P. 1
missiva upgsp

missiva upgsp

|Views: 43|Likes:
Published by siapreggioemilia

More info:

Published by: siapreggioemilia on May 27, 2012
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

05/27/2012

pdf

text

original

Sindacato Italiano Appartenenti Polizia

Segreteria Provinciale di Reggio nell’Emilia
Via Salimbene da Parma nr. 65, 42124 Reggio nell’Emilia Tel. 3313742621 fax 0522533225 mail: reggioemilia@siap-polizia.it Blog internet: http://siapreggioemilia.blogspot.com/
Prot. Nr. 37/2012/SIAP/PROV. Reggio nell’Emilia, 27 maggio 2012

Egregio sig. Questore Dott. Domenico SAVI, l’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico da sempre è l’Ufficio che attesta la presenza della Polizia di Stato sul territorio e di conseguenza, come peraltro indicato più volte dalla S.V., è il biglietto da visita con la cittadinanza. E’ ormai assodato che questo “biglietto” è logoro e sbiadito, dimenticato per lo più da chi ne vantava le peculiarità, infatti ogni giorno e su tutti i turni, si assiste a delle precarie condizioni di organico, di lavoro e di disposizioni non chiare e indefinitive, insomma ad un vero e proprio “caos”. Coordinatori Volanti Capo Turno che girano come le trottole, sempre diversi, presi da qualsiasi Ufficio componente l’U.P.G.S.P., Ufficio Denunce, Ufficio Trattazione Atti o U.G.A., Coordinatore, il tutto in barba a quanto disposto nell’A.N.Q., con colleghi costretti, “per far funzionare la baracca”, a turni amorfi, con la speranza postuma, di poter andare in ferie. Che dire poi di coloro che rappresentano il cardine dell’operatività della Sala Operativa, quegli operatori C.O.T. il cui lavoro è importantissimo, ma di cui “qualcuno” se ne dimentica, costretti a turni dove il numero dei componenti è di una sola unità, specie nel turno di notte, quanto mai delicato per i fatti ben noti a tutti. E gli Operatori di Volante? Ad essi sono stati chiesti numeri su numeri fino ad arrivare a cifre che nemmeno le Questure di serie A presentano, ovviamente il tutto per una chiara dimostrazione di efficienza, salvo poi dimenticarsene o peggio sommergerli di “disposizioni” contraddittorie, di tagli di straordinario per far quadrare il bilancio, di locali inidonei, di dotazioni mal funzionanti, di sostituzioni per assenza alla vigilanza Corpo di Guardia che taglia spesso la Volante lasciandone solo una sul territorio, di coprire il ruolo di Coordinatore Squadra Volante Capo Turno per assenza dello stesso, non previsto in nessuna “normativa”, di contattare il “reperibile a casa” se ve ne è bisogno, insomma di una logica organizzativa che fa acqua da tutte le parti. Tutta questa attività di conseguenza “mette in ginocchio” un Ufficio Trattazione Atti, o U.G.A., che è sommerso dalla carta senza che ne possa avere un controllo reale, anche perché le carte fanno il “giro dell’oca”: piano terra, primo piano, piano terra, primo piano e via smistamento, sempre però, se sono presenti e non impiegati in superturni. Il personale dell’Ufficio Denunce che giornalmente deve essere pronto a tutti i lavori, perché fa da balia agli ANPS, all’URP, a tutti coloro che non sanno cosa devono fare, rispondere agli utenti che richiedono informazioni telefonicamente e non per ultimo poi apprendere, difformemente al citato A.N.Q., di essere impiegati come Coordinatori Volante, in turno, per coprire le carenze dell’Amministrazione. A nostro parere è venuta ora di rimettere mano ad un’organizzazione che oramai risulta fallimentare: è arrivato il momento di riorganizzare l’U.P.G.S.P. con l’innesto di più personale proveniente da altri uffici visto che il Ministero non assegna aliquote di personale. Secondo noi, sig. Questore, c’è bisogno di riforme, di “mettere le persone giuste al posto giusto”, c’è bisogno di scelte che sicuramente non andranno bene a qualcuno, ma quelle scelte devono essere fatte altrimenti il personale della Polizia di Stato non potrà garantire l’ottimo servizio che in questi 160 anni di storia ha assicurato ai cittadini della Provincia di Reggio Emilia. È arrivato il momento che tutti stringano la cinghia, che non siano sempre gli stessi dell'U.P.G.S.P. a farlo e non bisogna accampare più scuse con la motivazione che “la coperta è corta!”. Alla luce di quanto esposto, esorteremo tutto il personale a prendere consapevolezza del problema ed è per questo che questa segreteria Provinciale nei prossimi giorni Le chiederà un incontro al fine di giungere ad una possibile soluzione al problema dell’U.P.G.S.P. Il Segretario Provinciale Generale Giovanni PUNZO Segretario Provinciale Giovanni PUNZO Indirizzo mail Segretario Provinciale: giopunzo@gmail.com Cellulare Segretario Provinciale: 3313742621

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->