Sei sulla pagina 1di 2

YOGA E MEDITAZIONE

Scheda tecnica n. 28.3

Ardha Chandrasana in ginocchio con stiramento laterale #3

Finora sono state presentate due sana del concatenamento: 1. Ardha Chandrasana in ginocchio#1 - Scheda Tecnica n.28.1 2. Ardha Chandrasana in ginocchio con stiramento laterale#2 Scheda Tecnica n.28.2 Con questa terza scheda presento lultima asana del concatenamento: Ardha chandrasana in ginocchio con stiramento laterale#3 La posizione di partenza come in Ardha Chandrasana in ginocchio, punto 1-2

1) Partendo dalla posizione di Vajrsana (la posizione del diamante o seduti sui talloni (per la posizione di Vajrsana (Vedi Scheda Tecnica n.6.1)

2) portarsi verticalmente sulle ginocchia.

3) Distendere lateralmente la gamba sinistra, piede adagiato al suolo. 4) Adagiate la mano sinistra sul ginocchio sinistro o dove vi possibile 5) INSP. Sollevate il braccio destro e come disegnando un grande cerchio con il braccio portatelo completamente disteso contro lorecchio destro . 6) Tenete i glutei leggermente contratti e il pube ruotato verso il viso in questo modo la posizione sar stabile e vi sar un buon lavoro energetico. Il bacino resta frontale.
queste schede non costituiscono unalternativa alla frequentazione di un corso settimanale e alla guida di un maestro qualificato, perch solo un maestro che ti pu trasmettere il respiro dello yoga e il ritmo della sequenza...

http://yogaemeditazione.myblog.it/

YOGA E MEDITAZIONE
Scheda tecnica n. 28.3

Ardha Chandrasana in ginocchio con stiramento laterale #3

7) Eseguite delle profonde respirazioni che coinvolgano fino sotto lascella del braccio sollevato in questo modo le coste delicatamente si aprano lateralmente permettendo una migliore flessione delle vertebre dorsali che vi sono attaccate. 8) ESP. profondamente uscite dalla posizione lasciando cadere davanti al viso il braccio sollevato e passando dalla posizione in verticale sulle ginocchia (fig.2) ritornate in Vajrsana per accogliere gli effetti della postura appena fatta, attendete che il respiro ritorni calmo e il battito del cuore naturale. Quindi ripetete la posizione dal punto 1 dallaltro lato 9) Al termine ritornate in Vajrsana lasciando che il corpo assorba gli effetti della postura. Restate in ascolto.

10) Solo quando il respiro sar ritornato fluido e il battito del cuore calmo e solo quando avete eseguito tutte e tre le posture vi porterete nella posizione seduta di meditazione MEDITAZIONE indicazione mantenete gli occhi chiusi respirazione addominale e la

sentite l'immobilit della struttura, il corpo nel suo insieme stabile, immobile, il respiro fluisce dolcemente avvertitene la semplicit, la lentezza, la profondit non fate nulla solo osservate la delicatezza del fluire dell'inspiro e dell'espiro

queste schede non costituiscono unalternativa alla frequentazione di un corso settimanale e alla guida di un maestro qualificato, perch solo un maestro che ti pu trasmettere il respiro dello yoga e il ritmo della sequenza...

http://yogaemeditazione.myblog.it/