei sowatli

dell,attività

di

trattamento

in ambito provinciale e regionare, che'a società ha in programma di

ove

necessario

dei rifiuti,

Poich4 aIIo stato, I

non impedita, darla

diffic'i

condizioni

dell,Autorizzazione

rcalizzazione degli impianti

difficortà di

del

mercato

lrtegrata Ambientale

oggetto di AIA

è

rallentah,

reperire i fondi necessari agli investimenti,

finanziario,

si

formula

richiesta

di

sensi del D.Lgs. 1sz/o6art.

ove

attese

Ie

rinnovo

29-octies,

nonché di un eventuale contributo *r'"t

previsti.

---'uruuLL'

economico alla rcalizzazione degli impianti

si alrega alla presente una scheda

di

tecnica

volumetrie residuali del lotto ai a;scarica in esercizio.

di

sintesi sullo shto

del'arte

delle

:;lî.Ot

un vosrro sicuro interessamento, cogliamo I,

Il Presidente del

Aw.

per porgere distinti

Amministrazione

Discarica di "Cupinoro,, - Comune di Bracciano (RM)

( situeione

al I " t 0.201 D

sulla basedelle ultime

evidenzia quanto segue:

verifiche ùecniche (rilevo topografico der20.07.20rr) si

o

volume utile residuale:

o

rifiuti conferiti anno 2010:

o riiiufi conferiri ilatlMlU2Lll

al30l0610ll :

o previsione confer. mento medio

o

conferimento giornaliero medio:

rifiuti anno 20lI:

r

grado di compattazione medio attuale:

.

o

recupero volumetrico medio per trifurazione:

Riliuti

potenzialpente abbancebÍli:

o Tempo medio di abbancamenfo:

90.fi)0 mc;

122.754 tona;

55.187 úonn;

115.000 tonn;

3lS tonn;

l'2 tonn/mc;

3540o/o;

103.500 tonn;

r Periodo previsione esaurimento volumetria:

328 gg;

maggio-giugno 2012

E'

possibile avere ar

di progetto (3s0.0; ::)TJ:'X"-Taggiuntiva

avere quanto segue:

vqr's*e

non

dett}%della votumetria

sostanziale per cui potremmo

a

a

a

a

a

a

volume ufile autorizzabile :

grado di compattazione medio attuale:

recupero volumetrico medio

per

triturezione:

Rifiuti potenzialmente abbtncabill:

Tempo medio di abbancamento:

Periodo previsione esaurimento volumetria:

35.000 mc;

1l tonn/mc;

35400/";

42.000 tonn;

l3I

gg;

ottobre 2012

Bracciano Ambiente S-p.A.

Direzione Tecnica

.

..

,.r.

I4/A6/Za]l

It324

4651684848

CICLO INTEG RIFIUTI

PAI

àL/s4

DIPARTIMENTO

Dirczi o ne

PROG nnr,rmlrzlo NE

hd c;;;

Eco NoHIcA Esoc IALE

; *if Ì*,

Regio nafe Attivhà

ARElt-ocrorwEciAroogt nmrmi

..

úa0É,tn

Roma.l 1 aw. ZAîl

tiruoqr.ria,frr

!--q-*

I*T.qgír

il

norl noo E ni

rcìi

crìurìcre

d€I.&ró c f oah I

SOll/199t a 4tl

e p.c.

tciarlO rr,iraille!i.r 5.n.4.

irt.No -4

841t

---"il-slu-m++.

i

.

I

Bracclano

Armblente S.D.a,

Km ó,S

ViaSeuevene palo

  • 00062- gracciano (RM)

fal( 06 91240561

Rorna

Dip.to lV_

 

Ma Tibunina, 69f

00tS9 - Roma

frx 06 43566938

ARPA Lezlo

 

Sezione.

ViaG. Saredo, 52

00t/3 _ Roma

fex 06

7296t808

plazza lV

 

'

hx 06 999t6236

AmmÌnisttzzione

provinciate

di

SeMzi di Tutcla Ambienale

provinciafe di Roma

Comune di Braccleno

Novembr.r C

0úú162_ Bnc"ano {Rmt

-,

rLDtRErroRE

DELTA

DfREztol|H;àr.wlr?ioDur?tv.E ERtFtun,, DEu,A

:

su proposa der Dirigente dcf'Area.,cidro irlrrreto dei

rilìuù,,

dcrrr Regone lazio;

VISTO ilD. tss. til2l2ffl6c r.m.i, ,,Nojn" in materh lmbienafe,.;

vfsro

yfto'1

P-{'

r agosto 2005,,;

VTSTA ta LR

VISTA ta LR

ilD' tgs'36n'003 e s'm'i''Attu{rlone derh

direttiva 1999/3r/ce* Discerrche

dei rifìutiin

rifìuti in

dirifiuri,,;

2Ttwnorc"crireri di prmmissibifrtà

,

rnrssrDfffrà

dei

27l?E t s.rn.l. "Dirciplina{regionafe

discrrice_ Abrogazione del D.H.

dcffa gestiorre dei rifiuti,,i

{S/l9gg c s.m.i. ,.lstitufionr

i

der Lazfo IARpA)";

Arril qa.ci{rtiaro

Di ùirr'

 

r

defl\eruia

,

*ffiL6,fto2|r

ReSionare per fa protezionc Ambienara

;

*rr.lriorr,bà.l-* -nrr*r*,ff_*'.

..

,

r.gnÉlb.G,Eh+aù,rdoù{eì|gioa LlthdlEf.f

..

ffiff*

-t úrr,.,,r,

14/A6/2ALt

t1:24

6651694948

CICLB

IN]EG

RIFTUII

PAG

821g4

vfsTA

ta D.G.R. det

 

p"iinci.iie

rirasciodete

autorivrezioni 4ti

3--

n. 2719g,,:,

la D'G'R'!3!

Lazio ngn'Og^"f;T:-11.":

t-azio'afle arnminisoazioni

vorti ar

{yid.

.g.i

..

Sci

regona' compererni,

svotgirnenro

aft,Arpa

{i comurr;, ,ujt"

*od"rid di

dei procedimentj

r52ft006 e

irtpi.nti ai i.s,oon"i",

:

delfalegge regronafe

vlsrA

riffuti aí sensi det D. rt'.

r'azio 5|6/2008'f,reRlmenrc deffeticommissariali

vsL,E!'

det 30/6/03,,+g det Tt6lA7. OT aelZt7tO7;,,"---""-"*

nn. t5 del t ll3l2005. 39

YtsrA

la D'G'R del Lazio

i8gnaag el s'm'i- "Modfìche ed inregrazioni aila D.G.R n. 7ss/200g.

sostituzione allcgrto tecnico.,;

l

46-cel 2f

Ylsro

il Decreto

commissariate n'
commissariate
n'

autorizzrzlona inÎe8"ata ambienale

pcricolosi

.1aseio 2002.es.m.i. con it quarr è sata rirascieta

..

per

fa discaricaper rifiuri non

in oggero;

(ariche A'r,A.*nJ l"gr,pr

situate nelcomune ar a"acàtr,o, ro

'óupinl-ìi$,'g;roil"iffi;úà

n:::,îil?.1 1'l'j".fr3f.*fi

..

2e- quanuordecies

defraparte r

defD. rgs. rsu2006

e

  • ilffifi"h;t?"'fr#:i;,X;úrysco- dotprepna

ìerstr imflonn

di

comp*cnzo.rrotarc

c

cui:'?er sfr impiatlt::'o.trr.r,,

*, compo

iil:iJ;ff:Y"

aseaore,,",;;'

:

;:#i:t :;#';ifr3jy;1;;:,::,' íi

!.!pti@!one derpresenre

w;;",;r ;;;.d'tv,sré dono *i

tkoto,

dara

chel'eutorità comÈetent,

ncrcaso ín

ffi:yiH*

d.'b ilio1u;f.il:,i'4rTft#-

fioaatid

è fndividurtr nerfa Resione

u"rrJ.orpr*nz

--

;;.,;;p.,T,no,,,ouazione

1,,.59:

Lnt?Ì,L"**,ng':.Í,'r#i1anzì drconrroto

no'.ri"l

"1

competcnti,

,.i

disettore chenon,,*::

ó.

é4',ffi&""''::*yt*te

."lj$i

i.!*'enro

.îni

c

a;cuiii

_.

r€cnico

rncepo

1q1m5ne

r0

i.-rì.,ill

su;;;:;**

prev6îe

da

comma

detf'art 2e - suattorde.r.'

o.i

Pcr guanto prerneg'O.

.

Pff,ESCÀrvE

,

tu:,,*

ilTff;llf 'ilHibr,,b'lTi'r1?l"ffil1tih1# "t:*Íl,"To"n*;ú,'fi

:11

'

in lndiriao

di ver.tficara cdn

h

#,[+ffiffi$1p",-î'ffi

stcssa' al

ftneii

tfi #[^'r[:ff.":,r:.[

cj,rnscrni

j

rne "n"nìj.'iirifr

_ _..

y,.$

;go*"r conro ilider

,ilTlo

dr

e fe

leerniss

ioni

freguenzc scrbitite

16rrurorrEr

ptrùe dat puùòlico.

^ltA cn 0 ll|rro|^rì,

Ds l|fLrf

11{crfHBacotomo{r

nf{r!n1a-ucr

tlr

.rù

tral,{}t.

EA,(rtr 6 5q33 ;1s1

- 14/96/2gtl

tI:24

€6516g4948

CIq-O INIEG RIFIUTI

PAG

a3/a4

Tresmetterè alh

Regione.Fio

r

co4;esturlmente all'fspRA, entro

tlati cara*eristici relativi affecm;ssioni;;.

il 30 apriledi

ogni anno,i

ecqua e suororcrativi alrhnnoprecedente.

  • 3. fnviare alla

Rqgione -k:'

sei mcsi

<fomanda di rinnovo'

yprimaderfa scaden:a naù'rre

;;

refazione

""i*"L

corredata-l{

dcfravigente A,r,A.,una

"n

ag'iornamento derfe

informazíoni di cui afl'articoto 2-g""r, L;;r

I det D. lgs.,SAZO06e s.m.ì.

-

J;ì&':"J".i'fr*:*".ff

!5'";o::l cad.en:a

:::1 Tilot.

..

afmeno

annuafe,

unarerazione

in

rns,.iro srh

i,l":#f 'ù;;."ifi ",ó

controlfo efiettuati retatM sia ara

&:ìfifi?y,î:T:"i:r::;ii::tklT,H

e l. risulsati.o"r prog.aÀ,;

dí soneglíanza

s

;J #:St, :iffi", g:rt. rintni s marsri e

Ioro a ndem

entostqgi

onare;

flussi e defvolunr di percorrto

e

prodotto

èd es

,

rererative

:!ilîil:ffi,n"'

d) guantità dí

procedure

di

trattamento

e

srnrrtimmto;

biogrs

;iilH-"[ì?T"i,ff 'Jj*T'ÍJi##iHiiil;,r,,ffi

c)votume .*ó;;;;;;ffi

X#"afto

e relative p.*:lT:

di uatamento e

ff:ihbroamrnissibiritiindìscar

5.

6,

Comunicare

alb

amrnissione

oi

Rqgione :d

alla F,

"m*i-rn ai;il

#1,,:i{;rli#;':'ilì:,1.*rnperenre raevenurare

n' 25e/el rigurrdantef"

procedere alle

manara

il;;ì;;l'Jn,nrr.o*fiere

di.chiusuir

dei

,otd

dí,.r,ur,.d'rooti.ionillfnlq;hmento

(cee)

"in,id;i';.;1;l;.mî[:gn,T;:',?.iÍ#iiàd*Tilf."',',,

approrato,

d-a?:tttioni

esaurid

se(

7. Nocificare

.,,.

seguíto delleprocedu ..

lg:i:

Lezio

cven!,rati stgnificativi efeai

e.onmolto.

aito*.ii.iÉ

nqgrdvi ruflhmbhnte riscontratr a

  • L Trzsmetcere rilevazioni

r,ll:!iT"jufo.

corlr cadena atmeno seme:

;11T,1.t1T*

di rcndere edoru

*"rì;

;#;ffi

*T

jîHTt

-:]*

tooosrarihe

morfologia

unarcradone in

Rcgione in

o.la-ar"ari.a ;ìilú#:

"c;;.";:

merho

msrÍb

rffe

rrra

oorcrirJJi ffi:::ffi,alfa_volurreeie

: _:*::"

:"$

I

h

araroro .o,ro#51111". :"*J'iq il?ir"ffi :ii fi

rnr*.1ì'g;;,:lT?:ililfi"t

conseguend riorir

dcrf,rrhgatorà",Tni

,*"^.-*.-:

d"lt.';;;;J;Úono

.n"oli lì,poni

bile per ir

oo'uta

alrasscstrmenio

dei.fu,i;

necessità di

essGre velutaù

gti-as-scramanti e ra

D. lgs.36n003

.

tr,n.,lttondo la periodicità minim. pr.rirà

iena abeh

2

9. Conservare

pres$o

caràtteriu,aziotìG

discrrica.

l,impi4je,

sia I "rn il['"ffi"ll

oer

r

r0. pretevare,

fi1";':",fl" ,:li"^_:l], ..i

'-

'e'r"L'

..

trr

g.i

reratiyj sir

contormità dei rffluti ammecsi in

ara

rfmenc

autorizrazioif

;oiT

":rT#,$"*H;,"Í:.f, fi""1,:i:i:ntc

necsi

subirito da'avrscnte

in discerica e conscrryrrli

:

AiEA ctcta lnEM.TE o3 r,rrrî

;

t{Acr$iroFiocolorsoltr

.

o,tllt.I|rr

f,=*ffiffit.rÍÍ,.r,,,

14/AE/2Att

  • - tlz24

8651684848

CIq-O

INTE6 RIFIUTI

PAc

q4194

mest.

-l.---.'

ffi

I

I l. Trasmettere otni anno

sulf 'attività

afh Rezionj

;J

Lerio copia del

deÍl,irnpianto ogS.d?i

bllanclo della Socied e un

deti

torizzazlone conrenÈnte i

rapporto

e sul

conto economico, dati Oasaii su

sufopJofu-in""stiro

un sii remr di

tenuto ad aftivare contesanfmente

precedente.

cornpafibitid indusriafe.";1il;;;

fl'awio de',esercizio aeil'impirnto;;il; alf.esercizio

if gestore è

Tali

documenti dovranno essrè

proccdura di roaz

mediante una

revisione. eggiornato rnnuelmenrc

ificati

del tipo

da una socictÀ di.rwisionq

scefta dalla

Rcgone

Società di

2.2-2, iscrinr aft,Albo Sd;ù;e

coNSOE.

12, Rivafuere

annuafmente tune b

secondo f indice TSTAT da

I fìnanziarie arualmente presate ed in corso dí vafiditÈ

alcosto dellavita.

13'Prowedere ad adeguare'

anche in trJ,ir.rto

a singorirotti

;;;"

(o,

seder caso, afradiscarica nelh

.?o:,

-

i"Ji*

y{

_.

sli

operativa,,a duntr

i:ii#1"fifri.ffi#.i.ffi:i il::r,:

esruiiti"o"àÀpi.ú';:il;iTjf

magi'o."t" ar2

(numero,

'

imporco, scadenza).

'lfftrff

-.-.'

i

taue);e tetpropos,r".t-,o.ljl.îYî_p:il-

aidurata à.irirtori, rion"

..

#;l?.,""f"",;.;Utrui;;'ffi;

14.Prowedcre aftinché la durra

anni a

dellar

decorrcre Oath caa aeia.

effecuato.

di post-

qelti_onesia.peri

r

l0 (trenta)

LppirU

ra comunicezione

di

Iri:'1"

appranzione del

L'Arnminlstnzione

rogionafe,

Tltofo

ffl _

defl'auoriazazione di cul

,

...

rl

l::""rl"f

gurlhi

def D-

'o

dd

t*

di

autorità

| !r^,r^,

r

cgrnpetenÈ

---"rì-brr*

lS$. f 5Z2006

pcr

Pcr

a

ll il nlirscio ritascio $etuito déi
ll
il
nlirscio
ritascio
$etuito déi

ac.ceftam€nr;, ai.*o."n.i

esercltc

da codesa

prowedera,

<lelleatcivirà

iilj*153f,Í-"1' o'Fnb' I

sll sern2fà.*^-

,-^.,,*'fll'i"

d;;;;iH;:;J,:

r.peirc,,ir,,*àrffi

secondo guanto

j;i,11ii"gfi,fiilti:ffi,!i&Tf,"f::,ffi

iliJ:.:f::n.:i"irXii.ftffi

Hil,T"-ì,i,1i?ir'î

HI.l:

;;;,"i:H",Jl

f 'app'cazionederi'*r2t;.b;;rr:f

Drevl

f_*;1*

I

jr16^ qcto hmiir^îè o3 rrrtur|

.lffir

I

*ffir*-ro.'frrr7