Sei sulla pagina 1di 16

SPED. IN ABB. POST. - 45% ART.

2 COMMA 20/ BL 662/96 - ROMA ISSN 0025-2158

ANNO XLII - N. 273 - GIOVED 15 NOVEMBRE 2012

GLI STUDENTI SU VIA DEI FORI IMPERIALI A ROMA /FOTO VINCENZO TERSIGNI - EIDON

Non vogliamo essere la generazione perduta. Centinaia di migliaia di studenti in piazza in 87 citt italiane nel primo sciopero europeo contro lausterity della Troika. A Roma cariche e pestaggi: decine i feriti, una cinquantina i fermati. Scontri anche a Milano, Torino, Padova, Brescia. Si fermano i Pigs: massiccio sciopero generale in Spagna e Portogallo, manifesta la Cgil, Grecia presidiata PAGINE 2,3,4,5,6,7
HUELGA GENERAL

I TECNICI DEL MANGANELLO


Marco Bascetta e nelle piazze italiane di 87 citt, da Milano a Torino, da Roma a Napoli, da Padova a Brescia e a Pisa abbiamo visto in azione ieri i professionisti della violenza, questi indossavano immancabilmente caschi blu, anfibi e pantaloni con la riga rossa. I tecnici del manganello hanno dato prova di una tecnica assai primitiva: menar botte da orbi su chi capitava a tiro e incutere il massimo di terrore a una massa imponente di giovani e giovanissimi, in gran parte alla loro prima esperienza di piazza. Mai visti prima, ignoti perlopi alle stesse realt consolidate di movimento. Poca organizzazione, nessun disegno preordinato, molta rabbia e molto coraggio nellaffrontare tutti insieme una violenza spropositata, improvvisa e incomprensibile. Solo la consueta faziosit dei media, smentita da numerose immagini e testimonianze, ripropone il trito dualismo tra tanti giovani di buona volont e frange organizzate di militanti pronti allo scontro e inclini al saccheggio. A Roma, con una scelta ai limiti della follia, la polizia blocca il corteo in un punto del lungotevere assolutamente privo di vie di fuga. Non si vuole disperdere, si vuole picchiare. Il panico avrebbe potuto provocare un vero disastro. Perch solo in Italia a un corteo interdetto, a colpi di lacrimogeni e di manganello, di portare la propria voce sotto le finestre della cittadella del potere? Un corteo che non aveva nulla di minaccioso se non la sua sacrosanta distanza dalle rappresentanze politiche. CONTINUA |PAGINA 3

Madrid si risveglia dalla lunga notte


Giuseppe Grosso
MADRID

IL CORTEO DI POMIGLIANO

Rodot con Landini: A rischio il diritto


Loris Campetti
POMIGLIANO

iente picchetti davanti alla stazione della metro. Anzi, allinterno - sono le 9 di mattina - pi gente del solito accalcata sulla banchina. Non sorprende, visto che due terzi delle corse della metropolitana sono state soppresse per lo sciopero generale che ieri ha paralizzato Madrid e la Spagna. I sindacati hanno stimato la partecipazione intorno al 75%. Ma in piazza insieme ai lavoratori cera unonda composita e

transgenerazionale di studenti, precari, pensionati piegati dai tagli del governo Rajoy. Dura reazione della polizia in tutto il Paese. Limmagine pi cruda viene da Tarragona: la foto di un bambino sanguinante colpito alla testa durante una carica. Nella capitale la protesta si prepara alla notte, obiettivo lassedio del Parlamento. In tutto questo, il Partido popular pensa alle vacanze: Questo sciopero pregiudica il turismo internazionale. I socialisti del Psoe appoggiano la protesta alzando cartelli in parlamento. | A PAGINA 6

li stringono la mano, gli accarezzano la spalla, se lo coccolano mettendo in campo tutte le manifestazioni della socialit napoletana. Lui tiene su lo striscione della Fiom, tra gli operai di Pomigliano, quelli del no a Marchionne che tutti criticavano fino a quando la magistratura ha detto e ribadito che hanno ragione loro, la Fiat ad aver torto. Chi lui? Uno di noi, grida l'indefettibile Ciro al megafono. Stefano Rodot la presenza pi gradita al corteo. CONTINUA |PAGINA 5

STRISCIA DI GAZA | PAGINA 9

IL CASO PETRAEUS

MAGGIORANZA A PEZZI

LA VIGNETTA

Le donne, i cavalieri, larmi, gli amori


Tommaso Di Francesco affaire David Petraeus, il capo della Cia che si dimesso per lo scandalo del suo legame con Paula Broadwell, la sua biografa che viene da West Point con 17 anni di pratica nellintelligence, e ora il caso collegato dellinchiesta sul capo di stato maggiore in Afghanistan, il generale John Allen pronto alla nomina, ora sospesa da Obama, di comandante in capo della Nato, vengono presentati dallaccomodante formula di una infedelt. Straripata nella politica pi rischiosa, quella militare della sicurezza degli Stati uniti. Ma davvero dovremmo crederci? CONTINUA |PAGINA 14

Ultimatum di Pdl e Udc al governo: election day


Di nuovo tutti insieme appassionatamente, da Fini a Berlusconi, da Alfano a Casini e Rutelli: il governo non pu separare il voto di Lazio, Molise e Lombardia (attualmente fissato al 10-11 febbraio) da quello per le politiche. Pdl e terzo polo si compattano e danno un ultimatum a Monti: entro venerd la risposta definitiva o gi il governo. Colle e Pd in difficolt. |PAGINA 8

Esecuzione mirata: Israele uccide il capo militare di Hamas


Nel raid israeliano ammazzati anche 13 civili, fra cui una donna e tre bambini. Il braccio armato di Hamas avverte: Tel Aviv ha aperto le porte dellinferno

pagina 2

il manifesto

GIOVED 15 NOVEMBRE 2012

IL FUTURO CONTRO

Roma

Manifestazione straordinaria occupa le strade della capitale. Dietro gli striscioni di tutti gli istituti una marea di giovani e giovanissimi: Non abbiamo paura

ROMA IMMAGINI DEGLI SCONTRI (FOTO REUTERS E ALEANDRO BIAGIANTI), AL CENTRO IL CORTEO DEGLI STUDENTI (REUTERS), A DESTRA LA MANIFESTAZIONE DEI GIOVANISSIMI (FOTO DI SIMONA GRANATI)

Centomila studenti medi e universitari sfilano in piazza nella giornata dello sciopero europeo. Scontri con le forze dellordine: 8 persone arrestate, 8 denunciate e 144 identificate. Decine di feriti tra agenti e manifestanti

Scuola di polizia a passo di carica


Carlo Lania
ROMA

asta poco per rovinare una bella giornata. Basta che qualche decina di ragazzi, invece di incassare il successo politico di una manifestazione con quasi centomila persone decida di rovinare tutto indossando le solite felpe scure e i soliti caschi neri per poi coprirsi il viso con un fazzoletto. Succedeva ieri verso le due del pomeriggio in pieno centro di Roma allaltezza di Ponte Sisto, tra Trastevere e via Giulia. In un attimo la prima fila del gigantesco corteo partito in mattinata dalla Piramide e dallUniversit, con studenti medi e universitari, viene scalzata e sostituita da quattro, cinque file di manifestanti con i caschi neri. Impossibile non notare il cambiamento. Quello che accade da quel momento e per le successive due ore non neanche la cronaca di una guerriglia urbana - come qualcuno si affretter a definirla - ma solo il resoconto triste di una serie di scontri tra un gruppo minoritario di studenti con polizia e

Quattro cortei hanno attraversato la capitale. Bombe carta contro gli agenti, che rispondono con cariche indiscriminate
carabinieri. Sassi, bombe carta e bastoni da una parte. Lacrimogeni e manganelli dallaltra. Con scene che non vorresti mai vedere nel paese in cui vivi. Come quando gli agenti si accaniscono contro i manifestanti fermati e stesi a terra. Botte, manganellate sulla testa, ragazzi trascinati via per le braccia e per le gambe. Succede spesso, e con un accanimento che non ti spieghi. Come accade a pochi passi da Ponte Sisto, poco dopo la prima carica della polizia. Quattro agenti sono sopra un ragazzo con la giacca a vento azzurra, steso a terra. E tra i primi fermati della giornata e gli agenti lo stanno picchiando. Poco distante c un veterano di manifestazioni, Daniele Pifano, leader dellAutonomia operaia negli anni 70-80. Pifano si avvicina e parla con gli agenti cercando nel frattempo di portarsi via il ragazzo, salvandolo cos dalle botte. Per un attimo ci riesce anche. Dani portatelo via, portalo allospedale, gli dice un poliziotto. Il ragazzo si rialza, ha gli occhi pieni di paura, la parte destra del viso insanguinata. Per un attimo forse pensa anche di essersela cavata. Ma, appunto, solo un attimo. Altri quattro agenti

piombano di su lui, spintonano violentemente Pifano, si riprendono la loro preda e la caricano su un blindato. E dire che fino a quel momento la gestione della piazza da parte delle forze dellordine era stata discreta. Pochi blindati a seguire i quattro cortei in giro per la capitale, facce attente ma tutto sommato rilassate degli agenti. Quando il corteo arriva a Piazza Venezia, completamente circondata dalle forze dellordine, due blindati si spostano per far defluire i manifestanti verso il Lungotevere. Dove il grande corteo arriva senza problemi. Poi le cose cominciano a mettersi male. Forse le notizie che giungono dalle altre citt e che parlano di scontri tra polizia e studenti (a Torino un poliziotto ferito dopo essere stato circondato da una decina di manifestanti) scaldano gli animi di tutti. A ponte Sisto tra polizia e corteo c anche un avvio di trattativa. I ragazzi vorrebbero arrivare in piazza del Popolo e la polizia sarebbe anche disposta ad accettare. Qualcosa, per, non funziona. Un funzionario di polizia d le disposizioni agli agenti in tenuta antisommossa: Se sfilano indietreggiamo, ma se ci caricano rispondiamo. E cos sar, con cariche in mezzo al traffico, le forze dellordine che a un certo punto sembrano aver perso il controllo delle strade, i manifestanti che si attestano su ponte Garibaldi, la polizia che li carica e loro che scappano sul Lungotevere. Fino ad arrivare nei pressi di Porta Portese dove, su un marciapiede rialzato di Ripa Grande 116 di loro vengono circondati da due reparti di polizia e bloccati. Verranno tutti identificati e rilasciati. Alla fine il bilancio della giornata conta 8 manifestanti arrestati, 8 denunciati, 144 identificati, 16 agenti (10 poliziotti, 5 carabinieri e un funzionario) e una decina di manifestanti feriti. Eppure non era scontato che finisse cos. Anzi la cronaca della giornata avrebbe potuto essere molto diversa vista la ricchezza di contenuti portati in piazza da una generazione che chiede solo di poter avere un futuro. Proprio futuro infatti la parola che ricorre pi spesso sugli striscioni, nei cartelli, negli slogan ritmati lungo tutto il corteo. E declinata in vari modi. Tagliano la scuola, cancellano il futuro, Monti, Profumo, ridateci il nostri futuro gridano migliaia di ragazzi e ragazze mentre al megafono uno di loro spiega: Oggi stanno esautorando la scuola, domani impediranno a migliaia di studenti di entrare nel mondo del lavoro. Sanno che cos. Sia perch lo hanno capito da soli, sia perch hanno visto i loro coetanei, in Grecia e in Spagna, lottare per sopravvivere. E una generazione claustrofobica quella che sfila sotto il Colosseo e lungo via

dei Fori imperiali. Claustrofobica perch davanti a s invece di vedere la vita che sogna trova solo un muro, alzato dalla politica verso la quale non hanno pi fiducia (Contro tutto e tutti, politici, banchieri e farabutti, si legge non a caso su un cartello) e poi dalle misure anticrisi dellUnione europea alle quali rifiutano di arrendersi. Chi lotta pu perdere, chi non lotta ha gi perso, urla lo striscione di una scuola. Parole che, sar un caso, ne ricordano altre, pi famose, pronunciate da Paolo Borsellino.

In piazza / LA CGIL C MA LONTANA, ORGANIZZAZIONI DI BASE SCARSE

Senza mediazioni, partiti e sindacati non sono qui


Francesco Piccioni ambini, poco pi. Quindicenni. Una nuova generazione si affaccia alla vita politica del paese, in piena crisi e senza una via di uscita visibile. E come sempre, da un secolo a questa parte, qualcuno lass pensa che utile dar loro una lezione, cos, per far capire subito che aria tira se vai a contestare chi comanda. Ragazzi che il potere lo immaginano come una categoria del pensiero e forse nemmeno sapevano che 2-300 metri pi avanti di Ponte Sisto, allHotel de Russie, era in corso la tre giorni romana del Bilderberg Group, la creme de la creme del potere globale, di cui Mario Monti da decenni litaliano pi importante. Quindicenni ovviamente inesperti e, per la prima volta nel dopoguerra, privi anche di uninterlocuzione istituzionale, di mediatori riconosciuti; sindacati e partiti, insomma, in grado di tradurre le loro preoccupazioni in obiettivi plausibili o anche solo compatibili; e quindi di trovare ascolto anche nelle stanze dei governi, l dove vanno (o andavano?) compensati i diversi interessi sociali. I sindacati importanti, in realt quasi solo la Cgil, hanno fatto il loro bravo corteo senza quasi entrare in contatto con questa generazione. Una breve passeggiata da Bocca della Verit a piazza Farnese,

bei monumenti,un veloce comizio e tutti a casa prima di pranzo. Non era una scadenza benvenuta da queste parti, e buttar l solo quattro ore di sciopero senza collaborazione da parte di Cisl e Uil era gi un segno di insofferenza. Dei partiti che siedono in Parlamento, non un solo deputato s preoccupato di seguire almeno da lontano gli eventi, of-

La precariet come futuro permanente. Ironia della sorte, a pochi metri dagli scontri c il Bilderberg
frendosi infine come garante istituzionale in piazza, come migliaia di volte era avvenuto. I partiti fuori dai giochi in quella piazza avevano gente, ma se non hai un tesserino da onorevole nessuno ti d retta. Anzi. Ieri a Roma questa valanga di ragazzi si incolonnata insieme a un po di docenti dei sindacati di base (Cobas, Usb, ecc). Tutti nuovi, tutti vergini di fronte al bruto meccanismo che regola la gestione della crisi, in base a scelte fatte a Bruxelles o in altra sedi temporanee della Troika (Bce, Fmi, Ue). Tutti inesperti, disorganizzati e fin qui inorganizzabili.

Soli? No, finch non son piovute le manganellate, quando chi sa come comportarsi si muove secondo le leggi antiche della piazza, portandosi dietro pi pischelli possibile; e chi non sa, a volte, a piccoli gruppi o individualmente, si perde. Non tra Ponte Sisto e Ponte Garibaldi che vanno cercati i colpevoli della loro solitudine. Anzi, l cerano probabilmente gli unici soggetti collettivi che hanno a cuore questa generazione. Ma non hanno entrature ai piani alti. Anzi. Sono soli perch chi governa, chi guadagna, chi dispone della materia sociale e progetta il futuro con atti legislativi o scelte di investimento private non ha per loro una soluzione che li comprenda come generazione. La precariet cui si sentono consegnati qualcosa di pi di una condizione transitoria da choosy, non ha confini temporali calcolabili. E chi sta su lo sa meglio di loro. Per questo, anche nella piazza di ieri, mancava la mediazione. Ogni generazione del dopoguerra ha avuto davanti una scelta possibile, tra rottura e mediazione. Perfino nel pieno del terribile 77, tra scontri pi feroci di quelli di ieri e una guerriglia vera, cera chi nelle stanze che contano. Pensava di offrire una chance diversa; con i lavori socialmente utili, le liste dellacqua, i finanziamenti alle cooperative improvvisate. Mediazione sociale pura, per ricostruire un equilibrio con un briciolo di spesa pubblica. Che non c pi. Quelle facce di quindicenni sono ora limmagine pi fedele della distanza tra la politica e la societ. Per quanto voi vi crediate assolti, siete per sempre coinvolti.

GIOVED 15 NOVEMBRE 2012

il manifesto

pagina 3

IL FUTURO CONTRO

In movimento

Dopo londa e le protesta anti-Gelmini del 2010, una nuova generazione prende la parola

VERSO PALAZZO CHIGI Cariche a Casa Pound


Un centinaio di militanti di Blocco studentesco. lassociazione di studenti legata a Casa Pound, stato caricato ieri mattina dalla polizia dopo che ha tentato di forzare un cordone di sicurezza in via Ripetta, a Roma, per arrivare a palazzo Chigi. I militanti di estrema destra si sono dispersi ma in seguito alcuni di loro hanno cercato di infiltrarsi nel grande corteo degli studenti medi partito dalla Piramide. Tra studenti di sinistra e fascisti ci sono stati momenti di tensione senza per che si verificassero incidenti particolari. I militanti di estrema destra sono stati fermati e allontanati. A Parma, invece, secondo Casa Pound, alcuni militanti sarebbero stati aggrediti. A riferirlo la stessa organizzazione secondo la quale i militanti di destra si sarebbero recati alluniversit per assistere agli scrutini quando sarebbero stati presi di mira da un gruppo di giovani antifascisti. Sempre secondo Casa Pound Parma gli estremisti di destra si sono difesi riuscendo a evitare il peggio, anche se uno dei ragazzi del Blocco rimasto lievemente ferito.

I PROTAGONISTI Vengono dagli istituti professionali, molti dallhinterland

Questo non un flash mob


Roberto Ciccarelli
ROMA

lla fine il bastone arrivato. Quello che il ministro dell'Istruzione Profumo aveva promesso di usare contro i rettori come, a fatica, ha chiarito dopo essere stato sommerso da centinaia di migliaia di carote lanciate dagli studenti il 12 ottobre scorso. Quello era il tempo dell'ironia contro un

Non sono pi i licei classici, tradizionalmente di sinistra, a battere il tempo


governo irresponsabile che scambiava le metafore usate nel Ventennio come se fossero realt. Ieri a Roma, la realt ha preso il sopravvento e il bastone stato usato in maniera intimidatoria contro un movimento che si ampliato agli insegnanti, offesi dalla farsa sull'aumento dell'orario di lavoro a 24 ore e dal giogo ricattatorio del concorsone. E ha coinvolto una larga fascia di universitari e di precari. Un cambio di registro compiuto nella maniera pi subdola. A freddo. Sono stati colpiti gli studenti medi in una caccia all'uomo, e alle donne. E si voluto colpire l'instancabile ruolo delle Rsu degli istituti contro la legge ex Aprea, oltre che il ruolo dei docenti e gli affetti dei genitori. Tina, di buon mattino, partita da Ostia con suo figlio che poi stato braccato dalla polizia sul Lungotevere, insieme ad altre 143 persone. stato identificato e poi rilasciato. Lei era con lui. Ha ancora i brividi: stata una manifestazione gioiosa e l'hanno rovinata. Il potere ha voluto mostrare i denti, ha voluto far vedere a ragazzini di quindici anni e agli universitari la sua forza. Ci che preoccupa questa madre combattiva la solitudine della mo-

alcuna violenza nella voce dei ragazzi, anche se non escludo che ci sia qualcuno esuberante. Con questa retorica vogliono solo demonizzare i docenti e gli studenti. Ogni volta che c' il dissenso, la storia si ripete. Noi abbiamo il dovere di dire la verit: i tagli alla scuola, di cui non parla nessuno, hanno instillato un forte senso di precariet. Ai ragazzi stato negato il futuro. Quasi non gli appartiene. Da Pomezia, ieri, sono arrivate pi di mille persone. Il futuro resta un'ossessione. Ne parla in prima persona chi lo incarna: Ilaria, 17 anni, studentessa del liceo scientifico Nomentano occupato. Come molte ragazze in prima fila. Siamo moltissime - dice io sono nel servizio d'ordine, ci sentiamo alla pari di tutti gli altri, tra di noi non c' distinzione. Svolgiamo anche un ruolo di mediazione tra posizioni diverse. Siamo uniti e grazie al cielo non abbiamo paura. In

Ilaria, 17 anni, addetta al servizio dordine: Siamo uniti e non abbiamo paura
bilitazione, non la sua maturit. Non ci sono i sindacati: I loro presdi erano vuoti - continua Tina - Dovrebbero essere accanto a questi ragazzi. Ho invece l'impressione che abbiano perso il treno e non comunichino con loro. Rispetto alle occupazioni delle scuole di Ostia la Cgil ha detto che erano pratiche illegali. Ma stiamo scherzando? Questi sono ragazzi che cercano stili di lotta diversi dai flash mob. Gli studenti hanno occupato per giorni tutte le scuole di questa complicata citt alle porte della Capitale e poi hanno deciso. Il loro coordinamento ha scelto di ricominciare le lezioni all'indomani dello sciopero europeo. Hanno la piena consapevolezza - continua Tina - di quello che sar il loro futuro, un domani per loro non esiste. E si stanno organizzando per resistere a questo. Le occupazioni della scuola lo hanno dimostrato, altro che bamboccioni o ciuchi. La spina dorsale del corteo era composta dai medi giunti dalle altre citt della corona metropolitana di Roma: Anzio, Aprilia, Tivoli e Nettuno, Albano e Pomezia, persino Latina. In maggioranza c'erano gli studenti degli istituti tecnici, una presenza visibilissima gi dal movimento anti-Gelmini del 2010. la prova che la partecipazione ha subto una trasformazione sociale. Non sono pi i licei classici, tradizionalmente di sinistra, a battere il tempo. Oggi ci sono gli studenti che frequentano i corsi di moda, come quelli pi vicini alle professioni esecutive (elettronica, aeronautica, artigianato). I soggetti che, in teoria,dovrebbero beneficiare dell'apprendistato voluto dalla riforma Fornero. Di cui per nessuno si fida. Lo dice Alice, 16 anni, che frequenta l'artistico-aziendale di Anzio secondo la quale difficile trovare oggi un'azienda che ci faccia fare un tirocinio. Hanno cambiato la legge? Da noi le aziende chiudono. Ma poi, che dici, ci pagano?. Agli occhi di una docente di scultura e di materie plastiche come Carola Lamasini, che insegna al liceo artistico di Pomezia, uno dei poli della chimica-farmaceutica pi grandi del paese in profonda crisi, quella di ieri stata una provocazione da parte della polizia contro ragazzi inermi. I Tg della sera stanno dicendo che stata una manifestazione violenta. Io non ho sentito coda al corteo, insieme alle scuole di Roma Est, Ilaria definisce quella della polizia un'imboscata. I caroselli delle camionette tra via Arenula e Ponte Garibaldi a Trastevere le sono sembrate uno spettacolo disumano. Non si possono attaccare in maniera cos bestiale ragazzi che andavano avanti e non erano aggressivi, nessuno aveva armi contundenti, camminavamo, semplicemente. Ci che molti temono, a questo punto, che il movimento si faccia intimorire dall'uso, non metaforico, del bastone. Io spero che la mia scuola, invece, continui. Noi andremo avanti, non bisogna cedere davanti a queste minacce. Anzi sai cosa faremo? Nel nostro cineforum proietteremo il film Diaz su Genova. Spiega perfettamente quello che successo a Roma. La storia si ripete. Altro che mele marce - afferma Francesco Raparelli, ricercatore precario e attivista, al quale stata riscontrata una frattura alle costole per i colpi ricevuti dalla polizia - Ho visto ragazzi molto giovani picchiati e insultati, con una violenza vista solo a Genova. Una ferita mai rimarginata che torna fuori costantemente. una vera anomalia in italia nonostante i gioverni dei tecnici. Anche lui stato identificato, e poi minacciato. Oggi - continua gli studenti e i precari hanno bloccato il paese nel silenzio assordante della sinistra e dei sindacati. Si espressa una sfera pubblica radicale e conflittuale, ostile alla costituente neoliberale di Draghi, Monti e della Bundesbank. Non ci faremo spaventare. Torneremo in piazza. Forse gi il 23 novembre.

IL CASO Fischi e urla davanti alla Sinagoga


Fischi e contestazioni da parte dello spezzone del corteo degli studenti universitari al passaggio davanti alla Sinagoga di Roma. Il Tempio Maggiore era presidiato da alcuni agenti delle forze dell'ordine. Le contestazioni., accompagnate da inequivocabili gesti, sono partite dalla testa dello spezzone partito dall'Universita' La Sapienza insieme a grida pro Saddam. Lepisodio, che ha riguardato una minoranza sparuta dei manifestanti, stato criticato dal presidente della comunit ebraica di Roma Riccardo Pacifici che ha chiesto al questore di Roma di non far passare manifestazioni davanti alla sinagoga come del resto - ha aggiunto - avviene da 30 anni, dall'attentato in cui rimase vittima Stefano Tach. C' un clima nel paese che non ci piace, sabato si permesso di far svolgere a Roma, sebbene in Prati quartiere lontano da quello ebraico, una manifestazione di estrema destra con gruppi notoriamente a noi ostili. Oggi (ieri, ndr) il corteo, che aveva un percorso completamente diverso, stato deviato dalla Questura davanti alla Sinagoga e per questo motivo ho telefonato al Questore di Roma che m ha spiegato che la deviazione stata necessaria per dare una sorta di sfogo visto che la mattina c'erano stati gli incidenti con Blocco Studentesco e all'interno del corteo c'erano molti minorenni.

DALLA PRIMA
Marco Bascetta
E il suo rifiuto delle logiche indiscusse e indiscutibili che governano la gestione della crisi, fuori da ogni dimensione democratica. Nella capitale dItalia esiste, come a Pechino, la citt proibita e la sua inviolabilit non riguarda in alcun modo una questione di ordine pubblico, o una minaccia reale per i suoi disprezzati abitanti, ma un fatto simbolico, un gesto di arroganza che segna il confine netto tra governanti e governati. Confine che nel tempo del governo tecnico e postdemocratico, conviene sottolineare ulteriormente e senza equivoci. A Roma come ad Atene o a Madrid, dove pur governa una destra politica screditata e ormai invisa ai pi e dove una marea montante di indignati e di incazzati invade la citt. C un principio decisivo e mai enunciato nella dottrina

della spending review: i bastoni costano meno delle carote. E, soprattutto, non alimentano illusioni. possibile non far tornare pi questo conto? Finora neppure i greci ridotti allo stremo e impegnati in una estenuante guerra di piazza ci sono riusciti. Ma con ogni evidenza, soprattutto tra le giovani generazioni, colpite fino allinverosimile dalle politiche di austerit, dileggiate dalla stupidit e dallimprontitudine dei governanti, bastonate a ogni tentativo di insorgenza, sta crescendo un temibile fronte del rifiuto dal quale lEuropa distoglie lo sguardo, contando sulla frammentazione dei dominati nei diversi paesi del continente e sulla solida unit delle sue oligarchie. un movimento in larga parte spontaneo, sospinto dallesperienza individuale e collettiva e dalle nuove forme politiche che questa va assumendo pi che dallideologia. Su questa prospettiva si abbattono i manganelli.

POMEZIA

Carabinieri controllano i docenti che scioperano


I carabienieri volevano, forse, conoscere i dati delladesione allo sciopero, ma nei fatti hanno chiesto informazioni sui docenti che hanno partecipato alla manifestazione di Roma. accaduto ieri nelle scuole completamente vuote di Pomezia. La notizia stata verificata nel pomeriggio e ha avuto riscontri positivi. Rosaria Del Bono (foto), assessore allistruzione del comune pontino, preferisce non commentare la notizia, ma ne ammette la gravit. Unica amministratrice locale ha sfilato lungo il corteo con la fascia tricolore. Attorno a lei nata una leggenda, molti lhanno scambiata per il sindaco. Mi sentivo a disagio poi mi sono accorta che i docenti si sono complimentati. Il ruolo dei professori fondamentale - continua - in classe hanno la facolt di motivare i ragazzi ed quello che avvenuto nellultimo anno con le scuole che ci cadono sulla testa. Iscritta al Pd, Del Bono ha scelto di fare politica su consiglio di un prof di filosofia. Per questo rispetto molto i docenti - continua - abbiamo un governo che non stato eletto e taglia sui contributi per l'asilo nido, i voucher per i libri, per l'affitto. Per questo i docenti hanno cambiato atteggiamento.

pagina 4

il manifesto

GIOVED 15 NOVEMBRE 2012

IL FUTURO CONTRO

Mille piazze

A un mese dalla protesta della carota tornano gli studenti. E sfilano in tutta Italia con operai, disoccupati e insegnanti

ALLA SCUOLA SERVONO MOBILI GLI STUDENTI TORINESI LI PRENDONO DALLA SEDE DELLA PROVINCIA OCCUPATA. DAL BALCONE PENDE LO STRISCIONE NO TAV. DI SEGUITO LE MANIFESTAZIONI DI BOLOGNA (FOTO DONATINI) E PALERMO (EMBLEMA)

A Torino non c Intesa


Mauro Ravarino
TORINO

a rabbia ha colori diversi. E la citt della Mole ne sa qualcosa, in una giornata che ha masticato pi storia di quanta, forse, ne sia riuscita a immagazzinare. Il blitz degli studenti nel cantiere del grattacielo Intesa-Sanpaolo (e i relativi scontri con le forze dellordine), quello nel palazzo della Provincia, le uova allAgenzia delle entrate, loccupazione di un commissariato dismesso o quelle dei licei (Gobetti-Segr e Galileo Ferraris). Protagonisti, in questo caso, ragazzi giovanissimi, nel pi turbolento spezzone studentesco, di nuovo in piazza a un mese dalla protesta della carota. Poco pi in l, ha sfilato lindignazione degli insegnanti contro i tagli alla scuola nel corteo di Cub e Cobas. E pi in centro - in un altro corteo - il serpentone della Cgil con gli impiegati della funzione pubblica e gli operai metalmeccanici di Fiat e indotto, che arrancano in seguito alle scelte di Marchionne. Storie, vissuti, approcci diversi, ma tutti (almeno 30 mila persone se si sommano i cortei) simbolo di una metropoli in crisi. Lautunno torinese si fatto, per, davvero caldo al passaggio degli studenti nei pressi del cantiere del grattacielo in costruzione di Intesa Sanpaolo, 166 metri daltezza progettati dallarchistar Renzo Piano per il quartier generale della banca. Simbolo - hanno spiegato gli studenti di Ksa e Last - del dominio economico e quindi politico di questa banca sulla nostra citt. Il colosso bancario il maggiore creditore del comune di Torino con un miliardo e centomila euro su un totale di quasi tre miliardi e mezzo di debito totale. Un gruppo di studenti ha scavalcato le barriere e le recinzioni entrando allinterno del cantiere, ha divelto i bagni chimici e rotto alcuni vetri dei container del cantiere. Le forze dellordine in assetto antisommossa, poche (molte sono in Val di Susa), dopo aver indietreggiato hanno lanciato numerosi lacrimogeni e disperso i manifestanti. Sono stati attimi di tensione. Il bilancio di tre agenti feriti (uno - secondo fonti della Questura - colpito da una mazza da baseball) e di otto manifestanti denunciati. Poco prima alcuni studenti erano entrati negli uffici del ministero delle Infrastrutture (responsabile - spiegano - di unaltra grande opera inutile, il Tav) e in seguito allAgenzia delle Entrate, dove hanno portato allesterno libri, fogli e una piccola scrivania per farne un fal. Occupato poi Palazzo Cisterna, sede della Provincia, dove stata issata la bandiera No Tav al posto di quella europea.

MILANO E BRESCIA

Grandi numeri e cariche a freddo


Giorgio Salvetti
MILANO

TOSCANA

Scuole e fabbriche occupano le strade


Chiara Ricci
FIRENZE

i sono immagini che saranno ricordate, come quella degli studenti pisani che salgono sulla Torre Pendente e srotolano lo striscione Rise up! Non paghiamo la vostra crisi. Oppure quella dei lavoratori della Fiom fiorentina con il loro messaggio di 120 metri in piazza Duomo, per denunciare da un altro palcoscenico deccezione che i licenziamenti sono una negazione della democrazia. Ma nel giorno che vede complessivamente decine di migliaia di toscani in corteo a Firenze, Pisa, Livorno, Pistoia e Prato, con una larga maggioranza di giovani under 25 che guardano in faccia la realt, il piccolo stendardo con le parole di Fabrizio De Andr (Per quanto voi vi crediate assolti, siete per sempre coinvolti) a dare il senso delle manifestazioni contro le politiche europee e italiane di "austerit". Parola ormai tradotta, nel senso comune, in tagli indiscriminati ai diritti delle persone, al lavoro, alla scuola e alla sanit, allo stato sociale nel suo complesso. No al governo delle banche e alle sue politiche, viene scritto su un muro vicino alla sede fiorentina della Banca dItalia, nelle pieghe del corteo di studenti, centri sociali e lavoratori dei Cobas. Mentre in piazza Santissima Annunziata, dove si chiude la manifestazione Cgil, il segretario della Camera del lavoro Mauro Fuso sintetizza: Il governo "dei tecnici" ha fatto disastri, le sue politiche industriali non sono esistite. In piazza anche Rifondazione, Sel e Idv, e c la fila per firmare ai banchi dei referendum in difesa di lavoro, pensioni e democrazia sindacale. Si affaccia il presidente toscano Enrico Rossi: La ragione della mia adesione semplice: si fanno solo politiche di rigore senza investimenti, e que-

sto alla fine aumenta la disoccupazione e pure il debito pubblico. ora di cambiare, in Italia e in Europa. A Pisa sono migliaia gli studenti medi e universitari che sfilano con i Cobas, gli insegnanti precari, le lavoratrici Sodexo che dovrebbero essere licenziate in 70, gli addetti alle pulizie delle mense dateneo. Un gruppo di liceali lascia delle macerie davanti al palazzo della Provincia e ricorda: Le nostre scuole sono in uno stato disastroso. A Livorno almeno un migliaio di studenti, insieme ai sindacalisti di base e alla sinistra non istituzionale manifesta anche dentro il palazzo comunale e poi va alla fabbrica di componentistica auto Trw, i cui lavoratori sono in assemblea permanente dopo la notizia che 105 di loro dovranno essere licenziati per mancanza di commesse da parte della Fiat. Anche a Prato quasi un migliaio fra studenti e lavoratori partecipa a una simbolica via crucis, e a Pistoia studenti, lavoratori e sindacalisti di base sfilano in centro, manifestando il loro rifiuto a politiche di "austerit" che hanno colpito solo lo stato sociale e i meno abbienti.

on sono stati gli scontri con polizia e carabinieri il nocciolo della giornata milanese contro lausterity. Qui il neo questore Luigi Savina aveva gi provveduto a manganellare gli studenti nei mesi scorsi. Eppure non sono mancati i proverbiali attimi di tensione, uno davanti al palazzo delle Stelline di corso Magenta, sede cittadina della commissione europea, e uno nellandrone della stazione di Porta Genova. Ma il senso della mattinata di ieri piuttosto nei numeri, decine di migliaia in piazza, e nelleterogeneit quattro cortei diversi in un giorno solo. Divisi, ma uniti dalla voglia di opporsi in tutti i modi alle politiche del governo Monti e di Bruxelles. La manifestazione pi partecipata stata quella degli studenti che partita compatta da largo Cairoli. Giusto il tempo di lambire piazza Duomo per dividersi in pi spezzoni. Gli insegnanti sono confluiti nel corteo della Cgil, mentre i ragazzi quasi tutti giovanissimi - si sono equamente divisi tra i Collettivi studenteschi del centro sociale Il Cantiere, e gli altri gruppi vicini ai centri sociali Zam e Lambretta. I primi si sono diretti verso piazza Vetra, con in testa il comitato degli inquilini che sempre pi spesso vengono sfrattati dalle case popolari. Hanno fatto tappa allUniversit Cattolica dove hanno protestato contro le agevolazioni alle scuole private e confessionali, poi allAbi, per tutti scritte, striscioni, spray e lancio di uova, e per la Deutsche Bank anche una carriola di letame. Finale antifascista per

lanciare le prossime iniziative nelle scuole in programma il 17 novembre e in vista dellanniversario di piazza Fontana. Laltro spezzone invece ha puntato Palazzo delle Stelline. Qui sono stati bloccati dai poliziotti in assetto anti-sommossa. Due cariche con lacrimogeni e qualche manganellata. Alla fine un manganello finisce per colpire un agente della Digos. Imbarazzo, nervi tesi. Il corteo lascia il campo e punta alla stazione di Porta Genova con lintenzione di occupare i binari. Alcuni ragazzi entrano in stazione dove trovano un manipolo di carabinieri piuttosto confusi. Bersagliati dai manifestanti, reagiscono in modo scomposto mentre i passeggeri scappano. Un minuto ed tutto finito. Dallaltra parte della citt i lavoratori dellospedale San Raffaele, in presidio fin dalle 7,30, hanno sfilato piuttosto numerosi verso piazzale Loreto per dirigersi alla stazione Centrale. E andata molto peggio a Brescia, dove la giornata iniziata con larresto di tre attivisti del centro sociale di Rovato (Bs) - verrano processati per direttissima con laccusa di aver incendiato dei copertoni. Poi il corteo ha raggiunto la stazione dove stato caricato a freddo e duramente.

NAPOLI

Rabbia per Lorenzo e binari occupati


Fr. Pil.
NAPOLI

apoli in fermento da luned, dopo gli scontri, le contestazioni al ministro Fornero, i denunciati e i feriti, gli studenti tornano in piazza ma con due diversi cortei. Quello dellUds partito insieme al-

la Cgil da piazza Mancini, laltro dei collettivi studenteschi in aperta contestazione con lorganizzazione dei lavoratori, che ha deciso di sfilare a ritroso e atteso il sindacato in Piazza Del Ges pretendendo di prendere la parola e ottenendo di salire sul palco. Da l iniziata la provocazione che ha messo in discussione una modalit "cloroformizzata" di vivere lo sciopero, invitando tutti a bloccare la citt e srotolando lo striscione Basta farse, lotta di classe. In circa cinquemila poi si sono mossi dal centro storico per andare a occupare la stazione creando qualche tensione con le forze dellordine. Arrivati a piazza Garibaldi e guardati a vista dalla polizia in assetto antisommossa, i giovani sono scesi tra i binari ferroviari impedendo larrivo e la partenza dei treni per una mezzora. Nessuno scontro fisico, anche quando il corteo autonomo si spostato per andare a presidiare una sede dellEquitalia in corso Meridionale. Qui iniziato un fitto lancio di uova e sono stati esplosi diversi petardi. Equitalia uccide, stato scritto sulla parete dellagenzia governativa in vernice rossa. Per qualche attimo si temuto che la situazione potesse degenerare, ma poi il lungo serpentone si spostato verso il Fiat center di via Porzio, dove c stato un comizio per stigmatizzare il comportamento di Sergio Marchionne, rilanciando la solidariet con gli operai di Pomigliano. Molta la rabbia anche per Lorenzo, lo studente manganellato due giorni prima a Fuorigrotta, che durante il pestaggio ha perso due denti ed rimasto con il volto sfigurato. Vogliamo rivendicare le garanzie per una generazione che invece si vuole condannata dallausterity hanno detto . Noi lottiamo per il diritto al reddito e alla scuola pubblica. E anche per denunciare di nuovo la repressione del 12 novembre, i lacrimogeni sparati ad altezza uomo che hanno distrutto il volto di Lorenzo.

POLITICA Lappello sul blog rompe il fronte delle solidariet. E gli agenti, sostiene, votano per lui

Deve dirlo Grillo: Soldato blu, smetti di picchiare


Andrea Fabozzi o dice Grillo e gli va riconosciuto. Polizia, chi stai difendendo? Chi colui che colpisci a terra? Un ragazzo, uno studente, un operaio? quello il tuo compito? Ne sei certo? scrive il capo del Movimento 5 Stelle sul blog. Veloce e chiaro, senza girarci attorno, mentre le agenzie di stampa traboccano della solidariet alle forze dellordine di deputati e senatori di ogni ordine e grado. Soldato blu, Beppe Grillo titola il suo post come il film antimilitarista Anni 70. E alle cinque del pomeriggio lo mette in rete sul suo seguitissimo

sito. I commenti sono come al solito tanti e questa volta quasi tutti favorevoli. Non era scontato, visto che spesso le discussioni su quel blog hanno uninclinazione securitaria. Invece dalle reazioni viene fuori che alcuni dei frequentatori di beppegrillo.it sono stati alle manifestazioni. E concordano con lex comico. Che comunque riesce a tenere insieme la condanna delle violenze di polizia con i suoi temi classici, innanzitutto la critica generalizzata ai politici. Non ti ho mai visto colpire un politico corrotto, un mafioso, un colluso con la stessa violenza. Ti ho visto invece scortare al supermercato una senatrice o sfreccia-

re in moto affiancato ad auto blu nel traffico, a protezione di condannati in giacca e cravatta, scrive. E aggiunge: Tu hai il dovere di proteggere i cittadini, non il potere. Non puoi farlo a qualunque costo, non scagliando il manganello sulla testa di un ragazzino o di un padre di famiglia. Qualcuno che segue il suo blog ironizza sul fatto che proprio ieri si saputo che la figlia di Grillo stata segnalata per possesso di droga e dunque lui ce lha con le forze dellordine. Qualcun altro si spinge invece a definire il post di ieri come uno scritto che far storia. Qualcosa di uguale come importanza, ma contrario nella

merito alla famosa poesia di Pasolini in favore dei poliziotti di Valle Giulia. Grillo stesso forse si confonde e in coda alle sue parole suggerisce la lettura degli Scritti Corsari di Pasolini - ma quella poesia, Il Pci ai giovani, si trova antologizzata in Empirismo eretico, oltrech ovviamente in rete. Molto diverse le reazioni di deputati, senatori e leader di partito. Bersani nella manifestazione di ieri vede soprattutto le violenze dei manifestanti. Lo stesso Vendola prima dice che i violenti rischiano di rendere opaca una giornata straordinaria. Poi aggiunge il suo sconcerto per le violenze senza ragione delle forze del-

GIOVED 15 NOVEMBRE 2012

il manifesto

pagina 5

IL FUTURO CONTRO

Lavoro

Alla manifestazione ci sono studenti, delegazioni della Cgil bancari, della Filt, dei pensionati Spi. Non la Cgil nazionale, che sceglie Napoli

CON LA FIOM A POMIGLIANO IL PIENONE (FOTO AL CENTRO, DI CIRO DE LUCA) TUTE BLU E STUDENTI SFILANO CON LANDINI. A SINISTRA IL CORTEO DI MILANO (EMBLEMA) A DESTRA IL COMIZIO DELLA LEADER CGIL SUSANNA CAMUSSO ALLE ACCIAIERIE DI TERNI

DALLA PRIMA
Loris Campetti
Un serpentone che dalla Avio attraversa la zona industriale, fino a invadere il cuore di Pomigliano. Che ci fa qui un pilastro su cui si reggono diritto e legalit? Sono qui risponde proprio perch sono un maniaco dei diritti. Pomigliano un luogo simbolo della lotta operaia che dilaga in tutt'Europa, un esempio per tutti, aggiunge il professore che sembra a suo agio ancor pi che in un'aula universitaria. Dal rumoroso palco dove fino a mezz'ora prima il Gruppo operaio di Pomigliano d'Arco aveva riscaldato una piazza Primavera operaia, studentesca e popolare, Rodot spiega che per stare davvero dalla parte dei diritti non basta scrivere libri o articoli di giornale, bisogna stare insieme a chi si batte per difenderli, per s e per tutte le persone. Perch se una sola persona viene discriminata, a rischio la libert di tutti. Lo stesso concetto viene coniugato in tutte le lingue, e non solo con accento napoletano. Qui a Pomigliano sono arrivate rappresentanze metalmeccaniche da tutt'Italia, dalle fabbriche Fiat di Melfi, Cassino, dall'Irisbus, dall'indotto Magneti Marelli - dove 850 lavoratori rischiano di essere cancellati e di aggiungersi agli oltre 2.600 tenuti fuori dalla newco di Pomigliano (Fip), vuoi per discriminazione sindacale vuoi perch Marchionne un imbroglione e dei suoi piani, investimenti e modelli resta solo la cenere. L'ad Fiat ha imbrogliato tutti quelli disposti a farsi imbrogliare, in campo sindacale, politico, amministrativo. La dignit degli operai del no al ricatto padronale che fa sentire a casa sua Rodot oggi sembra meno isolata, la Fiom un esempio perch ha scelto la strada della legalit che un principio fondativo, insiste il professore. E Libera invia una lettera di adesione alla lotta della Fiom. C' una legge del 2003 in Italia che impedisce la discriminazione e condanna chi la pratica. Marchionne ha discriminato gli iscritti alla Fiom e grazie a questa legge stato condannato ad aprire a 145 di loro i cancelli. Non basta, anche la sua risposta basata sulla rappresaglia contro la Fiom e la ma-

FIAT Rodot: Se una sola persona viene discriminata, a rischio la libert di tutti

LA CGIL A TERNI

Pomigliano, dal ricatto al riscatto la lunga marcia della Fiom


gistratura illegale, come recita l'art. 4B della stessa legge: metterne fuori degli altri, o gli stessi, come risposta arrogante all'ordinanza vietato. Nel calcio, sarebbe fallo di reazione a cui l'arbitro fa seguire il cartellino rosso. La Fiom, ha annunciato il segretario Maurizio Landini tra gli applausi, ha gi presentato un nuovo ricorso per chiedere di sanzionare l'eventuale espulsione di 19 dipendenti per lasciare il posto ai 19 della Fiom che l'ordinanza della Corte d'Appello ingiunge alla Fiat di assumere. un corteo ricco, composito, ben accolto dalla citt vesuviana i cui negozianti non abbassano le serrande, i cui cittadini osservano con simpatia dai terrazzi e dalle finestre. Ci voleva, dopo due anni di solitudine operaia. Gli studenti sono tantissimi e rumorosi, hanno slogan creativi, petardi scoppiettanti e fumogeni rossi. Pomigliano dal ricatto al riscatto, scandiscono mentre sul palco si canta tu ti lamenti ma che ti lamenti/ pigghia lu bastuni e tira fora li denti. Ci sono delegazioni della Cgil bancari, della Filt, dei pensionati Spi. La Cgil in quanto tale, invece, non c': la confederazione ha scelto di manifestare a Napoli, in piazza del Ges. Solidariet alla Fiom va bene, ma senza esagerare. Questa volta con operai e studenti nella giornata dell'eurosciopero si fa vedere anche la politica con i big della sinistra. C' il sindaco di Napoli De Magistris, salta fuori persino qualche bandiera tricolore del Pd. La giornata era iniziata molto prima dell'alba con i picchetti alla Avio e all'Alenia, sotto lo striscione indirizzato agli aspiranti crumiri: Entra, aiuta Marchionne a renderti schiavo. Ma qui non entra nessuno. Entrano invece alla Fip gli operai del s, i 2146 prescelti dal capo, spremuti e ricattati dai team-leaders: Se scioperi puoi diventare uno dei 19. Cos i militanti della Fiom, che di responsabilit ne hanno da vendere, hanno evitato di fare presidi davanti alla Fip. Da dentro per, chi non ce la fa pi telefona ai compagni discriminati: Hanno addirittura riempito la fabbrica di monitor che trasmettono un telegiornale aziendale che chiede consenso e mette paura. Eccolo il sistema Marchionne, che ben conosce uno come Giovanni Barozzino, uno dei tre licenziati di Melfi che nonostante tre gradi di giudizio positivi sono tenuti a casa, pagati ma guai a presentarsi ai cancelli: Come operaio non posso lavorare, come delegato Fiom non posso andare alla saletta sindacale perch il mio sindacato non riconosciuto. L'unica cosa che mi rende simile agli altri operai la cassa integrazione, tre settimane al mese su quattro. Contro la paura si sfila a Pomigliano, e contro le politiche liberiste come nel resto dell'Europa. Al tentativo di scatenare una guerra tra poveri, Landini risponde con la solidariet: ai lavoratori Fiat di Kragujevac, in Serbia, a cui per costruire i modelli sottratti a Mirafiori si impongono turni di 10 e anche 12 ore giornalieri.

Camusso: Monti un anno di disastri


Mirco Viola n anno di disastri e di non risposte al mondo del lavoro. Ha bollato con queste parole il governo Monti la segretaria della Cgil, Susanna Camusso, parlando ieri a Terni in occasione della giornata europea di protesta contro lausterit. E mentre gli studenti sfilavano nelle piazze, Camusso attaccava lesecutivo. Il governo ha aggiunto toglie fiducia e speranza ai giovani. E non ci venga a raccontare che c luce in fondo al tunnel perch nei mesi che abbiamo di fronte aumenteranno problemi e disoccupazione. Un quadro cupo. Ladesione allo sciopero di 4 ore, stando almeno ai dati diffusi dallo stesso sindacato, stata comunque massiccia, un po in tutti i settori: la Cgil calcola che arrivata al 50%, ritenendosi soddisfatta. Secondo la Fiom, e riportiamo solo esempi, si fermato il 95% dei lavoratori delle acciaierie di Terni (dove appunto parlava Camusso), alla Fincantieri di Marghera il 100%, alla Fiat Iveco il 60% e il 90% alla Magneti Marelli di Bari. Dati pi bassi arrivano dalle cifre ufficiali diffuse dai ministeri, per quanto riguarda lastensione negli uffici pubblici e nella scuola: nel pubblico, stando al dicastero guidato da Patroni Griffi, si sarebbe fermato il 7,2% dei lavoratori; nella scuola il 9,87%, con una punta del 23% nel Lazio. La segretaria della Cgil, parlando idealmente alle 100 citt in cui il sindacato aveva organizzato le manifestazioni in concomitanza con lo sciopero indetto dalla Ces, ha parlato anche del patto sulla produttivit, spiegando perch la Cgil ha deciso di non firmare: Ora mi aspetto che il governo torner alla carica con la strana idea che tocca ai lavoratori occuparsi della produttivit ha detto Se pensano di togliere i contratti nazionali e ridurre i salari non hanno capito nulla di cosa sta accadendo oggi in Italia: significherebbe soltanto impoverire il Paese. Lausterit sta rovinando il sogno europeo e il suo futuro, lEuropa sta tradendo i sogni di chi ha lottato per unEuropa sociale e della pace ha proseguito Camusso Abbiamo scelto di dire che non si esce dalla crisi se non si riparte dal lavoro dalla difesa del lavoro e dalla creazione del lavoro ha insistito Senza questo e con le ricette che ci propongono, c solo impoverimento. Infine una polemica con il ministro della Funzione Pubblica Patroni Griffi: inaudito ha detto che mentre in corso un confronto sindacale, un ministro annunci gli esuberi su twitter. A stretto giro di posta arriva la replica del ministro: Non abbiamo licenziato alcuno n via twitter n in altri modi, abbiamo dato le cifre delle eccedenze ha replicato Patroni Griffi La Camusso dovrebbe conoscere la differenza tra eccedenze, esuberi e licenziamenti. Dopo aver divulgato le cifre ai sindacati, li abbiamo diffusi via internet: prima via twitter e poi sul nostro sito. Questa si chiama trasparenza.

La giornata/ IN FABBRICA SFILANO PURE I POLITICI

Contestazione (leggera) solo per Vendola e Fassina


Francesca Pilla
INVIATA A POMIGLIANO DARCO

lordine. Di Pietro se la prende con i manifestanti e comprende i lavoratori in divisa che non arrivano a fine mese. Ferrero parla invece di cariche vergognose. E si segnalano anche tre senatori Pd, Ferrante, Della Seta e Marino, e due radicali, Perduca e Poretti, che chiamano la ministra dellinterno a riferire sul comportamento dei poliziotti (ma Cancellieri, che evidentemente non vede n foto n filmati, risponde gi apprezzando il comportamento dei suoi). Grillo invece si rivolge direttamente al soldato blu. Togliti il casco e abbraccia chi protesta, cammina al suo fianco - scrive. Sar un atto rivoluzionario. Qualcuno lo ascolter? Lui probabilmente ci crede, visto che in un comizio recenta ha avvertito: Polizia e carabinieri votano tutti per il Movimento 5 Stelle perch mi dicono che hanno due coglioni gonfi cos di fare la scorta ai politici.

n attesa che entri nellurna delle primarie e poi in quella delle elezioni di primavera la ritorsione Marchionne - 19 operai da licenziare per assumere come da ordinanza del giudice altrettanti operai fin qui discriminati dallazienda - diversi politici del centrosinistra sono venuti a dare solidariet alla Fiom e ai lavoratori della fabbrica Fiat. Ma, nonostante il clima, non si sono verificate grosse opposizioni per chi, tra loro, sostiene un governo che qui nessuno ama. Forse perch ormai sono settimane che le tute blu invocano un intervento dei partiti di sinistra e una pressione sul governo per fermare la strategia della tensione innescata da Fiat. Solo Nichi Vendola e Stefano Fassina hanno subito qualche contestazione. Il leader di Sel lha avuta dagli esponenti del centro sociale Insurghencia, che hanno accompagnato la sua camminata con un mega poster raffigurante gli scontri di luned, in occasione dell'appuntamento europeo di Elsa Fornero. Con una scritta rossa e la domanda: O al governo con il Pd o rivolta?. Spiega Antonio Musella del centro sociale: Bersani si augurato che il ministro del lavoro faccia outing e partecipi al prossimo governo, noi vogliamo sapere da Nichi se dobbiamo rivoltarci o scendere a patti. Vendola non ha voluto commentare, preferendo puntare sul motivo della sua visita e anche (diciamolo) su un momento di visibilit in una campagna elettorale difficile: Essere qui ha detto - significa venire nella capitale del mondo del lavoro angosciato dalla paura e superare la tragedia della frammentazione delle vertenze.

Altro giro, e dopo un po' toccato al responsabile economico dei democratici, accompagnato dagli esponenti locali del partito e dalla senatrice Annamaria Carloni. A prendere di mira Fassina, un gruppo di ricercatori universitari, che gli hanno chiesto conto dell'appoggio al governo Monti. Nulla in confronto a quanto avvenuto a settembre, quando venne cacciato dagli operai dell'Alcoa. Fassina, anzi, ha continuato tranquillamente la sfilata fino a Piazza Primavera, dove rimasto sotto il palco ad ascoltare gli interventi di Stefano Rodot e del segretario DE MAGISTRIS Fiom Maurizio Landini. Il sindaco di Napoli Poi una caduta, durante va a Pomigliano: un faccia a faccia con un Un governo iscritto al sindacato dei democratico metalmeccanici cigiellino: dovrebbe schierarsi La riforma del lavoro ci a fianco dei lavoratori stata imposta, ma noi del della Fiat Pd abbiamo dato prova di grande compattezza. Nel votarla in silenzio, gli hanno urlato alla folla, ma anche in questo caso tutto si chiuso l. Chi invece non ha sfilato con gli altri, ma ha preferito restare al gazebo dell'Italia dei Valori stato Antonio Di Pietro, che non ha mancato l'occasione per bacchettare Sel e Pd: Anche qui vedo tanta ipocrisia, i partiti che votano le leggi del governo Monti pretendono di essere a manifestare contro le leggi. Combattivo Paolo Ferrero del Prc: Voglio denunciare l'atteggiamento mafioso della Fiat - ha detto il leader del Prc camminando tra le tute blu - perch ieri i capi sono passati nello stabilimento per minacciare i lavoratori, dicendo che chi avrebbe fatto sciopero sarebbe stato messo nella lista dei 19 da buttare fuori. Infine, presenti il sindaco di Napoli De Magistris e il suo vice Tommaso Sodano, che hanno ribadito la loror critica allesecutivo di Monti: Un governo democratico dovrebbe schierarsi con i lavoratori, anche perch i soldi pubblici per la Fiat ci sono sempre stati.

Landini: Dobbiamo chiedere un piano nuovo, basato sulla solidariet e sul rientro di tutti
Persino agli operai del s a Marchionne si rivolge fraternamente, e ai sindacati complici, Fim e Uilm, chiede di ripartire insieme, perch il piano Fabbrica Italia che era un imbroglio non esiste pi, dobbiamo chiederne uno nuovo, basato sulla solidariet e sul rientro di tutti i lavoratori rimasti al di l dei cancelli. Sono gli stessi operai Fiom ripescati dalla giustizia a dire non siamo qui per far rientrare 19 compagni, e neanche i 145 della Fiom ma tutti i 2600 tenuti fuori dal lavoro. Anche quelli che per salvare il lavoro hanno rinunciato ai diritti, e ora sono rimasti senza diritti e senza lavoro. E le cose non vanno meglio per chi in Fip, con una Fiat in fuga dall'Italia e una politica finora assente. Attenti, grida dal palco Landini, o tornate a rappresentare il lavoro oppure si approfondir il solco che divide la politica dalla gente. E in un paese, in un'Europa dove i tassi di disoccupazione sono ormai fuori controllo, c' il rischio che venga meno la tenuta democratica. E' gi successo nel Vecchio continente, quando la crisi e la disoccupazione hanno aperto la strada alle peggiori avventure autoritarie.

pagina 6

il manifesto

GIOVED 15 NOVEMBRE 2012

IL FUTURO CONTRO

14N

Da Bruxelles a Cipro, 23 Paesi, 25 milioni di lavoratori, rispondono alla chiamata contro le politiche di austerit. E sulle sponde del Mediterraneo la protesta si infiamma

SPAGNA, LA FOTO SIMBOLO IL BAMBINO PESTATO DALLA POLIZIA A TARRAGONA, CIRCOLATA SU TUTTI I SITI DEUROPA, LIMMAGINE PI CRUENTA DELLA PROTESTA SPAGNOLA. DI SEGUITO MOMENTI DELLA MANIFESTAZIONE DI MADRID AL CENTRO (FOTO REUTERS) SI PREPARA LA LUNGA NOTTE

Spagna, la ola indignata


unonda gigante quella che attraversa la penisola iberica. Alla huelga general hanno aderito oltre il 75%. Madrid blindata dalle forze dellordine. Cariche e scontri in diverse citt
Giuseppe Grosso
MADRID

iente picchetti davanti alla stazione della metro. Anzi, allinterno - sono le 9 di mattina - pi gente del solito accalcata sulla banchina. Non sorprende, visto che due terzi delle corse della metropolitana (solitamente efficientissima), sono state soppresse per lo sciopero generale che ieri ha paralizzato Madrid e la Spagna. Scendiamo a Banco de Espaa, dove la lunghissima calle Alcal incrocia, in pieno centro, la Gran va, una delle principali arterie commerciali della citt. Giusto in tempo per vedere un gruppetto di manifestanti scendere a passo lento dal marciapiede e invadere la strada. Il traffico fermo. I poliziotti dispiegati in numero altissimo, guardano e lasciano fare. Intanto sempre pi persone vanno sommandosi: in 300, tengono bloccato il traffico per circa unora finch la polizia carica per spingere i manifestanti ai lati del viale e ripristinare il traffico. Risalendo la Gran va in direzione contraria alla stazione ferroviaria di Atocha - da dove alle 18.30 partito il corteo pi importante diretto a Plaza de Coln - si arriva alla Puerta del sol, la piazza che ha accolto le proteste degli indignados, cuore della capitale, normalmente territorio di mariachi e mimi. Non oggi per, perch la piazza nelle mani della policia nacional. Anche la calle Preciado, strada di turisti e shopping che inizia a Sol costellata da una ventina di furgoni blindati. Lo scenario, tra le luci blu e il cielo cupo inquietante. Allimboccatura di Preciado parliamo con un poliziotto. Appoggia lo sciopero? Certo. E come me molti dei mie colleghi. Io sono qui per difendere il diritto di tutti i madrileni a protestare pacificamente contro questo governo. Di fianco a lui - curioso quadretto - c una giovane ragazza che regge un cartello che dice: Sono qui perch non voglio pagare lo stipendio del poliziotto che mi picchia. Si chiama Laura, una studentessa ed ucraina. In sei anni che sto qui ho visto solo peggioramenti. E non ti viene voglia di lasciare tutto e tornare in Ucraina? Finch resto a Madrid, penso che valga la pena lottare, risponde decisa. Intanto, in tutta la Spagna - disseminata di cortei - il numero degli arresti ammonta in serata a 117. I feriti sono una settantina. Circa 10 in seguito degli scontri che verso le 14 sono avvenuti nella Plaza de Cibeles,

quando un gruppo di scioperanti che si dirigeva verso lospedale della Princesa, stato caricato dai poliziotti che cercavano di sbarrargli la strada. A quanto pare, i manifestanti avevano intenzione di raggiungere lospedale per appoggiare la protesta del personale che da due giorni l rinchiuso per dire no alla sua possibile privatizzazione. Limmagine pi cruda arriva da Tarragona e fa presto il giro della rete, la foto di un bambino ferito alla tempia dalla polizia. Mentre per le strade si protesta vengono resi noti i numeri. I sindacati hanno stimato la partecipazione intorno al 75%, anche se i dati sul consumo di energia - che pare siano un indice affidabile - rivelerebbero unastensione dal lavoro inferiore allo sciopero generale dello scorso marzo. In tutto questo, il Pp pensa alle vacanze: Questo sciopero pregiudica il turismo internazionale e rovina limmagine della Spagna. Mentre i socialisti del Psoe difendono lo sciopero generale sollevando cartelli per il 14N nellaula del Congresso dei deputati alzando cartelli e diffondendo uno spot di sostegno alle manifestazioni. Scendiamo lungo la calle Alcal, verso Cibeles. Abbiamo camminato parecchio e ci concediamo due minuti su una panchina di fronte alla bella facciata del Circulo de bellas artes. Proprio di fianco a noi, sono sedute due signore di mezza et. Una indossa linconfondibile maglietta verde che contraddistingue i professori ribelli della scuola pubblica. Si chiama Marisa Ramirez e sta aspettando che passi il corteo per unirsi. Io sono qui contro i tagli allistruzione e contro i tagli al futuro dei nostri figli, ci dice. Laltra signora osserva, poi non riesce a trattenersi e interviene: io sono 35 anni che faccio linfermiera in un ospedale pubblico e guadagno poco pi di mille euro. Stanno smantellando la sanit; ormai qui meglio non ammalarsi. E poi ci mostra le mani per farci vedere i segni dei 35 anni di lavoro. Siamo a Cibeles. Vicino a un semaforo c un signore che regge un cartone con scritto: Ripugnancia costitucional. Si chiama Manuel Heredia, un pensionato di 76 anni e dice di essere anarchico. Qualcuno, passando, lo insulta, qualcun altro gli stringe la mano. Io non ho mai votato. Tutti i partiti mi fanno schifo. Questa una lotta persa in partenza, ma sono qui per solidariet con chi protesta e per miei figli. Lavorano? Una s e laltro no. E sic-

come non trova lavoro gli venuto in mente di tentare il concorso per entrare in polizia. Ma ci pensa? Io un anarchico - con un figlio poliziotto! troppo. Verso le 19, il corteo procede lento verso Coln. Ci sono molte persone (centinaia di migliaia secondo le prime stime) e si cammina a fatica. Esistono alternative a questo sistema e verranno dalla pressione della gente, aveva detto Ignacio Toxo, segretario di Comisones Obreras, il primo sindacato spagnolo. E sembrerebbe avere ragione, vista la partecipazione. Sono le 20 passate: il 25S (il movimento che blocc la citt a settembre) sta per dare inizio allennesimo tentativo di assedio al Parlamento. Si sono portati le tende. Hanno intenzione di dormire l.

Portogallo/ ADESIONE ALTISSIMA, MA IN SERATA SCONTRI INTORNO AL PARLAMENTO

Giornata storica a Lisbona: sciopero totale, tutto fermo


Goffredo Adinolfi
LISBONA

tavolta impossibile non rilevare come quella di ieri sia stata davvero una grandiosa giornata di lotta. Trasporti bloccati, scuole chiuse, fabbriche ferme: Lisbona rimasta per lintera giornata avvolta in un insolito silenzio. indubbio che ieri i lavoratori hanno mostrato in modo inequivocabile quale sia il vero motore su cui il Portogallo pu contare per uscire dalla crisi. Apparentemente nulla sembrerebbe essere stato ottenuto, eppure, nonostante tutto sembri ripetersi, stavolta tutto appare differente. Per almeno tre ordini di ragioni: la prima che questa volta stato uno sciopero, o giornata di lotta, a livello europeo, moltiplicando, esponenzialmente, il suo impatto effettivo. In secondo luogo perch tutti gli indicatori economici rivelano come il percorso verso il baratro sia decisamente pi rapido di non quanto si potesse pensare. Il terzo punto, forse il pi importante, ha a che vedere con lidea stessa di democrazia: in un contesto di grande scarsit a essere messo in causa non pi solamente il salario o i diritti ma lintera struttura del sistema democratico. A essere contro le politiche del governo non ci sono solo movimenti e partiti di sinistra ma anche spezzoni di partiti e movimenti di destra, desiderosi di stravolgere la finanziaria sostituendo laumento dellimposizione, ovvero i 2/3 dellintero bilancio, con una drastica riduzione della spesa. Ma se si vuole procedere a tagli consistenti occorrer procedere a una riscrittura di molti articoli della Costi-

tuzione. quella che lattuale premier ha chiamato esplicitamente Rifondazione dello Stato. Democrazia e welfare ma non solo, perch anche il sindacalismo libero oggetto di un profondo ripensamento. vero sono anni che il sindacato sul banco degli imputati, ma oggi il coraggio, la tenacia, la fierezza di chi vive a livelli di sussistenza, spesso ben al di sotto, e per i quali una giornata in pi di lavoro segna la differenza tra il man-

Il governo vuole rifondare lo stato: aumenta del 10% il bilancio della polizia e pensa a mettere i tagli al welfare in Costituzione
giare e il non mangiare, un qualcosa di inspiegabile che riaccende la speranza. Il blocco sociale che un anno fa ha fatto di tutto perch il Portogallo chiedesse aiuto alla Troika, ben sapendo quali sarebbero state le conseguenze, ora sulla difensiva. Cercando di arginare i danni, i media danno grande enfasi alle parole del primo Ministro Pedro Passos Coelho che, in una giornata dove mai come prima la legittimit del suo governo stata messa in discussione, avverte che bench il diritto allo sciopero sia un diritto inalienabile occorre anche che non se ne approfitti troppo. Sullo sfondo la questione dei portuali accusati di boicottare, con il loro lungo e sofferto sciopero, le esportazioni e quindi di aggravare la

crisi: Se oggi non si trova un accordo - soggiunge Coelho - procederemo a precettazioni. Parole pesanti, intimidatorie. Il ministro degli Interni Miguel Macedo chiede alla forze di sicurezza di filmare tutto. E, per maggiore sicurezza, aumenta il bilancio delle forze dellordine del 10%. Il governo si mostra molto nervoso, quella di ieri stata senza ombra di dubbio una giornata storica, basta scorrere i numeri delle fabbriche in cui la produzione stata bloccata per farsi unidea. Come si sottolinea negli ambienti della Cgtp e del Pcp, non solo ladesione massiccia della pubblica amministrazione ma anche e soprattutto quella dei lavoratori del settore privato pi ricattabili e quindi pi timorosi a partecipare: i compagni delle ferrovie, quelli dei cantieri della Lisnave, degli autobus della Carris, metropolitane, tram, porti, centrali termoelettriche, insomma tutto. Il potere non ha paura delle proteste ma della lotta organizzata, sintetizza Jeronimo de Sousa, leader del partito Comunista portoghese ed indubbio che, conclude il segretario generale della Cgtp Armenio Carlos, questo non uno sciopero di protesta ma di proposta. Ecco il nodo di tutto: fino a che ci si limita a protestare il governo si sente tranquillo, latteggiamento vincente del sindacato stato, invece, quello di avere presentato un progetto alternativo e concreto non agli obiettivi imposti dalla Troika ma alle politiche della Troika. Purtroppo alla fine di una giornata sostanzialmente perfetta duri scontri si sono scatenati davanti al parlamento. Ovviamente basta un piccolo gruppo a giustificare un intervento della polizia che alla fine colpisce tutti, ma si sa l'oramai ben rodato modello Black Block. Dopo un'oretta di lanci di sampietrini, petardi e di tentativi di violare le barriere a protezione dell'Assembleia da Republica la polizia ha caricato e da l si scatenata la guerriglia urbana. Inutile dire che tutti i tg hanno aperto con gli scontri e tutto ci che era stato fatto di positivo nelle ore precedenti passato in secondo piano: armi di distrazione di massa.

GIOVED 15 NOVEMBRE 2012

il manifesto

pagina 7

IL FUTURO CONTRO

Europa

Una risposta dei governi europei arrivata dal primum inter pares, la Germania. Che insiste: nessuna attenuazione nella politica del rigore

IL MOTORE PORTOGHESE LISBONA PARALIZZATA DALLO SCIOPERO GENERALE DI 24 ORE, I LAVORATORI INCROCIANO LE BRACCIA, SCENDONO IN PIAZZA E SFIDANO LA TROIKA. NELLA FOTO A DESTRA LA PROTESTA DAVANTI AL PARLAMENTO DI ATENE

REAZIONI La cancelliera: Lo sciopero un grande diritto, ma dobbiamo fare ci che necessario

Porta in faccia della Merkel


Francesco Patern n tempo in Europa si diceva ordine, oggi si traduce in rigore. E il rigore deve regnare, anche se le piazze di mezza Europa si riempiono di gente e di tantissimi giovani che non vedono futuro, tutti a chiedere a gran voce pi equit sociale e pi lavoro. A rimettere in riga sindacati e collusi la cancelliera tedesca Angela Merkel: Dobbiamo spiegarci con i sindacati - ha risposto a Berlino a chi le chiedeva se le manifestazioni meritino una attenuazione delle politiche di austerit dei governi europei - il diritto allo sciopero una grande diritto delle democrazie e questo scontato. Ma ci che necessario va fatto lo stesso. E sul necessario che non si trova per accordo con la gente dEuropa, n si intravede un incontro a mezza strada. La politica europea - ha continuato Merkel - sempre di pi una politica interna e ci si riflette negli scioperi. Dobbiamo fare ci che necessario, sbloccare il mercato del lavoro, dare maggiori opportunit di impiego alle persone, creare pi flessibilit in alcuni settori e soprattutto offrire di pi ai giovani. Questo dobbiamo far capire ai sindacati continuando a parlare con loro. Merkel risponde picche e certo sorvola su particolari ininfluenti come le origini finanziarspeculative della crisi che viene fatta pagare ai ceti pi deboli o su una crescita che in paesi come lItalia manca da dieci anni. Ma di fronte a scioperi che hanno coinvolto migliaia di persone nei paesi del sud Europa fin su in Francia e, in modo pi simbolico, anche in Germania e in alcuni paesi del nord Europa, la cancelliera restata la sola tra i go-

vernanti a parlare. Non smuovendosi di una virgola, ma accettando suo modo un confronto. Il resto un buco nero, partendo da Roma per arrivare a Bruxelles. Abbiamo avuto un nuovo record del debito: aritmetica, finch c' il disavanzo, il debito aumenta, non c' niente da fare, dice il governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, aggiungendo che

avremo molti record davanti a noi finch non si raggiunge l'equilibrio di bilancio non solo in termini strutturali, ma assoluti. Quale equilibrio e su quali scenari? Da Bruxelles arrivata ieri la bozza di bilancio pluriennale dellUnione europea 2014-2020 messa a punto dal presidente permanente del Consiglio, Herman Van Rompuy. Ebbene, si prevedono tagli per 80,737 miliardi di euro rispetto ai 1.091,5 miliardi della proposta della Commissione Ue. In particolare, c un taglio dei fondi per la politica agricola comune (Pac) pari a 25,5 miliardi per il periodo 2014-2020 che fa gridare a fonti dellesecutivo europeo di disastro per la Pac e di rischio rinazionalizzazione. Sulla stessa linea il governo Monti. Ai sindacati spagnoli e a tutta la gente in piazza nella penisola

iberica ha risposto indirettamente il commissario europeo agli affare economici Olli Rehn: La Spagna non deve prendere nuove misure per ridurre il deficit nel 2012 e nel 2013, perch il governo di Madrid ha preso azioni efficaci per ripristinare le finanze pubbliche. Tutto bene dunque nel disastro attuale? No, perch, frena Rehn, per il 2014 sar necessaria una nuova valutazione a febbraio. E la Grecia sullorlo del default finanziario, dopo quello sociale e lavorativo gi avvenuti? La Ue, dintesa con il Fondo monetario internazionale, starebbe cercando altri 30 miliardi di euro per finanziare i due anni in pi da concedere al governo di Atene per rientrare dal debito. Come non chiaro, il quando una crocetta sul calendario che lascia il tempo che trova: il 20 novembre.

Grecia /IN 10 MILA MARCIANO FINO AL PARLAMENTO

23 PAESI Bruxelles, la rabbia davanti alle sedi Ue


Cipro, Polonia, Slovenia, Romania e Repubblica Ceca, la giornata di proteste stata organizzata da una quarantina di sindacati, ha interessato 23 paesi europei e contato ladesione di circa 25 milioni di lavoratori. Nel cuore dEuropa, Bruxelles scende in piazza: manifestanti si sono riuniti davanti alle ambasciate di Spagna, Portogallo, Grecia, Irlanda e Cipro, per spostarsi successivamente davanti a quella tedesca, contro cui sono state lanciate uova. Armati di fischietti, bandiere e striscioni anti-austerity in diverse lingue, si sono poi ritrovati davanti alle sedi della Commissione e del Consiglio Ue. E proprio alla Commissione Ue, una delegazione dei sindacati belgi guidata dal segretario generale della Ces, Bernadette Segol, ha consegnato un simbolico premio Nobel per l'austerity. La gare du Midi, stazione da cui partono i convogli internazionali, era semi vuota, nel caos i Thalys, treni ad alta velocit che collegano Bruxelles con diversi paesi europei, soppressi tutti i convogli verso la Germania. In migliaia sono scesi in piazza anche a Londra, Parigi e Berlino, anche se in forma pi light. Senza raggiungere i grandi numeri registrati altrove, studenti e lavoratori hanno manifestato in diverse citt tedesche. Davanti alla Porta di Brandeburgo si sono adunate circa 250 persone, con slogan di solidariet per i Paesi del sud Europa.

Ad Atene gli statali prendono la piazza: No al Memorandum


Argiris Panagopoulos
ATENE

nche la Grecia ha risposto con grande partecipazione allappello della Confederazione europea dei sindacati. Migliaia di ateniesi hanno sfilato ieri per protestare contro i tagli, rispondendo allinvito del sindacato del settore privato Gsee e del settore pubblico Adedy, che avevano aderito allo sciopero continentale. In piazza con i sindacati - con lo slogan Basta con lausterity, sviluppo adesso - sono scese almeno 10 mila persone, che hanno sfilato fino al Parlamento. Una delegazione poi entrata nella vicina sede della Commissione europea per consegnare una lettera di protesta contro i tagli. L'immagine di una donna di mezza et, dimessa e a testa bassa, che cammina in un corteo di dimostranti ad Atene innalzando un cartoncino bianco con la scritta Ho paura della fame, mio Dio sta facendo il giro del mondo e diventando il simbolo della disperazione dei greci. Questa volta a prendere liniziativa sono stati gli statali, visto che il "Terzo Memorandum", gi approvato e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale nonostante le numerose proteste di piazza e le defezioni in Aula, prevede la mobilit per duemila impiegati entro la fine dellanno e per altri 25 mila per il 2013. Se non si saranno trasferiti ad altri settori della pubblica amministrazione, questi impiegati saranno licenziati, mentre nei prossimi dodici mesi prenderanno il 75 per cento del loro stipendio. I sacrifici umani della troika partiranno dagli impiegati con le mansioni pi basse, per arrivare poi anche ai piani pi alti. Non a caso nel mirino dei lavoratori nelle amministrazioni locali si trova il rappresentante di Merkel in

Grecia, il democristiano Hans Joakim Fuchtel, che ha dichiarato che per il lavoro di mille tedeschi nelle amministrazioni locali in Grecia servono tremila impiegati. Il sindacato dei lavoratori nelle amministrazioni locali Poe-Ota si prepara a ricevere oggi Fuchtel bloccando la terza Assemblea greco-tedesca di amministratori locali a Salonicco. Gli impiegati nei servizi di pulizia del comune di Salonicco denunciano infatti che il rappresentante del governo tedesco ha gi un piano per privatizzare la raccolta dei rifiuti Lo stop con laiuto di imprese tede stato indetto dai sche e greche. sindacati del settore Il fatto che la Siemens, pubblico e di quello limpresa di tutte le tangenprivato. Ma lobiettivo ti in Grecia, ha preso lapora la riforma fiscale, palto di 400 milioni di euro che bastoner ancora dei cavi sottomarini per una volta i pi poveri lenergia nelle isole Cicladi pochi giorni dopo la visita di Merkel ad Atene ha scatenato la rabbia della gente, mentre la magistratura e il sindacato Gsee si sono gi mobilitati. A pochi giorni dalle votazioni al parlamento del "Terzo Memorandum" e della finanziaria sono usciti i dati disastrosi delleconomia greca, aumentando la rabbia di chi protesta, ma anche la disperazione di chi senza lavoro. Leconomia del paese sprofondata, con una recessione del 7,2 per cento nel terzo trimestre. Dagli inizi dellanno la recessione si assesta al 6,7 per cento, superando la previsione del 6,5 per cento per tutto il 2012. Nel mirino dei sindacati e dei partiti della sinistra radicale c ora la riforma fiscale. La troika vuole imporre la tassazione anche per strati pi poveri della popolazione, mentre tra il Fondo monetario internazionale e le istituzioni europee continua la guerra per risolvere il rebus della sostenibilit del debito greco e la Germania ha fatto slittare ancora una volta, al 20 novembre, il pagamento della tranche degli aiuti.

pagina 8

il manifesto

GIOVED 15 NOVEMBRE 2012

POLITICA
PRIMARIE PD Scegliere con la psicolinguistica

Renzi o Bersani? Questione di emozioni


De Saussure prima, e Fernando Dogana pi recentemente, hanno dirozza, a istinto, laveva forse mostrato che il senso delle parole gi capito quando ha scelto non coincide con i suoni che le comcome personaggio forte delle pongono. Nel 2006, in collaboraziosue caricature Pierluigi Bersani: lui, ne con lUniversit di Verona, si pi di Renzi, a evocare in chi lo ascolscoperto che la parola ha un senso alta un senso di novit. Non tanto per linterno di una frase e che i fonemi quello che dice, e men che meno per che le stanno attorno indicano il tipo come si presenta. Il fatto che andi emozione presente in tale parola. dando a analizzare nelluniverso Facciamo un esempio: se un politiweb le frasi, le citazioni e perfino le co usa la parola negro invece che critiche aspre rivolte al segretario del nero intravedo subito un discorso Pd si scopre che il suo linguaggio la razzista. Ma voi analizzate il suono sua melodia, potremmo dire fa ridel linguaggio, non il significato suonare nellauditorio le corde emodei singoli vocaboli, cos? tive del nuovo. Renzi invece stimola Perfetto. Per tra le parole negro e una sensazione di semplicit. Non si nero c una differenza non solo setratta di unanalisi semantica dei lomantica ma anche fonetica. Nella ro discorsi o delle conversazioni on liprima il suono pi gutturale, rozne che li riguardano, ma di uno stuzo. Dalle strutture fonetiche capiadio che applica lanamo quale tipo di lisi psicolinguistica, A dispetto del look emozione c dietro una scienza di cui in a un determinato diItalia si comincia ap- Pierluigi a dare scorso. Dunque noi pena a parlare. La analizziamo tutta la usano invece da tem- la sensazione di corona sonora attorpo un gruppo di inge- nuovo. E Matteo no al nome della pergneri, esperti di sona che mi interesmarketing e giuristi evoca semplicit sa, gli elementi foneche con la loro impretici presenti appena sa, Reputation Manager, si definiscoprima ed appena dopo la parola in no esperti di ingegneria reputazioesame, per avere una misura delnale web 2.0. Andrea Barchiesi ne lenergia emotiva. Anche perch l'atlamministratore delegato e in un litenzione indotta e la memorizzaziobro dal titolo Web Intelligence e Psine di un messaggio tanto pi forte colinguistica (Ed. Franco Angeli), quanto pi legato allemotivit. scritto insieme al ricercatore Felix SaE allora avete applicato la metodogrillo, ha spiegato questa nuova melogia Ewa ai due principali contentodologia chiamata Emotional Word denti delle primarie del Pd... Analysis (Ewa) volta a identificare S. Abbiamo anche analizzato il lolemozione nascosta dietro i suoni ro linguaggio e definito la loro efficadelle parole utilizzate in qualsiasi ticia durante il confronto su Sky: stapo di comunicazione. to pi efficace chi pi ha parlato di Ingegner Barchiesi, ci spieghi mevalori. Per se si analizza il percepito glio questo sistema. emotivo risultante dal linguaggio di Abbiamo capito che molto spesso Bersani e Renzi, a confronto con la la comunicazione non efficace perdicotomia novit-tradizione per ch si usano termini e si esprimono sviluppare un messaggio politico valori che non sono omogenei con la che ne tenga conto, si scopre che figura di chi parla. Stiamo cercando Bersani ad essere pi coerente con il di capire come la comunicazione arconcetto di nuovo, malgrado il suo riva alla pancia di chi la recepisce, look e il fatto che sia pi vicino al cerchiamo di sviscerare in modo concetto di "personaggio politico". scientifico le ragioni della vicinanza Le parole pi in sintonia con le emoo meno a certe argomentazioni. Abzioni che evoca Renzi, sono semplicibiamo sviluppato una piattaforma t e istintivit. Invece il "prodotto" software, l Ewa spider, che si muove Bersani lontano da semplice; genesul web come un utente e non come ra piuttosto la sensazione di articolauna macchina, identifica i testi che ci to, problematico. Ma anche di nuointeressano (quelli relativi a un detervo, denso, solidale. In sintesi, il mesminato prodotto o personaggio che saggio pi idoneo alla comunicaziovogliamo analizzare) e trasforma il tene di Renzi potrebbe essere per sto in sonorit, analizzando poi con unItalia pi semplice, mentre quella psicolinguistica questi suoni. lo per Bersani sarebbe essere solidaCos lanalisi psicolinguistica? li e dare spessore al Paese. Gilda Maussier

IL SEGRETARIO DEL PDL ANGELINO ALFANO CON IL LEADER DELLUDC PIER FERDINANDO CASINI

ELECTION DAY Il Pdl minaccia di mollare Monti se non unisce regionali e politiche. Udc e Fini: ha ragione

Un solo voto per Casini e Alfano


Domenico Cirillo
ROMA

LOMBARDIA

l segretario del Pdl Alfano alza i toni oltre il consueto, Berlusconi fa sapere di essere pronto a far cadere Monti, diversi parlamentari del centrodestra lo chiedono apertamente e questa volta, ed la prima volta, anche Fini e Casini sono daccordo con i vecchi alleati: bisogna accorpare le elezioni regionali e le politiche. Al Cavaliere non andata gi la decisione del Viminale di far svolgere le elezioni in Lazio, Molise e Lombardia il 10 e l11 febbraio. Non perch avesse in mente di celebrare in altro modo la giornata delle foibe (c chi pure lo chiede) ma perch separare il voto regionale da quello politico comporta per le armate in rotta del centrodestra almeno due grossi pericoli. Il primo che il traballante Alfano, che a febbraio sar stato appena sistemato sul podio dalle primarie, verrebbe immediatamente messo in discussione da tre probabili sconfitte. Il secondo che i successi regionali tirerebbero la volata al Pd per le elezioni politiche, al momento in calendario ad aprile. Dal canto loro i democratici, nel caso di voto accorpato, oltre a questa possibile cresta dellonda perderebbero anche la possibilit di vedere leterno indeciso Casini costretto a scegliere in anticipo le sue alleanze. Anche Casini naturalmente ha i suoi tornaconti con lelection day, il pi stringente dei quali velocizzare la corsa per le politiche in modo da prendere in contropiede i suoi amici del centro montiano. La comune Lista Italia, se si deve fare, meglio costruirla da una posizione di forza: a febbraio Montezemolo sar ancora lontano dallaver sistemato tutte le caselle. Ultimo, ma assolutamente non ultimo, c Giorgio Napolitano, lunico titolare del potere di scioglimento delle camere. Ha gi chiuso una prima volta la discussione sulle elezioni a febbraio: non le vuole. Ma, linterpretazione del Quirinale, le camere non possono restare aperte se non sono in grado di fare la riforma elettorale (e le ultime notizie, anche quelle di ieri, questo dicono). Non impossibile che il capo dello stato riveda la sua contrariet al voto anticipato, laddove dovesse constatare che lalternativa la paralisi del parlamento. Nel caso, dopo il voto, toccherebbe ancora a Napolitano assegnare lincarico per palazzo Chigi. Di certo loffensiva del centrodestra e del centro-centro questa volta forte, e il governo non potr non rispondere. Alfano e Berlusconi, di nuovo in splendida sintonia, addirittura hanno fissato un termine allesecutivo: venerd prossimo. Altrimenti giurano che ascolteranno le sirene dei tanti ex An che adesso chiedono di far cadere subito Mario Monti. Sono convinti che il doppio appuntamento elettorale consentirebbe al Pd di colpire e affondare il Pdl e vogliono evitarlo a tutti i costi. Naturalmente le motivazioni ufficiali che mettono avanti sono ben pi nobili. Ragioni economiche, giura Alfano che sostiene di aver gi calcolato i risparmi dellelection day: 100 milioni. Forse un po

Primarie, Ambrosoli ci sta ma pretende nuove regole


E vabb, se proprio dobbiamo... facciamo ste benedette primarie. Finalmente il candidato che tutti invocavano comincia a rilasciare dichiarazioni col contagocce - via facebook - dicendo che accetta di competere con gli altri candidati che ambiscono alla poltrona di presidente della Regione Lombardia. Con una metafora non troppo ricercata, il sindaco Pisapia - convinto sponsor di Umberto Ambrosoli - a spiegare come stanno andando le cose: Nel centrosinistra dopo la tempesta sta tornando il sereno, il sole... dopo tanti anni necessario e indispensabile un cambiamento nellinteresse dei cittadini. La novit, e pare che Ambrosoli abbia puntato i piedi per questa soluzione, un Comitato svincolato dai partiti che si incaricher di organizzare le primarie (si vota il 15 dicembre). LAmbrosoli-pensiero, in attesa del suo annuncio ufficiale previsto per domani, si pu riassumere cos: lui avrebbe proposto di lanciare contro chi ha la responsabilit di aver sostenuto la giunta Formigoni una sfida nuova, che veda non solo nei partiti i soggetti responsabili dellindizione del processo di selezione del candidato dellintera area politica. E ancora: i partiti avrebbero colto la significativit di questa sfida accettando di mettere in discussione le primarie, strumento utilissimo del quale si erano dotati, per creare tramite la coponente civica un percorso di ancor pi ampia partecipazione. Le nuove regole verranno illustrate domani. Vedremo cosa diranno gli altri candidati per le primarie (Andrea Di Stefano, Alessandra Kustermann e Roberto Biscardini). lu.ma.

troppi, considerando che si voterebbe doppio solo in tre regioni, le due pi grandi e una assai piccola. Nel sostenerlo Alfano evita di dire che il ritorno alle urne si reso necessario per i fallimenti di tre amministrazioni di centrodestra, travolte dagli scandali. E dimentica che si poteva votare molto prima, entro natale, ma che non lo si voluto fare, allungando cos lo stipendio dei consiglieri regionali. Anche Bersani nobilita la sua diversa opinione: bisogna rispettare le prerogative del capo dello stato, dice. E, aggiunge, anche avere regioni senza governi rappresenta un costo. Ma anche il segretario Pd si rende conto che largomento economico di Alfano, per quanto falso e demagogico, ha pi presa. E forse adesso ripensa a quanto poco si siano spesi i consiglieri regionali del Pd per accelerare il voto nel Lazio. Intanto, a dimostrazione della doppiezza del Pdl, Renata Polverini moltiplica ricorsi e resistenze per restare in sella ancora un po. E Casini? Sostiene di voler accorpare il voto regionale a quello politico per evitare una campagna elettorale troppo lunga. Vuole mettere al riparo Monti da un eccesso di tensioni. In fondo sempre il professore bocconiano il suo cavallo per il 2013. Prima o dopo il voto.

CASA Gli enti privatizzano e le banche non danno mutui. Con la crisi morosit all87%

Emergenza sfratti, oggi sit in in Campidoglio


mili, la cui discussione, slittata pi volte, nel calendario dei lavori della Camera dal 20 al 22 novembre. Tre mozioni che chiedoelenco si ferma al solo mese di nono al governo una moratoria dellaumento vembre ma gli appuntamenti con dei canoni, la definizione di prezzi di vendilufficiale giudiziario per la notifica ta agibili sulla base della legge 410 e delle dello sfratto sono pi di dieci. il calendario agevolazioni sui mutui spiega Roberto Modegli inquilini che abitano nelle case degli rassut, deputato del Pd e firmatario di una enti previdenziali privatizzati, dei fondi pendelle mozioni. Anche il sindaco di Roma, sione e assicurativi a Roma alle prese con auGianni Alemanno, ha sostenuto in prima menti degli affitti, dismissioni e, per molti di persona, a met del mese scorso, una propoloro, impossibilit di accesso al mutuo che sta di legge presentata dai deputati Pdl Marper oggi pomeriggio si sono dati appuntacello De Angelis e Barbara Saltamartini. Admento sotto al Campidoglio per uniniziatidirittura un ministro del governo Monti, va di protesta. Lultima di una lunga serie. quello per la Cooperazione, Andrea RiccarNei mesi scorsi sono scesi di, si mosso sul tema proin piazza pi volte, da MonSono 64mila le nuove ponendo alle commissiotecitorio alla Prefettura, per ni competenti di inserire chiedere - spiega Angelo Fa- sentenze nel 2011. nel decreto legge di stabiliscetti, del sindacato di base t un articolato volto fissaAsia Usb - il blocco delle di- E gli inquilini non re il prezzo di vendita in smissioni, dei mutui insoste- riescono a comprare 150 mensilit. Ma la proponibili, dellaumento degli afsta stata accantonata. E fitti che hanno dato il via a quelle in vendita intanto continua la dismisuna serie di sfratti. Il tutto sione. E anche gli sfratti. con lobiettivo di aprire un tavolo interistituIl 26 novembre, dopo diversi rinvii, luffizionale in grado di definire le misure necesciale giudiziario si presenter alla porta di sarie ad affrontare questa situazione. La Massimo, fino a pochi mesi fa inquilino di pressione delle iniziative tutta verso il un fondo della ex Banca di Roma, ora sotto mondo della politica che, in seguito alle prosfratto perch nel 2010 non sono riuscito a teste insistenti, si mossa trasversalmente ottenere il mutuo per comprare lappartain difesa degli inquilini ma che finora non mento in cui vivo che stato venduto a terha ancora prodotto nulla di concreto protezi. Il 21 novembre anche uninquilina della stano. cassa ragionieri, la Cnpr, che preferisce riCi sono tre mozioni presentate rispettivamanere anonima, madre di due bambini mente da Pd, Pdl e Udc, sostanzialmente sipiccoli, aspetta di capire se potr rimanere. Ylenia Sina
ROMA

Nel 2007 da 650 euro mi hanno chiesto un affitto di 1800 euro e la dismissione prevede che la mia casa finisca in un fondo immobiliare spiega. Altri ne sono previsti negli immobili dellEnpaia, lEnte nazionale di previdenza per gli addetti in agricoltura. Storie che si inseriscono in un panorama romano e nazionale preoccupante. Crescono le mobilitazioni contro gli sfratti. Dagli inquilini degli enti, ex ceto medio che mai avrebbe pensato di avere problemi con la casa, ai movimenti di Abitare nella crisi, che il 20 ottobre hanno dato avvio alla campagna nazionale Stop agli sfratti e alla vendita del patrimonio pubblico, a cui hanno

partecipato anche molti inquilini. Gli ultimi dati forniti dal Ministero degli Interni relativi al 2011 parlano chiaro: su 63.846 nuove sentenze di sfratti esecutivi per ben l87 per cento la causa la morosit, aumentata dal 2006 ad oggi del 64 per cento. La crisi ha giocato un ruolo centrale. Se fino al 2007 la quota era di circa 40 mila sfratti, dal 2008 al 2011 lievitata a quasi 64 mila. Sono aumentati gli sfratti anche al centro nord, nelle zone industriali, e nelle citt medio piccole come Livorno, Lodi, Novara che hanno il rapporto sfratto per famiglie in locazione privata pi alto dItalia spiega Walter De Cesaris segretario nazionale dellUnione Inquilini che insieme ai sindacati di categoria Sunia, Sicet e Uniat ha lanciato una campagna per chiedere al governo una moratoria degli sfratti per le fasce sociali pi deboli. Il prossimo 23 novembre saranno in presidio davanti al Ministero delle Infrastrutture.

DIFFAMAZIONE Il Consiglio dEuropa preoccupato


Lemendamento approvato laltroieri a Palazzo Madama con voto segreto su istigazione della Lega e con il sostegno dellApi di Francesco Rutelli, quello che prevede il carcere fino a un anno per i giornalisti che diffamano a mezzo stampa, ha sbalordito anche il commissario dei diritti umani del Consiglio dEuropa, Nils Muiznieks. La grande preoccupazione, ha spiegato il commissario da Strasburgo, si deve al fatto che tale norma sarebbe un grave passo indietro, e non solo per lItalia: Allinizio del dibattimento la speranza era che la nuova legge depenalizzasse la diffamazione portando cos lItalia in linea con gli standard del Consiglio dEuropa. Secondo i parametri europei, sostiene Muiznieks smentendo indirettamente quel genio di Rutelli, i giornalisti non devono andare in carcere per le notizie date e la diffamazione dovrebbe essere sanzionata solo attraverso misure proporzionate previste dal codice civile. Inoltre, aggiunge, malauguratamente adesso sembra che la nuova legge mantenga in vigore la possibilit di prigione per i giornalisti, fatto che invierebbe un messaggio negativo ad altri paesi europei in cui la libert dei media seriamente minacciata. Sul caso intervenuto ieri il ministro della Giustizia Paolo Severino. Il mio auspicio ha detto - che possa riprendere il dibattito parlamentare che porti a un consolidamento della linea dellesclusione del carcere e un miglioramento delle misure a garanzia da una parte del diritto-dovere di informare e dallaltra del diritto di riparazione, come la rettifica.

GIOVED 15 NOVEMBRE 2012

il manifesto

pagina 9

INTERNAZIONALE
ISRAELE Loperazione mirata colonne di nuvole lanciata ieri contro la Striscia di Gaza fa strage di civili

Ucciso il capo militare di Hamas


Michele Giorgio
GERUSALEMME

FRANCIA

olonne di Nuvole. Loperazione militare lanciata ieri da Israele contro la Striscia di Gaza evoca unimmagine da Paradiso. Unoperazione cominciata con lassassinio di Ahmad Jaabari, il comandante militare da Hamas, il pi importante degli esponenti del movimento islamico ucciso da Israele dalla fine delloffensiva Piombo fuso (gennaio 2009) ad oggi. Il Paradiso centra nulla con quello che accaduto. Ieri su Gaza si scatenato lInferno. Sono stati oltre venti i raid dellaviazione israeliana. Gli aerei hanno colpito ovunque, da nord a sud. Obiettivi militari si affrettato a spiegare il portavoce dellesercito, sottolineando che la prima ondata delle incursioni aeree aveva distrutto presunti depositi di razzi Grad a medio e lungo raggio in possesso di Hamas e magazzini pieni di armi e munizioni. Ma da Gaza arrivavano notizie ben diverse. Negli edifici colpiti cerano anche se non soprattutto civili. Il bilancio ufficioso parla di 13 morti, fra cui una donna e due bambini. Israele ha aperto le porte dellinferno ha avvertito un portavoce delle Brigate Ezzedin al Qassam, lala armata di Hamas che Ahmad Jaabari aveva contribuito a costituire, fino a farne una milizia ben addestrata e disciplinata. Ieri sera mentre chiudevamo questo servizio giunta la notizia di un attacco con razzi in tre fasi contro Beersheva, la pi importante

Lopposizione siriana invitata a Parigi


Il presidente della nuova Coalizione dellopposizione siriana, sheikh Ahmad Moaz Al-Khatib, effettuer nei prossimi giorni una visita in Francia, su invito di Parigi. Lo ha annunciato ieri il ministro per gli Affari esteri francesi Laurent Fabius, definendo la Coalizione (che ha preso forma l11 novembre a Doha) una luce di speranza . Marted, il presidente Franois Hollande aveva riconosciuto la Coalizione, aggiungendo per che eventuali invii di armi ai ribelli non erano allordine del giorno, e che i fondi sarebbero invece stati destinati ad aiutare i rifugiati e gli sfollati. Per il viceministro degli Affari esteri siriano, Fayal Mekdad, riconoscendo lopposizione la Francia ha preso una decisione immorale.
GAZA CITY, LAURTO DEL GENERALE AL JAABARI COLPITA DA UN RAID ISRAELIANO. A DESTRA: CIVILI IN FUGA DA ALEPPO / FOTO REUTER

SIRIA

Effetti collaterali: oltre 2 milioni di persone in fuga


Marinella Correggia ltre 1,5 milioni i siriani in questi 19 mesi di guerra hanno prima o poi lasciato le loro case rifugiandosi in altri luoghi allinterno della Siria, per sfuggire agli scontri. Altri hanno lasciato il paese: 200mila sono registrati in Libano, 205mila in Giordania, 110mila in Turchia. E 60mila in quellIraq che dopo linvasione occidentale nel 2003 aveva visto partire profughi partiti milioni di suoi cittadini, soprattutto verso la Siria. Oltre 2 milioni di sfollati sono il primo effetto collaterale del conflitto siriano. La fuga da casa, il collasso dei servizi pubblici, la paralisi economica dovuta alla guerra ma anche alle sanzioni internazionali, il brusco aumento del costo dei generi di prima necessit (cibo, bombole del gas), rendono la vita difficilissima anche a chi non cade vittima di scontri o attentati. E linverno si avvicina. Oltre 400mila persone sono sfollate a Damasco. Molti degli abitanti di Aleppo vivono ora presso parenti o conoscenti, magari in campagna; ma c anche chi costretto a dormire nelle scuole, in altri edifici pubblici o addirittura provvisoriamente - nei parchi delle aree tranquille. Dopo qualche giorno tornano a casa, oppure devono scappare di nuovo. Poi c anche chi non riesce a spostarsi o non vuole, e rimane intrappolato. Alcuni casi sono estremi. La Associated Press citava in ottobre i casi di Nubl e Zahra, due cittadine sciite in piena zona sunnita, a nord ovest di Aleppo: da luglio sono assediate dallEsercito siriano libero che controlla tutta larea circostante. Scarseggiano elettricit e combustibili. Sotto i bombardamenti di missili e mortai sarebbero morti circa 150 civili; duecento i rapiti. A Homs nei giorni scorsi sei addetti della Croce Rossa Internazionale e 28 volontari della Mezzaluna Rossa siriana (Sarc), compresi alcuni medici, sono riusciti per la prima volta a negoziare lingresso nei quartieri Khalidiye e Hamidiye, controllati dallopposizione armata. Hanno soccorso centinaia di civili in difficolt. Ma sul posto sono in effetti rimaste pochissime persone. Altriquartieri in conflitto sono Bustan Diwan, Salibi, Warcheh, Bab Houd, Bab Dreib, Jouret Shiyah. Nelle altre parti della citt la vita si va lentamente riprendendo. Colpiva, giorni fa, luccisione (ne riferiva Fides) di Elias Mansour, 84 anni, lunico cristiano rimasto nellarea Wadi Sayeh (voleva accudire il figlio disabile, che adesso le autorit locali non riescono a trovare). Un gruppo di cristiani abitanti nei pressi del convento dei gesuiti nel centro storico (che secondo lagenzia vaticana stanno sperimentando solidariet, spirito di condivisione e divisione del pane) segnala una grave situazione sanitaria. Sono gli 11mila volontari della Mezzaluna siriana, ha spiegato il suo direttore al quotidiano libanese in lingua inglese Al Manar, a veicolare con 80 sottostazioni sia lassistenza di stato sia gli aiuti della Croce Rossa internazionale e di agenzie come il Programma alimentare mondiale, in condizioni difficili e rischiose (diversi volontari sono stati uccisi nei mesi scorsi). John Ging, direttore dellUfficio Onu per gli affari umanitari, conferma che la Sarc distribuisce ogni mese cibo a 1,5 milioni di persone, per met in aree di conflitto, il resto agli sfollati; ma ci sono aree impossibili da raggiungere, soprattutto quelle sotto il controllo di gruppi dellopposizione da mesi. Anche nelle zone pi colpite dagli scontri si sono sviluppati esempi di mutuo aiuto e sostegno a chi ha pi bisogno, riferiscono le testimonianze individuali che riescono a farsi sentire fuori dal paese. Nel confessionalismo che ha preso piede in Siria, questa rimane una speranza.

Le Brigate Ezzedin al Qassam avvertono: Tel Aviv ha aperto le porte dellinferno


delle citt israeliane nel Neghev, dove hanno ferito una donna allinterno di un negozio. Almeno altri 15 razzi sono caduti in altre localit del sud di Israele. Una rete televisiva ha riferito che un razzo stato indirizzato anche verso Dimona ma sarebbe caduto a grande distanza dalla centrale atomica. Soddisfatte per il colpo messo a segno, lIdf, le forze armate israeliane hanno subito diffuso un video che mostra il momento in cui il missile sganciato (con ogni probabilit un

drone) ha centrato la Kia con a bordo il comandante militare palestinese, uccidendolo assieme al suo assistente (http://www.youtube.com/ watch?v=kXatG2Z9Oqc&feature= player_embedded). Questo filmato non stato rimosso dai responsabili di Youtube, che invece laltro giorno erano stati solleciti nelloscurare il video messo in rete dai Comitati di resistenza popolari che mostrava un attacco compiuto lungo il confine tra Gaza e Israele da un commando del Fronte Popolare contro una jeep israeliana (quattro soldati feriti). Jaabari rivestiva un ruolo di primissimo piano nel movimento islamico di cui rappresentava luomo forte da quando nel 2007 con i suoi combattenti aveva sbaragliato in poche ore le forze di sicurezza fedeli al presidente dellAnp nel 2007 e portato Hamas a controllare Gaza. Di recente aveva boicottato e criticato la linea troppo politica del leader uscente di Hamas, Khaled Mashaal, e insistito affinch fosse dato pi peso e potere alla leadership a Gaza rispetto a quella in esilio. Jaabari era circondato da un alone di ammirazione popolare soprattutto per il modo con cui aveva gestito la lunga prigionia a Gaza del militare israeliano Ghilad Shalit, catturato nel 2006 e liberato lo scorso anno in cambio di

circa mille detenuti politici palestinesi. Quando il suo cadavere stato portato allospedale Shifa, una folla di centinaia di persone e militanti di Hamas ha scandito il suo nome. Lutto unito al furore, mentre i poliziotti sparavano in aria prolungate raffiche di arma automatica e invocavano vendetta contro Israele. Poco dopo le ambulanze hanno portato i cadaveri di altri due ufficiali di Hamas, Raed Attar e Muhammed al-Ammas. E infine arrivato anche il corpo della piccola di 7 anni uccisa dalle bombe. Nello stesso momento le reti televisive israeliane mostravano cinque foto, tra le quali quelle di Mashaal, del premier di Hamas Ismail Haniyeh e dellex ministro degli esteri Mahmoud Zahar (lultimo ancora in vita del gruppo che nel dicembre del 1987 fond a Gaza, il movimento di resistenza isla-

mica palestinese). Dirigenti che ieri sono stati portati in rifugi apparentemente sicuri. Hamas poco dopo ha minacciato di compiere attentati suicidi in Israele in risposta alluccisione di Jaabari. Le possibilit della resistenza sono aperte ha avvertito Ismail al-Ashqar della direzione politica. Lala militare del Jihad islami ha detto a sua volta che non ci sono pi linee rosse. Lo spettro dellinvasione di terra, di una ripetizione di Piombo fuso aleggiava ieri sera su Gaza mentre gli Stati uniti si schieravano apertamente con il diritto allautodifesa di Israele e lEgitto, al contrario, condannava seccamente il governo Netanyahu, e ha poi annunciato il ritiro del proprio ambasciatore a Tel Aviv. Da Ramallah, dove centinaia di persone hanno manifestato contro

Israele, Abu Mazen ha condannato lattacco a Gaza e ha chiesto una riunione demergenza della Lega araba. Ma il presidente dellAnp deve a sua volta guardarsi le spalle. Israele si preparerebbe a rovesciarlo, almeno a dar credito a un documento riservato del ministero degli Esteri ottenuto dallagenzia di stampa francese Afp, in risposta alla richiesta di adesione dello Stato di Palestina come non membro-osservatore allOnu che Abu Mazen presenter il 29 novembre a nome dellOlp. Ieri a Ramallah e in molte altre citt della Cisgiordania, anche a Gerusalemme Est, migliaia di palestinesi hanno manifestato, scontrandosi con la polizia e lesercito, nellanniversario della dichiarazione dindipendenza letta dal presidente scomparso Yasser Arafat nel 1988 a Ginevra.

Stati Uniti/ PRIMA CONFERENZA STAMPA DOPO LA RIELEZIONE

Pi tasse per i ricchi, cautela su Petraeus. Obama a tutto campo


ra particolarmente attesa, la prima conferenza contro lambasciatrice Rice un oltraggio, ha detto. stampa del presidente degli Stati uniti Barack Rice ha svolto un lavoro esemplare e se i senatori hanObama dopo la sua rielezione. E non stata mono qualcosa da rimproverare allamministrazione su nopolizzata dalla soap opera che sta travolgendo i cocome stato gestito il caso di bengasi se la prendano mandi militari Usa dopo le improvvise dimissioni del con lui stesso. (Rice aveva definito in un primo momengenerale David Petraeus - come pure si poteva temere. to una spontanea esplosione di folla lattacco costato Nel suo incontro con i media Obama ha s parlato del la vita allambasciatore Stevens). In ogni caso, proprio caso Petraeus, ma non solo: lattacco di Bengasi, la poliieri il generale Petraeus ha confermato che si presentetica fiscale, limmigrazione, il cambiamento del clima, r volontariamente alla commissione del Senato sui il dialogo con lIran sono tra le questioni toccare dal servizi segreti, che ha avviato una sua indagine sulla depresidente americano. faillance di sicurezza negli eventi di Bengasi (gesto reSul caso Petraeus, che si dimesso dal posto di capo sponsabile, ha commentato la senatrice Dianne Feindella Cia la scorsa settimana dopo aver ammesso di stein, democratica, che presiede la commissione). aver avuto una relazione extraconiugale, Obama anUn altro tema di rilievo della prima conferenza stamdato cauto. Ha detto che al momento nulla indica che pa del secondo mandato di Obama il baratro fiscaci sia stata una fuga di informazioni segrete di qualche le, il fiscal cliff. E su questo il presidente sembra decirilievo, nello scambio tra il generaso: ha detto che non si possono aule e la sua biografa Paula Broadwell Il presidente ha difeso mentare le tasse sulla classe media o altri, comunque non tali da met(termine che negli Usa si riferisce a tere in pericolo la sicurezza nazio- lambasciatrice Rise sul operai, lavoratori dipendenti, rednale. LFbi - gli stato chiesto diti medi), perch questo metterebcaso Bengasi. Ha non doveva informare pi tempebe a rischio i consumi e la ripresa stivamente la Casa Bianca (e il Conannunciato misure per delleconomia. Nei prossimi giorni gresso) dellindagine in corso sul il Co ngresso comincer a discutegenerale? Ma Obama ha rifiutato gli immigrati e sul clima re una serie di misure finanziarie di attaccare o dare giudizi su come (tasse e tagli di spesa), e Obama inil Federal Bureau of Investigation ha condotto la factende chiedere pi tasse sui redditi pi alti. Quando si cenda: Sospendo il giudizio su come tutta la questiotratta del 2 per cento pi ricco, non intendo estendere ne che circonda il generale Petraeus venuta fuori. ulteriormente il taglio delle tasse per persone che non Non abbiamo ancora tutte le informazioni. Ha reiterane hanno alcun bisogno, e che ci costerebbe quasi milto la sua fiducia nellFbi, stanno facendo un lavoro difle miliardi, ha detto. Cosa succeder se il Congresso ficile. Ha anche speso qualche parola di apprezzamennon trovasse in accordo? Torneremmo alla recessioto per loperato di Petraeus, il generale che ha portato ne, sarebbe una pessima cosa, ha risposto Obama gli Stati uniti fuori dallIraq (e ha cercato di replicare in che proprio ieri, dopo la conferenza stampa, ha riunito Afghanistan). alla casa Bianca rappresentanti della business comDietro il caso dellex capo della Cia molti vedono il munity simpatetici (esclusi la Camera di Commercio contraccolpo del clamoroso attacco islamista contro il e Wall street). consolato usa a Bengasi in cui stato ucciso lambaAncora: il presidente ha detto che il cambiamento sciatore americano in Libia, Stevens. Un contraccolpo del clima una questione seria e intende occuparsene lattacco frontale lanciato da alcuni senatori repubblial pi presto. Che il prossimo gennaio proporr una cani contro Susan Rice, attuale ambasciatrice Usa alle nuova legge sullimmigrazione, in particolare per gaNazioni unite, il cui nome circolato come possibile rantire uno status legale agli immigrati illegali gi negli nuovo segretario di stato al posto che lascer Hillary Stati uniti. E che affronter presto anche la questione Clinton: i senatori John McCain e Lindsey Graham handellIran: cercher nei prossimi mesi di vedere se si no dichiarato che faranno di tutto per bloccare ogni pu aprire un dialogo diretto tra lIran e non solo noi sua futura promozione. Obama lha difesa: lattacco ma tutta la comunit internazionale.

CINA Eletti i componenti del comitato centrale

Chiuso il XVIII Congresso del Partito Comunista


ichiaro adesso che il XVIII congresso del Partito comunista cinese si concluso vittoriosamente. Con queste parole, il presidente uscente Hu Jintao ha terminato il suo discorso nel Grande Palazzo del Popolo, in piazza Tienanmen. Un congresso che ha sostituito i dirigenti anziani con altri pi giovani, ha detto ancora Hu Jintao prima che i 2.325 delegati si alzassero in piedi per intonare lInternazionale. A mano alzata e allunanimit, il plenum ha modificato lo statuto del Partito in base a un nuovo modello di sviluppo scientifico e vi ha inserito la necessit di promuovere il progresso ecologico. Durante la prima conferenza stampa, il 7 novembre, Cai Mingzhao, portavoce del congresso, aveva anticipato alcune questioni-chiave in discussione, come la lotta alla corruzione. E aveva parlato a lungo del caso Bo Xilai, il dirigente di Chongqing destituito perch sospettato di essere coinvolto in una serie di gravi violazioni disciplinari; e quello dellex ministro delle ferrovie Liu Zhijun, accusato di corruzione e di cattiva gestione per aver contribuito, tra le altre cose, alla collisione tra due treni ad alta velocit nel luglio 2011 (40 morti e 172 feriti). E non aveva citato un altro caso ancora pi ingombrante,

quello che riguarda le immense fortune della famiglia del primo ministro Wen Jiabao (che lascer lincarico a marzo 2013) rivelate dal New York Times del 26 octobre. Anche per questo, Cai aveva anticipato la messa in campo di un drastico programma di prevenzione e lotta alla corruzione per il periodo 2013-2017. E Hu Jintao, nel suo discorso dapertura di circa unora e mezza aveva lanciato il suo grido dallarme contro la corruzione che potrebbe - aveva detto - rivelarsi fatale se non si fa niente per sradicarla. Per questo aveva insistito sulla riforma politica come parte importante del pi generale piano di riforme da attuare. E - come nel precedente congresso - aveva invitato i comunisti a dare pi importanza al miglioramento del sistema democratico. Alla fine, i delegati hanno eletto con voto segreto i componenti del comitato centrale, 205 quadri del Partito che rappresentano oltre 82 milioni di iscritti. Il comitato elegger i membri dellUfficio politico (25) e del Comitato permanente, probabilmente ridotti da 9 a 7. Segretario generale del partito sar Xi Jinping, che verr eletto presidente della Repubblica dallAssemblea nazionale popolare nel marzo 2013, cos come il futuro primo ministro Li Keqiang.

pagina 10

il manifesto

GIOVED 15 NOVEMBRE 2012

CULTURA

MONDI DIGITALI

I tarli della mela morsicata


Benedetto Vecchi a Foxconn una fabbrica divenuta nota per i suicidi degli operai ridotti a larve umane per i ritmi bestiali del flusso lavorativo. Da quando le notizie sulla silenziosa strage di giovani operai e operaie hanno lacerato il velo di silenzio che avvolgeva le sue fabbriche cinesi, il suo nome ha acquisito un suono sinistro, diventando il simbolo del capitalismo gestito dal partito comunista. Tra le molte informazioni divenute pubbliche, ce ne una che coinvolge la Apple. FoxConn, infatti, il maggiore, se non lunico produttore degli iPhone e iPad che hanno trasformato la societ di Cupertino in un colosso dellhigh-tech. La scorsa settimana hanno cominciato a circolare indiscrezioni che la domanda di iPhone 5 e delliPad 2 cos alta che la Foxconn non riesce a soddisfarla in tempi ragionevoli. Non dato da sapere se alla Foxconn hanno intensificato i ritmi di lavoro. certa per lirritazione della Apple. Ma questo solo uno dei tanti problemi che la Apple deve fronteggiare. Dalla morte di Steve Jobs sono cominciate infatti a circolare indiscrezioni su uno scontro ai vertici dellazienda, che vedeva protagonisti Tim Cook e Scott Forstall, rispettivamente amministratore delegato e direttore dei sistemi operativi della Apple. Alla fine, lo scontro ha visto vicente Tim Cook, che ha messo alla porta Forstall. Lo sconfitto era arrivato alla Apple pochi mesi dopo che Jobs era stato richiamato per salvare una impresa quasi al tracollo. Suo lo sviluppo del sistema operativo MacOsx, montato sul notebook che ha rappresentato il primo successo commerciale del ritorno di Jobs. Suo inoltre il sistema operativo degli iPhone e iPad. Personaggio iracondo, autoritario e tuttavia carismatico, Forstall era chiamato il piccolo Steve Jobs. Famosi sono i suoi scontri con altri personaggi chiave della Apple, come Jonathan Ive, il gran capo del design dei prodotti della mela morsicata, lunico personaggio che riusciva a stabilire un rapporto alla pari con Steve Jobs.

Un libro sui misteri della Apple e ledizione della Intervista perduta di Steve Jobs pongono il problema di quale sar il futuro della societ di Cupertino. Un futuro con ampie zone dombra che il successo dei suoi prodotti non riesce a nascondere

Il potere del marchio


Come strato scritto con efficacia in uno dei blog dellHuffington Post (www.huffingtonpost. com/2012/10/30/jony-ive-promotion-apple_n_2043401.html), lo scontro consumato in questi ultimi mesi attesta il consolidamento di una leadership manageriale che oltre a Cook, vede come protagonisti lo stesso Ive, Eddi Cure, Craig Federighi e Bob Mansifield, teste duovo da molti anni della Apple, ma sempre messi in ombra dalla figura di Steve Jobs, che come accentratore aveva ben pochi rivali dentro e fuori la sua societ. Quello che ancora non si riesce per a capire quale sar il futuro della Apple. indubbio che iPhone, iPad, sono i prodotti che tirano: gli alti profitti vengono dalla loro vendita. Allo stesso tempo, la rete degli Apple Store sono, al tempo stesso, un efficace mezzo di vendita, ma anche di promozione di uno stile di vita incardinato sullesaltazione dellinnovazione, sulla fede nel duro lavoro che garantisce il successo individuale, nella centralit dellindividuo, nelladesione a un sistema di valori edonista: fattori che sono esaltati dalleleganza, affidabilit, potenza elaborativa dei prodotti Apple. Anche il tentativo di sviluppare una propria cloud computing punta a consolidare uno spirito comunitario, imponendo per un criterio poco amato in Rete: per accedere ai contenuti bisogna pagare, anche se in una forma diluita nel tempo. Tutto ci costituisce lattuale fotografia del successo Apple. Adam Lashinsky in un recente saggio prova tuttavia ad aggiungere altri elementi per comprendere il successo della mela morsicata. Lossessione per la sicurezza presente allinterno della societ di Cupertino, ad esempio. Dentro Apple nessuno deve infatti parlare con estranei del lavoro che svolge: un divieto che vale anche per i familiari; e non visto di buon occhio neppure lo scambio di informazioni con i colleghi. Anche gli spostamenti allinterno dellimpresa sono limitati da un sistema di badge che consente o meno di passare da un edificio allaltro in base al team di lavoro. Un clima claustrofobico che trova una legittimazione, alimentandolo, in un sistema di caste che si consolidato nel tempo e che non necessariamente coincide con le gerarchie formali.

Internet/ LA RETE CHE LAVORA DI IVANA PAIS

Un profilo a banda larga per il revival dellartigiano


BenOld va caratterizzate da una intermittenza tra lavoro e non lavoro e dall'individuazione di alcuni possibil lavoro e la Rete. Tra i due contesti c un inli diritti. Quasi del tutto assente, per quanto riguardubbio legame se si pala di chi lavora in impreda la pubblicistica italiana, il ruolo svolto da Interse che operano in Rete dagli sviluppatori di net nella ricerca del lavoro e nella autogestione delsoftware ai progettisti dei siti Internet, da chi fa la formazione permanente. A colmare questo ruocommercio elettronico a chi produce informaziolo ci ha pensato la giovane ricercatrice Ivana Pais ne. questo un campo di indagine abbastanza con il volume La Rete che lavora (Egea, pp. 152, euindagato e che ha alimentato, nel recente passato, ro 16). Dopo aver affermato che Internet il contemitologie sul clima goliardico, sto dove i capitali economico, soanarchico, refrattario a qualsiasi ciale e culturale hanno modo di deLautogestione gerarchia e esercizio di autorit finire il rafforzamento di una che regnerebbe nelle imprese hiidentit connettiva, lautrice apdella formazione gh-tech. Dalle decine di lavori profondisce il ruolo svolto da siti permanente giornalisti o analisi sui nerd, i come LinkedIn, Viadeo, Xing non geek, lo spirito hacker del nuovo solo come esempi di reti professioe la ricerca capitalismo, lorganizzazione new nali in divenire, ma anche come del lavoro on line age del Googleplex molte cose sopossibili strumenti per trovare lano state scritte. Meno analizzato voro, socializzare conoscenze e troinvece linfluenza della Rete sia nella ricerca del lavare la via migliore per accedere a una formazione voro che come medium nella formazione di identipermanente negata da arcaiche politiche della fort professionali dei cosiddetti lavoratori della comazione. noscenza. Ivana Pais considera questi e altri siti la rappreFinora in Italia solo Sergio Bologna e Dario Banfi sentazione di una figura professionale da lei definilo hanno fatto in Vita da Freelance (Feltrinelli), che ta neo-artigianale. Ma ci che emerge che i dedica alcuni capitoli al cambiamento della cultuneo-artigiani non sono professionisti con una alta ra professionale avvenuto con la grande trasformaqualificazione, bens tutte quelle figure lavorative zione del mercato del lavoro (la crescita del cosiddivenute imprenditori di se stessi, cio espressione detto lavoro autonomo di seconda e terza generadi un individualismo lavorativo reticolare. Lultizione) e che ha avuto nella Rete, attraverso decine ma invenzione di un modello produttivo che ha di blog e siti militanti, un importante strumento eletto la precariet quale unico condizione lavoratidi socializzazione della proprie esperienze lavorativa possibile.

viziata da eccentricit e autoritarismo. Una lettura che entra in rotta di collisione con quanto scrive il giornalista Walter Isaacson nella monumentale biografia di Steve Jobs - pubblicata in Italia da Mondadori -, dove linfluenza delle filosofie orientali la fonte di legittimazione di una cultura delleccellenza che ha come indiscussi guardiani chi in cima alla rigida piramide che scandisce lesercizio del potere. La Apple sarebbe da questo punto di vista lesempio pi evidente di come il composito e mondano milieu di attitudine zen, buddismo e scintoismo abbia contribuito a formare una cultura aziendale costruita a immagine e somiglianza di Steve Jobs. Al di l di questo elemento, la domanda che Adam Lashinsky si pone - sopravvivr la Apple alla morte di Steve Jobs? - va per messa in tensione con il contesto produttivo in cui opera la Apple. indubbio che Apple sia una delle potenze della Rete, ma ci sono alcuni aspetti delle scelte imprenditoriali che la espongono al rischio di una perdita di capacit innovativa. In primo luogo, la scelta di puntare su un software chiuso - i sistemi operativi e le applicazioni spesso non sono compatibili con altri programmi informatici -, lopzione strategica a favore della propriet intellettuale e lassenza di progetti tesi a produrre contenuti o a sviluppare social network. Il primo aspetto pu trasformarsi in un vero e proprio disastro, cos come era accaduto in passato, quando la Apple chiuse le porte alla compatibilit tra il suo sistema operativo e quella della Microsoft. A quel tempo fu Steve Jobs che impose la linea dellautosufficienza autarchica: per questo fu allontanato. NellIntervista perduta pubblicata da Feltrinelli (Dvd+libro, euro 14,90) concessa due anni la sua cacciata dalla Apple, Steve Jobs rivendicava quella scelta, rimovendo il fatto che quella scelta fu il primo passo verso la riduzione di Apple a impresa marginale. Ma al di l del passato, rimane il fatto che anche ora i prodotti marchiati con la mela morsicata usano software chiusi, fattore che stride con una tendenza emergente che quello di usare programmi informatici open. Per quanto riguarda liPhone e liPad questo significa che Apple deve fare i conti con smartphone e Tablet che hanno scelto Android lambiente software sviluppato da Google - come sistema operativo, cio un software aperto e non vincolato alle leggi sul copyright. La recente contesa sui brevetti con Samsung, ha visto vincente la societ di Cupertino, ma potrebbe rivelarsi una vittoria di Pirro, visto che nel mercato degli smartphone Apple continua a ridurre il suo peso. La societ di ricerca Gartner ha stabilito che nei primi tre trimestri del 2012, la piattaforma Android usata dal 72 per cento degli smartphone venduti nel mondo, mentre la percentuale del sistema operativo della Apple del 13 per cento (www.gartner. com/it).

Il tallone di Achille

Loutsourcing che fa la differenza


Unaltra trasformazione introdotta da Steve Jobs di fare della Apple una fabbrica che progetta manufatti digitali, sviluppa software ma non produce lhardware. Il lavoro sporco lo svolgono infatti i fornitori, rispettando tuttavia rigide e indiscutibili standard di qualit. Anche sul software, la logica produttiva della Apple incentrata sulloutsorcing. Le famose apps, cio le applicazioni per iPhone e iPad, sono sviluppate da una nebulosa di piccole e medie software house. A Cupertino spetta semmai il compito di garantire la sicurezza e la facilit nei pagamenti, esercitando cos un controllo del flusso monetario, acquisendo al tempo stesso una mole di informazioni individuali da usare in chirurgiche strategie di marketing. Adam Lashinsky non si sofferma molto sulla filosofia orientale che altri opinion makers hanno indicato come la chiave di accesso alla comprensione del successo della Apple. La considera un vezzo di Jobs, manifestazione di una personalit carismatica, ma

Lassenza invece di progetti di social networking infine il vero tallone di Achille di Apple. Si va in in Rete per chiacchierare, per trovare informazioni, per scaricare o caricare foto, file musicali, cinematografici o consultare libri, mappe, per acquistare materiali. E spesso si usano piattaforme ben precise (Facebook, Twitter, YouTube, Google+, Ebay, Amazon): in tutto ci Apple assente, eccetto per il servizio iTunes dedicato alla musica. Lassenza di prodotti di questo tipo pu relegare la Apple alla funzione di produttrice di manufatti tecnologici di qualit e niente pi. Il modo per colmare questo vuoto la societ di Cupertino lha individuato nelle applicazioni per i suoi prodotti, che funzionano proprio come interfaccia tra utenti e contenuti. LiPhone, liPad hanno un fascino indubbio. Sono eleganti, hanno un buon software, sono facili da usare e promettono ulteriori sviluppi (il riconoscimento vocale dei comandi). Ma non detto che questo garantisca nel futuro quei profitti da capogiro che hanno reso la Apple una delle imprese con il pi alto fatturato nel mondo dellhightech. La morte di Steve Jobs avvenuta proprio nel momento in cui i nodi venivano al pettine. Non detto che Tim Cook riuscir a sbrogliarli.

GIOVED 15 NOVEMBRE 2012

il manifesto

pagina 11

CULTURA

oltre
tutto

MARK ROTHKO Un capolavoro astratto del pittore americano Mark Rothko, stato venduto all'asta per 75,1 milioni di dollari, nel corso di un'asta di Sotheby's a New York. La tela ad olio intitolata No.1 (Royal red and blue) eseguita nel 1954, considerata dai critici d'arte uno degli esempi pi illuminanti del suo stile.

FACEBOOK Dopo Google, Amazon e Microsoft sotto il mirino del fisco francese finito anche Facebook. La rivista Expansion, sul sito internet, parla di una perquisizione nella sede parigina del colosso Usa avvenuta la scorsa estate per verificare mancati versamenti dellIva.

SAGGI Il fuoco della rivolta di Annamaria Rivera. Lincendio di s dalla Tunisia al mondo

Le torce umane nel corpo del malessere globale


Tommaso Di Francesco on una ma due persone, un dipendente dellazienda in crisi Gesip e un senzatetto di 53 anni (entrambi a Palermo ed entrambi, chiss perch, rimasti anonimi), si sono dati fuoco negli ultimi giorni in Italia. Le notizie non sono state nemmeno date dai grandi media. Per lincredulit del gesto o perch poco interessanti e considerate locali? Non lo sapremo mai come funziona il meccanismo del racconto giornalistico, specchio dellappannata coscienza del Belpaese. Un fatto certo, ormai ininterrotta e illumina il mondo intero la scia delle torce umane a partire dal 17 dicembre 2010, quando nella regione di Sidi Bouzid il giovane ambulante Mohammed Bouazizi si immolato col fuoco contro lo strapotere della polizia, dando la miccia allinsorgenza sociale in Tunisia con la quale iniziarono e poi dilagarono i moti delle primavere arabe ridotte ormai a rivolte scippate da ben altre organizzazioni e consapevolezze integraliste. Linterrogativo comunque resta e si ripropone: si tratta di una estrema prova individuale che spinge allemulazione o di un fatto corale, incipit e rappresentazione di una pi vasta disperazione collettiva? E ancora: una deriva culturale autosacrificale da collocare appunto nei comportamenti orientali, oppure il sintomo della perdita di s anche occidentale, fino alla perdita della propria appartenenza sociale, nel cosiddetto sistema della globalizzazione dei mercati? Domande tuttaltro che peregrine che sono diventate il tema di un libro prezioso dellantropologa Annamaria Rivera, Il fuoco della rivolta (Edizioni Dedalo, pp. 194, 15 euro), che cerca appunto di sfatare ogni interpretazione esotica del fenomeno, per ricordurla infine, attraverso un percorso approfondito e originale di dati e inchieste, di documentazione e casistica, alla dimensione storica e sociale dei movimenti. Partendo per da una indubbia specificit tunisina: da l infatti che nasce laccenzione del fenomeno. Dalle pieghe di una societ istituzionalmente e civilmente avanzata ma retrocessa alla categoria della dittatura personale di Ben Ali, ad un familismo che teneva in scacco il paese nel buio di un regime poliziesco. Un paese consapevole di una tradizione di lotta anticoloniale che riconosceva nel sacrificio individuale la volont di riscatto nazionale e politico. E soprattutto, una realt giunta nei giorni nostri al limite di quella soglia critica tale per

SIDI BOUZID, TUNISIA, UN RAGAZZO DAVANTI AL MURO DI GRAFFITI PER IL MARTIRE MOHAMED BOUAZIZI/REUTERS

sibile, empatico e imitabile, il gesto estremo del sacrificio della combustione di s. Non senza sorprese. Perch, certo il Tibet e lIndia, ma limmolazione in Israele a quale modello corrisponde? E certo lEstremo Oriente della guerra del Vietnam con i bonzi che si bruciano a Saigon contro la guerra americana. Ma altrettante, se non di pi, furono le torce umane negli Stati uniti, in diretta sintonia pacifista ma con la scelta della violenza contro la propria persona fisica. Fino allesempio di Jan Palach che a fine 1969 si immola, contro la deriva della societ cecoslovacca schiacciata dalla normalizzazione portata dai carri armati del Patto di Varsavia intervenuti nellagosto del 1968 per schiacciare la prima e grande Primavera di Praga, ma anche, come rivel il suo messaggio sul letto di morte, contro i massicci bombardamenti americani sul Vietnam; subito seguito da altri gesti simili e preceduto da una prima torcia umana in Polonia. A Jan Palach che faceva parte di unorganizzazione di pronti ad immolarsi col fuoco, a quel giovane che si definiva luterano e comunista e che pure aveva osato stravolgere le categorie della cultura europea che metteva la vita al primo posto, il poeta Jaroslav Seifert, Nobel per la letteratura nel 1984, aveva inviato questo drammatico appello: A voi che siete risoluti a morire! Non vogliamo vivere nellillibert e perci non ci vivremo. Questa la volont di noi tutti, di tutti coloro che lottano per la libert del paese e dei nostri popoli. Nessuno deve restare solo, neanche voi studenti che vi siete decisi al pi disperato degli atti dovete avere limpressione che non vi sia altra via che quella che avete scelto. Vi prego, non pensate nella vostra disperazione che le nostre cose si possono risolvere ora o mai pi e che si risolvono soltanto qui. Avete il diritto di fare di voi stessi quello che volete. Se non volete per

che ci uccidiamo tutti, non uccidetevi. E oggi, a qual punto di non ritorno arrivata la protesta sociale e di classe nel precipizio della crisi senza ritorno del capitalismo globalizzato nel Sud, nel Nord e in ogni altro punto cardinale della terra, se sono ormai centinaia i suicidi - non solo con il fuoco - di lavoratori periferizzati e cancellati sullo sfondo delle patinate metropoli della Borsa e delle Banche, e ora nelle condizioni avverse, senza vie duscita, di una profonda perdita di speranza nel cambiamento politico necessario, quello che per esser vero non pu non partire dalla fondamentale considerazione della propria vita? Lautoimmolazione, spiega Annamaria Rivera, ha a che fare con il tema della dignit che accomuna fatti

Una forma disperata di protesta, un grido strozzato, una parola combusta che spetterebbe alla politica
accaduti dal Maghreb allEuropa a Israele, per le ferite inferte alla dignit personale, la frustrazione e il risentimento conseguenti, quindi lintento di sfidare il potere, ai suoi diversi livelli di rappresentazione. Un libro unico nel suo genere. Che non per un elogio e un incitamento al suicidio, ma una semplice quanto drammatica constatazione: le torce umane che bruciano sono una forma di malessere sociale, un grido strozzato, una parola combusta che spetterebbe alla politica. Ci vuole insomma un ben altro incendio epocale per fermare la litania dei corpi che ardono nelle piazze a testimonianza della nostra impotenza e dei nostri fallimenti.

cui ci che fino ad allora si era tollerato appariva allimprovviso intollerabile. Al limite del baqra, di quella disperata saturazione per lunica fuga possibile, quella attraverso lacqua del mare che ha visto e vede come protagonista unintera generazione di giovani maghrebini. Se siamo di fronte ad una tendenza perfino seriale, vale la pena almeno sorprendersi. Perch se il suicidio in pubblico, tantopi nella forma del fuoco, non la stessa cosa della protesta n un surrogato del conflitto sociale e della rivolta, appartiene per strutturalmente allo stesso ambiente e al medesimo ciclo storico. Al punto da rivelarne le ragioni profonde. Laveva gi intuito Jean Baudrillard, nello Scambio simbolico e la morte (1976/1990) - scrive Annamaria Rivera - quando scriveva che suicide non sono solo le pratiche di annientamento di s, bens tutte le pratiche () il cui obiettivo quello di far emergere la repressione "la natura repressiva del sistema", non come conseguenza secondaria, ma come immediatezza della morte. il gioco della morte che smaschera la funzione di morte del sistema stesso. Un libro pieno di scoperte sulle circostanze storiche che hanno reso pos-

SAGGI Filosofia della psicoanalisi, un volume collettivo per Quodlibet

Il grande rimosso del materialismo


Paolo Vernaglione uale capitolo di storia naturale apre lavvicinarsi progressivo di psicoanalisi e filosofia? Quale distanza colma, nellinsieme dei saperi che indagano la natura umana, il luogo comune in cui filosofia e teoria dellinconscio distribuiscono i rispettivi criteri operativi, i punti di tangenza, al pari di irriducibili idiosincrasie? Linsieme di questioni a cui fa segno un possibile, ma oggi assolutamente plausibile, intreccio tra un sapere della mente e una pratica della cura, riguarda niente di meno che lattuale curvatura postfordista, in cui risuona la domanda: che cos la natura umana? In questa presa di posizione, il posto che occuperebbe una inedita filosofia della psicoanalisi sarebbe allo stesso tempo decisivo e perturbante, poich in veste teorica la psicoanalisi distruggerebbe in un solo colpo le pretese della cosiddetta consulenza filosofica e in secondo luogo vincerebbe linsopportabile chiacchiericcio antiFreud e antiLacan di tanto spaccio pseudoanalitico (da Jung alle analisi di gruppo, ai succedanei medicalizzanti della psicologia sociale). Daltra parte, dal punto di osservazione dei saperi filosofici, incaricarsi dellistanza psicoanalitica senzaltro utile per rimettere la filosofia con i piedi per terra, cio trasformarne lo statuto da conoscenza astratta in materialismo storico, rivendicando la superiorit della talking cure nei confronti delle due tendenze della filosofia cui accennano Silvia Vizzardelli e Felice Cimatti nellIntroduzione al bel volume collettivo Filosofia della psicoanalisi. (Quodlibet, euro 20).

Ventuno contributi per trovare il luogo comune di due discipline ritenute distinte e inconciliabili. E cos fornire unanalisi allaltezza dei tempi presenti
un inconscio strutturato come un linguaggio si tramuta in intreccio naturale. In questo punto si illumina un profilo in cui la divisione del lavoro sociale risulta analoga al sistema automatico di macchine nella figura della ripetizione; cio laddove un intelletto generale si presenta con lhabitus dellambivalenza, una volta nella forma anale del denaro, unaltra in quella genitale della seduzione. In questa dimensione di presente assoluto propria dellinconscio, materialismo storico e psicoanalisi riconoscono un soggetto in un campo del sapere e allinterno di certi rapporti di potere. Qui infatti sia quella psicoanalisi che non giusta con Freud, sia la metafisica falliscono; nella prassi di individuazione invece, come dimostra nel suo passo Luisella Mambrini e come il femminismo ha da tempo sancito, la tonalit materialista incontra (senza identificarvisi) quella di Lacan, ove i registri simbolico, immaginario e reale scandiscono il sapere e i poteri in cui la soggettivit si realizza. La facolt di linguaggio dunque come utensile comune a filosofia materialista e psicoanalisi emerge, come scrive Cimatti, in almeno due eventi della vicenda umana: linfanzia ove si formano gli apparati di cattura che determinano quanto

della storia dellincoscio sia traducibile in atti di parola e nella volont di sognare, quando un soggetto diviene interpretante. Il passo successivo in questa evocazione di uno dei tratti comuni alla specie rintracciare la forma logica degli enunciati, illuminata da Charles Peirce e purtroppo oggi scarsamente valorizzata; forma che, come evidenzia il passo di Emanuele Fadda, rende ragione di una logica dellinconscio che lo sottrae alle caratterizzazioni romantiche e pseudocritiche di tanto cognitivismo e di molta cattiva letteratura filosofica sull irrazionale. Dai passi di danza presentati nel testo si evince allora che la posta in gioco nellintrodurre una filosofia della psicoanalisi nel campo dei saperi scientifico-sociali lemergenza di una zona di indistinzione in cui la facolt umana di linguaggio, cio la prassi cooperativa dellanimale umano, acquista il giusto valore rimodulando i saperi disciplinari e contribuendo fortemente a fondare (o rifondare) un materialismo allaltezza dei tempi, magari a partire da quella figura enigmatica della malinconia, in cui Benjamin riconosceva lepoca del tramonto.

La clinica del godimento


Se infatti la psicoanalisi di Freud e Lacan dimostra quotidianamente che ci di cui si parla il desiderio e che la cura non lortopeda del comportamento patologico, bens la verifica, dolorosa, dei limiti del linguaggio nellimpossibile confronto con un reale non significabile, allora ci che fa senso, in ogni percorso di cura di s attraversare anzitutto con la corporeit il discorso del capitalista. E far compiere un quarto di giro al discoso dellanalista per scoprire un sapere dellUniversit di cui gi da sempre e proprio ora il capitalismo dispone, come in pi di unoccasione Paolo Virno ha ricordato. Qui e ora dunque il momento prezioso in cui, con manovra messianica, il tempo si contrae, in cui psicoanalisi e filosofia riducono le distanze fino a divenire, almeno per il tempo della fondazione, filosofia della psicoanalisi. Cio quel sapere della nuova clinica descritta da Massimo Recalcati in questi anni, ma vlto non a criminalizzare il godimento delle merci in nome di un padre scomparso, bens a dire s al soggetto di godimento in nome e per conto di una negativit senza impiego che sembra essere una delle modalit del possibile in cui si produce conflitto contro la dismisura della subordinazione.

Il tramonto della metafisica


Perch il cammino da percorrere nei ventuno passi di cui si compone questa passeggiata, formata da tre andature per ogni tema, consentirebbe, adoperando il prezioso sapere psicoanalitico, di filtrare limpianto metafisico della filosofia occidentale. A qual fine? Costruire una filosofia della prassi che tagli obliquamente lintero campo dei rapporti di dominio presso cui un soggetto supposto sapere (lanalista e il sapiente, il padrone e il tecnico), appropriandosi del sapere operaio (la parola vuota dellanalizzante e delle classi che nonhanno-parola), si costituisce soggetto di dominio. In questo punto infatti la distanza tra unantropologia materialista e una psicoanalisi che cura

pagina 12

il manifesto

GIOVED 15 NOVEMBRE 2012

VISIONI
Fuori concorso Bullet to the head, adrenalinico thriller, segna la prima volta del regista Walter Hill con Sylvester Stallone. E lintesa perfetta.
SYLVESTER STALLONE IN BULLET TO THE HEAD DI WALTER HILL, SOTTO ISABELLA FERRARI IN E LA CHIAMANO ESTATE DI PAOLO FRANCHI

Festival di Roma

Un buddy movie a orologeria, dominato dallirresistibile coppia virile formata dal vecchio Sly e da Sunk Kang. Novanta minuti di divertimento incalzante che arrangia il suspence in modo denso e inquieto
Roberto Silvestri
ROMA

on proprio come un Romney e Obama (o Grillo e Bersani) uniti nella lotta, anche se nel mondo iperbolico del fumetto. Piuttosto un ben pi radical 48 ore che incontra First Blood a New Orleans, la Crescent City, oggetto metropolitano di cupidigia che la tragedia di Katrina ha centuplicato Ma due angeli custodi la proteggeranno. Sono Jimmy Bobo, un redneck del Kentucky, il duro e furbo italianamerican, lanabolizzato, il fuorilegge rozzo e onnitatuato che viene dalla strada e riconosce solo la sovranit della pallottola e la delizia del rye whiskey, marca (introvabile) Bulleit Bourbon. E il suo partner forbito, luomo di legge Taylor Kwon, il coreano, il Confucio, il colto asiatico dellAmerica insorgente, il simbolo della minoranze che si vestono dai sarti di classe e possono diventare presidenti Dunque Jimmy e Taylor (lattore Sunk Kang, con Vin Diesel in Fast Five), il vecchio e il giovane, il maestro e lallievo, nel paesaggio dark del dopo Katrina contro tutti. E chi non vuole approfittare dellesperienza di chi sa la lunga, peggio per lui. Il vecchio un killer professionista, che sparge battute e freddure a mitraglia, come Cristo parabole ( una brava ragazza sua figlia, e fa tatuaggi da capogiro). Il discepolo un piedipiatti, garantista ma di buon senso. Il duo si forma per sgominare, nella Louisiana dove Romney ha appena battuto Obama 60% a 40% potenti e comuni nemici palazzinari, fiancheggiati nei piani alti della politica, della finanza e della polizia, che hanno avuto il grave torto di assassinare lex socio in esecuzioni di BoboIl ripulisti dei malvagi sar totale, e non ammette se e ma, dopo che perfino il Presidente si goduta la condanna a morte video di Osama Bin Laden e di Gheddafi, e quasi in prima fila. Johnny Bobo dovr dimostrare, per, di non essere fatto della stessa pasta di Charles Bronson, il fascio Giustiziere della Notte, o di Chuck Norris, sempre. C una battuta che li riguarda, e riguarda tutti i nazibaby che in questi giorni fanno i gradassi nei licei di Alemanno. Se volessi un tuo parere dir il cattivo al suo non tanto servile ma superottuso killer ti avrei comprato un cervello. Invece Bobo Stallone risparmier, a costo della vita, gli innocenti sempre, come la testimone giovane, prostituta, nuda e russa del suo primo affondo. Il film, sceneggiato da Alessandro Camon che si ispirato alla graphic novel Du Plomb dans La Tete, scritta da Matz e illustrata da Colin Wilson, ha i meccanismi agonistico- emozionali perfettamente sincronizzati. un poliziesco dal volto umano, di velluto, liberato dallansia dei virtuosismi digitali a tutti i costi e dalla pura velocit e geometricit della ritmica splatter hongkonghese (solo lievemente parodiata), dominato invece, come ai vecchi tempi di Murphy e Nolte, dallirresistibile coppia virile protagonista di agguati e battibecchi e scherzi unghiuti. E da un doppio antagonista di villain famelici, formata da un neoliberista africano a striature Bokassa piuttosto tragiche (lottimo Adewale AkinnuoyeAgbaje, perfetto nel suo marxiano inno al denaro) e da un faccendiere festosamente criminale che non sa se ispirarsi di pi a Kubrick o alla Minetti per organizzare i pi puritani e asettici sex party ( Christian Slater, perfetto come sudista decaduto, anche nei vizi). Un buddy movie a

orologeria, rivisitato con originalit: una battuta, unesplosione, una esecuzione, una citazione da Cannonball di Paul Bartel, un inseguimento dauto alla Driver, un frame turistico-commerciale imposto dalla film commission o dal Four Roses Distillery, ogni quattro minutiUnora e mezzo di divertimento incalzante, che arrangia il suspense in modo denso e inquieto senza sbagliare mai battuta e armonia, come in un set dell Ornette Coleman quartet. N un tono, n un timbro, n un effetto luce sono fuori asse, i blocchi dimmagine-azione tutti seducenti, rianimazioni di clip, promo, spot, flash web e soprattutto classici insert ritagliati dalle opere di Siegel, Aldrich, Clint e Hawks Ma allora perch vederlo? Sembrerebbe lenne-

sima riproposizione di un pop-cornthriller con Demolition man nel ruolo, ormai patetico, del super macho imbattibile in qualunque disciplina: con la 44 magnun, con il pugno, con il silenziatore, con il coltellaccio dellArkansas, con lascia del vichingo, con il tritolo, con la Ferrari usata come un manganello, come un oggetto contundente. Ma non cos. Mai vista qui al festival di Roma, una accoglienza stampa cos calda e inneggiante, alla fine di una proiezione. Perch? Forse perch come il rye whiskey che difficile trovare anche nei bar dAmerica, perch non omologato, troppo fuori media, con ben il 68% di distillato di granturco, e si beve invecchiato di almeno 6 anni, in questo film si fa lapologia di una grande

Leroe non omologato


Concorso/ E LA CHIAMANO ESTATE DI PAOLO FRANCHI

Limpossibile maschile, un gioco di specchi senza desiderio


ro disponibili a farci sesso. Una scopata non si nega a nessuno grida sulla faccia allibita n uomo e una donna, si di questi signori. amano ma non si toccaE nemmeno conta tanto limno. Lui nemmeno la mersione nelluniverso degli sfiora, eppure il grande amoscambisti, e del sesso a pagare della sua vita, per fare sesso mento - una delle prostitute per corre dalle prostitute, tra Alessandra Vanzi a cui il persogli scambisti, serate infinite che naggio di Barre grida: Pisciami filma con accanimento, addosso - se non ancon la segreta speranza che questo come sintoche sia lei, la moglie, la mo e evidenza di qualspettatrice di queste imcosaltro. Il film, infatti, magini. sembra essere piuttosto E la chiamano estate lesplorazione, e il racdi Paolo Franchi (prima conto di un maschile produzione di Nicoletta irrisolto, doloroso, fruMantovani per la Pavastrato, che terrorizzarotti International), era to dalla sua omosessualultimo dei tre film in lit senza riuscire a trogara al festival di Roma, vare un punto di equiliaccolto con fischi, urla, brio e di pacificazione. e battute nella proiezioDino (Barre) anestetine stampa, non saprei sta, rimasto traumatizIsabella Ferrari e Jean Marc dal pubblico (esce in sazato dal fratello bello e la il 22). Qualcuno lo ha amatissimo che si imBarre nellultimo dei tre film definito un cult e forpiccato. Anna (Ferrari) italiani in gara, ambiziosa se anche se involonta la sola persona che lo riamente lo . Involonfa sentire felice. variazione su amore e sesso tariamente perch i moLa storia dei due vietra castit e scambismo delli e le ambizioni di rine ripercorsa in flashferimento di Franchi back, nelle voci di altri, (La spettatrice) sembrano essesente (Barre in particolare per e di loro stessi, nella galleria di re altri, Antonioni soprattutto di pi doppiato fuori sincrovecchie fotografie, e sappiamo nella ricerca di una messa in imno!). cos che la fine sar inevitabilmagini dei flussi emozionali Eppure la narrazione su cui mente tragica. che attraversano i personaggi. lavora Franchi poteva essere Il maschile, dunque, e la sua Ed proprio questo passaguna scommessa forte: non siaambiguit infelice che si mimegio che il regista bergamasco mo infatti nellennesima variatizza nelle pratiche e nei riti di non riesce a controllare, il prozione sul tema della donna-fanuna sessualit sociale forzata, blema non sono tanto i dialotasma, idealizzata e desiderata frenetica, esibita. Non bastano ghi - anche se parecchio inadefino a renderla pura astrazione per le costruzioni teoriche, e guati nonostante i cinque nomi e impossibile oggetto del desimeno che mai le inquadrature alla sceneggiatura tra cui lo stesderio. C pure questo, per caridel sesso senza piacere - le sceso regista e Heidrun Schleef t, a cominciare dalla casa bianne erotiche sono davvero brutperch forse oggi la sala riderebca ed elegante, con lei vestita te - o quella misoginia antica be pure a sentire frasi come sempre di chiaro che lo aspetta per cui le donne stronze rendoMi fanno male i capelli - del dormendo leggera, mentre lui no i maschi cattivi, per tradurresto aggredite a suo tempo da cerca di convincerla a trovarsi ne la contemporaneit. Nel gioquei fautori di un cinema impeun amante, ossessione che lo co (presunto) di specchi Frangnato contro le visioni pericospinge a cercare tutti gli ex di chi si perde, e perde anche la losamente intimiste. Per reggelei indagando se casomai fossesua scommessa. Cristina Piccino
ROMA

re le fantasmagorie delleros, la sospensione temporale, le fughe nelle strade vuote di Bari vecchia, il ridicolo persino (chiss se sublime) ci vuole appunto una messinscena che ne scandisca alla perfezione il movimento, e una capacit di governare gli attori - Isabella Ferrari e Jean Marc Barre - totalmente as-

star invecchiata e non omologata, Sly (ripercorreremo tutta la sua carriera attraverso le foto segnaletiche della galera), attore che, migliora con il tempo. In effetti il personaggio la trama, come ci spiega Mike Figgis in Suspension of Disbelief, sezione Cinemaxxi, elegante e arzigogolata meditazione dark sui procedimenti narrativi che utilizzano le nostre continue interferenze diegetiche: cio noi spettatori muoviamo e deviamo la storia, anzi il piacere schermico deformare gli avvenimenti visti e giocare con linvisibile. E sul corpo di Stallone sia Walter Hill, che il costumista, il truccatore, leffettista speciale digitale e il direttore della fotografia hanno lavorato sottilmente, come fosse un monumento da ricostruire, aumentando la raucedine e abbassando il tono a livelli infernali, quasi Tom Waits, irrigidendo le membra e rendendo sempre pi materica e plastica la massa muscolare. Ma lincedere di questo Frankenstein pronto a far ridere o scattare un montante, tra Rocky e lOscar di John Landis, si avvale di un cervello da agente della Cia in piena azione, come se sotto la maschera di Sly ci fosse finalmente una malefica testa. Stallone, che ha votato Romney, ormai degno di un Richard Boone. Siamo insomma con Bullet to the head alla fusione, quasi la fissione atomica, energetica e incandescente tra materiali visivi e personalit etiche, sia dentro che fuori il set. Anche fuori film. Lin-

contro estetico al vertice stato tra Hill e Stallone, finalmente insieme ( la prima volta). Tra un regista, maestro del cinema dazione e del divertimento visionario a retrogusto politico, e il suo collega-star capace di interpretare i bassifondi inconsci dellAmerica popolare e toccare involontariamente? - corde nascoste, segrete e oscene del suo pubblico, no-

Sceneggiatura di Camon, si ispira alla graphic novel di Matz ma senza virtuosismi digitali
nostante una fracassona estroversione. Il cineasta Walter Hill, che da Leroe della strada e Strade di fuoco, da Warriors alla produzione del ciclo Alien, non ha sbagliato un film facendo innervosire non poco gli estremisti del cinema dautore, sempre inguaribilmente meno esploratori, allusivi, scandalosi e sperimentali di lui. Bullet to the head, produzione Buenavista si pu tradurre pallottola alla testa. Non mai infatti la pistola che uccida, ma solo la pallottola che c dentro (se c dentro), dir la saggezza sottoproletaria di Mister Bobo a un tratto. Se il cinema di solito whisky piatto, qui siamo in piena sbornia da rye whiskey.

GIOVED 15 NOVEMBRE 2012

il manifesto

pagina 13

VISIONI
KIT HARINGTON La giovane stella de Il trono di spade, saga tv prodotta da Hbo, sar sul set con Paul W.S. Anderson i Pompeii. Un peplum catastrofico ambientato nel 79 a.c. nei giorni che precedettero leruzione del Vesuvio. La pellicola - a breve linizio delle riprese - coprodotta dallo stesso Anderson con Jeremy Bolt. La sceneggiatura di Julian Fellowes. JONAS MEKAS Fino al prossimo 7 gennaio, al Centre Pompidou di Parigi, una retrospettiva del regista di riferimento dellunderground americano, in corrispondenza con lopera del cineasta spagnolo Jos Luis Guerin. Un incontro tra due mondi, e tra due diverse esperienze di cinema che condividono lo stesso desiderio di ricerca attraverso immagini che sfuggono a ogni definizione.

INCONTRI Primo album solista per Luca Morino, cantante dei Mau Mau

Voci da un paese tradito


Federico Scoppio
UNA SCENA TRATTA DA EBREI A ROMA DI GIANFRANCO PANNONE

EVENTO

I figli di Roma, le doppie radici degli ebrei


Silvana Silvestri
ROMA

IN BREVE

Mister Rambo: Salvate Cinecitt


Nessuna intenzione di andare in pensione, n io n Rambo, parole di Sylvester Stallone presente alla prima di Bullet to the head, l'action di Walter Hill. L'attore ha fatto anche un appello per Cinecitt: Mi auguro che il governo e tutti voi che amate il cinema facciate di tutto per salvaguardarla, in modo che ritorni pi grande di prima. Con Jimmy - il personaggio interpretato nel film - ho trovato un antieroe - spiega l'attore che la perfetta via di mezzo fra Rocky, che con il suo ottimismo supera mille ostacoli, e Rambo, che pur essendo un uomo cupo, mantiene i suoi ideali. E aggiunge che mentre la storia di Rocky chiusa, per Rambo c' un'idea su cui sto lavorando, e mi sembra abbastanza buona. Vedremo se si potr realizzare.

MERCATO DEI FILM IL DOLCE BUSINESS A VIA VENETO...


Fino a domenica, il Festival ospita il Mercato Internazionale del Film (The Business Street Tbs). Il Mercato ha il suo fulcro nell'area di via Veneto e si articola su proiezioni in sala, una video library digitale, incontri tra produttori, compratori e venditori e poi convegni e workshop riguardanti i temi pi importanti legati all'economia dell'industria cinematografica nazionale ed internazionale. Accanto a Tbs, il Festival dedica spazio al cinema che verr, attraverso la Fabbrica dei Progetti, New cinema Network Ncn, che da anni promuove, incentiva e facilita la coproduzione del nuovo cinema indipendente italiano, europeo e internazionale.

a presenza degli ebrei a Roma, anzi la forzata assenza di alcuni di loro oggi visibile sui marciapiedi della citt con i sampietrini dorati che portano, di fronte ai portoni dove abitavano, i nomi di chi fu deportato, un gesto simbolico che non manca di fare effetto. Non parla solo di quegli anni Ebrei a Roma di Gianfranco Pannone, evento speciale del festival di Roma stasera al cinema Barberini Sala 1 alle ore 20.30 a ingresso gratuito, presentato del regista alle ore 20 insieme allideatore del progetto Agostino Mellino, ai produttori i testimoni del film e i rappresentanti della comunit ebraica di Roma. Il film va ancora pi indietro nel tempo e racconta osservandola fin dal passato pi remoto la grande comunit, la pi antica dEuropa e ci fa conoscere gli ebrei romani di oggi. Rispetto agli altri ebrei dEuropa, dicono loro stessi, abbiamo una storia differente, siamo ebrei, ma siamo anche romani, abbiamo due radici, quella ebrea in testa, quella romana ai piedi. Infatti quando fu innalzato lArco di Tito nel 70 a celebrazione della conquista di Gerusalemme, gi esisteva una folta presenza ebrea a Roma e soprattutto ad Ostia dove cera una fiorentissima colonia. Gianfranco Pannone fa del suo documentario un racconto generoso per voci, rare immagini darchivio e filmati del Luce, ma soprattutto tanti racconti sugli stili di vita, le tradizioni, le festivit, i lavori tramandati di padre in figlio, con un bel ritmo tra musica tradizionale e intreccio di storie e volti. Sono le autorevoli voci dei rabbini, dei rappresentanti della comunit, di Claudio Procaccia, il direttore del museo ebraico di Roma,

di David Limentani con la sua azienda che arriva oggi con il figlio alla settima generazione, una famiglia di cocciari dice con spirito alludendo in termini romaneschi al commercio dei piatti e bicchieri (ma io lo intendo come titolo onorifico, dice), braccio destro dellex rabbino Capo Elio Toaff che gli affid la sicurezza durante la visita di Giovanni Paolo II, saggio e spiritoso da poter dire qualcosa di non scontato anche sul conflitto in corso. E poi Daniele Terracina, imprenditore enogastronomico, tra i misteri del cibo Kasher, il cibo idoneo, standard determinato dalla Bibbia, lartista Evelina Meghnagi di origine tripolina, come i duemila che arrivarono nel 67 a andarono a popolare il quartiere Nomentano. E poi la guida Michela Pavoncello - ogni cognome ha un significato storico, antico, portato con orgoglio - che ci fa scoprire con il suo gruppo di visitatori i luoghi e le strade significative della citt, dove spesso si passa senza prestare attenzione ai particolari storici, ignari di alluvioni periodiche e spesso anche del ricordo delle leggi razziali. Allelegante quartiere del ghetto com oggi, si sovrappongono le scene antiche di un quartiere oscuro, fitto di case che si potevano solo affittare ad alto prezzo e mai comprare, dove si chiudevano i cancelli a sera per essere riaperti al mattino, dove si poteva bere solo lacqua del fiume finch Gian Lorenzo Bernini su una fontana preesistente ma che non gettava pi cre quella delle Tartarughe per portare lacqua agli abitanti, utilizzando simbolicamente non delfini o api, ma gli animali tra i pi antichi comparsi sulla terra, che trasportano sul loro dorso la casa e la famiglia. Qualcuno nota che recentemente non solo si avverte interesse per la memoria delle drammatiche vicende storiche, ma anche un interesse positivo, una voglia di sapere, di conoscere. Chi non mai entrato nella Sinagoga la vede comera anticamente, come oggi, nelle cerimonie, delle festivit che poi si celebrano anche nellintimit delle case, nella costruzione di fratellanza.

Racconto la storia del C la ribellione, dietro il paravento di unestetica musicale (e sensoriale) di sinteCanaro della Magliana. tanco di viaggiare? Neanche per si e coagulazione. In mezzo affiorano riC gente che si fa scherzo. Luca Morino, anima pucordi e omaggi. Una dedica a Pasolini, ra del nostro panorama musicale perch lo considero uno degli ultimi grancomprimere cos tanto, e co-fondatore dei Mau Mau, ha trascordi della cultura italiana, ha saputo mettee poi esplode con una so gli ultimi 21 anni dalla nascita della re a fuoco aspetti fondamentali della noband torinese a oggi cercando di stra societ. Cos ho deciso di respirare la rabbia mostruosa esplorare ogni angolo buio o meno del vita di Roma, che, per me che sono piemondo, eppure ancora non si fermamontese, molto diversa. Ho seguito le to, non sazio. Non di amori e passiosue tracce per la citt, senza saltare lultini, ma di rivalse, di luoghi (geografici e mo passaggio, la spiaggia di Ostia dove fu stilistici) spesso dimenticati, o almeno ritrovato il corpo. E laltro a Muhammad trascurati, parla questo suo primo alAli: anche in questo caso, il mio pensiero bum solista, Vox creola, accreditato, per andato alluomo pi che allo sportivo. onor di cronaca, a Morinomigrante& Ha saputo cogliere lo spirito ribelle della ComboLuminoso. Volont, smania e sua gente, ha pagato sulla sua pelle le scelcuriosit patologica sono gli ingredienti te avventurose che ha fatto. su cui poggia il disco. Per costruire questo suo viaggio, Luca La curiosit non tanto stilistica, Morino, gi autore di un libro-reportages quanto il desiderio di raccontare delle dai toni onirici, Mistic Turistic per Mondastorie e inserirle in contesti precisi. Per dori, e di un album di readings su basi eletesempio in S. Maria del deserto canto di troniche, Moleskine Ballads, a volte sputa un uomo che si ritrova a una processioquello che pensa direttamente (Gli italiane e a un certo punto vive un cortocirni si accontentano di mangiare, canta a cuito forte: si interroga quanto sia giuun certo punto), altre volte racconta per sto affidare la propria vita ai santi e alle metafore. Come quando rievoca lo strano madonne piuttosto che al gratta e vinci e delirante caso di cronaca del Canaro delo alla lotteria. Nel nostro paese va semla Magliana a Roma: Un amico illustratopre pi di moda cercare la fortuna, desiderare il successo, tutre mi ha mandato un personaggio, per met mostro e per meto e subito. la filosofia per cui non ci si fa pi il culo e si lavot Pierrot. Mi venuto in mente quel fatto di cronaca, che era ra sodo, ma ci si affida al reality per diventare un cantante di molto particolare, atroce, per nascondeva una verit profonsuccesso. Oppure si cerca di finire in parlamento o al consiglio da. La rivalsa che capita a un certo tipo di fascia di mondo. C regionale per la pensione che ti spetter e non perch hai vogente che si fa cos tanto comprimere da forze inaudite che glia di far qualcosa. Per conciliare queste storie, Morino ha svipoi esplode e tira fuori una rabbia mostruosa. Una scena da luppato una pratica musicale incastrata su ambienti flessibili, film di Tarantino: insomma, questo inchioda il compare che antimonumentali e per questo sottilmente sovversivi. Non si lo maltrattava, lo tortura, lo sevizia, non contento lo lascia motratta di un ridicolo richiamo al passato, semplicemente di ribondo nel suo negozio, va a prendere la figlia a scuola e torunatmosfera, unattitudine che si riflette in uno strano coacerna per finirlo. Qua e l nel disco, spunta anche il punk, allora vo di tradizioni: dalla cumbia a sonorit andaluse, da musiche non possono che tornare alla mente i Mau Mau, la sua creatufilmiche a rime piemontesi stralunate. Tutto dimostra quanto ra meglio riuscita. Che, promette Morino, torner presto: Absia irrefrenabile il suo desiderio di tradire le consuetudini. biamo solo bisogno di rinfrescarci con altre esperienze.

QUEEN Il 20 novembre, solo per un giorno, nelle sale Hungarian Rhapsody

Freddie Mercury, una notte oltre cortina


cordo viene per un momento mitigata dalluscita nelle sale italiane - il 20 novembre e solo per un giorno - di Hungarian Rhapsody, la riedizione rimasterizzata in alta definizione dellimmagine e del sonoro, dello storico concerto di Budapest tenuto da Mercury & soci il 27 luglio 1986. Una cornice deffetto, resa bene dal regista Jnos Zsombolyai che monta in sequenza veloce larrivo dei fan che riempiranno fino al sold out il Nepstadium di Budapest. Siamo a tre anni dalla caduta del Muro, il rock visto un po come il demonio oltre cortina, ma per lhelzapoppin sonoro colorato e a volte un po kitsch del quartetto inglese, le autorit ungheresi fanno uneccezione. Anzi, si impegnano in prima persona per garantire un dispiegamento di cameramen e tecnici senza precedenti per quello che sarebbe diventato il primo grande evento nei paesi dellEst. Il film - distribuito da Microcinema (lelenco completo delle sale sul sito: www.microcinema.eu) e prossimamente anche in formato dvd e blu ray - il racconto della costruzione di quellevento. Alternando la performance ai bagni di folla dei quattro in diversi quartieri della citt e ai saccheggi nei negozi degli antiquari del centro di Mercury (uno sfrenato collezionista darte contemporanea..). Tante canzoni, ovviamente, e anche se la band dal punto di vista creativo era da tempo sulla china discendente (i vertici di e A night at the opera e A day at the races risalivano ormai a un decennio prima), dal vivo manteneva un irresistibile mix di pathos e energia. Qui sciorinato in bella calligrafia tutto il loro campionario: impasti vocali eccelsi, con il batterista Roger Taylor a doppiare la voce di Mercury nei cori, incastrandola con quella del chitarrista Brian May e del bassista John Deacon, su brani strutturati, spesso, come inni da stadio: We are the champions, Tie your mother down, Radio gaga, eppure mai banali negli arrangiamenti, come dimostra Bohemiam Rhapsody, capolavoro in bilico fra rock, classica e operistica.

Stefano Crippa na marsina rossa, pantaloni attilatissimi, rigorosamente bianchi. Capello corto e baffoni molto gay club di San Francisco. Freddie Mercury appariva cos, alla vigilia del Magic Tour con i Queen, ancora non sapeva che sarebbe stato lultimo della sua carriera. Dodici mesi dopo, la scoperta di aver contratto lAids e la decisione di cancellare i tour per dedicarsi solo alla realizzazione di dischi. Per i fan della band britannica, la malinconia del ri-

STASERA IN FM

Rai1
6.45 UNOMATTINA Attualit 10.00 UNOMATTINA OCCHIO ALLA SPESA Rubrica 10.25 UNOMATTINA ROSA Attualit 11.05 UNOMATTINA STORIE VERE Rubrica 12.00 LA PROVA DEL CUOCO Variet 13.30 TG1 - ECONOMIA Info 14.10 VERDETTO FINALE Attualit 15.15 LA VITA IN DIRETTA Attualit 18.50 LEREDIT Gioco 20.00 TG1 Informazione 20.30 AFFARI TUOI Gioco

Rai2
9.40 SABRINA VITA DA STREGA Telefilm 10.00 TG2 INSIEME Attualit 11.00 I FATTI VOSTRI Attualit 13.00 TG2 GIORNO Info 14.00 SELTZ Rubrica 14.45 SENZA TRACCIA Tf 15.30 COLD CASE Telefilm 16.15 NUMB3RS Telefilm 17.00 LAS VEGAS Telefilm 17.50 RAI TG SPORT Notiziario sportivo 18.15 TG2 Informazione 18.45 SQUADRA SPECIALE COBRA 11 Telefilm 19.35 IL COMMISSARIO REX Telefilm 20.30 TG2 - 20.30 Info

Rai3
12.45 LE STORIE Attualit 13.10 Prima tv JULIA Telefilm 14.00 TG REGIONE - TG3 Informazione 15.10 LA CASA NELLA PRATERIA Telefilm 16.00 COSE DELLALTRO GEO Documentario 17.40 GEO & GEO Doc 19.00 TG3 - TG REGIONE Informazione 20.00 BLOB Variet 20.10 COMICHE ALLITALIANA Documenti 20.35 UN POSTO AL SOLE Soap

Rete4
9.50 CARABINIERI 7 Tf 10.50 RICETTE DI FAMIGLIA Variet 11.30 TG4 Informazione 12.00 UN DETECTIVE IN CORSIA Telefilm 12.55 LA SIGNORA IN GIALLO Telefilm 14.00 TG4 Informazione 14.45 LO SPORTELLO DI FORUM Real Tv 15.30 Prima tv HAMBURG DISTRETTO 21 Telefilm 16.35 SENTIERI SELVAGGI Film con John Wayne 18.55 TG4 Informazione 19.35 TEMPESTA DAMORE Soap 20.30 WALKER TEXAS RANGER Telefilm

Canale5
8.50 MATTINO CINQUE Attualit 11.00 FORUM Real Tv 13.00 TG5 - METEO 5 Informazione 13.40 BEAUTIFUL Soap 14.10 CENTOVETRINE Soap 14.45 UOMINI E DONNE Talk show 16.20 POMERIGGIO CINQUE Attualit 18.50 AVANTI UN ALTRO Gioco 20.00 TG5 Informazione 20.40 STRISCIA LA NOTIZIA - LA VOCE DELLINSOLVENZA Attualit

Italia1
10.30 GREYS ANATOMY Tf 12.10 COTTO E MANGIATO Rubrica 12.25 STUDIO APERTO Info 13.00 SPORT MEDIASET Notiziario sportivo 13.40 CAMERA CAF RISTRETTO Sit com 13.50 Cartoni 15.10 Prima tv Mediaset FRINGE Telefilm 16.05 Prima tv Mediaset SMALLVILLE Telefilm 16.50 MERLIN Telefilm 17.45 TRASFORMAT Gioco 18.30 STUDIO APERTO Info 19.20 C.S.I. Telefilm

La7
09.55 COFFEE BREAK Attualit 11.00 LARIA CHE TIRA Att 12.20 TI CI PORTO IO... IN CUCINA CON VISSANI Rubrica 12.30 I MEN DI BENEDETTA Rubrica (R) 13.30 TG LA7 Informazione 14.05 CRISTINA PARODI LIVE Rubrica 16.30 IL COMMISSARIO CORDIER Telefilm 18.20 I MEN DI BENEDETTA Rubrica 19.15 G DAY Variet 20.00 TG LA7 Informazione 20.30 OTTO E MEZZO Attualit

Rainews
18.30 TRANSATLANTICO Attualit 19.00 NEWS Notiziario 19.25 SERA SPORT Notiziario sportivo 19.30 IL CAFF: IL PUNTO Attualit 20.00 IL PUNTO ALLE 20.00 Attualit METEO Previsioni del tempo (allinterno) 20.58 METEO Previsioni del tempo

Gli Area live a Radiopop


Prosegue su RadioPopolare - ore 21 - la stagione dei concerti di Patchanka nellAuditorium Demetrio Stratos, che ospiter la presentazione di uno speciale doppio disco dal vivo: Live2012 degli Area International Popular Group.Tra nuove versioni di brani celebri come i classici Luglio Agosto Settembre (Nero), La Mela di Odessa, e registrazioni di brani inediti

OLTRE 4OO INVITI SEAN PENN BENEFICO PER HAITI


In occasione della chiusura del Festival Internazionale del Film di Roma, si svolger, sabato a Cinecitt, la serata di beneficenza in onore di Sean Penn e alla sua J/P Haitian Relief Organization, l'organizzazione fondata dall'attore americano a seguito del terremoto che colp Haiti il 12 gennaio 2010 provocando la morte di oltre duecentomila persone. All'evento sono attesi oltre 400 ospiti tra mondo del cinema e dell'impresa.

21.00

21.10

Prima tv UN PASSO DAL CIELO 2 Fiction 23.20 PORTA A PORTA Attualit 0.55 TG1 NOTTE Informazione 1.30 CINEMATOGRAFO Rubrica

21.05

21.05

PECHINO EXPRESS Finale Real Tv 23.20 TG2 Informazione 23.35 WIKITALY Variet 0.50 RAI PARLAMENTO TELEGIORNALE Att.

OCEANO DI FUOCO - HIDALGO FILM con Viggo Mortensen, Omar Sharif 23.25 VOLO IN DIRETTA Variet 0.00 TG3 LINEA NOTTE Attualit 1.00 METEO 3 Informazione

21.10

21.10

21.10

Prima tv Mediaset THE MENTALIST Telefilm 23.10 THE CLOSER Telefilm 1.05 LITALIA CHE FUNZIONA Rubrica

ROBIN HOOD FILM con Russell Crowe, Cate Blanchett 23.50 LA DOPPIA ORA FILM con Kseniya Rappoport 1.30 TG5 NOTTE - METEO 5 Informazione

Prima tv LA RIVOLTA DELLE EX FILM con Matthew McConaughey 23.10 TUTTE LE EX DEL MIO RAGAZZO FILM con Ron Livingston 1.10 Prima tv Mediaset NIP/TUCK Telefilm

21.10

SERVIZIO PUBBLICO Attualit (Diretta) 23.45 OMNIBUS NOTTE Attualit 0.50 TG LA7 SPORT Informazione

NEWS LUNGHE Notiziario 21.26 METEO Previsioni del tempo 21.30 VISIONI DI FUTURO Attualit 21.56 METEO Previsioni del tempo 22.00 VISIONI DI FUTURO Attualit 22.26 METEO Previsioni del tempo

pagina 14

il manifesto

GIOVED 15 NOVEMBRE 2012

COMMUNITY

le lettere

terraterra
Marina Forti

EMILIA ROMAGNA
Marted 20 novembre, ore 20.45 NEL BARATRO Il Comitato Per non dimenticare Sabra e Chatila, Alkemia e il Circolo de Il Manifesto organizzano un incontro con Michele Giorgio, autore del libro Nel baratro. I Palestinesi, loccupazione israeliana, il sequestro Arrigoni. Sala Ulivi, via Ciro Menotti 137, Modena

Guerra nel far west del Kenya


embrano cronache di guerra. In Kenya il Consiglio di sicurezza nazionale, guidato dal presidente della repubblica Mwai Kibaki, ha ordinato il dispiegamento dellesercito nella regione nord-occidentale del paese. I militari affiancheranno una folta squadra di polizia, riservisti e paramilitari in unoperazione per recuperare mandrie di bestiame rubato nella valle di Suguta, non lontano dalla citt di Baragoi, in una delle zone semidesertiche della Rift Valley. Il dispiegamento dellesercito (che appogger loperazione con elicotteri militari) si reso necessario, dicono le autorit, dopo che tra domenica e luned una banda armata di ladri di bestiame ha ucciso almeno 32 agenti di polizia in una imboscata condotta con precisione militare, come ha detto il governatore della provincia di Rift Valley, Osman Warfa. Lattacco avvenuto di notte; la polizia era sulle tracce dei ladri (e del bestiame) quando stata attaccata con fucili mitragliatori, bombe anti-uomo e granate sparate da lanciarazzi. Lattacco ha creato grande scalpore: i furti di bestiame sono un evento frequente, in quella regione semiarida abitata da popolazioni di pastori nomadi, ma uno scontro di tale violenza ha fatto impressione. Il governatore Warfa dice che i ladri appartengono alletnia Turkana e il bestiame stato sottratto alla tribu dei Samburu. Aggiunge che della banda, ben armata, fanno parte alcuni uomini delle forze di sicurezza che ora lavorano come mercenati. In effetti ieri cinque ufficiali di basso livello sono stati formalmente incriminati per luccisione dei 32 poliziotti, oltre che per furto di bestiame: erano i responsabili della sicurezza in alcuni remoti villaggi della regione dei Turkana; secondo laccusa sono loro che hanno pianificato lattacco. Faremo il possibile per consegnare i colvevoli alla legge, diceva ieri un comunicato della presidenza della repubblica. E stato proprio il presidente a ordinare la mobilitazione dellesercito: si tratta di mantenere la calma in vista delle elezioni presidenziali del prossimo marzo le prime dopo quelle contestate del 2007, seguite da unondata di violenze a sfondo etnico con oltre 1.200 morti e 300mila sfollati. Le autorit dicono di volere pace, riconciliazione e disarmo nella valle di Suguta, abitata calle comunit Samburu e Turkana. Ma sembra che stia accadendo il contrario. negli ultimi due giorni migliaia di pastori Turkana stanno fuggendo dai loro villaggi con masserizie, capre e bestiame, segnalano operazioni sociali della zona: temono la reppresagllia delle forze di sicurezza, dopo che la responsabilit del massacro stata addossata a gente della loro comunit. Fin qui la cronaca, riferita dalle agenzie di stampa. C per un altro dettaglio. Ed che la siccit ha spinto allo stremo le popolazioni di pastori di unampia regione delAfrica orientale tra il nord-ovest del Kenya e i confinanti Sud Sudan e Uganda, dopo trib tutte parimente affamate dalla mancanza d'acqua e di pascoli competono per i pochi pascoli rimasti. I Turkana del Kenya sono una popolazione di ceppo nilotico, tradizionalmente pastori nomadi; allevano zeb (un bovino diffuso nelle zone pi calde del'Africa, capace di adattarsi a terreno aridi), cammelli, capre. Sono quasi un milione di persone, per il 60% pastori nomadi. Come per i vicini Maasai, altra popolazione nilotica, la base tradizionale dell'alimentazione dei Turkana il latte e il sangue degli animali, con un po' di frutti e erbe selvatiche. Salvo pochi gruppi pi o meno sedentarizzati in pochi centri urbani, gran parte della popolazione continua a vivere in un regime di sussistenza fondato sulle mandrie, senza commercio. Nella prima parte di questanno la siccit li ha portati alla fame: per cercare pascoli si sono spinti in territori altrui (anche oltrefrontiera) esponendosi ad attacchi e furti di bestiame. Conflitti per i pascoli e per le bestie sono diventati pi sanguinosi da quando le comunit di pastori sono armate. Che larrivo dellesercito a Baragoi faccia calare la tensione, resta dubbio.

ro alla stampante ...), come qualsiasi altro lavoratore... . Attualmente noi insegnanti lavoriamo in gran parte con computer, stampanti, quaderni, biro... pagati con i nostri soldi. Carla Maria Bozzini

Lunica grande opera che bisognerebbe fare


La grande opera da fare la messa in sicurezza del territorio, la protezione ambientale: quella che darebbe lavoro a tante persone, ridarebbe vita a tanti mestieri, coinvolgerebbe tante competenze, darebbe senso al bene comune... E invece si investe nelle grandi opere dissennate e costose, il ponte di Messina, la Tav, i cacciabombardieri F35... Non i saggi ci governano, ma i dissennati, con la patente di tecnici! Luigi Fioravanti

LAZIO
Venerd 16 novembre, ore 19 CIRCOLO ARANCIONE Inaugurazione del Circolo arancione - Comitato elettorale Medici x Roma. . Il Circolo sar il centro nevralgico delle attivit a sostegno della candidatura di Sandro Medici, ma non solo. Sar un laboratorio di incontro, sperimentazione, contagio e confronto per costruire un programma condiviso e selezionare con trasparenza i/le candidate a governare la citt. Maggiori informazioni al sito: www.sandromedici.it Comitato elettorale Medici x Roma, via Campo Boario 1, Roma

Quando i treni scompaiono


/FOTO ALEANDRO BIAGIANTI

LOMBARDIA
Gioved 15 novembre, ore 21 UNA LUNGA LOTTA Alla Camera del Lavoro di Milano lo Sportello esodati, mobilitati, disoccupati over 50 della Cgil organizza il dibattito iniziata una lunga lotta. Conversazione su pensioni, economia e lavoro. Con: Andrea Fumagalli, Lelio Demichelis, Paola Bentivegna, Sandro Del Fattore, Lucia Codurelli, Cristina Tajani, Ugo Boghetta. Il moderatore Gad Lerner. Camera del Lavoro, corso di Porta Vittoria 43, Milano

INVIATE I VOSTRI COMMENTI SU: www.ilmanifesto.it lettere@ilmanifesto.it

Sciopero europeo per una maggiore giustizia


Sono uninsegnante presso un Liceo Scientifico di Milano. Con altri colleghi ho partecipato allo sciopero europeo. Personalmente ho scioperato per protestare contro una politica economica

PIEMONTE
Sabato 17 novembre, ore 16 IL SERVO Per il ciclo di incontri: La Stanza Viola, in collaborazione con il Circolo glbtq Maurice presentazione dell'ultimo romanzo di Franco Buffoni Il servo di Byron (Fazi Ed.). Intervengono l'autore e Basilio Sciacca del Maurice Fnac Torino Centro, via Roma, 56, Torino

che come ha avuto occasione di dire de Magistris, sindaco di Napoli, considera pi importante un cacciabombardiere rispetto ad una scuola. Ieri ho acquistato solo il pane: stato anche sciopero dei consumi. La scelta si inserisce nel solco della ricerca di una maggiore giustizia che a a livello personale e familiare cerco di tradurre in scelte concrete. Sono molto a come i miei soldi vengono usati: cerco di consumare in maniera critica, con attenzione ai modi nei quali i beni vengono prodotti e ho scelto di mettere tutti i miei soldi in Banca Etica. Per questo sono anche molto felice di ricevere il sostentamento per la vita mia e della mia famiglia dalla scuola, agenzia nella quale le nuove generazioni vengono formate. E evidente che, se ragioniamo in questo modo, non possiamo permettere di infliggere tagli alla scuola, quando altri settori delleconomia, vedi quello

delle armi che nelle migliori delle ipotesi rimangono inutilizzate, continuano a ricevere risorse anche ingenti (si pensi che per chiara ammissione del generale Debortolis sulla rivista Analisi e Difesa Debertolis il costo medio di un aereo nudo, senza accessori che pure saranno necessari, sar di 137,1 milioni di dollari nel 2015). Riguardo alla figura dellinsegnante, sono personalmente daccordo allaumento di ore a scuola: lavoro in totale circa 45 ore alla settimana (a fronte di 19 ore in classe), non mi farebbe paura rimanere a scuola 36- 40 ore a incontrare studenti in orari di ricevimento stabiliti, a preparare lezioni, organizzare laboratori, programmare lattivit didattica generale, predisporre, correggere e valutare verifiche. Per fare ci, come ben si pu comprendere, avrei bisogno di adeguati spazi e strumenti (uno studiolo, una scrivania personale, un computer, lacceso libe-

Mi chiamo Alessandra Vinci e sono una cittadina italiana che abita a Lanuvio, in provincia di Roma. Vi scrivo riguardo ad un episodio che mi capitato pochi giorni fa riguardante la totale inefficienza dei treni italiani. Domenica scorsa dovevo venire a Roma per un impegno urgente e, nonostante abbia aspettato pi di 3 ore alla stazione di Lanuvio, non passato nessun treno. Non solo, non stata annunciata nemmeno la soppressione dei suddetti treni. Trovo la cosa scandalosa. Non sono una pendolare, ma sicuramente molti cittadini italiani vivono quasi quotidianamente questo disagio. La macchinetta per vidimare il biglietto, in quella stazione, inoltre rotta e noi cittadini, pur compiendo il nostro dovere acquistandolo passiamo dalla parte del torto ingiustamente perch c' il rischio di dover pagare la multa non avendo la possibilit, appunto, di vidimarlo. Alessandra Vinc

DALLA PRIMA
Tommaso Di Francesco

SICILIA
Sabato 17 novembre, ore 17.15 ECO MAFIA, NEW BUSINESS L'Associazione Culturale Peppino Impastato organizza l'incontro-dibattito Ecomafia, new business Intervengono fra gli altri: Carlo Bommarito, associazione Culturale Peppino Impastato; dott.ssa Claudia Ferrari: Sostituto Procuratore della Repubblica di Palermo. Ex casa Badalamenti, Corso Umberto I, 183 Cinisi (Pa)

I segreti e i ricatti del caso Petraeus


Davvero dovremmo credere che Petraeus, stratega dellultima fase della guerra inconclusa in Iraq, con luso, dopo la tabula rasa dei massacri di Falluja, del passaggio degli insurgent sul libro paga dellintelligence militare, e della stessa strategia, con tanto di manuale, applicata allAfghanistan, si sia dimesso per avere tradito la moglie? Saremmo ad una riedizione dei famosi quattro primi versi del proemio dellOrlando Furioso di Ludovico Ariosto. E invece limpressione che si ricava dai primi giorni dello scandalo che la questione delle corna, o se si preferisce degli amori, davvero centri poco. Certo, proprio niente no. Visto che comunque stata la spia rivelatrice di un ciarpame politico-militare che ben altri scandali e ricatti nasconde. Perch chiaro a tutti che stavolta non ci troviamo nel rassicurante mondo della fiction di Army Wife, il serial dove esercito e famiglia, le due istituzioni chiave del mondo globalizzato, si tengono sotto tiro. No, stavolta siamo a Strike Back, laltro sceneggiato televisivo che impazza dove protagonista il mondo promiscuo e violento delle guerre coperte, dei contractors, dove la guerra diventa carne, storie personali e fondi segreti. Ora poi con la messa sotto inchiesta del generale John Allen, capo di stato maggiore delle truppe Usa in Afghanistan ed erede delle sue imprese, reo di un lega-

TOSCANA
Venerd 16 novembre, ore 17 ASOR ROSA Alberto Asor Rosa, presidente della Rete dei Comitati per la difesa del territorio, e l'urbanista Vezio De Lucia parteciperanno a unassemblea pubblica con i comitati della Piana. Nel corso dellincontro, organizzato, insieme con la Rete, dal comitato Il nodo a Nord Ovest, sar lanciato lappello Una piana da salvare, che chiede la totale conservazione dei vuoti presenti nella piana Firenze - Prato come misura necessaria all'equilibrio territoriale e ambientale dell'intera area metropolitana, respingendo in particolare il previsto potenziamento dell'Aeroporto Vespucci e adottando una strategia che non richieda il ricorso all' incenerimento di rifiuti. Allassemblea parteciperanno diversi rappresentanti della cultura urbanistica e socio- ambientale. Societ di Mutuo Soccorso, via Pratese, 48, Peretola Firenze (FI) Tutte le segnalazioni allindirizzo: eventiweb@ilmanifesto.it

il manifesto
CAPOREDATTORI marco boccitto, matteo bartocci, massimo giannetti, giulia sbarigia, micaela bongi, giuliana poletto (ufficio grafico)

DIR. RESPONSABILE norma rangeri VICEDIRETTORE angelo mastrandrea

me via mail con lagente di collegamento tra esercito e Servizi segreti, la libanese Jill Kelley - la stessa che rivelando le pressioni gelose verso di lei di Paula Broadwell - ha fatto scoprire tutto, lo scandalo sembra precipitare. E coinvolgere la leadership militare americana nel momento del suo massimo impegno e direttamente la Casa bianca. Sia verso la crisi afghana che riguardo alle crisi siriana, iraniana e pachistana, le prime tre crisi internazionali dove, dopo la Libia di una anno fa, sono in corso guerre coperte con tanto di mega-finanziamenti presidenziali. Ora, con laudizione al Congresso dei vertici della Cia ma anche dellFbi, lorganismo federale che avrebbe scoperto la tresca, e le prossime audizioni sulla sanguinosa vicenda Bengasi, la storia ritorna nel pieno del conflitto politico tra democratici e repubblicani, mentre anche una parte dei democratici vuole capire meglio quel che sta accadendo. Allordine del giorno, visto che in tanti nel governo statunitense gi sapevano da agosto, c nientemeno che linterrogativo se lo stesso Barack Obama in testa, sapesse o no dellaffaire che coinvolgeva in modo cos travolgente la massima carica istituzionale addetta alla concreta sicurezza del Paese. Desta infatti non poco sospetto il fatto che tutto sia emerso a poche ore dalla rielezione al secondo mandato del presidente americano che, subito, si affrettato ad accettare le dimissioni di Petraeus. Con qualche dubbio legittimo sulla sua rielezione nelle difficili elezioni presidenziali dove si temeva fino allultimo lo spettro del pareggio. Perch scontato che se la vicenda Petraeus fosse emersa in piena campagna elettorale probabilmente il colpo sarebbe stato durissimo. E qualcuno addirittura parla di impeachment per lo stesso presidente. Tantopi che nellultimo duello diretto, lo

sfidante repubblicano Romney sollev, zittito dalla mediatrice del dibattito, laccusa sulla sottovalutazione dei fatti di Bengasi da parte della Casa bianca, per i quali provvidenzialmente presero tutte le colpe il segretario di stato Hillary Clinton e lo stesso Petraeus. Adesso incombono proprio tutte le ombre e le nebbie dell11 settembre a Bengasi, dove in un assalto di integralisti islamici al consolato Usa venne assassinato lambasciatore Chris Stevens, gi uomo della Cia nel curare lintelligence della guerra che unanno prima aveva cacciato nel sangue Gheddafi. Perch, appena dopo il primo interrogatorio dellFbi, Paula Broadwell in tv ha rivelato che l, nel consolato era in corso una cattura della Cia di uomini di Al Qaeda - a motivazione dellattacco integralista islamico -, chiamando addirittura a testimone lo stesso Petraeus. Wikileaks impallidisce. Cos Barack Obama ha ritenuto opportuno ieri rompere per la prima volta il preoccupante silenzio sulla vicenda, rassicurando in ritardo che non ci sono prove del fatto che informazioni riservate siano state diffuse, che sulla tempistica lFbi, nel cui operato ha la massima fiducia, ha seguito il protocollo e che per il momento sospende il giudizio sul fatto che dovesse essere informato prima. Un po poco come rassicurazioni. Certo, appare pi accettabile che il capo della Cia si dimetta per uno scandalo sessuale che non per i disastri prodotti da accordi indicibili con gli integralisti o per i tanti crimini commessi nelle troppe eroiche imprese belliche avviate dagli Stati uniti nel mondo. Insomma, sono pi comprensibili le corna che non lo svelamento del disastro delle guerre democratiche americane e della Nato, quelle evidenti e quelle coperte. Altro che le donne, i cavalier, larmi, gli amori.

DEMOCRAZIAKMZERO

il manifesto coop editrice a r.l. in LCA REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE, 00153 Roma via A. Bargoni 8 FAX 06 68719573, TEL. 06 687191 E-MAIL REDAZIONE redazione@ilmanifesto.it E-MAIL AMMINISTRAZIONE manamm@ilmanifesto.it SITO WEB: www.ilmanifesto.it TELEFONI INTERNI SEGRETERIA 576, 579 - ECONOMIA 580 AMMINISTRAZIONE 690 - ARCHIVIO 310 POLITICA 530 - MONDO 520 - CULTURE 540 TALPALIBRI 549 - VISIONI 550 - SOCIET 590 LE MONDE DIPLOMATIQUE 545 - LETTERE 578 SEDE MILANO REDAZIONE: via ollearo, 5 20155 REDAZIONE: tutti 0245072104 Luca Fazio 024521071405 Giorgio Salvetti 0245072106 redmi@ilmanifesto.it AMMINISTRAZIONE-ABBONAMENTI: 02 45071452 iscritto al n.13812 del registro stampa del tribunale di roma autorizzazione a giornale murale registro tribunale di roma n.13812 ilmanifesto fruisce dei contributi statali diretti di cui alla legge 07-08-1990 n.250 ABBONAMENTI POSTALI PER LITALIA annuo 260 semestrale 135 i versamenti c/c n.00708016 intestato a il manifesto via A. Bargoni 8, 00153 Roma

copie arretrate 06/39745482 arretrati@redscoop.it STAMPA litosud Srl via Carlo Pesenti 130, Roma - litosud Srl via Aldo Moro 4, 20060 Pessano con Bornago (MI) CONCESSIONARIA ESCLUSIVA PUBBLICIT poster pubblicit srl SEDE LEGALE, DIR. GEN. 00153 Roma via A. Bargoni 8, tel. 06 68896911, fax 06 58179764 E-MAIL poster@poster-pr.it TARIFFE DELLE INSERZIONI pubblicit commerciale: 368 a modulo (mm44x20) pubblicit finanziaria/legale: 450 a modulo finestra di prima pagina: formato mm 65 x 88, colore 4.550 , b/n 3.780 posizione di rigore pi 15% pagina intera: mm 320 x 455 doppia pagina: mm 660 x 455 DIFFUSIONE, CONTABILIT. RIVENDITE, ABBONAMENTI: reds, rete europea distribuzione e servizi, viale Bastioni Michelangelo 5/a 00192 Roma tel. 06 39745482, fax 06 83906171 certificato n. 7362 del 14-12-2011

chiuso in redazione ore 21.30

tiratura prevista 51.799

Intitolare un libro Linsurrezione in corso (Gustavo Esteva, Antistasis. Linsurrezione in corso, Asterios Editore, 96 pagine, 9 euro, traduzione di Aldo Zanchetta) un gesto temerario, a guardarlo dal fondo della depressione italiana, dove si discute accanitamente come partecipare alle elezioni, se un po dentro o un po fuori il recinto del centrosinistra, e dove si giudicano ingenui i movimenti degli indignados, dallalto di una sapienza che certamente produrr alla fine quella crescita, beninteso buona, che il solo orizzonte che sinistre e sindacati sembrano poter avere. E nemmeno il Messico di Esteva sta tanto bene: il Pri, il partito-regime, tornato al potere: la guerra al narcotraffico tiene in ostaggio il paese; gli zapatisti, che affascinarono il mondo

Linsurrezione in corso
Pierluigi Sullo
con una ribellione assai originale, sono muti e assediati nei loro municipi autonomi, che pure resistono. E allora, dov linsurrezione? Esteva un personaggio notevole: amico di Ivan Illich, si definisce intellettuale deprofessionalizzato, autore di centinaia di libri e articoli e situa la sua ricerca (e azione) allincrocio tra la crisi della modernit e la risorgenza delle culture indigene, quelle che hanno cambiato il volto dellAmerica latina. Due suggestioni fondamentali - due anticipazioni - sono venute da l: la prima, che leconomia basata sulla crescita infinita - una ossessione perversa, dice Esteva - deve cedere il passo a quel che i popoli indigeni chiamano buen vivir; la seconda, che la democrazia rappresentativa, che sempre dominio di una minoranza, e tanto pi ai tempi dellimpero della finanza, va sostituita con qualcosaltro, che Esteva chiama democrazia radicale. Queste due grandi trasformazioni, intrecciate ovviamente tra loro, sono appunto loggetto dellinsurrezione che sta dilagando nel mondo e che - scrive Esteva succede nei piccoli angoli che non possono essere raggiunti dalle mani poderose ma malvagie dello stato. Non centralizzata n isolata: non pu essere distrutta dai potenti, dai ricchi, dalla polizia. Attraversa un milione di luoghi nello stesso tempo, entra nelle famiglie, nelle strade, nei vicinati, nei luoghi di lavoro. Soffocata in un posto, riappare in un altro, fino a diffondersi ovunque. E pi precisamente: Linsurrezione in corso corrisponde a nuove forme di fare politica che potrebbero star dissolvendo la questione del potere in un modo per il quale non abbiamo un lin-

guaggio appropriato. Non si tratta solo del contrario del potere, di ci che gli resiste, ma di qualcosa di radicalmente distinto. Se ci si guarda intorno, anche in Italia, oltre i confronti televisivi che rendono le elezioni compiutamente democratiche (cio americane) e oltre lansia di avere rappresentanti in parlamento come unico obiettivo possibile, si vedr che milioni di cittadini, in modi non centralizzati n isolati, stanno insorgendo e cambiando gi da ora la loro vita. Fanno quel che Illich definiva con queste parole: Una trasgressione dei limiti culturali che apre un nuovo percorso. Ma comunque la si pensi suggerirei di leggere il libro di Esteva: fa capire di cosa si discute in giro per il mondo. www.democraziakmzero.org

GIOVED 15 NOVEMBRE 2012

il manifesto

pagina 15

COMMUNITY

Un habitat devastato dal libero mercato

IL CONCORSO

CHE GENERE DI CULTURA E DI SCUOLA?


Liviana Gazzetta n bel contrasto, non c che dire, quello che emerge in questi giorni tra la notizia di ci che va facendo in Francia Najat Vallaud-Belkacem, ministra per i diritti delle donne, e le notizie su ci che in Italia stato previsto dalle disposizioni ministeriali in materia di concorsi a cattedre, da poco banditi dopo lunga attesa: mentre la ministra francese sta proponendo ai membri del governo nazionale di frequentare un "atelier di sensibilizzazione" sulle disuguaglianze ancora esistenti fra donne e uomini, da noi il ministro dellIstruzione, dellUniversit e della Ricerca Francesco Profumo (insieme alla ministra con delega alle Pari Opportunit, Elsa Fornero) responsabile di una vera e propria cancellazione della cultura di genere proprio negli stessi programmi concorsuali, come denuncia lappello Che genere di concorso? diffuso su vari siti on line. Promossa dal Laboratorio di studi femministi "Anna Rita Simeone" dellUniversit La Sapienza di Roma, la lettera aperta stata sottoscritta anche dalla Societ Italiana delle Storiche, assieme alla Societ delle letterate e delle Italianiste e a molte importanti studiose e scrittrici (si veda larticolo di Simonetta Fiori Dimenticate le donne, Repubblica, 16 ottobre). La critica nello specifico rivolta al decreto n. 82 del 24 settembre 2012, relativo al concorso nazionale a cattedre indetto da poco, dove manca completamente ogni riferimento ai gender studies come prospettiva critica e scientifica: Basta scorrere gli elenchi di autori che il candidato dovrebbe innanzitutto conoscere: tra i filosofi, nemmeno una donna; tra gli scrittori, una sola, Elsa Morante; nel programma di storia non c alcun accenno alla storia delle donne e alle questioni di genere; tra i fatti notevoli del Novecento non menzionato il femminismo. Quando si parla di educazione linguistica non c nessun riferimento al linguaggio sessuato. Giustamente, per, la lettera non ignora il pi generale contesto politico-culturale in cui si collocano tali disposizioni. Su questo terreno, infatti, la politica del Ministro attuale si pu considerare in linea con ci che da alcuni anni sta accadendo sul versante della cultura di genere allinterno della scuola italiana. Basti ricordare che nelle Indicazioni Nazionali della scuola secondaria del 2010, che ridisegnano i contenuti scolastici secondo la riforma Gelmini, la questione della relazione tra uomini e donne del tutto rimossa, mentre se si analizzano in dettaglio le scelte per le singole discipline si potranno individuare anche macroscopiche retromarce, come quella che deriva, per esempio, dalla scelta di privilegiare lasse politico-istituzionale nellambito dellinsegnamento della storia. E ci mentre, per converso, con la nota strategia degli annunci, nel giugno del 2011 la ministra Carfagna programmava un piano nazionale "Pari opportunit e istruzione" che avrebbe dovuto sollecitare tutti gli istituti scolastici italiani, ad ogni livello, a promuovere corsi di formazione per personale docente e per studenti, facendo centro in particolare sullinsegnamento di Cittadinanza e Costituzione. Inutile dire che di tale piano non dovevano essere tracciate neppure le linee basilari, se nessun insegnante di nessuna scuola del paese ne ha mai saputo qualcosa di pi della nuda notizia. Si potr forse pensare che larretratezza dei programmi ministeriali in materia di cultura di genere, in molti paesi europei ormai considerata come punto di partenza per la pianificazione pedagogica e didattica, sia il riflesso di una pi complessiva arretratezza italiana della ricerca e dellelaborazione in ordine alla sessuazione del sapere. Ma non affatto cos. E non solo perch la ricchezza della produzione in questo campo in Italia potrebbe facilmente smentirlo, ma soprattutto perch facilmente dimostrabile che, al contrario, nei decenni alle nostre spalle anche nel nostro paese avevano trovato spazio importanti esperienze che, al posto della politica narcisistica dellannuncio, avevano privilegiato quella del coinvolgimento diretto degli insegnanti e della sedimentazione, come nel caso del progetto Po.Li.Te, pari opportunit nei libri di testo. Con la memoria lunga che deriva dalla prospettiva storica, ci piace anzi ricordare che fin dal primo Congresso nazionale delle donne italiane, nellaprile del 1908, vi fu chi come la maestra socialista Anita Dobelli - richiese la revisione della formazione femminile e, ancor pi, linsegnamento obbligatorio di una materia come storia sociale della donna. * Societ Italiana delle Storiche

Piero Bevilacqua
ntervenire sulle alluvioni che ogni anno provocano disastri ambientali e morti in qualche angolo della penisola fa sentire come i sacerdoti che celebrano uno stanco e inutile rito, cultori di una religione ormai spenta. L'Italia impone ai suoi osservatori l'eterno ritorno dell'eguale. Eppure corre sempre l'obbligo di ripetere, di tenere vive le armi della critica, di ricordare. La lotta fatta anche di ripetizioni e di repliche. E in questo caso sono pi che mai necessarie. Quello che accaduto in questi giorni nel grossetano e nell'Umbria meridionale infatti il nuovo capitolo di uno spettacolo a puntate che si ripete ormai puntuale in ogni autunno e inverno. E occorre anche aggiungere che questa volta l'esito sarebbe potuto essere ben pi tragico, se la pioggia avesse continuato a cadere per un altro giorno. Pochi sanno, infatti, che la diga di Corbara che sbarra il Tevere poco distante dallo scalo di Orvieto, dove tracimato il fiume Paglia era minacciosamente colma, mentre i caseggiati di Ciconia e dintorni erano gi allagati. Se il maltempo avesse continuato il suo corso, si sarebbe reso necessario aprire la diga con conseguenze imprevedibili , ma sicuramente devastanti, per tutti i centri abitati lungo la Valle del Tevere fino a Roma. Il ritorno del bel tempo ci ha risparmiati da ulteriori danni e vittime, lo spuntare del sole ha evitato una catastrofe. Ma fino a quando dovremo affidarci al caso, alla buona sorte, alla cessazione benigna di un temporale per evitare alluvioni, frane, morti, devastazione di case e imprese, distruzione di strade e ponti? Non evidente ormai a tutti che l'intero territorio nazionale in pericolo? Che bastano pochi giorni di pioggia intensa, concentrati in una qualunque area, per determinare danni ingenti alle popolazioni e agli habitat, imponendo poi costosissime ricostruzioni?

Dopo lOlanda siamo il paese pi fragile dEuropa, governato da classi dirigenti prive di cultura territoriale. Ogni intervento di ulteriore consumo del suolo deve diventare una fattispecie criminale. E noi cittadini dobbiamo costituirci parte civile
Appare evidente che oggi paghiamo a caro prezzo una urbanizzazione selvaggia, la quale ha coperto disordinatamente di costruzioni e infrastrutture un territorio che fra i pi vulnerabili dell'intero bacino del Mediterraneo. L'acqua che scende dalle Alpi o dall'Appennino sempre meno assorbita dai campi agricoli o incolti delle colline e delle pianure, ormai non pi abitate dai contadini, ed al contrario resa pi vorticosa nel suo corso dall'asfalto e dal cemento che incontra. Un paese, tra i pochi in Europa, privo di una legge urbanistica , che ha assistito con poche resistenze a una svolta inaudita. Alla consueta attitudine illegale di classi dirigenti e popolazioni a occupare il territorio con costruzioni abusive ( che hanno sfigurato tante nostre citt ) venuta in sostegno la versione italiana del neoliberismo: il verbo che ha fatto dei nostri habitat delicati materia di "libero mercato". Oggi, dopo tre decenni di furia "liberale", il territorio nazionale mostra le stimmate della sua trasformazione mercantile, riplasmato, com' dalle spinte caotiche delle convenienze private: terre d'altura e aree interne in stato di abbandono, valli e pianure - la polpa ricca - intasate di popolazione, edifici, strutture produttive, vie di comunicazione. Qui l'acqua piovana non ha pi spazio, come era accaduto in tutti i secoli passati, e perci appare come il grande nemico. Come e quanto pu durare tale conflitto tra le forze imprevedibili della natura e i nostri abitati? Ebbene, questa drammatica novit storica impone oggi un nuovo atteggiamento della pubblica opinione nei confronti delle classi dirigenti italiane e del ceto politico nazionale. Sappiamo da studi decennali che all'Italia toccato in sorte un paradossale destino. Il paese fisicamente pi fragile d'Europa (insieme all'Olanda) stato governato da classi dirigenti prive di ogni cultura territoriale, sguarnite anche delle pi elementari forme di consapevolezza, di memoria storica dei caratteri dei vari habitat locali e dei loro delicati equilibri. Tale carattere originale della nostra cultura, il suo sdradicamento metafisico dalle condizioni materiali della vita, oggi rappresenta una minaccia per la collettivit nazionale. A questa incultura originaria si aggiunge la religione della crescita che alimenta nuovi e disordinati appetiti speculativi nei confronti del nostro territorio. Ancora oggi il suolo nazionale non appare come un habitat da proteggere, per tutelare i beni, la ricchezza storica del paese dagli eventi atmosferici, ma come la materia prima per continuare a crescere, come recita la superstizione contemporanea. E' altamente esemplare che un paese, il quale ha i problemi drammatici che osserviamo puntualmente ad ogni inverno, si ostini a progettare il Tav in Val di Susa. I nostri governanti sono pronti a sperperare svariati miliardi per un'opera inutile e non trovano tempo, energia, risor-

se per mettere in campo un progetto assai meno costoso e generatore di nuove economie finalizzato a proteggere il nostro territorio in pericolo. Ebbene, credo che sia tempo di rendere evidente il carattere drammatico che ormai occorre dare alla nostra opposizione. Abbiamo mostrato in altre occasioni che il territorio pu essere messo in salvo solo attraverso una vasta opera di ripopolamento e valorizzazione delle aree interne. Ma oggi occorre agire anche con misure di urgenza. E' necessario chiarire che tutte le nuove costruzioni, tutte le manipolazioni dell'habitat che si progettano e si realizzano in Italia sono contro l'interesse collettivo, minacciano il bene comune della sicurezza nazionale. Ogni metro quadrato di nuovo asfalto o cemento sottrae spazio alle acque, accresce la vulnerabilit dei nostri abitati e delle nostre vite. Non possiamo pi tollerarlo. Credo che ormai bisogna incominciare a considerare sotto il profilo penale gli interventi che consumano suolo. Questo bene non infinito, esso la spugna che assorbe l'acqua, dunque un bene di tutti che ci protegge , chi lo cementifica rende pi pericolosi i nostri abitati, rende pi insicura la nostra incolumit, le nostre case, i nostri beni, i nostri animali. E' perci necessaria una iniziativa legislativa che dia nuovi strumenti all'interesse collettivo oggi cos gravemente minacciato. Occorre rendere possibile, alle associazioni impegnate nella difesa del territorio e del paesaggio, di costituirsi parte civile nei vari luoghi dove si progetta il consumo di verde, da configurare, com' ormai drammaticamente necessario, quale fattispecie criminale. Privati, amministratori locali, imprenditori non possono pi utilizzare come bene privato ci che con tutta evidenza appare un bene comune intangibile e irrinunciabile.

I BAMBINI CI PARLANO

Cosa vuol dire giustizia?. Vuol dire vendicarsi. Perch a un uomo, per esempio, hanno fatto una cosa cattiva e allora per avere giustizia vuole vendicarsi. Per me la giustizia quando ti trattano male. Ma no, quella lingiustizia, il contrario!. E fare le cose giuste e non sbagliate. Quando vedete la giustizia? Quando c giustizia? Per esempio, i super eroi, quando vanno in azione per salvare la gente. Se qualcuno fa una cosa giusta, non sbagliata. La giustizia mettersi daccordo. E quando per esempio a Chi vuol essere milionario ti fanno una domanda e tu rispondi giusto. Se scrivi giusta una parola, senza errori. Se disegni un albero e sembra un albero vero.

Sulla giustizia
Giuseppe Caliceti
Chi sono i giudici?. Quelli che votano. Quelli che danno i voti. Quando qualcuno balla, per esempio. Alla fine i giudici danno il voto. Da 1 a 10. Chi ha il voto pi alto, vince. Io li ho visti a Ballando sotto le stelle alla tv!. Conoscete altri tipi di giudici? I maestri e le maestre sono un po dei giudici, perch mettono i voti. Anche gli avvocati sono giudici. Dicono ai ladri quanti giorni devono stare in prigione. No, gli avvocati gli amici dei ladri. Il giudice un altro. Secondo me uno che ha rubato non pu avere ragione. Ma loro non lo sanno ancora se stato lui a rubare o no. I giudici dicono se tu sei colpevole o innocente. Se sei colpevole ti mandano in prigione. A scuola ci sono giustizie e ingiustizie?. S. Se un bambino offende un altro bambino, fa una cosa ingiusta. Se invece fa un complimento, fa la cosa giusta. Poi le bugie non si dicono. A scuola il giudice lo fa la maestra. Per non mette i bambini in prigione, danno le punizioni. Se qualcuno vede un suo amico che sta cadendo e lui gli d una spinta, un imbroglio, perch un po stata colpa sua, ma stava gi cadendo. Ma se lui inciampa e nessuno gli ha dato una spinta? A cosa serve la giustizia?. Per avere regole uguali per tutti. Cos pi facile andare daccordo. Per non fare le cose sbagliate.Anche per me. Il maestro e la maestra non sono cattivi. Devono dare le punizioni per insegnarci. Anche i giudici. Le regole tutti le devono seguire.

Si pu vivere senza giudici? Per me no. Perch se non cera la giustizia, per me rubavano tutti. Anche per me. Se a un uomo per caso veniva in mente di fare una cosa cattiva, lui forse adesso non fa pi quella cosa perch ha paura di andare in prigione. A cosa assomiglia la giustizia? A un regolamento. A delle istruzioni. Alle regole di un gioco. A un libro che dentro c scritto quello che giusto e quello che sbagliato, per esempio la multa. Se c scritto che tu non devi mettere la macchina nel parcheggio giallo per i bambini handicappati e tuo padre la mette ugualmente, se non cera un vigile che metteva la multa, lui dopo metteva ancora la macchina in quel posto. Invece dopo non la mette pi.

pagina 16

il manifesto

GIOVED 15 NOVEMBRE 2012

LULTIMA

storie
In Europa si va affermando lestensione dei diritti sociali agli immigrati. Ma per molti lunico aiuto arriva ancora solo dalla reti di solidariet comunitaria o dalle famiglie. Per questo c bisogno di unassistenza transnazionale
Enrico Pugliese

Welfare
si con sistemi di welfare forti pensiamo al caso tedesco sia in contesti dove il sistema di welfare non si parimenti sviluppato, quale il caso dei paesi dellAmerica latina. Anzi qui si forse registrato lunico impegno transnazionale a livello di welfare giacch nei decenni passati un orientamento relativamente generoso della spesa sociale italiana aveva permesso il trasferimento di un flusso di risorse volte spesso a ridurre condizioni di vera e propria indigenza di cittadini italiani residenti allestero. Ma anche questo andato riducendosi negli ultimi anni.

immigrazione rappresenta uno dei grandi banchi di prova dei sistemi di welfare nazionali. Basti solo pensare al fatto che lessenza del welfare state consiste proprio nel godimento di quelli che Marshall (Thomas) e tutti gli altri dopo di lui ha chiamato diritti sociali, giustappunto, di cittadinanza: diritti di cui godono i cittadini di un determinato paese. E la cittadinanza si sa include ma esclude anche: ad esempio quando si parla di diritti diversi tra cittadini e stranieri. E non a caso nel parlare di welfare e immigrati si parla appunto di accesso ai diritti di cittadinanza da parte di non cittadini: insomma una sorta di ossimoro. E con questo problema i paesi sviluppati hanno dovuto misurarsi nei decenni scorsi. Linternazionalizzazione del mercato del lavoro o ancora, pi semplicemente, larrivo di lavoratori stranieri in un qualunque paese - ha posto una questione di fondo: devono questi essere equiparati nei loro diritti alla classe operaia nazionale (come per altro essi richiedono) o no? C comunque ormai a livello istituzionale un definitivo orientamento ad estendere agli immigrati, per lo meno sul piano teorico, laccesso ai benefici del welfare. E ci anche comprensibile se si considerano i processi di fondo che sono stati alla base del sistema di welfare e dellintroduzione dei diritti sociali di cittadinanza. Si tratta dello scambio tra lealt allo stato e garanzie di condizioni di vita migliori, a cominciare dalla salute, dallindennit di disoccupazione e dalla pensione. Questo accordo questo compromesso che lessenza del welfarosarno, re state - non poteva essere limitato solo distrubuzione di a una parte della classe operaia, cio a kit sanitari agli quella nazionale. E ci ne ha determinaimmigrati/FOT to progressivamente, almeno in Europa, LIVIO lestensione ai lavoratori immigrati. StuSENIGALLIESI diosi quali Harris e pi recentemente Geddes hanno messo in evidenza i meccanismi e i processi di inglobamento degli immigrati nei sistemi di welfare nazionali.

SENZA CONFINI

transnazionale approfondendo anche il discorso sulla natura e le auspicabili aggiungerei io funzioni e caratteristiche del welfare transnazionale. Esso, secondo lautrice, consente alle persone di esplicare i propri ruoli e di soddisfare i propri bisogni e desideri senza minare le scelte di vita come la migrazione in quanto contribuisce a mantenere legami appartenenze, relazioni significative tra coloro che, pur vivendo in contesti diversi, continuano a sentirsi appartenenti a un paese a una famiglia geograficamente distante ma simbolicamente vicina. Ma questo - nota la stessa autrice possibile nella misura in cui si possa godere dei benefici del sistema pi avanzato (quello dei paesi di immigrazione) in ambedue i contesti compreso quello di partenza (cio alla fine di ritorno). E mi pare che questa possibilit sia molto lontana dalla realt.

Le iniziative autonome dei migranti


Infine, il lavoro di Ceschi mostra da una parte il funzionamento efficace di forme di welfare comunitario che effettivamente operano a livello transnazionale legando cio larea di provenienza con larea di arrivo; dallaltra parte per mostra chiaramente quanto le istituzioni italiane siano lontane dal contribuire a una integrazione e una valorizzazione di queste iniziative autonome degli immigrati. Il caso specifico studiato da Ceschi quello di una cooperativa di lavoratori senegalesi che, secondo antiche tradizioni di solidariet comunitaria, provvede a garantire ai suoi soci il soddisfacimento di esigenze che non vengono garantite dalle politiche di welfare nazionale nei paesi di arrivo. Lo studio di caso presentato sicuramente di successo, ma ho dei dubbi che esso si presenti a molte prospettive di riproducibilit fuori dallambiente senegalese. Gli elementi culturali specifici di quella comunit, che sono stati determinanti per il successo delliniziativa, non si trovano di frequente nelle altre comunit di immigrati. Ma il caso mostra paradossalmente come la cooperativa studiata attui anche tutta una serie di interventi di politica sociale che in realt dovrebbero essere comunque garantiti dalle istituzioni del paese di immigrazione. Comunque gli elementi di solidariet comunitaria e le reti sociali di questo genere possono avere una funzione integrativa di rilievo per gli immigrati come per i locali - potenziando la qualit delle politiche sociali. Al contrario soprattutto negli anni recenti sono stati messi in atto in Italia dei provvedimenti volti a ridurre pi che a potenziare le possibilit di realizzazione di un welfare transnazionale. Lo stesso Ceschi fa lesempio delle difficolt introdotte gi dieci anni addietro con la legge Bossi-Fini e scrive che in generale i migranti incontrano difficolt specifiche rispetto ai tradizionali meccanismi di protezione sociale fondati sul principio lavorista, come dimostra limpossibilit di riscatto dei contributi a fini pensionistici introdotte in Italia dalla legge Bossi-Fini, tuttora in vigore. Ed aggiunge che gli immigrati rischiano di restare esclusi anche dalle nuove forme di welfare fondato sui diritti cittadinanza frenati dal difficile percorso per diventare cittadini e dagli ostacoli alla stabilizzazione posti dalle attuali normative sulla di immigrazione: quelle particolarmente dure e discriminatorie introdotte dal terzo governo Berlusconi. Insomma, negli ultimi anni si vista solo la riduzione del welfare nazionale: di iniziative istituzionali volte a favorire il welfare transnazionale, cos come auspicato dal volume, si visto ben poco. Ma la discussione aperta e il volume fornisce utile documentazione e spunti per il dibattito.

Tra due welfare


Il volume Welfare transnazionale: la frontiera esterna delle politiche sociali, edito da Ediesse tratta la tematica da

IL LIBRO Welfare transnazionale


Da alcuni decenni migrazione e sicurezza sono divenute le due facce di un binomio che sembra inseparabile e si compreso che per promuovere questo binomio serve una dimensione politica esterna, in grado, cio, di assicurare la collaborazione tra paesi di arrivo e paesi di origine dei flussi migratori. Il termine sicurezza continua per ad essere automaticamente associato ai concetti di controllo, respingimento dei migranti irregolari, difesa dei confini nazionali, lotta alla criminalit e, in ultima analisi, al sentimento di paura. Lobiettivo di Welfare Transnazionale, di Flavia Piperno e Mara Welfare Tognetti Bordogna (Ediesse, 2012) evidenziare come, specie in tempi di pace, esista unaltra dimensione della sicurezza, anchessa strettamente legata ai flussi migratori.

un ottica particolare: quella dellimmigrato tra due diversi realt socio-economiche ma anche tra diversi sistemi di welfare: quello dei paesi di arrivo e quello dei paesi di partenza (e di eventuale ritorno); il che ne giustifica il titolo dato dalle autrici Flavia Piperno e Mara Tognetti Bordogna. Il libro affronta sia a livello teorico che con riferimenti empirci e suggerimenti di policy le problematiche relative alla collocazione degli immigrati nel sistema di welfare italiano oggi, partendo dalla considerazione che una parte di essi probabilmente destinata al ritorno e che finir per trovarsi nella complessa condizione di beneficiario parziale dei benefici di due sistemi di welfare diversi. E non si tratta di un problema da poco. infatti noto e ovvio che i sistemi di welfare dei paesi di provenienza degli immigrati in Italia sono molto pi esili del sistema di welfare italiano, per quanto avaro questo possa essere nei confronti degli immigrati. Qui aprirei una parentesi, con riferimento a una peculiarit italiana che non affrontata nel libro e che a me sembra comunque di rilievo: la collocazione di unaltra componente delle migrazioni che riguardano lItalia, cio gli emigranti italiani allestero. Perch questi vivono una contraddizione di tipo diverso da quella degli immigrati in Italia e per qualche verso paradossale. Essi cio, provenienti da un paese con un sistema di welfare ormai piuttosto avanzato, possano trovarsi ora sia in pae-

Gli operatori sociali


Tornando al libro e alla problematica affrontata, c unaltra interessante peculiarit tipicamente italiana alla quale invece il volume dedica molta attenzione, cio lesistenza di una vasta componente di immigrati che non sono beneficiari bens operatori, lavoratori, allinterno del sistema di welfare. Si tratta, tanto per fare lesempio pi noto e citato, del caso delle badanti. Ad esso sono dedicati nel volume diversi saggi che mostrano anche la contraddittoriet del ruolo di queste figure che nel fornire dietro retribuzione servizi per il funzionamento del welfare mix italiano, privano dellassistenza i loro familiari, soprattutto i minori, nelle aree di provenienza. In questo caso si potrebbe parlare proprio di transnazionalit dellassenza di welfare: in primo luogo per il fatto che i servizi di cura vengono comprati sul mercato (e qui di nuovo si tratta di carenze del sistema di welfare); in secondo luogo perch, per effetto del cosiddetto care drain (drenaggio del lavoro di cura), chi lavora allestero costretto ad abbandonare la propria famiglia. Entrando nel merito dei singoli brani che costituiscono il volume, mi sofferme-

r solo su quelli delle due curatrici, per poi passare a quello particolarmente chiarificatore di Sebastiano Ceschi che rappresenta una sorta di appendice. Flavia Piperno fa un vasto riferimento alla letteratura internazionale sul tema sottolineando il contributo degli immigrati e soprattutto delle immigrate al funzionamento del sistema di welfare dei paesi ricchi - citando tra gli la Ehrenreich e la Hocshield che vedono una vera e propria sottrazione di risorse. Sempre nel campo della letteratura internazionale Flavia Piperno fa riferimento agli autori che si sforzano di mostrare alla come le migrazioni possano produrre vantaggio sia per i paesi di partenza che per i paesi di arrivo. Ma qui la autrice sposta il campo di osservazione dal tema specifico del welfare transnazionale a quello dei rapporti tra i Paesi del Nord e del Sud e delle possibili ricadute in termini di sviluppo per i secondo anche grazie alle rimesse degli emigrati. La verit dei fatti, anche per quel che mostrano le autrici, che attualmente nei paesi di arrivo il welfare consiste solo nelle reti di solidariet sociale e comunitaria, attivabili grazie al flusso di risorse legate alla immigrazione: le stesse reti che secondo le autrici combinate con il flusso di risorse e un opportuno intervento istituzionale dovrebbe favorire lo sviluppo di un welfare transnazionale. La tematica ripresa dal contributo di Mara Tognetti che analizza soprattutto le caratteristiche e il ruolo della famiglia