Sei sulla pagina 1di 5

IDEE PER UN NUOVO APPROCCIO

Estratto dal libro MSF CALCIO Il movimento specifico funzionale per il calcio di Claudio Donatelli e pubblicato da Calzetti & Mariucci Editore (2012)

Il calcio uno sport sempre pi dinamico, di movimento, di partecipazione globale. E uno sport dal marcato carattere tecnico, dove tutto ci che accade durante la gara proprio di questa disciplina. Il modo di spostarsi, il tipo di sforzo metabolico e muscolare, le modalit di controllo dellattrezzo di gara (la palla) La tecnica specifica del gioco lo strumento che ogni giocatore dispone per risolvere tali problematiche e il movimento allinterno del terreno di gioco lelemento fondamentale che consente di concretizzare ogni pensiero tattico, sia individuale che di squadra. Le condizioni ambientali di tale sport obbligano i calciatori a mettere in opera determinati tipi di movimenti, fortemente caratterizzati, che per questo sono lontani dal termine generico corsa, ma che si ritiene pi corretto chiamarli con il termine spostamenti calcistici. Ci che determina la qualit complessiva dei giocatori non rappresentato solamente dal livello delle loro abilit tecniche quando sono in contatto con la palla, ma anche dallo standard di movimento che accompagna e sostiene queste abilit.
1

Soffermiamoci per un attimo a pensare al tempo che un calciatore, durante una gara, trascorre in possesso della palla e quindi alla durata complessiva dei movimenti che l'atleta esegue con il pallone. Questo relativamente molto breve. Mentre per tutto il resto della gara ogni giocatore si sposta, si muove, con azioni specifiche dello sport, allo scopo di assumere una posizione favorevole per realizzare i propri obiettivi di gioco, per anticipare o eludere il diretto avversario. L'atleta agisce per tutta la durata della partita con il massimo dell'efficacia, nel rispetto del principio di economicit dei gesti e del risparmio energetico. Il livello di spostamento di unatleta facilita lespressione e lefficacia delle sue abilit tecniche cos tanto che, spesso, un gesto sbagliato pu dipendere da un cattivo movimento, che ha portato il giocatore ad assumere una posizione del corpo scorretta che non permette unefficace realizzazione del gesto. Il controllo della palla e le tecniche di spostamento sono completamente integrate tra loro. La capacit di gioco lintegrazione di pi abilit tecniche tipiche del gioco come gli spostamenti con e senza palla, il dribbling, il controllo orientato... Il calciatore adotta movimenti diversi che gli consentono: di assumere una posizione del corpo favorevole per il controllo del pallone in arrivo, di ricercare

il giusto momento di impatto per il tiro, uno spostamento efficace di smarcamento. La velocit di movimento nel campo di gioco non sempre un elemento discriminante. La velocit di spostamento del giocatore molto spesso sotto massimale, ha tempi propri, deve rispettare le dinamiche del gioco, si realizza seguendo i ritmi di azione della propria squadra o del diretto avversario. Un calciatore di alto rendimento sa esprimere la propria dinamicit a varie velocit e dimostra di saper controllare i propri movimenti anche nei momenti di grande complessit. Allenare esclusivamente a muoversi a velocit massimale pu rivelarsi un errore metodologico, soprattutto perch lequazione: so correre veloce e quindi so controllare la mia corsa non sempre corretta. Gli elementi che determinano la velocit di corsa sono intrinseci nel gioco stesso e latleta in questo contesto chiamato ad essere preciso, efficace, in situazioni dove la pressione temporale pu anche essere controllata ed elusa, ad esempio, da un efficace movimento di finta. Un movimento difensivo, puntuale e con le giuste coordinate spazio-temporali pu rallentare lazione offensiva del giocatore avversario, una corsa avanti in zona di campo esterna pu essere sotto massimale proprio per rispettare i tempi di giocata della squadra.

Lesperienza e quindi la profonda conoscenza delle azioni di gioco favoriscono la prontezza delle risposte motorie e lapplicazione di movimenti nel rispetto di un obiettivo tattico. Pertanto un giocatore classificato come lento nel test della corsa veloce sui 30 metri in linea pu essere tranquillamente il pi veloce negli spostamenti di gara. La conoscenza degli aspetti tecnici che costituiscono il gioco vengono quotidianamente esercitati dai tecnici sul campo, cos da facilitare quegli apprendimenti che possono migliorare la prestazione del singolo e della squadra. Proprio per generare uno sviluppo reale e ancora pi profondo l'addestramento deve essere rivolto a tutti gli elementi che caratterizzano il gioco. Per ottimizzare la prestazione calcistica degli atleti necessario far conoscere loro, approfondire e aumentare un la qualit dei loro di movimenti attraverso dettagliato programma

allenamento. Un programma di allenamento che conosca le reali esigenze tecnico-tattiche del gioco, che si sviluppi nel rispetto dei principi dell'apprendimento motorio, che abbia il fine ultimo di creare giocatori migliori. Un programma di allenamento prestazione che che sappia troppo riunire spesso quegli aspetti della vengono osservati

separatamente: coordinativo, condizionale, tecnico.

Un programma di allenamento che origini da un approccio alla preparazione fisica moderno e maggiormente vicino alle richieste degli atleti stessi, da un metodo funzionale che spinga verso una loro progressiva crescita agonistica. L'ideazione di un programma di allenamento degli

spostamenti calcistici richiede, innanzi tutto, la conoscenza dei movimenti specifici che gli atleti eseguono durante le gare e il riconoscere la loro finalit all'interno del gioco stesso. Lo studio della prestazione sportiva che ci interessa allenare permette di costruire un modello di lavoro pi efficace. Partire dalla gara e fare un percorso a ritroso ci aiuter a strutturare un dettagliato viaggio didattico al centro del tema che si sta affrontando: migliorare il livello di gioco dei nostri calciatori.