Sei sulla pagina 1di 58

Lapparato cardiocircolatorio

e
il sangue

a.s. 2009-10

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO
costituito dal cuore, dai vasi sanguigni e
linfatici e dal sangue
trasporta in tutti i distretti corporei il
sangue e, con esso,ossigeno, sostanze
nutrienti e molecole per la difesa per
lorganismo.
Contemporaneamente raccoglie ed
asporta i metaboliti di scarto

IL TRASPORTO INTERNO NEGLI ANIMALI


Il sistema circolatorio ha relazioni molto
strette con tutti i tessuti del corpo
In molti animali, microscopici vasi chiamati
capillari formano unintricata rete di vasi
sanguigni tra le cellule dei tessuti.

Capillare

Nuclei delle
cellule del tessuto
muscolare liscio

LM 700

Globulo rosso

APPARATO CIRCOLATORIO NEGLI INVERTEBRATI

Il sistema circolatorio pu essere aperto,


come quello degli insetti, oppure chiuso,
come quello umano
Gli cnidari e i vermi piatti hanno

una cavit gastrovascolare che


scambia materiale con lambiente,
garantisce un sufficiente
trasporto interno agli animali
e funziona da apparato digerente.

Bocca
Canale
circolare

APPARATO CIRCOLATORIO NEGLI INVERTEBRATI


La maggior parte dei molluschi e tutti gli artropodi hanno
un sistema circolatorio aperto: in alcune regioni del
corpo, il sangue esce dai vasi e scorre tra le cellule dei
tessuti (senza separazione tra liquido interstiziale e
sangue).
Pori

Cuore tubulare

APPARATO CIRCOLATORIO NEGLI INVERTEBRATI


I vertebrati, compresi i mammiferi, hanno un sistema
circolatorio chiuso, nel quale il sangue si trova
sempre allinterno dei vasi.
In questo sistema esistono tre tipi di vasi:
le arterie, che trasportano il sangue dal cuore agli organi
attraverso tutto il corpo;
le vene, che riportano il sangue al cuore;
i capillari che fanno passare in ciascun tessuto il sangue
dalle arterie alle vene.

APPARATO CIRCOLATORIO NEI VERTEBRATI


Funzioni svolte:
1. Trasporto di ossigeno, dai polmoni ai tessuti e di
anidride carbonica, in senso inverso
2. Distribuzione dei principi nutritivi assorbiti tramite la
digestione a tutte le cellule
3. Trasporto di rifiuti e di sostanze nocive al fegato per la
disintossicazione e ai reni per la escrezione
4. Distribuzione degli ormoni dalle ghiandole che li
secernono fino agli organi bersaglio
5. Regolazione della temperatura corporea
6. Il meccanismo della coagulazione per il controllo delle
perdite ematiche
7. La difesa contro i batteri e virus per mezzo di anticorpi e
leucociti presenti nel sangue

APPARATO CIRCOLATORIO NEI VERTEBRATI

Sistema circolatorio chiuso di un pesce:


Letti capillari
Arteriola
Arteria
(sangue ricco di O2)

Venula
Vena

Figura 18.2C

Capillari
branchiali

Atrio
Arteria
Ventricolo
(sangue povero di O2)

Cuore

APPARATO CIRCOLATORIO NEI VERTEBRATI

Il sistema cardiovascolare dei vertebrati ha subito un


processo evolutivo
Capillari branchiali

Nei pesci il cuore costituito da due sole


cavit e il sangue scorre in ununica
direzione: viene pompato nelle branchie,
passa attraverso i capillari sistemici, per

Cuore:
Ventricolo (V)
Atrio(A)

poi ritornare allatrio del cuore.


Questo tipo di circolazione detta
circolazione semplice

Capillari sistemici

APPARATO CIRCOLATORIO NEI VERTEBRATI


Per garantire un maggior flusso di sangue agli
organi, i vertebrati terrestri hanno una circolazione
doppia, in cui il sangue attraversa due volte il
cuore.
Con la comparsa dei polmoni, a partire dagli anfibi,
la circolazione generale viene affiancata da una
circolazione polmonare
La circolazione polmonare mette in
comunicazione il cuore con il tessuto polmonare in
cui avvengono gli scambi gassosi.
La circolazione sistemica trasporta il sangue dal
cuore al resto del corpo e poi di nuovo al cuore.

APPARATO CIRCOLATORIO NEI VERTEBRATI


Il cuore di anfibi e rettili diviso in tre cavit: due atri e un ventricolo.
Questa divisione, parziale,
comunque sufficiente a pompare
il sangue in due circuiti
parzialmente separati
Questa circolazione pur
essendo chiusa e doppia
una circolazione incompleta

Capillari polmonari e del sistema cutaneo

Circolazione
pulmo-cutanea

V
Destra
Sinistra
Circolazione
sistemica

Capillari sistemici

APPARATO CIRCOLATORIO NEI VERTEBRATI


Nei mammiferi e negli uccelli il cuore diviso in quattro cavit: due atri e due ventricoli.
Si parla di circolazione doppia e completa
Lossigenazione dei tessuti pi efficiente

Capillari polmonari

Il sangue ossigenato non pu mescolarsi


con quello non ossigenato

Circolazione
polmonare

V
Destra

V
Sinistra

Circolazione
sistemica

Capillari sistemici

Il cuore e la circolazione
sanguigna

IL CUORE
Ha forma di una piramide,
con la base rivolta in alto a destra
e lapice rivolto in basso a sinistra,
alloggiato in una regione
del torace detta mediastino.
un organo essenzialmente
muscolare (miocardio),rivestito
esternamente da una membrana
connettivale (pericardio) ed
internamente dallendocardio
la parte propulsiva dellapparato circolatorio

Arteria Brachiocefalica

Vena cava superiore


Arteria Polmonare destra
Aorta ascendente

Tronco polmonare

Arteria Carotide comune sinistra


Arteria Succlavia sinistra
Arco Aortico
Legamento arterioso
Arteria Polmonare sinistra
Vene Polmonari di sinistra

Vene Polmonari di destra

Atrio sinistro
Atrio destro
Arterie e vene
coronarie
Arterie e vene
coronarie

Ventricolo Destro

Ventricolo sinistro
Arterie e vene
coronarie

Vena cava inferiore

Apice del cuore

IL CUORE
Il cuore ha 4 cavit interne:
2 atri, in cui entra il sangue
-atrio destro (dove entra il sangue proveniente dalle vene cave)
-atrio sinistro (dove entra il sangue ossigenato proveniente dai
polmoni)
2 ventricoli, da cui il sangue esce
- ventricolo destro (il sangue proveniente dallatrio destro attraversa
la valvola tricuspide ed entra nel ventricolo destro
dove viene pompato tramite le arterie polmonari,
verso i polmoni)
- ventricolo sinistro (il sangue ossigenato rientrato nellatrio sinistro
tramite le vene polmonari attraversa la valvola
bicuspide e arriva nel ventricolo sinistro, da cui
viene pompato nellarteria aorta)

Vena cava superiore

Aorta
Arteria Polmonare sinistra

Arteria Polmonare destra

Atrio sinistro
Atrio destro

Vene Polmonari di sinistra

Vene Polmonari di destra


Valvola bicuspide

Valvola semilunare

Valvola tricuspide

Ventricolo Destro
Corde tendinee

Vena cava inferiore

Ventricolo
sinistro

Setto
interventricolare
Miocardio

Apice del cuore

Allorigine dellaorta e dellarteria polmonare ci sono particolari


valvole, le valvole semilunari, che impediscono il reflusso
sanguigno nei ventricoli

Valvola aperta

Valvola chiusa

Il cuore si contrae in modo automatico


Lo stimolo della contrazione si origina nel cuore stesso,
in un gruppo di cellule posto nella parete dellatrio destro,
il nodo seno atriale, pacemaker primario del cuore.
Lo stimolo si propaga alle fibre muscolari degli atri,
(che si contraggono),
e poi ad un altro nodo, il nodo atrio ventricolare
da cui lo stimolo, tramite un fascio di tessuto nodale,
il fascio di His, arriva ai ventricoli e li fa contrarre
Il battito cardiaco ha 2 fasi
sistole: fase di contrazione
diastole: fase di rilassamento, le cavit si riempiono di sangue
La gittata cardiaca
il volume di sangue emessa dal ventricolo sinistro in 1 minuto

Vena cava superiore


Nodo senoatriale

Atrio sinistro

Nodo
atrioventricolare

Fascio atrioventricola

Atrio destro
Branche del fascio

Fibre di purkinje

Fibre di purkinje

Setto interventricolar

Percorso del sangue attraverso il sistema cardiovascolare:

Capillari della testa, del torace e delle braccia

Vena cava superiore

Arteria polmonare

Capillari del polmone destro

Arteria polmonare

Aorta

9
2

Capillari del polmone sinistro


2
3

3
4

10

Vena polmonare
Atrio destro

Vena polmonare

1
9

Ventricolo destro

Aorta

Atrio sinistro
Ventricolo sinistro

Vena cava inferiore


8

Capillari della regione addominale


e delle gambe

La circolazione sanguigna
Piccola Circolazione
percorso compiuto dal sangue a partire dal atrio
destro, poi al ventricolo destro e,
tramite le arterie polmonari, ai polmoni sino,
tramite le vene polmonari, allatrio sinistro
Durante questo percorso il sangue deossigenato
giunge ai polmoni e ritorna al cuore
nuovamente ossigenato

Grande Circolazione percorso compiuto dal


sangue dallatrio sinistro al ventricolo sinistro
sino,tramite laorta,lintero albero arterioso e
venoso, al ritorno allatrio destro del cuore

I vasi
Arterie e Vene
Arterie, trasportano il sangue fuori dal cuore e, con leccezione delle arterie
polmonari, trasportano sangue ossigenato.
Hanno pareti spesse con muscolatura liscia sviluppata, aiutano la spinta
propulsiva del sangue; lelasticit delle arterie rende costante il flusso cardiaco
pulsante
Le Vene, trasportano il sangue al cuore e , con leccezione delle vene
polmonari, trasportano sangue non ossigenato hanno pareti sottili che offrono
scarsa resistenza al flusso sanguigno,favorendo il ritorno al cuore.
Le vene di grosse dimensioni sono dotate di valvole che impediscono il reflusso
del sangue

La struttura dei vasi sanguigni perfettamente


adattata alle loro funzioni
I capillari hanno pareti molto sottili costituite da un singolo strato di
cellule epiteliali.
Arterie, arteriole, vene e venule hanno pareti pi spesse, rivestite da un
epitelio e rinforzate da uno strato di tessuto muscolare liscio e da uno
di tessuto connettivo.
Le arterie diminuiscono di calibro man mano che si
allontanano dal cuore, sino a diventare capillari, vasi
dalla parete sottilissima, costituiti solo da cellule
endoteliali e dalla loro membrana basale.

Capillare

Membrana basale

Epitelio

Valvola

Epitelio
(tonaca intima)

Epitelio (tonaca intima)

Tessuto muscolare
liscio (tonaca media)

Attraverso la sottile parete dei capillari diffondono


i gas respiratori, le sostanze nutrienti e di rifiuto,
gli ormoni. Il flusso sanguigno interno ai capillari
lento, viene in tal modo facilitata la diffusione
delle sostanze
Ai vasi capillari fanno seguito le venule, di
piccole dimensioni, che diventano man mano di
calibro maggiore ed assumono le caratteristiche
istologiche delle vene

Tessuto muscolare liscio


(tonaca media)
Tessuto connettivo
(tonaca esterna)
Arteria

Vena

Arteriola

Venula

Tessuto connettivo
(tonaca esterna)

Il cuore si contrae e si distende ritmicamente


Quando il cuore rilassato, durante una fase
chiamata diastole, il sangue fluisce dentro a tutte e
quattro le sue cavit.
Laltra fase del ciclo cardiaco detta sistole e
comincia con una brevissima contrazione degli atri,
che riempie i ventricoli di sangue; poi si contraggono i
ventricoli, si chiudono le valvole atrioventricolari, si
aprono le valvole semilunari e il sangue viene
pompato nelle grandi arterie.

Circolo cardiaco:
2 Gli atri si contraggono.

1 Il cuore rilassato
e le valvole
atrioventricolari
sono aperte

0.4 s

Diastole

0.1s

Sistole

0.3 s

3 I ventricoli si contraggono;
le valvole semilunari sono aperte

PATOLOGIE CARDIO - VASCOLARI

Che cos un attacco cardiaco?


Se uno o pi vasi sanguigni si ostruiscono, le cellule muscolari cardiache
muoiono rapidamente, il cuore non pi in grado di pompare sufficiente
sangue nel corpo e si verifica un attacco cardiaco, o infarto del
miocardio.

Vena cava
superiore
Arteria
polmonare

Arteria
coronarica
destra

Aorta
Arteria
coronarica
sinistra

Occlusione
Tessuto muscolare morto

Laterosclerosi una patologia cardiovascolare cronica


dovuta a formazione di placche (ateromi) che si sviluppano
e si accrescono allinterno delle pareti dei vasi,
determinando il restringimento del lume delle arterie e
facendo scorrere il sangue con maggiore difficolt.
Placche
Epitelio

LM 60

Tessuto
liscio

LM 160

Tessuto
connettivo

ARITMIE E INFEZIONI CARDIACHE


A volte capita di sentire la mancanza di un battito, detto extrasistole.
Il cuore si contrae fuori tempo, perch si genera una scarica elettrica fuori
dalla normale centralina. Pu essere provocato dalleccessiva stanchezza,
o dallassunzione di alcool.
Un difetto nella produzione o diffusione dellimpulso elettrico provoca
delle irregolarit nelle pulsazioni, si chiama aritmia.
Il PACEMAKER uno strumento, inserito nel torace, capace di
regolarizzare il battito cardiaco.
Al cuore arrivano, attraverso la corrente sanguigna anche virus e batteri
ed essi possono provocare una infezione cardiaca.
Le patologie a carico delle valvole sono noti come soffi cardiaci,
se una valvola non si chiude bene il sangue pu ritornare in dietro

PATOLOGIE LEGATE AL SISTEMA ELETTRICO DEL CUORE

Brachicardia:

Il cuore batte pi lentamente del normale,


generalmente meno di 60
battiti al minuto. Come conseguenza, il
cuore pu non pompare una quantit di
sangue sufficiente a soddisfare le
esigenze dellorganismo e il soggetto pu
sentirsi affaticato o avere le vertigini.

Tachicardia:

Il cuore batte pi velocemente del normale,


generalmente pi di 100 battiti al minuto.
Come conseguenza, il cuore potrebbe non
essere in grado di pompare la quantit di
sangue sufficiente a soddisfare le esigenze
dellorganismo. Se non si interviene, alcuni tipi
di tachicardia possono determinare la morte
cardiaca improvvisa .

Fibrillazione:
atriale

Morte cardiaca:
improvvisa

Le camere superiori del cuore (gli atri)


si
contraggono
in modo
disordinato tra 300 e 600 volte al
minuto. Gli atri non si contraggono mai
completamente
e ad ogni battito
cardiaco
potrebbero rimanervi
residui di sangue.
Il
sangue ristagnato
potrebbe
raggrumarsi, aumentando il rischio di
ictus.

Il cuore smette completamente di


battere e di pompare sangue.

PATOLOGIE LEGATE ALLA FUNZIONE DI POMPA DEL CUORE


Insufficienza
cardiaca

Il cuore non lavora pi bene come dovrebbe e


non pi in grado di pompare una quantit di
sangue sufficiente a soddisfare le esigenze
dellorganismo. Linsufficienza cardiaca un
problema grave che si sviluppa gradualmente nel
corso del tempo in un cuore danneggiato, a volte
nel corso degli anni.

PATOLOGIE LEGATI ALLE ARTERIE DEL CUORE


Cardiopatia:

Un deposito di materiale grasso si forma su una


o pi arterie coronarie, riducendo il flusso di
sangue attraverso il muscolo cardiaco. La
coronaropatia incrementa il rischio di attacco
cardiaco.

Attacco cardiaco:

Una parte del muscolo cardiaco muore o


rimane danneggiata in modo permanente
perch non ha ricevuto sangue a sufficienza. Una
volta che il cuore viene danneggiato, esiste un
rischio maggiore di insufficienza cardiaca e di
morte cardiaca improvvisa.

PATOLOGIE LEGATE ALLE ARTERIE ESTERNE AL CUORE


Vasculopatia periferica:
Un deposito di materiale grasso si forma
su unarteria esterna al cuore, riducendo il
flusso di sangue attraverso lorganismo. A
seconda dellarteria bloccata, si possono
avvertire sintomi minori, come un senso
di torpore, o problemi pi gravi, tra cui
lictus.

PATOLOGIE DEI VASI SANGUIGNI


Colesterolo: le persone con quantit eccessive di colesterolo nel sangue hanno
alte probabilit di avere attacchi cardiaci. Lorgano che regola il
colesterolo il fegato.
Aterosclerosi: un accumulo di sostanze grasse sulle pareti interne delle
arterie. Questo accumulo costituito in prevalenza da colesterolo,
una sostanza presente nel sangue e in tutte le cellule
dell'organismo
Ischemia: quando il flusso sanguigno in unarteria bloccato da grosse placche.
Una patologia dovuta al fatto che un organo riceve una quantit di
sangue e di ossigeno insufficiente alle proprie esigenze.
Angina pectoris: una sindrome dolorosa causata da diminuzione transitoria del
flusso di sangue e, quindi, di ossigeno nel tessuto muscolare del
cuore. La condizione di scarso apporto di ossigeno al tessuto
cardiaco prende il nome di ischemia. Essa si manifesta
prevalentemente nell'et matura o negli uomini anziani e nelle
donne in postmenopausa.
Ictus: unostruzione di un vaso sanguigno che porta ossigeno al cervello. Il
cervello uno degli organi pi sensibili alla carenza di ossigeno.

Prevenzione sulle malattie del cuore e dei vasi sanguigni


importantissimo praticare tanto sport;
Seguire unalimentazione equilibrata;
-

Evitare leccesso di alcool;


Non fumare.

Il sangue esercita una pressione sulle pareti dei vasi

Pressione (mm Hg)

La pressione sanguigna corrisponde alla forza che il sangue


esercita sulle pareti dei vasi sanguigni.
Dipende, in parte, dalla gittata cardiaca e, in parte, dalla resistenza al
flusso sanguigno operata dallo stretto lume delle arteriole.
La pressione e la velocit del sangue sono maggiori nellaorta e nelle
arterie.
120
Pressione
100
80
60
40
20
0

sistolica
Pressione
diastolica

Vena cava

Vene

Venule

Capillari

Atreriole

Arterie

50
40
30
20
10
0
Aorta

Velocit (cm/sec)

Dimensione relative
e numero
di vasi
sanguigni

Misurando la pressione sanguigna possibile


evidenziare i problemi cardiovascolari
Il valore normale della pressione sanguigna di un
adulto 120/70: il primo numero rappresenta la
pressione durante la sistole, mentre il secondo
quella durante la diastole.
Pressione sanguigna
120 sistolica
70 diastolica
(ancora da misurare)

Pressione
del manicotto
sopra 120

Manicotto
di gomma
gonfiata
con aria

Pressione
del manicotto
sotto i 120

Pressione
del manicotto
sotto i 70

120

120

70

Suoni udibili
nello
stetoscopio
Arteria
1

I suoni si arrestano

Arteria
chiusa
2

VALUTAZIONE DEI VALORI DELLA PRESSIONE DEL SANGUE


VALUTAZIONE

MASSIMA
(sistolica)

MINIMA
(diastolica)

Ottimale
Normale
Superiore alla norma

120
120-129
130-139

80
80-84
85-89

Fascia di confine ipertensione


Ipertensione lieve
Ipertensione moderata
Ipertensione severa

140-160
140-180
oltre 180
oltre 180

90-95
90-105
105-115
oltre 115

Valori normali della pressione del sangue ed et


ET
Sotto i 18 anni
Tra i 18-50 anni
Dopo i 50 anni

MASSIMA
(sistolica)

MINIMA
(diastolica)

120
140
140-145

80
85
90

Lalta pressione sanguigna, o ipertensione, viene


definita come pressione sanguigna che raggiunge di
norma valori superiori a 140mmHg per la pressione
sistolica, e superiori a 90 mmHg per la pressione
diastolica.
Lipertensione interessa circa un quarto della
popolazione adulta e aumenta il rischio di ictus,
infarto del miocardio e altre patologie cardiache o
renali.

Principali arterie del corpo umano


umano

Principali vene del corpo

IL SANGUE

COMPOSIZIONE E PROPRIET DEL


SANGUE
Il sangue costituito dal plasma e da elementi
cellulari in sospensione che si originano nel
midollo osseo
Il sangue formato da diversi tipi di elementi cellulari,
chiamati nel loro insieme elementi figurati, che sono in
sospensione in un liquido, detto plasma.
Il plasma composto per circa il 90% da acqua; tra i
numerosi soluti si trovano sali inorganici sotto forma di
ioni, proteine, sostanze nutritive, prodotti di scarto,
ormoni.

Gli elementi figurati in sospensione nel plasma


sono i globuli rossi, i globuli bianchi e le piastrine.
I globuli rossi sono chiamati anche eritrociti e la
loro funzione principale quella di trasportare
ossigeno.
I globuli bianchi, o leucociti, hanno la funzione di
combattere le infezioni e di impedire la crescita
delle cellule cancerose.

La composizione del sangue:


Plasma (55%)
Componenti
Acqua

Ioni inorganici:
Sodio
Potassio
Calcio
Magnesio
Cloruro
Bicarbonato
Proteine plasmatiche:
Albumina

Elementi cellulari (45%)

Principali funzioni

Tipi di cellule

Solvente per diluire le altre


sostanze
Equilibrio osmotico,
azione tampone,
trasmissione di
impulsi nervosi

Funzioni
Numero
(per mm 3 di sangue)

Eritrociti
(globuli rossi)

56 milioni

Leucociti
(globuli bianchi)

500010 000

Sangue
centrifugato

Equilibrio osmotico
e azione tampone
Coagulazione
Immunit

Sostanze trasportate dal sangue:


Sostanze nutritive
Prodotti di rifiuto del metabolismo
Gas respiratori (O2 eCO2)
Ormoni

Difesa e
immunit

Linfociti

Basofili
Fibrinogeno
Immunoglobuline

Trasporto
di ossigeno e, in
parte, di anidride
carbonica

Esosinofili
Neutrofili
Piastrine

Monociti
250 000
400 000

Coagulazione
del sangue

Il sangue
un tessuto connettivo fluido, composto da una parte corpuscolata, cellule e
derivati cellulari, circa il 45% del volume e una parte liquida, il plasma 55% del
volume.
Il siero il plasma privato delle proteine della coagulazione
Il volume medio di sangue nelladulto di circa 5 litri
PARTE CORPUSCOLATA
Globuli rossi: eritrociti o emazie, trasportano O2 e CO2 , 5 milioni in media per
mm3
Globuli bianchi: leucociti (comprendono granulociti linfociti e monociti ecc.)
cellule che producono anticorpi ed hanno attivit fagocitaria e batteriolitica,
6 mila in media per mm3
Piastrine: trombociti, derivati di frammentazione di cellule molto grandi,
partecipano ai processi coagulativi, 250 mila in media per mm3
PARTE LIQUIDA
Plasma: formato da acqua, proteine, sali minerali, contiene inoltre
ormoni, enzimi, anticorpi

COME VIENE PRODOTTO IL SANGUE?


Il processo di produzione delle cellule sanguigne
detto ematopoiesi, avviene nel midollo osseo rosso
Tutte le cellule del sangue derivano da una unica
cellula progenitore che si differenzia in 2 cellule che
daranno le 2 linee Mieloide ( globuli bianchi,rossi,
piastrine) Linfoide( linfociti)

IL TRASPORTO DI OSSIGENO E ANIDRIDE CARBONICA


Ossigeno e anidride carbonica vengono trasportati
nel sangue legati da una molecola, lemoglobina
Questa proteina formata da 4 subunit, contenenti
4 atomi di ferro ed in grado di legare 4 molecole di
ossigeno
Lemoglobina carica lossigeno negli alveoli
polmonari e lo rilascia una volta giunta nei capillari
periferici dove scambia lossigeno con lanidride
carbonica prodotta dal metabolismo cellulare.
Quando il sangue arriva nuovamente ai polmoni
lanidride carbonica viene rilasciata e lemoglobina
lega nuovamente ossigeno

LA COAGULAZIONE DEL SANGUE

Le piastrine e la proteina plasmatica fibrinogeno sono sempre presenti nel


sangue e si attivano per produrre un coagulo nel momento un cui un vaso
sanguigno viene leso.
Il sangue conserva la sua normale fluidit quando allinterno dei vasi
sanguigni
Se viene a contatto con tessuti diversi da
quello che tappezza linterno dei vasi il
sangue si coagula
Il processo di coagulazione una serie
di reazioni a cascata, che coinvolge
piastrine, globuli rossi, e tutta una serie
di proteine presenti nel sangue in forma
inattiva, ma che vengono attivate al
momento della coagulazione

Colonizzata SEM 3400

La coagulazione blocca la fuoriuscita di sangue dai vasi


sanguigni danneggiati

Il processo di coagulazione del sangue:


Se c una lesione allinterno di un vaso le piastrine vi aderiscono
immediatamente, e rilasciano un enzima la tromboplastina, che trasforma la
protrombina in trombina anche grazie a mediatori come il calcio e la vitamina K.
1 Le piastrine aderiscono al

tessuto connettivo, lesionato


a causa di una ferita
Epitelio

2 Si forma un aggregato

di piastrine

3 Un coagulo di fibrina

intrappola le cellule

Tessuto
connettivo
Piastrine

Tappo di piastrine

La trombina trasforma unaltra proteina inattiva il fibrinogeno, nella forma attiva la


fibrina.
I filamenti proteici di fibrina formano una fitta rete che intrappola piastrine e globuli
rossi e forma il coagulo che chiude la lesione

La mancanza o leccesso di globuli rossi possono essere dannosi per la salute


Quantit troppo basse di emoglobina o un ridotto numero di globuli rossi comportano una patologia detta
anemia.

Se i tessuti non ricevono abbastanza ossigeno, i reni secernono un


ormone chiamato eritropoietina (EPO), che stimola il midollo osseo a
produrre pi globuli rossi.
Alcuni atleti scelgono metodi drastici o illegali per incrementare la
capacit di trasporto di O2 nel sangue, al fine di migliorare le proprie
prestazioni, iniettandosi EPO sintetica.

Colonizzata SEM 3400

Attraverso lanalisi del sangue si possono


diagnosticare molte malattie
Lanalisi del sangue probabilmente lesame clinico
pi diffuso e pi richiesto dai medici.
Lesame del sangue permette di:
evidenziare carenze ormonali o vitaminiche e
squilibri nellalimentazione;
valutare il rischio di sviluppare malattie
cardiovascolari o renali;
avere indicazioni sulla presenza di uninfezione o
anche di un tumore non ancora diagnosticati.

Le cellule staminali potrebbero essere utilizzate


per curare la leucemia e altre malattie delle cellule
del sangue
Le cellule staminali si differenziano negli elementi
figurati del sangue e possono essere usate per la cura
di malattie come, per esempio, la leucemia.
Cellule staminali
linfoidi

Cellule staminali mieloidi

Basofili

Eritrociti

Piastrine

Linfociti

Monociti

Eosinofili

Neutrofili

COME AVVIENE LO SCAMBIO DI SOSTANZE


TRA IL SANGUE ED I TESSUTI?
Avviene per diffusione secondo gradiente
E dipende dalla differenza tra la pressione idrostatica e la pressione osmotica che
esiste tra sangue e liquido interstiziale (liquido formato da acqua e varie sostanze
in essa disciolte, che occupa gli spazi intercellulari dei tessuti)

Le sostanze
che entrano
ed escono
dalle cellule
passano
obbligatoria
mente per il
liquido
interstiziale

Allentrata del capillare arterioso la pressione idrostatica del sangue maggiore della
pressione osmotica del liquido interstiziale,ci provoca fuoriuscita di liquido dal capillare.
Man mano che il sangue scorre nel capillare la pressione idrostatica si abbassa
allestremit venosa del capillare la pressione osmotica del sangue maggiore
della pressione idrostatica del sangue e si ha il rientro del liquido nel capillare venoso

Il punto in cui il flusso di liquido in entrata maggiore di quello in uscita il limite tra il
capillare arterioso e quello venoso

I VASI LINFATICI
Decorrono parallelamente ai vasi arteriosi e venosi e trasportano il liquido
interstiziale detto linfa, liquido interstiziale che non rientra nei capillari venosi
ma che ritorna al cuore tramite una rete di vasi che si originano a fondo cieco nel
parenchima degli organi.
I vasi linfatici versano il loro contenuto in dotti di dimensioni sempre maggiori
sino al Dotto Toracico ed alla Grande Vena linfatica, che terminano il loro percorso
gettandosi nelle vene succlavie alla base del collo

Il flusso della linfa nei vasi linfatici regolato non da un organo propulsore,
ma dalla contrazione dei muscoli del corpo; i vasi sono dotati di valvole
che impediscono il reflusso della linfa
I vasi linfatici trasportano anche i lipidi assorbiti dallintestino dopo la digestione
dei cibi
Lungo i vasi linfatici sono anche disseminati I linfonodi
Organi di piccole dimensioni spugnosi e tondeggianti, filtrano la linfa e,
contenendo globuli bianchi, sono importanti stazioni di controllo del sistema
immunitario
Altri organi come tonsille, placche di Peyer (nellintestino) e milza, (nelladdome)
coadiuvano i linfonodi in questa funzione
La milza anche sede di ematopoiesi e soprattutto agisce come organo
emocateretico, cio elimina dal sangue i globuli rossi vecchi o danneggiati