Sei sulla pagina 1di 45

Mandarini Pasquali Pezzotti

Il segreto del prof.

Von Braun

------------

Edizioni Casa Mia

Il segreto del prof. Von Braun 2 _______________________________________________________________________________

Prefazione

Tanto tempo fa, in una galassia lontana, lontana tranquilli non si tratta dellennesimo libro ispirato a Guerre stellari, la saga fantascientifica pi famosa degli ultimi anni, ma il fatto che passato cos tanto tempo da quel giorno che sembra effettivamente di parlare di un altro mondo. Sono infatti passati dieci anni dal giorno, beh forse dovrei dire dalla notte in cui cominciato tutto; da quando cio io, Mariano e Lucio Valerio abbiamo concepito questa meravigliosa impresa. Era una di quelle serate in cui nessuno ha voglia di tornare a casa, anche se non si sa di preciso come passare il tempo. Ci attardavamo in macchina parlando del pi e del meno, pensando a quello che avremmo dovuto fare il giorno successivo, quando, quasi per scherzo, qualcuno, non mi ricordo pi chi, lanci lidea di girare un film. La cosa, anche se ci sembrava strana, (o forse proprio perch ci sembrava strana) ci entusiasm subito. Era unidea talmente strampalata che poteva funzionare. Tra una risata e laltra le idee si susseguivano vorticosamente; la storia stava prendendo corpo, anche se mai avremmo immaginato un risultato simile. Il giorno dopo tutti volevano partecipare alle riprese, o con un personaggio proprio o anche solo come comparsa. Non cera una sceneggiatura vera e propria, (avevamo solo unidea generale di quella che era la storia principale) dunque i personaggi potevano essere aggiunti o tolti senza particolari problemi. Al termine delle riprese, dopo tutta una serie di alti e bassi, quello che doveva essere un cortometraggio senza nessuna pretesa aveva assunto dimensioni considerevoli, superando le nostre pi rosee aspettative. Ora, dopo le prime proiezioni in casa di amici, tutta la citt parlava di noi, sembrava che tutti lo avessero visto. Perfetti sconosciuti ci fermavano per strada facendoci i complimenti sia per lidea che avevamo avuta che per la nostra recitazione, un giornalino locale ci dedic un articolo ed addirittura una televisione reatina ci propose di mandarlo in onda (cosa che declinammo decisamente). Eravamo nostro malgrado delle celebrit.

Il segreto del prof. Von Braun 3 _______________________________________________________________________________

Oggi, a distanza di dieci anni, abbiamo deciso di celebrare questo anniversario con qualcosa di particolare, di diverso dalla solita pizza in compagnia, ricalcando quello che altri (ben pi illustri di noi) avevano gi fatto per Star Wars. Cos nata lidea di scrivere questo libro che ricalca esattamente le avventure del film (con tanto di errori e papere da parte degli attori) integrando quei passaggi che per forza di cose erano rimasti particolarmente oscuri durante le riprese. Vi auguro dunque buona lettura sperando che i personaggi del Segreto del professor Von Braun possano divertirvi almeno una briciola di quanto ci hanno fatto divertire ad impersonarli.

Marco Pezzotti

Il segreto del prof. Von Braun 4 _______________________________________________________________________________

Ai lettori
"Se la pubblicazione di questo libro avesse risposto a comuni (seppur bassissimi) intenti di lucro, come spesso avviene all'indomani dei film di successo, mi sarei limitato a compiangere gli autori, salutando con rammarico il loro ingresso nel dubbio Olimpo dei piccoli affaristi. Del resto ci si chiede chi, dopo aver visto il patetico lungometraggio cui l'opera si conforma, avrebbe avuto la forza -a non dire la voglia- di spendere tempo e denaro in disutili rievocazioni. "Ma poich l'opera persegue unicamente il fine vergognoso di riabilitare a distanza di un decennio il prodotto deteriore di tre menti malate, un prodotto del quale speravamo che il tempo avesse ormai fatto impietosa giustizia, sento il dovere di insorgere in difesa della verit e della buona fede del pubblico. Solo chi ha sotto mano al tempo stesso l'opera scritta e l'opera filmata pu infatti smascherare (e facilmente) il bieco programma apologetico pianificato dagli autori a beneficio di s, mediante una diabolica quanto sistematica mistificazione dell'evidenza storica. "Per il bene delle nostre menti e di quelle dei nostri figli, noi a questa mistificazione dobbiamo saper dire no! No ai cavillosi tentativi di inventare a posteriori una giustificazione narrativa per le incomprensibili improvvisazioni degli interpreti del film; no alla pretesa tronfia di ricreare un back-ground esistenziale e uno spessore psicologico ai personaggi, che al di l di ogni ragionevole dubbio sono degli irrecuperabili cazzumatti; no alla velleit di interpolare con spiegazioni artificiose e flash-back surrettizi la sceneggiatura tremendamente lacunosa del film; no alla prepotenza di suggerire tagli artistici e destrezze di regia laddove invece le scene originali mostrano piatta approssimazione e nessuna padronanza del mezzo filmico. "Non si lasci ingannare il lettore dalla potenza persuasiva del racconto: il film era- ben pi miserevole cosa. L quello che sembra accedere per caso accade per caso, quello che sembra un errore un errore, i bagliori che impallano la fotocamera non sono sottili elogi allo splendore del sole ma intolleranze del VHS ai contrasti di luce non previsti, le fantasmagorie di colori sulla neve non sono effetti speciali ricchi di significati allusivi ma tentativi incontrollati della videocamera di ripristinare il bilanciamento del bianco. Se nella trama del film

Il segreto del prof. Von Braun 5 _______________________________________________________________________________

non si capisce un cazzo, non siete voi i fessi come si evince da questo libro, ma la sceneggiatura che non esiste. Il regista era un cialtrone, l'operatore aveva il morbo di Parkinson e la produzione non ha speso una lira per le ambientazioni; solo le illazioni sui problemi psico-somatici del torturatore hanno forse un fondo di verit, ma solo perch il torturatore era Bencenzu. "E poi, cosa credono di dimostrare i redattori del libro riportando i discorsi diretti dei personaggi con una fedelt talmente meticolosa da non trascurare gli anacoluti e i risibili difetti di pronuncia? Credono forse di meglio irretirci, creando con questi pietosi virgolettati di sapore pasoliniano un'illusione di rigore documentario? No, non ci caschiamo. Con tutta la vigile coscienza dello Winston orwelliano noi ci ribelliamo al chiaro progetto di revisionismo retroattivo che percorre questo libro e invitiamo i lettori a considerare l'opera con lucido distacco quale emblematico esempio di abuso da parte del potere mediatico. "Per fortuna la "gag" di Billy Andrix che dovrebbe saper suonare la chitarra continua a non far ridere. Nemmeno nel libro".

Questa lettera, giunta con preghiera di pubblicazione poche settimane prima che il libro andasse in stampa, stata scritta da Mandarini dopo la lettura delle bozze. L'autore, che ha disconosciuto il suo contributo a quest'opera e nega la sua stessa partecipazione al film tacciando la produzione di manipolazioni digitali, oggi vive a Rejkyawik inseguendo il suo ideale di donna e sognando che il mondo si possa un giorno cambiare. Presso di noi ha lasciato il suo Golem, a svolgere col sorriso sulle labbra le mansioni di sempre. Nella speranza che torni, e che i vecchi amici possano ritrovarsi, ci auguriamo che queste sue ultime righe facciano vivere ancora a lungo nel cuore dei lettori la sua anima di merda.

Il Golem

Il segreto del prof. Von Braun 6 _______________________________________________________________________________

LO STUDIO

Drinn drinn Il telefono squilla. Evelyn, la segretaria, solleva quasi automaticamente la cornetta. - Studio del Professor Von Braun s attenda pregoIn quello stesso momento il professore sta uscendo dal suo studio. Chiude a chiave la porta come ogni giorno alla fine del suo lavoro. - Professore il Dottor Johnson della Medical S.p.A. . Il professore appare seccato: ancora un attimo e non lavrebbero trovato. - Pronto s no, no, no di che cosa sta parland no, no, no s, s, la formula pronta, non si preoccupi. S, certamente. Poco lontano, nellombra, una figura inquietante e minacciosa ha intercettato la conversazione. Il suo ghigno beffardo risuona sinistro. Ma un istante, solo il tempo per scorgere in quegli occhi scuri il riflesso del suo spirito dannato che gi scompare sommersa dalla notte. Quando il professore scende in strada sta gi piovendo da qualche ora. Si chiude nellimpermeabile mentre apre la portiera della sua auto, una panda dell87 forse dell86. In effetti potrebbe essere ancora pi vecchia se se ne considera laspetto sciatto e trascurato. Il professore non la cura molto, anzi non la cura affatto. Non ne ha il tempo, dice, come non ha tempo per tutte le altre ordinarie incombenze della vita quotidiana. Vive solo, veste alla buona, raramente si rade. Lunica sua preoccupazione sono lo studio e la ricerca, tutto il resto incidentale, accessorio, trascurabile. Lunica cosa che si sforza di considerare, ma solo una questione di sopravvivenza, lacquisto dei generi di prima necessit che compie settimanalmente cos da ammortizzare in un tempo accettabilmente lungo lo stress psicofisico che ci gli procura. Erano quasi due giorni che si preparava allevento e la telefonata del Dott. Johnson stava per mandargli in aria tutto. Fortunatamente aveva liquidato subito il seccatore ed ora con concentrazione inalterata poteva dedicarsi a questo olimpico impegno con la confortevole sicurezza di colui che sa di poter abbandonare un nero pensiero per ben una lunghissima, infinita settimana.

Il segreto del prof. Von Braun 7 _______________________________________________________________________________

Fatto!, ora Von Braun finalmente a casa, sereno, tranquillo, rilassato a tal punto che dimentica la sua spesa in auto ed costretto ad un ulteriore scatto di praticit tornando indietro a prenderla. Entra, controlla la posta, posa la spesa, si trattiene in soggiorno vuotando le tasche sul tavolo e rileggendo distrattamente i suoi appunti. Si accorge di aver scordato, come sempre, la sua cartella in ufficio, ma non un problema. Chiss, forse lha fatto ancora una volta volutamente. Pi tardi sarebbe passata Evelyn per portargliela, come sempre. Stavolta per era deciso : le avrebbe offerto qualcosa da bere e magari stavolta non sarebbe andato in bianco. Come sempre.

A CASA

Il disgusto provato dalloscurit che poco prima laveva inghiottita fa s che linquietante e sinistra figura venga da questa vomitata nella luce dellandrone dellabitazione del professore. E Kemal Taskesen. Curdo, e maledetto dal suo stesso popolo (ma non solo), da tempo al servizio del K.G.B. per il quale compie i pi efferati crimini e le pi spericolate e rutilanti azioni di spionaggio. Da tempo lombra di Von Braun, ne conosce le mosse , le azioni, le abitudini , i difetti. Kemal ovunque, vede tutto, ascolta ogni cosa e, verosimilmente, nulla gli sfugge. Sa dunque che giunto il momento, le ultime intercettazioni non danno adito a dubbi: la formula pronta e lui se ne impadronir stasera stessa, con qualsiasi mezzo. Luscio socchiuso, Kemal sa anche questo, il professore lo dimentica spesso aperto. Canticchiando mentalmente il tema di Peter Gun, scivola quasi danzando nello stretto corridoio che porta al soggiorno dove il professore, ignaro, chino sulle sue carte. Sul ritornello Kemal esce dallombra e scarica con ritmo perfetto tre colpi della sua pistola su Von Braun di spalle di fronte al tavolo. Il lavoro del curdo perfetto, come sempre; il professore si accascia senza un lamento a terra restando con la gamba destra appena piegata in un estremo sussulto di sofferenza e di terrore. Peter Gun continua a risuonare nella mente fredda e spietata di Kemal mentre con destrezza

Il segreto del prof. Von Braun 8 _______________________________________________________________________________

agguanta quello stesso foglio che poco prima era stretto nelle mani del Professor Von Braun. Lo ripiega accuratamente facendolo sparire nel suo nero soprabito di pelle mentre con passo felpato si rituffa ghignando nelle fauci dellormai nauseata oscurit che non pu far di meglio che inghiottirlo di nuovo, bench essa ne provi, come intuibile, un giustificato ribrezzo. E solo un po pi tardi quando Evelyn, stringendo tra le braccia la cartella premeditatamente lasciata in ufficio da Von Braun, sale le scale dellabitazione del Professore. La porta aperta ma non questo che allarma la segretaria quanto il fatto che sia quasi spalancata. E vero, il professore distratto ma non in modo cos plateale. Entra e man mano che avanza verso il soggiorno dove il professore spesso si intrattiene, si fa strada nella mente di Evelyn il sospetto che sia successo qualcosa di strano. - Professore, professore so Eveli professore, dov ? La punta del ginocchio piegato verso lalto indica allo sguardo sorpreso di Evelyn lintero corpo accasciato sotto il tavolo. Dalla sorpresa allorrore. Evelyn paralizzata, vorrebbe urlare, dovrebbe urlare ma la voce le si ferma in gola e la tensione che si sarebbe dovuta sfogare nel grido la irrigidisce facendole sfuggire dalle mani la cartella. La risposta della sua mente pratica ed efficiente di perfetta segretaria per quasi istantanea. Si precipita al telefono. - Centralino presto la polizia Polizia, polizia hanno ucciso il professore, venite subito ! La sua accorata richiesta di aiuto ha un effetto immediato, anzi istantaneo. Non ha ancora terminato di scandire lultima sillaba che si sente bussare alla porta. - Chi ? - POLIZIA ! Apre interdetta la porta. Dietro due baffi nerissimi, quasi dipinti, sotto cui compare

intermittentemente una fumosissima sigaretta, si presenta lispettore Calligan. Avvolta in un impermeabile blu scuro, su cui approssimativamente si intona un altrettanto scuro e improbabile cappello di tweed, la figura dellispettore smisuratamente imponente a fronte delle minute fattezze di Evelyn. Un altro poliziotto segue Calligan: il sergente OBrian, uomo sfuggente e silenzioso, lombra dellispettore e

Il segreto del prof. Von Braun 9 _______________________________________________________________________________

suo autentico complemento esecutivo. Sono in due ma sembrano essere uno: il rapido e implacabile braccio violento della legge. - Buonasera esordisce immediatamente lispettore sono lispettore Calligan. Lei dovrebbe essere la segretaria del professore, la signorina Evelyn. Dov il professore ? Evelyn confusa, stordita ed ora anche intimorita dallincombente presenza dei tutori della legge, ma la sua risposta immediata e lucida Di qua in soggiorno, venga. Calligan la segue. Lancia solo unocchiata al corpo inerte del professore, poi si rivolge al suo alter ego Prego sergente OBrian, faccia il suo dovere. Come un implacabile uccello da preda, il sergente lascia le spalle dellispettore e si avventa con meccanica freddezza sul cadavere indifeso di Von Braun. Sar la monotonia del lavoro svolto, sar labitualit dei gesti, ma quando OBrian comincia a ispezionare il cadavere quel suo frugare nelle tasche ha qualcosa del borseggiatore, dello sciacallo. Il suo viso per inespressivo e distaccato, e bench non tradisca la minima emozione, sembra evidente che il sergente ha un passato, sicuramente non onorevole, dal quale ancora non pare essersi definitivamente affrancato. Il suo lavoro tuttavia inappuntabile e Calligan, da sempre, lo lascia fare. - Da quanto tempo si trovava qui lei ? continua Calligan rivolto alla segretaria - Da poco tempo risponde lei - Lavorava da molto con il professore ? - S, da molto tempo. Calligan fissa Evelyn intensamente, poi allimprovviso ha uno scatto. Il fumo del sospetto si insinuato nel suo raffinato naso da segugio: Cosa sta facendo lotto marzo del 1964? La segretaria presa in contropiede, non si aspettava certo quella ficcante insinuazione e resta quasi senza parole Ma io ver...- E un animale Calligan, un cacciatore feroce, ha fiutato il sangue, ha seguito la pista e ora sa che il momento di mordere, di stringere le sue fauci impietose sul collo ansimante della sua vittima. Ora o mai pi : E stata lei ! Evelyn confusa ma la sua reazione immediata e decisa: No non sono stata io ! Calligan la incalza : E stata lei ! - No ! -

Il segreto del prof. Von Braun 10 _______________________________________________________________________________

- E stata lei ! - NO ! La granitica certezza del poliziotto comincia ad incrinarsi. La determinata sicurezza con cui Evelyn sta tenendo testa alle sue accuse dirette, ai sui modi inquisitori, lo stanno rendendo perplesso. Prova ancora, vuole essere certo: Sicuro? La segretaria sempre pi convinta: S ! Il tarlo del dubbio ha ormai scavato la sua galleria nella mente del vecchio uomo di legge. Un caso apparentemente semplice si apre a sviluppi insospettati e drammatici. La galleria ormai una voragine e Calligan si rende conto di non poterne pi uscire armato delle sue sole forze e della propria esperienza. Gli secca ammetterlo ma stando cos le cose tagliato fuori, escluso. Altri dovranno fare quel lavoro: altri, non lui. Il suo volto si chiude in una smorfia di dolore e rassegnazione e con la morte nel cuore costretto ad ammetterlo: Mmmh E il caso di chiamare la C.I.A. !

C.I.A. 1

Sono gi passati alcuni minuti da quando Billy Andrix ha ricevuto la notizia della morte del Professor Von Braun. Il fatto lo ha lasciato pensieroso. E a capo della sezione spionaggio della C.I.A. da molti anni ormai e sono pochi gli avvenimenti che lo hanno turbato nel corso della sua lunga carriera; in fondo, con il mestiere che svolge se ne vedono ogni giorno di tutti i colori, e bisogna avere nervi dacciaio come i suoi per mantenere la calma in ogni circostanza. Almeno cos credeva fino a questo momento. La formula del professor Von Braun troppo importante per lasciarla cadere in mani sbagliate. Ne va del prestigio della nazione. Andrix, a dispetto del suo incarico che lo vorrebbe ormai di una certa et, un uomo dallaspetto e dal portamento giovanile. Ci suscita linvidia dei suoi colleghi che, alle spalle, lo accusano di aver ottenuto la poltrona pi per le sue amicizie influenti che per i suoi effettivi meriti. Ma questo oggi sembra non aver alcun valore, la sua mente ormai completamente persa in questo caso.

Il segreto del prof. Von Braun 11 _______________________________________________________________________________

Con i piedi poggiati sulla scrivania pensa agli agenti pi adatti alla missione e, imprecando contro laccendino Bic che non ne vuole sapere di funzionare, accende distrattamente lennesima sigaretta. - Signorina, lagente Somersault in linea subito per favore. - Finalmente si deciso. Lagente Somersault senzaltro uno dei miei uomini migliori. Sembra riflettere mentre attende in linea la comunicazione giocherellando con una palla da baseball. In quello stesso momento, dallaltra parte della citt, quasi in periferia, lagente Somersault sta ancora dormendo. Il suo appartamento, un piccolo bilocale quasi completamente spoglio, lascia intuire che lo usa molto di rado, tra una missione e laltra. Lui al contrario perfettamente abbigliato; pronto a scattare per qualsiasi emergenza. Con la sigaretta ancora in bocca risponde al telefono. - Pronto me lo passi.- dice, mentre si siede al bordo del letto. - Ah capo lei vengo subito. Ah capo ma lei non suona la chitarra ? - Noo ! Vieni subito ! - gli urla dietro Billy Andrix mentre riaggancia con violenza la cornetta del telefono. Riappeso a sua volta il ricevitore, John Somersault accenna finalmente ad alzarsi, stiracchiandosi nel tentativo di scacciare via il torpore residuo dalle sue membra. E gi giorno da alcune ore ed il sole irrompe nella stanza quando John apre la finestra. Quasi fosse sul set di 9 settimane e mezzo si ammira allo specchio mentre, con mosse studiate, si sistema il vestito stropicciato per la notte passata. John sempre stato fiero del suo aspetto; sa di essere un uomo affascinante e sa come sfruttare al meglio questa sua dote, sia nel lavoro che, soprattutto, nella vita privata. Controllata per lultima volta la sua fedele Smith & Wesson si avvia verso la porta. - Mickey Rourke me fa na pippa ! -, esclama compiaciuto per quello che lo specchio gli mostra mentre esce dalla stanza. Lauto lo attende fuori dal box pronta ad entrare in azione. E una vecchia utilitaria alla quale John molto legato sentimentalmente; con lei ha iniziato la sua carriera di agente segreto e con lei, pensa, la chiuder. I suoi colleghi possono anche sorridere quando lo vedono passare, lui non ci fa pi caso. La sua 500 lo ha tirato fuori dai guai tante di quelle volte che ormai la considera la sua migliore amica.

Il segreto del prof. Von Braun 12 _______________________________________________________________________________

Senza perdere ulteriore tempo comincia ad equipaggiarla con i pi sofisticati dispositivi che lagenzia gli ha messo a disposizione: un arco con due frecce che prova accuratamente prima di riporlo nella vettura, un triciclo con ruote dentate utilissimo per le strade non asfaltate, un paio di sci, un ombrello che sceglie con cura tra i tanti messi a disposizione al perfetto agente segreto, la valigia con gli effetti personali ed infine, la pi importante di tutte, la sua arma segreta, talmente segreta che nessuno sa di cosa si tratti. Probabilmente neanche lui. Finalmente pronto, con la sigaretta sempre in bocca (quasi fosse ormai unappendice del suo corpo) avvia il motore dellauto che parte senza alcuna esitazione e si incammina lungo il vialetto daccesso dellabitazione. Gli sci, troppo lunghi per il piccolo abitacolo, escono dal tettino come la lancia di un antico cavaliere medievale che, cavalcando nella sua scintillante armatura, si prepara ad affrontare il suo mortale nemico.

C.I.A. 2

Quando Somersault entra nellufficio, Billy Andrix sta nervosamente giocando con la solita palla da baseball. Non ammette che i suoi agenti arrivino in ritardo, oggi meno che mai. Nellufficio con lui c un altro agente ma i due non si parlano, Billy preferisce aspettare che siano entrambi presenti per spiegare la natura della missione. Lufficio piuttosto spoglio. A Billy non interessano queste frivolezze. Lunica cosa che sente veramente sua l dentro un vecchio poster di Larry Bird che ha attaccato nella parte anteriore della scrivania. Il basket infatti la sua unica passione. Oltre al lavoro, chiaramente. - Somersault, sempre in orario! - esclama quando finalmente lo vede entrare. - Ho fatto - No, no, con me non attacca ! - taglia corto Billy Andrix che non in vena di sentire le solite scuse. - Mettiti seduto per favore. A proposito, lagente K2 per noi Bob Marshall. - Esclama indicando lagente seduto di fronte alla scrivania.

Il segreto del prof. Von Braun 13 _______________________________________________________________________________

Questultimo, facendo fede al suo nome in codice, una vera montagna. Era infatti giocatore di basket ai tempi del college, e forse proprio per questo, come sostengono i maligni, entrato nelle simpatie del capo. Il fisico ancora atletico come quello di una volta anche se da allora si un po appesantito. Indossa un elegante giacca color cammello, occhiali scuri e fuma la sua immancabile Chesterfield. - Lagente X2 per noi John Somersault - continua Andrix senza apparentemente far caso al saluto plateale che i due colleghi si scambiano. - Ma non ci siamo gi visti- esclama Marshall tentando di ricordare dove - forse suonavi in un gruppo rock ? - Si ! Capo cera anche lei ?! - No !! Silenzio ! - urla Andrix in uno scatto dira. Poi, resosi conto della reazione forse esagerata, prosegue, quasi a giustificarsi: - Si tratta di una cosa molto seria. I due si siedono allora comodi attendendo le spiegazioni del capo che, nel frattempo, cammina per lufficio fumando nervosamente una sigaretta. - Proprio oggi mi ha telefonato lispettore Calligan, de la mobbile. Si tratta del professor Von Braun, stato ucciso- Nooo !! - esclamano in coro Bob e John sorpresi; se voleva attirare la loro attenzione cera riuscito in pieno. - ne la sua abitazione, tre colpi ne la schiena! - Lo supponevo ! - mormora John come se avesse vinto una scommessa con s stesso. - Somersault silenzio ! - Andrix non il tipo da scherzare sul lavoro, non quando si tratta di una faccenda cos importante. - I dati in nostro possesso ci lasciano presupporre che si tratti dellopera di una spia di una potenza straniera. Come forse gi saprete, il professor Von Braun, ultimamente, stava lavorando per una notissima casa farmaciuetica Americana, la MEDICAL S.p.A., per la produzione di un farmaco di importanza straordinaria, mondiale. La gravit della situazione gli fa scordare anche le basi della sua lingua. - Tutti i nostri agenti, a livello mondiale, sono stati informati e mobilitati. Non si sa n come, n quando, n perch entreremo in azione - fa una pausa per dare pi enfasi a ci che sta per dire, approfittandone per accendersi unaltra sigaretta. - ma ci entreremo ! - Capo permette una domanda ? - Azzarda a chiedere Bob.

Il segreto del prof. Von Braun 14 _______________________________________________________________________________

- Prego. - Come, quando e perch entreremo in azione ? - Marshall mi stai prendendo per il culo ? - tuona Billy Andrix ora visibilmente alterato. - No, no capo, scusi. - Bob si ritrae sulla sedia come un cagnolino bastonato, visibilmente imbarazzato per aver irritato il capo. Il vedere quel colosso impaurito come un pulcino fa sorridere John; per una volta non lui loggetto delle attenzioni di Billy Andrix. - Ok? Sapete, nonostante tutto mi fido di voi. Andate e mi raccomando, risolvetemi questo caso come sempre. - Non si preoccupi - si appresta a rassicurarlo John - ci penseremo noi due e i nostri due amici- I vostri due amici ? - esclama Billy sorpreso. - noi due, Smith- e Wesson. - Conclude Marshall dopo che John, nella fretta di mostrare la sua pistola, ha fatto cadere a terra il caricatore. - Ok ! - Non c bisogno di aggiungere altro. Billy accenna finalmente a congedare i suoi uomini che si dirigono verso la porta. - Mi raccomando ! dice infine mentre i due si chiudono la porta alle spalle. Billy torna a sedersi nella sua poltrona quando dalla porta si riaffaccia Bob che, come se avesse dimenticato qualche dettaglio fondamentale, chiede Capo scusi ma lei non ha mai suonato la chitarra? - NOOO ! - gli strilla dietro Billy tirandogli contro la palla da baseball che ha sempre tenuto in mano durante tutto il colloquio e mancandolo di un soffio.

K.G.B. 1

Una luce ambrata si diffonde nella stanza dove in un angolo troneggia incastonato dietro una monumentale scrivania il capo del K.G.B. Ivan Petrovic. I lineamenti arrotondati, la folta capigliatura bionda che fuoriesce dal colbacco posticciamente calzato sul capo ne evidenziano lorigine ucraina. Il suo aspetto innocuo e pacioso non deve per trarre in inganno. E un uomo forte, ambizioso, di una perfidia tanto strisciante e

Il segreto del prof. Von Braun 15 _______________________________________________________________________________

sottile quanto violenta e letale. Sembra aspettare impazientemente qualcuno. Infatti bussano. Avanti ! Kemal Taskesen compare sullarco della porta indossando un modernissimo casco rosso. Kemal ha una vera passione per cappelli e copricapi, lunico vezzo concessogli dalla sua natura fredda e crudele. Lunico punto di colore di una vita in bianco e nero, votata allodio e ad una venale, interessata crudelt. Con passo marziale si avvicina alla scrivania del capo che ora lo scruta intensamente. Si sfila rapidamente il casco, batte i tacchi mettendosi sullattenti, poi pensando forse di essere spiritoso saluta militarmente il capo in curdo Atai Paraflu ! Petrovic non affatto un uomo di spirito ed il solo sospetto di essere sia pur lontanamente preso per il culo gli fa puntare istantaneamente la pistola contro Kemal. La perentoriet di quel gesto fa comprensibilmente recedere la spia curda dai suoi velleitari intenti cabarettistici. - Scusi capo ! - Mormora sommessamente e il malinteso rientra. Il capo ansioso, vuole sapere della missione. - Ebbene ? Taskesen abbozza un sorriso poi comincia: -Missione compiuta capo. Ho qui la formula. Petrovic visibilmente soddisfatto. Alza il ricevitore e freneticamente compone alcuni numeri. Signorina me lo passi Passano pochi istanti, poi: Gorby abbiamo lesclusiva ! Il volto di Ivan Petrovic raggiante e lui stesso gongola roteando sulla poltroncina come uno scolaretto. Grazie! fa infine soddisfatto. Sta per riagganciare quando gli torna in mente qualcosa. Chiama ancora il centralino: Ah signorina voglio subito qui il dottor Tozzosky.La formula non pu aspettare: i lavori devono iniziare subito. Prima di congedare il curdo chiede un rapido resoconto dei fatti, Petrovic oltre tutto maledettamente curioso. - Dunque ? Kemal non si fa pregare: - E stato facile capo. Lho seguito fino a la casa e lho freddato con tre colpi a la schiena In quello stesso momento bussano ancora alla porta: Avanti ! fa Petrovic. Eccessivamente ossequioso fa il suo ingresso nella stanza il dottor Tozzosky tecnico di laboratorio stringendo in una mano nervosamente mobile ancora una siringa per chi sa quale assurdo esperimento. Senza una parola il dottore raccoglie dalle mani del capo il

Il segreto del prof. Von Braun 16 _______________________________________________________________________________

foglio con la formula e in un turbine di inchini rincula verso luscio. Saluta ancora ed esce chiudendo la porta con la stessa mano che stringe siringa e foglio. La carta rimane per incastrata nella porta chiusa e Tozzosky costretto ad un ulteriore ingresso per disincagliarla. Saluta ancora e finalmente se ne va. Kemal si congeda contenendo a stento la sua novella propensione ad una pericolosissima comicit: At ehm Nella stanza Ivan Petrovic resta solo ancora una volta, visibilmente soddisfatto e felice del successo. Improvvisamente il confortevole silenzio che avvolge la scena idilliaca rotto da alcuni colpi di pistola e da un grido accorato. Un istante dopo Taskesen a fare capolino dalla porta e ad annunciare candidamente Scusi capo era una spia ! La sua per una ingenuit appena simulata. Sa per esperienza che la presenza di spie dentro la Lubianka non buon segno. Forse qualcosa andata storta ed meglio tenere gli occhi aperti. Forse la C.I.A. si sta gi muovendo.

IL LABORATORIO

Gli scintillanti ma non modernissimi strumenti scientifici a disposizione della potente organizzazione di spionaggio sovietica sono pronti e in attesa che le raffinate menti degli scienziati diano corpo attraverso di essi alle sconvolgenti intuizioni del professor Von Braun. Certo un microscopio 25X e un videomicroscopio molto meno potente non sono quello che si potrebbe definire una strumentazione davanguardia, ma la fantasia e il genio del dottor Rossosky coadiuvato dal gi rinculante dottor Tozzosky non trovano certo in questi piccoli e trascurabili dettagli invalicabili difficolt allo svolgimento del proprio lavoro. I due professori con perfetto sincronismo si incrociano salutandosi militarmente davanti al tavolo di lavoro sul quale sono gi stati predisposti gli elementi da utilizzare secondo le indicazioni dello scienziato tedesco. Uno di fianco allaltro iniziano cos lesperimento. Lista! fa il dottor Rossosky rivolgendosi autoritariamente al suo assistente, il quale, quasi a

Il segreto del prof. Von Braun 17 _______________________________________________________________________________

confermare quanto ordinatogli, ripete ogni cosa richiesta dal superiore: Lista. Sul lato destro del tavolo, nascosto dallombra asettica del laboratorio, segue pedissequamente le istruzioni dei due scienziati un inquietante essere dai capelli ricci e verdognoli, frutto di chi sa quale atroce esperimento di ingegneria genetica. - Formula ! - Bisturi ! Luomo verde confuso, ma si riprende rapidamente sa che ogni suo errore sarebbe senzaltro punito con innumerevoli e sonore scudisciate dal tremendo Volkov, il torturatore ufficiale del K.G.B. Il dialogo tra i dottori si fa denso, strettissimo. - Cucchiaio. - Cucchiaio. - Pinzette ! - Pinzette. - Prosciutto ! - Prosciutto. - PRESTO PROSCIUTTO ! - Presto, presto ! il dottor Tozzosky incalza luomo verde. - Ah prosciutto. - Rossosky lo alza al cielo quasi ad invocarne la benedizione divina annusandolo estasiato, - Forbici ! continua. - Forbici replica Tozzosky. Il ritmo frenetico. - Martello !- Martello. - Scarpa - Scarpa ? Scarpa ! - Conserva ! - Conserva. - Patate. - Patate - Luomo verde sta quasi perdendo il ritmo. - Cipolle ! - Cipolle. - Una cipolla ! - Rossosky stranito, stanco. Le ore di lavoro pesano sulle sue spalle scarne ed ossute come macigni ma troppa lurgenza di terminare limmane lavoro, troppa la curiosit di dare forma definita

Il segreto del prof. Von Braun 18 _______________________________________________________________________________

alleterogeneo impasto sul quale le loro mani stanno faticosamente operando. - Uccello. - Uccello ? - ripete stupito Tozzosky. - Uccello ! - gli conferma il collega ormai al limite. Il lamento pietoso dellanimale risuona nel laboratorio ma si spegne istantaneamente quando viene immerso vivo nellimpasto sinistramente ribollente. Pochi attimi ancora di frenetica attivit. Poi una breve e intensissima attesa. I due scienziati sono raggianti quando sollevano il capo dal tavolo. Intorno sembra risuonare una musica celestiale. La benedizione invocata con il prosciutto scesa su di loro. Lesperimento compiuto e pienamente riuscito. - Abbiamo trovato il PILLOLONE - gridano allunisono Rossosky e Tozzosky mentre sospirano entusiasti, stringendo tra le braccia una pasticca tondeggiante simile ad una grossa aspirina delle dimensioni di un 33 giri. Le grida gioiose dei due professori non passano per inosservate. Galina Pavlovna, alias Susan Smith, agente della C.I.A. infiltrata nel K.G.B., ha ascoltato tutto e con circospezione corre ad informare via radio il suo superiore Capo ce lhanno loro ! Ora la C.I.A. sa.

C.I.A. 3

Finalmente giunto il grande momento, la notizia che tutti stavano aspettando da giorni arrivata. Ora si fa sul serio. - La maglia di lana te la sei messa? Fa freddo in Russia, eh! Affacciato alla finestra del suo ufficio, in una anonima palazzina nel centro della citt, Billy Andrix sta dando le ultime istruzioni al suo uomo migliore. Sa che sono perfettamente superflue, che John Somersault non lo deluderebbe mai, ma non pu farci niente, pi forte di lui. Quella missione di vitale importanza, ed ogni pi piccolo dettaglio, anche il pi

Il segreto del prof. Von Braun 19 _______________________________________________________________________________

insignificante, pu fare la differenza tra la vita e la morte. E questo lui lo sa. In Russia potr contare solo su se stesso. - quando arrivi telefona, fammi sapere. continua Billy Andrix visibilmente preoccupato. S, capo, non si preoccupi, non si preoccupi grazie. lo rassicura John che nel frattempo sceso in cortile S, telefono. Emozionato per laddio non riesce a trattenere una lacrima che, per un attimo, gli solca il viso subito asciugata da un fazzolettino che poi, con noncuranza, sventola a mo di saluto. - S telefona ! Se ti serve qualcosa compratela ! ora Billy ha ripreso il suo autocontrollo S, s, no con le persone che non conosci non ci parlare ah , fuma poco.., FUMA PO-CO - urla per paura di non essere stato capito, poi, resosi conto che qualcuno potrebbe spiarli, abbassa il tono della voce fuma poco, capito? Questultima raccomandazione fa sorridere John; pare buffo che sia proprio lui a dirglielo, lui che lo ha avviato al vizio e che non si separa mai dal suo pacchetto di sigarette. Billy comunque sembra non far caso a tutto ci Le donnacce lasciale sta. continua - Ci stanno in giro tante malattie, no, non ti preoccup Billy si lasciato prendere troppo la mano, se lo lasciassero fare non si fermerebbe pi. - S, capo. lo interrompe John. La missione non pu pi aspettare, ogni istante prezioso. Ci vediamo capo, s capo - taglia corto salendo in auto. - Ah, capo, non si preoccupi, la chitarra dalla Russia je la porto io - Billy resta un attimo interdetto dando il tempo a John di accendere la macchina. E proprio questo istante che probabilmente salva la vita a X2, perch, sfoderata la pistola, Andrix in preda ad un raptus omicida gli scarica dietro tutto il caricatore urlando ormai completamente fuori di s. - La chitarra, basta, basta maledetto, tammazzo maledetto, maledetto Ormai la furia lo acceca, i suoi occhi sconvolti e iniettati di sangue lasciano intravedere una vena di follia che si sta insinuando nella sua psiche. Lammazzo quel maledetto figlio di puttana, lammazzo, s lammazzo- Urla ormai a se stesso dopo che la 500 di John scomparsa dietro al vicolo e mentre come un pazzo si aggira sconvolto nel suo ufficio.

Il segreto del prof. Von Braun 20 _______________________________________________________________________________

IL VIAGGIO

Neanche lui sa ancora perch ha preferito langusto e spartano abitacolo della sua autovettura alla lussuosa e confortevole poltrona di un Boeing 747. Lunica giustificazione che John riuscito a trovare la sua smodata e incontrollabile paura di volare; beh, ripensandoci , forse un motivo sufficiente. Certo, passare lo stretto di Bering su una piccola utilitaria non assolutamente unimpresa facile; dovr affrontare innumerevoli pericoli ed ostacoli quasi insormontabili, ma non sar questo a fermarlo: ci vuol ben altro. La piccola vetturetta si muove sicura sulle strette ed accidentate strade di montagna. Il paesaggio ha qualcosa di innaturale; la neve, caduta copiosa nei mesi precedenti, attutisce ogni suono, ogni rumore, tutto sembra fermo, immobile, immutabile. La luce del sole che si rifrange sul manto nevoso rende ogni cosa misteriosa, sovrannaturale, quasi magica. Intorno a John tutto un balenare di colori: rosso, indaco, verde, giallo. Tutti i colori dellarcobaleno si alternano in rapida successione quasi a volerlo inghiottire, a rallentarlo nella sua marcia. John non si lascia per intimorire e prosegue senza sosta verso la sua destinazione, fermandosi solo lo stretto necessario ai suoi bisogni fisiologici. Tutti fanno affidamento su di lui; e lui non li deluder. Nel frattempo la leggera pioggerellina che lo aveva accompagnato fin dalla partenza si sta rapidamente trasformando dapprima in nevischio e poi in neve. I fiocchi cominciano ora a cadere sempre pi fitti; la visibilit si sta riducendo al minimo e presto tutta la strada sar coperta da una spessa coltre di neve. Landatura dellauto, che prima avanzava spavalda, comincia ora a farsi sempre pi incerta. Le ruote, per le quali John aveva dimenticato di portare le catene, slittano sulla neve ghiacciata e lauto comincia a sbandare pericolosamente. John non per il tipo da lasciarsi intimorire per cos poco. Il suo coraggio, degno di un eroe della mitologia greca, lo spinge ad andare avanti, sempre pi avanti. Solo quando sar abbastanza vicino alla meta da poterla toccare (e solo allora) potr proseguire a piedi, se vorr, non prima. Quando scende dallauto il sole sta gi calando allorizzonte. Il calpestare quella neve fresca, immacolata sembra trasportare John ai giorni felici della sua infanzia quando la guerra, lo spionaggio, la violenza erano soltanto una scusa per inventare nuovi giochi da fare con gli amici e non una cruda realt dalla quale sempre pi spesso sente il bisogno di fuggire.

Il segreto del prof. Von Braun 21 _______________________________________________________________________________

Quasi a voler scacciare questi cupi pensieri raccoglie una palla di neve da terra e la lancia con tutta la forza di cui dispone verso lorizzonte. Ma ecco che dal nulla una gragnuola di palle di neve si abbatte su di lui che, stupefatto, costretto a fare un passo indietro per non perdere lequilibrio. Solo allora si rende conto, dopo essersi guardato intorno con circospezione, di essere lunico essere vivente nel raggio di diverse miglia. Una paura sovrannaturale comincia a far breccia dentro di lui. Ma mentre cerca di recuperare il suo self-control ecco che unennesima bordata lo colpisce in pieno volto lasciandolo pi attonito e guardingo che mai.

K.G.B. 2

La copertura costruita da Galina Pavlovna, alias Susan Smith, appare perfetta. Non potrebbe essere altrimenti, ne andrebbe del successo della missione e soprattutto della sicurezza internazionale. C effettivamente unaltra questione che sta a cuore a Susan ed la stessa incolumit di John. Da anni tra loro c qualcosa che sicuramente pi di un'amicizia ma forse meno di una vera e propria relazione. Un sentimento nato allaccademia di Polizia e mai definitivamente conclusosi con il passare degli anni e lintrecciarsi delle missioni. Da tempo non si vedevano pi e forzatamente avevano interrotto ogni contatto soprattutto da quando lei era stata infiltrata nel KGB al fine di meglio controllare le mosse di quel nemico efficiente ed estremamente attivo. Ma ora John era l, vicino a lei e, bench le apparenze dovessero essere perfettamente rispettate, poteva parlargli, stringere le sue mani. Non era molto ma in quella situazione, in quella particolare vicenda era gi qualcosa. E poi, in fondo, come diceva Zi Frate che ricalcava con i piedi le orme lasciate a terra dal passaggio di una graziosa monachella: Tuttu fa ! John Somersault era dunque arrivato ed ora Susan lo stava accompagnando da Ivan Petrovic al quale lavrebbe presentato come il pi fido collaboratore di Von Braun. Il piano era infatti questo: una volta avuto accesso al laboratorio lesperimento portato a termine dagli scienziati sovietici doveva essere sabotato, la formula sarebbe stata recuperata e ogni possibile riferimento alla stessa posseduto dai russi distrutto. Poi sarebbero tornati a casa e forse il loro inconfessato sogno

Il segreto del prof. Von Braun 22 _______________________________________________________________________________

damore si sarebbe potuto realizzare. Susan gi sognava intimamente quel momento in cui John in quel localino italiano che tanto amavano le avrebbe chiesto di sposarlo, e allora s che la loro vita sarebbe cambiata, cambiata davvero. Accanto ad X2 Susan sta ora scendendo la ripida scalinata che porta al bunker dove Ivan Petrovic assieme allinsostituibile curdo sta aspettando per perfezionare laccordo con quello che crede essere un semplice ricercatore americano. John sente decisamente la responsabilit di quel momento e ha altro per la mente che teneri sogni damore. Lui leroe, il buono, Goldrake che ancora una volta dovr salvare la terra dalle cupide mani delle malvagie torme di minidischi del pianeta Vega. Il capo del K.G.B. troneggia tronfio su una lussuosa poltrona di velluto rosso allinterno del bunker stringendo tra le mani, come un moderno faraone, i simboli che incarnano il suo potere assoluto: Falce e Martello. Kemal in piedi al suo fianco, feroce mastino di un altrettanto spietato padrone. - Capo, costui Heinz Kruger, lassistente del professor Von Braun che aspettavamo dallAmerica. - Esordisce Susan, calandosi perfettamente nei panni del suo ruolo di Galina Pavlovna. Petrovic sospettoso ma cordiale Si accomodi, prego fa rivolgendosi al finto assistente. Poi continua Pu dimostrarlo? Lagente X2 esibisce con calma una patente di guida perfettamente falsificata dai tecnici della C.I.A. con le generalit dello scienziato americano. Petrovic la osserva con attenzione, pare convinto. Lei sarebbe in grado di darci informazioni utili sul PILLOLONE ? John Somersault con distacco replica S, purch mi diate subito il compenso pattuito. Il capo si rivolge al curdo indicandogli una valigetta accuratamente sistemata in un angolo della stanza Kemal -. Kemal esegue porgendogli loggetto e raccogliendo dalle sue mani i due scettri che sistema successivamente con cura a fianco del capo su un drappo vermiglio. Il capo con molta calma verifica il contenuto della valigetta, poi la porge a X2 Tenga. -

Il segreto del prof. Von Braun 23 _______________________________________________________________________________

John con altrettanta flemma esegue il suo controllo. Vino, salsicce, insalata.s, c tutto, i russi sono stati di parola: il prezioso compenso completo. Ivan Petrovic nel frattempo deve essersi distratto perch si rivolge allo pseudo dottore americano con un intempestivo Controlli pure. - Mi fido ! - risponde altrettanto distrattamente X2, poi continua Allora quando posso cominciare a lavorare ? Petrovic lo guarda soddisfatto per laccordo concluso Domani stesso Kemal laccompagner ai nostri laboratori. - Grazie. - fa Heinz Kruger congedandosi.

LA STANZETTA BUIA

Kemal in giacca da camera si gingilla comodamente seduto su di un lussuoso divano immerso nellatmosfera orientaleggiante del suo appartamento privato. Tra tappeti, arazzi e antiche scimitarre, mentre nellaria si diffondono effluvi di esotici incensi e musiche evocanti distese sabbiose e luccicanti minareti, aspetta con aria sorniona larrivo di qualcuno. Bussano, il curdo si ricompone velocemente, poi tranquillamente accorda il permesso ad entrare. Avanti. E Galina Pavlovna lospite atteso con tanta dissimulata trepidazione. Galina, elegantissima, si avvicina con passi misurati a Kemal che la osserva cupido arroccato lascivo sul divano. E bellissima, per quanto possibile, e il nero lucido del vestito strettissimo che la fascia una cornice perfetta per le sue forme sinuose e per i suoi capelli corvini che piegati in un invitante carr fanno da sfondo ai suoi occhi profondi e scurissimi. A dispetto dellaspetto invitante Galina per brusca, quasi scortese nel rivolgersi al proprio collega. - Allora, perch mi hai mandato a chiamare? Kemal la fissa spermatico. Galina intuisce ed ben decisa a mantenere le distanze: Kemal sai benissimo che non ho tempo da perdere con te!- Il curdo neanche la ascolta e continuando a fissarla le fa cenno di accomodarsi: Siediti Galina-

Il segreto del prof. Von Braun 24 _______________________________________________________________________________

La ragazza si avvicina ad una delle poltrone che affiancano il divano di Kemal, che fulmineamente le gela il sangue terminando la frase appena iniziata: - ...o ti devo chiamare Susan ? - Lamericana impallidisce. Ti ho visto laltro giorno dentro il laboratorio mentre spiavi i professori, - continua sardonico il curdo e ti ho sentito quando hai chiamato la C.I.A. So bene che quel dottore venuto dallAmerica un agente segreto venuto per riprendersi la formula che io stesso ho rubato al professor Von Braun. Ora chiaro, il sospetto che volontariamente Susan Smith aveva a fatica ricacciato fino a quel momento in fondo ai suoi pensieri trova nelle parole chiare e precise di Kemal una drammatica conferma. La copertura saltata e la missione si avvia a fallire inesorabilmente. Lamericana per non si abbatte. Anni di consumata esperienza gli suggeriscono di non abbandonarsi al panico, almeno non subito. C sempre una terza via, una soluzione praticabile prima che tutto sia irrimediabilmente perduto. Kemal un uomo avido, assetato di potere e forse quella insolita convocazione, quello strano modo dagire non altro che un preludio di una via duscita comunque onorevole. Va bene - fa Susan rompendo il breve e pesantissimo silenzio che aveva fatto seguito al discorso del curdo e adesso che le carte sono scoperte, che cosa devo fare ? Susan ha visto giusto, forse una soluzione c. - Siediti qui.- Kemal le fa cenno con la mano di raggiungerlo sul divano. Senza esitare lagente della C.I.A. si accomoda ma non pu fare a meno di ritrarsi quando il curdo le si accosta tentando di cingerle le spalle con il suo viscido abbraccio. Kemal appare leggermente contrariato dal gesto ma con calma immutata continua: Sai, io non lho ancora rivelato a nessuno, ma se non farai quello che ti dico penso che sar costretto a rivelarlo. - Spiegati. controbatte Susan ormai costretta in un angolo dal fare avvolgente del suo interlocutore. Fa ancora la sostenuta, cerca nonostante tutto di darsi un tono ma sa bene di doversi piegare a qualsiasi richiesta senza poter porre la bench minima condizione. Kemal sorride diabolico cosciente dellimmenso potere che si trova ora a gestire. Sogna questo momento da quando ha incontrato per la prima volta Susan. Forse avrebbe potuto agire diversamente, magari avrebbe potuto cercare di conquistare diversamente lattenzione di quella ragazza dai capelli corvini e dalle forme appetitose ma il suo aspetto torvo, la sua

Il segreto del prof. Von Braun 25 _______________________________________________________________________________

indole infida e strisciante non gli avrebbero mai consentito di chiederle con successo quanto ora si accinge a soffiarle nelle orecchie, certo che mai sarebbe respinto e deriso. Devi venire con me nella stanzetta buia ! Susan ha un sussulto. Era s disposta a tutto, ma giammai avrebbe potuto immaginare che lo spietato orientale potesse spingersi a chiederle tanto. Non puoi chiedermi questo ! - replica rassegnata aggrappandosi allimprobabile speranza di un atto di estrema clemenza. Il curdo per irremovibile: Ne sei costretta - dice non puoi fare altrimenti. - Curdo maledetto! - gli urla la donna mentre Kemal ghignante la stringe ai polsi trascinandola nelloscura e misteriosa stanzetta. La porta si richiude dietro i due mentre unincalzante bolero comincia sinistramente a diffondersi nellappartamento. Pi tardi il solo Kemal a lasciare la stanzetta buia visibilmente accaldato, discinto e laidamente soddisfatto.

K.G.B. 3

Solo allinterno del bunker, Kemal Taskesen ripresosi dalla spossante avventura della stanzetta buia passeggia flemmatico. E solo, Ivan Petrovic stato urgentemente richiamato al Cremlino ed il comando delloperazione Von Braun per il momento affidato alla sua collaudata esperienza. Il curdo si avvicina guardingo al seggio principesco normalmente occupato dal suo diretto superiore e accertatosi dellassenza di occhi indiscreti vi si accomoda assaporando per un istante intensissimo il gusto dolcissimo del potere. Quante volte ha dovuto osservare lespressione che ora dardeggia nei sui occhi sul volto di altri, quante volte ha dovuto ascoltare con sofferta sottomissione quelle parole che avrebbe voluto pi di ogni altra cosa essere lui a dire. Sente ora pi che mai ribollire sotto il suo funereo soprabito la propria sconfinata ambizione troppo frustrata dai tanti anni di sofferta subordinazione. Sente tuttavia che le cose stanno cambiando e che proprio laffare del pillolone potrebbe rappresentare per lui quel biglietto di sola andata per il successo che da tempo affannosamente cercava. Quella poltrona sarebbe stata finalmente

Il segreto del prof. Von Braun 26 _______________________________________________________________________________

sua e a quella molte altre sarebbero seguite portandolo in alto, sempre pi in alto fino Un rumore di passi fa scattare Kemal dal suo seggio dorato. Nel bunker fanno il loro ingresso X2 nelle vesti di Heinz Kruger, assistente del defunto professor Von Braun, accompagnato dalla provata reduce delle inenarrabili vicende della stanzetta buia Galina Pavlovna, alias Susan Smith. Grande la prova che per amore del proprio paese e del proprio uomo lamericana stata chiamata ad affrontare, ma altrettanto grande il vantaggio che con questo immenso sacrificio lei sicura di aver ottenuto. A John non ha detto nulla; gli avrebbe spezzato il cuore ma soprattutto conoscendone il carattere grintoso e sanguigno avrebbe potuto compromettere con conseguenze ben pi disastrose lintera missione. Quanto accaduto nella stanzetta buia sar lunico segreto che avr per il suo John, sar lunica cosa che non avr di lei quando tutto finalmente sar finito. Susan rabbrividisce trovandosi ancora di fronte al suo feroce aguzzino ma dissimula perfettamente la propria tensione rivolgendogli direttamente la parola Il capo ? Kemal sbrigativo nella risposta: Il capo non c oggi. Ha avuto importanti impegni di lavoro. Ci sono io al suo posto. Somersault, ignaro di quanto accaduto tra i due, calandosi ancora perfettamente nel ruolo assegnatogli, interviene discretamente Sono venuto per ultimare alcuni lavori riguardanti il pillolone. - Benissimo esclama Kemal fissandolo ambiguamente il laboratorio gi pronto. Signorina!- conclude il curdo schioccando le dita e materializzando cos dal nulla una procace assistente in camice bianco che efficientemente esordisce: Mi ha chiamato capo ? - Lapparizione lascia interdetti gli astanti mentre Kemal, che in uno dei suoi frequenti deliri di onnipotenza non ha mancato di considerare la propria origine divina, sembra pi che sorpreso divertito da quella improvvisa manifestazione di poteri soprannaturali. Poi, con rinnovata freddezza si rivolge allassistente Accompagni il dottore al laboratorio. Le parole del curdo sono piene di allusivo sarcasmo che tuttavia sembra sfuggire allagente X2, il quale con disarmante fiducia segue la signorina verso luscita secondaria del bunker. Susan non per altrettanto ingenua, ha gi capito tutto ma non pu fare altro che rivolgere

Il segreto del prof. Von Braun 27 _______________________________________________________________________________

il suo sguardo implorante piet verso il cinico orientale. Tutto inutile. Non appena X2 varca la soglia una mano violenta lo afferra per la collottola trascinandolo via. La porta si richiude alle spalle del malcapitato mentre in lontananza risuonano strazianti grida di dolore invocanti aiuto. Kemal ride beffardo, sprofondato nella poltrona accanto al trono del capo che ora sembra molto meno distante. Il sacrificio della stanzetta buia stato totalmente inutile. Il giuramento del curdo: una beffarda e prevedibile menzogna. Susan si sente usata, umiliata, e cedendo sotto linsostenibile senso di colpa che ora la opprime si scaglia accecata dallodio contro Kemal gridandogli: Porco ! Il curdo maledetto para senza difficolt i colpi della povera ragazza immobilizzandole i polsi, poi con in bocca il suo solito, diabolico sorriso la congeda Puoi andare Galina. A capo chino, immersa in un mare di lacrime amarissime Susan si allontana mentre nelle sue orecchie ancora risuona leco delle urla accorate del suo amato John.

C.I.A. 4

Quando linterfono suona Billy Andrix prontissimo a prendere la comunicazione. S, lo faccia entrare. E nervoso, preoccupato. Gli eventi stanno precipitando uscendo fuori dal suo controllo e questo non deve accadere. Deve assolutamente fare qualcosa, qualunque cosa o tutto sar perduto. Sono giorni come questi che gli fanno venir voglia di mollare tutto e di tornarsene a casa, da quella famiglia che non ha mai avuto il tempo, o forse la voglia, di avere. Spazientito dal ritardo si avvia verso la porta del suo ufficio come a voler controllare che il suo agente non si sia perso tra i corridoi del pianerottolo ma, spalancata la porta, ecco che lenorme figura di Bob Marshall gli appare di fronte. Lo slancio preso per bussare gli fa quasi perdere lequilibrio ma, grazie allagilit acquisita in anni di basket, riesce a riprendersi in fretta lasciando per un attimo il suo capo senza parole. Istintivamente Billy Andrix cerca di smuovere quella statica situazione

Il segreto del prof. Von Braun 28 _______________________________________________________________________________

porgendo la mano destra a Bob il quale anticipando il pensiero del capo allunga contemporaneamente la propria. Il fatto che avendo Marshall la destra occupata nel bussare utilizza automaticamente la sinistra e il liscio inevitabile. Accortisi entrambi dellimperfetto sincronismo provano contemporaneamente a rimediare scambiando mano e producendosi in una ennesima cilecca. I due si guardano e il capo quasi divertito batte le proprie mani riaprendole immediatamente in un gesto di disarmata e accondiscendente rassegnazione Marshall, Marsh Bob Marshall, evidentemente equivocando scambia latteggiamento del capo in un fanciullesco invito al gioco Capo !- Anchegli ripete il gesto del capo trascinandolo in un improbabile batti mano al quale Billy Andrix non riesce suo malgrado a sottrarsi. Istupidito dalla reazione del suo agente si lancia in quel gioco idiota fino a quando la coscienza di quella situazione assurda e felliniana non gli regala la pietosa immagine della loro scena riportandolo finalmente alla realt. - Accomodati Marshall, accomodati. sbotta seccato indicando poi una comoda poltroncina di fronte alla scrivania. - Capo e - balbetta Bob visibilmente imbarazzato. Buongiorno capo. Bob a dispetto delle apparenze una persona molto sensibile, con un profondo rispetto per i propri superiori, quasi reverenziale. Questo stato un suo grosso limite sin dai tempi del college. La mancanza di fiducia in se stesso lo ha spesso relegato in secondo piano rispetto ai suoi colleghi; ma nonostante ci, quando Bob in missione il suo io si trasforma e lui diventa una perfetta macchina da guerra. E per questo che nel suo campo considerato uno dei migliori. Billy, capita la situazione e conoscendo ormai alla perfezione il carattere del suo agente, cerca in tutti i modi di metterlo a suo agio. - Sempre uguale Marshall, s, togliti il cappotto. - La ringrazio. replica Bob ormai quasi completamente rinfrancato. - Ma, sempre quegli occhiali da sole Marshall? aggiunge Billy notando che il suo uomo non accenna a mettersi comodo. - Hm, capo ormai solo unabitudine, ma, mi dica piuttosto come se la passa lagente Somersault? Ormai limbarazzo completamente passato, sostituito dal proprio attaccamento al dovere. - Proprio di questo volevo parlarti: lo hanno preso ! Il volto di Billy fatica a mantenere un certo distacco, i sensi di colpa che fino a qualche tempo prima non sapeva neanche cosa fossero, cominciano a farsi sentire. "E

Il segreto del prof. Von Braun 29 _______________________________________________________________________________

tutta colpa mia", sembra voler dire anche se non lo ammetter mai di fronte ad un suo uomo. - No !!! esclama sorpreso Bob; la prima volta che John si lascia sorprendere durante una missione. - S, purtroppo non si sa nulla neanche dellaltro agente: Susan Smith. Ma da altre informazioni presumibilmente lagente X2 dovrebbe essere tenuto prigioniero nella citt di Tura, in URSS. E, a proposito, ho portato questa cartina per farti vedere meglio il posto, ecco Da dietro la scrivania Billy prende unenorme raccoglitore dove sono riportate tutte le mappe dei paesi comunisti ricostruite grazie allaiuto dei satelliti spia. Bob, che nel frattempo si avvicinato al tavolo per vedere meglio, ha scacciato ogni timore e si ormai tuffato a capofitto nella missione. - Dovrebbe essere rinchiuso nella citt di Tura e precisamente nel castello della citt di Tura di cui qui abbiamo riportato la cartina - prosegue Billy Andrix indicando con un tagliacarte la citt sulla cartina. - per arrivarci dovrai guadare il fiume, non utilizzare i ponti. Questa porta, che la porta del passaggio segreto, la troverai aperta imboccata la quale, salita questa scalinata, arriverai praticamente in vista della stanza in cui X2 dovrebbe essere tenuto prigioniero. Da questo punto in poi dipende tutto da te. Bob, che da tempo non si stupisce pi della perfezione tecnica raggiunta dai satelliti spia, d una tirata alla sua sigaretta e lo rassicura: Sar un gioco da ragazzi, capo. Billy soddisfatto; ha fatto bene le sue scelte. - Daltronde sei o non sei luomo dai mille volti? - Hmm !! Annuisce fiero di s Bob Marshall. - Ma comunque, per facilitarti il compito, ti ho portato questa cosettina. Ecco per esempio questa arma segreta. Prosegue Andrix mostrando una scatola di legno che potrebbe benissimo essere una scatola di colori Era la stessa in dotazione allagente X2, ma probabilmente non ha potuto utilizzarla; e in pi ti do questo, apparentemente innocuo giocattolino Gli porge uno Snoopy a corda: unarma micidiale! - ma mi raccomando: portalo sempre con te e utilizzalo. Bob sorride eccitato dalla possibilit di utilizzare unarma cos potente. - E ricorda sempre, Marshall: il K.G.B. come un grande mostro: se gli passi vicino e non lo disturbi, pu darsi che chiuda un occhio e sbuffi e ti

Il segreto del prof. Von Braun 30 _______________________________________________________________________________

lasci andare, ma se lo svegli SI INCAZZA COME UNA BESTIA ! urla Billy facendolo trasalire Capisci, Marshall? - Capisco capo! Daltra parte non siamo nuovi a questi lavori , ma dato che ci troviamo vorrei chiederle una cosa se non - Prego, prego. fa segno di continuare il capo della C.I.A. - Lei non si intende di musica? Lo sguardo di Billy si fa sempre pi sospettoso. No, ma non capisco cosa - si affretta a dire. - No, perch, sa... una mia idea stramba, pensavo che lei suonasse la chitarra! Billy Andrix, ormai sconvolto da questultima affermazione, scoppia in un pianto isterico. No, anche lui no, no, no, no, anche lui la chitarra no, anche lui, anche lui la chitarra no, no- ed esce singhiozzando dalla stanza sotto gli occhi sconcertati di Bob Marshall.

LUOMO DAI MILLEVOLTI

La tensione accumulata durante il colloquio con Billy Andrix non si ancora del tutto allentata quando Bob Marshal entra nel suo appartamento. Fin da quando lo avevano mandato a chiamare aveva avuto il presentimento che qualcosa fosse andato storto ma questo superava anche le sue pi cupe previsioni; John e Susan erano in pericolo, catturati da un nemico perfido e pericoloso che non avrebbe esitato un istante ad ucciderli una volta ottenute le informazioni desiderate. Bob si sentiva molto legato allagente X2. E vero, lo aveva conosciuto solo pochi giorni prima, ma quel periodo cos breve era stato tuttavia sufficiente per farlo affezionare a lui, per considerarlo suo amico, il suo migliore amico. John era lunico nellagenzia a trattarlo come un essere umano, come un uomo di cui ci si pu fidare, e non come un simpatico gorillone senza cervello capace solo di ubbidire agli ordini presi. Per lui avrebbe dato anche la vita se ce ne fosse stato bisogno. Questa missione dunque per Bob la grande occasione, lopportunit di dimostrare finalmente a tutti che lui non il burattino nelle mani di nessuno, che il posto che ora occupa lo ha conquistato sul campo e non grazie alle raccomandazioni, ma soprattutto potr sdebitarsi con John. Questa volta tutti impareranno a rispettare luomo dai millevolti.

Il segreto del prof. Von Braun 31 _______________________________________________________________________________

La sua capacit di camuffarsi affinata in anni di pratica, labilit di assumere in pochi istanti qualsiasi identit, qualsiasi fisionomia, gli permetter di arrivare fino al cuore del potere comunista, fino a quel bunker nella citt di Tura dove da giorni ormai erano rinchiusi John e Susan. Gli basta poco, il tempo di passare dietro al spar, per uscirne fuori totalmente trasformato. Con estrema disinvoltura assume le sembianze pi strane e imprevedibili; in un attimo un emiro arabo con tanto di turbante, subito dopo una bellissima donna in procinto di uscire per una serata mondana. E come se in quella sua abilit ci fosse qualcosa di magico, di misterioso, di sovrannaturale. Non c fisionomia che non riesca ad assumere, non c personaggio che non riesca ad imitare; dal mafioso siciliano dei primi del secolo con limmancabile coppola al grande James Bond nel suo ineccepibile smoking nero, il tutto condito con la sua impareggiabile ironia. Ma ora non pi tempo per gli scherzi; schioccate le dita luomo dai mille volti scompare in una nuvoletta di fumo per ricomparire subito dopo nei panni di un elegante e raffinato playboy dellalta societ. Bob soddisfatto, le sue dita non hanno perso il loro tocco magico. Ora tutto pronto; tremate Russi: Bob sta arrivando.

BOB ALL'ATTACCO

Fedele agli ordini impartiti, Bob Marshall procede all'espugnazione del palazzo-bunker in cui la perfida mano sovietica ha rinchiuso il suo leale collega. Vestito di un'anonima giacca di panno, lo scuzzetto di lana in tinta calzato fin sopra le orecchie, si avvicina guardingo alla sponda del fiume di Tura: fiume che, nel punto sapientemente scelto dall'eroe per il guado, appare poco pi di una miserevole pescolla, ma che in tratti diversi del suo corso ha certamente l'aspetto di un fossato lutulento e insidioso, sul cui letto strisciano immonde creature mordaci. Sfidando il fango e le sabbie mobili con cui l'impervia natura del luogo difende l'antica fortezza zarista, Marshall raggiunge la riva opposta del fiume, ma, come chi sa per consumata esperienza quanto sia rischioso abbandonarsi in missione a prematuri slanci di ottimismo, continua a incedere tra mille prudenze, limitandosi a scalciare qualche tocco di zlla dal carrarmato dei suoi rudi scarponi.

Il segreto del prof. Von Braun 32 _______________________________________________________________________________

Penetrato nei sotterranei del palazzo attraverso il segretissimo passaggio secondario indicatogli da Andrix, Marshall si trova alle prese con un dedalo intricatissimo di corridoi, camminamenti, anditi, anfratti, cunicoli e diramazioni nella cui labirintica planimetria sembra riflettersi la stessa perversione del potere nemico. Auscultando con fine sesto senso ogni porta, ogni accesso laterale dei grigi corridoi, rischiando la follia nell'eterno ripercorrere i medesimi bracci del tortuosissimo groviglio architettonico, l'agente riesce infine a scovare una via, una via che riducendosi in un angusto camminamento cieco termina a ridosso di una paratia d'acciaio. Vi si accosta con passo felpato, perch l dietro, ne sicuro, segregato il suo amico.

LA TORTURA

Al centro della squallida stanza dalle pareti imbiancate campeggiano orrendi strumenti di tortura, tra cui un sarracco e un serricchio appoggiati a un ceppo d'albero, ceppo d'albero che reca esso stesso i segni di qualche incontrollato accesso di brutalit. A ridosso del muro di fondo, seduto su una panca, con una pesante palla al piede e i polsi incatenati alla parete, giace stremato l'agente X2: il volto pesto e la maglietta lacera lasciano intuire le inumane sevizie cui gi stato sottoposto. Ma il peggio deve ancora arrivare. Come una bestia feroce che ha fiutato l'odore del sangue e gi pregusta lo scempio della preda ferita, entra nella stanza Volkov Adrian Markovich Fedor Grigor'evich, lo spietato torturatore del K.G.B. deviato. Ha il volto prognato e il cranio piriforme del degenerato, la postura cifotica del subumano che ha trascorso forse l'intera esistenza nel chiuso delle segrete nutrendosi soltanto del dolore altrui. La calzamaglia aderente di lycra, tenuta su da un paio di bretelle nere, e lo sguardo lascivo vomitato dagli occhi abbottati sono segni inequivocabili di una sessualit conculcata. - Bene - esordisce insinuante, avvicinandosi a Somersault e incombendogli sul viso, - ci rivediamo signor X2, americano ! - E d appena un assaggio della sua cieca violenza lasciando partire una gragnuola di pugni al torace. La sua voce di maniaco strisciante.

Il segreto del prof. Von Braun 33 _______________________________________________________________________________

- Allora ? Non lo sai che chi fa la spia non figlio di Maria ? Eh ? Ho conosciuto tuo zio Carter, Regan... e allora ? Adesso.... aspetta. Adesso ti dar tante di quelle botte che te la farai sotto, per cui ti metto la padella. Queste parole, che gettano una luce sinistra su un vissuto lancinante fatto di repressioni clericali, di umiliazioni infantili e di una abominevole ignoranza in fatto di politica, gettano X2 nel terrore pi fondo; ma l'eroico paladino della libert occidentale non cede, e bench esausto, tenta di reagire quando Volkov, ghignando, gli infila la padella sotto il sedere e gli rifila un'altra dose di pugni. La reazione, tuttavia, non fa che attizzare il sadismo di Volkov Bene ! Reagisci ? Ma non lo sai chi sono io, eh? Adesso lo sentirai tra poco. Iniziamo con questa bevanda che ti far calmare un pochetto... Pi che le minacce esplicite sono adesso le inumane costruzioni logicosintattiche del carnefice (sintomo di una fanciullezza negata all'istruzione) a spaventare X2. Con le movenze rallentate del sado-masochista efferato Volkov appresta un mefitico intruglio in un boccione corredato di imbuto, e, sferrando un sinistro al fegato con tanto di urlo ferino UAH ! -, obbliga X2 a bere - Bevi, apri la bocca! Buonissima, eh ? Poi, guardando la bottiglia con un ghigno soddisfatto, rimette da parte l'intruglio. - Com' ? Com' ? - domanda sarcastico mentre mena un'altra raffica di pugni. Sempre pi divertito prosegue - Vediamo che cosa posso provare... La sega ! - e alza il dito come chi ha avuto un'idea brillante. - Cominciamo dalle parti basse ? Ah, stai fermo ! E con la sega, oggetto che risveglia prepotentemente nella sua mente malata i ricordi tormentati delle sue frustrazioni sessuali, si accanisce malignamente sulle gambe della vittima producendo uno stridore agghiacciante di ossa limate. X2 grida penosamente. Allora Volkov posa la sega e prende un paio di molle da caminetto. Nel gesto si staglia il profilo camuso del subnormale, distorto in una smorfia deforme dal suo ghigno satanico persistente. Quindi, cattivo come una suocera e frustrato come una vecchia zitella, acchiappa con le molle il naso di X2 e lo torce tra le urla disperate della vittima, rivivendo cos in maniera morbosa gli incubi della sua sessualit tarpata - Muori, soffri, godi, troia ! - gli urla infatti in faccia raggiungendo una parvenza d'orgasmo. L'agente X2, pur sfinito, tenta le estreme, deboli reazioni.

Il segreto del prof. Von Braun 34 _______________________________________________________________________________

- Stai fermo - ordina Volkov svociato - stai fermo, stai fermo ho detto. Non lo sai che sono Volkov Adrian Markovich Fedor Grigo'evich? Sai chi sono io ? Hai sentito chi sono, maledetto americano bastardo ? X2 ha sentito, anche se il suo nemico si impiccato nel pronunciare il proprio nome, e questa affermazione di s, fatta con frasi sconnesse e logicamente incoerenti sputate in faccia da vicino, suscita l'eroico orgoglio nazionale di X2. - Sporchi russi.... - sussurra l'agente. Nella mente binaria di Volkov, la crudelt si rinfocola con l'odio partigiano instillato dal sistema. - Sporchi russi ?!?!? - ripete minaccioso e, deposte le molle, inizia a frustare selvaggiamente la vittima con un tralcio di salice. - Adesso - prosegue tronfio impugnando un falcetto da contadino - ti lancer ehm lascer un po' di incisioni, un po' di stemmi russi, maledetto carteriano.- E trafigge cruentemente X2 all'addome. L'americano urla come un ossesso e, finalmente, sviene. Volkov rimette a terra il falcetto col suo ghigno irremovibile da apoplettico e, maligno come un nano, frusta ancora X2. Poi posa anche la frusta. Si vede che stanco. Il delirio orgiastico si sta esaurendo nella vuota quiescenza dello schizofrenico. Forse infierire su un corpo insensibile non gli d gusto. Spicca dal muro una delle manette e adagia X2 sulla panca. Ma qualcosa nei recessi della sua anima inquieta lo pungola ancora. - Vediamo se finge - insinua con perversione. Torce il naso a X2 con un lungo paio di tenaglie: X2 in un attimo di semi-coscienza reagisce con un calcione a gambe unite chiaramente mirante ai coglioni, al che Volkov, felice dell'occasione offertagli, lo frusta di nuovo, e di nuovo gli tormenta l'addome con la sega. Poi si aggira incerto per la stanza, quasi rammaricato di aver quasi esaurito le proprie risorse. - Vediamo un po' che cos'altro posso prendere. Maledetto carteriano... Afferra un punteruolo dalla lunga immanicatura in legno di abete, lo ammira rapito, nuovamente avido di sangue, e con esso infligge dei colpi atroci all'addome dell'agente. - Un altro po' di bevanda, eh ? Ci mettiamo anche questi sementi. Prende la bottiglia precedentemente accantonata e arricchisce il liquame con della misteriosa granaglia; agita il composto con perizia alchimistica e d nuovamente di piglio all'imbuto.

Il segreto del prof. Von Braun 35 _______________________________________________________________________________

- Bevi - intima al malcapitato - stai fermo ! Come sono ? Senza attendere risposta, torna a posare la bottiglia con aperta soddisfazione per la propria ferocia. - Perch volevi... - Si interrompe e, tanto per gradire, d ancora un po' di btte, poi prosegue. - ...volevi rubare la formula, eh? - domanda incombendo, brutto e odioso, sul povero cristo. Naturalmente il riferimento alla giustificazione politica del suo operato solo un atomo senza senso che rotola nel buio cosmico della sua psiche malata. Il vero movente rimane la sua inesausta sete di sangue. - Ti sei intrufolato ne le..... stai fermo. No reagireScarica un'ultima salva di scudisciate sull'ormai flagellato X2; quindi getta via la frusta. L'opera pu dirsi compiuta: rimirando pago le proprie mani di boia con gli occhi divergenti del maniaco, esce in dissolvenza di scena, brutto come il debito e perfido come un demonio. Ancora una volta il male ha trionfato.

LIBERTA'

Quando Bob Marshall entra nella stanza del martirio, Volkov ha appena terminato il suo scempio ed andato altrove a cullare la sua gioia perversa. - John ! - esclama Bob sconvolto nel vedere l'amico devastato, riverso quasi esanime sul palancato di legno. - Basta, basta ! - grida X2 credendo, nel suo stato confusionale, che l'incubo stia per ricominciare. Bob lo chiama ancora, cercando di rianimarlo - John ! Ma l'agente rimane sotto l'effetto del terribile trauma - Basta, basta ! continua a implorare verso quello che crede essere il suo carnefice. - John.. sono Bob, John - insiste l'altro scuotendolo. Finalmente il suono della voce amica riesce a sottrarre X2 alle ragnatele della sua allucinazione: - Bob, grazie a Dio ! - Ti hanno conciato piuttosto male vedo. - osserva Bob con virile distacco mentre aiuta il compagno a liberarsi i polsi. In quella, richiamato dal confabulare dei due agenti, il sanguinario Volkov rientra nella stanza e, armato di un'ascia (attrezzo inedito che nel

Il segreto del prof. Von Braun 36 _______________________________________________________________________________

frattempo si procurato per rimpolpare il suo sempre pi variegato strumentario di orrori), si avventa proditoriamente su Bob Marshall. - Attento ! - lo ammonisce l'amico salvandogli cos la vita (debito che Bob sar pi tardi pronto a saldare): voltatosi con rapidit felina, Bob riesce ad intercettare l'offensiva del sanguinario ma alquanto goffo Volkov, parandone il mortale fendente e respingendolo con un gancio alla mascella. Per qualche interminabile secondo i due nemici, polarmente opposti da un abissale divario ideologico e morale, si affrontano incerti sul da farsi; quindi Bob, evidentemente ritenendo che il suo avversario, vuoi per lo stordimento vuoi per l'accesso di un'improvvisa crisi catatonica, sia quanto basta fuori gioco, torna a sciogliere le manette di Somersault. - Finiscilo ! - intima con voce impietosa X2. - Non c tempo - risponde K2 mostrando una poco saggia precipitazione, dovuta forse ad un leggero insinuarsi del panico nel suo animo di soldato. Volkov, ripresosi dalla sua momentanea impasse, torna improvvisamente alla carica brandendo l'accetta. - Finiscilo ! - urla nuovamente X2, stavolta con perentoria decisione. Con abile tecnica difensiva Bob respinge nuovamente l'attacco: scaraventato violentemente verso il muro, il bieco torturatore perde l'equilibrio e, cadendo di peso su uno dei suoi pi acuminati arnesi da sevizia, si procura una ferita letale. Bob lo osserva incredulo mentre si accascia esanime nella pozza del suo stesso sangue, sbigottito che per una qualche forma di altissima giustizia siano state le stesse armi della sua crudelt a decretarne la fine, risparmiando all'eroe giusto e positivo il compito di sporcarsi le mani con un essere cos abbietto. - Oh! E' morto ! - osserva interdetto. - Bastardo ! - E morto ! Oh Ooohh morto ! - ribadisce Bob decisamente sorpreso dalla spontaneit di quella auto-eliminazione. X2, colmo d'odio, non spreca invece la minima attenzione per la morte, sia pur singolare, del verme che lo ha straziato. - Ma come hanno fatto a prenderti ? - domanda Bob tornando finalmente ad occuparsi di questioni pratiche e finendo di liberare X2 dai ceppi. - E una lunga storia, dopo ti racconter. -

Il segreto del prof. Von Braun 37 _______________________________________________________________________________

Seppellendo la sua legittima curiosit sotto l'impellenza del momento, Bob Marshall solleva di peso l'amico malconcio, e traboccante di eroica risolutezza yankee, gli sussurra uscendo dalla sordida prigione - Vieni John, torniamo a casa ! -

LA FUGA

Bob Marshall e l'agente Somersault, ripresosi a tempo di record dal tremendo shock e gi rivestitosi di tutto punto, sono all'esterno della fortezza. Con loro c' Susan, anche lei coraggiosamente sopravvissuta agli abusi dell'infido Kemal. Il pillolone, sottratto alle brame degli scienziati sovietici e ora custodito amorevolmente da Susan, vistosamente cresciuto in diametro e spessore rispetto al momento della sua creazione, ma per i tre fuggitivi questo , al momento, l'ultimo dei problemi. Con il missione qualcosa cadavere salvataggio dei due compagni e con il recupero del pillolone la di Bob sembrerebbe infatti felicemente conclusa, eppure andato storto: forse qualcuno ha scoperto anzitempo il di Volkov riverso nella sua officina di strazi, forse il ricercatore

di turno ha rilevato la scomparsa del pillolone e ha sbito messo il palazzo in allarme. Qualunque sia stato il rovescio con cui la sorte ha deciso di farsi beffa del loro piano, ora i tre agenti trovano l'intero corpo di vigilanza del castello di Tura ad attenderli al varco. - Presto !! - sta ancora incitando Bob quando gli scagnozzi nemici, armi in pugno, piombano su di loro da un'altura. - Fermo o sparo - intima il capo della guarnigione spianando il revolver vi abbiamo presi maledetti !Ma i nostri non sono tipi da arrendersi tanto facilmente. Gettatisi al riparo di un muretto, aprono impavidamente il fuoco contro gli agenti russi. I russi rispondono con prontezza. In pochi istanti un'orgia di proiettili che fendono l'aria, esplosi da entrambe le parti con colpi ovattati attraverso i silenziatori delle armi automatiche. In tre contro decine di uomini, Bob, Somersault e Susan sanno di non poter reggere a lungo, e strisciando lungo il muro cercano scampo nella fuga attraverso le lande circostanti. La guarnigione sovietica si getta al loro inseguimento: in testa c' il capo del K.G.B. in persona, cui fa seguito un gruppo eterogeneo di vocianti agenti speciali, evidentemente messi in subbuglio dalla inattesa tenacia con cui i tre americani resistono alla loro offensiva.

Il segreto del prof. Von Braun 38 _______________________________________________________________________________

A una certa distanza dal gruppo, col passo felpato e l'aria vigile della spia che lavora da sola, il viscido Kemal batte la tundra con metodo, deciso a scovare i fuggiaschi senza dover condividere con altri il merito della cattura e soprattutto la gioia dell'uccisione. Cappotto di pelle e occhiali scuri sul viso, scruta gli orizzonti da sotto la tesa del suo cappello da gangster. I tre agenti vendono cara le pelle: hanno il fiato dei Russi sul collo e il piombo nemico che sibila a un passo da loro mentre la ghenga schiamazzante li insegue da presso. A una certa distanza dal gruppo, gli occhi due scanner e il naso da segugio, lo spregevole Kemal occhieggia da sotto la falda del suo sombrero in cerca di vendetta. Il cuore degli agenti americani comincia a picchiare nella disperazione della fuga senza quartiere, mentre i Russi, in una ridda di grida incomprensibili, guadagnano terreno. A una certa distanza dal gruppo, con passo felino e il sesto senso allo spasimo, lo schifoso Kemal dardeggia lampi d'odio da dietro gli occhiali da sole e da sotto il lembo rigido del suo cappello da esploratore. Schermandosi il capo con le mani nel tentativo irrazionale di deviare le micidiali pallottole sovietiche, i nostri continuano a correre sull'arido suolo siberiano, e sempre pi vicini, sempre pi inutilmente clamorosi, i Russi macinano la campagna. A una certa distanza dal gruppo, fiammeggiante di rancore e di ambizione, il turpe Kemal si aggira quatto con in testa la sua bombetta nera. Finalmente, con abile diversione, gli agenti americani riescono a stravolgere la situazione comparendo a sorpresa alle spalle dei loro inseguitori. C' solo il tempo per un colpo di pistola ben mirato, dopodich i russi realizzano il paradosso della loro posizione e invertono la marcia tornando a inseguire gli avversari come Cristo comanda. Ma il disorientamento ha gi perturbato la geometrica organizzazione della guarnigione nemica: ben presto gli agenti sovietici devono arrendersi alla cocente evidenza di essere stati seminati. - Ce labbiamo fatta - sospira Bob. Lui e i suoi sono riusciti a depistare i russi e la salvezza ormai a portata di mano. La Cinquecento di Somersault li attende tutti e tre per un felice rientro alla base. Anche X2 apre il cuore alla soddisfazione per il buon esito dell'impresa ed esclama Vai ! -

Il segreto del prof. Von Braun 39 _______________________________________________________________________________

Ma ecco che lo sportello della Cinquecento si apre e, con movenza plateale, dall'abitacolo esce Kemal: il suo personale metodo di ricerca ha prevalso su tutti gli sforzi elusivi dei nostri e sulle capacit tattiche dei suoi pur addestratissimi compagni. - Pensavate di farcela sogghigna - ma io sono troppo furbo ! Vi uccider tutti, cominciando da lui ! La tragedia si consuma in poche frazioni di secondo: Kemal punta la pistola contro X2, suo nemico giurato, ed esplode un colpo. Somersault paralizzato dalla sorpresa, ma Susan, mossa a un intervento disperato dal suo profondo amore per l'agente, grida NO ! - e si pone sulla traiettoria del proiettile restandone mortalmente colpita. X2 sconvolto mentre Susan, a cui deve la vita, gli scivola esanime tra le braccia, e mentre Bob, sfoderata l'arma, fredda a sua volta il curdo maledetto. Sulle note di "Take my breath away" dei Berlin, Kemal si accascia lentamente dietro lo sportello della Cinquecento, dando l'estremo addio alla sua vita da reprobo irredento con la perfida gioia di aver trascinato qualcuno all'inferno con s. X2 guarda impietrito Susan pregando che tutto questo non sia vero e sussurrando incredulo - No... - Intanto all'orizzonte ricompare il manipolo degli agenti russi. - Su, John ! - grida Bob pieno di realismo strattonando il compagno, anche se il suo cuore dilaniato dalla scena commovente dell'amico che assiste in lacrime alla morte del suo amore - John, ormai stanno arrivando. Presto, muoviti John !!! Somersault sembra ormai disinteressato all'incolumit personale, e pensa solo a Susan, spoglia inanimata in cui ravvisa ancora il riflesso evanescente della sua segreta passione -Portiamola via. - No, non possiamo - gli urla Bob cercando di trascinarlo via - non c pi tempo, sbrigati. E improvvisamente una morsa di dolore gli avvinghia una gamba. Evidentemente stato raggiunto da una pallottola nemica AAAH !!!! geme - devo essere ferito. Scappa tu, scappa, scappa. Ti copro le spalle ! E offrendo generosamente la propria vita per salvare l'amico si asserraglia a ridosso di un muro aprendo il fuoco contro i nemici sempre pi vicini. Somersault raccoglie il pillolone e sale in macchina facendo appello a tutto il suo coraggio: gi sa che una parte del suo cuore rester per sempre l, sull'asfalto di quella strada dell'entroterra sovietico dove l'unica donna che abbia mai amato scolora lentamente in una pozza di sangue.

Il segreto del prof. Von Braun 40 _______________________________________________________________________________

- John scappa ! - grida Bob nella speranza che lo sbigottimento dell'amico non renda vano almeno questo suo estremo, eroico gesto. - Bob, vieni ! - dice Somersault avviando il motore. - No ti copro ! A questo punto X2 capisce che tutto finito. Blinda la sua anima straziata alle voci imploranti della propria umanit che vorrebbero resuscitare Susan, che vorrebbero salvare Bob a qualsiasi prezzo. Ricorda la fedelt giurata alla bandiera e alla sicurezza nazionale: la formula che ha in tasca e la misteriosa pillola recuperata dalle grinfie del comunismo reale sono ben pi importanti per il mondo di quanto non lo siano i suoi sentimenti individuali. Ingrana la marcia e parte alla volta dell'occidente divorando la strada sotto le raffiche dei nemici ormai giunti a pochi passi da lui.

C.I.A. 5

Il ritmico tamburellare della ormai consunta palla da baseball risuona tra le pareti dellufficio. Billy teso, nervoso, preoccupato per la sorte dei suoi agenti dei quali non ha pi notizie da diversi giorni; da quando anche Bob partito. Improvvisamente, mentre tristi presagi cominciano ad affacciarsi nella mente del capo della C.I.A., la porta si apre mostrando unenorme pillola trascinata a fatica dallagente X2. - Somersault! Som - Esclama Andrix sorpreso, ma non di meno felice, nel vedere il suo uomo sano e salvo. John attraversa carponi la soglia; stremato dal lungo viaggio; da quando ha lasciato il bunker sotterraneo del KGB non si concesso un attimo di riposo. Era di fondamentale importanza consegnare la pillola e la formula il pi presto possibile ai cervelloni della scientifica per effettuare tutte le analisi necessarie. La pillola stava infatti rapidamente mutando, aumentando di dimensioni. Evidentemente gli scienziati russi dovevano aver sbagliato qualcosa, interpretato male i caotici appunti del professor Von Braun, perch ora la pillola era pi simile ad una ruota di carro che a una pasticca; inoltre il profumo di pizza che spandeva per tutto labitacolo aveva qualcosa di inquietante.

Il segreto del prof. Von Braun 41 _______________________________________________________________________________

- Capo, ce lho fatta ! Si affretta a dire John dopo aver accuratamente poggiato a terra il pillolone. Per nulla meravigliato da quella mostruosa visione, solo ora Billy si rende conto che John solo. Somersault gli altri ? chiede dunque preoccupato per la sorte degli altri agenti. - Non ce lhanno fatta ! - No !! Esclama il capo sconvolto. - Susan morta poca prima di entrare in macchina - No, no.. Billy Andrix sempre pi confuso. - Bob era ferito e ha preferito coprirmi le spalle. Billy, che ha ormai accusato il colpo, si accascia sulla poltrona portandosi le mani al volto nellestremo tentativo di arginare le lacrime che usciranno da un momento allaltro. Mai avrebbe immaginato che due dei suoi migliori elementi non avrebbero fatto ritorno a casa da una missione. - Se ne vanno sempre i migliori ! mormora poi, ormai sconsolato. Non pi la granitica figura che era una volta, un esempio per tutti gli agenti. La sua ferma determinazione, il suo coraggio, la sua spavalderia sono scomparsi, crollati sotto i colpi degli ultimi avvenimenti. Ora pi che mai vorrebbe non aver mai mandato i suoi uomini in quella maledetta missione. - Comunque, capo, per fortuna ho con me la formula cerca di cambiare argomento lagente Somersault temendo che il suo capo non regga alla tensione accumulata. Billy Andrix allunga la mano per prendere il foglietto che nel frattempo John si tolto di tasca. Ah, almeno - Mormora con poca convinzione osservandolo attentamente, rigirandolo pi volte su se stesso come se non riuscisse a decifrare le scritte e i simboli che vi sono riportati. Poi sempre pi scettico, cercando conferma dal suo agente: Ma sei sicuro ? - S ! Ribatte John tornando con la memoria al momento della fuga. Lho presa dal laboratorio - dei russi. lo interrompe il capo scrutando con attenzione quel foglietto tutto spiegazzato. - Sc.. ! John sa che non possono esserci errori; la formula deve assolutamente essere quella. Billy per, per nulla rinfrancato da questultima assicurazione, continua ad esaminare la formula. Ma mi sembra la lista di una spesa ! -

Il segreto del prof. Von Braun 42 _______________________________________________________________________________

I due si guardano in faccia per un istante; poi, allunisono, si girano verso il pillolone come folgorati da unilluminazione divina : - NO ! Tutto questo per una lista di spesa !!! - Susan - e Bob ! Ormai non ci sono pi dubbi; quella che il K.G.B. ha sottratto non la vera formula del professor Von Braun ma la sua lista della spesa. Evidentemente Kemal Taskesen nella fretta di compiere il suo sporco lavoro si confuso, scambiando il promemoria del professore per la sua formula. O forse pi semplicemente la formula non era neanche sul tavolo quando il curdo maledetto entrato nella stanza; probabilmente Von Braun lha dimenticata nel suo studio come sempre pi spesso gli capitava con le cose importanti. I due uomini sono rimasti senza parole. Questa scoperta li ha lasciati basiti, confusi; in un attimo gli scorrono davanti gli ultimi drammatici avvenimenti. Vorrebbero poter fare qualcosa, tornare indietro nel tempo, ma ormai troppo tardi. John sa che niente gli ridar la sua Susan. Poi qualcosa lo distrae dai suoi tristi pensieri; la sua missione non ancora conclusa. Con un balzo si precipita fuori dallufficio, come se avesse scordato qualcosa di vitale importanza. Capo ho una cosa per lei, glielavevo promesso - fa rientrando subito dopo con una chitarra al collo. - la chitarra dalla Russia !! Pur in quei concitati momenti John non aveva scordato la sua promessa ed ora, con il sorriso sulle labbra, aspettava la sua ricompensa. Billy alla vista della chitarra diventa pallido, lo sguardo gli si fa fisso nel vuoto, una valanga di tic lo assale : - la chitarra la chitarra la chitarra - continua a balbettare mentre, ormai preda di una fortissima crisi isterica, esce saltellando dallufficio, lasciando X2 nella sua triste solitudine.

EPILOGO

Sono passati alcuni mesi dai fatti di Russia, quei fatti cos difficili da dimenticare. Seduto al tavolo del locale con aria assorta, la cravatta scura trasandatamente allentata e le maniche della camicia arrotolate sui polsi, Somersault un uomo distrutto. Dietro le lenti dei Rayban nasconde gli

Il segreto del prof. Von Braun 43 _______________________________________________________________________________

occhi gonfi d'alcool e di lacrime versate. Il dolore per la morte di Susan, per la sorte incerta del suo carissimo amico pulsa ancora acerbo nel profondo del suo cuore, come lo spasimo di una frattura insanabile che impedir per sempre il suo futuro cammino. - Cameriere unaltra! - ordina versandosi il fondo dell'ennesima birra mentre una musica soffusa circola nella stanza. Dall'ingresso risuona un lento calpestare di zoccoli, ed ecco che entra nel locale un hippy sciattissimo nelle sue calzature da spiaggia, nel suo variopinto camicione di lana, nei suoi lunghi capelli spettinati. Ha una chitarra poggiata sulla spalla. Ha una palla da baseball bisunta da far rimbalzare per gioco sul pavimento. Attraversa il locale con incedere strascicato, con lo sguardo assente di chi ha perso il contatto con il mondo reale. E' quella palla da baseball, il tamburellare cos familiare di quella lercia palla da baseball a catturare l'attenzione di Somersault. L'ex-agente scruta l'individuo da sopra gli occhiali e, incredulo, lo riconosce. - Capo! Ma l'estraneo rotea la testa in vano, sospeso nel suo limbo di narcosi. - Capo! Capo! - insiste Somersault. Finalmente quello che un tempo era stato il brillante comandante dei servizi segreti americani recupera un barlume di coscienza. - Somersault!-. - Capo, come si ridotto? - Eh, una lunga storia! Sai, mi scambiavate sempre per Jimmy Hendrix, tutti mi scambiavano sempre per Jimmy Hendrix, ma io ero Billy Andrix. Somersault colmo di piet: - Prego si sieda -. - La ringrazio, Somersault -. - Questo posto doveva essere di Susan - Eh, certo... - commenta Andrix sedendosi - Sai, ti dicevo, sono impazzito per questo, mi scambiavate tutti, non sapevo nulla di musica Adesso invece, ritiratomi dal lavoro-. Accenna uno sgangherato accordo di chitarra. - Non si preoccupi - tenta di rincuorarlo Somersault - Anchio... - Il nostro lavoro crudele- Non ne voglio pi sapere di questa storia - taglia corto Somersault, al quale il solo ricordo della militanza presso la C.I.A. rinfocola tremende sofferenze.

Il segreto del prof. Von Braun 44 _______________________________________________________________________________

- ...pieno di morti - continua Andrix perso nella vacuit della sua mente lesa. - Eh certo, ti dicevo, guarda, adesso suono veramente la chitarra S, proprio quella che mi hai portato tu dalla Russia - Almeno qualcosa rimasto - osserva Somersault con un sorriso amaro. - Eh, certo... - commenta per l'ennesima volta l'altro. - Comunque con il pillolone abbiamo risolto molti problemi. - S? Ma... - La fame nel mondo... - S? - S! - La fame nel mondo?! - domanda Billy sorpreso in cerca di maggiori ragguagli. - Continua a crescere, il pillolone. Sa di pizza! - Oh, certo. - Continua a diventare sempre pi grande ! - Eh, ma almeno abbiamo fatto una buona azione. Sai, fare buone azioni una gran cosa. Lo diceva sempre lu compare meu! - Ha proprio ragione - commenta Somersault colpito dalla puntualit di questa citazione di saggezza popolare. Poi un dubbio lo investe irresistibilmente: - Ma capo- S? - Ma- fa per dire Somersault. - Non mi chiamare pi capo, Somersault... - inteviene l'altro - ehm... non lo posso pi sentire. Chiamami semplicemente Billy. - Billy, ma... il compare suo e il Padrino sono la stessa cosa? Un incredibile colpo di scena fornisce la risposta all'inquietante interrogativo posto dall'ex-agente: all'improvviso un lampo di luce dal sapore epifanico inonda la stanza. La figura che sino ad allora era rimasta nascosta dietro un giornale in un angolo del locale si rivela allo sguardo dei due nelle sembianze del Padrino parte 1. Non si sa chi sia veramente. La possibilit che si tratti di Bob redivivo resta sospesa nell'atmosfera congelata del pub, come l'istante interminabile di un contraccolpo sistolico nel petto dei protagonisti. Daltra parte il rimpianto agente K2 era o non era luomo dai mille volti? Deposto con cura il quotidiano, scolpito dalla luce radente della sua aura di mistero, il fantomatico personaggio snocciola con inconfondibile accento siculo e con la voce abrasiva del memorabile Marlon Brando di

Il segreto del prof. Von Braun 45 _______________________________________________________________________________

Coppola la sua somma verit; una verit nel cui alto valore metaforico John e Billy cercheranno per sempre il significato ultimo delle loro esistenze spezzate: - Il Padrino sono solo io! E mentre i tre eroi campeggiano grandiosi sulla scena, muti protagonisti di un evento-simbolo che trascende la loro funzione narrativa sconfinando nel metalinguismo filmico, la colonna sonora del film "Il padrino" congeda l'avventura e le sue maschere, trascorrendo indolore nella sigla di coda.

FINE

Questopera rilasciata con licenza Creative Commons AttribuzioneNon Commerciale-Non Opere Derivate. Per il testo integrale della licenza si veda: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/it/legalcode