Sei sulla pagina 1di 1

ASSOCIAZIONE CIVICA PORTA NUOVA – VASTO

COMUNICATO STAMPA 17 Agosto ’07

DEMOLIRE I RUDERI DI VIA MARCHESANI

Più di dieci anni sono trascorsi, almeno tre diverse amministrazioni comunali si sono
succedute… I ruderi cadenti e maleodoranti di via Marchesani, a un passo dal
Municipio, rappresentano ormai una sorta di monumento locale: un monumento alla
prevalenza, divenuta nel tempo costume e metodo di lavoro, dell’interesse privato su
quello pubblico nel giudizio e nella prassi dei pubblici amministratori.

Il meno che dei ruderi di via Marchesani si possa dire è che essi rappresentano una
minaccia all’igiene pubblica; lo attestava già nel lontano Aprile del 2001 una
relazione della Polizia Municipale. Che siano uno sfregio permanente al pubblico
decoro lo mostra la semplice evidenza. Che, in più, essi comportino un pericolo per la
pubblica incolumità avrebbe dovuto suggerirlo un elementare principio di
precauzione; ma di recente paiono dimostrarlo le transenne che, a seguito del crollo
di alcuni elementi di quel che resta di un balcone, sono state poste –presumiamo dal
Comune (ma non è certo, mancando ogni indicazione sull’ordinanza relativa).

Quei ruderi non sono dunque solo una topaia maleodorante in pieno centro cittadino.
Sono anche –in termini tecnici- edifici minaccianti rovina. In quanto tali essi
rientrano nella fattispecie prevista dall’art. 54 Dlgs 18.4.1992 n.285 (Testo unico
delle leggi sull’ordinamento degli enti locali); dall’art. 30 Dlgs 30.4.1992 n.285
(Nuovo Codice della strada); infine dall’art. 677 del Codice Penale.
In quanto tali, poiché in tutta evidenza appare che in alcun modo possono essere
recuperati, noi riteniamo che essi vadano abbattuti. All’Amministrazione comunale
chiediamo che dia finalmente un segno: che si muova –come le è ampiamente
consentito dalla legge- in questa direzione.