Sei sulla pagina 1di 22

GAMC/AMICO MUSEO 2013 PERCORSI DI LUCE E SUONO

Installazioni multimediali/opere audiovisive Dipartimento di Musica e Nuove Tecnologie Conservatorio di Musica L. Cherubini - Firenze
programma

3 installazioni multimediali interattive


NON MI BASTAVA IL RICORDO installazione multimediale interattiva (2010/2011 - durata: 10 in rip. continua) di Paola Lopreiato DOVE VOLA LA NOSTRA VOCE? installazione multimediale interattiva (2010 - durata: 8 in rip. continua) di Gelareh Soleimani SONUM COELESTIUM VISIONUM installazione multimediale interattiva (2012 - durata: 9 in rip. continua) di Andrea Venturoli

1 installazione audiovisiva collettiva


11 opere audiovisive di autori diversi (durata complessiva 75 01) PENSIERI INVISIBILI opera multimediale di Giorgio Albiani - in collaborazione con Serena Meloni e Giammarco Rossi / Durata 3:00 METAMORPHOSIS opera multimediale di Edoardo Dinelli e Giovanna Bartolomei / Durata 5:21 LO SPAZIO IN MEZZO opera multimediale di Paola Lopreiato / Durata 5:00 09:10 AM opera multimediale di Jaime Ramos Perez / Durata 7:15 IN MEZZO AL NULLA opera multimediale di Gelareh Soleimani Lavasani / Durata 5:00 LA CASSA opera multimediale di Andrea Venturoli / Durata 7:47 PORQUE ESCRIBI opera multimediale di Jaime Ramos Perez / Durata 6:16 QUATTRO PASSI NELLANIMA opera multimediale di Jos Manuel Garcia Lpez / Durata 7:22 VIOLENT DINNER opera multimediale di Nicola Giannini / Durata 4:24 COLORS: tra Luce & Ombra Opera multimediale di Dario Calamai / Durata 15:36 ATLAS Opera multimediale di Lapo Grossi /Durata 8:00

Per informazioni: Alfonso Belfiore cell. 3392438896 alfonso.belfiore@conservatorio.firenze.it Referente Dipartimento di Musica e Nuove Tecnologie Conservatorio di Musica L. Cherubini Firenze Piazza delle Belle Arti, 2 - 50122 Firenze - Tel. 055 2989319

installazioni multimediali interattive


mostra di installazioni multimediali interattive Dipartimento di Musica e Nuove Tecnologie - Conservatorio di Musica Luigi Cherubini, Firenze

Non mi bastava il ricordo


di Paola Lopreiato installazione multimediale interattiva (2010/2011 - durata: 10 in rip. continua)

presentazione Non mi bastava il ricordo un progetto nato durante una residenza artistica presso la fondazione Bundanon Trust in Australia. Le riprese video che costituiscono questa installazione sono infatti state girate per la maggior parte in Australia fra Bundanon e Riversdale (WEST CAMBEWARRA). Il progetto dunque nasce da una residenza artistica in Australia, ma include anche immagini provenienti dalla regione in cui sono cresciuta, la Calabria. Il senso di questa video installazione interattiva, infatti, racchiuso nei luoghi e nella memoria. E una video installazione che nasce dal desiderio di connettere, fondere e far interagire il mondo che ho scoperto in Australia, ci che per me nuovo, sconosciuto, lontano ed estraneo con il mondo da cui provengo, ci che per me consueto, conosciuto, interiorizzato e che rappresenta le mie origini e il mio passato. E una video installazione interattiva che mette in connessione il video e le immagini proiettate con il mondo reale, in ununica nuova dimensione. Linstallazione trasforma la stanza, un ambiente tangibile, in un tuttuno con il video, in cui le immagini dei luoghi non sono pi reali e tangibili ma solo visibili, udibili, documentate. Mette in discussione la condizione passiva dello spettatore e lo ingloba in questa nuova dimensione visiva, tattile, uditiva, giacch lo spettatore entrando non solo occupa uno spazio ma lo modifica perche il pavimento ingombro di materiali, risuona e si plasma al passaggio dello spettatore. In questo spazio i luoghi della mia memoria diventano anche i ricordi dello spettatore diventano parte della sua vita e della sua memoria nel momento in cui li vive, nel momento in cui condivide un unico spazio, vi si immerge, interagisce e lo modifica con la propria presenza.

Questa interazione e manipolazione dellambiente da parte dello spettatore vuole ricordare il filo conduttore che lega il suo presente, quello che sta vivendo, con il passato, con ci che vede sullo schermo e che riporta alla memoria i suoi stessi ricordi e momenti di vita trascorsi.


Paola Lopreiato: Paola Lopreiato un'artista calabrese, ha studiato a Firenze, dove si laureata al Conservatorio Cherubini in pianoforte a presso lAccademia di Belle Arti in pittura. Attualmente lavora soprattutto come compositrice creando opere che uniscono musica, video, arte e letteratura nei quali lei la performer. Attiva anche nel campo dellorganizzazione di eventi culturali presidente di unassociazione culturale che organizza eventi nellarea di Firenze e Fiesole (ass. Fiesolearte). Le sue performance multimediali sono state realizzate in vari teatri e festival quali: SANTARCANGELO 39, 7 stanze in cerca di autore (MANTOVA), museo Marino Marini (Firenze), Palazzo strozzi (Firenze). Le sue opere elettroacustiche e le videoinstallazioni sono state eseguite ed esposte in Gran Bretagna (University of Chester, University of Bournemouth, Sheffield university/Drama Studio), in America (University of Miami SEAMUS 2011, New York City Electro acoustic Music Festival, NY University, Stedman Art Gallery NJ, Department of Fine Arts of Rutgers University NJ, MONTANA State University, Nashville - Festival SoundCrawl), in Canada (Winnipeg university), in Grecia (Corfu, Academia Yonica), in Italia, Firenze (Palazzo Strozzi, museo Marino Marini, Fortezza da Basso Festival della Creativit 2009, , Piazza della Signoria Festival della Creativit 2010, Conservatorio L. Cherubini), Messico (Fonoteca National Dicembre 2011), Lubiana (ICMC conference 2012). Ha recentemente terminato un MPhil in composizione presso luniversit di Sheffield e sta facendo un dottorato di ricerca in New Media Art (PhD) presso laccademia NABA di Milano e luniversit di Plymouth allinterno del programma M-Node. www.paolalopreiato.com

Dove vola la nostra voce?


di Gelareh Soleimani installazione multimediale interattiva (2010 - durata: 8 in rip. continua) presentazione In questo momento, credo che le nostre parole non siano capaci di esprimere ci che stiamo vivendo, in ogni respiro, in ogni passo della nostra vita, in ogni istante delle nostre giornate... giorni che potrebbero passare come quelli di altre migliaia di persone nel mondo, giorni pieni di gioia e di bellezza, di verde nella vita e di speranza per il futuro... un futuro di libert che scorre nella nostra voce, una voce perduta che non sappiamo dove vola!

Gelareh Soleimani Lavasani e' nata a Perugia, all'eta' di 3 anni si trasferita in Iran ed cresciuta l, da 6 anni vive in Italia. Nel 2004 si laureata in musica (Setar) all'universit di Tehran studiando con i maggiori maestri di setar, Jalal Zolfonun, Dariush Talaee e Masood Shaari, studiando anche teoria della musica classica con Mostafakamal Purtorab e composizione con Farhad Fakhreddini, Mohammad Sarir e Farid Omran. Trasferitasi in Italia dal 2005 ha proseguito i suoi studi con Alfonso Belfiore e Marco Ligabue diplomandosi in Musica elettronica e in Informatica musicale al conservatorio "L. Cherubini" di Firenze dove attualmente frequenta il Biennio Specialistico di Musica e Nuove Tecnologie. Contemporaneamente iscritta al DAMS presso l'universit di Firenze. autrice di opere multimediali audiovisive ed installazioni interattive e compositrice di opere di musica elettroacustica e interattiva. Svolge attivit concertistica come solista di setar esibendosi anche in molti concerti con il gruppo "Irani" e il gruppo "Hamsaz". Ha composto parte della colonna sonora per il film "Democracy Rock" dedicato al Nepal e la musica per un documentario "La vita di un giornalista" entrambi di Leonardo Ferri. Ha partecipato a diversi festival, concerti e rassegne multimediali come autrice di opere multimediali ed interprete di setar. Nel 2010 insieme ad alcuni artisti italiani ed iraniani fonda a Firenze l'Associazione Culturale 8Arti con la quale ha dato vita alla promozione e realizzazione di eventi artistici e culturali per la citt di Firenze anche in collaborazione con prestigiose istituzioni. gelaresoleimani@yahoo.com

Sonum Coelestium Visionum


di Andrea Venturoli installazione multimediale interattiva (2012 - durata: 9 in rip. continua)

presentazione E uninstallazione dArte che rappresenta in termini visivo ed acustico le teorie matematiche legate al movimento dei Pianeti, formulate a partire da Pitagora fino a Keplero. Alla base dellelemento visivo c loscillazione di sette sfere luminose e da una serie di luci colorate in movimento che le illuminano. Linterazione fra le luci e le ombre cos ottenuta viene captata da una serie di sensori ottici che modulano in tempo reale le caratteristiche timbriche dellelemento acustico, costituito da numerosi eventi sonori. Vediamo pi da vicino le parti costituenti linstallazione. Gli oggetti allegorici, rappresentanti le Sfere Celesti, sono sette Pendoli sostenuti al fulcro da una struttura portante lignea, un prisma con alla base un triangolo, coricato sulla faccia laterale di area minore. La rappresentazione delle Sfere costituita da sette Bolle di plastica ciascuna delle quali emette una propria luce colorata, secondo la teoria aristotelica. Ciascuna Sfera sostenuta alla sommit del prisma da un cavo di una ben definita lunghezza. Questa lunghezza, si basa a partire dallinterpretazione tolemaica dellunione di due Tetracordi, limitata alle sole sette Sfere Celesti le quali, rispetto alla Terra, sono in ordine di distanza: la Luna, Mercurio, Venere, il Sole, Marte, Giove e Saturno. Ad eccezione della sfera rappresentante il Sole, tutte le altre sono oscillanti, mosse da un meccanismo controllato da un computer; la diversa lunghezza dei cavi di sostegno, determina tempi di oscillazione diversi da sfera a sfera. La proiezione su di una parete delle luci colorate emesse dalle sfere in movimento, crea un suggestivo effetto visivo, ma non tutto. Un video-proiettore illumina le Sfere oscillanti con una serie di luci colorate che si muovono secondo il moto di rivoluzione dei Pianeti intorno al Sole. Le luci sono proiettate alla stessa altezza delle Sfere oscillanti e, quindi, creano unombra sullo schermo opposto al proiettore, oltre la struttura prismatica. Questo comporta linterazione fra le luci proiettate e quelle emesse dalle sfere, ottenendo, come risultato, una considerevole mescolanza di colori. Le luci facenti parte della proiezione sono degli spot colorati, riproducenti gli stessi colori delle Sfere, i quali si muovono lungo una linea orizzontale pari alla larghezza della struttura prismatica. La velocit del movimento degli Spot calcolata in base ai valori attribuiti in Unit Astronomiche alla distanza fra la Terra e le altre Sfere celesti.

Le continue variazioni dei colori ottenibili sulla parete (o schermo) opposta al Proiettore, derivate dalle oscillazioni periodiche dei Pendoli luminosi e dal movimento orizzontale degli Spot, vengono captate da una serie di sei Fotoresistenze, le quali interagiscono con lelemento sonoro. Le variazioni della sensibilit di ciascun sensore ottico, vengono convertite in dati numerici e questi ultimi tradotti in dati MIDI applicabili ad unit di sintesi sonora o di trattamento. Lelemento acustico presente nellinstallazione, suddiviso in due fronti sonori distinti dei quali il primo rappresenta in termini acustici il rapporto delle distanze tra il Sole ed i vari pianeti che gli girano intorno. Il secondo, invece, consta nellesecuzione delle Sinfonie melodiche concepite da Keplero, basate sugli intervalli musicali prodotti dal moto di rivoluzione dei pianeti intorno al Sole, in base alleccentricit di questo rispetto alle orbite planetarie (Perielio, Afelio) su cui si basa la seconda legge kepleriana. In base a questi elementi, fedele a quanto riportato da Keplero nella sua Metafora musicale, ho desunto una serie di sequenze frequenziali. Proprio queste sequenze sono modulate in tempo reale dai sensori ottici mediante una serie di software dedicati. Il risultato la continua interazione tra luci e suoni. La durata dellinstallazione di nove minuti, sebbene una eventuale esecuzione integrale supererebbe il mese di visione ed ascolto.

Andrea Venturoli: Al termine degli studi pianistici, Andrea Venturoli ha iniziato, alla fine degli anni 70, ad interessarsi professionalmente di Musica Elettronica. Ha seguito i corsi di Fonologia e Informatica Musicale con Albert Mayr, Pietro Grossi e James Dashaw a Firenze, Pisa e Padova. In breve tempo ed in questo ambito, ha iniziato a collaborare con numerosi ed importanti artisti e letterati italiani e stranieri, da Dario Fo a Gavino Ledda, dai Krypton ad Antonio Infantino e tanti altri. Pluri-vincitore di premi relativi a produzioni musicali e multimediali, negli anni 80 ha iniziato una brillante ed operosa carriera di arrangiatore ed esecutore nei pi importanti studi di registrazione italiani, sempre nellambito della Musica Elettronica. E tra i fondatori dellIstituto Superiore di Tecnologia delle Arti Sonore che, a met degli anni 80, rappresentava uno dei pi importanti punti di riferimento nellambito delle produzioni elettro-acustiche. Al fine di rinvigorire lentusiasmo creativo che da sempre lo ha contraddistinto, ha frequentato il Biennio del corso universitario di Musica e Nuove Tecnologie, presso il Conservatorio L. Cherubini di Firenze, con Alfonso Belfiore, Marco Ligabue e Roberto Neri, laureandosi nel Febbraio del 2012 con il massimo dei voti e la lode.

installazione audiovisiva collettiva


11 opere audiovisive di autori diversi
(durata complessiva 75 01)

PENSIERI INVISIBILI
opera multimediale di Giorgio Albiani in collaborazione con Serena Meloni e Giammarco Rossi Durata 3:00 Di notte la striscia di sorpasso, onnipresente e sempre uguale a se stesso il suono della strada e del motore ti cullano nel grembo di un auto. Per tutto il tempo del viaggio, si succedono pensieri e stati d'animo intimi e profondi, alternati ad altri frutto di disordinati accostamenti. Questo non altro che un "tentativo" multimediale di raccontare i pensieri che abitano un viaggio. Giorgio Albiani: Diplomato in chitarra, con 10 e la lode presso il Lic. Mus. Pareggiato di Modena, con il M V. Saldarelli e il M F. Baldissera, prosegue gli studi con il M L.Brouwer e M A.Company alla Accademia Chigiana di Siena. Contemporaneamente conclude la sua esperienza di studio nellambito della produzione musicale e multimediale, con una laurea magistrale in MNTmusica e nuove tecnologie ottenuta con 110 e lode presso il Conservatorio di Firenze. Nel 1990 consegue il 1 premio con menzione al "Concour d'Excution" e nel 1991 il 1 premio "Concour de Concertisme" dellENMP di Parigi Svolge un'intensa attivit concertistica come solista esibendosi nei piu' importanti festival internazionali in citta' come Parigi, Lugano, Bologna, Firenze, Barcellona, Siviglia, New York in teatri come il Theatre Du Forum Des Halles e Centre Pompidou, Salle Cortot de Paris, la Morgan Library di New York, lOratorio del Gonfalone di Roma. Compositore, tecnico del suono ed esperto in produzione video e multimediale, ha composto colonne sonore per spettacoli con attori quali Simona Marchini, Mico Cundari, Manuela Kusterman, Riccardo Cucciolla, Franca Nuti, Sandro Lombardi, Davide Riondino e per case editrici e discografiche come Garzanti, Materiali Sonori, Rai e Mediaset, ottenendo premi della critica come il "Lira Gillar" svedese o il "Brav" francese e il Fbis italiano. Ha collaborato con vari ensemble strumentali e tra gli altri lEnsemble de Guitares de Paris e il quartetto di chitarre Opera Nova con Walter Zanetti, Francois Laurent, Monica Paolini con il quale ha inciso il Cd Images grazie ad una coproduzione italo-francese, con orchestre sinfoniche tra le quali l'Orchestra Sinfonica di Arezzo, l'Orchestra Sinfonica di Stato Bulgara, Landesmusikorchester di Berlino, Camerata de France, accanto a Renato Serio, Daniel Tosi, Alessandro Sangiorgi ed altri noti direttori . http://www.giorgioalbiani.com

METAMORPHOSIS
di Edoardo Dinelli e Giovanna Bartolomei Durata 5:21 Metamorphosis il termine greco che denota cambiamento, evoluzione, movimento. Cos un essere che vive una forma, si trova a viverne un'altra, dopo un percorso fatto di passaggi pi o meno salienti. Nel video due creature indefinite, connotabili dall'ascoltatore stesso, che ne sceglie il sesso, la provenienza e perch no, parte del carattere, vivono una trasformazione ben precisa, una metamorfosi. Il passaggio, fluido e perfino divertente, privo di ogni aspetto drammatico, avviene in maniera del tutto naturale, spontanea. Ma non c' un fato, un caso o uno scopo, ma solo la metamorfosi stessa. La colonna musicale sonorizza le immagini in maniera del tutto compositiva, cos la forma e i movimenti del video pilotano la forma e gli effetti sonori, che divengono veri e propri gesti musicali. Giovanna Bartolomei: Giovanna Bartolomei inizia gli studi di flauto traverso con il prof. L. Del Grande allet di undici anni. Dopo avere compiuto due anni di studi presso la Scuola Civica di Borgo a Mozzano (Lucca), si iscrive al Liceo Artistico A.Passaglia indirizzo Multimediale Musicale di Lucca dove frequenta i corsi di tecnologie sonore, analisi e composizione con nuove tecnologie con il prof. M. Lupone. Nel 2004 intraprende anche gli studi di pianoforte e nel 2006 diventa primo flauto dellOrchestra Regionale delle Scuole Medie e Licei musicali della Toscana. Ha contribuito alla realizzazione di diversi progetti, quali: il Progetto Mozart realizzato presso il Teatro Comunale di Firenze in occasione del 250 anniversario dalla morte di Mozart, linstallazione multimediale ambientale Colorate risonanze interiori realizzata presso il Liceo Artistico A.Passaglia, il progetto I giovani e il mito, tra passato e presente a La Fondazione Teatro del Maggio Musicale Fiorentino con la messa in scena della tragedia di Sofocle Antigone realizzata presso il Teatro Comunale di Firenze dallindirizzo Multimediale Musicale del Liceo Artistico A.Passaglia e dal Liceo Machiavelli di Firenze. Frequenta il corso di Musica e Nuove Tecnologie presso il conservatorio L.Cherubini di Firenze. Delle attivit svolte allinterno del corso, si ricorda levento Il corpo/la luce/ il suono, in collaborazione con la Chester University e la New York University, nel quale sono state presentate due opere multimediali realizzate in collaborazione col musicista Edoardo Dinelli: Metamorphosis e Dominio Ulteriore. Attualmente ha una collaborazione attiva con Edoardo Dinelli e la cantante Roberta DAl, i quali hanno creato il gruppo (da loro stessi formato) Elettrolirica. Dei progetti svolti si ricorda Emily and I (firenze 2010) e Oltre la Spera (Ravenna, Dante 2021, 2011). http://giovannabartolomei.wordpress.com Edoardo Dinelli: Edoardo si siede davanti ad un pianoforte all'et di cinque anni, cos, per gioco, ed subito amore. Crescendo il gioco diventa passione, poi ossessione. Comincia a studiare seriamente e consegue il diploma di pianoforte presso l'Istituto musicale senese "Rinaldo Franci", sotto la guida della professoressa Nadia Puccinelli. Nel frattempo, facendosi la sua esigenza cretiva via via pi forte, intraprende gli studi di composizione con i maestri Fabrizio Papi e Pietro Rigacci, realizzando cos la sua vocazione. In seguito si specializza nel campo della musica applicata all'immagine sotto la guida di maestri importanti tra Manuel De Sica, Franco Mannino e Luis Bacalov alla Scuola Nazionale di Cinema a Roma. Infine, in linea con la sua vera e profonda passione, consegue il diploma specialistico di secondo livello in Musica e Nuove Tecnologie, spingendo con forza la propria creativit nel campo della multimedialit e dell'informatica musicale. Attualmente vive a Firenze e lavora per TV, cinema e teatro. http://edoardodinelli.wix.com/sito

LO SPAZIO IN MEZZO
opera multimediale di Paola Lopreiato Durata 5:00 Spesso la vita frenetica, stressante e impegnativa. Siamo addestrati a mantenere la mente attiva, continuare a pensare, non sognare ad occhi aperti, lavorare sodo, non essere triste, realizzare e consumare. Siamo cos abituati a "fare" che non abbiamo tempo per essere. Lo spazio in mezzo uno spazio in cui la parte pi intima di noi ristabilisce una connessione con il nostro essere esterno (chi siamo per la societ), dove si recupera la tranquillit e la fiducia, un ambiente sicuro, anche se oscuro, in cui possibile trovare equilibrio e armonia, un luogo e un tempo tra le relazioni, le responsabilit e gli impegni, un luogo che ci aiuta a ritrovare lo spazio tra i pensieri e le emozioni. Paola Lopreiato: Paola Lopreiato un'artista calabrese, ha studiato a Firenze, dove si laureata al Conservatorio Cherubini in pianoforte a presso lAccademia di Belle Arti in pittura. Attualmente lavora soprattutto come compositrice creando opere che uniscono musica, video, arte e letteratura nei quali lei la performer. Attiva anche nel campo dellorganizzazione di eventi culturali presidente di unassociazione culturale che organizza eventi nellarea di Firenze e Fiesole (ass. Fiesolearte). Le sue performance multimediali sono state realizzate in vari teatri e festival quali: SANTARCANGELO 39, 7 stanze in cerca di autore (MANTOVA), museo Marino Marini (Firenze), Palazzo strozzi (Firenze). Le sue opere elettroacustiche e le videoinstallazioni sono state eseguite ed esposte in Gran Bretagna (University of Chester, University of Bournemouth, Sheffield university/Drama Studio), in America (University of Miami SEAMUS 2011, New York City Electro acoustic Music Festival, NY University, Stedman Art Gallery NJ, Department of Fine Arts of Rutgers University NJ, MONTANA State University, Nashville - Festival SoundCrawl), in Canada (Winnipeg university), in Grecia (Corfu, Academia Yonica), in Italia, Firenze (Palazzo Strozzi, museo Marino Marini, Fortezza da Basso Festival della Creativit 2009, , Piazza della Signoria Festival della Creativit 2010, Conservatorio L. Cherubini), Messico (Fonoteca National Dicembre 2011), Lubiana (ICMC conference 2012). Ha recentemente terminato un MPhil in composizione presso luniversit di Sheffield e sta facendo un dottorato di ricerca in New Media Art (PhD) presso laccademia NABA di Milano e luniversit di Plymouth allinterno del programma MNode. www.paolalopreiato.com

09:10 am
opera multimediale di Jaime Ramos Perez Durata 7:15 09:10 am unopera essenzialmente musicale. stata costruita dal registro audio dellultimo discorso del presidente Salvador Allende al popolo cileno, fatto a Santiago del Cile la stessa mattina del colpo di Stato dell11 settembre di 1973, trasmesso da radio Magallanes. Lopera il discorso di Allende registrato dalla trasmissione di radio Magallanes, accompagnato da una colonna sonora realizzata con dei suoni sintetizzati. Il discorso stato utilizzato come un oggetto sonoro modificato elettronicamente per rialzare gli elementi musicali (melodia e ritmo), che si estraggono dal modo in cui egli lesse il suo discorso. In quanto a quello che riguarda la colonna sonora in generale, i suoni sono stati utilizzati per rialzare i significati del discorso stesso, e per provocare certe sensazioni di tensione e distensione che si collegano con gli elementi musicali gi detti.

PORQUE ESCRIBI
opera multimediale di Jaime Ramos Perez Durata 6:16 Porque escrib unopera musicale che si basa sulla registrazione della lettura della poesia dello stesso nome, da parte del suo autore il poeta cileno Enrique Lihn. Questa poesia stata pubblicata nel libro La musiquilla de las pobres esferas, 1969, ed. universitaria, Cile. Si tratta dunque di un oggetto sonoro (la registrazione della poesia) che diventato un elemento di origine espansivo in vari sensi, nel senso formale della distribuzione strutturale dellopera, nel senso timbrico e ritmico come sorgente del segnale dingresso per i sintetizzatori, nel senso del guidare la tensione e la calma attraverso il contenuto poetico, ecc Questo lavoro continua lidea affrontata con 09:10 am, che si centrava anche su una registrazione del fortissimo discorso fatto dal presidente Salvador Allende il giorno del colpo di stato nel Cile del 1973. Le idee forse sono pi di una, ad esempio estrarre la musica che porta dentro il proprio parlare (personalmente trovo molto musicale laccento con cui parliamo noi cileni lo spagnolo), anche lidea di recuperare i messaggi che considero importanti e rilevanti, messaggi che vengono dal passato e che si aggiornano con questo trattamento. Jaime Ramos Prez, nato in Cile nel 1973, inizia i suoi studi di pianoforte allet di sei anni con la professoressa Gabriela Prez, presso la Escuela Moderna de Msica di Santiago del Cile, fino allanno 1996. Fra il 1992 e il 1997 ottiene la laurea in Arrangiamenti strumentali e composizione di musica popolare presso lIstituto Professionale Escuela Moderna di Musica. Nel 2007 riprende i suoi studi di pianoforte classico con la professoressa Paulina Zamora fino al 2009. Dal 2009 al 2012 frequenta il corso di laurea in Musica e Nuove Tecnologie presso il conservatorio L. Cherubini di Firenze. La sua carriera professionale inizia nel 1994, sia come musicista classico sia di musica popolare. Suona con diverse orchestre cilene (Orquesta Sinfnica de la USACH, Orquesta Strauss, Big Band de la Universidad Catlica, Big Band Iraz, Causeo Especial (Latin Jazz), MediaBanda, e altre formazioni). Partecipa a molte pubblicazioni, fra le pi significative Iraz Big Band, e MediaBanda. Ha partecipato anche alla realizzazione delle colonne sonore dei film Coronacin di Silvio Caiozzi, e Archivo ZONAGLO di Gonzalo Aguirre. In questo momento lavora per diversi progetti audiovisuali e multimediali in Cile e in Italia. jaimeramosp@gmail.com

IN MEZZO AL NULLA
di Gelareh Soleimani Lavasani Durata 5:00 "Mi sento in mezzo alle nuvole che parlano senza saper parlare, amano senza saper amare, camminano senza saper camminare mi sento in mezzo alla nascita di una poesia di sguardi che finiscono, come tracce di respiro, in nulla Gelareh Soleimani Lavasani e' nata a Perugia, all'eta' di 3 anni si trasferita in Iran ed cresciuta l, da 6 anni vive in Italia. Nel 2004 si laureata in musica (Setar) all'universit di Tehran studiando con i maggiori maestri di setar, Jalal Zolfonun, Dariush Talaee e Masood Shaari, studiando anche teoria della musica classica con Mostafakamal Purtorab e composizione con Farhad Fakhreddini, Mohammad Sarir e Farid Omran. Trasferitasi in Italia dal 2005 ha proseguito i suoi studi con Alfonso Belfiore e Marco Ligabue diplomandosi in Musica elettronica e in Informatica musicale al conservatorio "L. Cherubini" di Firenze dove attualmente frequenta il Biennio Specialistico di Musica e Nuove Tecnologie. Contemporaneamente iscritta al DAMS presso l'universit di Firenze. autrice di opere multimediali audiovisive ed installazioni interattive e compositrice di opere di musica elettroacustica e interattiva. Svolge attivit concertistica come solista di setar esibendosi anche in molti concerti con il gruppo "Irani" e il gruppo "Hamsaz". Ha composto parte della colonna sonora per il film "Democracy Rock" dedicato al Nepal e la musica per un documentario "La vita di un giornalista" entrambi di Leonardo Ferri. Ha partecipato a diversi festival, concerti e rassegne multimediali come autrice di opere multimediali ed interprete di setar. Nel 2010 insieme ad alcuni artisti italiani ed iraniani fonda a Firenze l'Associazione Culturale 8Arti con la quale ha dato vita alla promozione e realizzazione di eventi artistici e culturali per la citt di Firenze anche in collaborazione con prestigiose istituzioni. gelaresoleimani@yahoo.com

LA CASSA
di Andrea Venturoli Durata 7:47 In un ambiente degradato di periferia, un eremita costruisce una cassa di legno. Da un foro casualmente praticatosi, locchio delluomo vede allinterno della cassa la proiezione del suo io fantastico e, come in un incanto, il degrado diventa poesia, desiderio, sentimento, attraverso una serie di episodi onirici. Ma i mostri che popolano la mente disordinata delluomo, in un guizzo di fredda razionalit, lo vorrebbero indurre ad integrarsi negli schemi comportamentali della societ attuale, ma lui, nel suo modo ingenuo ed istintivo scappa. Ma scappa? La Cassa non si tratta solamente di una video-installazione, ma piuttosto di un film muto a cui stato dato il dono del suono. Andrea Venturoli: Al termine degli studi pianistici, Andrea Venturoli ha iniziato, alla fine degli anni 70, ad interessarsi professionalmente di Musica Elettronica. Ha seguito i corsi di Fonologia e Informatica Musicale con Albert Mayr, Pietro Grossi e James Dashaw a Firenze, Pisa e Padova. In breve tempo ed in questo ambito, ha iniziato a collaborare con numerosi ed importanti artisti e letterati italiani e stranieri, da Dario Fo a Gavino Ledda, dai Krypton ad Antonio Infantino e tanti altri. Pluri-vincitore di premi relativi a produzioni musicali e multimediali, negli anni 80 ha iniziato una brillante ed operosa carriera di arrangiatore ed esecutore nei pi importanti studi di registrazione italiani, sempre nellambito della Musica Elettronica. E tra i fondatori dellIstituto Superiore di Tecnologia delle Arti Sonore che, a met degli anni 80, rappresentava uno dei pi importanti punti di riferimento nellambito delle produzioni elettro-acustiche. Al fine di rinvigorire lentusiasmo creativo che da sempre lo ha contraddistinto, ha frequentato il Biennio del corso universitario di Musica e Nuove Tecnologie, presso il Conservatorio L. Cherubini di Firenze, con Alfonso Belfiore, Marco Ligabue e Roberto Neri, laureandosi nel Febbraio del 2012 con il massimo dei voti e la lode.

QUATTRO PASSI NELLANIMA


di Jos Manuel Garcia Lpez Durata 7:22 Ci sono dei film che incidono nella nostra vita pi di quanto possiamo immaginare. A volte episodi vissuti ci fanno ricordare dei frammenti di essi, generando cos un intreccio meraviglioso. Jos M. Garca nasce a Siviglia (Spagna) dove da bambino inizia lo studio della musica, col sassofono, suonando per 7 anni nella Banda de Msica Santa Mara del Alcor, di El Viso del Alcor, suo paese natale. All'et di 16 anni inizia lo studio della chitarra flamenca, per passare subito dopo al basso elettrico, col quale suoner in diversi gruppi rock, pop e blues, uno di essi dell'Universit di Siviglia, dove dal 1992 inizia lo studio d'Ingegneria Tecnica Industriale. Finiti gli studi d'ingegneria si trasferisce per due anni a Firenze per studiare scienze umanistiche e lavorare nel campo del disegno industriale. Nel 2002 2003 ritorna in Spagna, a Barcellona, dove lavorer in uno studio d'ingegneria nel campo del controllo di qualit di fondamenta speciali mediante ultrasuoni, lavorando in diversi cantieri spagnoli: nuovi terminal T4 e Satellite aeroporto di Madrid Barajas, treno Alta Velocit Madrid Barcellona.... Dal 2004 ha ripreso il lavoro come musicista suonando basso e sassofono nel gruppo internazionale Gen Rosso, col quale ha realizzato tourne nei 5 continenti. All'interno del gruppo collabora anche alla composizione, allarrangiamento e alla produzione. Dal 2008 studia Musica e Nuove Tecnologie al Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze. jose@genrosso.com

VIOLENT DINNER
opera multimediale di Nicola Giannini Durata 4:24 Si tratta di un lavoro multimediale in cui la traccia sonora e quella visiva coesistono necessariamente. Il video caratterizzato da live action, mentre la composizione elettroacustica si avvale di tecniche di riprese ambientali e vocoding. Il brano strutturato in due parti principali, a loro volta suddivise in altre due sequenze. Il filo conduttore della composizione rappresentato da alcune gocce che cadono su una superficie. Gi elementi principali - le gocce, i suoni metallici, i suoni degli utensili, gli schizzi - raccontano quello che sta succedendo. L'opera gioca su relazioni causa/effetto equivoche attraverso un uso ambiguo della sincronia fra suono ed immagine. Nicola Giannini - Music Composer & Sound Designer - Sound Designer e compositore ha scritto e realizzato musica per installazioni d'arte, video mapping, spot e documentarti etc. Ha lavorato, fra gli altri, per: Pepsi, Nokia, Swarowski. BMW e Lavazza, curando la parte musicale in occasioni di eventi speciali legati ai brand. Dal 2011 realizza le musiche originali ed il Sound Design per i Video Mapping 3D di Apparati Effimeri, studio italiano di Visual Design. Nel 2009 ha vinto il premio come miglior colonna sonora originale presso il Movie & Co Festival, con la musica realizzata per lo spot "Lancia Delta, oltre la fantasia". Sta completando il biennio specialistico in composizione elettroacustica presso il conservatorio Luigi Cherubini di Firenze, sotto la supervisione del Professor Alfonso Belfiore, il Professor Marco Ligabue ed il Professor Roberto Neri. Ha studiato canto classico e moderno. Con il suo progetto elettronico "Desanimaux" ha pubblicato traccie su varie etichette (Homework Records, FreshYo Label). Ha partecipato con sue opere a vari festival: Homework Festival Bologna, Enzimi Festival Roma, ll Corpo La Luce Il Suono Firenze, Segnali Perugia, RomaEuropa Roma, Digital Life Roma, Mapping Festival Ginevra). WORKS: Gennaio 2013 Galleria Spazio 9 - Bologna. Musica Originale per linstallazione Light Box di Apparati Effimeri. Dicembre 2012 Luna Lab Store - Bologna. Musica e Sound Design per la video installazione basata sullalbero di Natale ecosostenibile JOEL di Etcetera. Dicembre 2012 Roma Europa - Digital Life. Musica Originale per linstallazione Naturalis Historiae. Novembre 2012: City Weather Music Player - Installazione interattiva dello Studio Tactile di Tokyo. Linstallazione stata presentata a novembre alla Tokyo Design Week. 16 Settembre 2012, Palazzo della Regione Lombardia, Hostel Fest. Live Electronics con live visual mapping di Apparati Effimeri

Settembre 2012 LeitMotiv & Swarowski @ Settimana della Moda Milano, Via Dante 14. Video Art Installation soundtrack Luglio 2012 Hotel Salviatino (Firenze) Musica e Sound Design per uno spot dellhotel pubblicato sui canali web e social. Luglio 2012 Pepsi Kick in the Mix Musica Originale e Sound Design per il 3D Video Mapping di Apparati Effimeri ad Alessandria dEgitto. Maggio 2012 Tool Kit Festival Forte Marghera. Soundtrack e Sound Design del 3D Video Mapping di Apparati Effimeri e Peeta. Maggio 2012 Mapping Festival Ginevra Soundtrack e Sound Design del 3D Video Mapping di Apparati Effimeri. Marzo 2012 Nokia Tivoli Dome, Il Cairo Soundtrack e Sound Design del 3D Video Mapping di Apparati Effimeri. Gennaio 2012 Convention Vape @ Barberino del Mugello. Soundtrack e Sound Design del 3D Video Mapping di Apparati Effimeri. Novembre 2011 Lavazza con te partir @ Museo della Triennale Milano. Soundtrack e Sound Design del 3D Video Mapping di Apparati Effimeri. Dicembre 2009 Premio miglior colonna sonora Movie&co, spot Lancia Delta.

web: nicolagiannini.com https://soundcloud.com/desanimaux

COLORS: tra Luce & Ombra


opera multimediale di Dario Calamai Durata 15:36 Colors: tra Luce & Ombra unopera multimediale in quattro movimenti costituita da una parte video e una parte sonora in relazione fra loro, i cui temi e variazioni rappresentano, in vari ambiti, i rapporti, le dinamiche, gli scontri e gli incontri tra due realt diametralmente opposte, che tuttavia non possono esistere se non in relazione luna allaltra. La narrazione sincentra sul rapporto che vi tra i due mondi, quello della luce e quello dellombra, e i colori, unico collante tra essi.

Dario Calamai nasce a Fiesole il 10/06/1985 e fin da piccolo dimostra un grande interesse per la musica, tramandatogli dal padre cantautore e dalla madre sassofonista; dal 1994 al 2008 studia pianoforte, arrangiamento e composizione sotto l attenta guida del M Massimo Buffetti, con il quale collabora professionalmente in molteplici occasioni sia come strumentista che come tecnico live e in

studio. Durante gli anni della sua formazione musicale si appassiona al Jazz, al Rock, alla Musica per Film e di confine, intraprendendo parallelamente molti percorsi musicali dalle svariate sfaccettature, con grande apertura per la contaminazione e la sperimentazione. Ha partecipato ad eventi e seminari di livello internazionale, come il Metal Camp 06 in Slovenia, come tastierista della Prog/Metal band Holy Sinner, la 38 edizione dei Seminari Senesi organizzati dalla Fondazione Siena Jazz o la master class in piano Jazz con il M Franco D' Andrea. Nel 2009 supera la prova di ingresso e si iscrive al corso di laurea di Musica e Nuove Tecnologie presso il Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze e partecipa, durante il periodo di studi, come strumentista e come autore a svariati eventi organizzati dal M Alfonso Belfiore. Sempre nel 2009 collabora come strumentista e come insegnante nel corso di pianoforte moderno presso la scuola di musica di sesto Fiorentino. Da Settembre 2010 docente di pianoforte e tastiere presso la scuola di musica moderna Pianeta Musica di Campi Bisenzio fondata dal batterista Mac Poldo e nel 2011 entra a far parte del corpo docenti del laboratorio musicale Lizard SPM di Bagno a Ripoli. Consegue la laurea triennale in Musica e Nuove Tecnologie in Febbraio 2013, con il voto di 110 e lode.

ATLAS
opera multimediale di Lapo Grossi Durata 8:00 Atlas un lavoro multimediale che unisce audio e video. E una composizione basata sullidea di paesaggio sonoro, una soundscape composition ovvero una composizione musicale elettroacustica volta a creare un ritratto sonoro di un determinato ambiente. A questo affiancato il lavoro video che concorre alla creazione di quadri multimediali costituiti dallintreccio di parte visiva e audio. Lopera, che prende il nome dal titano Atlante, ha lintento di descrivere un viaggio astratto sulla terra che la protagonista di questa composizione, il viaggio parte proprio dalle sue profondit, dalla sua vibrazione, sulla quale, man mano che saliamo in superficie, si plasma e si anima la vita. I quadri multimediali sono tre: Terremoto (terra), La citt (mac- china/uomo) e Il cielo (finale). Il percorso compositivo si articola su due livelli, uno legato direttamente alle immagini e ai paesaggi, un altro legato invece alla speculazione sulla vibrazione e il ritmo della vita. Partendo da una vibrazione unica basilare, la materia sonora si espande nel tempo e nello spazio e si forma, "intonandosi" su molteplici dimensioni.

Lapo Grossi, musicista e compositore fiorentino, si occupa di musica elettronica sin da giovanissimo. Studia musica e nuove tecnologie al conservatorio Cherubini di Firenze e partecipa dal 2006 a un progetto di composizione audio-video denominato "Telematik guru" col quale suona in alcuni dei principali festival locali (tra cui "Elettrowave", "Muv", "Festa della creativit"). Nel novembre 2007 Telematik guru invitato a inaugurare con una performance audio video la Strozzina primo centro di arte contemporanea a Firenze. Dal 2007 inoltre fondatore e vice presidente di "Ant:s" associazione culturale che si occupa di promuovere e organizzare eventi musicali e artistici. Dal 2008 Lavora come dj internazionale all'interno del collettivo Numa crew" e vanta la prima pubblicazione di genere "dubstep" italiana prodotta da Elastica records e distribuita a livello mondiale (disco gia out of stock a un mese dall'uscita). Ha collaborato come dj e remixer con numerosi artisti italiani e stranieri. (tra cui Subsonica, Asian dub foundation, Almamegretta, Zion train, Casino royale, Horace Andy, Daddy Freddy). Dal 2009 affianca Alberto Tucci nell'insegnamento di musica elettronica alla scuola di musica di Scandicci. Dal 2013 direttore responsabile del M8music studio all'interno del quale compone musiche e montaggi audio per pubblicazioni multimediali. Ha all'attivo numerose pubblicazioni per case italiane e straniere, da ricordare: What we need rmx" Zion train/Dubsync ELASTICA 2007 "06-08" Telematik Guru MIRALOOP 2009 "La mia ombra rmx" Casino Royale AMEISE 2011 "Il diluvio remixato" Subsonica EMI MUSIC ITALY 2011 "Remixes" Telematik Guru ELASTICA 2012 Just say who rmx "Almamegretta feat Horace Andy ELASTICA 2013