Sei sulla pagina 1di 13

indice

1. Il re di pietra............................................................................ 19
Variante: andata e ritorno alle sorgenti del Po........................................ 24
Il Monviso............................................................................................. 25
Il Marchesato di Saluzzo........................................................................ 25
I paesi occitani e le Valli valdesi............................................................. 26
Il Forte di Fenestrelle............................................................................. 27
Les ravioles........................................................................................... 27
2. Le montagne olimpiche........................................................... 29
Variante: salita al Sommellier................................................................. 33
La Palazzina di caccia di Stupinigi.......................................................... 34
Valle di Susa, capitale mondiale dello sci................................................ 34
I trafori del Frejus.................................................................................. 35
La Sacra di San Michele......................................................................... 36
Il panettone.......................................................................................... 37
La papina.............................................................................................. 37
3. Il Canavese e il Gran Paradiso.................................................. 39
Ivrea..................................................................................................... 43
Le ceramiche di Castellamonte............................................................... 44
La Dora Baltea...................................................................................... 44
Il Parco Nazionale del Gran Paradiso . ................................................... 44
La polenta concia.................................................................................. 45
4. A spasso nel Monferrato.......................................................... 47
Variante: Castelnuovo Don Bosco.......................................................... 50
Asti, la città del Palio............................................................................. 50
L’Abbazia di Vezzolano.......................................................................... 50
Bruno, un piccolo paese del Piemonte.................................................... 51
Il Museo di Nizza................................................................................... 52
Il cavolo ripieno..................................................................................... 53
5. Quattro curve nel Biellese........................................................ 55
Variante panoramica e Piedicavallo........................................................ 58
Il Santuario di Oropa............................................................................. 59
La Bessa, la Serra Morenica di Ivrea e la ricerca dell’oro......................... 59
Il castello di Rovasenda......................................................................... 60
Biella.................................................................................................... 61
Burro alla purea di marroni.................................................................... 61
6. Estremo Nord.......................................................................... 63
Domodossola e l’architettura Walser...................................................... 67
Il trenino della Val Vigezzo..................................................................... 68
Il Monte Rosa e Capanna Margherita..................................................... 68
Crodo................................................................................................... 69
I krussli della Valle Devero..................................................................... 69

13

mototurismo.indb 13 04/11/2009 23.14.26


7. Week-end ai Laghi.................................................................. 71
Il Lago d’Orta........................................................................................ 74
I giardini di Verbania............................................................................. 75
Il territorio dei Laghi, scrigno di bellezze................................................. 75
Il Lago di Mergozzo . ............................................................................ 77
La torta vigezzina.................................................................................. 77
8. La collina della capitale........................................................... 79
Torino, la capitale.................................................................................. 83
La Mole Antonelliana, simbolo di Torino................................................. 84
La Basilica di Superga............................................................................ 84
Il Borgo Medievale, un “falso storico”.................................................... 85
Il Monte dei Cappuccini, Museo Nazionale della Montagna.................... 86
La ricetta: il gianduiotto......................................................................... 87
9. Un po’ di fuoristrada............................................................... 89
I rifugi alpini e la fruizione dell’ambiente naturale.................................. 93
I forti di Limone..................................................................................... 95
La Via del Sale e le Strade dei Cannoni................................................... 95
Limone Piemonte, la Valle Vermenagna e la Valle Roya........................... 96
La lepre al civet..................................................................................... 97
10. I grandi colli del ciclismo.......................................................... 99
Cuneo, capoluogo della Provincia Granda............................................ 103
Rafting, canoa e kayak sullo Stura di Demonte..................................... 104
Il Parco Naturale delle Alpi Marittime................................................... 104
I grandi santuri alpini: San Magno....................................................... 105
Le cojette al Castelmagno.................................................................... 105
11. Le Alpi del Mare.................................................................... 107
Il Colle di Tenda e la Valle delle Meraviglie........................................... 111
La grotta di Bossea.............................................................................. 111
Le Alpi e la Iron Bike............................................................................ 112
Vernante, il paese di Pinocchio............................................................. 112
Lumache al verde................................................................................ 113
12. Un po’ in Piemonte, un po’ in Riviera..................................... 115
Ceva................................................................................................... 118
I Cuneesi più vicini al mare.................................................................. 119
Bormida, acque combattute................................................................. 120
Nocciola, noce e castagna................................................................... 120
Il bonet............................................................................................... 121
13. Le sette sorelle della Granda.................................................. 123
Un volo in mongofliera sulla Provincia Granda..................................... 128
Racconigi: il castello e le cicogne......................................................... 129
Fossano e gli Acaja.............................................................................. 129
Savigliano, la città dei treni e del pane................................................. 131
La panada........................................................................................... 131
14. Roero, terra ritrovata............................................................. 133
Bra, città del Barocco........................................................................... 136
Il Roero............................................................................................... 137
Le rocche di Pocapaglia....................................................................... 137
Cherasco............................................................................................. 138
Agnolotti del plin................................................................................ 139

14

mototurismo.indb 14 04/11/2009 23.14.26


15. Le strade del vino.................................................................. 141
Alba, la città delle cento torri............................................................... 144
Il barolo.............................................................................................. 144
Il tartufo.............................................................................................. 145
La Nutella........................................................................................... 146
Brasato al barolo................................................................................. 147
16. Le case di pietra.................................................................... 149
Cortemilia........................................................................................... 152
La Langa di Beppe Fenoglio................................................................. 153
Il Tanaro, il Belbo e il Bormida.............................................................. 154
I luoghi della tradizione del pallone elastico......................................... 155
Torta di nocciole.................................................................................. 155
17. Dal lago al mare.................................................................... 157
La variante: una via classica per il mare................................................ 161
Arona................................................................................................. 162
I Saraceni............................................................................................ 162
Il Lago Maggiore................................................................................. 163
Ormea................................................................................................. 164
La bagna caoda................................................................................... 165
18. Motorelax alle terme............................................................. 167
Acqui la bollente................................................................................. 170
Novi Ligure: in Piemonte!.................................................................... 171
Gavi.................................................................................................... 172
Le acque ............................................................................................ 172
di Castelletto d’Orba........................................................................... 172
La minestra di verdure......................................................................... 173
19. L’incontro di quattro Regioni.................................................. 175
Le quattro regioni................................................................................ 179
Il Parco naturale di Capanne di Marcarolo............................................ 179
Tortona............................................................................................... 179
I funghi e i porcini............................................................................... 180
Grissini asciutti.................................................................................... 181
20. Pianura padana piemontese................................................... 183
Casale Monferrato............................................................................... 186
Le risaie.............................................................................................. 188
Il canale Cavour.................................................................................. 188
Il Lago di Viverone............................................................................... 189
Risotto piemontese.............................................................................. 189
21. Al centro dell’asse Torino-Milano........................................... 191
Il Ticino............................................................................................... 194
San Gaudenzio.................................................................................... 195
Galliate............................................................................................... 196
Il Parco naturale delle Lame del Sesia................................................... 197
Timballo di pere martine...................................................................... 197
22. L’oro del Piemonte................................................................. 199
L’oro di Valenza................................................................................... 202
Lu, il più corto..................................................................................... 203
Alessandria......................................................................................... 204
Il Parco naturale del Po (Garzaia)......................................................... 204
Tinca in carpione................................................................................. 205

15

mototurismo.indb 15 04/11/2009 23.14.26


18

mototurismo.indb 18 04/11/2009 23.14.33


01 Il re di pietra
Quota max raggiunta: 2740 m
Distanza totale: 360 km
Tempo di guida: 8 h

Partenza/arrivo: Saluzzo (Cn)


44°39’0’’N 7°29’0’’E

Informazioni pratiche

Consigliato in 2 giorni, con pernottamento in uno dei centri toccati dall’itinerario.


Possibilità di semplice concatenamento con i percorsi n° 2-8-9-10-11-12-13-14.
Parte del percorso si snoda a ridosso di montagne alte e valichi alpini elevati (tra
questi il Colle dell’Agnello, che con i suoi 2740 m è il più alto colle internazionale
asfaltato d’Europa); attenzione quindi alle condizioni meteo e alla transitabilità dei
passi.
Il tracciato sconfina per un tratto in territorio francese, attenzione quindi a essere in
regola con assicurazione e documenti.
Tracciato molto tortuoso e con grandi variazioni altimetriche.
Strade in gran parte secondarie, con qualche chilometro su direttrici nazionali e
internazionali, comunque sempre di piccole dimensioni e prive di tratti ad alta velocità.
Lunghi tratti su strade prive di segnaletica orizzontale e di protezioni laterali.
Numerosissime possibilità di inserire varianti o “puntate” su sterrati o piccole vie
di comunicazione alla ricerca di luoghi di interesse storico, geografico, artistico o
naturalistico, situati a volte in fondo a strade senza uscita che richiedono un’andata e
ritorno sullo stesso percorso.

19

mototurismo.indb 19 04/11/2009 23.14.36


percorso

sr23
sr23

Colle del Monginevro Sestriere

Briançon
Pinerolo
n94

fr it sp589

Château Queyras

Pian del Re Barge

Colle dell’Agnello Paesana

sp251 Monviso sp662 Saluzzo

Brondello
sp105
Sampeyre Isasca

Elva

Villar San Costanzo

Saluzzo 0 Château Queyras 169


km parziali

Castellar Arvieux
Pagno Briançon 207
Brondello 12 Colle del Monginevro 221
Isasca 18 Cesana
Venasca Sestriere 239
Rossana Fenestrelle
Villar San Costanzo 47 Villar Perosa
Dronero Pinerolo 298
Stroppo Cavour
Elva 89 Barge 321
Sampeyre 112 Paesana 329
Casteldelfino Revello
Chianale Staffarda
Colle dell’Agnello 144 Saluzzo 360
Molines en Queyras

20

mototurismo.indb 20 04/11/2009 23.14.37


itinerario

In partenza da Saluzzo, pas- naturale dedicato ai fenomeni


sando nell’abitato della frazio- geologici detti “I Ciciu”, gigan-
ne San Lazzaro, si imbocca in teschi funghi di pietra formati
direzione ovest la strada che dall’erosione.
risale la piccola e corta Valle Si incontra Dronero (non di-
Bronda (valle laterale della più menticate di passare sul pon-
nota Valle Po), la si percorre te del Diavolo), quindi San
fino in fondo lasciandosi alla Damiano e via via tutti i pic-
destra il perfetto e fiabesco Ca- coli centri di fondovalle fino
stello di Castellar. a Stroppo dove, poco oltre il
Dopo aver attraversato Pa- ponte della Cheina, si lascia
gno e Brondello, si prosegue la strada principale per im-
sull’unica strada disponibile boccare a destra il vallone di
e in breve, dopo strettissimi Elva. Qui si presentano al pi-
tornanti e ripide salite, si rag- lota 10 chilometri mozzafiato
giunge il colle di Isasca dal intagliati nella roccia, in uno
quale si discende all’omonimo dei canyon naturali più belli
paese situato in Valle Varaita. d’Italia, con gallerie costruite
Da qui si raggiunge la statale nella pietra, senza l’uso del ce-
che risale la valle e costeggia mento, e cascate d’acqua che in
il torrente fino a raggiungere alcune stagioni passano sopra
l’abitato di Venasca, da dove si la strada creando un tunnel
imbocca l’asfalto per Rossana liquido veramente suggestivo
(si transita in un centro abitato (se vi impressiona il paesaggio
di montagna attraverso viuzze o se il clima non lo consente, si
che sembrano finire in cortili può optare per una più como-
privati) e quindi si inizia un da e meno suggestiva strada
percorso che, balzando da un parallela che parte da località
lato all’altro delle valli Maira e Bassura).
Varaita, conduce in alcuni tra i Terminato il vallone e rag-
più bei passaggi delle Alpi. giunta Elva, una breve sosta
Dapprima, da Rossana si rag- permetterà di visitare alcuni
giunge l’omonimo colle che piccoli gioielli di arte e archi-
immette in Valle Maira, su un tettura locale come la parroc-
percorso breve e tortuoso con chiale affrescata da Hans Cle-
ottimo fondo che permette di- mer, celebre maestro di Elva.
vertenti “pieghe” ai più spor- Si prosegue poi fino al colle di
tivi. Poi si risale la tormentata Sampeyre dove, a quota 2282,
strada di fondovalle, ad ini- si incrocia uno dei più noti e
ziare da Villar San Costanzo suggestivi percorsi di fuori-
dove si trova il famoso parco strada delle Alpi.

21

mototurismo.indb 21 04/11/2009 23.14.37


Per gli appassionati di indossare un abbigliamento
mountain-bike, trekking e al- pesante e “inserire le ridotte”,
pinismo, è doveroso segnalare perché la strada si inerpica con
come questo percorso incontri tornanti stretti ed esposti fino
in più punti il sentiero dei Per- al mitico Colle dell’Agnello
corsi Occitani e la Grande Tra- che, con i suoi 2748 m, è il più
versata delle Alpi. alto colle internazionale asfal-
Dal colle di Sampeyre si scen- tato d’Europa e nei pochi mesi
de nuovamente in Valle Varaita di apertura sfodera la sua seve-
fino a raggiungere l’asse prin- rità con venti e temperature di
cipale, poi si svolta a sinistra tutto rispetto.
e si risale fino a Casteldelfino, Nessuna disattenzione è am-
Ponte Chianale e Chianale (un messa, quindi, meglio fermarsi
tempo sede doganale), lascian- in uno spiazzo ad ammirare
dosi a destra la splendida fo- il panorama mozzafiato per
resta di pini cembri del bosco poter poi viaggiare concen-
dell’Alevée e a sinistra il lago trati sulla strada dove, in uno
artificiale di Castello frequen- spazio ridottissimo, oltre ai
tato dagli appassionati di win- motociclisti transitano turisti
dsurf. in auto storditi dalla quota,
Se non si appartiene alla cate- ciclisti sfiniti dalla fatica, al-
goria dei forzati della manetta pinisti ed escursionisti con lo
e se in precedenza si è deciso sguardo sulle vette, animali
di visitare alcuni dei luoghi in- selvatici che giocano in casa
teressanti attraversati durante (tra questi molte marmotte)
il viaggio, concedendosi ma- e infine pietre rotolanti non
gari uno spuntino in qualche così infrequenti in un ambien-
trattoria tipica, consiglio di te tanto selvaggio; ma una foto
impiegare due giorni per per- ricordo in agosto con la moto
correre l’intero anello, pernot- appoggiata alla neve vale pure
tando in questo tratto di valle qualche sacrificio!
dopo aver gustato i piatti tipici Finalmente in Francia e via
della ricca cucina cuneese. La per il prossimo colle, quello
Valle Varaita offre varie solu- dell’Izoard, passando dap-
zioni: dal campeggio libero au- prima accanto a Saint-Véran
torizzato a quello organizzato (piccolo gioiello di architettura
in camping di qualità, dall’agri- montana completamente pe-
turismo spartano alla locanda, donalizzato) e poi attraverso
dal rifugio alpino all’hotel di Molines en Queyras e Château
lusso, il tutto a prezzi abborda- Queyras, dove si imbocca a de-
bili. Pronti a partire il mattino stra la strada D 902 per il colle
seguente e a ricongiungersi al che ci porta fuori dal Queyras,
percorso segnalato, dopo la uno dei più selvaggi parchi na-
deviazione fatta per pernotta- turali francesi.
re. In discesa dal Col d’Izoard
A questo punto è necessario (2360 m), sempre sulla D 902

22

mototurismo.indb 22 04/11/2009 23.14.37


si attraversa Cervières e poi si forte; Villar Perosa per il calcio
raggiunge Briançon, nota cit- e la Juventus, che da anni vi
tadina turistica apprezzata da organizza ritiro, preparazione
tutti i praticanti di sport estre- e amichevoli fuori stagione;
mi o semplicemente dagli ap- Pinerolo e la Val Pellice per gli
passionati di vita all’aria aper- amanti del trial e dell’hockey
ta. Da qui si imbocca a destra su ghiaccio, tanto per fare de-
la nazionale 94 e si raggiunge gli esempi. A questo propo-
Montgenèvre attraverso il cui sito, gli uffici turistici di valle
colle, a 1850 metri di altitudi- diventano preziose fonti di in-
ne, si rientra in Italia via Cla- formazione, pronti per essere
viere e Sestriere. Saliti ancora interpellati e utilizzati (tra i
una volta a 2000 metri, ci si tanti siti: http://www.monta-
potrà fermare sul colle o nella gnedoc.it/index.php).
famosissima stazione turistica Dopo Pinerolo, grande cittadi-
per apprezzare un residuo di na di fondo valle con un passa-
atmosfera olimpica e riposar- to ricco di storia e tradizioni, si
si prima della discesa verso la raggiunge la Rocca di Cavour,
pianura piemontese. curiosa roccia affiorante in
Via quindi per la Val Chisone piena pianura torinese e ap-
sulla statale 23 recentemente partenente, dal punto di vista
rimodernata in occasione dei amministrativo, al Parco del
Giochi Olimpici invernali del Po cuneese. Da qui si rientra
2006. Si tratta dell’unico tratto veramente in piena Provincia
di grande comunicazione dove, Granda e si raggiunge l’abitato
pur nel rispetto del codice del- di Barge in Valle Infernotto.
la strada, è consentito aprire Si continua su ottimo asfalto
un po’ di più il gas e sfoderare in direzione del Monviso per
i cavalli della nostra cavalca- raggiungere i 613 metri della
tura, ma attenzione, in molti Colletta che, girando intorno
luoghi la strada di fondovalle al Monte Bracco (il Monbracho
lambisce parchi naturali (del- citato da Leonardo nel 1511 a
la Val Troncea, Salbertrand proposito delle sue cave di pie-
e Orsiera-Rocciavrè), oppu- tra), scende su Paesana in pie-
re attraversa piccoli centri na Valle Po. Qui, se rimane un
abitati tra i quali Pragelato, po’ di tempo, è possibile fare
Fenestrelle, Roure, Perosa Ar- una puntatina fino alle sor-
gentina, Pinasca, Villar Perosa genti del fiume, altrimenti si
e Porte; attenzione dunque ai discende la valle fino a Revello
limiti di velocità, ai pedoni e poi, con 9 chilometri di sposta-
agli animali selvatici. Alcuni di mento verso nord, si passa a
questi piccoli centri meritano Staffarda. Qui è d’obbligo una
senz’altro una visita e posso- fotografia accanto ad una delle
no essere scelti come sosta a più belle e meglio conserva-
seconda delle passioni perso- te abbazie del XII sec. che si
nali: Fenestrelle per la visita al possano incontrare in Europa

23

mototurismo.indb 23 04/11/2009 23.14.37


(http://www.mauriziano.it/ ca fino al Pian della Regina su
arte/monumenti/staffard/ una salita alpina panoramica
staffard.htm). Da Staffarda, e strettissima. Gli ultimi 9 chi-
una veloce galoppata sulla sta- lometri, aperti solo in alcuni
tale 589 dei Laghi d’Avigliana periodi dell’anno, si percor-
in direzione di Saluzzo, ci ri- rono su fondo asfaltato molto
porta in meno di 10 chilometri irregolare, assolutamente pri-
alla capitale dell’antico Mar- vo di segnaletica orizzontale
chesato, dove sarà delizioso at- e molto spesso sprovvisto di
tendere il tramonto in uno dei barriere a valle su dirupi im-
tipici locali del centro storico pressionanti. In caso di incro-
e poi passeggiare alla ricerca cio con veicoli provenienti in
di una trattoria dove ricorda- senso inverso, è necessario
re con gli amici le esperienze fare manovra o retromarcia.
del viaggio appena concluso, La cornice di montagne di rara
esagerando forse qualche par- bellezza, la piramide del Mon-
ticolare, complice l’atmosfera viso che sovrasta il pianoro e
medievale di questa “Siena del la presenza di endemismi, sia
Piemonte”. animali sia vegetali, tipici del
Parco Naturale del Po, che qui
Variante: andata e ritorno ha inizio, rendono eccezionali
alle sorgenti del Po i ricordi di questa breve escur-
sione. Per gli appassionati di
Un’interessante escursione alpinismo e di storia delle Alpi,
“andata e ritorno” da aggiun- va ricordato che la salita alla
gere al già impegnativconforo vetta del Monviso e il trekking
road-book sopra descritto, è Giro del Monviso hanno qui un
rappresentata dalla salita alle facile punto di partenza per
sorgenti del Po (fiume più accedere a famosi rifugi alpini
lungo d’Italia con i suoi 650 quali il Gagliardone, il Vallanta
chilometri) a Pian del Re, quo- e il Quintino Sella. L’itinerario
ta 2020. La cima è oggi acces- transita sotto il Buco Di Viso,
sibile per la via normale a un prima galleria delle Alpi scava-
gran numero di appassionati, ta nel 1480 per volere del Mar-
ma si tratta pur sempre di una chese Ludovico II.
vetta da affrontare con grande
rispetto e prudenza. La devia-
zione non è molto lunga ma
impegnativa dal punto di vista
motociclistico: partendo da
Paesana, l’itinerario si snoda
dapprima su una buona strada
larga e confortevole per poi si
trasformarsi in un’entusia-
smante salita di 500 metri fino
a Crissolo da dove ci si inerpi-

24

mototurismo.indb 24 04/11/2009 23.14.37


sulla strada

Il Monviso storia e nei poemi dell’antichi-


tà (il C.A.I. venne ufficialmente
Con i suoi 3841 metri sul li- fondato il 23 ottobre 1863 a
vello del mare rappresenta la Torino).
vetta più alta della provincia
di Cuneo, divisa tra questa e la Il Marchesato di Saluzzo
Francia. Si presenta come una
piramide quasi perfetta che so- Le terre saluzzesi sono abitate
vrasta la pianura e le Alpi cir- prima dai Liguri Vagienni e poi
costanti apparendo più elevato dai Salluvi, mentre i Romani
di quanto non sia in realtà. La arrivano intorno al 200 a.C.
sua forma di montagna ideale durante la conquista della Gal-
e il fatto che dalle sue pendici lia Cisalpina. Dopo il 500 d.C.,
nasca il Po (precisamente a forse il territorio passa ai Lon-
Pian del Re a quota 2020 m), gobardi e poi ai Carolingi, ma
le hanno conferito un’impor- queste sono supposizioni non
tanza eccezionale nei tempi confortate da fatti storici certi.
passati, come testimoniano Intorno all’anno mille, l’insie-
le origini del suo nome, Mons me di borghi presenti sul sito
Vesulus, ossia il Monte Visibile, diviene una curtis alle dipen-
e la credenza che fosse la mon- denze del Marchese Olderico
tagna più alta delle Alpi. Oggi Manfredi, per poi trasformarsi
sappiamo che il Monviso lascia in feudo di Bonifacio del Vasto.
quasi mille metri di vantaggio Manfredo, uno dei suoi figli,
al Monte Bianco ed è supe- fissa la dimora a Saluzzo e suo
rato in altezza da molte cime figlio Manfredo II diviene for-
ben meno maestose in questa malmente Marchese di questa
particolare classifica. Resta nuova Marca. Immediatamen-
comunque indubbio che la sua te nascono le ostilità con Cu-
sagoma incute rispetto e il suo neo, Asti e con i Savoia. Ma con
profilo svetta visibile da gran l’avanzare del tempo il Mar-
parte della Pianura Padana, chesato si consolida e acquista
guidando come un faro i viag- nuova potenza, assumendo il
giatori che raggiungono il Pie- controllo addirittura su Cuneo
monte. Va ricordato infine che, e su tutta la Valle Stura. Fino
nel 1863, l’alpinista e allora al 1549 i Marchesi di Saluzzo
ministro Quintino Sella, decise si permettono di mantenere
di fondare il Club Alpino Italia- una propria linea di condotta,
no proprio dopo la discesa da creando alleanze di convenien-
questa mitica montagna, già za e restando tra i potenti che
presente nella fantasia, nella dominano quella piccola regio-

25

mototurismo.indb 25 04/11/2009 23.14.37


ne dell’Europa. In particolare, nella parte alta delle valli e nei
sotto la reggenza di Ludovico borghi più isolati, l’antica lin-
II si toccano alti livelli di po- gua (caratteristica che più di
tenza economico-politica, visi- ogni altra identifica una nazio-
bili anche nelle manifestazioni ne e un popolo) si è mantenuta
artistiche locali. Verso la metà incredibilmente viva. Le origi-
del XVI sec. Saluzzo si unisce ni di questa nazione affondano
al Delfinato, ma le ostilità con nella storia medievale, mentre
i Savoia continueranno fino al la disgregazione culturale di
1601, anno in cui, grazie alla questa regione è relativamente
mediazione papale, si arriva recente (dopo le guerre mon-
alla pace di Lione. Quindi la diali). Ad eccezione di pochis-
cittadina entra a far parte del simi casi isolati, tra cui la Bahio
regno di Sardegna con alcune (o Bajo) che ricorda la caccia-
brevi interruzioni dovute alle ta dei Saraceni e che è tuttora
invasioni francesi, tra le qua- molto sentita in Valle Varaita,
li quella napoleonica. I fasti feste e costumi sono stati re-
e le testimonianze di questa legati ad attrazione per turisti.
grande storia di Saluzzo sono Interessanti anche alcuni mo-
tuttora visibili e una visita alla menti di incontro reinventati
Capitale del Marchesato, con da studiosi e appassionati,
passeggiata serale nel centro quali Lo Roumiage de Settem-
storico, ci riporta indietro nel bre che si tiene a Sancto Lucio
tempo, complice l’atmosfera De Coumboscuro in Valle Gra-
medievale del borgo antico, na, patria simbolica degli Oc-
il particolare andamento e la citani, dove è presente un in-
caratteristica conformazione teressante museo etnografico.
delle strade e dei vicoli. Le valli Pellice, Chisone e Ger-
manasca, a lungo contese tra
I paesi occitani i Re di Francia e i Savoia, con-
e le Valli Valdesi servano viva e intatta la loro
caratteristica fede religiosa
Le valli di Cuneo comprese valdese. Teatro di fughe, esodi
tra Mondovì e Saluzzo, con e terribili persecuzioni, dopo il
l’aggiunta del Pinerolese in 1184 queste valli ospitarono i
provincia di Torino, rappre- seguaci dello scomunicato Pie-
sentano l’estrema propaggine tro Valdo. Solo dopo il 1561 i
dell’area Provenzale Cisalpina, Valdesi ottennero il primo rico-
dove si sono mantenute alcune noscimento ufficiale e il diritto
tradizioni e caratteristiche ti- di abitare quelle valli. La zona,
piche della nazione Occitana. permeata di segni dell’identità
La parola deriva da Lenga d’Òc, valdese, si è giovata della pre-
in cui òc significa sì; è la lingua senza di questa minoranza re-
romanza del sud della Francia, ligiosa molto aperta e progres-
diffusa dalla Cataluña alle val- sista, diventando scrigno di
li piemontesi. In particolare cultura e moderazione, nonché

26

mototurismo.indb 26 04/11/2009 23.14.37


ä
la ricetta
modello di tolleranza. Oggi,
nella moderna struttura di
Agape nelle vicinanze di Prali,
si incontrano fedeli di tutte le
religioni.
Les ravioles
Il Forte di Fenestrelle
Ingredienti per 4 persone:
Costruito sulla riva sinistra del 4 etti di farina di grano, 2 etti
fiume Chisone per volere di di toma, una noce di burro, un
Vittorio Amedeo II, ad iniziare uovo, la punta di un cucchiaino
dal 1727 vide lavori, cambia- di sale. Preparazione: siste-
menti e battaglie fino a che mate la farina con il cratere al
venne terminato sotto il gover- centro in cui metterete il sale
no di Carlo Alberto. Costituito e l’uovo intero, iniziate a im-
da quattro corpi fortificati (San pastare e aggiungete a poco a
Carlo, Tre Denti, Valli e Carlo poco il formaggio sbriciolato.
Alberto) collegati da un’im- Continuate a impastare fino
mensa scala coperta di oltre ad ottenere un impasto per-
4000 gradini, sostituì il Forte fetto. Tagliatelo e formate dei
Mutino, costruito da Luigi XIV, bastoncini (come grissini) che
ed i cui resti pericolanti furono poi taglierete a dadini. Tirate a
abbattuti definitivamente nel mano i dadini fino ad ottenere
1836. Nella sua storia fu dap- piccoli fusi lunghi come il mi-
prima grande baluardo milita- gnolo. Cuoceteli come normali
re sabaudo contro i Francesi, gnocchi (in acqua bollente e
poi base militare, prigione e in- salata). Dopo averli scola-
fine monumento storico. Oggi ti, conditeli con abbondante
rappresenta uno dei più grandi burro fuso preparato a par-
complessi fortificati storici del te. In molte zone, all’impasto
nostro Paese. È possibile visi- si aggiunge un chilogrammo
tarlo seguiti dalle gentili guide di patate lessate, sbucciate e
locali o semplicemente ammi- schiacciate, e al burro fuso si
rarne la titanica possanza, in aggiungono altri 100 grammi
particolare di notte, quando di toma.
l’illuminazione artificiale lo
rende ancora più magico ed
imponente.

27

mototurismo.indb 27 04/11/2009 23.14.37