Sei sulla pagina 1di 2

ASSOCIAZIONE CIVICA PORTA NUOVA – VASTO

www.portanuovavasto.altervista.org

COMUNICATO STAMPA 30 Marzo ’07

APPELLO AL SINDACO E AI CONSIGLIERI COMUNALI

In occasione dell’approvazione, prevista per Lunedì prossimo 2 Aprile, del nuovo Statuto Comuna-
le, la nostra associazione intende rivolgere il seguente pubblico appello al Sindaco e ai Consiglieri
comunali.

Signor Sindaco, signori Consiglieri comunali:


l’atto che vi accingete a compiere, lo sapete bene, è un atto produttivo di conseguenze durature e
potenzialmente decisive per la vita non solo politica, ma anche civile della città.
Per questo è comprensibile che la pubblica opinione si rivolga a Voi, in questa circostanza, con
un’attenzione ed una sensibilità particolari. Ai suoi occhi Voi siete qui chiamati a decidere non solo,
singolarmente, secondo i distinti ruoli istituzionali e le opzioni politiche di ciascuno; ma anche, tutti
insieme, come ceto politico cittadino. Di quello che deciderete oggi l’opinione pubblica anche nei
prossimi anni Vi chiederà conto.
Per parte nostra, noi crediamo che abbiate svolto, sino ad ora, un buon lavoro. In particolare, per
quanto maggiormente ci riguarda, tutte le istanze relative agli istituti di partecipazione popolare di-
retta (un tema sul quale la nostra associazione, con il sostegno di altre 15 associazioni cittadine, si
batte dall’Ottobre 2004) ci risultano essere state recepite. Ma su di esse torneremo in futuro. Voglia-
mo qui invece invitarVi a fissare l’attenzione su due tra le nostre richieste che non hanno sino ad ora
incontrato, a quel che sembra, la Vostra approvazione. Esse sono:
1) Non allargare la Giunta Comunale; o, quantomeno, non aumentarne il costo complessivo
per il Comune. A Firenze gli assessori comunali sono 12; a Bologna 10; a Lanciano 7 (ma au-
menteranno presto a 8). A Vasto sono 8 già da tempo, ma esiste un accordo tra i partiti della
maggioranza (dal quale la sola Rifondazione Comunista si è chiamata fuori) per portarne il nu-
mero a 9 (se non a 10). All’accordo dà attuazione per l’appunto la nuova redazione dello Statuto
Comunale. Diciamo subito che ciò è perfettamente compatibile con la legge vigente: il numero
degli assessori, “stabilito dallo statuto”, “non deve essere superiore a un terzo del numero dei
consiglieri comunali”, così l’art. 47 del Testo Unico delle leggi sull’ordinamento degli enti lo-
cali. Ma si tratta di un limite massimo. E nessuno ha detto che proprio il limite massimo si deb-
ba toccare.
Per lo meno non l’abbiamo detto noi. Ma neppure l’ha detto il presidente nazionale dell’ANCI
(Associazione Nazionale Comuni Italiani), nonché sindaco DS di Firenze, Leonardo Domenici,
il quale invitava anzi di recente a ridurre il numero degli assessori: “Oggi c’è un rapporto da 1
a 3 tra assessori e consiglieri eletti, almeno si dovrebbe scendere a 1 a 4”.
Noi Vi chiediamo di mantenere su questo punto il testo del vecchio Statuto, che prevedeva “un
numero di Assessori fino ad un massimo di otto”. O altrimenti, se non fosse possibile, chiedia-
mo che almeno si mantenga fisso il tetto di spesa, riducendo in proporzione l’appannaggio a tut-
ti gli assessori. Sarebbe, ne siamo certi, un segnale politico molto apprezzato da tutta la città.
2) Destinare la somma così risparmiata all’istituzione di un difensore civico comunale 1 resi-
dente a Vasto, invece di delegare l’incarico al difensore civico regionale (o a un suo incaricato)
che verrebbe qui ogni tanto da Pescara o dall’Aquila. Perché, per la natura del suo incarico, il
difensore civico deve conoscere di prima mano i problemi della città. Ma, se venisse da fuori,

1
L’allegato dimostra che un difensore civico può essere retribuito quanto (o persino meno) di un assessore.
conoscendo meno i problemi, e non avendo tempo abbastanza per potersene informare, egli po-
trebbe avere per i cittadini e per gli utenti un’utilità certamente minore; e il suo incarico com-
porterebbe comunque ancora i dei costi.

Signor Sindaco, signori Consiglieri:


siete chiamati in questa occasione ad una decisione di grande rilievo. Può darsi, come taluni argo-
mentano, che essa sia destinata in ogni caso a non avere un grande impatto sulle finanze
comunali… Può darsi, ma non è questo il punto.
La questione è ben più grave. Voi decidete oggi su un principio, un principio politico.
Decidete se la gestione della cosa pubblica debba avvenire secondo le logiche interne alla coalizio-
ne, e agli accordi a tavolino intercorsi tra i partiti della coalizione; oppure se essa debba seguire una
logica sua propria, magari in relazione ai problemi che i cittadini si trovano ad affrontare.
Se sceglierete la prima strada, sappiate di aver contribuito per la vostra parte a quella presa di di-
stanza della società civile dalla vita politica che, a parole, tutto il ceto politico pretende di depreca-
re.