Sei sulla pagina 1di 74

FISICA DEL CONTINUO

DIELETTRICO ED ELASTICO
S. Sanguinetti - 2008

Corso di Laurea in Scienza dei Materiali

U NIVERSIT À DEGLI S TUDI DI M ILANO B ICOCCA


8 aprile 2008

Questa dispensa 1 contiene gli appunti del corso da me tenuto di Fisica del Continuo
Dielettrico ed Elastico presso il Corso di Laurea in Scienza dei Materiali - Università
degli Studi di Milano Bicocca nell’a.a. 2004-2008. Essa non vuole essere la dispensa
ufficiale del corso (il testo di rifermento è il libro di Y. K. Lim) ma piuttosto un
sintetico sommario degli argomenti trattati.
Ringrazio sentitamente Roberto Bergamaschini per l’aiuto fornito nella stesura di
questi appunti.

Stefano Sanguinetti

Le informazioni contenute sono ricavate dagli appunti delle lezioni e dai seguenti libri:

• Introduction To Classical Electrodynamics - Y. K. Lim - World Scientific


(Singapore - 1986)

• A student’s Guide To Fourier Transforms - J. F. James - Cambridge University


Press (Cambridge, USA - 1995)

• Electromagnetic Field Theory - B. Thidé - Upsilon Books (Uppsala, Sweden -


2004)

• Elettrodinamica Classica - J. D. Jackson - Zanichelli (Bologna, Italy - 1984)

• Elettromagnetismo - P. Caldirola, M. Fontanesi e E. Sindoni - Masson Italia


(Milano, Italy - 1978)

Per osservazioni e correzioni scrivere a: stefano.sanguinetti@unimib.it

In copertina: Campo elettrico irraggiato da un’antenna.

1 Copyright (C) 2006,2008 Stefano Sanguinetti. Questa dispensa è in libera distribuzione solo per gli

studenti del CdL in Scienza dei Materiali dell’Università di Milano Bicocca come supporto al corso. Per
qualsiasi altro uso contattare l’autore.
Indice

1 Elettrodinamica Classica 5
1.1 Elettrostatica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
1.1.1 Campo elettrico E . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
1.1.2 Potenziale elettrostatico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
1.1.3 Conservatività del campo elettrostatico . . . . . . . . . . . . 9
1.1.4 Teorema di Gauss . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
1.1.5 Campi elettrici nei materiali . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
1.1.6 Vettore spostamento elettrico D . . . . . . . . . . . . . . . . 13
1.2 Magnetostatica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
1.2.1 Corrente elettrica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
1.2.2 Induzione magnetica B . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
1.2.3 Calcolo della divergenza di B . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
1.2.4 Legge di Ampère e non conservatività di B . . . . . . . . . . 19
1.2.5 Magnetizzazione M . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
1.2.6 Intensità magnetica H . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
1.3 Elettrodinamica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
1.3.1 Corrente di spostamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
1.3.2 Legge di induzione di Faraday-Lenz . . . . . . . . . . . . . . 26

2 Equazioni di Maxwell 27
2.1 Equazioni di Maxwell . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
2.1.1 Equazioni di Maxwell nel vuoto . . . . . . . . . . . . . . . . 27
2.1.2 Equazioni di Maxwell nella materia . . . . . . . . . . . . . . 28
2.1.3 Equazioni di Maxwell in forma integrale . . . . . . . . . . . 29
2.1.4 Equazioni di Maxwell in mezzi omogenei, isotropi e lineari . 30
2.2 Condizioni al contorno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
2.2.1 Induzione magnetica B . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
2.2.2 Spostamento elettrico D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
2.2.3 Intensità elettrica E . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
2.2.4 Intensità magnetica H . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
2.3 Potenziali vettore e scalare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
2.3.1 Potenziali vettore A e scalare φ . . . . . . . . . . . . . . . . 35
2.3.2 Trasformazioni di gauge . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
2.4 Teorema di Poynting . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39

3
4 INDICE

3 Onde elettromagnetiche 41
3.1 Equazioni delle onde elettromagnetiche . . . . . . . . . . . . . . . . 41
3.1.1 Onde elettromagnetiche piane . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
3.2 Teorema di Fourier . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
3.2.1 Sintesi di Fourier . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
3.2.2 Analisi di Fourier . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
3.2.3 Rappresentazione in forma complessa . . . . . . . . . . . . . 51
3.2.4 Trasformata di Fourier . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52
3.3 Analisi di Fourier di onde elettromagnetiche . . . . . . . . . . . . . . 54
3.3.1 Sovrapposizione di onde elettromagnetiche . . . . . . . . . . 55
3.3.2 Equazione d’onda in forma vettoriale . . . . . . . . . . . . . 57
3.4 Fenomeni di riflessione e rifrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
3.4.1 Leggi di Snell . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
3.4.2 Leggi di Fresnel . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61

A Operazioni sui campi vettoriali 67


A.1 Integrali di linea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67
A.2 Integrali di superficie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68

B Operatori differenziali 69
B.1 Gradiente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
B.2 Rotore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
B.3 Divergenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70
B.4 Laplaciano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70
B.5 Proprietà degli operatori differenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70
B.6 Combinazioni di operatori differenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . 71
B.6.1 Rotore di un gradiente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71
B.6.2 Divergenza di un rotore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71
B.6.3 Rotore di un rotore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72

C Teoremi sui campi vettoriali 73


C.1 Teorema fondamentale del calcolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73
C.2 Teorema di Stokes . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
C.3 Teorema della divergenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
Capitolo 1

Elettrodinamica Classica

1.1 Elettrostatica
L’elettrostatica è la teoria che descrive i fenomeni fisici dovuti all’interazione fra cariche
elettriche stazionarie o distribuzioni di carica nello spazio racchiuse all’interno di con-
fini stazionari.
Sperimentalmente l’interazione fra corpi carichi, stazionari può essere descritta in
termini di forza meccanica agente fra i due corpi. Sia F la forza agente su una parti-
cella, caricata con carica q e posta in r, dovuta alla presenza, nell’origine degli assi, di
una particella di carica Q. Secondo la legge di Coulomb questa forza, nel vuoto, è data
da:
Qq r
F= . (1.1)
4πε0 |r|3
In unità SI, la forza F è misurata in Newton (N), la carica elettrica q in Coulomb (C) e
le lunghezze |r| in metri (m). La costante ǫ0 = 107 /(4πc2 ) ≈ 8.8542 × 10−12 Farad
per metro (F/m) è la costante dielettrica del vuoto (c ≈ 2.9979 × 108 m/s è la velocità
della luce).

1.1.1 Campo elettrico E


Al posto della descrizione dell’interazione elettrostatica in termini di forza agente fra
due particelle, è preferibile introdurre il concetto di campo e descrivere l’interazione
elettrostatica in termini di campo elettrico, vettoriale e statico, E definito attraverso il
processo di limite
F
E ≡ lim (1.2)
q→0 q

dove F è la forza elettrostatica, definita in eq. (1.1), generata da una carica sorgente Q
su una piccola particella di test con carica q. Il ricorso al limite è reso necessario per
assicurare l’assenza di interferenze fra la carica esploratrice q e la sorgente Q. In realtà,
essendo la carica una grandezza quantizzata la cui unità minima è la carica elementare
e, l’applicabilità del limite è valida solo quando si considerano fenomeni macroscopici,
per cui la carica e può essere considera infinitesimamente piccola. L’interpretazione dei
fenomeni microscopici è comunque possibile estendendo in tale contesto le conclusioni
relative al mondo macroscopico. Il campo elettrico E non dipende esplicitamente dalla
carica q ma solo dalla carica sorgente Q e dal vettore distanza relativa r. Ciò significa

5
6 CAPITOLO 1. ELETTRODINAMICA CLASSICA

Figura 1.1: Apparato sperimentale di Cavendish per la misura della forza di Coulomb

che una la presenza di una carica netta genera un campo elettrico nello spazio che la
circonda, e ciò avviene anche in assenza di una seconda carica.
Applicando la definizione di campo elettrico, generato da una particella di carica Q
posta nell’orgine, otteniamo
Q r
E(r) = (1.3)
4πε0 r3
Il campo elettrostatico può essere eventualmente generato, anzichè da una carica
puntiforme singola, da un numero finito N di cariche qi . In tal caso esso può essere
definito attraverso l’applicazione del principio di sovrapposizione 1 come somma dei
campi generati indipendentemente dalle singole cariche. In tale operazione occorre
prestare però attenzione alla definizione delle distanze: fissato un sistema di riferimen-
to, si individua il punto in cui calcolare il campo elettrico mediante il vettore posizione
r e le N cariche sorgenti mediante i vettori r′i ; poiché le distanze coinvolte nel calcolo
del campo elettrico sono quelle tra ciascuna carica generatrice e il punto considerato si
definiscono r∗i = r − r′i i vettori differenza fra il punto di osservazione e la posizione
delle cariche. Il campo elettrostatico della distribuzione di carica data è quindi
N N
X 1 X r∗i
E(r) = Ei = qi (1.4)
i=1
4πε0 i=1 ri∗ 3

Quanto costruito per cariche discrete può essere direttamente trasferito al caso di
distribuzioni continue di carica, sia di superficie (σS (r′ )) che di volume (ρ(r′ )), at-
traverso la sostituzione della somma sulle cariche con l’operazione di integrazione
1 Ilprincipio di sovrapposizione lineare di campi nel vuoto è valido nell’ambito delle distanze e delle
intensità raggiungibili classicamente. Nel campo dei fenomenti atonici e subatomici esistono, però, piccoli
effetti non lineari di tipo quantistico, la cui origine risiede nell’accoppiamento fra le particelle cariche ed
il campo elettromagnetico. Essi modificano le interazioni fra particelle cariche e provocano interazioni fra
campi elettromagnetici anche in assenza di particelle fisiche.
1.1. ELETTROSTATICA 7

estesa a tutte le superfici e i volumi occupati dalla distribuzione di carica. Data una
superficie S sulla quale è presente una distribuzione di carica σS (r′ ), il campo elettrico
generato da tale distribuzione di carica in un punto r dello spazio sarà:
1 r∗
Z
E(r) = σS (r′ ) ∗ 3 dS ′ (1.5)
4πε0 S r
dove l’integrale di superficie 2 è fatto sulle coordinate delle sorgenti (r′ ). Se la carica
si trova distribuita in un volume V secondo una densità di carica di volume ρ(r′ ) il
campo elettrico in P può essere espresso come:
1 r∗
Z
E(r) = ρ(r′ ) ∗ 3 dV ′ (1.6)
4πε0 V r

1.1.2 Potenziale elettrostatico


Al campo elettrostatico è possibile associare una funzione potenziale, ovvero è possi-
bile definire una funzione scalare φ di cui il campo è il gradiente 3 :
E = −∇φ (1.7)
In base alla definizione del campo elettrostatico, generato da una singola carica Q
posta nell’origine degli assi, otteniamo:
Q r
E(r) = = −∇φ
4πε0 r3
quindi
Q 1
φ= (1.8)
4πε0 r

♣ Dimostrazione Sia r = hx, y, zi. Si ha quindi che


  !
Q Q 1
−∇φ = −∇ = −∇ p =
4πε0 r 4πε0 x2 + y 2 + z 2

Q Dx y zE Q r
= · 3, 3, 3 = =E 2
4πε0 r r r 4πε0 r3

L’equazione qui determinata per il caso del campo elettrostatico generato da una
carica singola può essere estesa in maniera immediata al caso di una sorgente di cam-
po costituita da un insieme finito di cariche, con l’unico accorgimento di effettuare
il gradiente rispetto alle componenti della distanza fra carica sorgente qi e punto di
osservazione.
Il campo elettrico E generato da una una serie di cariche discrete {qi } distribuite
nello spazio sarà:
N N
1 X r∗i 1 X 1
E(r) = qi ∗ 3 = − qi ∇∗(i) ∗ (1.9)
4πε0 i=1 ri 4πε0 i=1 ri
2 Per la definizione di integrale di superficie, vedere appendice A.2
3 Per la definizione di gradiente, vedere appendice B.1
8 CAPITOLO 1. ELETTRODINAMICA CLASSICA

Il potenziale elettrostatico associato è quindi:


N
1 X qi
φ(r) = (1.10)
4πε0 i=1 ri∗

dove con r∗i , r e r′i hanno il medesimo significato attribuito nel paragrafo precedente.
L’operatore ∇∗(i) denota l’operatore gradiente rispetto alle componenti di r∗i .
Nella valutazione del potenziale occorre tenere presente rispetto a quale sistema
di coordinate viene effettuato nel calcolo del gradiente. Indicando con x∗i = x − xi
una qualsiasi delle componenti di r∗i e con f una qualsiasi funzione scalare, valgono le
seguenti relazioni:
∂f ∂f ∂x∗i ∂f ∂f ∂f ∂x∗i ∂f
= · = = · =− ∗
∂x ∂x∗i ∂x ∂x∗i ∂xi ∂x∗i ∂xi ∂xi
quindi
∇∗ f = ∇f ; ∇∗ f = −∇ ′ f (1.11)
In generale la differenza di potenziale tra due punti rappresenta il lavoro che è
necessario compiere contro le forze del campo per spostare una carica positiva unitaria
da un punto A iniziale a un punto B finale. Se infatti calcoliamo tale grandezza 4
otteniamo:
Z B Z B Z B
L
− =− E · dr = ∇φ · dr = dφ = φB − φA (1.12)
q A A A
dove nella risoluzione dell’integrale si è tenuto presente che:
∂φ ∂φ ∂φ
∇φ · dr = dx + dy + dz = dφ (1.13)
∂x ∂y ∂z
Poiché la dipendenza tra potenziale e campo elettrico in un punto è definita mediante
un’operazione di gradiente, la funzione φ è in generale indeterminata, nel senso che
non è possibile definire in maniera univoca il potenziale elettrico in un punto dello
spazio ma solo la differenza di potenziale che sussiste tra due punti. Se infatti fissi-
amo arbitrariamente la funzione φ, qualunque funzione φ′ = φ + costante soddisfa
la definizione di potenziale. Possiamo allora stabilire un punto di riferimento di riferi-
mento in corrispondenza del quale il potenziale è fissato: per semplicità si assume che
il potenziale di un punto a distanza infinita dalla sorgente del campo sia nullo e pertanto
si definisce il potenziale in un qualsiasi punto P come il lavoro che è necessario svol-
gere contro le forze del campo per spostare una carica, inizialmente a distanza infinita,
nel punto considerato.
Z P
φ(P) = − E · dr (1.14)

Alla luce della definizione data possiamo facilmente calcolare il potenziale gener-
ato da una distribuzione qualsiasi di sorgenti del campo elettrostatico. Nel caso di un
sistema di N cariche discrete si ottiene:
Z P N N Z P
1 X r∗i 1 X 1
φ(P) = − qi ∗ 3 · dr = qi ∇∗(i) ∗ · dr∗i
∞ 4πε0 i=1 ri 4πε0 i=1 ∞ ri
N
1 X qi
= (1.15)
4πε0 i=1 ri∗
4 Per la valutazione dell’integrale di linea vedi appendici A.1 e C.1
1.1. ELETTROSTATICA 9

in accordo con (1.10).


Nel caso in cui le sorgenti siano distribuite, e possano essere descritte mediante
una distribuzione continua di carica di densità superficiale σ(r′ ), distribuita su una
superficie S, e di densità di volume ρ(r′ ), presente all’interno di un volume V , il
potenziale elettrostatico è dato dalla somma dei due integrali, di superficie e di volume:

1 σ(r′ ) ′ 1 ρ(r′ ) ′
Z Z
φ(P) = ∗
dS + dV (1.16)
4πε0 S r 4πε0 V r∗

1.1.3 Conservatività del campo elettrostatico


Per definire se il campo elettrostatico è conservativo si procede alla valutazione della
sua circuitazione verificando che l’integrale di linea di E lungo un qualsiasi cammino
chiuso C sia nullo. Applicando il teorema di Stokes 5 otteniamo
I Z
E · dr = (∇×E) · dA (1.17)
C S

da cui si ricava che la circuitazione è identicamente nulla se il flusso del rotore del
campo è nullo sulla superficie concatenata al circuito C. Tale condizione risulta in
generale sempre verificata per il campo elettrostatico in quanto esso è definito come
gradiente di un potenziale (il rotore di un gradiente è sempre nullo6 ).
I
E = −∇φ ⇒ ∇×E = ∇×(−∇φ) = 0 ⇒ E · dr = 0 (1.18)
C

Il campo elettrostatico è quindi un campo conservativo: il lavoro compiuto spostando


una carica lungo un qualsiasi percorso chiuso è sempre uguale a zero. Tale conclusione
può essere ricavata anche effettuando il calcolo diretto del lavoro (equazione (1.12)),
nel caso in cui il punto iniziale A coincida con il punto finale B: come evidente l’inte-
grale di linea del lavoro è indipendente dal cammino e, per qualsiasi percorso chiuso,
fornisce risultato nullo, come atteso:
B
L
Z
− =− E · dr = φB − φA = 0 (A ≡ B)
q A

La proprietà di conservatività del campo elettrico è prerogativa esclusivamente del


campo elettrostatico: considerando un generico campo elettrico E, comprendente una
componente non conservativa E′ (non elettrostatica) la circuitazione totale si riduce
alla circuitazione di quest’ultima componente:
I I
E · dr = E′ · dr (1.19)
C C

Il valore della circuitazione del termine di campo elettrico non conservativo viene
definita tensione del circuito elettrico o forza elettromotrice e rappresenta il lavoro
svolto contro le forze del campo per muovere una carica unitaria lungo l’intero cammi-
no chiuso C.

5 Vedi appendice C.2


6 Vedi anche appendice B.6
10 CAPITOLO 1. ELETTRODINAMICA CLASSICA

Figura 1.2: L’angolo solido sotteso nel punto di osservazione P da una superficie da′
è dato da: dΩ = (da′ cos θ)/|x′ − x|2

1.1.4 Teorema di Gauss


Il teorema di Gauss permette di quantificare il flusso di un campo elettrico E attraverso
una superficie chiusa S semplicemente valutando l’entità della carica in essa contenuta
Q:
Q
I
E · dS = (1.20)
S ǫ 0

♣ Dimostrazione Si consideri una regione dello spazio ove siano presenti delle cariche
qi inviduate dai vettori posizione ri , i = 1, . . . N . All’interno di questa regione
consideriamo una superficie chiusa P S che racchiuda un sottoinsieme delle cariche qi
(qj j = 1, . . . M ) la cui carica totale j qj = Q. Il flusso del campo elettrico, generato
da ogni singola carica qi , sulla superficie S può essere cosı̀ calcolato:

1 r∗ 1 r∗i
I I
Ei = qi ∗i3 ⇒ Ei · dS = qi ∗3
· dS
4πε0 ri S 4πε0 S ri

L’integrando nella parte destra dell’equazione non è altro che l’angolo solido sotteso
dall’elemento di superficie dS e individuato dal vettore r∗i (vedi figura 1.2):

r∗i ˆ∗ 1 r∗i ˆ∗ dS
∗ 3 = ri ∗ 2 ⇒ ∗ 3 · dS = ri · n̂ ∗ 2 = dΩs
ri ri ri ri

si ha quindi che:
1
I I
Ei · dS = qi dΩs
S 4πε 0 S
H
L’integrale S dΩs vale 4π se ri è interno alla superficie S e zero altrimenti. Otteniamo
quindi che: P
qj Q
I
j
E · dS = = 2
S ε0 ǫ0
Il teorema di Gauss può essere espresso anche in termini di distribuzioni continue
di carica: detta ρ la densità di carica volumica, se V è il volume delimitato da una
superficie chiusa S si ricava che

1
I Z
E · dS = ρdV (1.21)
S ε0 V
1.1. ELETTROSTATICA 11

Applicando il teorema della divergenza 7 possiamo esprimere il teorema di Gauss,


sin qui riportato in forma integrale, in notazione differenziale:
1
I Z Z
E · dS = ρdV = ∇·EdV
S ε0 V V
Quindi, dal momento che l’identità degli integrali su un volume qualsivoglia porta
all’identità degli integrandi
ρ
∇·E = (1.22)
ε0

1.1.5 Campi elettrici nei materiali


Le equazioni considerate nelle sezioni precedenti presentano validità limitata a campi
elettrici nel vuoto. Se si opera in presenza di materia, è necessario prendere in consid-
erazione gli effetti del campo sul materiale considerato, in modo da definire corretta-
mente l’entità del campo interno stesso.
Se in un campo elettrostatico viene immesso un materiale metallico, caratterizzato
dalla presenza di elettroni liberi (elettroni di conduzione), questi, sotto l’azione acceler-
ante del campo, migrano generando un campo elettrico interno che, una volta raggiunta
la condizione statica di equilibrio, rende nullo il campo risultante nel materiale. In un
materiale metallico, quindi, il campo elettrostatico è sempre identicamente nullo.
Se nel campo elettrostatico viene collocato un materiale dielettrico (isolante) non si
assiste ad alcun trasferimento di carica, in quanto non sono presenti elettroni liberi. Il
campo provoca tuttavia spostamento di carica su scala atomica dando luogo a fenomeni
di polarizzazione che portano alla formazione di dipoli elettrici, o alla loro orien-
tazione, se già presenti nel materiale, nella direzione del campo esterno, modificando
il campo elettrico stesso. Se il dielettrico è di per sé caratterizzato da molecole polari,
ossia che possegano un momento di dipolo proprio, il campo elettrico agisce semplice-
mente su queste provocando l’ allineamento dei loro dipoli (polarizzazione per orienta-
mento) contro il disordine prodotto dall’agitazione termica; nel caso in cui il dielettrico
sia costituito da molecole apolari, l’applicazione del campo esterno produce, per inter-
azione coulombiana, una separazione tra il centro di carica positiva e quello negativo
formando quindi dei dipoli elettrici indotti, orientati secondo la direzione del campo.
La generazione (o l’orientazione) di dipoli elettrici nel dielettrico produrrà una vari-
azione del potenziale elettrostatico. Tale variazione sarà data dalla sovrapposizione dei
potenziali generati da ogni singolo dipolo presente nel materiale polarizzato.

Potenziale del dipolo elettrico


Per poter caratterizzare il comportamento complessivo di un dielettrico polarizzato oc-
corre quindi definire il contributo al potenziale totale determinato dalla presenza dei
dipoli.
Un dipolo (p) è costituito da due cariche discrete di segno opposto, di uguale mod-
ulo q, poste a una distanza 2l individuata dal versore l̂ con verso convenzionalmente
definito dalla carica negativa a quella positiva:
p = q · 2l (1.23)
Se fissiamo un sistema di riferimento avente origine nel centro del dipolo possiamo
individuare la carica (+q) mediante il vettore posizione l; la posizione dell’altra carica
(−q) può essere descritta mediante il vettore posizione l′ = −l.
7 Vedi appendice C.3
12 CAPITOLO 1. ELETTRODINAMICA CLASSICA

Figura 1.3: Due cariche −q e +q separate da una distanza 2l formano un dipolo di


momento p.

Consideriamo allora un punto P individuato dal vettore posizione r, tale che r >>
l, ovvero collocato a distanza molto maggiore rispetto alla dimensione del dipolo (con-
dizione sperimentale in generale sempre valida) e calcoliamo il potenziale presente in
tale posizione:
+q 1 −q 1
φ(r) = + =
4πε0 |r − l| 4πε0 |r − l′ |
 
q 1 1
= − =
4πε0 |r − l| |r + l|
!
q 1 1
= p −p =
4πε0 (r − l) · (r − l) (r + l) · (r + l)
 
q 1 1
= √ −√ =
4πε0 r2 + l2 − 2r · l r2 + l2 + 2r · l
 
q  1 1 
= r −r 
4πε0 r 
l 2
2r · l l 2
2r · l

1+ 2 − 2 1+ 2 + 2
r r r r
Tenendo conto del fatto che l/r << 1 possiamo semplificare i termini tra parentesi
definendo una variabile x = l/r << 1 e ricorrendo allo sviluppo di Taylor fermato al
primo ordine:
− 12  2 !− 12
l2 − 21

2r · l l l 
f = 1+ 2 ± 2 = 1+ ± 2r̂ · l̂ · = 1 + x2 ± 2r̂ · l̂x
r r r r
3
∂f 1   − 2
=− 1 + x2 ± 2r̂ · l̂x (2x ± 2r̂ · l̂)
∂x 2  
∂ l
⇒ f ≈ f(x=0) + f(x=0) x = 1 ∓ r̂ · l̂ ·
∂x r
Sostituendo le approssimazioni calcolate nell’equazione relativa al calcolo del poten-
1.1. ELETTROSTATICA 13

ziale dovuto al dipolo otteniamo:


  
q l l q 2l · r 2ql 1
φ(r) ≈ 1 + r̂ · l̂ · − 1 − r̂ · l̂ · = =− ·∇
4πε0 r r r 4πε0 r3 4πε0 r
(1.24)
Il vettore momento di dipolo elettrico può essere definito anche nel caso di dis-
tribuzioni continue di carica, come nel caso degli orbitali atomici o molecolari. In
questo caso, per molecole che occupino un volume V0
Z
p= ρrdV (1.25)
V0

La formula generale del potenziale di un dipolo posto nell’origine può essere scritta
come:
1 1
φ=− p·∇ (1.26)
4πε0 r

1.1.6 Vettore spostamento elettrico D


Un mezzo dielettrico soggetto ad un campo elettrico esterno è caratterizzato, a livello
microscopico, dalla presenza di dipoli indotti dall’azione del campo esterno. Si può
trattare a livello macroscopico la presenza di tali dipoli attraverso la definizione della
polarizzazione del mezzo dielettrico, ossia la densità di dipoli elementari per unità di
volume, definita da: PN
pi
P = i=1 (1.27)
dV
dove la somma è estesa a tutti i dipoli microscopici contenuti all’inetrno di un volumet-
to infinitesimo dV . E’ possibile allora calcolare il potenziale elettrostatico dovuto alla
presenza, in un volume V, di un materiale dielettrcio polarizzato, con polarizzazione
P:
1 1
Z
φ(r) = − P(r′ ) · ∇∗ ∗ dV ′
4πε0 V r
dove r∗ = r − r′ . Sfruttando le relazioni (1.11) tra i gradienti relativi alle coordinate
r′ e r∗ si può trasformare l’operatore ∇∗ nelle coordinate delle sorgenti, rendendolo
omogeneo all’integrale:
1 1
Z
φ(r) = P(r′ ) · ∇′ dV ′
4πε0 V |r − r′ |

Tenendo conto che F·∇ψ = ∇·(ψF) − ψ∇·F 8 possiamo esprimere il potenziale


come:
∇′ ·P
 
1 1
Z Z
′ P ′
φ(r) = ∇· dV − dV ′
4πε0 V |r − r′ | 4πε0 V |r − r′ |
(si noti che l’operatore divergenza è nelle coordinate delle sorgenti). Applicando il
teorema della divergenza al primo termine si ricava
1 1 −∇′ ·P ′
I Z
P ′
φ(r) = · dS + dV (1.28)
4πε0 S |r − r′ | 4πε0 V |r − r′ |
dove S rappresenta la superficie di delimitazione del volume V . Confrontando l’e-
quazione con quelle precedentemente ottenute per distribuzioni di carica superficiali e
8 Vedi proprietà 2 della divergenza illustrata in Appendice B.5
14 CAPITOLO 1. ELETTRODINAMICA CLASSICA

volumiche si può osservare che il potenziale dovuto al dielettrico è definito dalla som-
ma di due termini. Il primo termine è costituito dall’integrale sulla superficie chiusa
S e corrisponde al potenziale generato da una distribuzione superficiale di carica di
densità σp = P · n̂ (n̂ è il versore normale alla superficie S). Il secondo elemento che
definisce il potenziale consiste nell’integrale di volume corrispondente ad una carica,
detta carica di polarizzazione, distribuita entro il volume V con densità ρp = −∇·P.
Alla luce di quanto sin qui considerato possiamo valutare ∇·E anche nel caso di un
sistema di cariche immerso in un dielettrico. Se indichiamo con ρ la densità di carica
reale e con ρp la densità di carica di polarizzazione del dielettrico otteniamo:
ρ + ρp ρ − ∇·P
∇·E = =
ε0 ε0
Riordinando l’equazione precedente e introducendo un nuovo vettore di campo

D = ε0 E + P (1.29)

detto spostamento elettrico, induzione elettrica o spostamento dielettrico otteniamo un


espressione molto simile a quella originaria per le cariche nel vuoto:
∇·P ρ
∇·E + =
ε0 ε0
∇·(ε0 E + P) = ρ

∇·D = ρ (1.30)
Applicando il teorema della divergenza possiamo allora ottenere l’espressione in for-
ma integrale del teorema di Gauss generalizzato anche alla presenza di eventuali
dielettrici: Z I
∇·DdV = D · dS = q (1.31)
V S

Le equazioni sin qui riportate esprimono D in funzione dei due campi vettoriali, P
ed E. In realtà esiste una relazione di dipendenza tra la polarizzazione del mezzo ed il
campo elettrico applicato. Infatti, la polarizzazione del mezzo avviene in quanto questo
è sottoposto a un campo E che induce la creazione (o l’orientamento) di dipoli elettri-
ci nel materiale. Per definire le relazioni suddette occorre caratterizzare il mezzo dal
punto di vista delle sue proprietà elettriche. Un materiale può definirsi omogeneo se,
sottoposto a un campo E, è caratterizzato da una polarizzazione uniforme; se gli effetti
legati al campo elettrico sono indipendenti dall’orientazione del corpo rispetto alla di-
rezione del campo elettrico il mezzo si dice isotropo e, nel caso in cui la polarizzazione
sia proporzionale al campo applicato si parla di mezzo lineare.
Per un mezzo omogeneo, isotropo e lineare, la polarizzazione P è sempre parallela
e proporzionale al campo elettrico E e può quindi essere espressa mediante la relazione

P(r) = ε0 χe E(r) (1.32)

La costante di proporzionalità χe è definita suscettività elettrica o polarizzabilità del


mezzo. Sostituendo l’equazione data nella definizione del vettore spostamento elettrico
D si ottiene allora una relazione di proporzionalità con il campo elettrico E applicato:

D(r) = ε0 E(r) + P(r) = ε0 (χe + 1) E = ε0 εr E(r) = εE(r) (1.33)


1.2. MAGNETOSTATICA 15

La costante di proporzionalità ε è detta costante dielettrica o permettività elettrica del


mezzo ed è definita dal prodotto tra ε0 e la costante dielettrica relativa εr = χe + 1.
In base alla relazione ottenuta, tenendo presente che χe > 0 per qualunque materiale,
si ricava che un campo elettrico E nella materia è sempre minore del corrispondente
campo E0 nel vuoto in quanto ε > ε0 . Si noti che ε è una grandezza scalare solo se il
mezzo considerato è isotropo; nel caso di mezzo anisotropo, poiché la proporzionalità
tra D ed E è dipendente dalla direzione considerata, ε diviene un tensore.

1.2 Magnetostatica
Mentre l’elettrostatica tratta gli effetti delle cariche elettriche statiche, la magnetostat-
ica descrive gli effetti di correnti elettriche stazionarie, ossia cariche che si muovono a
velocità costante, e le interazioni fra queste .

1.2.1 Corrente elettrica


Si definisce corrente elettrica un flusso ordinato di carica attraverso la superficie di
un conduttore. Se in un tempo dt una sezione normale del conduttore (tale per cui il
versore normale n̂ sia parallelo al moto delle cariche) è attraversata da una carica netta
dq, l’intensità della corrente elettrica corrispondente è
dq
I=
dt
Come descritto nella formula precedente, l’intensità di corrente è una grandezza scalare
ed è indipendente dalla natura dei portatori di carica (essi possono essere infatti sia
cariche positive che negative). L’informazione fornita da I è però insufficiente per
poter caratterizzare compiutamente il flusso di carica. Si definisce allora una grandezza
vettoriale, detta densità di corrente J che descrive la corrente che fluisce attraverso
ciascun punto della superficie del conduttore, sia dal punto di vista quantitativo che
qualitativo: J è definita nella direzione di scorrimento della carica (vedi figura 1.4),
orientata secondo il moto delle cariche positive (anche se eventualmente la corrente è
dovuta a cariche negative) e ha modulo
dI
J=
dS
in cui dI è la corrente che fluisce attraverso l’elemento infinitesimo di area dS del
conduttore. Le dimensioni di J sono [A m−2 ]. Sfruttando la definizione precedente è
possibile ricavare l’intensità di corrente attraverso un integrale di flusso di J, esteso a
tutta la superficie S del conduttore:
Z
I= J · dS
S

Dal punto di vista microscopico J può essere definita come:


PN
qi · vi
J = i=1
dV
dove qi è la carica i-esima contenuta all’interno del volume dV con velocità vi . Se tutte
le cariche si muovono alla medesima velocità v, detta ρ la densità di carica di volume,
16 CAPITOLO 1. ELETTRODINAMICA CLASSICA

Figura 1.4: La direzione di J in ogni punto del conduttore è data dalla direzione del
flusso di carica.

si ottiene: PN
i=1 qi
J= · v = ρv (1.34)
dV
In generale, il moto delle cariche elettriche è dovuto alla presenza di un campo elet-
trico E. Nel caso di particolari mezzi omogenei, isotropi e lineari si può ritenere J
proporzionale al campo applicato (legge di Ohm microscopica):

J = σE (1.35)

dove σ è definita conducibilità elettrica ed è caratteristica per il conduttore considerato.

Equazione di continuità
L’equazione di continuità della corrente elettrica è una diretta conseguenza del princi-
pio di conservazione della carica: la quantità di carica in uscita da una certa superficie
chiusa, stazionaria, nell’unità di tempo, deve essere uguale alla velocità di diminuzione
della carica in essa contenuta. In termini matematici, quanto sopra enunciato si traduce
in:
d ∂ρ
I Z Z
J · dS = − ρdV = − dV (1.36)
S dt V V ∂t
dove V è un volume arbitrario delimitato dalla superficie S. Applicando il teorema
della divergenza e considerando che V è arbitrariamente definito
∂ρ
I Z Z
J · dS = ∇·JdV = − dV
S V V ∂t

∂ρ
⇒ ∇·J + =0 (1.37)
∂t
Una corrente si dice stazionaria se non si hanno né accumuluni né sorgenti di carica
in qualsiasi punto del suo percorso. Tale condizione equivale a dire
∂ρ
=0 ⇒ ∇·J = 0 (1.38)
∂t
1.2. MAGNETOSTATICA 17

Figura 1.5: Due circuiti C1 e C2 in cui circola corrente I1 e I2 rispettivamente.

Nel caso di correnti stazionarie, quindi, la densità di corrente è solenoidale.

1.2.2 Induzione magnetica B


Sperimentalmente due circuiti percorsi da corrente interagiscono attraverso una forza
meccanica, allo stesso modo della cariche elettriche.
Se consideriamo due circuiti C1 e C2 (figura 1.5) percorsi rispettivamente dalle
correnti I1 e I2 possiamo esprimere la forza magnetica che il circuito 1 esercita sul
circuito 2 mediante la seguente formula sperimentale:
µ0 dr2 ×(dr1 ×r21 )
I I
F2 = I1 I2 3 (1.39)
4π C1 C2 r21
dove r21 è un vettore che esprime la posizione dell’elemento di lunghezza dr2 del
circuito 2, rispetto alla posizione dell’elemento di lunghezza dr1 del circuito 1 (se le
posizioni di dr1 e dr2 sono definite rispetto all’origine di un sistema di assi cartesiani
da due vettori r1 e r2 , il vettore r21 è pari alla loro differenza r2 − r1 ). La costante
µ0 è detta permeabilità magnetica del vuoto e, per definizione, è esattamente pari a
4π · 10−7 H/m.
Anche se, nella forma in cui è riportata, l’equazione di interazione tra correnti risulta
asimmetrica rispetto agli indici 1 e 2, essa non presenta violazione della terza legge di
Newton. Si può infatti dimostrare che F2 = −F1 .
In analogia con quanto già effettuato per il campo elettrico, possiamo definire il
campo magnetico, o più propriamente l’induzione magnetica, come il termine dell’e-
spressione della forza dipendente esclusivamente dalla sorgente (circuito 1) e non dal
circuito 2 che funge da sonda:
µ0 dr1 ×r21
I
B1 = I1 3 (1.40)
4π C1 r21
18 CAPITOLO 1. ELETTRODINAMICA CLASSICA

In base a questa definizione di B è possibile definire la forza cui è soggetto il circuito


2 mediante un espressione più semplice:
I
F2 = I2 dr2 ×B1 (1.41)
C2

L’equazione precedentemente riportata per il campo magnetico generato dal cir-


cuito 1 può essere interpretata come una somma integrale dei contributi infinitesimi di
campo dB dovuti ai singoli elementi di corrente Idr′ , relativa ad un punto consider-
ato dello spazio, individuato mediante il vettore differenza r∗ = r − r′ . La legge di
Biot-Savart esprime in termini matematici queste considerazioni:
µ0 Idr′ ×r∗
dB = (1.42)
4π r∗ 3
Osservando le due equazioni relative al campo e alla forza corrispondente, si può
ricavare che, per testare sperimentalmente la presenza del campo magnetico in un dato
punto, è necessario l’utilizzo di un elemento di corrente Idr. Possiamo generalizzare
questa osservazione utilizzando il vettore densità di corrente precedentemente definito
ottenendo:
Idr = JdA · dr = JdV
Le equazioni per il campo magnetico B e per la forza magnetica F possono essere
allora equivalentemente espresse in termini di densità di corrente come:
µ0 J(r′ )×(r − r′ ) ′
Z
B(r) = dV (1.43)
4π V ′ |r − r′ |3
Z
F= J(r)×B(r)dV (1.44)
V
dove con V ′ si considera il volume comprendente tutte le sorgenti mentre con V si
indica il volume contenente tutte le correnti su cui agisce il campo B.
In base alla definizione microscopica dalla densità di corrente (J = qv) possiamo
calcolare la forza magnetica agente su una carica puntuale q (forza di Lorentz):
Z
F= J×BdV = qv×B
V

1.2.3 Calcolo della divergenza di B


Considerando una distribuzione continua di corrente, contenuta in un volume V ′ , la
divergenza del campo magnetico B è data da:
J(r)×r∗ ′ J(r)×r∗
   
µ0 µ0
Z Z
∇·B(r) = ∇· dV = ∇· dV ′
4π V ′ r∗ 3 4π V ′ r∗ 3
dove r∗ = r − r′ . La commutazione dell’operatore divergenza con quello integrale
è reso possibile dal fatto che, mentre la divergenza opera rispetto alle coordinate del
campo (mantenendo fissi i punti sorgente), l’integrale è riferito alle coordinate delle
sorgenti. Considerando che ∇·(F1 ×F2 ) = F2 · (∇×F1 ) − F1 · (∇×F2 ) 9 , la nuova
funzione integranda può essere formulata come
J×r∗
   
∗ 1 1 1
∇· = −∇· J×∇ ∗ = − (∇×J) · ∇∗ ∗ + J · ∇×∇∗ ∗
r∗ 3 r r r
9 vedi proprietà 3 della divergenza riportata in AppendiceB.5
1.2. MAGNETOSTATICA 19

dove con ∇∗ si intende che l’operazione è riferita alle coordinate delle differenze tra
punti di campo e sorgenti. Considerando il primo termine dell’equazione riportata
possiamo notare che esso è identicamente nullo in quanto J è definita in funzione
delle coordinate delle sorgenti ed è quindi costante quando differenziata rispetto alle
coordinate del campo, a cui si riferisce l’operatore rotore:

∇×J(r′ ) = 0

Per quanto riguarda il secondo termine dell’equazione, tenendo presente la relazione


che sussiste tra le operazioni differenziali nel sistema di coordinate delle differenze,
rispetto a quello dei punti di campo, è possibile ricavare che anch’esso è nullo:
1 1
J · ∇×∇∗ ∗
= J · ∇∗×∇∗ ∗ = 0
r r
in quanto ∇×∇ψ è identicamente nullo per qualsiasi scelta della funzione scalare ψ 10 .
Dato un generico campo magnetico di induzione B vale quindi la seguente proprietà:

∇·B = 0 (1.45)

Tale conclusione risulta immediata tenendo presente che non esistono monopoli mag-
netici ma solo sistemi dipolari e correnti tali da generare campi magnetici le cui linee
di campo sono sempre chiuse. Il campo magnetico B è quindi solenoidale.

1.2.4 Legge di Ampère e non conservatività di B


La valutazione del rotore di un campo magnetico B è particolarmente complessa se
trattata nella sua forma più generale (ossia facendo operare l’operatore rotore diretta-
mente sulla definizione di B - equazione (1.43)). Possiamo però far ricorso ad una
legge sperimentale da cui sia possible ricavare l’espressione del ∇×B. In condizioni
di correnti stazionarie (∇·J = 0) vale la legge di Ampère:
I Z
B · dr = µ0 J · dS = µ0 I (1.46)
C S

dove I è la corrente concatenata a una qualsiasi superficie delimitata da C. Applicando


il teorema di Stokes 11 alla legge di Ampère, possiamo quindi definire il rotore del
campo magnetico generato dalle correnti stazionarie considerate:
I Z Z
B · dr = (∇×B) · dS = µ0 J · dS
C S S

Si ha quindi:
∇×B = µ0 J (1.47)
Poiché ∇×B 6= 0 è possibile concludere che il campo magnetico non è conservativo,
ovvero non può essere associato ad una funzione potenziale scalare.
La validità della legge di Ampère nella forma indicata è limitata al caso di cor-
renti stazionarie. Se nel circuito considerato sono presenti eventualmente dei punti in
cui si può verificare accumulo di carica, cadono le ipotesi di stazionarietà e pertanto
10 Vedi appendice B.6
11 appendice C.2
20 CAPITOLO 1. ELETTRODINAMICA CLASSICA

l’equazione non può essere più applicata. Tale fatto può essere infatti evidenziato con-
siderando un semplice circuito elettrico, percorso da una certa corrente e contenente
un condensatore a piatti paralleli: calcolando la circuitazione relativa ad un percorso
chiuso C che circonda un tratto del conduttore, se si valuta l’integrale utilizzando come
superficie delimitata da C una qualsiasi superficie S intersecante il conduttore, si ot-
tiene un valore non nullo (la corrente passante nel circuito è infatti concatenata alla su-
perficie), mentre, per superfici S, ugualmente delimitate da C ma passanti per lo spazio
compreso tra le armature del condensatore, la circuitazione dovrebbe invece avere val-
ore nullo (non vi sono correnti concatenate). La legge di Ampère conduce quindi ad
una contraddizione che è dovuta alla mancanza di stazionarietà della corrente.

1.2.5 Magnetizzazione M
In presenza di materiali, bisogna considerare la possibilità i materiali presentino un
carattere magnetico proprio. La materia è infatti costituita da cariche in moto: all’in-
terno di ciascun atomo (o molecola), indipendentemente da stimoli esterni, gli elettroni
sono in moto continuo nei corrispondenti orbitali e pertanto generano correnti micro-
scopiche assimilabili a quelle generate da spire percorse da corrente. Queste correnti
intrinseche al materiale generano deboli campi magnetici caratterizzabili mediante una
grandezza che, in analogia con la polarizzazione dei dielettrici, è definita momento
di dipolo magnetico m. Poiché ciascun atomo (o molecola) può essere caratterizzato
da un proprio momento magnetico, a livello macroscopico il comportamento com-
plessivo del materiale si può caratterizzare mediante il vettore magnetizzazione M,
corrispondente al momento di dipolo magnetico netto per unità di volume:
PN
i=1 mi
M= (1.48)
dV
Se la magnetizzazione è uniforme (mezzo isotropo), tutte le correnti microscopiche
relative a ciascun atomo (o molecola) sono identiche e, pertanto, l’effetto complessi-
vo è la presenza di una corrente solo sulla superficie esterna del materiale in quanto,
all’interno, le correnti relative a dipoli magnetici adiacenti sono uguali ed opposte e
non danno quindi luogo ad alcun effettivo spostamento di carica. Nel caso in cui la
magnetizzazione non sia uniforme, non si verifica annullamento dei termini di corrente
interni al materiale poiché la corrente associata a ciascun dipolo magnetico è differ-
ente. In questo caso all’interno del materiale è presente una corrente risultante non
nulla, chiamata corrente di magnetizzazione, la cui densità è definita pari a 12

Jm = ∇×M (1.49)

Considerando quindi un materiale magnetizzato possiamo esprimere la densità di cor-


rente totale Jtot come la somma della densità di corrente libera stazionaria J e della
densità di corrente di magnetizzazione Jm :

Jtot = J + ∇×M (1.50)

Possiamo allora calcolare il rotore del campo magnetico B presente in un materiale


magnetizzato:
∇×B = µ0 Jtot = µ0 J + µ0 ∇×M (1.51)
12 Per la dimostrazione della relazione (1.49) vedere Caldirola-Fontanesi-Sindoni, Vol.2, Cap.9
1.2. MAGNETOSTATICA 21

1.2.6 Intensità magnetica H


L’equazione (1.51) precedentemente riportata può essere utilmente riordinata, attraver-
so l’applicazione della proprietà distributiva dei rotori:

∇×(B − µ0 M) = µ0 J (1.52)

L’equazione cosı̀ riportata porta all’introduzione di un nuovo campo magnetico

B
H= −M (1.53)
µ0

definito intensità magnetica e la cui utilità si presenta nel momento in cui si consider-
ano campi magnetici in mezzi materiali. In base alla definizione data possiamo allora
esprimere la relazione precedente come

∇×H = J (1.54)

Quanto sin qui affermato è valido in generale per un qualsiasi mezzo materiale
magnetizzabile. Tuttavia, considerando mezzi isotropi, omogenei e lineari possiamo
ricavare l’esistenza di una relazione di proporzionalità tra l’intensità magnetica H e la
magnetizzazione M del materiale tale per cui:

M = χm H (1.55)

dove la costante di proporzionalità χm è detta suscettività magnetica.


Considerando materiali che soddisfano l’equazione precedente, in base alla definizione
del vettore H, possiamo verificare che tra H stesso e B esiste una relazione lineare:

B = µ0 H + M = µ0 (1 + χm )H = µ0 µr H = µH (1.56)

La costante di proporzionalità µ è detta costante magnetica o permeabilità magnetica


del mezzo ed è definita dal prodotto tra µ0 e la permeabilità magnetica relativa del
mezzo µr = χm + 1. In generale il valore di χm può essere sia positivo che nega-
tivo a seconda del materiale considerato: per i materiali diamagnetici χm è negativo
e pertanto l’introduzione di un siffatto materiale produce una diminuzione del cam-
po magnetico B rispetto al valore B0 che esso assumerebbe nel vuoto; per materiali
paramagnetici χm presenta invece valori positivi e pertanto l’impiego di tali sostanze
comporta un incremento del campo B rispetto al valore B0 nel vuoto. Se osserviamo i
valori effettivi di χm , possiamo osservare che, in generale, |χm | << 1 sia per sostanze
diamagnetiche che paramagnetiche e pertanto si può concludere che la variazione del
campo magnetico dovuta alla presenza di materia è praticamente trascurabile: µ ≈ µ0 .
Come già notato nel caso dei dielettrici, anche µ è una grandezza scalare solo se il mez-
zo è isotropo, altrimenti essa assume la forma di un tensore, in modo da caratterizzare
il diverso comportamento del materiale in ogni possibile direzione.
Da queste considerazioni sono esclusi i materiali ferromagnetici in quanto presen-
tano fenomeni di isteresi di carattere non lineare e non possono quindi essere carat-
terizzati da una suscettività magnetica definita, nemmeno in condizioni normali. A
differenza degli altri tipi di materiali, nei mezzi ferromagnetici si verifica un notevole
incremento dei campi magnetici.
22 CAPITOLO 1. ELETTRODINAMICA CLASSICA

1.3 Elettrodinamica
Come visto nelle sezioni precedenti, le leggi dell’elettrostatica e della magnetostatica,
anche in presenza di materiali polarizzabili o magnetizzabili, possono essere riassunte
in due coppie di equazioni vettoriali disaccoppiate e indipendenti dal tempo. Equazioni
dell’elettrostatica classica:

∇·D(r) = ρ(r) (1.57)


∇×E(r) = 0 (1.58)

Equazioni della magnetostatica classica

∇·B(r) = 0 (1.59)
∇×H(r) = J(r) (1.60)

In queste equazioni non vi è nulla che colleghi fra di loro i campi B e H ad E e


D. Solo l’introduzione della dipendenza dal tempo dei campi porta all’introduzione
di accoppiamenti fra le due coppie di equazioni. Questi accoppiamenti sono introdotti
sulla base di due osservazioni empiriche:
1. La carica elettrica è una quantità conservata e la corrente elettrica è un trasporto
di carica. Questo fatto è riassunto nell’equazione di continuità e, come con-
seguenza, introduce la corrente di spostamento nelle equazioni dei campi mag-
netici.
2. Una variazione del flusso del campo magnetico attraverso una spira genera una
forza elettromotrice all’interno del circuito (legge di Faraday-Lenz).

1.3.1 Corrente di spostamento


Per ripristinare la validità dell’equazione di Ampère anche nel caso di correnti non
stazionarie occorre sostituire a J una densità di corrente J′ , equivalente ad una cor-
rente stazionaria e tale da contenere le informazioni relative alla reale corrente non
stazionaria. Per definire la densità di corrente equivalente J′ possiamo esprimere la ve-
locità di variazione della densità di carica ρ avvalendoci della legge di Gauss in forma
differenziale (equazione (1.22)):
ρ ∂ρ ∂ ∂E
∇·E = ⇒ = (ε0 ∇·E) = ε0 ∇·
ε0 ∂t ∂t ∂t
Considerando l’equazione di continuità della carica otteniamo:
∂ρ
∇·J + =0
∂t
∂E
∇·J + ε0 ∇· =0
 ∂t
∂E
∇· J + ε0 =0
∂t

Il termine ε0 ∂E/∂t ha le dimensioni di una densità di corrente ma non corrisponde ad


un reale trasferimento di cariche; viene pertanto definito densità di corrente di sposta-
mento nel vuoto e consente di interpretare l’instaurarsi di campi magnetici per effetto
1.3. ELETTRODINAMICA 23

di campi elettrici variabili, anche in assenza di correnti concatenate. La somma che


figura come argomento dell’operatore divergenza è la densità di corrente stazionaria
equivalente J′ che comprende sia termini di correnti libere che di spostamento:

∂E
J′ = J + ε0
∂t
La legge di Ampère può essere allora estesa al caso di correnti non stazionarie nel
modo seguente:
Z  
∂E
I Z

B · dr = µ0 J · dS = µ0 J + ε0 · dS =
C S S ∂t
d dΦE
Z
= µ0 I + µ0 ε0 E · dS = µ0 I + µ0 ε0
dt S dt

L’equazione sopra riportata riassume in sé le modalità con cui è possibile generare
un campo magnetico: mediante una corrente elettrica I oppure mediante induzione
attraverso un flusso di campo elettrico variabile nel tempo. Applicando il teorema di
Stokes possiamo ottenere l’espressione del rotore del campo magnetico B anche nel
caso di correnti non stazionarie:
Z  
∂E
I Z
B · dr = (∇×B) · dS = J + ε0 · dS
C S S ∂t

∂E
⇒ ∇×B = µ0 J + µ0 ε0 (1.61)
∂t
Nel caso sia presente un materiale magnetizzabile la (1.61) si trasforma in

∂E
∇×H = J + ε0 (1.62)
∂t

Correnti di polarizzazione nei materiali


In un mezzo materiale, alle correnti di carica libera J ed eventualmente alle correnti
di spostamento si devono aggiungere altre correnti associate alla presenza di momenti
magnetici e dipoli elettrici nel materiale. Come visto in precedenza, la presenza di
un materiale magnetizzabile porta all’introduzione del vettore intensità magnetica e
all’equazione (1.54) per ∇×H. Un materiale polarizzabile, se la sua polarizzazione
varia nel tempo, può dare origine a termini di corrente equivalente di cui bisogna tenere
conto all’interno dell’equazione del ∇×H.
Se consideriamo un materiale polarizzabile, in generale, un campo magnetico può
agire sui dipoli (permanenti o indotti) generando un spostamento di carica nel dipo-
lo stesso e dando quindi luogo a correnti microscopiche relative a ciascun elemento
dipolare del mezzo. Il processo di riarrangiamento della carica all’interno di ciascu-
na molecola o atomo può essere descritto mediante la derivata temporale del vettore
momento di dipolo elettrico p. Se la carica del dipolo è descritta mediante densità di
carica di volume ρ e v è la velocità di spostamento della carica stessa, la corrente dipo-
lare può essere descritta come J = ρv e pertanto, in base al principio di continuità si
ottiene:
∂ρ ∂ρ
∇·J + =0 ⇒ = −∇·J = −∇·(ρv)
∂t ∂t
24 CAPITOLO 1. ELETTRODINAMICA CLASSICA

In base alla definizione di momento di dipolo elettrico (vedi sezione 1.4.1), sfruttando
la relazione precedente, otteniamo che

dp d ∂ρ
Z Z Z
= ρrdV = rdV = − r∇·(ρv)dV
dt dt V0 V0 ∂t V0

dove V0 è il volume della molecola (o atomo) considerata ed r è la posizione del-


la carica in moto rispetto al centro della molecola. poiché r è un vettore, l’integrale
deve essere calcolato rispetto a ciascuna componente di r stesso. Considerando quin-
di una qualsiasi delle componenti di r, indicata con x, e applicando la proprietà 2
dell’operatore divergenza ψ∇·F = ∇·(ψF) − F·∇ψ (vedi Appendice B.5), si ricava

x∇·(ρv) = ∇·(xρv) − ρv · ∇x = ∇·(xρv) − ρvx

dove ∇x è il versore relativo alla componente x considerata. Alla luce della re-
lazione evidenziata per ciascuna componente, attraverso l’applicazione del teorema
della divergenza al primo termine dell’equazione precedente, si ricava che

dp
I Z
=− rρv · dS + ρvdV
dt S0 V0

in cui S0 è la superficie comprendente l’intero volume V0 della molecola. Osservando


l’integrale di superficie, si nota che esso dipende dalla densità di carica molecolare,
presente nei punti dello spazio individuati dalla superficie S0 . Se S0 è scelta sufficien-
temente grande da contenere al suo interno tutta la molecola, allora ρ(r′ ) = 0 quando
r′ ∈ S0 implicando che il primo termine a sinistra è nullo. Pertanto la variazione del-
la polarizzazione del mezzo può essere semplicemente espressa mediante il secondo
integrale di volume:

dp
I Z
rρv · dS = 0 ⇒ = ρvdV
S0 dt V0

L’entità della corrente di polarizzazione relativa all’intero mezzo è definita dalla


somma di tutti i contributi relativi a ciascuna molecola del dielettrico e pertanto può
essere espressa in termini di variazione temporale del vettore polarizzazione P (vedi
sezione 1.4.1), ovvero come velocità di variazione del momento di dipolo relativo a un
volume unitario:
∂P 1 dp 1
Z
= = ρvdV =< ρv >
∂t V0 dt V0 V0
La derivata temperale di P è dunque equivalente ad una densità di corrente. Si ricava
quindi che la densità di corrente di polarizzazione, espressa dalla variazione temporale
di P, è pari alla media delle densità di correnti molecolari. Tale corrente produce una
variazione del campo magnetico B che può essere quantificata includendo il termine
di polarizzazione nella definizione della densità di corrente totale Jtot :

∂P
Jtot = J +
∂t
poiché, in generale, Jtot può non essere stazionaria, occorre inoltre definire, medi-
ante applicazione del principio di continuità, una densità di corrente equivalente J′ ,
stazionaria. A tale scopo è necessario tenere in conto che il mezzo è polarizzato e
1.3. ELETTRODINAMICA 25

pertanto, oltre alle cariche effettive, di densità volumica ρ, sono presenti cariche di
polarizzazione di densità volumica ρp .
 
∂ρtot ∂P ∂
∇·J′ = ∇·Jtot + = ∇· J + + (ρ + ρp ) = 0
∂t ∂t ∂t

Dal teorema di Gauss si ricava che ρ + ρp = ε0 ∇·E quindi


   
′ ∂P ∂ ∂
∇·J = ∇· J + + (ε0 ∇·E) = ∇· J + (ε0 E + P) = 0
∂t ∂t ∂t

introducendo il vettore spostamento elettrico D = ε0 E + P si ricava


 
′ ∂D ∂D
∇·J = ∇· J + =0 ⇒ J′ = J +
∂t ∂t

da cui si può notare che la polarizzazione del mezzo può essere tenuta in conto per
semplice sostituzione di E con D.
Definita la densità di corrente equivalente J′ possiamo esprimere il rotore del cam-
po magnetico B, in presenza di materiali polarizzabili, come

∂D
∇×B = µ0 J′ = µ0 J + µ0
∂t
La presenza di materiali magnetizzabili modifica l’equazione (1.3.1):

∂D
∇×H = J + (1.63)
∂t

Teorema di Ampère in forma generale


Avendo introdotto il vettore H, capace di interpretare i fenomeni magnetici nei mezzi
materiali, è necessario estendere il teorema di Ampère al caso generale di un mezzo
qualsiasi, in cui siano presenti sia fenomeni di polarizzazione che di magnetizzazione.
A tal fine possiamo sfruttare l’equazione (1.63) precedentemente ottenuta per il rotore
di H:
∂D
∇×H = J + (1.64)
∂t
Applicando il teorema di Stokes 13 , otteniamo quindi la formulazione generale della
legge circuitale di Ampère:
Z  
∂D d
Z I Z
(∇×H) · dS = H · dr = J+ · dS = I + D · dS (1.65)
S C S ∂t dt S

dove C rappresenta il contorno della superficie aperta S definita arbitrariamente. Si


noti che l’equazione ottenuta è valida sia che si operi nel vuoto (in questo caso H ≡ B
e D ≡ E), sia che si consideri un mezzo materiale e inoltre permette di considerare sia
le correnti reali (I) che le correnti di spostamento dovute a campi elettrici variabili (Ḋ)
ed è quindi applicabile sia nel caso di correnti stazionarie che non.

13 Vedi appendice C.2


26 CAPITOLO 1. ELETTRODINAMICA CLASSICA

1.3.2 Legge di induzione di Faraday-Lenz


La variazione del flusso di un campo magnetico attraverso la superficie concatenata
ad una spira genera, in questa, una forza elettromotrice. Tale fenomeno è ottenibile in
molti modi differenti: ad esempio, modificando il modulo di B, la sua direzione oppure
variando la superficie rispetto alla quale si calcola il flusso. L’interpretazione compiuta
dell’induzione magnetica costituisce la legge di Faraday-Lenz: la forza elettromotrice
indotta è pari alla variazione del flusso del campo magnetico rispetto alla superficie
considerata.
d dΦB
I Z
E = E · dr = − B · dS = − (1.66)
C dt S dt
Il segno meno presente nell’equazione ha come unico significato quello di specificare
che il verso della fem indotta, in ossequio alla legge di Lenz, è tale da opporsi, a mezzo
del campo magnetico da essa stessa generato, alla variazione di flusso, responsabile
dell’induzione.
Ricorrendo al teorema di Stokes, considerando la superficie S fissata, è possibile ri-
cavare:
∂B
I Z Z
E · dr = (∇×E) · dS = − · dS
C S S ∂t
∂B
⇒ ∇×E = − (1.67)
∂t
Nell’ipotesi che la superficie S di integrazione sia costante, il campo elettrico indot-
to è generato da un campo magnetico B variabile nel tempo (dovuto a correnti non
stazionarie). Il fatto che ∇×E 6= 0 in presenza di campi magnetici variabili, implica
che il campo elettrico indotto non è conservativo.
Capitolo 2

Equazioni di Maxwell

2.1 Equazioni di Maxwell


La trattazione dei campi elettrici e magnetici nel capitolo precedente ha evidenziato
l’esistenza di una notevole interconnessione tra i due fenomeni: in base alle leggi di
Faraday e di Ampère (nella forma generalizzata da Maxwell) si può infatti osservare
che una variazione di un campo magnetico comporta variazione del campo elettrico
presente e viceversa. Appare quindi logico e realistico definire i fenomeni elettrici e
magnetici in un unica teoria: l’eletrodinamica classica.
Le leggi fondamentali che permettono una descrizione completa dei fenomeni elet-
tromagnetici, dette equazioni di Maxwell, sono essenzialmente quattro:
1. Legge di Faraday-Lenz
2. Legge di Ampère generalizzata
3. Legge di Gauss per il campo elettrico (corrispondente al principio di conser-
vazione della carica elettrica)
4. Legge di Gauss per il campo magnetismo (relativa all’impossibilità di separare i
poli magnetici)
A tali equazioni si può inoltre aggiungere il principio di continuità della corrente
elettrica (anch’esso legato alla conservazione della carica elettrica).
Nella trattazione che segue, in generale, si considereranno solamente mezzi stazionari,
cioè che non presentano variazioni delle correnti convettive e della magnetizzazione.

2.1.1 Equazioni di Maxwell nel vuoto


Limitandoci a considerare i fenomeni elettromagnetici che si verificano nel vuoto le
equazioni di Maxwell possono essere interamente definite mediante i soli vettori campo
elettrico E ed induzione magnetica B:
∂B
∇×E = − (2.1)
∂t
∂E
∇×B = µ0 J + µ0 ε0 (2.2)
∂t

27
28 CAPITOLO 2. EQUAZIONI DI MAXWELL

ρ
∇·E = (2.3)
ε0
∇·B = 0 (2.4)

A queste si aggiunge anche l’equazione di continuità della corrente:

∂ρ
∇·J + =0 (2.5)
∂t
Confrontando tra loro le equazioni relative al campo elettrico e quelle relative
al campo magnetico, si osserva una sostanziale asimmetria giustificata dal fatto che
mentre esistono cariche elettriche elementari, non esistono equivalenti “cariche mag-
netiche” (ovvero monopoli magnetici). In quest’ottica è possibile giustificare la dif-
ferenza che sussiste tra le equazioni (2.3) e (2.4), considerando che, mentre per E ha
senso parlare di densità di carica ρ, ciò non è possibile considerando B.

2.1.2 Equazioni di Maxwell nella materia


Se consideriamo il caso generale di campi elettromagnetici nei mezzi materiali (stazionari)
le equazioni di Maxwell sono rappresentate in forma compatta utilizzando, oltre ai
vettori E e B, anche lo spostamento elettrico D e l’intensità magnetica H:

∂B
∇×E = − (2.6)
∂t
∂D
∇×H = J + (2.7)
∂t
∇·D = ρ (2.8)

∇·B = 0 (2.9)
a cui si aggiunge l’equazione di continuità della corrente:

∂ρ
∇·J + =0 (2.10)
∂t
E’ importante tenere presente che l’introduzione di D e H non è concettualmente
necessaria in quanto le equazioni (2.7) e (2.8), nelle quali tali grandezze compaiono,
possono comunque essere espresse in termini dei vettori E, B, P (polarizzazione del
mezzo) e M (magnetizzazione del mezzo) nella forma seguente:
 
∂E ∂P
∇×B = µ0 ε0 + + ∇×M + J
∂t ∂t
1
∇·E = (−∇·P + ρ)
ε0

Appare tuttavia evidente il guadagno che deriva dall’impiego di D e H in ragione


di generalità della rappresentazione delle equazioni di Maxwell e, per questo motivo,
qualunque relazione relativa a fenomeni elettromagnetici nella materia viene di norma
espressa mediante tali vettori.
2.1. EQUAZIONI DI MAXWELL 29

2.1.3 Equazioni di Maxwell in forma integrale


Le equazioni di Maxwell in forma differenziale possono essere utilmente espresse an-
che in forma integrale (ammettendo per ipotesi che i campi coinvolti e le loro derivate
siano funzioni continue e definite entro il dominio di integrazione considerato). La
conversione da una forma all’altra è immediata applicando per le equazioni (2.6) e
(2.7) il teorema di Stokes e per le equazioni (2.8) e (2.9) il teorema della divergenza.
Operando come descritto si ottengono allora le seguenti espressioni:

∂B
I Z
E · dr = − · dS (2.11)
C S ∂t
Z  
∂D
I
H · dr = J+ · dS (2.12)
C S ∂t
I Z
D · dS = ρdV = q (2.13)
S V
I
B · dS = 0 (2.14)
S

dove nelle equazioni (2.11) e (2.12) S è una superficie qualsiasi, aperta, di cui il circuito
chiuso C è il bordo, mentre nelle equazioni (2.13) e (2.14) S è una superficie chiusa di
cui V è il volume interno. Anche l’equazione di continuità della corrente può essere
espressa in forma integrale, sfruttando il teorema della divergenza:

∂ρ dq
I Z
J · dS = − dV = − (2.15)
S V ∂t dt

in cui S è una superficie chiusa arbitraria che racchiude il volume V .


La rappresentazione in forma integrale delle leggi di Maxwell permette di interpretare
il loro significato fisico. Le equazioni (2.11) e (2.12) derivano dalle leggi di Faraday
e di Ampère e permettono di definire le modalità mutua interazione dei campi elettrici
e magnetici. Le equazioni (2.13) e (2.14), corrispondenti alle leggi di Gauss per i due
tipi di campo, possono essere interpretate in maniera più approfondita a partire dalle
equazioni sperimentali (2.11) e (2.12) considerando il caso particolare in cui la superfi-
cie S dell’integrale sia chiusa: gli integrali di linea corrispondenti divengono identica-
mente nulli, perché riferiti a un circuito C contratto in un singolo punto. Relativamente
all’equazione di Maxwell (2.11) si ottiene:

d
I
B · dS = 0
dt S

che significa che il flusso del campo magnetico sulla superficie S chiusa è necessaria-
mente costante. Del resto è empiricamente noto che non esistono monopoli magnetici
ma solamente elementi dipolari tali da generare linee di campo chiuse e quindi, con-
siderando la superficie chiusa S, le linee di campo entranti sono necessariamente pari
alle linee di campo uscenti e ciò implica che il flusso netto è nullo ovvero
I
B · dS = 0. (2.16)
S

L’equazione (2.16) coincide con l’equazione di Maxwell (2.14). In definitiva, quindi,


tale legge afferma semplicemente che il campo magnetico è caratterizzato da linee di
30 CAPITOLO 2. EQUAZIONI DI MAXWELL

campo chiuse. Per quanto riguarda l’equazione di Maxwell (2.13), questa può essere
interpretata considerando l’equazione (2.12), nel caso di superficie S chiusa:
d
I I
D · dS + J · dS = 0
dt S S

Ciò significa che, attraverso la superficie chiusa S, la corrente di conduzione (definita


dal flusso di J) e la corrente di spostamento (corrispondente al flusso di ∂D/∂t) devono
compensarsi tra loro. Grazie al principio di continuità della corrente elettrica si ottiene:
d dq
I I
D · dS = − J · dS =
dt S S dt
Confrontando il primo e l’ultimo termine dell’equazione precedente e tenendo presente
che in assenza di carica il campo elettrostatico è nullo si ricava
I
D · dS = q
S

soluzione coincidente con il teorema di Gauss, ovvero con l’equazione di Maxwell


(2.13).

2.1.4 Equazioni di Maxwell in mezzi omogenei, isotropi e lineari


Nel caso di mezzi omogeneti, isotropi, lineari (e stazionari) è possibile semplificare
le equazioni di Maxwell riducendo il numero di campi necessari alla descrizione dei
fenomeni elettromagnetici a B ed E. Ricordiamo le proprietà della categoria di mezzi
considerati:
• OMOGENEITÀ: un mezzo si definisce omogeneo se presenta composizione
chimica uniforme .
• ISOTROPIA: un mezzo è isotropo se il suo comportamento fisico è indipendente
dall’orientamento.
• LINEARITÀ: un mezzo è detto lineare se la sua polarizzazione, la sua magne-
tizzazione e la densità di corrente indotti da campi elettrici e magnetici sono lin-
eari nei campi medesimi. Le proprietà elettriche e magnetiche di un mezzo che
sia contemporaneamente omogeneo, isotropo e lineare possono essere descritte
mediante semplici relazioni:

D = εE
B = µH
J = σE

dove le costanti ε, µ e σ sono, rispettivamente, la permettività elettrica, la per-


meabilità magnetica e la conducibilità del mezzo considerato.
Alla luce delle relazioni tra i vettori di campo precedentemente evidenziate le
equazioni di Maxwell possono essere espresse, relativamente ai mezzi omogenei,
isotropi e lineari, in forma più semplice, utilizzando i soli vettori E e B:

∂B
∇×E = − (2.17)
∂t
2.2. CONDIZIONI AL CONTORNO 31

∂E
∇×B = µσE + µε (2.18)
∂t
ρ
∇·E = (2.19)
ε
∇·B = 0 (2.20)

a cui si aggiunge l’equazione di continuità della corrente:

1 ∂ρ
∇·E + =0 (2.21)
σ ∂t

2.2 Condizioni al contorno


Le equazioni di Maxwell, espresse in forma integrale, possono essere utilmente
sfruttate per caratterizzare il comportamento dei vettori del campo elettromag-
netico in corrispondenza della superficie di separazione tra due mezzi differenti.
L’applicazione delle leggi di Maxwell è tuttavia possibile solo ammettendo che
i campi e le loro derivate siano funzioni continue e pertanto è richiesto che an-
che le proprietà della materia varino in modo continuo attraverso la superficie di
separazione tra i due mezzi. Tale requisito non può essere soddisfatto, dal punto
di vista concettuale, poichè l’interfaccia tra due mezzi è caratterizzata da dis-
continuità. Per risolvere il problema, possiamo allora immaginare, almeno per
fenomeni macroscopici, l’esistenza di un sottile “strato di transizione” tra i due
mezzi, di spessore h → 0, in cui si verifica una variazione continua della per-
mettività elettrica e della permeabilità magnetica dai valori relativi a un mezzo a
quelli corrispondenti all’altro. In questo modo, i campi e le loro derivate preser-
vano la loro continuità anche al passaggio tra due materiali diversi e quindi le
equazioni di Maxwell possono essere correttamente applicate.

2.2.1 Induzione magnetica B

La condizioni al contorno per il campo induzione magentica B possono essere


ricavate applicando l’equazione di Maxwell in forma integrale (2.14) ad una su-
perficie opportuna comprendente l’interfaccia tra i due materiali: un cilindro
retto con asse perpendicolare al piano di interfaccia tra i mezzi (a metà tra di
essi), altezza h → 0 (tale da mantenere il cilindro entro lo strato di transizione)
e superficie di base A finita ma arbitrariamente piccola in modo tale da poter
considerare il campo costante su A (figura 2.1).
Effettuando le dovute operazioni di calcolo si ottiene:
I
B · dS = 0
S
h h
B1 · n̂1 A + B2 · n̂2 A + δ1 + δ2 = 0
2 2
32 CAPITOLO 2. EQUAZIONI DI MAXWELL

Figura 2.1: Schema della superficie di integrazione dell’equazione (2.14)

h h
dove δ1 e δ2 sono i valori relativi al flusso sulla superficie laterale di spessore
2 2
infinitesimo del cilindro. Tenendo presente che n̂1 = −n̂2 e considerando che,
per ipotesi, h → 0 si ricava:

(B1 · n̂1 + B2 · n̂2 )A = 0


B2 · n̂2 − B1 · n̂2 = 0

⇒ Bn1 = Bn2 (2.22)


dove l’indice n specifica che si considera la componente di B relativa alla nor-
male della superficie di interfaccia, diretta dal mezzo 1 al mezzo 2. Il risultato
ottenuto evidenzia quindi che la componente normale dell’induzione magnetica
B è continua al passaggio tra due mezzi differenti, ovvero in corrispondenza di
una superficie di discontinuità.

2.2.2 Spostamento elettrico D


L’andamento del vettore spostamento elettrico D al passaggio tra due mezzi ma-
teriali differenti può essere descritto utilizzando l’equazione di Maxwell (2.13),
relativamente ad una superficie cilindrica analoga a quelle utilizzata precedente-
mente per la determinazione delle condizioni al contorno di B. Svolgendo gli
opportuni calcoli si ottiene:
I
D · dS = q
S
h h
Z
D1 · n̂1 A + D2 · n̂2 A + δ1 + δ2 = ρdV
2 2 V

h h
dove δ1 e δ2 sono i valori relativi al flusso sulla superficie laterale di spessore
2 2
infinitesimo del cilindro. Tenendo presente che n̂1 = −n̂2 e considerando che,
per ipotesi, h → 0 si ricava:
Z
(D1 · n̂1 + D2 · n̂2 )A = σdA
A
D2 · n̂2 − D1 · n̂2 = σ
2.2. CONDIZIONI AL CONTORNO 33

⇒ Dn2 − Dn1 = σ (2.23)


dove l’indice n specifica che si considera la componente di D relativa alla nor-
male della superficie di interfaccia, diretta dal mezzo 1 al mezzo 2 e σ rappre-
senta la densità di carica presente all’interfaccia stessa (il passaggio da ρ a σ è
giustificato considerando che, per h → 0, il volume si appiattisce su una su-
perficie). Il risultato ottenuto evidenzia quindi che la componente normale dello
spostamento elettrico D è continua al passaggio tra due mezzi differenti a meno
di una densità di carica superficiale.

2.2.3 Intensità elettrica E

Figura 2.2: Circuito rettangolare usato per calcolare la circuitazione di E

Il comportamento del vettore campo elettrico E in corrispondenza dell’inter-


faccia tra due differenti mezzi può essere caratterizzato mediante calcolo del-
l’integrale relativo all’equazione di Maxwell (2.11). Tale operazione richiede di
definire un circuito C di integrazione opportuno (figura 2.2). Si consideri dunque
un circuito rettangolare C, collocato perpendicolarmente al piano di separazione
tra i due mezzi, in modo da giacere per metà in un mezzo per metà nell’altro. I
due lati più lunghi di C, paralleli all’interfaccia tra i due mezzi, siano di lunghez-
za l, mentre i due perpendicolari all’interfaccia lunghezza h. I lati del circuito
siano sufficientemente corti da assicurare che E sia costante lungo di essi. La
superficie A è una qualsiasi superficie di cui C è il contorno. Sia anche A scelta
sufficientemente piccola da ritenere il campo B costante su di essa. Svolgendo
l’integrale sul circuito cosı̀ definito si ricava:

∂B
I Z
E · dr = − · dA
C A ∂t

h h h h
E1 · t̂1 l + E1 · n̂1 + E2 · n̂1 + E2 · t̂2 l + E2 · n̂2 + E1 · n̂2 =
2 2 2 2
∂B
=− · n̂A l · h
∂t
Si tenga presente che: (i) |∂B/∂t| è normalmente limitato superiormente da
una costante; (ii) tra i versori tangenziali considerati sussistono le relazioni t̂1 =
34 CAPITOLO 2. EQUAZIONI DI MAXWELL

−t̂2 . Passando al limite per h → 0, , l’espressione precedente può essere riscritta


come

(E1 · t̂1 + E2 · t̂2 )l = 0


E2 · t̂2 − E1 · t̂2 = 0

⇒ Et1 = Et2 (2.24)

Si conclude quindi che il campo elettrico, al passaggio da un mezzo all’altro,


conserva inalterata la propria componente tangenziale.

2.2.4 Intensità magnetica H

La caratterizzazione dell’andamento dell’intensità magnetica in corrispondenza


di una superficie di discontinuità tra mezzi materiali differenti può essere con-
dotta facilmente applicando l’integrale dell’equazione di Maxwell (2.12) ad un
circuito chiuso C di proprietà pari a quelle descritte precedentemente per E (in
particolare, le dimensioni di C sono assunte sufficientemente piccole da poter
ritenere il campo costante H lungo ciascun lato e, inoltre, la corrispondente su-
perficie A è definita in modo da poter ritenere costanti le correnti di conduzione
J e quelle di spostamento ∂D/∂t):
Z  
∂D
I
H · dr = + J · dA
C A ∂t

h h h h
H1 · t̂1 l + H1 · n̂1 + H2 · n̂1 + H2 · t̂2 l + H2 · n̂2 + H1 · n̂2 =
2 2 2 2
= J′ · n̂A · h · l

Il passaggio al limite per h → 0 non comporta problemi per quanto riguarda


il termine di sinistra dell’equazione; la parte destra dell’uguaglianza invece in-
troduce alcune difficoltà legate alla possibile presenza di correnti pellicolari. In
mezzi conduttori, mentre nel caso di campi a bassa frequenza la corrente equiv-
alente J′ in corrispondenza della superficie tra i mezzi è limitata e quindi, al
limite, il termine di destra è nullo, in condizioni di correnti ad alta frequenza
si riscontra un’elevata concentrazione di corrente sull’interfaccia e pertanto si
ottiene che, per h → 0, il prodotto J′ · n̂A h → Il , dove Il è una densità di
corrente lineare, corrispondente alla corrente pellicolare che fluisce attraverso
l’interfaccia tra i mezzi. Considerando che t̂1 = −t̂2 si ricava allora:

(H1 · t̂1 + H2 · t̂2 )l = Il · l


H2 · t̂2 − H1 · t̂2 = Il

⇒ Ht2 − Ht1 = Il (2.25)

Si conclude quindi che, a meno della presenza di correnti pellicolari, al passaggio


da un mezzo all’altro, la componente tangenziale dell’intensità magnetica H si
conserva inalterata.
2.3. POTENZIALI VETTORE E SCALARE 35

2.3 Potenziali vettore e scalare


Le equazioni di Maxwell costituiscono un sistema di equazioni accoppiate alle derivate
parziali al primo ordine che legano fra di loro le varie componenti dei campi elettrici
e magnetici. Esse possono essere risolte direttamente in situazioni particolarmente
semplici. Spesso è conveniente ricavare i corrispondenti potenziali, che permettono
di ottenere un numero più piccolo di equazioni al secondo ordine mentre soddisfano
automaticamente alcune delle equazioni di Maxwell.

2.3.1 Potenziali vettore A e scalare φ


Sebbene il campo magnetico B non sia conservativo, esso può essere comunque de-
scritto a mezzo di una funzione potenziale vettore A(r, t). In particolare, sfruttando
l’equazione di Maxwell (2.9), si può facilmente dimostrare che, per mantenere sempre
verificata la relazione, B debba essere espresso come

B = ∇×A (2.26)

infatti
∇·B = ∇·(∇×A)) = 0

condizione sempre verificata in base alla definizione degli operatori rotore e divergen-
za1 .
Anche il campo elettrico può essere espresso in termini di funzioni potenziale. In
questo caso è necessario affiancare al potenziale vettore A un potenziale scalare. Con-
siderando l’equazione di Maxwell (2.6) (anch’essa indipendente dalle e dalla presenza,
o meno, di materiali polarizzabili o magnetizzabili) e sostituendo la definizione data di
B in termini del potenziale vettore A si ottiene:

∂B ∂ ∂A
∇×E = − = − (∇×A) = −∇×
∂t ∂t ∂t
 
∂A
∇× E + =0
∂t

∂A
⇒ E=− − ∇φ (2.27)
∂t
dove la funzione scalare φ = φ(r, t) è definita potenziale scalare.
I campi B ed E definiti mediante i potenziali A e φ (equazioni (2.26) e (2.27)) soddis-
fano automaticamente le due equazioni di Maxwell omogenee (equazioni (2.6) e (2.9)).
Il comportamento dinamico di A e φ e la loro dipendenza dalle sorgenti è determinato
dalle due rimanenti equazioni di Maxwell (equazioni (2.7) e (2.8)).
Nel seguito limiteremo la nostra attenzione a mezzi omogenei, isotropi e lineari
Per ottenere le equazioni differenziali che correlino i potenziali vettore e scalare con
le sorgenti del campo elettromagnetico sostituiamo dunque nelle restanti equazioni
di Maxwell (2.18) e (2.19) le definizioni di B ed E in termini dei potenziali A e φ

1 Vedi appendice B.6


36 CAPITOLO 2. EQUAZIONI DI MAXWELL

(equazioni (2.26) e (2.27)). Considerando l’equazione di Maxwell (2.18) si ottiene


 
∂ ∂A
∇×(∇×A) = µJ − µε + ∇φ
∂t ∂t
∂ 2A ∂φ
∇(∇·A) − ∇2A = µJ − µε 2 − µε∇
∂t  ∂t
2

∂ A ∂φ
⇒ ∇2A − µε 2 + µJ = ∇ ∇·A + µε (2.28)
∂t ∂t

L’equazione (2.19) può invece essere riformulata come:


 
∂A ρ
−∇· + ∇φ =
∂t ε
 
∂A ρ
⇒ ∇· + ∇2φ = − (2.29)
∂t ε

Le due equazioni ottenute forniscono le espressioni dei potenziali funzionalmente legati


alle densità di carica ρ e di corrente J, ovvero alle sorgenti del campo.

2.3.2 Trasformazioni di gauge


In base alla definizione data di A risulta evidente che tale funzione vettoriale non è
univocamente determinata: lo stesso campo B = ∇×A essa può essere ottento come
rotore di un potenziale vettore A′ che differisca da A per il gradiente di una funzione
scalare. Infatti, definito
A′ = A + ∇ψ (2.30)
dove ψ è una funzione scalare arbitraria (detta di gauge), e ricordando che il rotore di
un gradiente di una funzione scalare è identicamente nullo, si ottiene:

∇×A′ = ∇×A + ∇×(∇ψ) = ∇×A = B

L’arbitrarietà di A si riflette direttamente sul potenziale scalare che determina, con


A il campo elettrico E. Sostituendo il nuovo potenziale vettore A′ nell’equazione di
Maxwell (2.6) e ripetendo le operazioni già considerate in precedenza si ottiene che,
per mantenere l’invarianza di E rispetto alla scelta della funzione di gauge ψ, si deve
introdurre un nuovo potenziale scalare φ′ :

∂B ∂ ∂A′
∇×E = − = − (∇×A′ ) = −∇×
∂t ∂t ∂t

∂A′
⇒ E=− − ∇φ′ (2.31)
∂t
dove φ′ = φ′ (r, t) è la nuova funzione potenziale scalare associata al potenziale vettore
A′ .
E’ evidente che, per ottenere una rappresentazione dello stesso campo elettrico
E, se viene modificata la definizione del potenziale vettore A è necessario introdurre
una variazione del potenziale scalare φ. La trasformazione dalle definizioni originarie
(A, φ) a quelle finali (A′ , φ′ ) prende il nome di trasformazione di gauge. Il poten-
ziale scalare φ′ associato ad A′ può essere ricavato dalle espressioni precedentemente
2.3. POTENZIALI VETTORE E SCALARE 37

ottenute per il campo elettrico E:


∂A

 E=−
 − ∇φ
∂t (2.32)

 E = − ∂A − ∇φ′

∂t
Sottraendo membro a membro e sfruttando la definizione di A′ = A + ∇ψ, si ottiene:

(A′ − A) + ∇(φ′ − φ) = 0
∂t  
∂ψ
∇ + ∇(φ′ − φ) = 0
∂t
 
∂ψ
∇ + φ′ − φ = 0
∂t
∂ψ
+ φ′ − φ = cost
∂t
∂ψ
⇒ φ′ = φ − + cost (2.33)
∂t

Fissati i valori iniziali A, φ dei potenziali (in base alla configurazione particolare delle
sorgenti), definita la funzione ψ arbitraria, i valori dei nuovi potenziali A′ e φ′ (detti
gauges) sono definiti di conseguenza dalle relazioni precedentemente ricavate:

A′ = A + ∇ψ
∂ψ
φ′ = φ− + cost (2.34)
∂t
Per una qualsiasi trasformazione di gauge i vettori di campo B ed E non variano.
L’invarianza rispetto a questo tipo di trasformazioni dei potenziali vettore e scalare è
detta invarianza di gauge.

Gauge di Lorentz
Poiché in generale i potenziali vettore e scalare sono funzioni non definite in maniera
univoca, anche le equazioni (2.28) e (2.29) che ne esprimono la dipendenza dalle sor-
genti non sono univocamente determinate ma ammettono infinite soluzioni (non cosı̀ i
campi B ed E, che per l’invarianza di gauge, risultano univocamente determinati). Per
selezionare una soluzione particolare possiamo allora ricorrere all’imposizione di una
condizione iniziale. Considerando le equazioni (2.28) e (2.29) suddette

∂2A
 
∂φ
∇2A − µε 2 + µJ = ∇ ∇·A + µε
∂t ∂t
 
∂A ρ
∇· + ∇2φ = −
∂t ε

risulta particolarmente utile trasformare la coppia di potenziali (A, φ) in una seconda


coppia (A′ , φ′ ) che soddisfi la seguente condizione, detta condizione di Lorentz:

∂φ′
∇·A′ + µε =0 (2.35)
∂t
38 CAPITOLO 2. EQUAZIONI DI MAXWELL

Tale condizione comporta una corrispondente trasformazione di gauge dai potenziali


iniziali (A, φ) a quelli desiderati (A′ , φ′ ), detti Lorentz gauges, ottenuta attraverso
la funzione scalare ψ. Sostituendo le definizioni dei potenziali trasformati A′ e φ′ in
funzione dei potenziali non trasformati A e φ e della funzione di gauge ψ (equazione
(2.34)) nella condizione di Lorentz (eq. (2.35)) si ottiene
 
∂ ∂ψ
∇·(A + ∇ψ) + µε φ− =0
∂t ∂t
∂ 2ψ ∂φ
−∇2ψ + µε 2 = ∇·A + µε (2.36)
∂t ∂t
dove A e φ sono i potenziali non trasformati. La condizione di Lorentz è allora soddis-
fatta applicando ai potenziali una trasformazione di gauge definita da una delle funzioni
ψ soluzione dell’equazione differenziale (2.36) sopra riportata.
Il ricorso alla condizione di Lorentz comporta una notevole semplificazione delle
equazioni differenziali relative ai potenziali:
∂ 2 A′
∇2A′ − µε + µJ = 0 (2.37)
∂t2
∂ 2 φ′ ρ
∇2φ′ − µε 2
+ =0 (2.38)
∂t ε
Si noti che entrambe le equazioni di A′ e φ′ sono disaccoppiate ed espresse nella
medesima forma matematica (si tratta di equazioni d’onda non omogenee). E’ impor-
tante osservare, inoltre, che l’introduzione della condizione di Lorentz non permette di
definire una forma funzionale univoca alla coppia di potenziali A′ e φ′ . Se pertanto
consideriamo una funzione f che soddisfi l’equazione d’onda omogenea
∂ 2f
∇2f − µε =0 (2.39)
∂t2
e poniamo
∂f
A′′ = A′ + ∇f φ′′ = φ′ − (2.40)
∂t
la nuova coppia di potenziali sarà anch’essa soluzione delle equazioni (2.37)-(2.38).
Un’altra importante considerazione relativa alle due equazioni dei potenziali è che
mentre A′ dipende solo dalla distribuzione di corrente specificata J, φ′ è determinato
dalla distribuzione di carica ρ. I due potenziali sembrano quindi essere completamente
indipendenti. In realtà possiamo facilmente ricavare che la condizione di Lorentz non è
altro che una enunciazione equivalente del principio di continuità della corrente, ovvero
della relazione che lega J e ρ. Per evidenziare questo fatto applichiamo l’operatore
divergenza all’equazione (2.37) e l’operatore µǫ∂/∂t all’equazione (2.38):

∂ 2 A′
  
2 ′

 ∇· ∇ A − µε = −µ∇·J
∂t2 

∂ 2 φ′

∂ ∂ ρ
 µε ∇2φ′ − µε 2 = −µε


∂t ∂t ∂t ε
2

 ∇2 (∇·A′ ) − µε ∂ (∇·A′ ) = −µ∇·J

2
 ∂t 2 


∂φ′
 
∂φ ∂ ∂ρ
 ∇2 µε − µε 2 µε = −µ


∂t ∂t ∂t ∂t
2.4. TEOREMA DI POYNTING 39

sommando membro a membro si ottiene


∂φ′ ∂2 ∂φ′
     
∂ρ
∇2 ∇·A′ + µε − µε 2 ∇·A′ + µε = −µ ∇·J +
∂t ∂t ∂t ∂t
Si ricava pertanto che il fatto di imporre la condizione di Lorentz implica il principio
di continuità della corrente:
∂φ′ ∂ρ
∇·A′ + µε =0 ⇒ ∇·J + =0 (2.41)
∂t ∂t

2.4 Teorema di Poynting


La conservazione dell’energia elettromagnetica può essere descritta definendo un op-
portuno vettore, detto vettore di Poynting N, le cui caratteristiche derivano direttamente
dalle equazioni di Maxwell. Per ricavare l’espressione esplicita di N, verificando il
suo significato energetico si può operare sulle equazioni di Maxwell moltiplicando
scalarmente l’equazione (2.6) per H e moltiplicando l’equazione (2.7) per E:
∂B

 H · (∇×E) = −H ·

∂t
 E · (∇×H) = E · J + E · ∂D

∂t
Sottraendo la prima equazione del sistema dalla seconda si ottiene
∂D ∂B
E · (∇×H) − H · (∇×E) = E · J + E · +H·
∂t ∂t
Tenendo presente la proprietà 3 dell’operatore divergenza ∇·(F1 ×F2 ) = F2 ·(∇×F1 )−
F1 · (∇×F2 ) (vedi Appendice B.5) si ricava
∂D ∂B
−∇·(E×H) = E · J + E · +H· (2.42)
∂t ∂t
Considerando il mezzo in cui si opera omogeneo, isotropo e lineare valgono le seguenti
relazioni:

D = εE B = µH J = σE
2
 
1 ∂E 1 ∂ 1 ∂E ∂E ∂E ∂D
ε = ε (E · E) = ε ·E+E· = εE · =E·
2 ∂t 2 ∂t 2 ∂t ∂t ∂t ∂t
2
 
1 ∂H 1 ∂ 1 ∂H ∂H ∂H ∂B
µ = µ (H · H) = µ ·H+H· = µH · =H·
2 ∂t 2 ∂t 2 ∂t ∂t ∂t ∂t
e pertanto l’equazione (2.42) può essere riscritta come
 
∂ 1 2 1
∇·(E×H) + σE 2 + εE + µH 2 = 0 (2.43)
∂t 2 2
Il vettore di Poynting N è definito come il prodotto vettoriale tra i due campi, elettrico
E e magnetico H:
N = E×H (2.44)
40 CAPITOLO 2. EQUAZIONI DI MAXWELL

e il suo significato può essere interpretato in base alla sua divergenza (teorema di
Poynting):  
2 ∂ 1 2 1 2
∇·N + σE = − εE + µH
∂t 2 2
dove il termine σE 2 rappresenta l’espressione microscopica della legge di Joule e cor-
risponde alla densità di energia dissipata nell’unità di tempo per effetto Joule da una
densità di corrente J in un mezzo a conduttività σ. La quantità 21 εE 2 corrisponde alla
densità di energia associata al campo elettrico e 12 µH 2 è la densità di energia relativa al
campo magnetico. Considerando quindi il significato fisico dell’operatore divergenza
possiamo interpretare il teorema di Poynting come un bilancio energetico relativo al
campo elettromagnetico, in base al quale si ottiene che l’energia che fuoriesce da un
elemento di volume, racchiuso da una superficie chiusa S, nell’unità di tempo sommata
a quella dissipata per effetto Joule all’interno del medesimo volume è esattamente pari
al flusso del vettore di Poyinting attraverso la superficie S.
Tale interpretazione può essere resa più immediata mediante rappresentazione del
teorema di Poynting in forma integrale:
Z  
d 1 2 1
Z I Z
∇·NdV = N · dS = − E · JdV − εE + µH 2 dV
V S V dt V 2 2

dove, nel primo passaggio, si è fatto uso del teorema della divergenza. Analizzando i
termini che compaiono a destra si evidenzia come essi rappresentino valori di potenza:
l’integrale relativo alle densità di corrente corrisponde alla potenza dissipata per effetto
Joule; gli integrali corrispondenti alle densità di energia dei campi elettrico e magneti-
co forniscono l’energia elettromagnetica contenuta nel volume considerato e, poiché
tale quantità è derivata rispetto al tempo, nell’equazione di Poynting essa corrisponde
alla velocità di variazione dell’energia totale contenuta nel volume considerato. Allora,
il vettore di Poynting N integrato sulla superficie S che racchiude il volume V rapp-
resenta il flusso complessivo di energia e pertanto N corrisponde alla densità di flusso
elettromagnetico ovvero alla quantità di energia elettromagnetica che fluisce nell’unità
di tempo, attraverso una superficie unitaria, normale alla direzione del flusso.
Capitolo 3

Onde elettromagnetiche

Uno degli aspetti più importanti e significativi della teoria dell’elettromagnetismo di


Maxwell è il fatto che essa contiene in sé la previsione delle presenza delle onde elet-
tromagnetiche. La teoria di Maxwell individua la propagazione dei campi elettrici e
magnetici mediante perturbazioni viaggianti nello spazio. Ciò significa che attraverso
le leggi di Maxwell è possibile descrivere tutti i fenomeni legati alla propagazione di
segnali elettromagnetici ondulatori quali riflessione e rifrazione.

3.1 Equazioni delle onde elettromagnetiche


L’espressione relativa alla propagazione di un campo elettrico in un materiale lineare,
omemogeneo, isotropo e stazionario (per cui valgano le equazioni di Maxwell nella
forma (2.17)–(2.20)) può essere ricavata calcolando il rotore dei termini che figurano
nell’equazione di Maxwell (2.17) e sostituendovi l’equazione (2.19):

 
∂H
∇× −µ = ∇×(∇×E)
∂t

−µ (∇×H) = ∇(∇·E) − ∇2E
 ∂t 
∂ ∂E
−µ ε +J = ∇(∇·E) − ∇2E
∂t ∂t
2
∂ E ∂J
−µε 2 − µ = ∇(∇·E) − ∇2E
∂t ∂t
Considerando la legge di Ohm microscopica (J = σE) e l’equazione di Maxwell
(2.19), in assenza di cariche libere, si ricava

∂ 2E ∂E
∇2E − µε 2
− µσ =0 (3.1)
∂t ∂t
che rappresenta l’equazione d’onda generale del campo elettrico.
L’equazione relativa alla propagazione del campo magnetico può essere ricavata
in modo analogo al campo elettrico calcolando il rotore di entrambi i membri dell’e-
quazione di Maxwell (2.18) e sostituendo nel risultato ottenuto l’espressione fornita

41
42 CAPITOLO 3. ONDE ELETTROMAGNETICHE

dall’equazione (2.17):
 
∂E
∇× ε +J = ∇×(∇×H)
∂t

ε (∇×E) + ∇×J = ∇(∇·H) − ∇2H
∂t
 
∂ ∂H
ε −µ + ∇×J = ∇(∇·H) − ∇2H
∂t ∂t
∂2H
−µε 2 + ∇×J = ∇(∇·H) − ∇2H
∂t
Considerando l’equazione (2.20) di Maxwell e la legge di Ohm microscopica (J = σE)
si ottiene
∂2H
−µε 2 + σ∇×E = −∇2H (3.2)
∂t
∂2H ∂H
∇2H − µε 2 − µσ =0 (3.3)
∂t ∂t
che corrisponde all’equazione d’onda generale del campo magnetico.
Osservando le due equazioni ottenute per la propagazione dei campi elettrico e
magnetico, occorre tener presente che, in generale, le due soluzioni non sono indipen-
denti tra loro ma sono legate tramite le equazioni di Maxwell: è quindi sufficiente ri-
cavare la soluzione relativa all’equazione d’onda di un campo per ottenere l’espressione
corrispondente per l’altro.
Dal punto di vista della struttura matematica è possibile rilevare che le due equazioni
∂2
ottenute sono caratterizzate dalla somma di un termine periodico (dato da ∇2 + 2 ) e
∂t

un termine aperiodico (corrispondente a µσ ) che esprime un decadimento esponen-
∂t
ziale dell’ampiezza dell’onda, dovuto allo smorzamento indotto dal mezzo. A seconda
del tipo di materiale in cui l’onda si propaga si possono ottenere situazioni in cui uno
dei termini presenti risulta praticamente nullo. Nel caso di un dielettrico ideale il ter-
mine di smorzamento è trascurabile in quanto σ ≈ 0 e pertanto le equazioni d’onda
diventano
∂2E
∇2E − µε = 0 (3.4)
∂t2
2
∂ H
∇2H − µε 2 = 0 (3.5)
∂t
Se consideriamo invece che la propagazione del campo elettromagnetico avvenga al-
∂2
l’interno di un materiale conduttore il termine µε 2 può essere a ragione trascurato e
∂t
pertanto le equazioni che ne derivano sono corrispondenti a quelle di un fenomeno di
diffusione, senza propagazione di onde:
∂E
∇2E − µσ = 0
∂t
∂H
∇2H − µσ = 0
∂t
Nel seguito tratteremo solo esclusivamente le soluzioni dell’equazione delle onde
elettromagnetiche in presenza di un dielettrico perfetto (σ = 0), cioè delle equazioni
3.1. EQUAZIONI DELLE ONDE ELETTROMAGNETICHE 43

(3.5). Si noti che in (3.5), ciascuna delle componenti cartesiane dei vettori E e H
soddisfa l’equazione
∂2G
∇2G − µǫ 2 = 0 (3.6)
∂t
Una generica soluzione di questa equazione differenziale omogenea è data dalla
funzione
G(x, t) = g1 (x + vt) + g2 (x − vt) (3.7)
dove g1 e g2 sono funzioni scalari indeterminate. v ha le dimensioni di una velocità e
definisce quindi la velocità di propagazione della perturbazione elettromagnetica. Pos-
siamo verificare che le funzioni G(x, t) definite in (3.7) sono soluzioni dell’equazione
(3.6). Scegliamo G = g2 (u), con u = x − vt. Trasformiamo le derivate spaziali
e temporali in (3.6) in derivate rispetto alla nuova variabile u sfruttando le regole di
derivazione della funzione composta:

∂g ∂g ∂u ∂g
= = −v
  ∂t  ∂u ∂t ∂u 
∂2g ∂2g

∂ ∂g ∂ ∂g ∂ ∂g
2
= = −v = −v −v = v2 2
∂t ∂t ∂t ∂t ∂u ∂u ∂u ∂u
∂g ∂g ∂u ∂g
= =
∂x ∂u ∂x ∂u
∂2g ∂2g
     
∂ ∂g ∂ ∂g ∂ ∂g
= = = =
∂x2 ∂x ∂x ∂x ∂u ∂u ∂u ∂u2

Sostituendo nell’equazione d’onda di partenza otteniamo

∂2g 2
2∂ g
− µεv = 0 (3.8)
∂u2 ∂u2
∂2g
1 − µεv 2

= 0 (3.9)
∂u2
Ponendo
1
v= √ (3.10)
µε
soddisfo l’equazione (3.9). L’equazione (3.10) definisce il valore della velocità di
propagazione della perturbazione elettromagnetica in funzione della costante dielet-

trica e permeabilità magnetica del materiale. Quindi, ponendo v = 1/ µε, G =
g2 (x − vt) è soluzione dell’equazione (3.6). Ragionamento analogo può essere fatto
nel caso in cui G = g1 (x + vt). Dal momento che l’equazione (3.6) è lineare, ogni
combinazione lineare di soluzioni è a sua volta soluzione, si dimostra che G(x, t) =
g1 (x + vt) + g2 (x − vt) è soluzione di (3.6).

3.1.1 Onde elettromagnetiche piane


Le onde elettromagnetiche possono essere caratterizzate da funzioni molto differenti,
ma tali da soddisfare l’equazione d’onda (3.5). Tra le possibili soluzioni quelle di mag-
giore interesse sono senza dubbio le onde piane, sia per la loro semplicità matematica,
sia per l’estensione ad un elevato numero di casi reali: qualsiasi onda reale, a distan-
za sufficientemente elevata dalla sorgente ed entro porzioni opportunamente limitate,
può essere rappresentata, con buona approssimazione, da onde piane. Inoltre mediante
44 CAPITOLO 3. ONDE ELETTROMAGNETICHE

analisi di Fourier, qualunque tipo di onda può essere descritto come sovrapposizione di
opportune onde piane sinussoidali.
Un’onda piana è definita a mezzo di fronti d’onda piani. Ciò significa che, con-
siderando un qualsiasi istante, la perturbazione presente su ciascun piano perpendi-
colare alla direzione di propagazione è uniforme e funzione solamente della distan-
za del piano da un’origine fissata lungo il cammino di propagazione. Considerando
quindi un’onda elettromagnatica piana che si propaga lungo la direzione dell’asse x,
essa sarà caratterrizzata da un campo elettrico E = E(x, t) e da un campo magnetico
H = H(x, t) e pertanto ne consegue che
∂E ∂Ex ∂Ey ∂Ez
=0 ⇒ = = =0
∂y ∂y ∂y ∂y
∂E ∂Ex ∂Ey ∂Ez
=0 ⇒ = = =0
∂z ∂z ∂z ∂z
considerazioni analoghe valgono per il campo magnetico H.
∂H ∂Hx ∂Hy ∂Hz
=0 ⇒ = = =0
∂y ∂y ∂y ∂y
∂H ∂Hx ∂Hy ∂Hz
=0 ⇒ = = =0
∂z ∂z ∂z ∂z
In presenza in assenza di distribuzioni di carica libera e per mezzi dielettrici per-
fetti (anche se quest’ultima ipotesi non è strettamente necessaria), l’onda piana è inoltre
caratterizzata dall’assenza di campo elettrico e magnetico nella direzione di propagazione,
ovvero essa consiste in un’onda trasversale:

Ex = 0 Hx = 0

Quest’ultima proprietà può essere ricavata direttamente dalle equazioni di Maxwell,


tenendo conto dell’uniformità dei campi E ed H sui piani perpendicolari alla direzione
di propagazione. Considerando l’equazione 3 di Maxwell, in condizioni di assenza di
carica, otteniamo che
∂Ex ∂Ey ∂Ez
∇·E = 0 ⇒ + + =0
∂x ∂y ∂z
ma, essendo per ipotesi il campo uniforme rispetto alle direzioni y e z l’equazione
precedente si riduce a
∂Ex
=0
∂x
da cui consegue che il campo elettrico relativo alla direzione di propagazione è uni-
forme. Considerando invece l’equazione 2 di Maxwell rispetto alla sola componente x
si ricava:
∂Ex
(∇×H)x = ε
∂t
∂Hz ∂Hy ∂Ex
− = ε
∂y ∂z ∂t
e, sempre per l’uniformità sui piani perpendicolari
∂Ex
=0
∂t
3.1. EQUAZIONI DELLE ONDE ELETTROMAGNETICHE 45

che significa che il campo su x è stazionario. Si conclude quindi che il campo elettrico,
lungo la direzione di propagazione dell’onda è uniformemente e costantemente nullo.
In maniera del tutto analoga si dimostra che anche il campo magnetico H è costan-
temente e uniformemente nullo secondo la direzione di propagazione. Dall’equazione
4 di Maxwell si ricava
∂Hx ∂Hy ∂Hz ∂Hx
∇·H = 0 ⇒ + + =0 ⇒ =0
∂x ∂y ∂z ∂x

che indica l’uniformità del campo; dall’equazione 1 di Maxwell relativa alla compo-
nente x si ottiene
∂Hx
(∇×E)x = −µ
∂t
∂Ez ∂Ey ∂Hx
− = −µ
∂y ∂z ∂t
∂Hx
= 0
∂t
che indica la stazionarietà del campo. Di conseguenza risulta corretto affermare che
Hx = 0.

Sfruttando la proprietà di uniformità delle onde piane, l’equazione vettoriale delle onde
elettromagnetiche
∂2E
∇2E − µε 2 = 0
∂t
si riduce a due equazioni scalari relative alle componeneti del campo non nulle: mentre
sull’asse x il campo è, per ipotesi, uniformemente e costantemente nullo, lungo la
direzione dell’asse y esso è dato da

∂ 2 Ey ∂ 2 Ey ∂ 2 Ey ∂ 2 Ey
2
+ 2
+ 2
− µε = 0
∂x ∂y ∂z ∂t2
2
∂ Ey ∂ 2 Ey
− µε = 0 (3.11)
∂x2 ∂t2
secondo l’asse z, invece, si ottiene

∂ 2 Ez ∂ 2 Ez ∂ 2 Ez ∂ 2 Ey
2
+ 2
+ 2
− µε 2 = 0
∂x ∂y ∂z ∂t
∂ 2 Ez ∂ 2 Ez
− µε 2 = 0 (3.12)
∂x2 ∂t
Come si può notare le due equazioni sono a variabili separate ovvero non esiste alcuna
dipendenza funzionale tra la componente del campo elettrico sull’asse y (Ey ) e quella
relativa all’asse z (Ez ).
Analogamente si ricavano le equazioni relative alla propagazione del campo mag-
netico
∂ 2 Hy ∂ 2 Hy
− µε = 0
∂x2 ∂t2
2
∂ Hz ∂ 2 Hz
2
− µε = 0
∂x ∂t2
46 CAPITOLO 3. ONDE ELETTROMAGNETICHE

anche in questo caso le equazioni sono disaccoppiate tra loro e quindi non esiste alcuna
interdipendenza tra i valori che il campo assume sull’asse y e quelli relativi all’asse z.
Si noti che, come previsto dalla definizione di onda piana, il campo elettromagnetico
ha valore non nullo solo nelle direzioni perpendicolari a quella di propagazione (rapp-
resentata dal vettore velocità v).
In virtù delle equazioni di Maxwell (2.17) e (2.18), i campi elettrico e magnetico non
sono indipendenti tra loro. Se consideriamo l’equazione 2 e ci limitiamo alla sola
componente lungo l’asse y otteniamo:

∂Ey
(∇×H)y = ε
∂t
∂Hx ∂Hz ∂Ey
− =ε
∂z ∂x ∂t
∂Hz ∂Ey
− =ε
∂x ∂t

Poiché in generale tutte le soluzioni dell’equazione d’onda sono definite rispetto alla
forma g = g(u) con u = x ± vt, tenendo presente le relazioni

∂g ∂g ∂g ∂g
= ±v =
∂t ∂u ∂x ∂u

l’espressione precedentemente ottenuta relativa alla dipendenza tra Ey e Hz può essere


espressa come
∂Hz ∂Ey
− = ±εv
∂u ∂u
Integrando i membri dell’equazione e trascurando qualsiasi eventuale costante di inte-
grazione si ottiene

∂Hz ∂Ey
Z Z
du = ±εv du
∂u ∂u
1 ε
r
Hz = ±εvEy = ±ε √ Ey = ± Ey
µε µ

dove nell’ultima equazione si è introdotto il valore ottenuto per la velocità di propagazione


dell’onda. Come evidente, fissato il campo elettrico nella direzione dell’asse y, il cam-
po magnetico oscilla lungo la direzione perpendicolare definita dall’asse z. Analoga-
mente, ripetendo il ragionamento considerando la componente z del campo elettrico si
conclude che il corrispondente campo magnetico è orientato nella direzione dell’asse
y cioè comunque perpendicolare al campo elettrico. In definitiva, quindi, fissata la
direzione e il modulo del campo elettrico E, il campo magnetico H ha intensità defini-
ta dalla relazione precedente ed è orientato sempre perpendicolarmente al vettore E
stesso. In forma vettoriale, le relazioni precedenti possono essere riassunte:

ǫ
r
H= k̂ × E (3.13)
µ

dove k̂ è il versore che indica la direzione di propagazione.


3.2. TEOREMA DI FOURIER 47

Polarizzazione
Considerazione particolarmente importante è legata al concetto di polarizzazione. Un’on-
da elettromagnetica è definita linearmente polarizzata se il campo elettrico (e di con-
seguenza il campo magnetico) è caratterizzato da una direzione di oscillazione fissata
e invariante nel tempo. La possibilità di ottenere onde elettromagnetiche polarizzate è
mostrata direttamente dal fatto che le due equazioni relative alle componenti del cam-
po elettrico su due assi ortogonali alla direzione di propagazione sono disaccoppiate e
pertanto fissata l’oscillazione del campo nella direzione di uno degli assi (ad esempio
l’asse y), rispetto all’asse ortogonale (z) il campo si mantiene inalterato e costante-
mente nullo. Il piano contenente la direzione di propagazione dell’onda, all’interno del
quale avviene l’oscillazione del campo elettrico viene detto piano di polarizzazione
e, di conseguenza, il campo magnetico oscilla perpendicolarmente ad esso. Un’on-
da elettromagnetica si definisce invece non polarizzata o polarizzata casualmente se la
direzione di oscillazione del campo elettrico (e quindi del campo magnetico) varia in
ogni istante e in ogni punto in maniera completamente irregolare. In questo caso l’onda
ha uguale probabilità di oscillare lungo qualsiasi direzione del piano yz e pertanto le
componenti Ey ed Ez presentano, in media, la stessa intensità ma sono in relazione di
fase completamente casuale; l’onda non polarizzata può allora essere descritta tramite
le due componenti ortogonali del campo elettrico Ey ed Ez , definite dalla medesima
ampiezza ma da sfasamento del tutto casuale: si tratta quindi di considerare l’onda non
polarizzata come composizione di due identiche onde linearmente polarizzate i cui pi-
ani di polarizzazione sono mutuamente perpendicolari.

3.2 Teorema di Fourier


Dall’elaborazione delle equazioni di Maxwell abbiamo ricavato che le onde elettro-
magnetiche sono descritte in generale da funzioni della variabile u = x−vt. Sappiamo
inoltre che un’onda piana sinussoidale soddisfa l’equazione generale delle onde (3.5)
e pertanto, considerata la semplicità di trattazione di queste ultime, risulta alquanto
utile poter descrivere qualsiasi onda mediante sovrapposizione lineare di onde piane
sinussoidali. Tale risultato è reso possibile attraverso l’applicazione del teorema di
Fourier, in base al quale un qualsiasi segnale (sia periodico che non) può essere defini-
to tramite sovrapposizione di funzioni corrispondenti a onde piane sinusoidali. Tale
possibilità deriva direttamente dal fatto che funzioni seno e coseno del tipo sin (2πνt)
e cos (2πνt) definiscono un sistema ortonormale completo e costituiscono, quindi, una
base dello spazio delle soluzioni dell’equazione delle onde.

3.2.1 Sintesi di Fourier


Nel caso in cui la F (t) sia una funzione periodica, il teorema di Fourier può essere
enunciato dicendo che qualsiasi F (t) può essere ottenuta mediante sintesi di Fourier. Il
processo di sintesi di Fourier consiste nella composizione di un’onda periodica qualsi-
asi, di frequenza ν0 , a partire dalle singole onde componenti. Le armoniche componen-
ti sono costituite da un’armonica fondamentale di frequenza base ν0 e da un numero
molto grande (idealmente infinito) di armoniche secondarie la cui frequenza è un mul-
tiplo intero di ν0 . Nella definizione della funzione d’onda risultante (F (t)) ciascuna
componente viene sommata secondo un peso opportuno, definito da un coefficiente
48 CAPITOLO 3. ONDE ELETTROMAGNETICHE

numerico che la precede:

F (t) = a0 + a1 cos (2πν0 t) + b1 sin (2πν0 t) + a2 cos (4πν0 t) + b2 sin (4πν0 t) +


+a3 cos (6πν0 t) + b3 sin (6πν0 t) + ... =
X∞
= [an cos (2πnν0 t) + bn sin (2πnν0 t)]
n=−∞

dove l’uso di funzioni seno e coseno per ciascuna armonica è legato alla differenza di
fase tra fra queste due funzioni. La sommatoria può essere espressa in maniera più
semplice sfruttando le seguenti relazioni:

cos(−x) = cos x sin(−x) = − sin x


An = an + a−n Bn = bn − b−n

Sostituendo nell’equazione precedentemente ricavata si ottiene infatti



A0 X
F (t) = + [An cos (2πnν0 t) + Bn sin (2πnν0 t)] (3.14)
2 n=1

dove i termini An e Bn rappresentano i pesi relativi alle singole armoniche. Lo spet-


tro di frequenza dell’onda consiste nel grafico a istogramma che mostra le diverse
ampiezze (An e Bn ) rispetto alla frequenza fondamentale e ai suoi multipli.
La serie di Fourier cosı̀ ottenuta può essere utilmente espressa anche in termini
di ampiezza di ciascuna componente Rn e di sfasamento tra l’una e l’altra mediante
angolo di fase φn . Se infatti definiamo

An = Rn cos φn Bn = Rn sin φn (3.15)

sostituendo nell’espressione relativa alla serie di Fourier precedentemente determinata


otteniamo

A0 X
F (t) = + [Rn cos φn cos (2πnν0 t) + Rn sin φn sin (2πnν0 t)]
2 n=1

A0 X
= + [Rn cos (2πnν0 t + φn )]
2 n=1

In questo modo, anziché definire le ampiezze An e Bn di entrambe le funzioni seno


e coseno relative a ciascuna componente, si definisce l’ampiezza Rn di una sola onda
sinusoidale ed il suo angolo di fase. Ciò comporta inoltre due altri vantaggi: permette
di ricavare direttamente l’intensità delle singole componenti (proporzionale a Rn2 ) e di
definire lo sfasamento tra un’armonica e l’altra (se ∆φ = φm − φn = 0◦ le armoniche
m-esima e n-esima sono in fase; se ∆φ = 180◦ le onde sono in opposizione di fase).

3.2.2 Analisi di Fourier


Il procedimento inverso alla sintesi di Fourier è definito analisi di Fourier e consiste
nella decomposizione di una data onda periodica qualsiasi F (t) nelle sue armoniche
costituenti. A tal fine occorre ricavare la frequenza fondamentale ν0 e i coefficienti An
e Bn relativi alle ampiezze delle singole componenti.
3.2. TEOREMA DI FOURIER 49

Il primo problema è di semplice risoluzione in quanto la frequenza fondamentale


ν0 coincide con la frequenza dell’onda F (t) e si ricava quindi direttamente dall’inverso
del periodo della stessa:
1
ν0 = (3.16)
T
La determinazione delle ampiezze relative di ciascuna armonica, ovvero dei co-
efficienti An e Bn , è invece possibile sfruttando la proprietà di ortonormalità delle
funzioni seno e coseno. Tale proprietà afferma che l’integrale di sovrapposizione di
due funzioni sinussoidali (cioè l’integrale del prodotto su un tempo pari ad un periodo
T ), relativo a multipli di una certa frequenza ν0 = 1/T , ha sempre valore nullo a meno
di casi particolari (ovvero se l’integrale si applica al prodotto di una funzione per sé
stessa). Tradotto in forma matematica

2 T
Z 
0 m 6= n
cos (2πnν0 t) · cos (2πmν0 t)dt =
T 0 1 m=n
Z T 
2 0 m 6= n
sin (2πnν0 t) · sin (2πmν0 t)dt =
T 0 1 m=n
Z T
cos (2πnν0 t) · sin (2πmν0 t)dt = 0
0

dove il termine T2 è introdotto come fattore di normalizzazione. Considerando la


funzione d’onda F (t) espressa come serie di Fourier e calcolandone l’integrale di
sovrapposizione con l’m-esima funzione coseno di base si ricava
Z T
F (t) cos (2πmν0 t)dt = (3.17)
0
( ∞
)
T
A0 X
Z
= + [An cos (2πnν0 t) + Bn sin (2πnν0 t)] cos (2πmν0 t)dt =
0 2 n=1
(3.18)
Z T Z T
T
= Am cos2 (2πmν0 t)dt = Am cos2 (2πmν0 t)dt = Am (3.19)
0 0 2
da cui, invertendo la relazione, si ricava un espressione che permette di calcolare l’m-
esimo coeffieciente Am :
2 T
Z
Am = F (t) cos (2πmν0 t)dt (3.20)
T 0
Ripetendo quindi il calcolo per tutte le m frequenze considerate si ricavano tutti i
coefficienti relativi alle armoniche sinusoidali. L’espressione relativa ai coefficienti
delle funzioni seno può essere direttamente ricavata dagli integrali di sovrapposizione
di F (t) con ciascuna componente armonica sinusoidale. Ripetendo gli stessi calcoli
precedenti si ricava allora
Z T
F (t) sin (2πmν0 t)dt = (3.21)
0
( ∞
)
T
A0
Z X
= + [An cos (2πnν0 t) + Bn sin (2πnν0 t)] sin (2πmν0 t)dt =
0 2 n=1
(3.22)
50 CAPITOLO 3. ONDE ELETTROMAGNETICHE

T T
T
Z Z
2
= Bm sin (2πmν0 t)dt = Bm sin2 (2πmν0 t)dt = Bm (3.23)
0 0 2
T
2
Z
⇒ Bm = F (t) sin (2πmν0 t)dt (3.24)
T 0

♠ Esempio: Onda quadra


1
Definiamo un’onda quadra di periodo T = ν0 , data dalla funzione analitica
b b
(
h − 2 <t< 2
F (t) = per ogni periodo (3.25)
0 t < − 2b ∧ t > b
2

Se per comodità fissiamo l’origine del sistema di riferimento in corrispondenza della


metà di un picco la funzione è pari e pertanto nello sviluppo di Fourier tutti i termini
sinusoidali sono nulli, essendo il seno dispari.

Figura 3.1: Esempio di onda quadra nel dominio del tempo.

Occorre allora procedere al calcolo dei coefficienti Am relativi alle sole armoniche
coseno. Applicando la formula precedentemente ricavata si ottiene
1
T
2
Z Z 2ν0
Am = F (t) cos (2πmν0 t)dt = 2ν0 F (t) cos (2πmν0 t)dt (3.26)
T 0 − 2ν1
0

tenendo presente che l’ampiezza della pulsazione è h entro il solo tempo b, mentre
per il resto del periodo la funzione d’onda è nulla possiamo sostituire gli estremi di
integrazione ottenendo
Z b
2
Am = 2ν0 h cos (2πmν0 t)dt (3.27)
− 2b

risolvendo l’integrale e ricordando che sin(−x) = − sin x si ricava


2hν0
Am = [sin (πmν0 b) − sin (−πmν0 b)] =
2πmν0
2h
= sin (πmν0 b) =
πm
sin (πmν0 b)
= 2hν0 b =
πmν0 b
= 2hν0 b · sinc(πmν0 b)
3.2. TEOREMA DI FOURIER 51

La funzione analizzata può essere allora espressa mediante la seguente serie di Fourier:

X
F (t) = hν0 b + 2hν0 b [sinc(πmν0 b) cos (2πmν0 t)] (3.28)
m=1

dove si è posto A0 = 2hν0 b in quanto per m → 0, sinc(πmν0 b) → 1.


Ai fini pratici la sommatoria può essere estesa ad un numero finito di armoniche
secondarie. Tale numero deve però essere sufficientemente grande affinché gli spigoli
dell’onda quadra non risultino troppo smussati.

3.2.3 Rappresentazione in forma complessa


La serie di Fourier può essere espressa in maniera più sintetica facendo ricorso ai
numeri complessi. La conversione dalle grandezze reali sin qui utilizzate a quelle
complesse è possibile in base alle relazioni seguenti:

z = a + ib = |z| cos φ + i|z| sin φ = |z|eiφ


eiφ + e−iφ eiφ − e−iφ
cos φ = sin φ =
2 2i
L’equazione reale della serie di Fourier può allora essere riscritta, operando le dovute
sostituzioni, come equazione a valori complessi:

X
F (t) = [an cos (2πnν0 t) + bn sin (2πnν0 t)] =
n=−∞
∞  
an inθ
X
−inθ
 bn inθ −inθ

= e +e + e −e =
n=−∞
2 2i
∞   ∞  
X an − ibn inθ X an + ibn −inθ
= e + e
n=−∞
2 n=−∞
2

dove si è assunto θ = 2πν0 t. Sostituendo −n con un nuovo indice m si ricava


∞   ∞  
X an − ibn inθ X a−m + ib−m imθ
F (t) = e + e (3.29)
n=−∞
2 m=−∞
2

Dal momento che an = a−n e bn = −b−n , tenendo presente la sostituzione dei


coefficienti An = an + a−n e Bn = bn − b−n , otteniamo
∞  
inθ an
− ibn + a−n + ib−n
X
F (t) = e =
n=−∞
2
∞  
X An − iBn
= einθ =
n=−∞
2

A0 X  inθ 
= + e (An − iBn )
2 n=1
52 CAPITOLO 3. ONDE ELETTROMAGNETICHE

Ricordando che θ = 2πν0 t otteniamo l’equazione complessa attesa:



A0 X  2πinν0 t 
F (t) = + e (An − iBn ) = (3.30)
2 n=1

A0 X  2πinν0 t 
= + e Cn (3.31)
2 n=1

in cui Cn = An − iBn è il coefficiente complesso della serie di Fourier cosı̀ definita


rappresenta la nuova ampiezza di ciascuna armonica componente.
Tramite il coefficiente Cn possiamo ricavare in modo diretto le informazioni rel-
ative all’ampiezza Rn di ciascuna componente e al suo sfasamento φn : la prima cor-
risponde infatti al modulo di Cn mentre la seconda consiste nel suo argomento
 
p
2 2
Bn
Rn = An + Bn φn = arctan − (3.32)
An
Ricordando le espressioni ottenute per la determinazione di An e Bn risulta imme-
diato ottenere un’analoga espressione per Cn :

2 T 2 T
Z Z
Cn = An − iBn = F (t) cos(2πnν0 t)dt − i F (t) sin(2πnν0 t)dt =
T 0 T 0
2 T
 2πinν0 t
+ e−2πinν0 t e2πinν0 t − e−2πinν0 t

e
Z
= F (t) −i dt =
T 0 2 2i
Z T
2
= F (t)e−2πinν0 t dt (3.33)
T 0

3.2.4 Trasformata di Fourier


Come abbiamo visto nel paragrafo precedente, è possibile stabilire una corrispondenza
biunivoca fra le funzioni periodiche F (t) e i coefficienti {Cn } (o {An , Bn }). Infatti,
definito un insieme di {Cn }, è possibile costruire una e una sola F (t) attraverso l’e-
quazione (3.31). Allo stesso modo, l’insieme dei coefficienti {Cn }, ricavati a partire
dall F (t) attraverso l’equazione (3.33), è univocamente definito. Ricordiamo che co-
efficienti {Cn } sono i pesi da attribuire alle funzioni exp(−2πinν0 t) nella sintesi di
Fourier, ossia alle funzioni sinussoidali di frequenza nν0 . Possiamo quindi dire che
le equazioni (3.31) e (3.33) mi definiscono una relazione fra lo spazio delle frequenze
e quello dei tempi. Ossia, possiamo rappresentare la funzione F (t) anche attraverso
i suoi coefficienti {Cn }. Attraverso il calcolo dei Cn operiamo quindi una ‘trasfor-
mazione’ della funzione dalla sua rappresentazione nello spazio dei tempi a quella
nello spazio delle frequenze. Tale operazione viene chiemata trasformata di Fourier.
Se la funzione è periodica, le frequenze della trasformata di Fourier solo solamente
multipli interi della frequenza principale ν0 , ciascuna pesata con un peso Cn . Possiamo
tradurre questa informazione attraverso il concetto di spettro, indicato con Φ(ν) ≡
A(ν), ossia l’istogramma dei pesi delle funzioni sinussoidali in funzione della loro
frequenza (vedi figura 3.2).
Il metodo della trasformata di Fourier è di carattere del tutto generale e può essere
applicato sia al caso di funzioni F (t) periodiche, ottenendo una funzione Φ(ν) che
3.2. TEOREMA DI FOURIER 53

Figura 3.2: Funzione periodica e spettro della sua trasformata di Fourier.

rappresenta lo spettro a righe già descritto, che aperiodiche, definendo una funzione
Φ(ν) continua. L’espressione generale di Φ(ν) per una funzione aperiodica può essere
ricavata a partire della serie di Fourier passando al limite per variazioni di frequenza
infinitesime (ν → 0) e quindi per T → ∞. In questo modo è possibile trattare an-
che funzioni F (t) aperiodiche come un caso limite di quelle periodiche (per ν → 0
infatti le armoniche componenti costituiscono una distribuzione continua di frequen-
ze). Effettuando l’operazione di limite descritta la serie di Fourier assume la forma di
un’integrale:

X
F (t) = lim [an cos (2πnν0 t) + bn sin (2πnν0 t)] =
ν→0
n=−∞
Z ∞ Z ∞
= [a(ν)dν cos (2πνt)] + [b(ν)dν sin (2πνt)] =
−∞ −∞
Z ∞
= r(ν) cos (2πνt + φ(ν)) dν
−∞

Ricorrendo alla notazione complessa l’espressione precedentemente ottenuta può es-


sere riformulata in modo più semplice:
Z ∞ Z ∞
e2πiνt + e−2πiνt e2πiνt − e−2πiνt
F (t) = a(ν) dν + b(ν) dν = (3.34)
−∞ 2 −∞ 2i
Z ∞
e2πiνt + e−2πiνt e2πiνt − e−2πiνt

= a(ν) − ib(ν) dν = (3.35)
−∞ 2 2
Z ∞ Z ∞
2πiνt
= [a(ν) − ib(ν)] e dν = Φ(ν)e2πiνt dν (3.36)
−∞ −∞

La relazione ottenuta è sempre invertibile e pertanto è possibile ricavare un’espres-


sione esplicita della funzione Φ(ν), definita trasformata di Fourier della funzione
F (t). Anche F (t) può essere equivalentemente definita come trasformata di Fouri-
er della funzione Φ(ν) e pertanto le due funzioni costituiscono una coppia di Fourier
54 CAPITOLO 3. ONDE ELETTROMAGNETICHE

cosı̀ definita:
Z ∞
Φ(ν) = F (t)e−2πiνt dt
−∞
Z ∞
F (t) = Φ(ν)e2πiνt dν
−∞

La relazione qui riportata è del tutto generale nel senso che t e ν possono essere due
variabili qualsiasi. Essa sancisce, in particolare, una relazione di intima corrispondenza
tra tali variabili al punto che esse si possono correttamente definire come variabili coni-
ugate. In definitiva la trasformazione di Fourier comporta una corrispondenza biunivo-
ca tra lo spazio dei tempi e quello delle frequenze consentendo, tramite le trasformate,
di passare direttamente dall’uno all’altro:

Φ(ν) ⇐⇒ F (t) (3.37)

Dal punto di vista pratico si può notare che, in generale, anche se F (t) è reale,
Φ(ν) può essere sia reale che complessa. Per evitare che Φ(ν) sia definita da una parte
immaginaria è necessario allora che F (t) sia simmetrica pari (F (−t) = F (t)), ovvero
che essa contenga solamente termini coseno:
Z ∞
F (t) = a(ν) cos (2πνt) dν (3.38)
−∞

In questo caso allora la trasformata Φ(ν) è semplicemente definita in termini reali come
Z ∞
Φ(ν) = a(ν) = F (t) cos (2πνt) dt (3.39)
−∞

3.3 Analisi di Fourier di onde elettromagnetiche


Grazie all’introduzione del teorema di Fourier risulta possibile considerare una gener-
ica funzione G(x − vt), soluzione dell’equazione delle onde elettromagnetiche, del
tipo (3.11), come sovrapposizione di un opportuno numero di onde piane sinusoidali.
Tale passaggio permette allora di definire l’evoluzione complessiva dell’onda come
sovrapposizione dei comportamenti relativi a ciascuna componente.
Assumiamo per semplicità di avere a che fare con un’onda elettromagnetica polar-
izzata linearmente secondo l’asse y di un dato sistema di riferimento e diretta lungo
l’asse x. Tale ipotesi non limita la validità delle nostre considerazioni in quanto un’on-
da non polarizzata può essere comunque descritta come composizione di due onde
polarizzate orientate lungo due assi ortogonali e caratterizzate da medesima ampiezza
e differenza di fase casuale. Il campo elettrico associato all’onda polarizzata può allora
essere descritto come

E(x, t) = Ey1 (x − vt) + Ey2 (x + vt) (3.40)

Come già notato quindi la soluzione è definita da una funzione qualsiasi applicata al-
la coordinata spaziale u = x ± vt. Tuttavia, spesso è particolarmente utile definire
3.3. ANALISI DI FOURIER DI ONDE ELETTROMAGNETICHE 55

la dipendenza funzionale dell’onda da una coordinata temporale che può essere cosı̀
ottenuta:
u x
t′ = = ± t (3.41)
v v
Se limitiamo la nostra analisi al caso di un’onda progressiva, che si propaga lungo la
sola direzione positiva, possiamo esprimere il campo elettrico come

E(x, t) = Ey (x − vt) = Ey (t′ ) (3.42)

ovvero otteniamo una relazione che lega il campo al tempo e ciò permette di descri-
vere l’onda rispetto allo spazio delle frequenze, mediante calcolo della corrispondente
trasformata di Fourier:

E(x, t) = Ey (x − vt) = Ey (t′ ) ⇐⇒ fy (ν) (3.43)
Z ∞


Ey (t ) = fy′ e2πiνt dν (3.44)
−∞
ω
Introducendo le grandezze ω = 2πν e k = v si ottiene

fy′ e2πiνt = fy′ eiω( v −t) = fy′ ei(kx−ωt)


′ x
(3.45)

Il campo E(x, t) è quindi esprimibile come sovrapposizione di onde piane sinussoidali


del tipo G(x, t) = E0 exp(ikx− iωt). Si noti in particolare che, anche se l’espressione
ottenuta prevede valori complessi, ciò che ha significato fisico è la sola parte reale. Per
ciascuna componente fissato un punto x dello spazio si ricava una funzione sinusoidale
ω
di frequenza ν = 2π ; definito invece un certo istante t si ricava una sinusoide di
lunghezza d’onda λ = 2π k . Ricercando i punti in fase, relativi ad una data componente
di Fourier, soddisfacenti le relazioni

sin (kx − ωt) = 0 cos (kx − ωt) = 1 (3.46)

si richiede la condizione

kx − ωt = 2nπ
n ω
xn = + t
k k
xn = nλ + vt

dove n rappresenta il numero del punto considerato rispetto alla lunghezza d’onda e
v = ωk = λν è la velocità di propagazione dell’onda.

3.3.1 Sovrapposizione di onde elettromagnetiche


Quando un’onda elettromagnetica non è monocromatica essa risulta definita da più
componenti di Fourier, ciascuna caratterizzata da una certa frequenza. Poiché tutte
le componenti cromatiche dell’onda si propagano nella stessa direzione, esse sono
sovrapposte le une alle altre determinando l’onda elettromagnetica risultante. Per os-
servare in modo semplificato gli effetti di sovrapposizione limitiamo la nostra atten-
zione alla propagazione di un campo elettrico oscillante definito da due componenti

E(x, t) = E1 (x, t) + E2 (x, t) (3.47)


56 CAPITOLO 3. ONDE ELETTROMAGNETICHE

entrambe caratterizzate dalla medesima ampiezza E0


E1 (x, t) = E0 sin (k1 x − ω1 t) E2 (x, t) = E0 sin (k2 x − ω2 t) (3.48)
   
Sfruttando la formula di Werner (sin α + sin β = 2 cos α−β 2 sin α+β2 ) possiamo
scrivere il campo elettrico risultante dalla sovrapposizione come
E(x, t) = E0 sin (k1 x − ω1 t) + E0 sin (k2 x − ω2 t) =
   
(k1 − k2 )x − (ω1 − ω2 )t (k1 + k2 )x − (ω1 + ω2 )t
= 2E0 cos sin
2 2
Se le due componenti non differiscono di molto tra loro né per frequenza (ω1 = ω2 +
dω) né per lunghezza d’onda (k1 = k2 + dk) si ottiene
   
dk · x − dω · t 2k1 + dk 2ω1 + dω
E(x, t) = 2E0 cos sin x− t ≈
2 2 2
 
dk · x − dω · t
≈ 2E0 cos sin (k1 x − ω1 t)
2

Figura 3.3: Somma di due onde sinussoidali E1 ed E2

Osservando la formula ottenuta si può facilmente notare che essa consiste nel
prodotto della prima componente per un termine modulante legato alla differenza tra le
due componenti:
 
x · dk − t · dω
E(x, t) = 2 cos E1 (x, t) (3.49)
2
Onde modulate secondo le modalità descritte dando luogo al fenomeno dei battimenti.
Nel caso di sovrapposizione qui descritto occorre allora introdurre una distinzione sui
termini di velocità: la velocità con cui le singole componenti dell’onda si propagano
è detta velocità di fase e, in un dato mezzo di permettività elettrica ε e permeabilità
magnetica µ è pari a
ω 1
vf = = √ ; (3.50)
k εµ
la velocità con cui si muove il termine modulante è invece detta velocità di gruppo ed
è definita come

vg = (3.51)
dk
Anche se in generale vg 6= vf , nel nel vuoto le due velocità sono uguali. Un mezzo
per il quale invece le due velocità differiscono prende il nome di mezzo dispersivo e
comporta un’alterazione della forma dell’onda ottenuta dalla sovrapposizione di due o
più onde sinussoidali (detta anche pacchetto d’onde) a mano a mano che essa si propaga
nello spazio.
3.3. ANALISI DI FOURIER DI ONDE ELETTROMAGNETICHE 57

3.3.2 Equazione d’onda in forma vettoriale


Fino ad ora abbiamo sempre descritto la propagazione di onde elettromagnetiche piane
attraverso la comoda scelta di un sistema di assi cartesiani, orientato in modo tale che
l’asse x coincida con la direzione di propagazione. In questo modo risulta possibile
definire il campo in funzione della quantità scalare x − vt. Quando tuttavia si vuole
descrivere il comportamento di un’onda in moto in uno spazio definito da una terna
cartesiana qualsiasi, in generale, nessun asse è parallelo alla direzione di propagazione
dell’onda e pertanto essa deve essere descritta in termini vettoriali. Detto k̂ il versore di
propagazione, corrispondente alla direzione su cui si muove l’onda, e fissati due punti
qualsiasi lungo il percorso dell’onda, individuati rispetto all’origine mediante i vettori
r e r0 possiamo esprimere lo spostamento da un punto all’altro, lungo la direzione di
propagazione, come
xk̂ = r − r0 (3.52)
Alla luce di questa relazione l’argomento della funzione dell’onda piana può essere
espresso in termini vettoriali:

1
x ± vt = k̂ · (r − r0 ) ± vt = (k · r ± kvt) − k̂ · r0 (3.53)
k

Il vettore k è detto vettor d’onda, ha modulo k = ωv = 2π λ e direzione e verso co-


incidenti con quelli di propagazione dell’onda. Tenendo presente il fatto che il punto
individuato da r0 è arbitrario, il prodotto k̂·r0 è costante cosı̀ come k, il campo elettro-
magnetico sarà dipendente dalla quantità k·r±kvt = k·r±ωt. Occorre inoltre prestare
attenzione al fatto che nel nuovo sistema di riferimento considerato il campo elettrico
E non oscilla più su un asse specificato ma sarà in generale sempre perpendicolare alla
direzione di propagazione ovvero al vettor d’onda k:

E(r, t) ⊥ k ⇒ E(r, t) · k = 0 (3.54)

In base a questa ipotesi otteniamo allora che per una data componente sinusoidale della
generica onda elettromagnetica il campo elettrico ǫ oscilla secondo l’equazione

E(r, t) = E0 ei(k·r−ωt) (3.55)

di cui solo la parte reale ha significato fisico. Risulta infine possibile caratterizzare an-
che il campo magnetico H associato all’onda elettromagnetica data, tenendo presente,
mediante introduzione di un prodotto vettoriale, che esso deve essere perpendicolare
sia alla direzione di propagazione, definita da k̂, sia a quella del campo elettrico E1 :

ε
r
H= k̂×E (3.56)
µ

Sfruttando la definizione di k il campo magnetico H può essere anche espresso come

εk εv ε 1 1
r r r
H= ×E = k×E = √ k×E = k×E (3.57)
µk µω µ ω εµ µω

1 Vedi sezione 3.1.1


58 CAPITOLO 3. ONDE ELETTROMAGNETICHE

Figura 3.4: Un’onda incidente (E) sulla supeficie di separazione fra due mezzi dà
orgine a un’onda riflessa (E”) e una rifratta (E’)

3.4 Fenomeni di riflessione e rifrazione

Quando un’onda elettromagnetica incide sulla superficie di separazione di due mezzi,


in corrispondenza della superficie di separazione si verificano effetti di riflessione e di
rifrazione. Infatti, solo una parte dell’energia iniziale verrà rifratta, penetrando quindi
nel secondo mezzo. La parte restante di energia rimane invece all’interno del mezzo di
provenienza determinando il fenomeno della riflessione. La determinazione delle carat-
teristiche di questi fenomeni è possibile utilizzando le leggi fondamentali di Maxwell,
in particolare sfruttando le condizioni al contorno relative ai campi elettromagnetici.
Come già sottolineato più volte la descrizione del comportamento di una qualsiasi
onda elettromagnetica può essere resa più semplice attraverso la sua decomposizione
nelle componenti di Fourier corrispondenti. In questo modo, risulta possibile analizzare
i fenomeni di riflessione e rifrazione relativi alle singole componenti e poi, eventual-
mente, ricavare l’equazione generale delle onde riflesse e rifratte, mediante integrale di
sovrapposizione delle singole soluzioni ottenute.

3.4.1 Leggi di Snell

Le informazioni relative alle direzioni di propagazione dei raggi riflesso e rifratto pos-
sono essere ottenute ricavando le leggi di Snell. Per schematizzare i fenomeni suddetti
assumiamo una superficie piana S di separazione tra due mezzi dielettrici differenti
e consideriamo un raggio d’onda incidente di lunghezza d’onda molto minore del-
l’estensione dell’interfaccia. Fissiamo un sistema di riferimento avente origine sulla
superficie S e definito in modo che due degli assi cartesiani giacciano sul piano cor-
rispondente a S e il terzo sia parallelo alla normale alla superficie S stessa. Ricorrendo
alla rappresentazione vettoriale delle onde elettromagnetiche incidente, riflessa e rifrat-
ta, nell’ipotesi di singole componenti piane e sinusoidali possiamo esprimere i campi
3.4. FENOMENI DI RIFLESSIONE E RIFRAZIONE 59

corrispondenti come

E = E0 ei(k·r−ωt)
′ ′
E ′
= E′0 ei(k ·r−ω t)
′′
·r−ω ′′ t)
E′′ = E′′0 ei(k

dove la notazione senza apici si riferisce all’onda incidente, quella con un apice (′ )
corrisponde all’onda rifratta mentre le grandezze con due apici (′′ ) sono relative al-
l’onda riflessa. Se consideriamo le condizioni al contorno ricavate dalle equazioni di
Maxwell possiamo affermare che la componente tangenziale del campo elettrico rela-
tivo alle onde presenti nel primo mezzo (l’onda incidente e quella riflessa) si conserva
al passaggio nel secondo mezzo (cioé nell’onda rifratta):

Et + Et′′ = Et′

Affinché l’uguaglianza sia soddisfatta, per ogni scelta dell’origine dei tempi e del sis-
tema di rifermento, i termini esponenziali coinvolti devono essere necessariamente
identici. La validità della relazione per qualunque origine dell’asse dei tempi implica
quindi che
ω = ω ′ = ω ′′ (3.58)
il che significa che in seguito ai fenomeni di riflessione e rifrazione l’onda mantiene
inalterata la sua frequenza originaria. Per ottenere la validità dell’uguaglianza con-
siderata relativamente a qualunque sistema di riferimento spaziale si richiede inoltre
che
k · r = k′ · r = k′′ · r (3.59)
Se ridefinisco il sistema di riferimento cartesiano in modo da collocare l’origine lun-
go la retta di intersezione tra l’interfaccia S dei mezzi ed il piano normale al raggio
incidente e passante per il punto di incidenza, il vettore posizione r che individua il
punto di incidenza rispetto all’origine data è perpendicolare al vettore d’onda k, cor-
rispondente alla direzione del raggio incidente e pertanto, considerando l’uguaglianza
precedentemente ottenuta si ricava

k⊥r ⇒ k · r = k′ · r = k′′ · r = 0 (3.60)

il che permette di concludere che i tre raggi incidente, riflesso e rifratto sono tutti
perpendicolari alla direzione del vettore posizione r e giacciono tutti su uno stesso
piano. Anche la normale n alla superficie di incidenza è perpendicolare a r, essendo
quest’ultimo un vettore di S cui n è normale per definizione:

n⊥r ⇒ n·r= 0 (3.61)

Anche n giace quindi nel piano in cui sono contenuti i raggi d’onda considerati. Tale
piano è pertanto caratteristico dei fenomeni di riflessione e rifrazione di onde elettro-
magnetiche all’interfaccia di separazione fra due mezzi materiali ed è detto piano di
incidenza. Possiamo allora enunciare la prima delle leggi di Snell: i raggi incidente,
riflesso e rifratto e la normale all’interfaccia appartengono ad uno stesso piano. Nel
caso particolare di incidenza normale i vettori k, k′ , k′′ e n sono collocati sulla stessa
retta e pertanto il piano di incidenza non è univocamente definito ma è un qualunque
piano normale a S, contenente la direzione di tali vettori.
Per definire le posizioni reciproche dei raggi relativamente al fenomeno di incidenza
60 CAPITOLO 3. ONDE ELETTROMAGNETICHE

obliqua occorre modificare opportunamente il sistema di riferimento considerato, come


mostrato in figura: fissata l’origine in un qualsiasi punto della superficie S si orienta
l’asse x parallelamente al piano di incidenza e l’asse y parallelo alla normale n. Le
direzioni dei raggi incidente, riflesso e rifratto, sul piano di incidenza possono allora
essere definite, rispettivamente, mediante gli angoli θ, θ′ e θ′′ , riferiti alla direzione di
n.

Figura 3.5: Schema posizione origine nuovi assi rispetto alla superficie di separazione
e al piano d’incidenza.

In base al sistema di coordinate cosı̀ riportato i vettori r, k, k′ e k′′ possono essere


descritti come

r = hx, 0, zi k = hk sin θ, −k cos θ, 0i


′ ′ ′ ′ ′
k = hk sin θ , −k cos θ , 0i k′′ = hk ′′ sin θ′′ , k ′′ cos θ′′ , 0i

dove i vettori d’onda sono stati collocati in modo da avere origine dal punto di inciden-
za. Calcolando i prodotti scalari considerati otteniamo

k·r = k sin θx

k ·r = k ′ sin θ′ x
k′′ · r = k ′′ sin θ′′ x

Tenendo presente che k = k ′′ = ωv = ω µ1 ε1 in quanto entrambi i vettori sono riferiti
allo stesso mezzo di propagazione, uguagliando tra la loro i due prodotti scalari relativi
ai raggi incidente e riflesso, in base a quanto detto sopra, è possibile ricavare la legge
di Snell relativa alla riflessione:

k·r = k′′ · r
k sin θx = k ′′ sin θ′′ x
sin θ = sin θ′′

⇒ θ = θ′′ (3.62)
3.4. FENOMENI DI RIFLESSIONE E RIFRAZIONE 61

dal momento che sia θ che θ′′ sono minori di π/2. Si è allora dimostrato che raggio
incidente e riflesso formano angoli uguali rispetto alla normale nel punto di incidenza.
Per ottenere la legge di Snell relativa ai fenomeni di rifrazione occorre introdurre
l’indice di rifrazione del mezzo, ovvero il rapporto tra la velocità di un’onda elettro-
magnetica nel vuoto (c) e la velocità effettiva (v) di propagazione nel mezzo consider-
ato:
c 1 √
n= = √ · µε (3.63)
v µ0 ε0
Occorre notare, in particolare, che poiché la costante dielettrica del mezzo ε è in gen-
erale sensibilmente dipendente dalla frequenza del campo elettromagnetico consider-
ato, l’indice di rifrazione sarà anch’esso variabile con la frequenza della radiazione
√ √
incidente. Ricordando che, per definizione, k = ωv = ω µ1 ε1 e k ′ = vω′ = ω µ2 ε2
possiamo eguagliare tra loro i prodotti scalari relativi all’onda incidente e a quella
rifratta, ottenendo

k·r = k′ · r
k sin θx = k ′ sin θ′ x
√ √
ω µ1 ε1 sin θ = ω µ2 ε2 sin θ′
√ √
µ1 ε1 sin θ = µ2 ε2 sin θ′
√ √ √
sin θ µ2 ε2 µ2 ε2 µ0 ε0 n2
⇒ ′
= √ = √ ·√ = (3.64)
sin θ µ1 ε1 µ1 ε1 µ0 ε0 n1
L’ultima uguaglianza ottenuta corrisponde alla legge di rifrazione di Snell: raggio in-
cidente e raggio rifratto formano angoli rispetto alla normale, tali per cui il rapporto tra
i loro seni è pari al reciproco del rapporto degli indici di rifrazione dei rispettivi mezzi
di propagazione.

3.4.2 Leggi di Fresnel


Per ottenere informazioni quantitative relativamente alle intensità dei raggi riflesso e
rifratto, in confronto a quella del raggio incidente, occorre definire la relazione quanti-
tativa che sussiste tra i corrispondenti campi elettromagnetici. Tale risultato è espresso
dalle leggi di Fresnel e può essere ricavato sfruttando le leggi di Snell, precedentemente
ottenute, e le condizioni al contorno relative alle equazioni di Maxwell, riferite ai tre
raggi incidente, riflesso e rifratto:

Et + Et′′ = Et′ Ht + Ht′′ = Ht′ (3.65)

dove per la condizione relativa alla conservazione della componente tangenziale di H


si è assunta l’assenza di correnti pellicolari.
Per ottenere le informazioni ricercate consideriamo per semplicità onde polarizzate
linearmente. Tale assunzione non limita la validità generale delle leggi ricercate in
quanto un’onda non polarizzata è comunque esprimibile mediante sovrapposizione di
due onde polarizzate mutuamente perpendicolari, con relazione di fase casuale. Per
poter valutare il comportamento generale di un’ onda elettromagnetica consideriamo
allora i due casi limite possibili che corrispondono ad un posizionamento del piano di
polarizzazione rispettivamente perpendicolare e parallelo al piano di incidenza. Tutti i
casi intermedi saranno allora ottenuti mediante opportuna combinazione di questi due
casi estremi.
62 CAPITOLO 3. ONDE ELETTROMAGNETICHE

Relativamente ai due casi considerati, particolare attenzione va riposta alle relazioni


di fase tra i campi coinvolti: mentre il campo rifratto è sempre in fase con il campo in-
cidente, nella riflessione, in opportune condizioni, si può assistere ad una inversione
di fase del campo riflesso rispetto a quello incidente. Se si considera il caso dell’onda
polarizzata nella direzione perpendicolare al piano di incidenza, il fenomeno di sfasa-
mento dipende eslusivamente dal rapporto tra gli indici di rifrazione dei due mezzi
considerati: se l’onda si propaga da un mezzo otticamente meno denso ad uno più
denso (n2 > n1 ), cioè se θ > θ′ , il campo elettrico riflesso E′′ è in controfase con il
campo incidente E; in caso contrario (per n2 < n1 ) i due campi sono in fase tra loro.
Se l’onda elettromagnetica considerata è invece polarizzata parallelamente al piano di
incidenza, l’eventuale sfasamento è legato sia al rapporto tra gli indici di rifrazione che
al valore dell’angolo di incidenza: E ed E′′ sono in opposizione di fase se n2 > n1 e
θ + θ′ < 90◦ oppure se n2 < n1 ma θ + θ′ > 90◦ ; negli altri casi la fase del campo
riflesso coincide con quella del campo rifratto. Nelle figure seguenti le relazioni di fase
sono definite rispetto a queste regole; il fatto di considerare casi specifici non costi-
tuisce limitazione delle relazioni che si otterranno in quanto esse presentano validità
generale.
Limitandoci alla propagazione di onde nei dielettrici possiamo semplificare l’e-
spressione degli indici di rifrazione assumendo che le permeabilità magnetiche siano
pressoché uguali alla permeabilità del vuoto: µ1 ≈ µ2 ≈ µ0 . Allora
r
c 1 √ ε
n= = √ · µε ≈ (3.66)
v µ0 ε0 ε0

La legge di rifrazione di Snell può quindi essere espressa come



n2 sin θ ε2
= ≈ √ (3.67)
n1 sin θ′ ε1

Piano di polarizzazione perpendicolare al piano di incidenza

Avendo definito il piano di polarizzazione perpendicolare al piano di incidenza il cam-


po elettrico corrispondente è per definizione parallelo all’interfaccia tra i materiali ed
è quindi interamente tangenziale. In base alla condizione al contorno relativa ad E
possiamo allora scrivere

Et + Et′′ = Et′ ⇒ E + E ′′ = E ′ (3.68)

Considerando invece il campo magnetico le sue componenti tangenziali alla superficie


di separazione tra i mezzi possono essere ricavate sfruttando gli angoli di incidenza,
riflessione e rifrazione:

Ht + Ht′′ = Ht′ ⇒ H cos θ − H ′′ cos θ′′ = H ′ cos θ′ (3.69)

Poiché
q il campo magnetico H è legato al campo elettrico E dalla relazione H =
ε
µ k̂ × E, tenendo presente che nell’onda elettromagnetica E, k̂ e H sono mutu-
amente perpendicolari, possiamo riscrivere la relazione precedente in funzione del
3.4. FENOMENI DI RIFLESSIONE E RIFRAZIONE 63

Figura 3.6: Riflessione e rifrazione al confine fra due mezzi dielettrici. L’onda in-
cidente è lineramente polarizzata con il campo elettrico perpendicolare al piano di
incidenza.

campo elettrico:
ε1 ε1 ′′ ε2 ′
r r r
E cos θ − E cos θ′′ = E cos θ′
µ1 µ1 µ2
ε1 ε2 ′
r r
(E − E ′′ ) cos θ = E cos θ′
µ0 µ0

ε2 cos θ′
E − E ′′ = √ E′
ε1 cos θ

dove per le legge di riflessione di Snell si è posto θ′′ = θ e si è inoltre sfruttata l’ap-
prossimazione µ1 ≈ µ2 ≈ µ0 . Applicando la legge di rifrazione di Snell (definita
rispetto all’approssimazione introdotta) all’equazione precedente otteniamo allora
cos θ′ sin θ
E − E ′′ = E ′ (3.70)
cos θ sin θ′
Le ampiezze relative dei campi elettrici riflesso e rifratto possono essere allora ottenute
risolvendo il sistema
 E + E ′′ = E ′

′ (3.71)
 E − E ′′ = E ′ cos θ sin θ
cos θ sin θ′
da cui si ricava, svolgendo i calcoli opportuni
2 sin θ′ cos θ sin(θ′ − θ)
E′ = E E ′′ = E (3.72)
sin(θ′ + θ) sin(θ′ + θ)

Piano di polarizzazione parallelo al piano di incidenza


In base alla definizione del piano di polarizzazione, la condizione al contorno relativa
al campo elettrico può essere espressa sfruttando gli angoli di incidenza, riflessione e
64 CAPITOLO 3. ONDE ELETTROMAGNETICHE

Figura 3.7: Riflessione e rifrazione al confine fra due mezzi dielettrici. L’on-
da incidente è lineramente polarizzata con il campo elettrico parallelo al piano di
incidenza.

rifrazione, tenendo inoltre presente che θ′′ = θ:

Et + Et′′ = Et′ ⇒ E cos θ + E ′′ cos θ′′ = E ′ cos θ′


cos θ′
E + E ′′ = E′
cos θ
Considerando invece il campo magnetico, esso risulta orientato secondo la di-
rezione tangenziale all’interfaccia e quindi

Ht + Ht′′ = Ht′ ⇒ H − H ′′ = H ′ (3.73)

Considerando
q la relazione che lega il campo magnetico H al campo elettrico E (H =
ε
µ k̂ × E) e tenendo presente che nell’onda elettromagnetica E, k̂ e H sono mu-
tuamente perpendicolari, possiamo riscrivere la relazione precedente in funzione del
campo elettrico:

ε1 ε1 ′′ ε2 ′
r r r
E− E = E
µ1 µ1 µ2
ε1 ε2 ′
r r
′′
(E − E ) = E
µ0 µ0

ε2
E − E ′′ = √ E ′
ε1

dove si è sfruttata l’approssimazione µ1 ≈ µ2 ≈ µ0 . Sostituendo la legge di rifrazione


di Snell (definita rispetto all’approssimazione introdotta) nell’equazione precedente si
ricava
sin θ
E − E ′′ = E ′ (3.74)
sin θ′
Le ampiezze relative dei campi elettrici riflesso e rifratto sono ottenute quindi dalla
3.4. FENOMENI DI RIFLESSIONE E RIFRAZIONE 65

risoluzione del sistema


cos θ′

 E + E ′′ = E ′


cos θ
(3.75)
 E − E ′′ = E ′ sin θ


sin θ′
da cui si ricava, svolgendo i calcoli opportuni

2 sin θ′ cos θ tan(θ′ − θ)


E′ = E E ′′ = E (3.76)
sin(θ′ + θ) cos(θ′ − θ) tan(θ′ + θ)

Coefficienti di Riflessione e Trasmissione


Definiamo intensità di un’onda elettromagnetica il flusso medio di energia relativo ad
una superficie unitaria per unità di tempo. Tale grandezza è definita come un’ener-
gia media, e non istantanea, in quanto la frequenza di un’onda elettromagnetica è in
genere alquanto elevata (dell’ordine di 1015 Hz) e quindi le sue fluttuazioni non sono
percepibili; ciò che viene in effetti rilevato è allora il valore medio delle oscillazioni.
Ricordando la definizione del vettore di Poynting N come flusso istantaneo di energia,
possiamo allora esprimere l’intensità di un’onda elettromagnetica rispetto ad una su-
perficie unitaria qualsiasi come il valor medio di N proiettato lungo la normale n̂ alla
superficie data:
1
I =<N> ·n̂ =<E×H> ·n̂ = EH k̂ · n̂ (3.77)
2
dove si è assunto che per un’onda elettromagnetica piana E ed H sono per definizione
perpendicolari tra loro e alla direzione di propagazione k̂ e sono entrambi funzioni
sinusoidali del tempo (da cui deriva che il prodotto tra di essi comporta un termine
sin2 la cui media su un tempo sufficientemente grande da rendere trascurabili eventuali
frazioni di periodo è pari a 1/2).
Definiamo allora coefficiente di trasmissione T il rapporto tra l’intensità dell’onda
rifratta e quella dell’onda incidente, calcolate rispetto alla normale n̂ alla superficie di
interfaccia tra i due mezzi considerati:

1 ′ ′ ′ ε
E ′ √µ22 E ′ cos θ′ √
I′ 2 E H k̂ · n̂ E ′2 cos θ′ ε2 E ′2 cos θ′ sin θ
T = = = √ ≈ √ =
I 1
2 EH k̂ · n̂
ε
E √µ11 E cos θ E 2 cos θ ε1 E 2 cos θ sin θ′
(3.78)
dove ci si è avvalsi dell’approssimazione µ1 ≈ µ2 ≈ µ0 e della legge di rifrazione di
Snell.
Analogamente possiamo definire coefficiente di riflessione R il rapporto tra l’inten-
sità dell’onda riflessa e quella dell’onda incidente, riferite alla normale n̂ alla superficie
S:

ε
I ′′ 1 ′′ ′′ ′′ E ′′ √µ11 E ′′ cos θ′′ E ′′2 cos θ E ′′2
2 E H k̂ · n̂
R= = 1
= √
ε
= 2
= 2 (3.79)
I 2 EH k̂ · n̂ E √µ11 E cos θ E cos θ E

dove si è fatto uso della legge di riflessione di Snell.


Le espressione di T e R ottenute sono del tutto generali e non dipendono dalla po-
larizzazione dei campi, né dalle relazioni di fase tra di essi. Poiché una qualsiasi onda
elettromagnetica può essere espressa come sovrapposizione di due componenti polar-
izzate su direzioni ortogonali, noti i coefficienti T ed R per tali direzioni estreme, tutti
66 CAPITOLO 3. ONDE ELETTROMAGNETICHE

i casi intermedi possono essere descritti mediante loro opportune combinazioni. Rifer-
endoci allora ai due casi particolari precedentemente illustrati otteniamo, combinando
le equazioni (3.78) e (3.79) con le equazioni (3.72) e (3.76),
1. Piano di polarizzazione perpendicolare al piano di incidenza

sin(2θ′ ) sin(2θ) sin2 (θ′ − θ)


T⊥ = R⊥ = (3.80)
sin2 (θ′ + θ) sin2 (θ′ + θ)

2. Piano di polarizzazione parallelo al piano di incidenza

sin(2θ′ ) sin(2θ) tan2 (θ′ − θ)


T// = 2 R// = (3.81)
sin (θ′ + θ) cos2 (θ′ − θ) tan2 (θ′ + θ)

Analizzando le equazioni ottenute possiamo innanzitutto notare che i coefficienti di


trasmissione e riflessione sono differenti a seconda della polarizzazione e, pertanto, se
l’onda incidente sulla superficie di interfaccia tra i due mezzi non è caratterizzata da al-
cuna polarizzazione, le corrispondenti onde riflessa e rifratta presenteranno comunque
un certo grado di polarizzazione dovuto al fatto che le due componenti polarizzate con
cui può essere schematizzata l’onda incidente non si ripartiscono in ugual misura tra i
raggi riflesso e rifratto.
In particolare, si può osservare che nel caso di incidenza tale per cui θ + θ′ = 90◦
la componente dell’onda il cui piano di polarizzazione è parallelo al piano di incidenza
non subisce alcuna riflessione ma viene totalmente rifratta. L’onda elettromagnetica
riflessa complessivamente è quindi privata delle componenti in cui il campo elettrico
oscilla sul piano di incidenza ed è caratterizzata pertanto dalle sole componenti il cui
piano di polarizzazione è perpendicolare: l’onda riflessa è quindi linearmente polariz-
zata in direzione perpendicolare al piano di incidenza. Parimenti, l’onda rifratta sarà
caratterizzata maggiormente dalle componenti il cui campo è sul piano di incidenza,
in quanto queste sono interamente trasmesse: essa è quindi parzialmente polarizzata in
direzione parallela al piano di incidenza stesso. Per determinare l’angolo di incidenza
θB , detto angolo di Brewster che determina questo fenomeno di polarizzazione per
riflessione si sfrutta la legge di rifrazione di Snell, imponendo la condizione che lega
l’angolo di incidenza e l’angolo rifratto:

n2 sin θB sin θB sin θB


= = = = tan θB (3.82)
n1 sin θ′ sin(90◦ − θB ) cos θB
n2
⇒ θB = arctan (3.83)
n1
Tanto più la radiazione incidente si avvicina a θB tanto maggiore è il grado di po-
larizzazione dell’onda riflessa e tanto minore è il contenuto della componente paral-
lela al piano di incidenza nell’onda rifratta. Ai fini pratici, di norma, nella polariz-
zazione per riflessione non viene sfruttato il raggio riflesso polarizzato ma si procede
alla polarizzazione del raggio rifratto mediante l’utilizzo di più superfici in successione.
Appendice A

Operazioni sui campi vettoriali

A.1 Integrali di linea


Data una funzione scalare f (r), continua in una regione contenente un cammino C,
descritto dalla funzione vettoriale η(t) con a ≤ t ≤ b, si può definire l’integrale di
linea di f lungo C come:
Z Z b
dη(t)
f (r)ds = f (η(t))
dt (A.1)
C a dt

Il valore dell’integrale di linea è indipendente dal verso di percorrimento della curva


C: Z Z
f (r)ds = f (r)ds (A.2)
C −C

Data una funzione vettoriale F = Fx î + Fy ĵ + Fz k̂, continua in una regione dello


spazio contenente il cammino di integrazione C, individuato dalla funzione vettoriale
η(t)(a ≤ t ≤ b), l’integrale di linea di F lungo C è:
b
η(t)
Z Z Z
F · dr = F(η(t)) · dt = F · Tds (A.3)
C a dt C

A differenza degli integrali di linea di funzioni scalari, per funzioni vettoriali il segno
dell’integrale è dipendente dal verso di percorrenza della curva C:
Z Z
F · dr = − F · dr (A.4)
C −C

Convenzionalmente, per cammini C aperti si definisce come orientazione positiva quel-


la descritta da valori crescenti del parametro t. Nel caso di percorsi chiusi, invece, si
assume come orientazione positiva quella antioraria e l’integrale di linea viene an-
che definito circuitazione. In generale il calcolo degli integrali di linea è possibile su
qualunque curva regolare; nel caso in cui la curva sia regolare a tratti, esso è definito
dalla somma di tutti i contributi relativi a ciascun tratto.

67
68 APPENDICE A. OPERAZIONI SUI CAMPI VETTORIALI

A.2 Integrali di superficie


Data una funzione scalare f (r), continua in una regione contenente una superficie S,
descritta dalla funzione vettoriale η(u, v) con u, v ∈ D (dominio 2–dimensionale), si
può definire l’integrale di superficie di f lungo S come:
ZZ ZZ
f (r)dS = f (η(u, v)) |Tu ×Tv | dA (A.5)
S D

dove i vettori tangenti Tu e Tv sono definiti dalle seguenti relazioni:

∂η(u, v)
Tu = (A.6)
∂u
∂η(u, v)
Tv = (A.7)
∂v
L’espressione vettoriale di un integrale di superficie richiede l’introduzione di un
vettore superficiale S di modulo pari alla superficie considerata, direzione normale ad
essa e orientamento opportunamente definito: se si considera una superficie S rego-
lare, aperta, assegnata dall’equazione parametrica η(u, v) il verso positivo del vettore
superficiale in un dato punto coincide con l’orientazione del versore normale
Tu ×Tv
n= (A.8)
|Tu ×Tv |

Se S è una superficie chiusa, ossia è la frontiera di una regione solida V , si scieglie con-
venzionalmente come orientazione positiva quella secondo la quale il versore normale
è uscente dal volume V .
Se F(r) è un campo vettoriale continuo definito su una superficie orientata di
equazione parametrica η(u, v), con versore normale n, si definisce integrale di su-
perficie (o flusso) di F su S la quantità
ZZ ZZ ZZ
F · dS = F · ndS = F · (Tu ×Tv ) dA (A.9)
S S D

dove D è il dominio dei parametri. Come evidente, se si considera una superficie


orientata secondo la direzione negativa −n, l’integrale di flusso corrispondente risul-
terà di segno opposto. In generale il calcolo degli integrali di superficie è possibile su
qualunque superficie regolare; nel caso in cui la superficie sia regolare a tratti, esso è
definito dalla somma di tutti i contributi relativi a ciascun tratto.
Appendice B

Operatori differenziali

B.1 Gradiente
Data una funzione scalare f (x, y, z) il suo gradiente è un campo vettoriale su ℜ3 dato
da:
∂f ∂f ∂f
∇f = î + ĵ + k̂ (B.1)
∂x ∂y ∂z

B.2 Rotore
Dato un campo vettoriale F = Fx î + Fy ĵ + Fz k̂ su ℜ3 , se esistono le derivate parziali
prime di Fx , Fy e Fz è possibile definire il rotore di F come un vettore la cui compo-
nente nella direzione del versore n, normale alla superficie S di cui il cammino chiuso
C è il contorno, soddisfi l’equazione:

1
I
rotF · n = lim F · dr (B.2)
S→0 S C

     
∂Fz ∂Fy ∂Fx ∂Fz ∂Fy ∂Fx
⇒ rotF = − î + − ĵ + − k̂ (B.3)
∂y ∂z ∂z ∂x ∂x ∂y

Dal punto di vista formale il rotore può essere definito come il prodotto vettoriale
dell’operatore ∇ con il campo vettoriale F:

î ĵ k̂

∂ ∂ ∂

rotF = ∇×F = (B.4)
∂x ∂y ∂z


F Fy Fz
x

Un campo F tale che ∇×F = 0 si definisce conservativo o irrotazionale.

69
70 APPENDICE B. OPERATORI DIFFERENZIALI

B.3 Divergenza
Dato un campo vettoriale F = Fx î + Fy ĵ + Fz k̂ su ℜ3 , se esistono le derivate parziali
prime di Fx , Fy e Fz è possibile definire la divergenza di F come la funzione scalare
in tre variabili data da:
1 ∂Fx ∂Fy ∂Fz
I
divF = lim F · dS = + + (B.5)
V →0 V S ∂x ∂y ∂z
dove V rappresenta il volume racchiuso dalla superficie S. Dal punto di vista formale la
divergenza può essere definita come il prodotto scalare dell’operatore ∇ con il campo
vettoriale F:
divF = ∇·F (B.6)
Un campo F tale che divF = 0 si definisce solenoidale o incomprimibile.

B.4 Laplaciano
Data una funzione scalare f (x, y, z) il suo Laplaciano è una funzione scalare definita
come:
∂2f ∂2f ∂2f
∇2f = 2
+ 2 + 2 (B.7)
∂x ∂y ∂z
L’operatore Laplaciano può essere esteso anche a campi vettoriali F = Fx î+Fy ĵ+Fz k̂
su ℜ3 e, in tal caso, esso opera su ciascuna componente:

∇2F = ∇2Fx î + ∇2Fy ĵ + ∇2Fz k̂ (B.8)

Dal punto di vista formale il Laplaciano può essere definito come divergenza di un
gradiente:
∇2f = div(∇f ) = ∇·∇f (B.9)

B.5 Proprietà degli operatori differenziali


Dette ψ, ψ1 e ψ2 funzioni scalari qualsiasi e F, F1 e F2 funzioni vettoriali valgono le
seguenti proprietà degli operatori differenziali:
• Gradiente
1. ∇(ψ1 + ψ2 ) = ∇ψ1 + ∇ψ2
2. ∇(ψ1 ψ2 ) = ψ2 ∇ψ1 + ψ1 ∇ψ2
3. ∇(F1 · F2 ) = (F1 · ∇)F2 + (F2 · ∇)F1 + F1 ×∇×F2 + F2 ×∇×F1

• Divergenza
B.6. COMBINAZIONI DI OPERATORI DIFFERENZIALI 71

1. ∇·(F1 + F2 ) = ∇·F1 + ∇·F2


2. ∇·(ψF) = F∇ψ + ψ∇·F
3. ∇·(F1 ×F2 ) = F2 · (∇×F1 ) − F1 · (∇×F2 )

• Rotore
1. ∇×(F1 + F2 ) = ∇×F1 + ∇×F2
2. ∇×(ψF) = ψ∇×F + ∇ψ×F
3. ∇×(F1 ×F2 ) = F1 · ∇·F2 − F2 ∇·F1 + (F2 · ∇)F1 − (F1 · ∇)F2

B.6 Combinazioni di operatori differenziali


B.6.1 Rotore di un gradiente
Data una funzione scalare f (x, y, z) con derivate parziali seconde continue vale la
relazione:
rot(∇f ) = ∇×∇f = 0 (B.10)

♣ Dimostrazione
î ĵ k̂

∂ ∂ ∂

∇×∇f = ∂x ∂y ∂z = (B.11)


∂f ∂f ∂f

∂x ∂y ∂z
 2
∂ 2f
 2
∂2f
 2
∂ 2f
  
∂ f ∂ f ∂ f
= − î + − ĵ + − k̂ = (B.12)
∂y∂z ∂z∂y ∂z∂x ∂x∂z ∂x∂y ∂y∂x
= 0î + 0ĵ + 0k̂ = 0 (per il teorema di Clairaut) 2
Il teorema sopra enunciato permette quindi di concludere che, se il campo vettoriale
F = ∇f , allora F è conservativo.

B.6.2 Divergenza di un rotore


Dato un campo vettoriale F = Fx î + Fy ĵ+ Fz k̂ su ℜ3 , tale che Fx , Fy e Fz ammettano
derivate parziali seconde continue vale la relazione:
div(rotF) = ∇·(∇×F) = 0 (B.13)

♣ Dimostrazione
     
∂ ∂Fz ∂Fy ∂ ∂Fx ∂Fz ∂ ∂Fy ∂Fx
∇·(∇×F) = − + − + − =
∂x ∂y ∂z ∂y ∂z ∂x ∂z ∂x ∂y
(B.14)
72 APPENDICE B. OPERATORI DIFFERENZIALI

∂ 2 Fz ∂ 2 Fy ∂ 2 Fx ∂ 2 Fz ∂ 2 Fy ∂ 2 Fx
= − + − + − =0 (B.15)
∂x∂y ∂x∂z ∂y∂z ∂y∂x ∂z∂x ∂z∂y
(per il teorema di Clairaut) 2
Il teorema sopra enunciato permette quindi di concludere che, se il campo vettoriale
F = ∇×C, allora F è solenoidale.

B.6.3 Rotore di un rotore


Dato un campo vettoriale F = Fx î+ Fy ĵ+ Fz k̂ su ℜ3 , tale che Fx , Fy e Fz ammettano
derivate parziali seconde continue vale la relazione:

rot (rotF) = ∇×(∇×F) = ∇(∇·F) − ∇2F (B.16)

La dimostrazione è immediata svolgendo le opportune operazioni di calcolo, sulla base


delle definizioni date degli operatori.
Appendice C

Teoremi sui campi vettoriali

C.1 Teorema fondamentale del calcolo


Data C una curva regolare assegnata tramite la funzione a valori vettoriali η(t) (a ≤
t ≤ b) e f (r) una funzione scalare differenziabile il cui gradiente ∇f è continuo su C,
allora Z
∇f · dη = f (η(b)) − f (η(a)) (C.1)
c
Il teorema enunciato permette di concludere che se un campo vettoriale F è definito
come gradiente di una funzione scalare data F = ∇f , l’integrale di linea relativo ad
una curva C qualsiasi può essere valutato semplicemente conoscendo i valori assunti
da f agli estremi della curva stessa. L’integrale di linea di ∇f corrisponde quindi alla
variazione totale della funzione f stessa. Alla luce del teorema considerato possiamo
ricavare due importanti proprietà dei campi definiti da un gradiente (F = ∇f ):
• Fissati due punti A e B l’integrale di linea di F relativo ad una qualsiasi curva
C congiungente i due punti fornisce sempre lo stesso valore indipendentemente
dal cammino considerato (indipendenza dal cammino):
Z Z
F · dη = F · dη = f (B) − f (A) (C.2)
C1 C1

per ogni coppia di curve C1 e C2 congiungenti i punti A e B.


• Considerando un qualsiasi percorso chiuso (tale che i punti estremi coincidono
A ≡ B) l’integrale di linea di F è identicamente nullo qualunque sia la curva C
considerata: I Z B≡A
F · dη = F · dη = 0 (C.3)
C A

Le due proprietà sono strettamente collegate tra loro: un’integrale di linea è indipen-
dente dal cammino se e solo se l’integrale di circuitazione è nullo su qualsiasi cammino
chiuso C.
Se F è un campo vettoriale continuo in una regione D aperta (tale da non contenere
punti di frontiera) e connessa (tale per cui due punti qualsiasi di D possano essere con-
giunti da un cammino interamente contenuto in D stesso) e se l’integrale di linea di F
è indipendente dal cammino in D, allora F è un campo vettoriale conservativo in D,
cioè esiste una funzione f tale che F = ∇f .

73
74 APPENDICE C. TEOREMI SUI CAMPI VETTORIALI

C.2 Teorema di Stokes


Detta S una superficie regolare a tratti la cui frontiera è una curva C semplice, chiusa,
regolare a tratti con orientamento positivo, descritta dalla funzione a valori vettoriali
η(t), se F è un campo vettoriale le cui componenti abbiano derivate parziali continue
in una regione aperta di ℜ3 , contenente S, allora
I ZZ
F · dη = (∇×F) · dS (C.4)
C S

La relazione rappresentata dal teorema di Stokes afferma essenzialmente la possibilità


di calcolare un integrale di linea di un campo F lungo una curva chiusa C mediante
l’integrale di flusso di ∇×F relativamente ad una qualsiasi superficie S di cui C sia il
contorno.

C.3 Teorema della divergenza


Sia V uan regione semplice solida e S la sua superficie, assunta con orientazione posi-
tiva (uscente). Dato un campo vettoriale F, le cui funzioni componenti hanno derivate
parziali continue su una regione aperta contenente V , allora
I ZZZ
F · dS = (∇·F) · dV (C.5)
S V

Il teorema enunciato afferma essenzialmente che l’integrale di flusso di un campo vet-


toriale F attraverso la superficie chiusa S corrisponde all’integrale di volume di ∇·F
relativo alla regione delimitata da S.