Sei sulla pagina 1di 3

Storia ed evoluzione della terapia craniosacrale

a cura dellITCS
L dove scorre la linfa che d la vita, i vermi non mangeranno il legno vivo. Se i cardini sono usati ogni giorno, la ruggine non impedir lapertura di un cancello. Il movimento dona salute e vita. La stagnazione porta malattia e morte. (Proverbio della medicina tradizionale cinese)

Origini
Io credo che il sangue e la carne siano pi saggi dellintelletto. Il subconscio del corpo dove la vita trabocca spumeggiando in noi. E il modo in cui sappiamo di essere vivi, vivi nel pi profondo del nostro animo e in contatto da qualche parte coi vivi poteri delluniverso. David Herbert Lawrence Verso linizio del ventesimo secolo, uno studente dellultimo anno di osteopatia, William Gardner Sutherland, stava esaminando un insieme di ossa disarticolate di un teschio umano nel laboratorio del suo istituto. A Sutherland, come ad altri studenti della sua epoca, era stato insegnato che le ossa craniche delladulto non si muovono perch le loro suture (articolazioni) si sono fuse. Tuttavia, egli osserv che stava tenendo in mano ossa di adulto che si erano separate facilmente luna dallaltra..

Come le branchie di un pesce


Mentre esaminava alcune suture craniche dalla forma smussata, in particolare quelle delle ossa temporali e parietali (Figura 1.1), Sutherland ebbe unintuizione che cambi il corso della sua vita. Egli raccont di come un pensiero straordinario lo avesse attraversato come un lampo di luce accecante.1 Fu colpito dallidea che le suture delle ossa che reggeva in mano assomigliassero alle branchie di un pesce e che fossero state progettate per una qualche sorta di movimento respiratorio. Egli non capiva da dove scaturisse questo pensiero, n la sua vera importanza, ma gli riecheggiava nella mente.2 William Sutherland si propose di cercare di dimostrare a se stesso che le ossa del cranio non si muovono, proprio come gli era stato insegnato. Come un vero scienziato sperimentalista, egli riflett sul fatto che se le ossa del cranio si fossero mosse e che se si fosse potuto impedire questo movimento, sarebbe stato possibile sperimentarne leffetto. Cos egli progett un tipo di casco fatto di bende di lino e cinghie di cuoio, che poteva essere stretto in varie posizioni, per evitare che avesse luogo qualsiasi potenziale movimento craniale.

Margini delle suture tra losso temporale e quello parietale

!"#$""%&'$(&)%(*+,&-./012340./0567&5$&4$88,99$&:,(&;%#<%-&'=&>=;?$,(&@,#:A&

Movimento del cranio


Sperimentando sulla sua stessa testa, strinse le cinghie prima in una direzione e poi in altre. In un breve lasso di tempo cominci ad accusare cefalee e disturbi digestivi. Non era proprio la reazione che sia spettava, cos decise di continuare le sue indagini per saperne di pi. Alcuni dei suoi esperimenti col casco portarono a sintomi abbastanza forti di tensione cranica, cefalee, nausea e disorientamento. Fu particolarmente interessante il fatto che, quando le cinghie del casco erano strette in certe posizioni, esso produceva un gran senso di sollievo e un miglioramento della circolazione sanguigna del cranio.3

Dopo molti mesi passati a tendere e a restringere le ossa del suo cranio in diverse

posizioni con questi risultati variabili, il dottor Sutherland arriv infine alla conclusione di questa ricerca, poich siera convinto che le ossa craniche delladulto si muovono. Inoltre, i sorprendenti risultati che aveva sperimentato sul suo corpo gli avevano dimostrato che il movimento craniale doveva avere qualche importante funzione fisiologica. Sutherland trascorse i rimanenti cinquantanni della sua vita a esplorare il significato di questo movimento.

Approvazione storica
Anche se la maggior parte dei paesi occidentali non riconobbe il movimento del cranio, questa possibilit non era ignota ad altre culture. Ci sono diversi metodi della medicina orientale, come lagopuntura e lAyurveda, che hanno tenuto in considerazione per molto tempo i delicati movimenti che sono presenti in tutto il corpo, causati dal flusso della nostra forza vitale o energia di vita. Anche nella fisiologia russa questo veniva tradizionalmente insegnato. interessante osservare che in Italia gli anatomisti dei primi anni del Novecento gi insegnavano che le suture craniche delladulto non si fondono completamente, ma per tutta la vita continuano a permettere dei piccoli movimenti.4 La manipolazione del cranio stata praticata in India per secoli; fu sviluppata anche dagli antichi Egizi e dagli appartenenti alla cultura dei Paracus in Per (dal 2000 a.C. al 200 d.C.).5 Inoltre, nel XVIII secolo il filosofo e scienziato Emmanuel Swedenborg descrisse un movimento ritmico del cervello, affermando che questultimo si muove con cicli di espansione e contrazione regolari.6

Il respiro dei tessuti


Dalle prime fasi delle sue ricerche, il dottor Sutherland si rese conto che stava esplorando un sistema involontario di respirazione nei tessuti, importante per il mantenimento della salute. A un livello basilare, questa propriet di esprimere un movimento che contraddistingue i tessuti vivi da quelli che sono senza vita. Sutherland si rese conto che tutte le cellule del corpo hanno bisogno di respirare ritmicamente affinch il loro funzionamento sia ottimale. Molte delle sue ricerche furono effettuate unendo una profonda conoscenza dellanatomia a un acuto senso tattile e percettivo. Egli incominci a rendersi conto che questi delicati movimenti respiratori potevano essere palpati da mani sensibili e scopr anche che questo movimento forniva unenorme quantit di informazioni cliniche.

Un sistema interconnesso
Il dottor Sutherland riconobbe che il movimento delle ossa craniche legato ad altri tessuti ai quali esse sono strettamente associate. Il sistema membranoso, che forma una continuit con le ossa del cranio lungo le loro superfici interne, una parte integrante di questo fenomeno. Inoltre, egli scopr, e ci importante, che il sistema nervoso centrale e il liquido cerebrospinale che lo bagna si muovono ritmicamente. Anche losso sacro, tramite la connessione durale al cranio, fa parte di questo sistema interconnesso. In tal modo, allinterno del corpo c unimportante infrastruttura di fluidi e tessuti che si muove ritmicamente, delicatamente e in modo interdipendente. Mentre il dottor Sutherland esplorava approfonditamente le origini di questi ritmi, si accorse che non cerano cause muscolari esterne che potevano esserne responsabili. Egli giunse alla conclusione che questo movimento prodotto da una forza vitale intrinseca al corpo, che egli chiam il Respiro della Vita, prendendo questo nome dal Libro della Genesi nella Bibbia.7

1. Dr. H. Magoun D.O., Osteopathy in the Cranial Field(3rd ed.; The Sutherland CranialTeaching Foundation, 1976): XI. 2. Dr. W.G. Sutherland D.O., Teachings in the Science of Osteopathy(Rudra Press, 1991). 3. Dr. W.G. Sutherland D.O., Contributions of Thought(The Sutherland Cranial TeachingFoundation, 1967): 49. 4. Professor Giuseppe Sperino, Anatomia Umana(vol. 1): 203. 5. Hugh Milne, Heart of Listening(North Atlantic Books, 1995): 54. 6. Emmanuel Swedenborg, The Cerebrum and Its Parts(vol. 1 di The Brain Consideredanatomically, Phisiologically and Philosophically; Swedenborg Scientific Association,1938): 209.

&