Sei sulla pagina 1di 1

Lo  sport  è  un  tema  di  fondamentale  importanza  nella  vita  di  qualsiasi  grande  città  e  lo  in  particolar

modo  nella  Milano  di  oggi,  una  metropoli  che  si  trova  in  piena  crisi  e  si  interroga  su  come  riscrivere
il  patto  sociale  che  regola  i  rapporti  tra  i  suoi  cittadini.
La   nostra   proposta   consiste   nel   guardare   ai   numerosi   centri   sportivi   presenti   sul   territorio   del
Comune   non   solo   come   a   delle   attività   meritevoli   e   quindi   da   sostenere,   ma   come   una   vera   e
propria  ricchezza  da  utilizzare  nel  più  ampio  contesto  della  creazione  di  una  rete  di  socializzazione
ramificata  in  ogni  ruolo  ed  in  ogni  quartiere.

Per  centrare  questo  obiettivo,  abbiamo  individuato  3  proposte  molto  concrete:

1)   Superare   l’attuale   modello organizzativo   dello   sport   milanese,   che   in   massima   parte   si
divide   tra   società   private   che   si   gestiscono   autonomamente   (facendo   ricorso   soprattutto   al
volontariato)  e  i  centri  sportivi  gestiti  da  Milanosport,  con  elevati  costi  che  ricadono  sulla  comunità.

2)   Affidare   la   definizione   delle   linee   programmatiche   ad   un   tavolo tecnico   composto


dall’assessorato  e  dai  rappresentanti  delle  varie  associazioni  attive  nel  settore.  A  questo  organismo
spetterà   il   compito   di   definire   un   modello   operativo   condiviso,   al   quale   le   singole   realtà   locali
dovranno  ispirarsi.

3)  Affidare  la  traduzione  pratica  delle  linee  programmatiche  a   consorzi di società  suddivisi  su
base  territoriale  e  con  significative  autonomie  gestionali.

4)   Sancire   in   maniera   chiara   ed   inequivocabile   la   primaria   importanza   sociale   dello   sport   come
attività culturale e fautrice di integrazione tra  i  cittadini,  con  riferimento  soprattutto  alle
differenze  sociali  ed  etniche  che  caratterizzano  la  Milano.

5)  Ridefinire  i  criteri di finanziamento  di  società  e  centri  sportivi  secondo  i  seguenti  pattern:    
a)  Presenza  di  tariffe  agevolate  per  i  corsi  
b)   Presenza   di   programmi   di   avviamento   allo   sport   delle   fasce   più   deboli,   con   particolare
riferimento  ad  anziani,  disabili  ed  immigrati
c)  Capacità  di  interagire  con  le  scuole,  notoriamente  carenti  su  questo  punto,  per  favorire  l’attività
di  base.
d)  Apertura  alle  iscrizioni  senza  selezione  in  base  al  merito  sportivo.  Le  realtà  sportive  che  fanno
selezione  perché  affiliate  a  club  professionistici  e/o  in  grado  di  autosostenersi  non  hanno  diritto  a
finanziamenti.
e)  Presenza  nell’organico  di  personale  propriamente  formato  e  inquadrato  con  contratti  non  precari
(su  questo  punto  proponiamo  convenzioni  con  la  facoltà  di  Scienze  Motorie).

6)  Affidare  al  tavolo  tecnico   la costruzione di una rete  che,  oltre  a  coordinare  i  centri  sportivi
nel   contesto   di   un   modello   condiviso,   ne   favorisca   l’integrazione   con   le   agenzie   educative
tradizionali.   Essendo   ben   note   le   carenze   della   scuola,   dei   CAG   e   in   generale   dei   servizi   del
territorio,   è   fondamentale   supportarne   l’attività   sfruttando   la   capillare   penetrazione   dei   centri
sportivi  nelle  periferie.  Essendo  già  dei  punti  di  riferimento  per  un’ampia  parte  della  cittadinanza,
essi   possono   diventare   dei   veri   e   propri   luoghi   di   ascolto   dei   bisogni   del   territorio,   attraverso   la
condivisione  di  spazi,  di  singole  attività,  ma  soprattutto  di  idee  che,  nascendo  nei  singoli  contesti  di
zona,  potranno  poi  essere  condivisi  ed  affrontati  in  maniera  adeguata.    Da  questo  punto  di  vista,
Milano  ambisce  a  diventare  il  laboratorio  di  un  nuovo  sistema  di  welfare.