Sei sulla pagina 1di 6

Storie Maledette / Diretta: caso Meredith Kercher. Parla Rudy Guede: Ricorrer alla...

Pagina 1 di 6

DOSSIER | SPECIALI | AUTORI | INTERVISTATI

Cronaca

Politica

Musica

Calcio e altri Sport

In questo canale:

Economia e Finanza

Impresa e Artigiani

ATLANTIDE

Lavoro

EMMECIQUADRO

Esteri

Educazione

LINEATEMPO

Cultura

Scienze

Cinema e TV

LIBERTA' DI EDUCAZIONE

Programmi e ascolti tv |

Storie Maledette / Diretta: caso Meredith


Kercher. Parla Rudy Guede: Ricorrer alla
revisione processuale (Oggi 21 Gennaio 2016)
Pubblicazione: gioved 21 gennaio 2016 - Ultimo aggiornamento: gioved 21 gennaio 2016, 23.14

Redazione

47,99
STORIE MALEDETTE,
ANTICIPAZIONI E DIRETTA
PUNTATA 21 GENNAIO 2016:
IL CASO DI MEREDITH
KERCHER, RUDY GUEDE E IL
SUO FUTURO - A Storie
Maledette Rudy Guede in carcere
per il concorso all'omicidio di
Meredith Kercher racconta a
Franca Leosini: "Oltre studiare
lavoro presso l'infermeria centrale
come addetto ai lavori e pulizia sia
Franca Leosini (Infophoto)
dell'infermeria che del reparto
detenuti". Il ragazzo ha raccontato quella che la storia della sua innocenza e in questi
anni cresciuto emotivamente e ci vengono mostrati anche i suoi dipinti e le sue opere.
Il futuro? Racconta: "E' nel mio paese che l'Italia, sono andato via dalla Costa
d'Avorio che avevo cinque anni. Il mio futuro non pu che essere unicamente in Italia
specialmente a Ponte San Giovanni o nelle vicinanze. E' casa mia. L'Umbria la sento
come casa e non ho altro luogo. Sicuramente nella vita avr voglia di viaggiare e
conoscere nuovi paesi e popoli. Se vero che le mie radici sono state stradicate dalla
Costa d'Avorio sono state impiantate in Italia. Mi sento totalmente italiano".
STORIE MALEDETTE, ANTICIPAZIONI E DIRETTA PUNTATA 21
GENNAIO 2016: IL CASO DI MEREDITH KERCHER, RUDY GUEDE E GLI
OTTO ANNI IN CARCERE - A Storie Maledette Rudy Guede spiega a Franca
Leosini di aver provato a spiegarsi a venti anni di fronte ai giudici. Dice:
"Probabilmente mi sono difeso male, perch loro sono fuori e io sono qui". La
condanna passa dall'ergastolo, da 30 a 16 anni di reclusione perch non impugnava il
coltello che ha colpito Meredith. La Cassazione poi ha confermato. Guede spiega: "Mi
sono fatto processare col rito abbreviato perch ho ritenuto che nelle carte c'era tutta la
mia estraneit dei fatti". Poi sottolinea: "Come ho detto durante il processo io ho
chiesto scusa alla famiglia di Meredith in quanto mi sento di non aver fatto il massimo
possibile che una persona potesse fare nei confronti di un'altra. Non sono riuscito a
salvarla. Se devo farmi venti anni per non essere riuscito a soccorlerla posso farli. Ma
non posso fare nemmeno un giorno di galera perch l'ho uccisa o provato a farle
violenza". Racconta poi i suoi pensieri dopo la fine del processo Knox-Sollecito: "Sono
stato condannato in concorso al di l di quanto poi accaduto". Vengono mostrate delle
immagini di Raffaele Sollecito a Otto e Mezzo nelle quali assegna le colpe a Rudy
Guede. Il commento dell'interessato: "Solo una persona sciocca apre la bocca per dargli
fiato. Se siamo in uno Stato di diritto e viene condannato a un concorso a cui non ha
mai partecipato. Non dovrebbe essere logico che si potesse rivedere la sua posizione se
c' stato un errore dovuta all'incapacit degli inquirenti. Chi si alza e si dice che stata
fatta giustizia per Meredith Kercher una persona mancante di buon senso. Posso dire

http://www.ilsussidiario.net/News/Cinema-Televisione-e-Media/2016/1/21/STORIE-...

22/01/2016

Storie Maledette / Diretta: caso Meredith Kercher. Parla Rudy Guede: Ricorrer alla... Pagina 2 di 6

una cosa alla famiglia della ragazza adesso c' una persona che sta pagando una cosa
che non ha fatto. Meredith la deve ancora avere la giustizia e qualcuno si dovr
impegnare a dargliela". Rudy Guede rimane l'unico condannato per l'omicidio di
Meredith Kercher con Raffaele Sollecito e Amanda Knox considerati alla fine innocenti.
Racconta: "Le tracce le ho lasciate per provare a soccorrere Meredith, per questo non ci
sono tracce di Amanda Knox nemmeno nella stanza dove dormiva". Parla Dott.
Pasquale Linarello biologo forense: "Magari sono state tralasciate altre tracce che al
momento potevano non essere significative poi dai fatti magari potevano essere
altrettanto significative rispetto al corpo e nelle immediate vicinanze di Meredith.
Probabilmente le tracce non sono state cercate perch in quel momento non servivano
altre tracce rispetto alle dichiarazioni. E' stato fatot poi un secondo sopralluogo. Chi ha
effettuato questo ha privilegiato alcune tracce a discapito di altre. Chi ha operato la
pulizia si presuppone che dovrebbe sapere dove ha lasciato le tracce e ipotizzare una
cancellazione selettiva, lasciandone delle altre. Le tracce di pulizia tramite luci forense
vengono ritrovate. Lascia inevitabilmente altre tracce, quindi vengono rivelate". Guede
poi sottolinea: "La sentenza dice che le due persone erano sul luogo quindi non serve
riaprire il processo. Io penso che qualsiasi persona che lotta per la propria innocenza,
ricorre a occhi chiusi alla revisione processuale". Sul padre: "Ho deciso che fosse il caso
vedendo la sua sofferenza negli occhi che non venisse dentro questo luogo". Viene
mostrata la cella dove da sette anni il ragazzo vive a detta sua senza aver commesso la
pena. La signora Tiberi la sente invece ogni sabato al telefono, gli sono rimasti molto
vicino anche Giacomo e Gabriele tutte le persone care che non gli hanno fatto mancare
il loro affetto. Questi anni racconta: "Li ho impegnati tramite lo studio, la
partecipazione ai corsi, tramite l'aiuto che posso portare ad altre persone in difficolt
dove posso dare una mano a chi non pu chiamare nessuno e fare colloquio con
nessuno". Del suo presente racconto: "Mi sto laureando in Scienze Storiche presso
l'Universit di Roma Tre. Sto facendo una tesi su i modi e i luoghi in cui la storia stata
raccontata e come dovrebbe essere raccontata".
STORIE MALEDETTE, ANTICIPAZIONI E DIRETTA PUNTATA 21
GENNAIO 2016: IL CASO DI MEREDITH KERCHER, RUDY GUEDE E LE
BUGIE DI AMANDA KNOX - A Storie Maledette Rudy Guede racconta a Franca
Leosini come era rimasta la casa al momento che lui abbandon tutto in preda alla
paura per le condizioni di Meredith Kercher. Rudy Guede racconta che nella stanza di
Filomena era stata organizzata una messa in scena di un ladro che era entrato per
rubare con un sasso che aveva rotto la finestra. I vetri erano sopra i vestiti con il sasso
che era lanciato da dentro. Rudy Guede sottolinea che in camera non c'era disordine.
Tutto era stato ricostruito per cercare di far credere che fosse stato un ladro a uccidere
Meredith Kercher. Guede conferma di non aver manomesso lui la scena e sottolinea:
"La sentenza su la Knox e su Sollecito sappiamo come andata a finire, per sottolinea
che in casa c'erano. Quindi cosa successo andrebbe chiesto a loro". Guede poi
racconta il dopo: "Non so come mai sono andato in Germania, potevo essere in Russia.
Io non ho pensato niente, nella mia testa c'era altro che se fossi andato in un altro
paese mi sarei sottratto. Ero un ragazzo di 20 anni che aveva assistito a una tragedia ed
era diventato un automa. Appena ho realizzato che ero in un paese come la Germania
ho chiamato Giacomo in 4 ore di telefonata Skype". All'amico Rudy Guede ha
raccontato tutto al suo amico sottolineato che aveva avuto paura che non gli avrebbero
creduto. Questa stata presa come una confessione. Racconta: "Fui fermato per il
controllo di un biglietto del treno". Viene mostrato il video dell'epoca che lo ritrae al
momento del fermo. Il Prof. Claudio Mariani sottolinea: "E' stato condannato Rudy per
concorso in omicidio con altri e violenza carnale. Andrebbe fatta qualche
considerazione. Meredith ha lottato disperatamente con lesioni frutto di violenze,
creando echimosi sul naso, sulla bocca, sulla mandibola e sulle gambe. Di tutto il
materiale biologico di Rudy trovato sulla scena del crimine non stata trovata alcuna
su viso e gambe della povera Meredith Kercher. La storia del ragazzo compatibile con
le circostanze di quanto accaduto. Non ho assoluta certezza dell'innocenza, ma troppi
dubbi sulla colpevolezza". Franca Leosini sottolinea che sono tante le bugie raccontate
in queste situazioni. Amanda Knox accus Patrick Lumumba dell'omicidio, accusa
costata tre anni di reclusione. Rudy Guede sottolinea: "Penso che bisognerebbe
chiedere a lei perch l'ha accusato. Io ho fatto un ragionamento. Quando mi scontro
con questo maschio che non conosco e non mi conosce e che parla con Amanda. Le
dice di andare via perch c'ero io. Penso che dopo gli abbia detto anche che c'era una
persona di colore in casa. Il fatto che a lei stato riferito pur di difendersi ha fatto il
nome di Patrick Lumumba perch le arriv un messaggio dell'uomo di non andare a
lavorare. Se le fosse arrivato da Michael Jordan avrebbe accusato lui". Franca Leosini
parla dell'accusa di partecipazione all'aggressione alla ragazza poi terminata in
tragedia.
STORIE MALEDETTE, ANTICIPAZIONI E DIRETTA PUNTATA 21
GENNAIO 2016: IL CASO DI MEREDITH KERCHER, RUDY GUEDE E LA
FUGA DAL LUOGO DEL DELITTO - A Storie Maledette Rudy Guede racconta a

http://www.ilsussidiario.net/News/Cinema-Televisione-e-Media/2016/1/21/STORIE-...

22/01/2016

Storie Maledette / Diretta: caso Meredith Kercher. Parla Rudy Guede: Ricorrer alla... Pagina 3 di 6

Franca Leosini il momento dell'omicidio di Meredith Kercher: "Quando dico che


riferendosi alla Knox quest'uomo dice di andare via e dice ''Negro trovato, colpevole
trovato'', un mio modo di reinterpretare quello che ho udito. Quando queste persone
si allontanano entro nella stanza di Filomena per guardare chi andava via, riconosco la
Knox e l'uomo non so chi perch Sollecito non lo conoscevo al tempo. L'unica cosa
che ho capito era il suo accento del sud. Quando mi imbatto con lui non ho tempo di
guardarlo con tranquillit perch prende e scappa, l'unico particolare che colgo che
indossava un berretto e una giacca di marca. Da come l'ho visto era un po' pi basso di
me. Dopo questo quando si allontanano io nel frattempo dalla stanza della Filomena
vedo le persone mi dirigo verso la stanza di Meredith. E' l che vedo il suo corpo per
terra e vedo una copiosit di sangue che le esce intorno. Allora la prima cosa istintiva
che cerco di fare, rendendomi conto di quanto successo, vado in bagno pi vicino alla
stanza e prendo un asciugamano. Entro nella stanza e capisco che ferita al collo, cerco
di tamponare la ferita ma non basta. Ritorno nel bagno e prendo un altro asciugamano
e cerco di tamponare la ferita e ne prendo un altro. La ferita ce l'aveva al collo. Non ci
riesco per. E' straziante, non saprei come descrivere un momento del genere. Non ti
rendi conto di cosa successo, chi stato. In quel momento in cui hai lucidit cerchi di
fare la cosa giusta. Cerco di soccorerla. Cerca di dirmi qualcosa, prover a scrivere sul
muro con il sangue. Mentre la soccorrevo avevo sangue sulle sue mani. Un ragazzo di
20 anni ritrovarsi in una situazione del genere dal nulla la paura ha prevalso su di me.
Non mi ha fatto ragionare e cos sono uscito da quella casa. Anni dopo pensando a
questo fatto che mi sono fatto prendere dalla paura sento di non aver fatto quello che
avrebbe fatto un bambino di sei anni e cio chiamare aiuto. La cosa per me molto
dolorosa". Guede spiega che in quei momenti sono tante le cose che ti vengono in testa
e chi avrebbe potuto credergli. Questo ha fatto prevalere la paura, il terrore e la fuga.
Franca Leosini sottolinea che stato vigliacco anche se facile dirlo per chi non era in
quella situazione, ma ricorda che sono le parole usate dal ragazzo. Sottolinea poi che in
dieci minuti che lui era al bagno accaduto tutto e perch Amanda avrebbe suonato se
aveva le chiavi. Il ragazzo spiega: "E' semplice, siamo entrati e abbiamo messo la chiave
dietro per questo hanno suonato". Si fa riferimento sui dubbi dei giudici e prima degli
inquirenti. L'assassino o gli assassini in dieci minuti sarebbero dovuti entrare in casa,
provare a violentarla, massacrarla di botte e coltellate fino a ucciderla. Rudy Guede
continua: "Al 101% Amanda Knox c'era, Meredith Kercher ha aperto la porta a lei.
Questa seconda persona io facendo un percorso mentale non sono in grado di dire chi
era a quell'epoca. Sono passati otto anni e in questi anni una mia idea me la sono fatta,
ma non devo dirla io. Se andiamo a leggere l'ultima sentenza della Cassazione vero
che dice che non erano in grado di dire se erano colpevoli. Quella stessa sentenza parla
chiara che loro dentro quella casa c'erano, non lo dico io questo. Lo dico io che ci sono
stato in quella stanza. Questa una cosa da far sapere. Sono stato giudicato fino al
terzo grado con l'accusa di aver concorso in omicidio e violenza. E' la stessa sentenza
che mi porta a condanna dice che non ho nulla a che fare con l'arma del delitto, non ho
ucciso io Meredith". Rudy Guede racconta ancora il dopo del tragico evento: "Sono
scappato perch non mi avrebbero creduto. Mi sono lasciato prendere dalla paura.
Quando sono andato via c'era solo Meredith Khercher e ho lasciato la porta aperta".
Racconta un fermo immagine della situazione: "Indossava i suoi vestiti cos come era
vestita quando sono arrivato in casa sua". Viene mostrato il video poi di come era la
stanza quando Meredith verr ritrovata, la scena era completamente diversa. O c'era
qualcuno in casa oppure dopo qualcuno tornato in casa perch aveva interesse a
cambiare la situazione. E' stato poi visto in giro Rudy Guede. La porta fu ritrovata
chiusa a chiave e la porta stata sfondata per entrarci. Meredith era coperta da un
piumino e non era vestita come Rudy aveva dichiarato. Aveva indosso una doppia
maglia imbrattata di sangue. Per terra c'erano gli asciugamani che aveva usato per
tamponare la ferita.
STORIE MALEDETTE, ANTICIPAZIONI E DIRETTA PUNTATA 21
GENNAIO 2016: IL CASO DI MEREDITH KERCHER, RUDY GUEDE E
QUELLA TRAGICA NOTTE - A Storie Maledette Franca Leosini racconta che
questa la prima volta che Rudy Guede parla dopo quanto accaduto quella terribile
notte del 31 ottobre del 2007. I primi di settembre il ragazzo ivoriano racconta di aver
conosciuto Amanda Knox in un locale dove lavorava come cameriera: "Mi si
avvicinata questa ragazza con un italiano un po' particolare. Vengo a scoprire che di
Seattle. Non sapevo che abitasse nella stessa villetta al piano di sopra di questi ragazzi
marchigiani. A met ottobre incontro questi ragazzi al centro, andiamo a casa loro la
sera e arriveranno la Knox e la Kercher". Sembra che Guede si fosse invaghito di
Amanda e non sapeva che in quel periodo di Raffaele Sollecito: "Non pensavo che
flirtassero. Se non sbaglio venuto fuori che lo conobbe cinque giorni prima di questa
vicenda terribile. Le sto parlando di un periodo precedente al loro incontro. Io non
conoscevo nemmeno di vista Sollecito". Guede racconta che quando ha visto Meredith
ha subito pensato che era di dicembre e cos era infatti. Sottolinea: "Quasi tutte le
ragazze con cui sono stato erano nate a dicembre. Mi piaceva come ragazza. Era alla

http://www.ilsussidiario.net/News/Cinema-Televisione-e-Media/2016/1/21/STORIE-...

22/01/2016

Storie Maledette / Diretta: caso Meredith Kercher. Parla Rudy Guede: Ricorrer alla... Pagina 4 di 6

mano, semplice. Caratterialmente era seria. Sapeva il fatto suo e trasmetteva carisma.
Forse questo mi ha affascinato di lei". Guede racconta che con Meredith era rimasto
che si sarebbero rivisti il giorno dopo. Proprio per questo torn il giorno dopo sul luogo
del delitto. La Leosini sottolinea che su questo incontro stato poco chiaro e per questo
non gli hanno creduto, elenca poi delle fantasiosi soluzioni su come lui fosse arrivato
nella casa. Viene chiesto chi ha aperto la porta al ragazzo ivoriano: "Se io sono entrato
in casa perch mi ha aperto la porta Meredith e non Amanda Knox con Raffaele
Sollecito. In casa eravamo solo io e lei". Racconta poi come proseguita la serata:
"Entriamo in casa, ci sediamo in salotto e rimaniamo l. Io avevo mangiato un kebab e
dunque nel frattempo era piccante e avevo male di stomaco e le chiedo da bere. Lei mi
dice di fare con comodo che c'era il frigo. Allora apro il frigo e bevo un succo. Meredith
va verso la sua camera da letto e dopo di questo ritorna lamentandosi e inveisce contro
la Knox. C'erano dei contrasti in precedenza tra le due e mi dice che ce l'aveva con la
Knox perch le aveva rubato dei soldi e non puliva casa. Cerco di tranquillizzarla e di
farla ragionare. Un'accusa del genere di certo pesante. Si tranquillizza e poi accade un
avvicinamento tra due persone. Ci avviciniamo e non ci sono rapporti a differenza di
quello che uscito. Ci baciamo e Meredith mi dice inglese se avevo un preservativo.
Non ce l'avevo per e come qualsiasi ragazzo che ha avuto altre storie mi rendo conto
che non il caso di andare avanti e la cosa si interrompe l. Poi ci rivestiamo e dopo un
po' di tempo devo andare in bagno". Fa vedere sulla cartina poi in che bagno andato e
racconta: "Sono andato al bagno grande, lontano dalla sua camera e vicino al salottocucina. I minuti che sono stato in bagno li so dire perch sono una persona molto
igienica. Quindi metto la carta igienica sul water. Sento suonare il campanello e ne
nasce il diverbio e riconosco la voce di Amanda Knox. A sentire il diverbio tra le due
sapendo che Meredith prima si era lamentata dei soldi e di lei. Non mi sono
preoccupato e sono rimasto in bagno. Sono assolutamente certo che era Amanda ad
essere entrata in casa al 101%. Continuo a rimanere al bagno ascoltando l'ipod. Sono
stato dentro dieci-undici minuti, dico questo perch ho ascoltato tre brani e di cui i
primi due integralmente. Me lo ricordo perch per quello che successo mi rimasto
in mente. Ho sentito un urlo pi forte della musica che avevo nelle orecchie alla met
della terza canzone. Cos mi sono preoccupato e nel sentire l'urlo ho cercato senza
tirare l'acqua sono andato a vedere cosa era successo. Quando sono uscito tutto era
spento tranne la stanza di Meredith. Vado verso la sua stanza e davanti alla porta della
stanza vedo una sagoma maschile di schiena. Dallo spavento e l'agitazione di quello che
era accaduto tocco quasi questa persona, lui si gira di scatto mi viene incontro
indietreggio e cerco di difendermi. Non ho avuto tempo di capire bene cosa stesse
facendo. Muoveva le mani velocemente. Dir nelle udienze che non sapevo cosa avesse
nelle mani, credo aveva un bisturi che sono stato ferito. Di questo sar dato poi
riscontro. Sentitosi scoperto cerca una via di fuga, io indietreggio finch cado nel
soggiorno. Lui esce e dice di andare via.".
STORIE MALEDETTE, ANTICIPAZIONI E DIRETTA PUNTATA 21
GENNAIO 2016: IL CASO DI MEREDITH KERCHER, RUDY GUEDE PASSA
LA NOTTE IN UN ASILO DI MILANO - A Storie Maledette Franca Leosini sta
intervistando Rudy Guede a margine del racconto del caso Meredith Kercher. Il
ragazzo ivoriano spiega di non aver mai fatto uso di droghe pesante al di l di alcuni
spinelli con qualche amico. Rudy Guede commenta tutte le voci che dopo il caso hanno
iniziato a circolare su di lui come quella di un ladro e di un drogato. 27 ottobre 2007,
quattro giorni prima dell'omicidio di Meredith Kercher Rudy Guede va a trascorrere
una serata a Milano. Racconta: "Mi porto a Milano degli effetti personali tra cui un
personal computer. Non andavo in discoteca, ma in un club per ascoltare rap. Mi sono
fidato di una persona che non conoscevo, pensavo di dormire da lui invece questo mi
porta in un asilo. Aveva le chiavi del portone del palazzone e del'asilo stesso. Mi disse
che la moglie lavorava nell'asilo". Guede nella sua testa pens che sarebbe ripartito
all'indomani e rimane a dormire in quell'asilo. Il giorno dopo viene la proprietaria e
trovandolo dentro l'ufficio si preoccupa, chiama la polizia e gli trovano addosso questo
computer che aveva comprato a un mercato. Il computer era rubato e verr da questo
episodio sottolineato che il ragazzo era un ladro. Dentro la scuola si dice poi che aveva
preso un coltello, spiega: "Quando venne la polizia c'era il mio zaino e il computer sul
tavolo. Hanno preso quello che c'era sul tavolo e hanno messo tutto nel mio zaino. Io
non so come sia finito dentro e sono finito accusato di furto di un coltello". Parla il
Professore Claudio Mariani dell'istituto di Viterbo che spiega come Rudy si sia sempre
impegnato con eccellenti risultati. L'uomo cerca di delineare un profilo del ragazzo
visto che lo conosce molto bene. Guede racconta di aver conosciuto Meredith Kercher a
casa di suoi amici a Perugia. La incontr in un pub durante la trasmissione di una
partita di rugby. Si scambi un bacio poi con la ragazza il 31 ottobre al Domus, questo
per non stato confermato. Sottolinea: "I giudici non mi hanno creduto, ma trovo
difficili che la Sophie Purton stata con Meredith in ogni momento all'interno di un
locale dove le luci non erano a giorno. Come ogni ragazzo di 20 anni andare in un
locale e conoscere una persona sconosciuta, baciarla non una cosa difficile".

http://www.ilsussidiario.net/News/Cinema-Televisione-e-Media/2016/1/21/STORIE-...

22/01/2016

Storie Maledette / Diretta: caso Meredith Kercher. Parla Rudy Guede: Ricorrer alla... Pagina 5 di 6

STORIE MALEDETTE, ANTICIPAZIONI E DIRETTA PUNTATA 21


GENNAIO 2016: IL CASO DI MEREDITH KERCHER, LA VITA DI RUDY
GUEDE - A Storie Maledette Franca Leosini da spazio alle parole di Rudy Guede per
raccontare il caso che ha portato alla morte di Meredith Kercher. Guede racconta il
momento in cui da bambino fu portato via dalla Costa d'Avorio e soffr l'allontamento
dalla madre. A cinque anni fu portato in Italia dal padre che viveva vicino Perugia. Al
momento dell'arrivo in Italia il bimbo non conosceva praticamente il padre, sottolinea
Guede che per lui era praticamente uno sconosciuto fino a quel momento. Strappato
alla madre soffriva il fatto che il padre cambiava donne e queste non sentivano amore
nei suoi confronti visto che non era loro figlio. A sei-sette anni tornava a casa e si
doveva fare il pranzo da solo, una situazione insolita e ingiusta per un bambino di
quell'et. La maestra Ivana Tiberi in terza elementare a Ponte San Giovanni insieme
alla sua famiglia entrano nella sua vita. Lo aiuter molto e Rudy si legher alla donna
da un sentimento importante. Rudy racconta dell'amicizia con Giacomo, compagno
delle medie e suo pi grande amico. Fu poi dato in affido ai signori Caporali, che aveva
a capo Paolo imprenditore e proprietario della Liomatic. Il ragazzo cos si ritrova a
vivere una sorta di favola, un passaggio che Guede definisce: "Traumatico". Passare da
una situazione difficile a una serena stato difficile. Guede sottolinea: "Una cosa
andare a casa di un amico e poi la sera stai da solo. Una cosa vivere 24 ore su 24 in
una famiglia. Mi ha fatto capire il calore che avrei voluto vivere nella mia famiglia". Si
muove poi verso il nord da una zia paterna quando a 18 anni finisce il periodo di
affidamento alla famiglia Caporali. A Pavia faceva il barista e dopo aver perso torna a
Perugia lasciandosi con la sua ragazza. Ritrova cos i suoi amici come la famiglia della
maestra Tiberi che l'aiuta a trovare anche un lavoro. Guede spiega poi i suoi blackout:
"Io penso sia dovuto a un trascorso di un'adolescenza che mi sono portato dietro. Posso
dare questa spiegazione".
STORIE MALEDETTE, ANTICIPAZIONI E DIRETTA PUNTATA 21
GENNAIO 2016: IL CASO DI MEREDITH KERCHER, PARLA RUDY
GUEDE - E' iniziata la prima serata di Rai Tre con il programma Storie Maledette che
vede alla conduzione Franca Leosini. Si parla di Meredith Kercher e quella notte tra il
31 ottobre e il 1 novembre del 2007 quando a ventuno anni la ragazza se ne and
sotto l'infamia di chi ne aveva voluto la scomparsa. Viene raccontata la sua figura
all'interno del microcosmo che questa ragazza aveva iniziato a vivere in quel di Perugia.
Frequentava il corso di italiano per stranieri, la ragazza inglese era andata ad abitare
con due italiane e l'americana Amanda Knox. Questa ragazza frequentava il bel ragazzo
Raffaele Sollecito di Giovinazzo in provincia di Bari. Parler per la prima volta
l'ivoriano Rudy Guede.
STORIE MALEDETTE, ANTICIPAZIONI PUNTATA 21 GENNAIO 2016: IL
TWEET DEL DIRETTORE DI RAI 3 PER RICORDARE L'APPUNTAMENTO
- La prima serata di Rai Tre ospiter il debutto in prime time del programma Storie
maledette, condotto da Franca Leosini. La trasmissione promette molto con il primo
episodio di questa stagione dedicato all'intervista a Rudy Guede, condannato per
l'omicidio di Meredith Kercher. Il direttore della terza rete del servizio pubblico,
Andrea Vianello, ha voluto ricordare a tutti l'appuntamento conb un tweet: "Stasera,
tappa tv obbligata: imperdibile l'intervista in prima serata su @RaiTre della nostra
Franca Leosini a Rudy Guede. #storiemaledette". Clicca qui per vedere il cinguettio e
tutti i commenti dei followers.
STORIE MALEDETTE , ANTICIPAZIONI PUNTATA 21 GENNAIO 2016:
LHASHTAG PER COMMENTARE LIVE LA PUNTATA Questa sera, gioved
21 gennaio 2016, va in onda nella prima serata di Rai Tre la trasmissione di
approfondimento Storie Maledette, condotta dalla giornalista napoletana Franca
Leosini. Un programma incentrato su alcune vicende di cronaca che hanno scosso
lItalia negli ultimi anni come nel caso dellomicidio di Meredith. In questa prima
puntata Franca Leosini andr in carcere per ascoltare il condannato Rudy Guede per
scoprire la sua verit sulla vicenda. Sul profilo Twitter ufficiale della trasmissione
stato pubblicato lhashtag per commentare in diretta il programma sulle varie
rivelazioni che vengono presentate dagli ospiti. Lhashtag in questione
#storiemaledette.
STORIE MALEDETTE, ANTICIPAZIONI PUNTATA 21 GENNAIO 2016:
RUDY GUEDE PARLA PER LA PRIMA VOLTA - Questa sera, gioved 21 gennaio
2016, la quindicesima edizione di Storie Maledette si aprir con il giallo di Perugia. Il
programma condotto, ideato e scritto da Franca Leosini prender il via a partire dalle
21.05 sulla terza rete di Casa Rai e ospiter Rudy Guede che, per la prima volta parler
in televisione dopo essere stato giudicato colpevole dell'omicidio di Meredith Kercher.
Guede si 'confidato' con la Leosini raccontando ci che ha sempre tenuto dentro di s
raccontando la propria versione dei fatti per potere spiegare come sono andate
realmente le cose durante la tragica notte dell'1 novembre del 2007. Durante il corso
della prima puntata Rudy Guede risponder alle molteplici domande della conduttrice:
chi ha ucciso Meredith?

http://www.ilsussidiario.net/News/Cinema-Televisione-e-Media/2016/1/21/STORIE-...

22/01/2016

Storie Maledette / Diretta: caso Meredith Kercher. Parla Rudy Guede: Ricorrer alla... Pagina 6 di 6

STORIE MALEDETTE, ANTICIPAZIONI: SU RAI 3 IL PROGRAMMA CON


FRANCA LEOSINI IN PRIMA SERATA (oggi, 21 gennaio 2016) - Intervistata
da Il Fatto Quotidiano Franca Leosini ha spiegato lessenza del suo programma
Storie Maledette, in prima serata su Rai 3: Mi interessa capire, dubitare e
raccontare. La natura dei protagonisti, delle vittime e dei colpevoli. E poi lambiente
in cui il delitto si svolto perch il delitto anche un fatto culturale e sociale, ha detto
la giornalista. Inoltre ha rivelato che sono i condannati stessi a cercarla, tramite i loro
avvocati, e che lei va a trovarli in carcere per studiare la psicologia del personaggio:
Gli incontri in carcere possono durare anche otto ore. Mangiamo insieme. Mi
aprono la loro cambusa. Li faccio parlare molto della loro vita, del loro passato.
Infine la Leosini ha detto di porsi davanti a queste persone senza giudizio n
pregiudizio.
STORIE MALEDETTE, ANTICIPAZIONI: SU RAI 3 IL PROGRAMMA CON
FRANCA LEOSINI IN PRIMA SERATA (oggi, 21 gennaio 2016) - Stasera,
gioved 21 gennaio 2016, parte su Rai 3 in prima serata la 15 edizione di Storie
Maledette, il programma condotto da Franca Leosini che si occupa di casi di cronaca
e situazioni terribili, mettendo al centro coloro che sono rimasti coinvolti o continuano,
pur pagando il prezzo di quanto successo, a sottolineare e ribadire la propria
innocenza. In particolare, come si legge sul sito ufficiale, oggi si partir con
unesclusiva in merito ad una vicenda che ha coinvolto e diviso lopinione pubblica a
livello internazionale: uno dei personaggi chiave della vicenda riveler qualcosa in
grado di portare alla luce le bugie fino adesso collegate allindagine in questione.
Vediamo dunque nel dettaglio quale sar il caso del primo appuntamento in onda
stasera su Rai 3.
STORIE MALEDETTE, ANTICIPAZIONI PUNTATA 21 GENNAIO 2016 - Il
primo ospite della conduttrice Franca Leosini a Storie Maledette sar Rudy Guede,
un nome che porter immediatamente i telespettatori a comprendere quale sar il caso
al centro della serata: lomicidio di Meredith Kercher. Lappuntamento, in particolare,
si intitola Nero trovato, colpevole trovato e per la prima volta uno dei principali volti
racconter la sua versione dei fatti di quella tragica notte del 1 novembre 2007. Che
cosa successo davvero in via Pergola, chi cera e che cosa stato in grado di vedere?
Chi ha ucciso Meredith sta pagando per quello che ha fatto? Questo e molto altro
stasera, su Rai 3, a Storie Maledette.
Riproduzione Riservata.

47,99

http://www.ilsussidiario.net/News/Cinema-Televisione-e-Media/2016/1/21/STORIE-...

22/01/2016