Sei sulla pagina 1di 45

Delibera 84/2012/R/EEL e Allegato A70

Requisiti per gli impianti di produzione MT-BT ai fini della sicurezza del sistema elettrico nazionale: Caratteristiche del sistema di protezione

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

Introduzione
Scopo di questo documento di illustrare le soluzioni Thytronic per ladeguamento del sistema di protezione di interfaccia ai requisiti dell'allegato TERNA A70 che la Delibera 84/2012/R/EEL (08-03-2012) prescrive per la connessione di utenti attivi alla rete di distribuzione pubblica BT e MT.

Nota: per quanto riguarda la connessione di utenti attivi alla rete di distribuzione pubblica BT che entreranno in servizio dopo il 30 giugno 2012, i rel di protezione dinterfaccia dovranno essere conformi alla Norma CEI 0-21 che attualmente in fase di revisione, pertanto Thytronic si riserva di definire le sue proposte tecnico-commerciali a pubblicazione avvenuta della norma da parte di CEI.

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

GENESI
Il valore significativo di potenza generata tramite fonti cos dette non programmabili (vento e sole), potrebbe portare a situazioni di instabilit della rete. Il governo intervenuto, con il decreto legge 1/2012 del 25/01/2012 convertito in legge il 24/03/2012, incaricando lAutorit per lEnergia Elettrica ed il Gas (AEEG) di definire misure sui sistemi di protezione e di difesa delle reti elettriche necessarie per garantire la sicurezza del sistema, nonch le modalit per la rapida installazione di ulteriori dispositivi di sicurezza sugli impianti di produzione, almeno nelle aree ad elevata concentrazione di potenza non programmabile. Lintervento AEEG ha prodotto la pubblicazione della Delibera 84/2012 Interventi urgenti relativi agli impianti di produzione di ener-gia elettrica, con particolare riferimento alla generazione distribuita, per garantire la sicurezza del sistema elettrico nazionale. La Delibera ha portato ad un intervento sulle regole tecniche di connessione allegato A70 del codice di rete Terna a cui seguir laggiornamento delle norme CEI 0-21 (per gli impianti connessi alla rete BT) e CEI 0-16 (per gli impianti connessi alla rete MT e AT).

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

NOVITA SUL SISTEMA DI PROTEZIONE DINTERFACCIA

Per soddisfare contemporaneamente le esigenze generali del Sistema Elettrico Nazionale, le esigenze delle Imprese di Distribuzione, nonch le esigenze degli utenti attivi (salvaguardia del macchinario di generazione) e dei clienti finali (qualit del servizio) necessario adottare logiche di funzionamento in grado di selezionare soglie e tempi di intervento dei rel di frequenza sulla base di due diversi tipi di evento:

1. guasto locale 2. perturbazione di sistema con variazione transitoria della frequenza.


Nel primo caso la protezione dinterfaccia deve comandare il distacco dellimpianto, mentre nel secondo caso deve consentirne il mantenimento in servizio
DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

AMBITO DI APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI PROTEZIONE PER UTENTI MT


Le presenti disposizioni si applicano a: Impianti tradizionali (impianti con macchine rotanti sincrone o asincrone connesse in rete senza interposizione di sistemi di raddrizzamento/inversione) Impianti di tutte le altre tipologie connessi alla rete mediante interposizione di sistemi di raddrizzamento/inversione (impianti fotovoltaici) Eventuali parti dimpianto delle imprese distributrici strumentali alla protezione e controllo degli impianti PV

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

AMBITO DI APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI PROTEZIONE PER UTENTI MT


Lallegato A70 della delibera 84/2012/R/EEL stabilisce che il sistema di protezione SPI (Sistema di Protezione di Interfaccia) si applica ai nuovi utenti ed agli utenti esistenti

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

AMBITO DI APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI PROTEZIONE PER UTENTI MT

g) Impianti di produzione con potenza superiore a 50 kW gi connessi


(o da connettere) alla rete MT in esercizio al 31-03-2012:
I produttori devono: adeguare gli impianti alle prescrizioni di cui ai paragrafi 5 e 8 dellallegato A70 entro 3103-2013 Sottoscrivere il nuovo regolamento desercizio e trasmetterlo al Distributore allegando la dichiarazione sostitutiva di atto di notoriet relativa al rel di protezione dinterfaccia NV10P (scaricabile dal portale CEI-016 nel sito Thytronic)

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

AMBITO DI APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI PROTEZIONE PER UTENTI MT

a)

Impianti di produzione connessi alla rete MT che entreranno in servizio dal 0104-2012 al 30-06-2012:

I produttori devono: Allegare al regolamento desercizio la dichiarazione sostitutiva di atto di notoriet relativa al rel di protezione dinterfaccia NV10P (scaricabile dal portale CEI-016 nel sito Thytronic) Allegare una dichiarazione che attesti la conformit dellimpianto di produzione e del sistema di protezione alle norme CEI ed alle prescrizioni di cui ai paragrafi 5(soglie 2759 tra 0.85-1.1 Un, soglie 81 tra 47.5-51.5 Hz) e 8 (logica di attivazione soglie dinamiche delle protezioni di frequenza) dellallegato A70 Le soglie delle protezioni devono essere regolate al valore indicato nella pagina seguente (i valori sono impostati in fabbrica)

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

AMBITO DI APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI PROTEZIONE PER UTENTI MT

b) Impianti di produzione connessi alla rete MT che entreranno in servizio dal 0107-2012 al 31-12-2012:
I produttori devono: Allegare al regolamento desercizio la dichiarazione sostitutiva di atto di notoriet relativa al rel di protezione dinterfaccia NV10P attestante che sia linverter che il sistema di Protezione dInterfaccia consentono il corretto funzionamento dellimpianto secondo i requisiti previsti dallallegato A70 (interamente) e dalla norma CEI-0-16 modificata Allegare una dichiarazione che attesti la conformit dellimpianto di produzione e del sistema di protezione alle norme CEI ed allallegato A70

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

AMBITO DI APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI PROTEZIONE PER UTENTI MT

c)

Impianti di produzione connessi alla rete MT che entreranno in servizio dal 01-01-2013:

I produttori devono: Allegare al regolamento desercizio la certificazione di conformit. rilasciata da enti accreditati attestante la conformit degli linverter e del sistema di Protezione dInterfaccia alla norma CEI-0-16 modificata Allegare una dichiarazione che attesti la conformit dellimpianto di produzione e del sistema di protezione alle norme CEI ed allallegato A70

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

Art. 5 CAMPO DI FUNZIONAMENTO DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE


Gli impianti, in ogni condizione di carico, devono essere in grado di rimanere permanentemente connessi alla rete MT e BT per valori di tensione nel punto di consegna, compresi nel seguente intervallo: 85% Vn V 110% Vn Riguardo allesercizio in parallelo con la rete MT/BT in funzione della frequenza, limpianto di produzione deve essere in grado di rimanere connesso alla rete per un tempo indefinito2, per valori di frequenza compresi nel seguente intervallo: 47,5 Hz f 51,5 Hz LUtente Attivo deve garantire che tali intervalli di funzionamento siano rispettati sia dalle protezioni di interfaccia che dalle protezioni e regolazioni dellimpianto di produzione. LImpresa di Distribuzione vigila sul rispetto di tali requisiti.

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

10

Art. 7.1.1. RICONNESSIONE E REGOLAZIONE DELLA POTENZA ATTIVA IN FUNZIONE DELLA FREQUENZA
C) non riconnettersi alla rete e non aumentare il livello di produzione minimo raggiunto in caso di ridiscesa della frequenza dopo un aumento della stessa oltre il valore di 50,3 Hz (a meno che la frequenza non si attesti per almeno 5 minuti primi ad un valore compreso tra 49.95 Hz e 50,05 Hz per il continente, e 49.9 e 50,1 per Sicilia e Sardegna), salvo diversa indicazione da parte del Gestore

Art. 7.1.1.2. AVVIAMENTO E AUMENTO GRADUALE DELLA POTENZA IMMESSA IN RETE Nel caso in cui la riconnessione avvenga automaticamente, il sistema di controllo dellimpianto dovr consentire la taratura di rientro in un intervallo compreso tra 49 Hz e 51 Hz a step di 0.05 Hz; dovr inoltre essere selezionabile il tempo minimo di permanenza in tale intervallo selezionabile tra 0 e 900 secondi a step di 5 secondi.

Riguarda il sistema di protezione (richiusura automatica) oppure linverter?


DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

11

Art. 8.1 IMPIANTI DI PRODUZIONE CONNESSI ALLA RETE MT


Abilitazione soglie 81O81U e telescatto da remoto
Con interruttore di linea del Distributore (DL) chiuso e rete presente sar attiva la seconda soglia delle protezioni 81>>81<< con regolazioni poco sensibili (soglie permissive tali da non distaccare lUtente attivo in condizioni di perturbazione con variazione transitoria della frequenza). Allapertura dellinterruttore di linea del Distributore o in mancanza di rete , viene abilitata anche la prima soglia delle protezioni 81>-81< (soglie restrittive) con regolazioni pi sensibili. Il comando di abilitazione delle soglie restrittive trasmesso dal Distributore e viene ricevuto ad un ingresso digitale della PI. Il comando di telescatto trasmesso dal Distributore (segnale logico o messaggio IEC 61850) e viene ricevuto ad un ingresso della PI (ingresso digitale o messaggio IEC 61850).
DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

12

SPI PER UTENTI ATTIVI MT


Scopo del SPI

Deve provvedere ad aprire il DI per separare la generazione dellUtente in caso di:


guasto esterno allUtente (dopo lapertura dellinterruttore di linea del Distributore) apertura dellinterruttore di linea del Distributore

evitando:
lalimentazione del guasto o in isola indesiderata di altri utenti che la chiusura dellinterruttore del Distributore avvenga in discordanza di fase con la generazione. La separazione dellUtente dalla rete pubblica per guasti interni allUtente stesso avviene invece, come visto, aprendo il DG mediante il SPG.
DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

13

SPI PER UTENTI ATTIVI MT

Telescatto Allapertura del DL viene lapertura del DI dellUtente. comandata

Il comando trasmesso dal Distributore e viene ricevuto dallUtente per comandare direttamente lapertura del DI. La trasmissione-ricezione del comando di telescatto pu essere effettuata mediante segnale logico collegato ad un ingresso digitale del rel NV10P oppure mediante messaggio su rete Ethernet (Goose IEC 61850)

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

14

COMPORTAMENTO DEL SISTEMA DI PROTEZIONE DINTERFACCIA CON VARIAZIONI TRANSITORIE DELLA FREQUENZA
A fronte di una perturbazione (variazione transitoria della frequenza) la protezione di minima e massima frequenza utilizza le soglie permissive e quindi il distacco degli impianti viene comandato esclusivamente se il valore della frequenza misurata risulta inferiore a 47.5 oppure maggiore di 51.5 Hz per un tempo maggiore od uguale ai rispettivi tempi dintervento.

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

15

COMPORTAMENTO DEL SISTEMA DI PROTEZIONE DINTERFACCIA IN PRESENZA DI FENOMENI LOCALI


In caso di fenomeni locali (guasti, apertura dellinterruttore di Cabina Primaria o IMS) necessario che la protezione dinterfaccia degli Utenti attivi operi il distacco degli impianti se il valore della frequenza misurata risulta inferiore a 49.7 oppure maggiore di 50.3 Hz per un tempo maggiore od uguale ai rispettivi tempi dintervento (la protezione di minima e massima frequenza utilizza le soglie restrittive).

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

16

COMPORTAMENTO DEL SISTEMA DI PROTEZIONE DINTERFACCIA


Allo scopo di utilizzare le soglie restrittive o permissive necessario discriminarne lattivazione in base alle due condizioni (perturbazioni o guasti) ed operare la logica di abilitazione/disabilitazione delle soglie restrittive. In assenza del segnale di comando remoto di abilitazione necessario utilizzare lavviamento delle funzioni di protezione 59N, 27V1 e 59V2

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

17

COMPORTAMENTO DEL SISTEMA DI PROTEZIONE DINTERFACCIA


In presenza del segnale dal Distributore labilitazione pu essere operata mediante comando remoto

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

18

SPI PER UTENTI ATTIVI MT


Misura delle tensioni mediante TV induttivi

Ingressi voltmetrici (tensioni fase-fase)


Devono essere misurate almeno due tensioni concatenate.

Misura con due TV fase-fase Fattore di tensione nominale 1,3 per 30 s Classe di precisione 3P Prestazione nominale 5 VA

Misura diretta in BT (se DI in BT)

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

19

SPI PER UTENTI ATTIVI MT


Misura delle tensioni mediante TV induttivi

TV per 59N
Stesse caratteristiche del TV per la 67N del SPG: Collegamento a triangolo aperto Fattore di tensione nominale 1,9 per 30 s Classe di precisione 0,5-3P (classe 0,5 tra 5% e 190% e classe 3P tra 80% e 120% della nominale) Prestazione nominale 50 VA e potenza termica adeguata per opportuna resistenza antiferrorisonanza Induzione di lavoro 0,7 T Tensione nominale secondaria 100/3 V
E ammesso che lo stesso TV per 67N del SPG sia impiegato anche per 59N del SPI Con DG e DI separati ammessa linstallazione dei TV indifferentemente a monte oppure a valle del DG, mentre con DG coincidente con DI i TV devono essere installati a monte

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

20

SPI PER UTENTI ATTIVI MT


Misura delle tensioni mediante sensori V-Sensor

Ingressi voltmetrici (tensioni fase-terra)


Misura con tre V-Sensor o ThySensor

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

21

SPI PER UTENTI ATTIVI MT


Circuito di comando

DI con bobina di minima tensione PI con contatto di scatto aperto in assenza di tensione ausiliaria (NA), chiuso in presenza della tensione stessa (contatto azionato da rel duscita normalmente eccitato NE).

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

22

SOLUZIONI THYTRONIC PER LADEGUAMENTO DEL SISTEMA DI PROTEZIONE DI INTERFACCIA AI REQUISITI DELLALLEGATO TERNA A70 CHE LA DELIBERA 84/2012/R/EEL (08-03-2012) PRESCRIVE PER LA CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE PUBBLICA MT
NV10P Implementa tutte le funzioni protettive per utenti attivi richieste nella Delibera 84/2012/R/EEL e nella guida tecnica Terna allegato A.70 al Codice di Rete. Appartenenti ad una nuova e completa linea di rel digitali di protezione misura automazione comunicazione - controllo per distribuzione e generazione (ProN). Funzioni aggiuntive: - Registrazione oscillografica, - Logica programmabile (PLC) - Richiusura automatica per impianti fotovoltaici (opzionale)

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

23

La conformit richiesta a tutti i nuovi utenti ed agli utenti esistenti e pu essere realizzata per le diverse situazioni impiantistiche in base alle scelte tecnico-economiche che sono illustrate nel diagramma a blocchi sottoriportato.

Nota 1: Massima lunghezza connessioni NV10P - Sensori Nota 2: Valutazione a cura del progettista Nota 3: E necessario realizzare il collegamento (cablaggio) tra il rel finale associato allavviamento 59N della protezione esterna ad un ingresso logico della protezione dinterfaccia NV10P Nota 4: Laggiornamento e il successivo collaudo del rel dovr essere effettuato presso il centro assistenza del nostro stabilimento

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

24

Nelle pagine successive sono illustrati alcuni schemi dinserzione corrispondenti ad impianti con:

Protezione NV10P con ingressi di misura per TV induttivi con misura diretta delle tensioni dentrata fase-fase in BT o tramite due TV collegati a V e misura della tensione residua mediante TV a triangolo aperto in MT

Protezione NV10P con misura diretta delle tensioni dentrata fase-fase e consenso f<f> da contatto indicante lattivazione della funzione 59N di un dispositivo remoto (in cabina secondaria del Distributore o nellimpianto MT utente)

Protezione NV10P con misura delle tensioni dentrata fase-terra mediante tre sensori VSensor o ThySensor e calcolo della tensione residua mediante somma vettoriale

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

25

Protezione dInterfaccia per utenti MT THYTRONIC


NV10P Morsettiera versione con ingressi da TV induttivi

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

26

Protezione dInterfaccia per utenti MT THYTRONIC


NV10P Morsettiera versione con ingressi da sensori V-Sensor o ThySensor

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

27

Protezione dInterfaccia per utenti MT THYTRONIC


Adeguamento impianti esistenti Presenza TV stella-triangolo aperto in MT (situazione A oppure A1) Ladeguamento consiste nellaggiornamento firmware (possibile a partire dalla versione 2.00) Prima delladeguamento Dopo ladeguamento

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

28

Esempio schema dinserzione SPI per utenti attivi MT conforme a Norma CEI 0-16 ed Allegato A70 con Dispositivo di Interfaccia in BT (situazione A)

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

29

Esempio schema dinserzione SPI per utenti attivi MT conforme a Norma CEI 0-16 ed Allegato A70 con Dispositivo di Interfaccia in MT (situazione A)

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

30

Protezione dInterfaccia per utenti MT THYTRONIC


Adeguamento impianti esistenti Assenza TV stella-triangolo aperto in MT Soluzione A Ladeguamento consiste nellaggiornamento firmware (possibile a partire dalla versione 2.00) e nellinstallazione di tre TV stella-triangolo aperto in MT (come slide precedente) Prima delladeguamento Dopo ladeguamento

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

31

Protezione dInterfaccia per utenti MT THYTRONIC


Adeguamento impianti esistenti Assenza TV stella-triangolo aperto in MT Soluzione B Ladeguamento consiste nella sostituzione del rel NV10P con kit (rel NV10P + tre sensori combinati V-Sensor) Prima delladeguamento Dopo ladeguamento

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

32

Esempio schema dinserzione SPI per utenti attivi MT conforme ad Allegato A70 con Dispositivo di Interfaccia in MT (situazione B)

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

33

Protezione dInterfaccia per utenti MT THYTRONIC


Impianti nuovi Nella prospettiva degli sviluppi relativi alla gestione intelligente della rete di distribuzione (Smart Grid) sono disponibili versioni di rel di protezione dotate di scheda di rete (Ethernet TX o FX) e protocollo embedded IEC 61850

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

34

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

35

AMBITO DI APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI PROTEZIONE PER UTENTI BT

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

36

AMBITO DI APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI PROTEZIONE PER UTENTI BT

d) Impianti connessi alla rete BT che entreranno in esercizio dal 01-04-2012


al 30-06-2012:
I produttori devono: Allegare al regolamento desercizio la dichiarazione sostitutiva di atto di notoriet relativa al rel di protezione dinterfaccia NV10P o SVF5940 (scaricabile dal portale CEI-016 nel sito Thytronic) attestante che il rel consente il corretto funzionamento dellimpianto entro i campi di regolazione della protezione di frequenza definite al paragrafo 5 dellAllegato A70 con le regolazioni di minima e massima frequenza a 49 Hz e 51 Hz (come derogato dal comma 4.1.d della Delibera AEEG 84/12/EEL)

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

37

AMBITO DI APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI PROTEZIONE PER UTENTI BT

e) Impianti connessi alla rete BT che entreranno in esercizio dal 01-07-2012


al 31-12-2012:
I produttori devono: Allegare al regolamento desercizio la dichiarazione sostitutiva di atto di notoriet relativa al rel di protezione dinterfaccia attestante che il rel conforme ai paragrafi 5,7 e 8 dellAllegato A70 e della Norma CEI 0-21 modificata

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

38

AMBITO DI APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI PROTEZIONE PER UTENTI BT

f)

Impianti connessi alla rete BT che entreranno in esercizio dal 01-01-2013:

I produttori devono: Allegare al regolamento desercizio la dichiarazione di conformit che attestano la conformit del rel alla Norma CEI 0-21 modificata

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

39

TIPI DI PI PER DI PI TIPI UTENTI BT

P complessiva 6 kW
Rel di protezione oppure PI integrata nel controllo dellinverter

P complessiva > 6 kW
Rel di protezione (non ammessa integrazione nel controllo dellinverter)

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

40

REQUISITI FUNZIONALI DELLA PI PER UTENTI BT


Massima tensione (59) a 2 soglie sempre abilitate
regolazioni di default 59.S1: 1,1 Un 3 s, 59.S2: 1,15 Un 0,2 s

Minima tensione (27) a 2 soglie sempre abilitate


regolazioni di default 27.S1: 0,4 Un 0,4 s, 27.S2: 0,2 Un 0,2 s

Minima frequenza (81<) a 2 soglie commutabili


regolazioni di default 81<.S1 49,5 Hz 0,1 s, 81<.S2 47,5 Hz 0,1 s

Massima frequenza (81>) a 2 soglie commutabili


regolazioni di default 81>.S1 50,5 Hz 0,1 s, 81>.S2 51,5 Hz 0,1 s

Ricezione segnale di telescatto dal Distributore* Ricezione segnale di presenza rete di comunicazione dal Distributore* Autodiagnosi Autotest (solo per PI integrata nellinverter)
Soglie 81>.S1 e 81<.S1 disabilitabili da comando locale protetto da usi impropri

Nota* Segnali relativi allinfrastruttura di SMART GRID


del Distributore. La PI pu riceverli da contatti puliti o direttamente su protocollo IEC 61850. La profilazione IEC 61850 allo studio.

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

41

REQUISITI FUNZIONALI DELLA PI PER UTENTI BT


CONNESSIONI MONOFASE (P complessiva 6 kW)
Protezioni 27 e 59 con misura di tensione fase-neutro. Solo la prima soglia della protezione 59 si basa sul valor medio di tensione su 10 min con aggiornamento ogni 3 s massimi. Protezioni 81> e 81< con misura di frequenza della tensione fase-neutro

CONNESSIONI TRIFASE
Protezioni 27 e 59 con misura delle tre tensioni concatenate. Solo la prima soglia della protezione 59 si basa sul valor medio di tensione su 10 min con aggiornamento ogni 3 s massimi. Protezioni 81> e 81< con misura di frequenza di almeno una tensione concatenata

NOTA BENE: oltre alla PI (rel di protezione o integrata nellinverter), il SPI comprende anche: Eventuali trasduttori per le misure delle tensioni Circuito di apertura del DDI Circuito di alimentazione ausiliaria del rel di protezione che garantisca unautonomia di almeno 90 s

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

42

TELESCATTO PER UTENTI BT


Quando disponibile, sar la protezione principale contro la perdita di alimentazione dellutente attivo. Trasmissione su rete di comunicazione dalla protezione di linea del Distributore al SPI dellUtente. Maggior affidabilit delle tradizionali protezioni di tensione e frequenza: Distacca la generazione anche con equilibrio tra generazione e carico
SPI CS RG PdC DDI DL PL DL

Utente 1 SPI G

Utente 2

Non distacca la generazione per guasti esterni alla linea del Distributore cui la generazione connessa Non distacca la generazione in condizioni di emergenza della RTN (salvo condizioni di maggior gravit, in cui la generazione viene distaccata dalle soglie 81>.S2 o 81<.S2 del SPI). Come riserva in caso di perdita della rete di comunicazione, non essendo funzionante il telescatto, nella PI vengono attivate le soglie 81>.S1 e 81<.S1 ad alta sensibilit (quelle abilitate nelle attuali PI).

CS RG PdC

DDI

Utente N SPI CS PdC RG CS Cabina Secondaria CP Cabina Primaria DL Dispositivo di Linea RG Rilevatore di Guasto PL Protezione di Linea DDI G

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

43

Protezioni dInterfaccia THYTRONIC per utenti BT


NV10P Implementa tutte le funzioni protettive per utenti attivi richieste nella Delibera 84/2012/R/EEL e nella guida tecnica Terna allegato A.70 al Codice di Rete. SVF5940 Implementa tutte le funzioni protettive per utenti attivi richieste nella Delibera 84/2012/R/EEL comma 4.1 (paragrafo 5 dellAllegato A70).

DELIBERA AEEG 84/2012 E ALLEGATO A70

05.2012

44