Sei sulla pagina 1di 2

ASSOCIAZIONE CIVICA PORTA NUOVA – VASTO

www.portanuovavasto.it

COMUNICATO STAMPA 3 Gennaio ’07

2.3. Raccolta dei rifiuti solidi urbani.

Non abbiamo certamente bisogno di convincere l’assessore Marchesani dell’opportunità di avviare


in città una seria politica di raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani. L’obiettivo figurava peral-
tro nel programma elettorale delle coalizioni di centro-sinistra (purtroppo solo di quelle…) che han-
no vinto le recenti elezioni amministrative.
Per il comune lettore ricorderemo solo che –secondo gli ultimi dati ufficiali della Regione Abruz-
zo1- la percentuale di raccolta differenziata a Vasto era nel 2005 del 9,27% (1,5% in meno rispetto
al 2004), contro una media provinciale del 15,79%, e una media regionale del 15,40%. E che la leg-
ge2 prescriverebbe il raggiungimento della percentuale minima del 35% entro il 31 dicembre 2006.
«Abbiamo trovato», commentava i dati l’assessore Marchesani, «una situazione disastrosa […] l’e-
cotassa ha toccato il picco di 240mila euro, la raccolta dell’umido è quasi inesistente e le discari-
che abusive sono aumentate.» Nella stessa intervista3 l’assessore preannunciava l’avvio della speri-
mentazione, in un quartiere pilota, della raccolta dei rifiuti porta a porta. Per la nostra associazione,
che aveva posto il problema sin dall’Agosto del 2003, questo è un fatto importante. Riteniamo pos-
sa esserlo anche per la città.

La raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani è un affare serio e rilevante per molti aspetti, ma a
condizione che non sia un’operazione di facciata, e di conseguenza a condizione che coinvolga per
davvero i cittadini. Per questo sono importanti i criteri e le modalità di organizzazione del servizio.
La questione non presenta solo –né principalmente- degli aspetti tecnici: di essi si occuperà
la società di gestione, che di certo ne ha tutta la necessaria competenza. L’aspetto decisivo è di natu-
ra politica o, meglio ancora, civile. Perché il nodo vero sta nella misura e nella qualità della parteci-
pazione dei cittadini. La migliore organizzazione tecnica del servizio è destinata comunque a fallire
il suo scopo se dall’altra parte non incontra una collaborazione attiva. Questa non è solo la somma
di tante disponibilità individuali; è anche, e sopratutto, il risultato di un’assunzione comune di re-
sponsabilità nella gestione del servizio pubblico. Nella nostra città –un po’ come in tutto il meridio-
ne- in questo campo c’è davvero ancora molto da fare.

E a cominciare dev’essere il Comune. Elenchiamo qui di seguito alcune specifiche richieste ed os-
servazioni che rivolgiamo a questo riguardo all’assessore Lina Marchesani.

1. La sperimentazione che si intende avviare è opportuna ed ha un suo senso solo se essa è una
prima tappa di un percorso rivolto all’estensione del servizio di raccolta domiciliare a tutta
la città.
2. Per questo è strettamente necessario che non solo l’Assessore competente, ma anche l’intera
maggioranza a cominciare dal Sindaco, dichiarino che questo è un impegno strategico del-
l’attuale amministrazione (e agiscano di conseguenza).
3. L’informazione e la consultazione della cittadinanza è, per ogni parte di questo percorso, una
condizione preliminare ed indispensabile.

1
Regione Abruzzo, Direzione Parchi Territorio Ambiente Energia Servizio Gestione Rifiuti, 1° Rapporto sulle raccolte
differenziate - Anno 2005, Novembre 2006.
2
D.Lgs. 3 Aprile 2006 n. 152, art. 205, comma 1.
3
Il Centro, 22.11.’06.
4. Altra condizione preliminare è che il Comune si doti di un nuovo e finalmente adeguato re-
golamento del servizio di raccolta, così come previsto dalla legislazione vigente4; che esso
preveda anche specifiche ed adeguate sanzioni; e che queste siano applicate.
5. Per parte sua, la società di gestione del servizio deve corrispettivamente adottare una Carta
dei Servizi, così come previsto dalla legge5, quale forma di garanzia nei confronti dell’uten-
za; questa deve essere distribuita a tutti i cittadini.
6. E’ opportuno che le associazioni cittadine interessate (tra cui la nostra), e tutte le persone in
vario modo competenti presenti nel territorio (a cominciare dal CIVETA), siano preliminar-
mente consultate.

4
D.Lgs. 3 Aprile 2006 n. 152, art. 198, comma 2.
5
DPCM 27 gennaio 1994, Principi sull'erogazione dei servizi pubblici; D.Lgs. 30 Luglio 1999 n. 286, art. 11; LR 5
Agosto 2004 n. 23, art. 10, commi 2 e 3:
“2) La carta dei servizi prevede, in particolare:
a) l'adozione di indicatori e standard di qualità dei servizi;
b) l'obbligo di diffusione dei dati di monitoraggio relativi al raggiungimento degli standard adottati;
c) l'istituzione di uffici locali per le relazioni con il pubblico;
d) la procedura per l'inoltro dei reclami da parte degli utenti;
e) l'istituzione di tavoli di conciliazione delle controversie insorse con gli utenti;
f) i casi di rimborso e di eventuale indennizzo dovuti agli utenti;
g) il diritto di accesso dell'utente alle informazioni relative al servizio.
3) I gestori provvedono alla distribuzione della carta dei servizi e dei suoi eventuali aggiornamenti a tutti i clienti.”