Sei sulla pagina 1di 1

HORKHEIMER, IL DESTINO DELLA RAGIONE

Dal momento in cui la ragione divenne lo strumento del dominio esercitato dall uomo sulla natura umana ed extraumana - il che equivale a dire: nel momento in cui nacque -, essa fu frustrata nell intenzione di scoprire la verit. Ci dovuto al fatto che essa ridusse la natura alla condizione di semplice oggetto e non seppe distinguere la traccia di se stessa in tale oggettivazione. [ ] Si potrebbe dire che la follia collettiva imperversante oggi, dai campi di concentramento alle manifestazioni apparentemente pi innocue della cultura di massa, era gi presente in germe nell oggettivazione primitiva, nello sguardo con cui il primo uomo vide il mondo come una preda.

(Horkheimer, /Eclissi della ragione/)