Sei sulla pagina 1di 2

Sindacato Italiano Appartenenti Polizia

Segreteria Provinciale di Reggio nellEmilia


Via Salimbene da Parma nr. 65, 42124 Reggio nellEmilia Tel. 3313742621 fax 0522533225 mail: reggioemilia@siap-polizia.it Blog internet: http://siapreggioemilia.blogspot.com/

Lo Straordinario Programmato non un ammortizzatore sociale!


Si tenuto ieri 20 giugno 12, un esame congiunto alla Questura, su richiesta di questa Segreteria Provinciale, in merito allinformazione preventiva inviata dal sig. Questore a tutte lo OO.SS. con cui si anticipavano le modalit di svolgimento dello straordinario programmato presso la locale Questura per lUfficio Immigrazione e la Divisione PAS. LAmministrazione ha in sostanza riproposto le medesime modalit gi in vigore e gi proposte nelle precedenti occasioni trimestrali. Dalla lettura del verbale della riunione (che troverete sul sito internet http://siapreggioemilia.blogspot.com/ e fissato alla bacheca del S.I.A.P.), si evincer che il SIAP ha avvallato in buona sostanza le modalit previste dallAmministrazione, ma forse, per ragioni di spazio e di sintesi, non se ne capiranno a fondo le ragioni che hanno portato alla nostra decisione o motivazione, ed allora eccoci qui: CHE COS LO STRAORDINARIO PROGRAMMATO - Listituto, previsto dallart.16 dellA.N.Q. nasce con lintento di costringere gli uffici e reparti ad una attenta pianificazione del lavoro, ove ci sia possibile, 1. Individuando con congruo anticipo uno o pi progetti su cui intendono focalizzarsi. 2. Prevedendo quanto personale e per quanto tempo impiegarlo, oltre al normale orario di servizio. 3. Contestualmente, si persegue lo scopo di sottrarre lo svolgimento dello straordinario allarbitrio dei capi ufficio, cosa che in passato, nemmeno remoto, ha determinato in molte occasioni disparit di trattamento tra il personale dello stesso ufficio, tra una scrivania e quell'altra. 4. Per sua natura, un istituto pi consono per venire incontro alle esigenze burocratiche di un ufficio o reparto, piuttosto che a quelle strettamente operative, proprio per la natura delle esigenze che lo determinano, che in ambito operativo difficilmente possono essere prevedibili e programmabili. Per altro, ci non esclude che anche in un ufficio burocratico vi sia lesigenza di ricorrere allo straordinario emergente o obbligatorio, come ad esempio in prossimit di scadenze inderogabili, o per un maggiore e non preventivabile flusso di lavoro. 5. Garantisce, per contro, e diversamente dal passato, la certezza di retribuzione al/alla collega il/la quale ha cosi il potere/dovere di programmare i propri impegni con un certo anticipo a fronte della maggiore presenza sul posto di lavoro. Richiede quindi un impegno costante nel tempo, a livello trimestrale, e rinviabile solo per motivi eccezionali ed occasionali, questo sempre nellottica della pianificazione delle esigenze, onde evitare che la decisione di fermarsi in ufficio dipenda pi dallestro del collega o dai motivi sperequativi di cui sopra. COSA NON (NON DOVREBBE ESSERE) LO STRAORDINARIO PROGRAMMATO Non (non dovrebbe essere) una richiesta del dipendente: lAmministrazione a richiedere ladesione (lo ricordiamo,VOLONTARIA), per le esigenze pianificate del servizio, non il contrario. Le giuste istanze vanno rappresentate nelle sedi opportune e attraverso la lotta e il confronto sindacale. pur vero che costituisce un (SEGUE DIETRO)

Segretario Provinciale Giovanni PUNZO Indirizzo mail Segretario Provinciale: giopunzo@gmail.com Cellulare Segretario Provinciale: 3313742621

Sindacato Italiano Appartenenti Polizia


Segreteria Provinciale di Reggio nellEmilia
Via Salimbene da Parma nr. 65, 42124 Reggio nellEmilia Tel. 3313742621 fax 0522533225 mail: reggioemilia@siap-polizia.it Blog internet: http://siapreggioemilia.blogspot.com/
incremento, a volte anche sensibile, delle entrate mensili, ma attenzione a considerarlo una sorta di ammortizzatore sociale! Oppure dobbiamo pensare che lo straordinario da qualcuno viene considerato un sistema comodo per arrotondare, senza effettivamente prestare alcun servizio utile alla collettivit, garantendo la mera presenza fisica, a volte con la complicit di qualche dirigente (che di certo non disinteressata)? Noi - a costo di risultare impopolari - ci rifiutiamo di svilire uno strumento quale quello dello straordinario programmato, che se ben utilizzato, potrebbe portare in qualche ufficio retto, in maniera pi illuminata, ad un cambio di mentalit epocale per la Polizia di Stato: non il classico vivere alla giornata una gestione sempre e comunque emergenziale, ma la pianificazione del lavoro, una gestione manageriale e moderna, pi fluente e redditizia. E veniamo quindi a noi: lo straordinario programmato presentato dal sig. Questore risponde ai requisiti secondo noi essenziali, sopra riportati? La risposta, positiva, viene dai colleghi stessi, che hanno aderito in percentuali altissime. Lunico problema, secondo noi, che ci sia stato qualcuno che ha ecceduto nelladesione del progetto. A tutte queste domande, noi abbiamo cercato di dare delle risposte. Labbiamo fatto chiedendo unincontro con lAmministrazione ed esponendo che nello straordinario programmato fatto nei mesi addietro vi stato un vero e proprio abuso perch sono stati organizzati dei programmi ad personam e non progetti finalizzati a risolvere quelle criticit che vari uffici si trovano ad affrontare da tempo. Infatti lAmministrazione ha comunicato che per il trimestre luglio/settembre 2012 gli unici uffici che aderiranno al progetto dello straordinario programmato saranno lufficio Immigrazione e la Divisione PAS, annullando cos i progetti di straordinario programmato passati. Facendo cos si ridurr lo straordinario programmato cercando di costituire una sorta di salvadanaio poich vi sono circa 1200 ore di straordinario in esubero che devono sicuramente essere pagate al personale. Successivamente, dal mese di settembre 2012, lAmministrazione organizzer dei progetti di straordinario programmato seri e produttivi che, permetteranno il riassorbimento del lavoro arretrato da parte di quegli uffici che pi ne hanno bisogno, andando cosi a razionalizzare in modo equo lo straordinario tra i vari uffici e soprattutto tra tutto il personale. Noi del S.I.A.P. siamo daccordo all'istituto dello straordinario programmato, perch risponde ai requisiti di prevedibilit e programmabilit, introducendo, in Questura, un meccanismo con cui chi svolge un compito burocratico, senza penalizzare sotto il profilo economico, rispetto a chi nei nuclei operativi. Cos facendo si garantisce la gestione delle varie articolazioni lavorative con maggiore serenit, con lapertura per un maggior lasso di tempo degli uffici, elemento di ampia utilit anche ai colleghi di altri uffici, da cui la possibilit di previsione all'estensione dello stesso a tutti gli uffici. E, cosa da non trascurare, tutto ci non va ad incidere sul monte ore dello straordinario emergente. Cordiali saluti. Il Segretario Provinciale Generale Giovanni PUNZO

Segretario Provinciale Giovanni PUNZO Indirizzo mail Segretario Provinciale: giopunzo@gmail.com Cellulare Segretario Provinciale: 3313742621