Sei sulla pagina 1di 2

Gioved, 10 ottobre 2013 ANNO XXXI N.

34 0,60

Frammenti di luce

Lanima mia tua dimora, o Dio


Le Monache Carmelitane di Canicattini Bagni

SETTIMANALE DIOCESANO DI INFORMAZIONE E DI OPINIONE DI SIRACUSA


E-mail: giornalecammino.sr@alice.it - www.cammino.siracusa.it
Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in a.p. D.L.: 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 1, DCB Filiale di Siracusa

Lasciamo piangere il nostro cuore


di Margherita Spagnuolo Lobb* ellintervista rilascia- gata alla paura di non essere ta a La Civilt Cat- abbastanza maschi, di avere tolica, il Papa accenna tra dentro di s uninsufficienza laltro alle sofferenze degli considerata vergognosa dalomosessuali, che definisce la societ. Come se la vista di feriti sociali, perch la un omosessuale risvegliasse Chiesa li ha sempre condan- in chi non lo la paura di nati. Queste parole ci fanno non essere allaltezza, di riflettere sulla nostra capa- essere diverso e non accettacit di accettare qualcosa bile. Il vero problema allora di profondamente diverso, non lomosessualit, una con cui ognuno di noi deve condizione sempre esistita fare i conti. nellumanit e ovviamente Con grande semplicit e difficile per chi la vive, ma profondit il Papa ha detto: la reazione di chi rifiuta Se una persona omosessua- questa diversit e diventa le di buona volont ed rigido e assolutista, al punto in cerca di Dio, io non sono da accusare chi diverso di nessuno per giudicarla, e essere sbagliato, portatore ancora: Dio nella creazione di male. Per questo lomoci ha resi liberi: lingerenza fobia oggi considerata spirituale nella vita perso- dallUnione Europea come nale non possibile. Il Papa analoga al razzismo, alla ci tiene a precisare che con xenofobia, allantisemitismo queste parole non intende e al sessismo. discostarsi dai principi della Ecco allora la domanda Chiesa, ma solo ricordare il provocatoria del Papa: Dio, mistero della vita su cui noi quando guarda a una personon abbiamo certezze. na omosessuale, ne approva La nostra unica certezza lesistenza con affetto o la la fede, e la tolleranza, lamo- respinge condannandola? re verso il prossimo, che ci Forse proprio noi cristiani, porta ad accompagnare le con il coraggio della nostra persone partendo dalla loro fede (che Papa Francesco ci condizione, qualsiasi essa ricorda), potremmo consia, e affidare a Dio ci che tribuire a rendere il nostro non in nostro potere. La Paese meno pauroso delsospensione del giudizio lomosessualit, guardando dunque fondamentale nel noi per primi alla persona, nostro essere cristiani. alla sua sofferenza e al suo LItalia il paese dellUnio- desiderio di essere felice. ne Europea con il maggior Lesistenza di coppie dello tasso di omofobia sociale, stesso sesso che si amano politica ed istituzionale. non un male da comEppure, nella nostra societ battere, ma una realt da italiana, impariamo sin da accettare con rispetto e piccoli i valori dellacco- fiducia, che ci fa fare i conti glienza e della tolleran- con ci che non accettiamo za, indotti spesso proprio di noi stessi. dalleducazione cattolica. Solo chi ben radicato sui Latteggiamento omofobico propri piedi pu stare nel cos diffuso nel nostro Paese, vento della vita portando la che rivela la paura e lav- propria luce con generosit versione irrazionale verso e tolleranza. Direttore Scuola di lomosessualit, sembra un Specializzazione in Psicoterapia paradosso. Istituto di Gestalt HCC Italy Questa paura, pi diffusa tra gli uomini, stata colle- margherita.spagnuolo@gmail.com

Speciale Seminario Eccomi in Cammino


a pag. 8

Progetto per valorizzare Via degli Orti


a pag. 5

peranza mia, Padre mio, mio Creatore, mio vero Signore e Fratello, quando penso quello che Tu dici, che Tua delizia abitare con i figli degli uomini, la mia anima piena di gioia. Tu hai detto di Tuo Figlio che ti compiaci in Lui. Gli siamo forse uguali, Signore? Oh, immensa misericordia! Contempla, anima mia, con che gioia il Padre conosce Suo figlio e il Figlio dice: Padre; lo Spirito li unisce nellardore. Eterno amore. Presenza infinita. Eterno godimento. Padre, che bisogno hai del mio amore? Che ci guadagni? Rallegrati, anima mia: c chi ama il tuo Dio come Egli merita; c chi conosce la Sua bont e potenza. Ringrazialo perch ha inviato sulla terra Suo Figlio: unita a Lui puoi accostarti al Padre e pregarlo. Ed Egli trova in te le Sue delizie. Sii per sempre benedetto, mio Dio. Tutte le creature ti lodino. La mia anima ti loda e ti esalta. S. Teresa di Ges (Esclamazioni)

La ferita sociale provocata dallomofobia

Leditoriale

Papa Francesco allEuropa sofisticata

I clandestini, il Papa, il re nudo e il bambino iciamocelo pure. D Se non fosse stato per il gesto concreto di
Papa Francesco, di recarsi come suo primo viaggio a Lampedusa, oggi avremmo commenti diversi sulla recente tragedia di Lampedusa, che segue di poco lorribile sbarco di Sciclidi Orazio Mezzio
a pag. 2

La Scuola ospita con gioia lArcivescovo Carcere di Brucoli: unesperienza per rinascere
di Carolina Bottaro
segue a pag. 2

di Mirella Roccasalva Firenze


a pag. 4

Aggiungi un posto a tavola Invita anche tu un emigrato dei centri di accoglienza


a pag. 2

Servizi sociali? In casa Bindi

10 ottobre 2013

di Annamaria Corpaci*

Una parola per guidarci nelle relazioni interpersonali


L
la si contrasta individuando i modi per fronteggiarla. Se noi pensiamo di poter avere un

Il lessico della vita


Le paure: minacce fuori e minacce dentro

Primo Piano
abbastanza fantasia per rappresentarseli, mentre un bambino di quattro o cinque anni incomincia gi a avere paura dei fantasmi, delluomo nero e cos via. Ladulto ha paure diverse: paure esistenziali, paure legate alla propria insicurezza, ai disagi personali, alla propria disistima, al vuoto che spesso si crea dentro di s, paura di non essere compreso neanche da Dio. E cos che la paura si trasforma in angoscia. La n goscia qualcosa di molto annamariacorpaci diffuso @virgilio.it che dipende dalle paure di natura esistenziale. Se, la paura nella mia psiche, allora incontrollabile e, per questo, nessuna strategia sar in grado di eluderla. Dobbiamo, quindi, proiettarci in un sistema pi vasto, perch noi abbiamo una marcia in pi, abbiamo chi ci accompagna in ogni momento e situazione fornendoci la speranza e la serenit. Lunica via duscita allora quella dellaffidamento, quella di lasciarsi illuminare dalla Luce che trasfigura. *Psicologa di Orazio Mezzio iciamocelo pure. Se non fosse stato per il gesto concreto di Papa Francesco, di recarsi come suo primo viaggio a Lampedusa, oggi avremmo commenti diversi sulla recente tragedia di Lampedusa, che segue di poco lorribile sbarco di Scicli-Sampieri. In un certo senso stato tolto lembargo al dolore e sdoganato lindignazione per quanto si manifesta da troppo tempo nel mediterraneo. Non pi un tab, adesso ci si pu pubblicamente vergognare per quanto lopulento occidente lascia accadere. Tanti morti a pochi metri dal sogno di una vita migliore. Nella spiaggia di Sampieri gli scafisti avrebbero buttato a mare a colpi di cinghia - in prossimit della battigia - decine di persone: subito annegate per le cattive condizioni del mare. In prossimit delle coste di Lampedusa la morte per centinaia di persone pare sia arrivata con lausilio di una coperta accesa erroneamente per segnalare il loro arrivo. I primi soccorritori raccontano di aver osservato e ascoltato una nuvola di gabbiani. Poi, incuriositi, hanno constatato il peggio: alla loro vista si spiegavano centinaia di braccia alzate come ali duccello e grida disperate daiuto. In effetti i pescatori hanno visto proprio un stormo danime svolazzanti sopra la punta di un iceberg: la cui consistente disperazione ancora oggi sommersa agli occhi di troppi. Lazione profetica di Papa Francesco ha messo a nudo il Re, proprio come nella nota favola in cui solo agli occhi di un bambino fu chiaro linganno che lelegante vestito del Re era ricamato di niente. Adesso tutti possiamo cogliere come gli sbarchi degli extracomunitari non possono banalmente liquidarsi come azioni di clandestini da multare appena mettono piede in Italia. Per definizione il clandestino chi si nasconde. Qua, tranne lEuropa, nessuno gioca a nascondino, pi visibile di un barcone colmo di essere umani? Semmai la domanda da porsi perch ci si interessa del problema degli scafi a tragedia compiuta? Encomiabile limpegno dei soccorritori, degno di premio Nobel. Ma di pari grado si leva il grido di vergona verso la nostra stessa politica. Nel recente passato lazione diplomatica del governo capitanato dalla Lega Nord ha spostato il problema pi in l, stringendo accordi con il governo libico per bloccare le partenze: posto che i disperati in attesa dellimbarco provenienti da altre regioni africane, fossero poi obliati nelle carceri libiche; cos facendo acquietammo le nostre coscienze. I fatti di oggi dimostrano che non si trattava della soluzione al cancro che genera tutto ci. Certo, per aprire le frontiere necessario imparare a spalancare i cuori e dimenticare i portamonete. ovvio che, responsabilmente, non si pu disconoscere lo stato di crisi in cui versa lo stesso modello socio-economico occidentale; ma, altrettanto evidente che la paura dellaltro e legoismo dellinesistente Europa non ha fatto discernere fra limmediato imperativo di prestare soccorso sempre e comunque ai viaggiatori della speranza e la necessit di agire programmaticamente e senza doppia morale sugli Stati in cui allignano tensioni politiche ed umanitarie. Fuor di metafora: non possiamo vendere armi al governo siriano e poi negare lassistenza ai loro profughi! Non possiamo contenderci con i cinesi le miniere africane e poi respingere i malcapitati figli di tali regioni (la cui vera disgrazia originata dalla ricchezza depredata dal ricco nord che paga i diversi fronti dei guerriglieri). Lesperienza ci insegna che si emigra per molte ragioni: per fame, per persecuzione politica, per ricongiungersi con i propri affetti, la propria famiglia, in cerca della terra promessa! Dalla storia dunque un forte monito. Attenzione a respingere il prossimo: nel 1906 furono i nostri parenti emigranti imbarcati sulla Sirio - da Genova verso il Brasile - a morire in cinquecento per laffondamento della nave; nellodierno 2013 un figlio di questi ritornato nella terra dei propri antenati con vesti bianchi e voce squillante.

I clandestini, il Papa, il re nudo e il bambino

a paura una delle emozioni fondamentali che proviamo al momento della nascita e che, come ogni emozione, ci serve per strutturare il nostro mondo e la nostra vita. Ognuno di noi convive con la paura, o meglio con le paure. Paure legate a qualcosa che sta succedendo qui ed ora e paure legate al futuro, a quello che potrebbe succedere a noi o a chi ci caro. Comunemente si considera questa esperienza emotiva, tanto pervasiva, come una prova da evitare. Si ritiene che quanto pi si liberi da paure, pi si forti e in grado di affrontare gli ostacoli della vita. Si tratta di una affermazione semplicistica, che non rende ragione della complessit di questa straordinaria emozione. In molte situazioni, infatti, solo grazie alla paura che possibile affrontare in modo adeguato il pericolo. Lorganismo biopsichico mette in atto delle difese per affrontare un determinato contesto. Se non provassimo paura, rischieremmo di buttarci nelle situazioni in modo non adeguato e di soccombere. Chi dice di non aver paura , dunque, semplicemente un incosciente, perch corre moltissimi rischi. Nonostante ci non bisogna lasciare che la paura superi certi limiti e che diventi invasiva, perch
SETTIMANALE DIOCESANO DI SIRACUSA

controllo su certe situazioni, la paura diminuisce lasciando spazio alla razionalit che interviene per trovare i modi di soluzione. Invece in certe situazioni la paura finisce per

essere terrore, soprattutto quando pensiamo di non avere vie duscita. importante dunque che si impari a valutare i modi per fronteggiarla, che sono tanti e diversi. Ogni et ha le sue paure. Il neonato alla nascita ha paura dei rumori forti, del dolore, ma non del buio, perch viene da un luogo buio. Avr paura del b u i o i nto rno ai due, tre anni, perch si sar abituato alla differenza luce/buio, dunque capir che al buio ha un minore controllo della realt. Quindi ha la paura non del buio, ma nel buio. Un bambino di due o tre anni non ha ancora paura dei mostri, perch non ha

Direttore responsabile Giuseppe Lombardo Vice direttore Gianni Failla


Direzione: 96100 Siracusa, Piazzetta del Carmine, 9. Redazione e abbonamenti: 96100 Siracusa, Via Carso 9 tel. e fax 0931/24466 cell. 3395963324
Editore: Periodico Cammino s.c.r.l., Piazzetta del Carmine, 9 96100 Siracusa Partita IVA: 01742650896 CCP: 1005272271 Codice Iban: IT50J076011710000 1005272271 Stampa: Grafica Saturnia Tel. 0931 494040 Siracusa Registrazione: Tribunale di Siracusa, decreto del 19 aprile 1983 al n. 10 Questo settimanale iscritto a: Federazione Italiana Settimanali Cattolici (FISC). ROC (Registro pubblico operatori della Comunicazione) n. 4830 dell11-9-1997 Per la pubblicit rivolgersi a: info@geacolsrl.it Tel. 0931 441322 Modulo cm. 4,2x4,2 euro 25,00
E-mail: giornalecammino.sr@alice.it www.cammino.siracusa.it

Oggi abbiamo avuto loccasione di avere a pranzo due commensali in pi. Due adolescenti provenienti dallEgitto e approdati sulle coste siracusane, uno a met agosto, laltro da pochi giorni, ospiti presso la casa di accoglienza di San Francesco a Priolo. Entrambi non parlano n litaliano n linglese. Abbiamo comunicato con lo sguardo e verbalmente tramite qualche rigurgito del mio inglese scolastico. Da parte loro altrettanto. Sono due ragazzi che il destino ha fatto approdare sulle nostre spiagge in maniera avventurosa, affrontando pericoli di ogni gene-

Invita anche tu un emigrato dei centri di accoglienza


re e rischiando di perdere la vita in modo terribile. A casa nostra c stato un fermento inusuale, quasi una gara per chi potesse meglio soddisfare le loro esigenze, potesse interpretare i loro desideri e forse un po lenire le sofferenze di una lontananza tragicamente imposta dalla follia delluomo: le guerre, lingiustizia, legoismo e la perdita della libert individuale. La loro presenza ha portato nel nostro nucleo familiare tanta speranza. Abbiamo constatato come vero che dentro di noi, in quanto figli di Dio, c bont e altruismo. Ma perch questi doni nel quotidiano non emergono? La sofferenza vissuta o constatata

Aggiungi un posto a tavola

nellanimo umano funge da maieutica? Se avessimo la forza di specchiarci nel Vangelo ne troveremmo la risposta! Abbiamo gioito nel vedere i giovani della nostra famiglia (che molte volte appaiono indifferenti e disinteressati al mondo che li circonda) rinnovarsi nella loro coscienza e mettere in discussione la vita da loro vissuta. Non possiamo che affidare a Dio lesistenza di queste giovani creature e ringraziarlo per averci dato questa occasione che funger da termine di riferimento nella nostra visione esistenziale. Marisa e Tommaso Giallongo

Chiuso in tipografia alle ore 12 del 9 ottobre 2013

Hotel moderno e confortevole. Sorge di fronte al Santuario Madonna delle Lacrime di Siracusa. Vicinissimo al Museo Paolo Orsi, Teatro Greco e al Parco archeologico. facile raggiungere lisola di Ortigia e la zona balneare. Per informazioni: Hotel del Santuario - via del Santuario, 1 - 96100 Siracusa. Tel. 0931.465656 fax 0931.465565 www.hoteldelsantuario.it info@hoteldelsantuaio.it - promo@casadel-

HOTEL DEL SANTUARIO

ropongo ai lettori di Cammino lesperienza vissuta a Modena, la scorsa domenica 6 ottobre, per la beatificazione del servo di Dio Rolando Rivi, adolescente seminarista martire. ucciso nel 1945 per odio alla fede. Rolando Rivi mor perch rifiut di consegnare la propria tonaca ai suoi sequestratori-assassini. Fu una testimonianza di coraggiosa ed eroica identit, vissuta nella coerenza assoluta e pagata con il carissimo prezzo della vita. A distanza di 68 anni, mutati i contesti sociali italiani, ci si chiede che fine abbia fatto la coerenza; non quella eroica, ma quella ordinaria. Senza tanti discorsi complicati, questa una domanda che si pu porre chi ancora cerca di credere nel valore della saggia identit, di fronte al naufragio dei facili cedimenti? Gianni Failla

Da Modena a Siracusa: la testimonianza della coerenza P