Sei sulla pagina 1di 44

Vol. 2 ~ N.

Gaura Purnima 2001

r Gaurbda 515

Editoriale
Negli ultimi anni abbiamo festeggiato i cento anni dell'apparizione di preminenti Vaiava. Nel 1996 abbiamo festeggiato il santo centenario di viva-vareya rla Bhaktivednta Swm Mahrja, il rinomato ed illustre fondatore crya della Iskcon. Nel 1994 fu il santo centenario del nostro 'guardiano della devozione' rla Bhakti Raksaka rdhara Gosvm Mahrja, il fondatore crya della r Caitanya Sarasvata Maha. Nel 1997 stato il sacro centenario del nostro 'faro della devozione', pjyapda rla Bhakti Pramoda Pur Gosvm Mahrja. L'anno 1998 ha segnato il santo centenario del caro e adorabile fondatore crya della r Gauya Vedanta Samiti, rla Bhakti Prajnana Keava Gosvm Mahrja. La cosa che colpisce subito di questi Vaiava che sono tutti discepoli contemporanei di nitya-ll pravia o viupda r rla Bhaktisiddhnta Sarasvat Gosvm Mahrja Prabhupda. Perci, come adoratori di queste personalit trascendentali, apparteniamo alla stessa famiglia, la Bhaktisiddhnta-dhr. Tutti loro sono il nostro unico rifugio. Nel Dodicesimo Canto dello rmad-Bhgavatam, vengono descritti i molti segni di cattivo augurio che caratterizzano l'attuale epoca, Kali-yuga: la ricchezza diventer il solo criterio per stabilire i valori della famiglia, della morale religiosa e dei riconoscimenti sociali. L'aspetto esteriore sar l'unico mezzo per determinare l'arama o lo stadio di vita degli individui. I governanti diventeranno dei ladri e sfrutteranno il popolo. Il potere diventer il solo fattore determinante per la giustizia e la lealt. In questa et di Kali, la gente si trasformer e diventer avida, immorale e senza misericordia. La duplicit, la falsit e la violenza saranno i segni di Kali-yuga. I Veda verranno condannati da persone eretiche, i udra si manterranno indossando abiti da rinunciati ed accettando donazioni. Coloro che non hanno conoscenza della religione occuperanno posizioni di alto prestigio e predicheranno la religione, e cos via. C' un pesce di nome Makara che evita le correnti forti e l'acqua bassa dei fiumi. Egli vive nell'oceano dove si riversano tutti i fiumi e rimane sempre nelle sue profondit dove non potr mai essere catturato dalle reti dei pescatori. Quell'oceano l'oceano del nettareo rsa. Il pesce Makara il Vaiava. Quei devoti che desiderano gustare questo oceano devono essere pronti ad immergersi. O viupada nitya-ll pravia r rmad Bhakti Prajnana Keava Gosvm Mahrja uno dei puri devoti che ci possono portare nel profondo dell'oceano. 'Pra' significa soddisfare e 'jna' significa conoscenza. Prajna indica quindi 'la conoscenza che soddisfa'. Soddisfa che cosa? La bhakti, la devozione. rla Bhaktisiddhnta Sarasvat gli diede un nome molto appropriato. In questo numero e nei prossimi seguiremo rla Bhakti Prajnana Keava Gosvm Mahrja nel profondo del cuore del siddhnta; dando uno sguardo al Signore Buddha e successivamente a r Sankarcrya egli ci mostrer in modo semplice e brillante le radici dell'impersonalismo. Pur senza ricorrere all'aiuto di vaste scritture e restando solamente nell'area della ricerca spirituale storica, egli ci mostra come la filosofia di 'tutte le strade portano alla stessa meta' (yatha matha tatha patha) sia una deludente filosofia impersonalista. I Vaiava, gli uomini del rsa, hanno bisogno di variet. Tutti abbiamo bisogno di Vaiava antaranga come rla Bhakti Prajnana Keava Gosvm che possono entrare nel profondo dei nostri cuori e illuminare le nostre anime.

Vaiava Vijaya!

Sommario
Primo Raggio

Quinto Raggio

Intervista

Guru-tattva

La Natura Divina del Guru ....................... 5


rla Bhaktisiddhnta Sarasvat Thkura

Swm Mahrja e la Sua Associazione con rla Bhakti Prajna Keava Gosvm Mahrja ..................................................... 34
rla Bhaktivednta Nryaa Mahrja

Secondo Raggio

Pubblicazioni

Sesto Raggio

r Caitanya

Due differenti opinioni su Buddha ............ 8


rla Bhakti Prajnana Kesava Gosvami Mahrja

r Navadvpastakam ............................... 37
rla Rpa Gosvm

Gaurga Bolite Habe ............................. 39 Terzo Raggio

r r Rdh-Krishna

rla Narottama dsa Thkura

Krsna loceano del rsa ............................. 17


rla Bhaktivednta Nryaa Mahrja

Quarto Raggio

Forum

Armonia Suprema, semplice scambio ..... 25


rla Bhakti Rakaka Sridhara Mahrja

Dialogo tra un Maulvi e un Vaiava ..... 28


Harmonist N. 11 e 12 - Aprile 1931

In copertina: rla Bhaktiprajna Keava Gosvm Mahrja Interno copertina: r Navadvpa Yoga-Pitha

Retro copertina: Il nuovo simbolo di Raggi di Armonia, ispirato da rla Bhaktivednta Nryaa Mahrja. Vi sono i quattro simboli che rappresentano r Viu e i quattro simboli che rappresentano r Caitanya Mahprabhu. Disegnato da Kaliya Damana Dsa, grafica di Syama Priya Ds.

Libri Pubblicati
dalla

Gaudiya Vedanta Pubblications in inglese:


The Nectar of Govinda-Lila Going beyond Vaikuntha Bhakti-Rasayana Sri Siksastaka Venu-Gita Manah-Siksa Sri Bhakti-Rasamrta-Sindhu-Bindhu Prabandhavali Pinnacle of Devotion Their Lasting Relationship Sri Upadesamrta Bhakti-Tattva-viveka The Essence of all Advice The True Conception of Sri Guru-Tattva Srila Bhakti Prajnana Kesava Gosvami His life and Teachings Letters from America My siksa Guru and Prya bandhu Arcana-Dipika Damodara-Lila Madhuri The Secret Truths of the Bhagavatam Gaudiya Giti-Gucca Srimad Bhagavad-gita Jaiva-dharma

Rivista della International Gauya Vednta Pubblication e dellAssociazione Vaiava Gauya Vedanta Sotto legida della r Gauya Vednta Samiti: Fondatore-crya Nity-ll pravista om viupada paramahasa 108 r rmad Bhaktiprajna Keava Gosvm Mahrja Presidente-crya r rmad Bhaktivednta Vamana Mahrja Vice-Presidente Fondatore di Raggi di Armonia Tridandi Swm r rmad Bhaktivednta Nryaa Mahrja

Edizione italiana curata da rman Ll Purusottama dsa Traduzione e bozze rmat Ka-Devi ds rman Madhumangala dsa rman Partha dsa rman Gopinath dsa Grafica rman Ambharish dsa

in italiano:
Il Nettare della Govinda-Lila Andare Oltre Vaikuntha Lettere dallAmerica La Vera Concezione di Sri Guru-Tattva LEssenza di tutte le istruzioni Jaiva-dharma

Per ulteriori informazioni rivolgersi a: Sri Kesavaji Gaudiya Math Mathura (U.P) 281001, India A.V.G.V. Cantone Salero 5 13865 Curino (BI) e-mail: gaudyait@tin.it Tel.: 015-928173 sito web: www.igvp.com/avgv

Il nostro scopo di spargere raggi di illuminazione nello spirito dei Gauya Vaiava seguendo il desiderio di rla Bhaktivednta Nryaa Mahrja. Il nostro retaggio la rivista 'Harmonist' o 'r Sajjanatosani' fondata da rla Bhaktivinoda hkura, pi tardi pubblicata da rla Bhaktisiddnta Sarasvat Prabhupda. Possano i Vaiava presenti concedere la loro grazia divina sui nostri tentativi di compiacerli.

Raggi di Armonia
Girirjaj Mandira, Sev Kuja Vndvana 281121 Mathur Distr., U.P., India Telefono/Fax 0091-565-445294 E-mail: rays@igvp.com Sito Web: www.igvp.com/rays

Primo Raggio Guru-tattva

La Natura Divina del Guru


di rla Bhaktisiddhnta Sarasvat Thkura Prabhupda Pubblicato per la prima volta nellHarmonist del 24 Agosto 1933

Il teismo implica necessariamente la personalit caratteristica del guru. Se esiste una reale distinzione tra Dio e luomo, ci devessere anche un mezzo di collegamento che renda plausibile questa distinzione. Questa terza entit il guru. Lui il mezzo. C anche unaltra linea di pensiero attraverso la quale si pu configurare la personalit del guru. Questa linea di pensiero riguarda la natura delladorazione. Se Dio e luomo esistono separatamente luno dallaltro, diventa necessario identificare anche la loro reciproca relazione. Da ci sorge una serie infinita di considerazioni, rappresentata dal concetto di potenza divina o akti. Luomo servitore. Dio padrone assoluto. La remissivit assoluta la caratteristica della potenza. Tra la remissivit e il dominio c' un'invalicabile linea di demarcazione poich luno separato dallaltro per differenza di funzioni. Ma siccome la natura aborrisce il vuoto, le stesse basi di pensiero ci impongono di trovare un principio di intermediazione tra i due. Il guru, la personificazione di questa intermediazione, padrone assoluto cos come servitore assoluto. Nella sua relazione con luomo il guru il maestro assoluto. Il guru il divino donatore di una relazione efficiente e allo stesso tempo tangibile tra il padrone e i suoi servitori. Nel suo aspetto di servitore assoluto il guru la fonte di tutte le entit servitrici. Egli la ragione stessa dell'esistenza dellanima delluomo e di tutte le entit spirituali, poich senza il suo aiuto lanima sarebbe incapace di servire Dio. Nel suo aspetto di padrone, il guru permette o vieta alluomo il servizio a Dio. Ma al guru non mai proibito il servizio a Dio. Tutto ci dev'essere tenuto in debita considerazione se ci si vuole avvicinare, con lappropriata attitudine di fede e sottomissione illuminate, al tema della Natura Divina del Guru.

Guru Una Doppia Personalit


Volgiamoci ora concretamente al soggetto. Il guru in s possiede una doppia personalit. r Krishna viene servito da r Rdhk e da r Baladeva. C una distinzione tra il servizio reso a r Krishna da parte di r Baladeva e quello di r Rdhk. La posizione di r Baladeva subordinata a quella di r Rdhk. L'aspetto di dominio manifestato da r Baladeva non ha nessuna autorit su r Rdhk. r Baladeva possiede una propria giurisdizione: il dominio su tutte le entit viventi o jve. r Baladeva governa con assoluta supremazia nel regno delle jve. Questo regno composto dalla met inferiore della sfera assoluta ovveroVaikuha, e dall'ombra della sfera assoluta cio il mondo materiale. r Baladeva loggetto dell'adorazione delle entit di Vaikuntha. Il Suo dominio non viene esercitato direttamente sulle faccende del mondo materiale. La creazione e l'amministrazione del mondo materiale sono compiti di personalit divine e distinte che emanano da r Baladeva, le Sue porzioni plenarie chiamate purua. I purua sono i trascendenti grandi creatori e sostenitori del mondo materiale, anche se non vi il seppur minimo contatto diretto tra loro e questo mondo materiale.

My Il Principio della Limitazione e dellIgnoranza


Quellaspetto del potere di r Krishna che, ricoprendo la jva, opera come principio di limitazione e di ignoranza, chiamato my. Alle anime individuali che emanano da r Baladeva gli si presenta l'opzione di dissociarsi da Lui attraverso il loro libero arbitrio. Le jve che scelgono di separarsi da r Baladeva sono, per volere di r Krishna, private del5

Raggi di Armonia Vol. II ~ N. 1

Primo Raggio Guru-tattva la capacit di vedere r Baladeva dalla potenza illusoria che agisce in questo mondo materiale. My significa ci con cui si possono misurare le cose. Nel regno di Vaikuha le cose non possono essere misurate con le facolt della jva. E' solo sul piano di my, all'interno di questo mondo fenomenico, che la jva ha la possibilit di comprendere qualcosa con le sue facolt insignificanti. Ma questa comprensione risulta di scarsa utilit per raggiungere il vero obiettivo della jva, in quanto non le d accesso alla vera identit delle cose. Il soggetto, loggetto, cos come il processo di conoscenza propri di questo mondo sono un espediente dellenergia illusoria per permettere alle jve avverse a r Baladeva di crearsi un piano di esistenza congeniale a praticare questa loro avversione. Quelle anime che non sono con r Baladeva gli sono necessariamente contrarie. La facolt di ragionamento delluomo capace di andare contro s stessa ma, non appena sceglie di farlo, non pu anche dichiarare di essere ragionevole. sto non veramente dominio ma la deliberata auto limitazione generata dal puro e semplice desiderio di suicidio. E' cattiveria contro s stessi e contro gli altri. E' il colmo della pazzia ed il pi profondo abisso di degradazione. Per lindividuo non possibile evitare questa degradazione finch non sceglie di arrendersi con tutta sincerit al volere dell'assoluto. La jva non l'origine della propria esistenza; non lo diventa semplicemente desiderando di esserlo, anche contro i dettami della sua stessa ragione e al solo fine di danneggiare s stessa e gli altri. Fortunatamente per noi r Krishna sa molto bene come trattare questa insensata perversit, senza smettere di essere Lui stesso perfettamente ragionevole. Invece di permettere allanima perversa di operare a Vaikuntha, r Krishna le permette di scegliere questo regno mondano come luogo di residenza permanente e una sfera congeniale per compiere le sue insane attivit. Ma poich lanima non pu mai essere dominatrice, lillusione le fa credere che sia possibile aspirare al dominio di questo mondo. Essa costantemente spinta dalla tentazione di accettare la coppa di Tantalo* contenente illimitati godimenti di cosiddette felicit mondane. Queste felicit, esse stesse proverbiali, vengono distribuite ai miserevoli esiliati dal regno della felicit vera da una potenza che non ha intenzione di servire tali indegni dominatori. Cos, invece del promesso dominio del mondo, luomo riceve solo la punizione di promesse vuote e mai mantenute. Egli diventa di fatto lo schiavo di my, e non il suo padrone, anche se suppone sempre di essere il suo dominatore presente e futuro.

La Volont Assoluta
La realt suprema la persona che manifesta s stessa sotto forma di volont assoluta celata dietro le attivit del principio plenario, indivisibile e cognitivo. Le azioni derivanti dal principio cognitivo della jva, tendono a perdere tutto il loro valore cognitivo non appena terminano di manifestare coscientemente il volere divino insito in esse. Quelle azioni cessano di rivelare la mano divina che le guida non appena la jva sceglie di diventare irragionevole. Non possibile che la facolt cognitiva della jva funzioni di sua spontanea iniziativa. In altre parole, nelluomo la volont non padrona. La volont delluomo libera scelta di agire ma non libert di usurpare la pari libert di scelta di qualsiasi altro individuo. Quando per scelta la jva suppone di essere padrona e desidera comportarsi di conseguenza, viene degradata al livello limitato di scelta, quella che prevale in questo mondo. Ma lirragionevole dominio che cos sceglie, di fatto una contraddizione. Que6

Obiezione rivolta al Guru ovvero Una Obiezione allIndividuo Fondamentale


La natura dellanima individuale realizzata nell'unione con il Tutto Assoluto, completo in s stesso. C spazio per entrambi nella realt spirituale. Qualsiasi dottrina tenda al monismo del vuoto una negazione del principio fondamentale di intelligenza. L appropriato impiego della facolt di giudizio, considerato prerogativa che distingue luomo da tutRaggi di Armonia Vol. II ~ N. 1

Primo Raggio Guru-tattva te le altre entit di questo mondo, consiste nel cercare di comprendere la natura della distinzione tra la funzione del Tutto e quella dellanima individuale, jva, piuttosto che cercare di ignorare in modo colpevole lesistenza della distinzione. Non c' nessuna necessit razionale di esercitare la propria discriminazione se l'unico obiettivo di tale funzione fosse quello di trovare un metodo efficace per sopprimere definitivamente questa facolt, negandosi allo stato di completa fusione con lUno. Lobiezione sollevata verso il guru fondamentalmente unobiezione alla natura essenziale dellindividualit. Se c distinzione tra lanima individuale e il Tutto Assoluto, allora anche nella realt spirituale c sicuramente spazio per le rispettive nature. La funzione del Tutto completo tuttavia completa in s stessa. Il Tutto tanto maestro che servitore. La funzione dellAssoluto, in qualit di servitore, la funzione del guru. Come servitore lAssoluto il supporto delle funzioni di tutte le anime individuali. Lanima individuale una potenza eterna, infinitesimale e separata dellAssoluto come servitore e non come maestro. Poich parte della potenza dell'Assoluto Servitore, lanima individuale pure servitrice del divino servitore. La forma dellAssoluto come servitore si differenzia necessariamente dalla Sua forma come padrone. Abbiamo raggiunto cos la definizione propria della personalit del guru che identica a quella dellAssoluto in quanto servitore. La natura assoluta delle differenti funzioni di vari individui determinata dal fatto che le loro rispettive posizioni coesistono in funzione del servizio divino al guru.

*Tantalo, mitico re greco condannato a rimanere nellacqua, che si allontanava quando egli cercava di berla, e a stare sotto dei rami che si alzavano quando cercava di raccoglierne i frutti. Si usa lespressione per indicare qualcosa che desideriamo sapendo che non sar possibile avere, oppure nellaccezione di fare una promessa che non si pu mantenere .

Raggi di Armonia Vol. II ~ N. 1

Primo Raggio Pubblicazioni

Due differenti opinioni su Buddha

Introduzione
Inizia da questo numero tratto da 'Myvdera Jvan' di rla Bhakti Prajna Keava Gosvm Mahrja, una serie di articoli riguardanti Buddha. Anche se di non facile lettura, riteniamo che v chiarita la verit riguardante il Buddha prima di procedere ad uno studio pi approfondito. Una particolare attenzione v posta sul fatto che rla crya kear Bhakti Prajna Keava Gosvm Mahrja non ha semplicemente provato ad esporre le mancanze e le debolezze del Buddhismo, ma invece di dare luce alla sua vera importanza in relazione alla storia del teismo. Leggendo questo articolo inizieremo a comprendere come il Buddhismo si sia vincolato pi da vicino con l'impersonalismo invece che perseguire il suo scopo originario di diffondere una filosofia basata sulla compassionevole non-violenza e sul personalismo. Nella r Caitanya Caritmta rla Kadsa Kavirja Gosvm scrive che lo scopo della venuta del Signore Buddha e di altri avatara di Viu di risollevare il fardello del mondo e ci fa parte dei planall, i passatempi volti a proteggere e mantenere l'universo. ataeva viu takhana kera arre viu-dvre kare ka asura-sahre nuanga-karma ei asura-mraa ye lagi' avatra, kahi se mla kraa 'Perci a quel tempo il Signore Viu era presente nel corpo del Signore Krishna e Krishna uccise gli asura e i miscredenti attraverso Viu che era al Suo interno. L'uccisione degli asura nuanga-karma o un'attivit secondaria. Ora parler della ragione principale della Sua venuta.' (C.C. Adi 4.13-14) Quindi menzionato che lo scopo dei Viu avatara di stabilire la vidhi-bhakti, il servizio devozionale improntato sulle norme contenute nelle scritture, ma lo scopo del Gaura avatara di propagare la rgnug-bhakti, il servizio devozionale basato sul desiderio spirituale puro e spontaneo. Queste due distinte forme di bhakti sono verit essenziali da comprendere. rla Visvanatha Cakravarti hkura nel commento a questo verso ha dato la seguente spiegazio8

ne alla parola nuanga: 'sange anu anugatasya sthitasya iti yavat vio karma iti anusangi kam'. La parola nuanga pu essere divisa in due parti: sanga e anu. Il termine anu significa anugatasya che si riferisce qui a sthitisya vioh, cio 'del Viu che situato in Krishna' e il termine sanga 'all'interno del corpo di Krishna'. Quindi anusanga significa l'attivit compiuta da Viu che situato all'interno di Krishna. rla Cakravartipada spiega inoltre: 'angat svarpt nanda-nandarpt iti yvat bahih bhinnasyavior avatre kraam iti bahiragam'. Rimuovere il fardello della Terra bahiranga-krana, lo scopo esterno dell'apparizione del Signore. La parola bahiranga pu essere suddivisa in due parti: bahih e anga. Il termine bahih qui sta a significare angat svarpt nanda-nandarpt, 'dalla forma di Nandanandana r Krishna.' Quindi bahiranga si riferisce alla causa che ha determinato la discesa di Viu, il Quale differente da Nandanandana. Prima di tutto vanno estirpate le erbacce, sradicati alberi e grovigli per poter poi comprendere il vero desiderio di apparire da parte di Krishna. Il fine dei Viu avatara di predicare la vidhi-bhakti e il fine dei Gauravatara di predicare la rg-bhakti: prema-rasa-nirysa karite svdana rga-marga bhakti loke karite pracraa rasika-ekhara ka parama-karua ei dui hetu haite icchra udgama 'Il desiderio di apparire del Signore nacque da due ragioni: gustare la dolce essenza di prema, l'amore divino e propagare la uddha-bhakti o il servizio devozionale intriso di rga, sentimenti spontanei. Perci Krishna apparve come parama-rasika-ekhara (supremamente felice nel gustare il nettare pi elevato) e parama-krua (il supremamente misericordioso verso tutte le entit viventi)' (CC. di-ll 1516) Una volta Syamasundara Cakravarti, uno dei pi famosi esponenti del movimento di Indipendenza dell'India, chiese a nitya-ll pravia o viupda rla Bhaktisiddnta Sarasvat Prabhupda: "Che cosa pensi dei Buddhisti (i devoti di Buddha)?" rla Bhaktisiddnta Sarasvat rispose: "Bauddha un altro termine che significa 'Vaiava', ma le perRaggi di Armonia Vol. II ~ N. 1

Secondo Raggio Pubblicazioni sone che oggigiorno si fanno chiamare Buddhisti desiderano veramente apprendere la vera conoscenza che si riferisce all'anima? Come gli adoratori di r Rma si chiamano Ramaiti, similmente gli adoratori di Buddha, l'incarnazione di Viu, sono Buddhisti. Ma, come gli aul, i baul, i gauranga-nagari, gli smarta, la casta dei gosvm che si professano seguaci di r Gauranga anche se hanno deviato dai Suoi insegnamenti, allo stesso modo i Buddhisti hanno deviato dalla via indicata da Buddha Deva, anche se si definiscono Vaiava. Quando tuttavia essi seguono i uddha Vaiava, la loro natura intrinseca diverr manifesta ed otterrano la grazia di r Mahprabhu. Quindi quando uomini che seguono gruppi deviati come quelli degli aul, dei baul e cos via, abbandonano le loro convinzioni e costumi errati e adorano Gaura-Krishna sotto le direttive dei uddha Vaiava, dobbiamo riconoscerli come devoti di r Gauranga Mahprabhu." Una volta di pi questo articolo di rla Bhakti Prajna Keava Gosvm un esempio del suo brillante lavoro di ricerca per indagare sul motivo per cui la filosofia myvda di Sankarcrya fu un alleato cos intimo del Buddhismo. Qualsiasi profano pu accettare i fatti che vengono presentati. Non ci vuole molta sapienza per riconoscere la breccia che stata aperta nella storia. Coloro che sono pronti a seguire con audacia la linea di buon senso e logica che viene qui presentata, non dovranno fare sforzi per convincersene. Le caratteristiche esteriori del Buddhismo come il non mangiare la carne, non approvare il sistema delle caste, non opprimere le donne, costruire ospedali per i poveri ed i malati e cos via, sono certamente attraenti e lodevoli davanti agli occhi del mondo. Ma la conclusione ultima del Buddhismo sconfessa la sua promessa originale, quella di porre fine ad ogni sofferenza nel ciclo di nascite e morti ripetute. Alla fine dell'articolo si trover un glossario dei nomi degli studiosi con alcuni cenni storici. I nomi degli studiosi danno certamente spazio ad una credibilit storica moderna sulla questione che riguarda Buddha. Tutti i nomi e i termini che appaiono nel glossario sono stati scritti in grassetto. Speriamo che ci sia di aiuto a chiarire ulteriormente i punti che vengono analizzati. Bisogna constatare come ogni cosa che si basi sulle deboli fondamenta di concezioni sbagliate non sia duratura. Bhaktivinoda hkura una volta disse: "La verit pu essere coperta dall'ignoranza soltanto per poco." L'editore

Limmagine dellavatara Buddha Museo Curzon, Mathura, India

Raggi di Armonia Vol. II ~ N. 1

Secondo Raggio Pubblicazioni

Due differenti opinioni su Buddha


Il Signore Viu Buddha non kya-siha Buddha estratto dal Myvdera Jvan
La storia della Myvda (impersonalismo) ovvero

Vaiava Vijaya
La supremazia del Vaiavismo (personalismo)

O Viupada r rla Bhakti Prajna Keava Gosvm Mahrja (Fondatore crya della Gauya Vednta Samiti)

In varie parti dei Pura la filosofia myvda o impersonalismo viene equiparata con il Buddhismo. Ora imperativo riflettere sulla filosofia del Buddhismo e sul suo patriarca, il Signore Buddha. Il Buddhismo la filosofia propagata dal Signore Buddha. Quindi, prima di tutto necessario conoscere cosa scritto negli stra o scritture sul Signore Buddha. Il Signore Buddha uno dei dieci avatara del Signore Viu o Krishna. rla Jayadeva Gosvm ha scritto: vedn-uddharatejaganti vahate bh-golam-udvibhrante daityam drayate balim chalayate katra-kaya kurvate paulastya jayate hala kalayate kruyam-tanvate mlecchn-mrcchayate dsa-kti-kte kya tbhyam nama (Gt Govinda, Davatra Stotram 12 loka) "O r Krishna che sei come la luna! Ti offro illimitati omaggi, Tu manifesti dieci santi avatara: Matsya il Pesce che ha salvato i Veda; Krma la Tartaruga, che ha sostenuto sulla schiena bh-gola, la Terra; Varaha, il Cinghiale, che ha sollevato la Terra con le Sue zanne dalle acque insondabili dell'oceano causale; r Nsiha che ha liberato Prahlda dal re dei demoni, Hiranykaipu; r Vmana il Nano, che con un inganno ha costretto Bali Mahrja ad una sottomissione incondizionata; r Paraurma che ha sterminato gli katriya ribelli; r Ramacandra, che ha conquistato il grande ateo myvd Rvana e che apparso nella dinastia di Pulastya Muni, uno dei dodici Prajpati o progenitori originati da Brahm; Balarama, colui che porta la picozza; Buddhadeva che mostra una compassione divina verso tutte le entit viventi e Kalki che distrugge tutti i mleccha ignoranti o gli esseri umani barbari e senza cultura." In un altro verso del Davatra Stotram (9 loka) viene menzionato il Signore Buddha: nindasi yaja-vidher-ahaha ruti-jtam sadaya-hdaya-darita-pau-ghtam keava! dtha-buddha-arira! jaya jagadia! hare "O Krishna! Tu sei apparso nella forma di Buddha! O Jagadisa! Signore dell'Universo! Tu hai catturato le menti dei pai, gli eretici senza fede! Tutte le glorie a Te! Tu sei cos misericordioso verso coloro che so10 Raggi di Armonia Vol. II ~ N. 1

Secondo Raggio Pubblicazioni stengono l'ahis, la non violenza e la compassione verso gli animali come loro principio morale. Perci Tu hai screditato le regole e le prescrizioni contenute nelle sruti che prescrivono lo yaja o il sacrificio di animali, e specialmente quello delle mucche (pau-ghta)." Il Signore Buddha il Signore Viu, quindi dobbiamo determinare quale era il Suo particolare sentimento e relazione con Sankarcrya. Inoltre, se la filosofia myvda di akara definita Buddhismo celato, deve inoltre essere accertata la loro relazione reciproca. Perci la concezione genuina di Buddha deve essere qui valutata e registrata. L'opinione di crya akara riguardante il Signore Buddha non sembra autentica. Ci che egli dichiara che l'adorazione Vaiava del Signore Buddha e di kya-siha Buddha si equivalgono. Ma di fatto non cos. Parama-pujya crya-kla-iromai jagat-guru o viupda r rmad Bhaktisiddnta Sarasvat hkura ha al riguardo fatto notare: "kya-siha Buddha era solamente una persona altamente erudita." Perci i meriti che crya akara, poich persona dalla fede e dalla devozione profonda e con vasta conoscenza del bhgavata avatra Viu Buddha, ha attribuito a khya-siha Buddha, sono altamente da rispettare. Invece la sarcastica affermazione di akara che egli fosse un asambaddha pralpakr, un oratore incoerente e delirante, fu fatta solo come pretesto per deviare le persone che manifestavano risentimento. Da ci sorge ora una domanda: "Dove akara dice tutto ci: che Gautama Buddha o il Principe Siddhartha e Adi-Buddha o Bhagavn r Krishna sono la stessa persona? Per trovare una risposta chiedo ai lettori di consultare il rraka-bhsya di akara. A questo proposito vorrei fare riferimento ai miei precedenti studi della parola 'Sugatena' in cui egli cambia il significato della parola affermando che Adi-Buddha era il figlio di uddhodana e di My come lo era Gautama Buddha. La sua conclusione sul Buddha allude a quella contenuta nel suo bhsya dove egli afferma: 'sarvath api andaraya aya sugata-samaya sreyankmai iti abhiprya'. In questa sentenza egli scambia il figlio di My, Gautama Buddha, per Sugata Buddha. Il termine samaya significa siddhnta che sta per 'ideologia' o 'ontologia'. Quindi qui viene affermato che sugata-samaya sugata-siddhnta o gautama-siddhnta, l'ontologia di Gautama. Un altro nome di Adi-Buddha o Viu Avatara Buddha Sugata. Questo nome ricorrente all'interno della comunit Buddhista. Ci si pu notare con l'aiuto del dizionario sanscrito Amara-koa. Il unyavd o Buddhista nichilista Amara-siha fu colui che compil questo antico libro. L'apparizione di Amara-siha risale a centocinquanta anni prima dell'avvento di akara. Amara-siha nacque dal grembo di una dr, una donna di bassa casta e da un dvija, un brhmaa di casta elevata di nome abara Svm. Da tempi antichi tale relazione stata annotata da un paita della comunit con il seguente loka: brhmanyama-bhavad varhamihiro jyotir-vidm agra rj bharthari ca vikrama-npa katrtma-jyma-bht vaiyay haricandro vaidya-tilako jta ca ank kt drym-amara a eva abara-svmi-dvija-sytmaj "Lo dvija o brhmaa nato due volte abara Svm ha generato sei figli. Da una donna brhmai nacque Varhamihira, un grande studioso del jyotir o astrologia. Da una donna katriya nacquero i monarchi Bharthari e Vikramditya. Da una donna vaiya nacquero i famosi dottori Haricandra e ankh e da una donna dr abara Svm ebbe un figlio di nome Amara."

I due Buddha descritti nell'Amara-koa


Amara-siha scrisse molti libri sul dharma Buddhista. Per caso tutti questi libri capitarono nelle mani di crya akara. Eccetto il koa, tutti gli altri senza esclusione alcuna, furono gettati nel fuoco. All'interno di questo Amara-koa, che fu preservato da akara, contenuta l'informazione su Buddhadeva (vedi Kosha o Dizionario della lingua Sanscrita di Amara Singh, tradotto da H.T. Colebrooke, prima edizione 1807, ristampa 1990, Primo tomo, capitolo primo, primo paragrafo):

Raggi di Armonia Vol. II ~ N. 1

11

Secondo Raggio Pubblicazioni 8. sarvaja sugato buddho dharma-rjas tathgata samanta-bhadro bhagavn mrajit lokajit jina 9. a-abhijo daabalo'dvayavd vinyaka munndra r dhana st muni kya-munis (tu ya) 10. (sa) khya-siha sarvrtha-siddha auddhodani (ca sa) gautama (c) 'rka bandhu (ca) mydev-suta (ca sa) In questo loka sette nomi, dalla parola sarvaja fino a muni, sono stati riferiti a Buddha ovvero AdiBuddha. Da khya-muni tu fino a mydev-suta ca sa si riferiscono invece a khya-siha Buddha. Quindi il Buddha introdotto per primo con diciotto nomi non lo stesso Buddha citato dopo ed indicato con sette nomi. Questo punto stato discusso nel commentario di rla Raghuntha Cakravart Mahaya. Ora tenter di riferire ai lettori un suo breve ma necessario commento. I tre loka appena citati sono stati suddivisi da Cakravart Mahaya in una prima sezione che giunge fino al termine muni ed il resto stato suddiviso in due parti indicate col numero 6 e 7. Ad esempio il numero 6 si riferisce a: 'muni paryantam adaa buddhe', che sono, dalla parola sarvaja fino a mni, i diciotto nomi di Buddha. Di conseguenza il termine sugata si riferisce a Viu Buddha. Per il numero 7 invece il riferimento : 'ete sapta akya-vavatre buddha-muni viee', che si riferisce, dalla parola kya-muni fino a mydev suta ca, a kya-siha Muni o Buddhi Muni nato nella dinastia di kyasiha. Dal precedente loka e dal suo commento viene chiaramente affermato che Sugata Buddha e kyasiha Buddha non sono la medesima persona. Ora chiediamo ai nostri rispettabili lettori di consultare la pubblicazione di Mr. Carey e dell'attendibile Mr. H.T. Colebrooke contenute in una pubblicazione del 1807 di r Rmapura (Serampoor) dell'Amara-koa di cui stiamo parlando. Alle pagine due e tre di questo libro si trova la parola 'Buddha'. Al margine della pagina due troviamo l'affermazione 'A Jina o Buddha' con riferimento ai diciotto nomi di Buddha. A margine della pagina tre troviamo invece sette nomi. A pi di pagina del secondo riferimento a margine si trova: 'Il fondatore della religione che ha preso il suo nome.' Nella prefazione al suo libro, Mr. H.T. Colebrooke menziona i nomi dei commentari cui si riferito per la preparazione del suo testo. Oltre al commentario dell'onorevole Raghuntha Cakravart Mahaya, egli cita altri venticinque commentari. Gautama Buddha stabil le dottrine di bhytma-vda o jntma-vda, la concezione di uguaglianza tra mente e corpo con l'anima e di nyavda, la filosofia del vuoto o nichilismo. D'altra parte non esiste la seppur minima prova che 'Sugata' Buddha che il Signore Buddha, propag una qualche forma di nichilismo o di ateismo del vuoto. Il nyavd Siddhartha era un discepolo di Gautama Muni della dinastia di Kapila, perci un altro suo nome era Gautama. 'Guru gotrdata-kautsste bhavanti sma gautam'. Dal gotr (discendenza) del suo guru ovvero il suo insegnante brhmana, egli venne conosciuto come Gautama, il Sundarnanda-carita).

Altre scritture Buddhiste che citano i due Buddha


Oltre l'Amara-koa che fu molto considerato da crya akara, vi sono molti altri stra Buddhisti come il Praj-pramit Stra, l'Aa-shasrika Praj-pramit Stra, il ata-shasrika Praj Pramit Stra e il Lalita-vistra. Studiando queste varie scritture, arriviamo a conoscere l'esistenza di tre categorie di Buddha: manuya-buddha, bodhisattva-buddha e di-buddha. Tra i manuya-buddha o buddha umani, vi Gautama. Dopo aver ricevuto la conoscenza ovvero l'illuminazione egli venne ricordato come 'Buddha'. Tra i bodhisattva-buddha viene menzionato Samanta Bhadra. L'Amara-koa specifica che un altro nome del Signore Buddha Samanta Bhadra e che Gautama Buddha un manuya-buddha. Inoltre l'Amara-koa menziona che oltre i diciotto nomi del Viu Avatara Buddha, vi sono altri libri che parlano di altri Buddha . Nel ventunesimo capitolo del Lalita-vistra, a pagina 178, sta scritto: "Gautama Buddha comp tapasy, austerit e penitenze, nel luogo sacro dei precedenti Buddha". 12 Raggi di Armonia Vol. II ~ N. 1

Secondo Raggio Pubblicazioni ea dharan-mue prva-buddhsanastha samartha dhanur-ghtv nya-nairtma-vnai klea-ripu nihatv di-jlacabhitv iva virajam-ok prpsyate vodhimangray Viene chiaramente menzionato in questo loka che kya-siha Buddha, ritenendo favorevole alla sua realizzazione spirituale o siddha, il luogo santo dell'apparizione del Buddha precedente, si sedette sotto questo avattha, l'albero sacro pippal o fico e comp tapasy. Il nome antico di questo luogo Kkata, ma dopo che Gautama Buddha vi ottenne la perfezione, fu conosciuto come 'Buddha Gay' o Bodha Gay. La pratimrti di Buddhadeva ovvero la Divinit si trova ora in questo luogo e uno dei Giri sannys della sampradya di akara, vi mantiene il servizio come autorit preposta. Essi accettano il fatto che Buddha Gay sia il luogo dell'apparizione di prva-buddha cio Adi-Buddha o l'originale Viu Buddha. Questo luogo viene adorato solamente perch il luogo dove kya-siha Buddha ha ottenuto la mukti o liberazione. Questo prova chiaramente che l'antico avatara Buddha e il moderno Gautama Buddha non sono la stessa persona. Un famoso libro Buddhista dal titolo 'Lankvatra-stra un'autentica prova di ci; anche l si fa distinzione tra kya-siha e Buddha. Nella prima parte di questo libro, il Re di Lanka, Rvaa, indica il precedente bhagavn Buddha ovvero il Signore Buddha con il termine di jina-putra o 'il figlio di una Jina', e offre preghiere anche agli altri Buddhisti, buddha-sut ca, 'figli di Buddha', che appariranno in futuro. Per buona informazione dei lettori, qui di seguito ne riportiamo una parte: Al tempo in cui Rvaa governava su Lanka: toaka-vttennugyja punarapi gath-gtena anugyati sma. lankvatra-stra vai prva-buddhnuvarita smarmi prvakai buddhair-jina-putra-puraskrtai (9) stram-ten-nigadyante bhagavn api bhat bhaviyantyangate kle buddh buddha-sut ca ye (10) (Lankvatra-stram, 1 edizione, pubblicata dalla Societ Buddhista dell'India con patronato del Governo del Bengala. Stampato dalla tipografia governativa nel Gennaio 1900)

Ajana-suta-Buddha e uddhodana-Buddha sono differenti


Alcuni sostengono che i Vaiava mostrano verso Buddha pi rispetto e fede sincera di quella mostrata da crya akara. Perci concludono che i Vaiava sono anche Buddhisti. La nostra conclusione al riguardo che il Buddha descritto come nono avatra di Viu tra gli avatra menzionati nel Linga Pura, Bhavaya Pura e Varha Pura, non Gautama Buddha, il figlio del Re uddhodana.. I Vaiava non adorano il nyavd Buddha. Nello rmad-Bhgavatam (10.40.22) sta scritto: 'namo buddhya uddhya daitya-dnava-mohine' "Offriamo i nostri omaggi al divino Signore Buddha che apparso semplicemente per deludere i daitya e i dnava!" Quando i Vaiava recitano questo mantra, offrono omaggi al nono avatra Viu Buddha. Da un'altra parte dello rmad-Bhgavatam (1.3.24) viene descritta cos l'virbhva o avvento di r r Buddhadeva: tata kalau sampravtte sammohya sura-dvim buddho nmn'jana-suta' kkaeu'bhaviyati "In quel tempo, all'inizio di Kali-yuga, il Signore apparir come Signore Buddha, il figlio di Ajana, nella provincia di Gay, al solo scopo di deludere coloro che sono invidiosi dei fedeli teisti." 13

Raggi di Armonia Vol. II ~ N. 1

Secondo Raggio Pubblicazioni In questo loka il Buddha che viene menzionato ajanera putra, il figlio di Ajana, altri invece dicono che ajinera putra, il figlio di Ajina e il luogo dove apparso Kkata, nel distretto di Gay. Il commento a questo loka di pjyapda rdhara Svm dice: buddhvatram ha tata iti. ajanasya suta. ajina-suta iti phe ajino'pi sa eva. kkatesu' madhye gay-pradea "In questo verso, partendo da tata kalau (SB. 1.3.24) si parla dell'avatra del Signore, il Signore Buddha. La parola 'ajana-suta' significa che il Signore Buddha apparve come il figlio di Ajana, ma in alcune traduzioni di questo verso al suo posto troviamo le parole 'ajina-suta' indicando il nome del padre come Ajina. In entrambe le versioni comunque il riferimento al medesimo Buddha." rdhara Svmpada ben cosciente di come funziona la sampradya degli advaitavdi o myvd, dichiar che per i myvd accettare questa verit non era una questione tale da sollevare violente proteste, quindi disse: "Il figlio di Ajana, Buddha, adorabile da parte della Bhgavata sampradya e il distretto di Gay il luogo dove nacque." Il suo avvento accadde all'inizio di Kali. E' affermato nel Nsiha Pura, 36 Capitolo, loka 29: kalau prpte yath buddh bhaven nryaa-prabhu "Proprio all'inizio dell'era di Kali il Signore Nryaa divent Buddha ..." Si comprende da ci che l'avvento di Bhagavn Buddha non avvenne prima di 3500 anni fa e in accordo agli astrologi persino 5000 anni fa. Il giorno della sua nascita lo troviamo nel Niraya Sindhu, secondo capitolo: jyaiha ukla dvity buddha-janma bhaviyati "Nel mese di Jyaiha (Maggio-Giungo) nel secondo giorno di ukla-paka o quarto giorno di luna crescente, nascer il Signore Buddha." In un altro luogo dello stesso libro viene cos definito il pj o adorazione di Buddha: paua uklasya saptamy kuryt buddhasya pjanam "Nel mese di Paua (Dicembre-Gennaio) nel ukla-saptam-tithi o settimo giorno di luna crescente, deve essere adorato il Signore Buddha." Successivamente sono stati indicati sia il metodo di adorazione, gli omaggi e le regole dell'arcana del nono avatra, Viu Buddha. Il Viu Pura, l'Agni Pura, il Vyu Pura, lo Skanda Pura e molte altre scritture, si sono riferiti a Lui in molti passi. Nel Dev Bhgavata, una scrittura alquanto recente ed in un altro libro denominato akti Pramoda viene menzionato anche il Buddha dei Jain, ma si tratta di kya-siha Buddha e non di Viu Buddha. Se i deva-dev sevaka o i pacopsaka, gli adoratori dei cinque principali deva, adorano od onorano il kyasiha dei nyavd, ci non proccupa affatto i bhgavata o i seguaci del santana-dharma. E' opinione di Max Muller che kya-siha fosse nato nel 477 A.C. nella citt di Kapilvastu, in Nepal, vicino ai Giardini Lumbin. Kapilvastu era un'antica e famosa citt del Nepal. Il nome del padre di Gautama era uddhodana, il nome di sua madre Mydev. Questo un fatto storico accertato. Il figlio di Ajana ed il figlio di uddhodana, non sono quindi la stessa persona. Il luogo di nascita di uno nella provincia di Gay, da cui il famoso nome Buddha Gay, mentre l'altro luogo di nascita Kapilvastu nel Nepal. Perci sia il luogo dell'apparizione di Viu Buddha, che i genitori e cos via sono tutti diversi. Ora, si deve capire che la persona cui la gente fa riferimento come Buddha non l'originale nono avatara Viu Buddha. Quindi non possiamo essere della stessa opinione di crya akara. Sicuramente dal pun14 Raggi di Armonia Vol. II ~ N. 1

Terzo Raggio Pubblicazioni to di vista storico questa differenza di opinioni potrebbe apparire lieve, ma ci nonostante, il soggetto relativo alle qualifiche del guru deve essere assolutamente discusso. Mostrare rispetto alle opulenze del Buddha o alla sua potente filosofia una cosa, ma manifestare adorazione ed onore per il suo siddhnta, le sue conclusioni ontologiche, il vicara, le sue giuste discriminanti, un'altra questione. Comunque siamo ficuciosi che i nostri lettori saranno in grado di comprendere chiaramente che Buddha non lo stesso kya-siha Buddha; l'avatra Buddha completamente differente. Pu darsi sia possibile trovare delle similitudini tra di loro, ma non possibile accettarli come la stessa persona.

Glossario
Adi-buddha: Il Buddha originale che apparve circa 3500 anni fa a Bodha Gay. A volte ci si riferisce a Lui come purva-buddha ovvero il Buddha che precedette tutti gli altri Buddha. A Jina: Il Signore Viu Buddha che il "figlio di un Jina". A volte chiamato Ajana. Bodhisattva-buddha: Un altro nome attribuito al Signore Buddha. Questo termine viene usato per kya-siha Buddha, ma impropriamente; proprio come il nome "Sugata" viene oggi erroneamente riferito a kya-siha. Bodhisattva significa colui che illuminato appieno, e ci consono solo se riferito a Adi-Buddha. r Raghuntha Cakravart: Nell'autorevole commentario Trikanda Cintamai si trova un riferimento a lui per l'aiuto che diede nella stesura dell'Amara-koa. Carey: William Carey (1761-1834) fu il primo ministro Battista a recarsi in India. Dal 1800 al 1830 fu professore di Lingue Orientali al Collegio di Fort William, Calcutta. Egli divenne noto come un eminente Orientalista, pubblicando ventiquattro volumi di traduzioni delle scritture. Tra il 1801 ed il 1825 pubblic sei trattati di grammatica in altrettanti diversi linguaggi. Sebbene uomo dalla grande erudizione e di vasti interessi, Carey non ebbe molto potere creativo e non era portato per la letteratura. I suoi lavori sono pricipalmente di valore pedagogico e solamente di interesse filologico. Il suo pi grande contributo forse la capacit di creare prosa in lingua Bengali. Egli veniva spesso definito uno dei costruttori della prosa moderna Bengali. Pubblic l'Amara-koa e fu un contemporaneo dello studioso Inglese Colebrooke. H.T. Colebrooke: (1765-1837) Un paita Inglese di Studi Orientali. Il suo nome completo era Henari Thomas Colebrooke. Era un giudice della corte di Calcutta e fu il primo Europeo a presentare la filosofia pura Hindu. Egli introdusse molti manoscritti in Sanscrito stilati nel 1818. Era molto esperto nei Veda, nella grammatica Sanscrita (Vyakarana), nella filosogia e nell'astrologia. Fu lui a tradurre l'Amara-koa. Gautama: Quando la Regina My mor dopo aver dato alla luce Siddhartha, il bimbo fu lasciato alle cure della sorella e seconda moglie di uddhodana, Mah Pajapati Gautama. In questa famiglia, sotto la tutela del brhmaa paita Sarvamitra, egli iniz gli studi. Si dice che a 29 anni, quando rinunci alla vita di famiglia, divent famoso come il samana Gautama. Samana significa un eremita o un asceta e viene usato solamente in riferimento ai monaci Buddhisti come alternativa al termine brhmaa. Principe Siddhartha: Siddhartha era il nome originale di Gautama Buddha. Egli nacque a Kapilvastu nel Terai Nepalese, all'interno del parco di Lumbin ed un menir di pietra eretto dall'imperatore Aoka ne segna il luogo. Manusya-buddha: Questo termine si riferisce ad un aspirante Buddha. Il suo destino sar l'illuminazione completa(Buddhismo, 1950, Bikku Ananda). Inoltre si riferisce al giorno di luna piena del mese di Vaikha (Aprile-Maggio), quando il Principe Siddhartha, il saman o l'ascetico Gautama, divenne Buddha, l'Illuminato, il Perfetto e il Benedetto. Questi sono esseri umani che ottengono l'illuminazione Buddhista. Quindi Gautama 'divent' Buddha il giorno che oggi viene ricordato come Buddha Purnima. In altre parole ci significa che quel giorno non corrisponde all'apparizione di Viu Buddha festeggiata il giorno di luna piena del mese di Maggio, Gautama Buddha non apparve quel giorno, comunque si pu notare la frattura storica tra i due Buddha anche qui. Rvana: Il re rkasa di Lanka figlio di Virav e Kaikas; era il nipote di Pulastya Muni. Pulastya era uno dei dieci prajpati generati dal Signore Brahm. Rvana era molto esperto nei Veda. kya-siha: (scritto anche kya-sigha) Il nome della dinastia reale in cui apparve il Principe Siddhartha o Gautama Buddha. Si dice che quando nacque il Buddha, ottantamila kya promisero di dedicargli un figlio quando sarebbe diventato un Buddha o un Cakkavatti Raja (Re) come era stato profetizzato. kyasiha Buddha apparve nel 477 A.C. a Kapilvastu, nel Nepal vicino ai Giardini Lumbin. Secondo il dizionario di Sanscrito-Inglese degli Studenti (1988), egli nacque a Kapilvastu e mor nel 543 A.C. Raggi di Armonia Vol. II ~ N. 1 15

Terzo Raggio Pubblicazioni akarcrya: Il santo fondatore della filosofia Myvda o impersonalismo. Un altro nome di Myvda Advaitavda, o monismo indifferenziato (Tutto uno). Egli apparve nel 788 D.C. e scomparve nel 820 D.C. a Cidambarama nel distretto del Kerala, India. uddhodana: Re e marito della Regina My; egli apparteneva alla dinastia reale di kya-siha, da qui il titolo di kya-siha Buddha. Daitya: I figli di Kayapa e Diti considerati nemici dei deva. Dnava: I figli di Kayapa e Danu, erano quaranta e venivano considerati nemici dei deva. Jain: Una religione affine al Brahmanesimo e al Buddhismo il cui fondatore fu Mahvira. Jyaiha ukla dvity: Questa data non corrisponde a quella del mese di Maggio di Buddha Purnima. Questo giorno anche la ricorrenza dell'apparizione di rnivsa crya Prabhu e di rla Madhavendra Pr la cui pura visione Vaiava ancora pi importante all'interno della Gauya sampradya. rla rnivsa crya apparve nel 1519 e scomparve nel 1610; egli era un discepolo dk di rla Gopla Bhaa Gosvm e ricevette ik da r Jva Gosvm che accord il titolo di crya a rnivsa. rla Madhavendra Pr viveva a Gay ed era il guru di rla vara Prpda (il guru iniziatore di r Caitanya Mahprabhu). Kkaa: Nell'antica letteratua era indicato come Magadha o il Bihar del sud. Nmnjana-suta: Il figlio di Ajana. rla Bhaktivednta Swm Mahrja nella sua translitterazione ha scritto 'nmnjana-suta' e nella traduzione 'Ajana'. Egli ha scritto anche che Kkaa si trova a Gay o nel Bihar del sud. rla Bhaktivednta Swm Mahrja ha inoltre scritto nella sua spiegazione dello rmad-Bhgavatam (2.7.37): "Questa incarnazione del Signore Buddha non lo stesso Buddha che presentato attualmente come tale all'umanit. Secondo rla Jva Gosvm, l'incarnazione di Buddha menzionata in questo verso apparve in una Kali-yuga diversa. Nei principi religiosi deve essere posto Dio al centro; altrimenti le semplici istruzioni morali restano dei principi sub-religiosi, in genere conosciuti come upadharma, qualcosa che si avvicina ai principi religiosi." Max Mueller: Friederich Maxmuller (1823-1900), il grande linguista e studioso, nato a Dessau, Germania. A soli venti anni, nel 1843, prese il dottorato e nel 1850 fu nominato Professore di lingue Moderne ad Oxford, Inghilterra e rappresentante del Taylorismo. Dal 1876 al 1900 egli pubblic un impressionante ed importante serie dei Testi Sacri dell'Oriente in cinquantuno volumi. Prima che Maxmuller morisse a Oxford nel 1900, fu insignito da onori e riconoscimenti che ogni studioso vorrebbe ricevere. Ricevette la laurea onoraria di dottorato da moltissime universit e fu giudicato con altissimo riguardo da tutti gli studiosi di Indologia del mondo. Il popolo indiano lo ha riconosciuto con il nome di "Moka-mla Bhacrya". Pura: "I Pura sono le istruzioni religiose supplementari che chiariscono i Veda. Le persone interessate a conoscere i Veda nella loro vera luce, necessitano di una visione di supporto per portare a buon fine la loro causa; quindi gli scritti supplementari furono stilati per armonizzare le differenti comprensioni e gusti dei Rjasa, Tmasa e Sttvata. I Sttvata sono persone veramente etiche mentre gli altri due tipi sono impegnati nel mantenere le loro rispettive nozioni." (rla Bhaktisiddnta Sarasvat Gosvm) rdhara Swm: "Swm rdhara venne incluso dalla Scuola Impersonalista come uno dei suoi appartenenti, ma il Supremo Signore r Caitanya Deva lo ha reputato il supremo difensore della devozione. r Jva Gosvm ha chiarito, nelle sue spiegazioni agli loka del Bhgavatam contenute nel Krama-Sandarbha, nel Sarva-samvadini e in modo particolre nel Sat-Sandarbha (Sei Trattati), il vero spirito dell'autore riconciliando ogni divergenza. Quindi non bisogna interpretare erroneamente l'interesse di rdhara verso la scuola kevaldvaita (monismo indifferenziato). Le interpretazioni uddhdvaita (monismo incondizionato) di rdhara sono molto diverse da quelle kevaladvaita. I Myvd, avvocati della teoria illusoria, nello spiegare la fase non-manifesta dell'Assoluto, si dimostrano veramente miseri agli occhi della Scuola Devozionale." (Gli insegnamenti di r Caitanya, prima parte, "Esplorazioni nella Verit Vedantica" di rla Bhaktisiddhnta Sarasvat Gosvm Mahrja). rdhara Swm accett l'ordine di rinuncia nella sampradya di akara ma i suoi commenti allo rmadBhgavatam, Bhagavad-Gt e Viu Pura, erano tutti nella linea della Scuola Bhagavata. rla Jva Gosvm fece notare che rdhara Svm scrisse un commento misto, il Bhavartha-dipika, poich alcuni seguaci di akara della Scuola Myvda, svilupparono un interesse nel Bhgavatam. Per attrarre questi sannys alla scuola devozionale, rdhara Swm scrisse il suo commentario misto. Perci possiamo comprendere perch i myvd non hanno nessun problema nell'accettare come autorevoli le affermazioni di rdhara sull'apparizione di Buddha. 16 Raggi di Armonia Vol. II ~ N. 1

Terzo Raggio r r Rdh-Ka

Krishna, loceano del rsa


rla Bhaktivednta Nryaa Mahrja
Badger, California - USA 1996

Per ispirazione di Sua Divina Grazia


Sono molto felice di tornare a New Braja (Badger) e di vedere che i devoti sono molto entusiasti. Per ispirazione di Sua Divina Grazia r rmad Bhaktivednta Swm Mahrja, qui stato costruito un villaggio di devoti, a migliaia di chilometri da Vndvana. Non solo qui, ovunque mi rechi nel mondo, sia in Oriente che in Occidente, vedo i risultati dell'ispirazione che ha dato. In Canada, in un luogo molto remoto, in una densa foresta sulle montagne, sono andato in un villaggio di devoti chiamato Saranagati; ero molto compiaciuto nel vedere che molti devoti vivono l seguendo il varnrama-dharma ed i principi della bhakti. Sono andato anche in un villaggio in Australia, tra le colline, in un meraviglioso paesaggio. L pioveva spesso ed era sempre vasanta, primavera. Anche se questo posto cos lontano dall'India, ho potuto vedere che per la grazia di Swmj, per l'impulso dato dalla sua predica, stato costruito un grande villaggio di devoti. Tutti erano molto ispirati: donne, uomini, persone anziane e bimbi piccoli; tutti avevano il tilaka e il kanti-ml. Tutti danzavano, cantavano e ricordavano la coscienza di Krishna. Persino in India solitamente non si vedono queste manifestazioni di entusiasmo. Ma qui lo vedo ovunque, e questo il miracolo di Swmj. Se non fossi venuto in questi luoghi e avessi visto con i miei occhi quello che ha fatto, mi sarebbe stato difficile immaginarlo. Avevo gi una forte fede in lui, ma quando sono arrivato qui e ho visitato questi luoghi, la mia fede e la mia ammirazione per lui si sono rafforzate. Non solo sono diventate forti, ma sono le pi forti. Dobbiamo capire che dietro rla Swm Mahrja c' la sua guru-varga, la successione disciplica: rla Bhaktisiddhnta Sarasvat hkura, rla Bhaktivinoda hkura, rla Kadsa Kavirja Gosvm, rla Svarpa Dmodara, rla Rya Rmnanda e

r Caitanya Mahprabhu. E' agendo come loro mani, come loro strumento, che rla Swm Mahrja giunto qui non per una sua missione indipendente. Egli venuto per diffondere la missione dei suoi amati Rdh-Ka e Gaura-Nitynanda e particolarmente la missione di rla Svarpa Dmodara, rla Rya Rmnanda e rla Rpa Gosvm.

Chi Caitanya Mahprabhu?


Pochi anni fa, a Vndvana, spiegai importanti siddhnta (verit), ma i devoti comuni non capirono. Anarpita-car cirt karuayavatra kalau. Dopo un lunghissimo periodo di tempo, un intero giorno di Brahm che comprende 1000 cicli di ere, r Caitanya Mahprabhu apparso. Lui Krishna stesso ma con la bellezza e il sentimento di rmat Rdhik. Poich la forma combinata di r Rdhik e Krishna, Egli rasarja-mahbhva. Forse avete gi sentito questo nome; contiene uno speciale ed esoterico significato come spiegato nella r Caitanya-Caritmta della forma di r Caitanya Mahprabhu acnandana Gaurahari. Il Signore Caitanya apparve a Mypura, r Navadvpa-dhama, solamente per donare il tesoro pi intimo e nascosto. Anche per devoti elevati come Sanaka, Sanandana, Santana e Sanat-kumara, per Prahlda Mahrja e persino Nrada e Uddhava, questo tesoro resta un mistero. Il Signore Caitanya venuto per distribuirlo con le Sue mani, non solo con due mani, con lakh e lakh di mani. In altre parole tutti i devoti di r Caitanya Mahprabhu erano le Sue mani. I compagni del Signore non consideravano le qualifiche di nessuno. Persino le tigri, gli orsi, i serpenti, le piante e gli alberi, chiunque poteva vedere la meravigliosa forma di r Caitanya Mahprabhu e chiunque Lo ascoltava mentre gridava: "O Krishna, dove sei? Dove sei andato? O Rdhike dove sei?" diventava un devoto. Tutti iniziavano a cantare e a 17

Raggi di Armonia Vol. II ~ N. 1

Terzo Raggio r r Rdh-Ka piangere e ricevevano ka-prema. r Caitanya Mahprabhu era disceso cos in questo mondo, era venuto particolarmente per dare questo prema. Non venuto solamente per stabilire lo yuga-dharma, o per agire come un bhakta-raka, per proteggere i Suoi devoti dai demoni. Lo scopo principale del Suo avvento era stabilire questo: anarpita-car cirt karuayvatra kalau samarpayitum unnatojjvala-rasm sva-bhakti-riyam hari puraa-sundara-dyuti-kadamba-sandpita sad hdaya-kandare sphuratu va ac-nandana 'Possa quel Signore che conosciuto come il figlio di rmat acdev, situarsi trascendentalmente nelle camere pi recondite del tuo cuore. Risplendente della radiosit dell'oro fuso, Egli apparso nell'era di Kali, per Sua misericordia senza causa, per concedere ci che nessun'altra incarnazione aveva mai offerto prima: il pi sublime ed elevato nettare del servizio devozionale, il nettare dell'amore coniugale.' (C.C. di-ll 1.4) r Caitanya Mahprabhu venuto solo per unnatojjvala-rasa. Cos' questo unnatojjvala-rasa? E' il sentimento di servizio a Krishna che le gop hanno ed in particolare il sentimento di rmat Rdhik. Non pensate che usare la parola gop sia sinonimo di sahajiysmo. Se fosse stato cos, allora rla Kadsa Kavirja (l'autore della Caitanya-Caritmta), rla Rpa Gosvm (l'autore di questo loka) e r Caitanya Mahprabhu (la personificazione della Caitanya-caritamrta), sarebbero tutti sahajiy poich questo verso il magalcarana (invocazione introduttiva) e il verso pi importante della Caitanya-Caritmta. L'unnatojjvala-rasa di due tipi: il sentimento di rmat Rdhik e delle gop come Lalit, Vikh, Citra e cos via, ed il sentimento delle plya-ds, le ancelle di rmat Rdhik. Le plya-ds di rmat Rdhik non vogliono servire Krishna senza la presenza di Rdhik. Se Krishna, da solo, le chiamasse, esse non andrebbero perch non desiderano gustare una relazione diretta con Lui. r Caitanya Mahprabhu venuto per distribuire il sentimento di queste ancelle come ad esempio Rpa-mjar e Lavanga-mjar, nel servire rmat Rdhik e Krishna. Il sentimento di rmat Rdhik non pu essere distribuito; esclusivamente Suo. Nella forma di r Caitanya Mahprabhu, Krishna ha potuto gustare appieno i tre sentimenti di Rdhik: r-rdhyh praaya-mahima kdo vnayaivasvdyo yendbhuta-madhurim kdo v madya saukya csy mad-anubhavata kda veti lobht Raggi di Armonia Vol. II ~ N. 1

Sri Krsna Caitanya Mahaprabhu

18

Terzo Raggio r r Rdh-Ka tad-bhvhya samajani ac-garbha-sindhau harndu 'Desiderando comprendere le glorie dell'amore di rmat Rdhr, le Sue meravigliose qualit che solo Lei pu apprezzare con il Suo amore e la felicit che Lei prova nella dolcezza del Suo amore, il Signore Supremo Hari arricchito delle emozioni di Lei apparve dal grembo di rmat acdev, come la luna appare dall'oceano. (C.C. di-ll 1.6) Il piacere che rmat Rdhik sperimenta nel servire e nel guardare Krishna non pu essere concesso a nessuno, ma il sentimento delle gop ancelle, pu essere dato. r Caitanya Mahprabhu perci venuto solamente per donare questo: il sentimento di servizio a rmat Rdhik, il sentimento che propende pi verso il servizio a Lei che verso il servizio a Krishna, ma che in definitiva servire entrambi. Prima dell'apparizione di r Caitanya Mahprabhu, r Rmnujcrya, r Madhvcrya e molti altri crya Vaiava erano gi apparsi. Anche incarnazioni come quella di Rma e del Signore Nsiha erano gi discese. Tutti diedero un grande contributo al mondo, ma nessuno tra loro diede questo prema, chiamato bhakti-rasa, che r Caitanya Mahprabhu diede tramite rla Rpa Gosvm. r-caitanya-mano-'bha sthpita yena bh-tale svayam rpa kad mahya dadti sva-padntika 'Quando rla Rpa Gosvm Prabhupda che ha stabilito in questo mondo materiale la missione che soddisfa il desiderio di r Caitanya Mahprabhu, mi dar rifugio ai suoi piedi di loto?' rmat Rdhik, nel senso che Krishna gioisce del rsa con loro e loro gustano Krishna direttamente. rla Svarpa Dmodara e rla Rya Rmnanda erano i ik-guru di rla Rpa Gosvm e degli altri Gosvm. r Caitanya Mahprabhu, cos come Nitynanda Prabhu chiese loro e a tutti gli altri associati, di concedere la misericordia a rla Rpa Gosvm cosicch potesse realizzare il Suo pi profondo desiderio e distribuirlo al mondo intero. Tutti concessero la loro misericordia e rla Rpa Gosvm divenne potenziato a comporre letteratura che esprimesse i sentimenti intimi di r Caitanya Mahprabhu. In questo modo rla Rpa Gosvm diede piacere al Signore. Nessuno prima di lui aveva mai scritto libri cos. rman Mahprabhu diede uno speciale ordine a rla Rpa Gosvm: scrivere libri su ci che in precedenza Lui stesso gli aveva insegnato a Prayaga e stabilire la rgnug-bhakti nel mondo, il servizio devozionale spontaneo. rla Rpa Gosvm soddisf cos l'ordine del Signore scrivendo vari libri, come ad esempio il Bhakti-rasmta-sindhu e l'Ujjvala-nilamani. Egli present le tattva, verit, che non erano state spiegate chiaramente nello rmad-Bhagavatam, nei Pura e in nessun'altra opera. Nel Vidagdha-mdhava, nel Lalita-mdhava e in altri libri, egli scrisse molti loka descrivendo i sentimenti di rmat Rdhik e delle gop, chiamati vraja-bhava.

Mahavisnu o Mahprabhu?
Tutti gli crya della nostra linea, iniziando da rla Svarpa Dmodara e da rla Rya Rmnanda, fino ad arrivare a rla Bhaktisiddnta Sarasvat Gosvm e i suoi discepoli, non sono venuti per stabilire la vaidh-bhakti. Poich essi erano crya speciali, nessuno di loro venuto per questo. Non sono venuti per predicare le teorie e i sentimenti propri della vaidh-bhakti come aveva fatto r Rmnujcrya, r Madhvcrya e cos via. Al contrario, se essi avessero predicato questo, sarebbero stati i rappresentanti della r sampradya, della Madhva sampradya, della Viusvami sampradya, della Nimbaditya o di altre sampradye. Tutti i nostri crya, cio tutti gli crya della Gauya sampradya, iniziando da Madhavendra Prpda e vara Prpda fino a rla Swarupa Dmodara e pi recentemente a rla Bhaktisiddhnta Sarasvat hkura, rla Bhaktiprajna Keava Gosvm Mahrja e rla Bhaktivednta Swm 19

Le Glorie di rla Rpa Gosvm


Vi erano molti grandi devoti e Suoi intimi compagni quando apparve r Caitanya Mahprabhu: i sei Gosvm, r Svarpa Dmodara e r Rya Rmnanda, ma questo loka composto da rla Narottama dsa hkura, fu scritto specificatamente per glorificare rla Rpa Gosvm. Poich egli Rpamjar in grado di comprendere i desideri pi reconditi del Signore e di concedere alle jve il suo sentimento di servizio a Krishna. rla Svarpa Dmodara e rla Rya Rmnanda erano Lalit e Vikh e n i loro sentimenti n il loro particolare tipo di servizio pu essere dato. Essi servono Krishna come fa

Raggi di Armonia Vol. II ~ N. 1

Terzo Raggio r r Rdh-Ka Mahrja, non sono venuti per stabilire la vaidhbhakti. Invece ognuno di loro ha affermato che la venuta di r Caitanya Mahprabhu aveva come fine distribuire quel prema, quella vraja-bhakti, il vrajarasa. rman Mahprabhu stabil anche lo yuga-dharma con il nma-sakrtana. Lo fece attraverso Mahviu, Nryaa, Nsihadeva e gli altri avatra, simultaneamente presenti nel Suo stesso corpo. Poich tutti gli avatra erano in Lui, non fu necessaria nessuna altra incarnazione per svolgere la funzione di stabilire lo yuga-dharma e dare la misericordia a Jagai e Madhai. r Caitanya Mahprabhu stesso fece tutto ci. Inoltre soddisf il desiderio di Advaita crya che aveva chiesto al Signore di apparire presto. Predic e don ka-prema con il canto del Santo Nome. Gust i sentimenti di rmat Rdhik e soddisf anche tutti gli altri fini. Come esposto nella Caitanya-Caritmta, tra i Suoi fini comunque, due erano i principali: dare ka-prema e provare i sentimenti di rmat Rdhik. prema-rasa-nirysa karite svdana rga-mrga bhakti loke karite pracrana rasika-ekhara ka parama-karua ei dui hetu haite icchara udgama 'Il desiderio di apparire del Signore nacque da due ragioni: Egli desiderava gustare la dolce essenza del nettare dell'amore per Dio e voleva propagare nel mondo il servizio devozionale basato sull'attrazione spontanea. Quindi Egli conosciuto come il supremamente felice e il pi misericordioso.' (C.C. dill 4.15-16) Krishna rasika-ekhara. Sapete qual il significato di rasika-ekhara? Egli Colui che gusta, il goditore di tutti i rsa, l'oceano del prema-rasa. Il Signore Rma ha molto rsa, ma non un oceano sterminato di rsa. Il Signore Nsihadeva ha un solo rsa. Quando apparve, era raudra, arrabbiato, e il mondo intero aveva paura di Lui. Ma Krishna rasika-ekhara, un oceano senza fine. Non c' limite alla variegatezza e alla profondit dell'oceano del Suo rsa. In senso generale tutte le scritture glorificano Krishna in questo modo. Ma secondo il siddhnta Gauya (la successione disciplica che proviene dal Signore Caitanya), rmat Rdhik un oceano di rsa ancor pi grande di Krishna. Se Lui si dovesse immergere in quell'oceano, non sarebbe in grado di 20 sondarne la profondit. In realt lo Srimad-Bhagavatam stato presentato al solo scopo di glorificare rmat Rdhik e le gop. Molti Pura e altra letteratura erano stati scritti per glorificare Krishna. Nello rmad-Bhgavatam la glorificazione di Krishna non l'obiettivo supremo; lo invece glorificare il prema dei vraja-bhakta. Non Krishna l'obiettivo della vita. E' ka-prema il nostro obiettivo. Anche Kamsa ebbe il darana di Krishna, ma egli non aveva prema, perci non riusc a soddisfare o servire Krishna. Nella Caitanya Caritmta stato rivelato che ka-prema il fine supremo di tutte le jve e che rdh-prema il prema pi eccellente. Krishna, come r Caitanya Mahprabhu, venne solo per gustare quel prema e per dare i sentimenti di Rpa-mjar, Rati-mjar e di tutte le plya-ds di rmat Rdhik. La jva non pu possedere i sentimenti di rmat Rdhik. Non in grado di digerire qualcosa di pi grande del sentimento delle plya-ds; tuttavia questo sentimento la posizione pi elevata. rla Rpa Gosvm, rla Raghuntha dsa Gosvm e tutti i Gosvm erano assorti in questo sentimento interno di servitrici di rmat Rdhik. sakhy-prvaka-nma-gna-natibhi kalvasn-ktau nidrhra-vihrakdi-vijitau ctyanta-dnau ca yau rdh-ka-gua-smter madhurimnandena sammohitau vande-rpa-santanau raghu-yugau r-jva-goplakau 'Offro i miei rispettosi omaggi ai sei Gosvm: r Rpa Gosvm, r Santana Gosvm, r Raghuntha Bhatta Gosvm, r Raghuntha dsa Gosvm, r Jva Gosvm e r Gopala Bhatta Gosvm che erano impegnati nel canto dei Santi Nomi del Signore e che cadevano prostrati in omaggi ogni giorno per un determinato numero di volte. In questo modo essi utilizzavano le loro preziose vite ed eseguendo queste attivit devozionali avevano conquistato la fame e il sonno ed erano sempre mesti ed umili; assorti nel ricordare le trascendentali qualit del Signore.' (r Sad-gosvmy-astaka 6) Questo uno loka bellissimo. rla Rpa Gosvm, rla Santana Gosvm e tutti i Sei Gosvm cantavano e si rotolavano nella terra di Vndvana. A volte al Rdh-kua o al yma-kua, a volte a Raggi di Armonia Vol. II ~ N. 1

Terzo Raggio r r Rdh-Ka Vndvana o a Bandhiravana, altre volte a Nanda- vaidh-bhakti. Egli ci ha dato questi principi fondagaon o a Varn. Ovunque si trovassero piangeva- mentali per prepararci a progredire ulteriormente. no profusamente e gridavano: "Rdhike, dove sei?" Ha tagliato le giungle costituite dalla filosofia Con sentimenti molto intensi, cantavano ogni giorno myvda, dal sahajiysmo e dal sakhi-bekhivada (conon meno di un lakh di Harinma. Erano assorti nel loro che, anche se pieni di desideri materiali, si vepensare ai nomi e ai passatempi di Krishna ed offri- stono come delle sakh di Rdh e Krishna) e tutte vano lakh e lakh di daavat-pranma. Essi prega- le altre concezioni spirituali sbagliate. Ovunque anvano: "He Rdhe! He Rdhe! He Krishna! Karua- dasse, egli purificava i cuori, ma il suo mula, il suo sindhu! Dna-bandhu! Jagat-pate!" Piangendo re- obiettivo di base, era di dare il prema pi elevato. Avete letto i commenti della r Upademta, il Netcitavano sempre questo genere di loka. rla Rpa Gosvm era nella linea di r Caitanya tare delle Istruzioni, di Swm Mahrja? Il primo Mahprabhu e trasmise solamente i sentimenti che il loka il seguente: Signore voleva che lui predicasse. rla Jva Govco vega manasa svm, rla Rakrodha-vega ghuntha dsa Gojihv-vega udaropasvm, rla Kadsa stha-vega Kavirja Gosvm, etn vegn yo viaheta rla ymnanda dhrah Prabhu, rla Narottasarv apm ma hkura, rla rpthiv sa iyt nivsa crya e successivamente rla Vi'Una persona sobria che svanatha Cakravarti pu tollerare l'urgenza delhkura, rla Baladela parola, le domande della va Vidyabhusana, rmente, le reazioni rabbiose la Jagannatha dsa e le urgenze della lingua, Bbj Mahrja, rla dello stomaco e dei genitali, Gaurakisora dsa qualificato per fare disceBbj Mahrja e rpoli in tutto il mondo.' la Bhaktivinoda hkura, sono tutti Prima di tutto dobbiamo Rpnuga Vaiava. mettere in pratica questo. Essi non sono venuti Ci in relazione alla per predicare la vaidh-bhakti e rla Rpa vaidh-bhakti. Lo hanGosvm ha stabilito queste no comunque fatto, pratiche. per tagliare le giungle Noi abbiamo molti desideri delle concezioni filomateriali. Dopo essere arsofiche sbagliate e stabilire lo yuga-dharma, rla Bhaktivednta Nryaa Mahrja a Mosca Agosto 2000 rivati a diciotto o diciannove anni, iniziamo a consideper poi dare concezioni pi profonde. Senza questo lavoro preliminare, rare se sposarci oppure no, e questo un grande pronessuno sarebbe in grado di comprendere i loro sen- blema. Noi pensiamo: "Il mio Gurudeva prima era un uomo sposato, quindi anch'io mi voglio sposare, timenti profondi e il loro vero scopo. poi quando avr settant'anni accetter l'ordine di rinuncia." Non sappiamo cosa fare e siamo sempre nel Il Nettare delle Istruzioni dilemma. Possiamo notare che per praticare la bhakti, rla Anche rla Swm Mahrja venuto per dare al ukadeva Gosvm e r Nrada Muni non obbedimondo questa suprema concezione. Egli non ve- rono neppure ai loro esaltanti padri. rla Vyasadenuto unicamente per dare l'harinma o stabilire la va desiderava che suo figlio ukadeva rimanesse a 21

Raggi di Armonia Vol. II ~ N. 1

Terzo Raggio r r Rdh-Ka casa con lui e perci lo chiam: "Torna, figlio mio, torna!" Ma rla ukadeva Gosvm corse verso una densa foresta e non torn pi. Il Signore Brahm disse a Nrada: "Tu sei mio figlio. I tuoi fratelli pi grandi, Sanaka, Sananda, Santana e Sanat-kumara, non mi hanno obbedito e sono partiti per fare austerit e per dare piacere al loro iadeva, il loro adorabile Signore. Ma poich tu sei nato da me, mi devi obbedire. Quando sarai maturo, dovrai sposarti e vivere come me. Io ho due mogli e tu ne potrai avere di pi." Ma Nrada non gli obbed, anzi lasci la casa. Quindi che fare? Noi ci siamo sposati continuamente, non solo in questa vita, ma per centinaia e migliaia di vite. Se in una vita non vi sposate, qual il problema? Anche gli asini, i maiali e i cani si sposano. Facciamo in modo di usare questo corpo umano per controllare i sensi. rla Rpa Gosvm scrive: vco vega manasa krodha-vega jihv-vega udaropastha-vega etn vegn yo viaheta dhrah sarv apm pthiv sa iyt Colui che segue questo loka jagat-guru. teriale che non hanno interesse nella coscienza di Krishna; e per ultimo (6) bramare per dei guadagni materiali. (r Upademta 2) Se non abbandonate queste sei attivit dannose al servizio devozionale, la vostra bhakti scomparir e la vostra vita spirituale verr distrutta. Non impegnatevi in queste attivit. Nel terzo loka rla Rpa Gosvm scrive: utshn nicayd dhairyt tat-tat-karma-pravartant saga-tygt sato vtte abhir bhakti prasidhyati 'Ci sono sei principi che favoriscono l'esecuzione del servizio devozionale puro: (1) essere entusiasti, (2) sforzarsi con fiducia, (3) essere pazienti, (4) agire secondo i principi regolatori (come ad esempio ravanam, krtanam, vioh smaranam, ascolto, canto e ricordo di Krishna), (5) lasciare la compagnia dei non devoti e (6) seguire le orme degli crya precedenti. Questi sei principi senza dubbio assicurano il completo successo nel servizio devozionale puro.' Un aspirante devoto pu aver cantato il Santo Nome per dieci o quindici anni, ma non avere ancora la mente fissa. La sua mente sempre disturbata e i desideri di gustare i piaceri del mondo non diminuiscono; anzi aumentano. Ci significa che non ha fede. Quindi egli si domanda perch i suoi tentativi di controllare i sensi falliscono e si chiede se sia meglio abbandonare ogni tentativo. Non pensate cos: utshn niscayd dharyat. Tutte le jve sono qualificate per compiere il bhajana. Ajamila, Jagai e Madhai, Bilvamangala e persone pi disgraziate di loro hanno ricevuto il servizio a Krishna. Niscaya significa fiducia. Dobbiamo avere fiducia che praticando i principi della bhakti otterremo sicuramente ka-prema. Dharya significa pazienza. La coscienza di Krishna non come un laddu o un rasagulla che possiamo gustare facilmente mettendolo in bocca. Anche per guadagnare pochi dollari dobbiamo lavorare duramente. Come possiamo allora aspettarci che il pi grande conseguimento, la Coscienza di Krishna, possa entrare nella nostra bocca come un rasagulla? Di sicuro dovremmo sforzarci. Qualunque pratica abbiano adottato i nostri crya precedenti, la vita di famiglia o l'ordine di rinuncia, noi dobbiamo seguirlo. Ma sfortunatamente noi non Raggi di Armonia Vol. II ~ N. 1

Gli ingredienti del gusto


Per chi sono queste istruzioni? Sono per coloro che vogliono ka-prema, per coloro che vogliono servire Krishna. Ma prima di tutto bisogna creare una base, un terreno da cui iniziare a costruire. Anche rla Swm Mahrja ci ha istruito cos. Nello loka successivo rla Rpa Gosvm scrive: atyhra praysa ca prajalpo niyamgraha jana-saga ca laulya ca abhir bhaktir vinayati 'Il servizio devozionale viene macchiato quando si troppo impegnati nelle seguenti sei attivit: (1) mangiare pi del necessario o raccogliere capitali pi del richiesto; (2) sforzarsi eccessivamente per cose materiali che sono molto difficili da realizzare; (3) parlare inutilmente di soggetti che riguardano la materialit; (4) mettere in pratica le regole e le prescrizioni delle scritture solamente per seguirle e non per raggiungere l'avanzamento spirituale, oppure rifiutare di seguire le regole e le prescrizioni delle scritture e agire indipendentemente e in modo stravagante; (5) associarsi con persone dalla mentalit ma22

Terzo Raggio r r Rdh-Ka seguiamo veramente. Dobbiamo invece provare ad adottare tutti questi principi. Nello loka successivo, il quarto, rla Rpa Gosvm si parla dei sei tipi di saga: dadti pratigrhti guhyam khyti pcchati bhunkte bhojayate caiva a-vidha prti-lakaam 'Offrire doni, accettare doni, rivelare la propria mente in confidenza, porre domande con fiducia, accettare praada e offrire praada, sono i sei sintomi di amore che vanno scambiati tra devoti.' (r Upademta 4) Successivamente rla Rpa Gosvm spiega come dovremmo onorare appropriatamente i Vaiava. keti yasya giri ta manasdriyeta dksti cet pranatibhi ca bhajantam am uray bhajana-vijam ananyam anya ninddi-nya-hdam psita-saga-labdhy 'Si devono onorare mentalmente i devoti che cantano il Santo Nome del Signore Krishna; offrire umili omaggi ai devoti che hanno accettato dk (l'iniziazione spirituale) e sono impegnati nell'adorazione delle Divinit; associarsi e servire con fede il puro devoto che totalmente privo della propensit a criticare gli altri ed avanzato nel servizio devozionale non deviato.' (r Upademta 5) Se non proviamo gusto nel fare l'harinma ma lo desideriamo, dovremo praticare regolarmente questi principi e onorare i devoti in modo appropriato. lingua e mente. In questo modo si dovrebbe risiedere a Vraja (Goloka Vndvana-dhama) e servire Krishna sotto la guida dei devoti. Si dovrebbe seguire le orme di quei cari devoti del Signore che sono profondamente attaccati al Suo servizio devozionale. (r Upademta 8) Dovreste leggere la stupenda spiegazione di Swmj a questo loka. Egli scrive che r Caitanya Mahprabhu disceso in questo mondo solamente per distribuire ka-prema. Se volete questo prema, dovete seguire i principi delineati in questo loka. Qui rla Rpa Gosvm ha dato in breve la somma e la sostanza degli insegnamenti di Caitanya Mahprabhu: tan-nma-rpa-caritdi-sukrtannu smtyo kramea rasan-manas niyojya Si dovrebbe cantare e ricordare il nome, la forma trascendentale, le qualit e i passatempi eterni del Signore e quindi impegnare gradualmente la propria lingua e la propria mente.

Se volete Ka-prema
Se volete avere ka-prema, allora (tan-nma-rpacaritdi) dovete cantare i nomi di Krishna. E quali sono i nomi migliori? Sono quelli in relazione a tisthan vraje tadanurgi jannugami, a Krishna di Vndvana e ai Suoi pi cari devoti che risiedono l. he ka karua-sindho dna-bandho jagat-pate gopea gopik-knta rdh-knta namo 'stu te 'Mio caro Krishna, Tu sei un oceano di misericordia. Sei l'amico dei diseredati e la sorgente della creazione. Tu sei il maestro dei gopa, l'amante delle gop e sei l'amato di rmat Rdhik. Ti offro i miei rispettosi omaggi.' L'autore sta pregando: "Krishna, Tu sei molto gentile, misericordioso, affascinante e meraviglioso. T'imploro di concedermi la Tua misericordia." Qui l'autore si pone in modo molto dna-hina, umile, cos da ottenere la misericordia del Signore. La pioggia cade sulla cima delle colline ma non si ferma l, scende fino a valle e si raccoglie in un alveo. L'alveo rappresenta il devoto umile e la pioggia che scende la 23

L'Essenza di tutte le Istruzioni


rla Rpa Gosvm scrive: tan-nma-rpa-caritdi-sukrtannnu smtyo kramea rasan-manas niyojya tihan vraje tad-anurgi jannugm kla nayed akhilam ity upadea-sram 'L'essenza di tutte le istruzioni che si dovrebbe utilizzare il proprio tempo, ventiquattro ore al giorno, nel canto e nel ricordo del nome, della forma trascendentale, delle qualit e dei passatempi eterni del Signore e quindi impegnare gradualmente la propria

Raggi di Armonia Vol. II ~ N. 1

Terzo Raggio r r Rdh-Ka misericordia del Signore. Se non siamo umili, allora anche se la misericordia sempre a disposizione non potremo raccoglierla. L'autore perci dice: "dna-bandho! Non sono qualificato o umile, ma Tu hai molta misericordia per tutti. Dna significa caduto ed io sono certamente un'anima caduta. Ho molto falso ego ma ci nonostante non mi considero una persona infima. Jagat-pate. Mi trovo in questo mondo ma sei tu jagat-pate, il maestro dell'universo intero. Tu nutri e sostieni tutti nell'universo e io sono uno di questi." I nomi prima citati sono nomi di Vasudeva Krishna ed ora l'autore si rivolge a Krishna di Vndvana dicendo: "Gopea, Tu sei il Signore dei gopa e delle gop di Vndvana, Vraja, ma io non sono incluso tra loro." Egli vorrebbe essere tra loro e quindi prega: "Tu sei anche il caro amante delle gop." Questo nome importante, ma il nome principale il nome finale della preghiera, Rdh-knta. Rdh-knta significa che Krishna controllato da Rdh. Quindi dobbiamo cantare questi nomi e ricordare i passatempi di Krishna che sono in relazione ad essi. Se cantate il nome Dmodara, cosa vi fa ricordare? Di Yasodamayi che lega Krishna, Lo castiga perch Lo vuole controllare. Per vi un altro Dmodara, Rdh-Damodara o Krishna che controllato da rmat Rdhik. Si possono ricordare quindi questi passatempi: di come Yaod controlla Krishna o di come rmat Rdhik Lo controlla. Sarebbe meglio vivere solo a Vndvana dove si sono svolti questi passatempi. Ma se non potete viverci, allora dovete esserci con la mente. Questo soltanto per non basta, perch rla Rpa Gosvm d anche un'altra regola: dovremmo trovarci sotto la guida di un rasika tattva-j Vaiava, cio sotto la guida di un'anima completamente realizzata che possiede la completa conoscenza degli stra e che sperimenta la sua relazione d'amore (rsa) con Krishna; come rla Rpa Gosvm e i suoi seguaci Vaiava Rpnuga. Altrimenti non possibile avanzare su questa via. tan-nma-rpa-caritdi-sukrtannnu smtyo kramea rasan-manas niyojya tihan vraje tad-anurgi jannugm kla nayed akhilam ity upadea-sram 'L'essenza di tutte le istruzioni che si dovrebbe utilizzare il proprio tempo, ventiquattro ore al giorno, nel canto e nel ricordo del nome, della forma trascendentale, delle qualit e dei passatempi eterni del 24 Signore e quindi impegnare gradualmente la propia lingua e mente. In questo modo si dovrebbe risiedere a Vraja (Goloka Vrndavana-dhama) e servire Krishna sotto la guida dei devoti. Si dovrebbe seguire le orme di quei cari devoti del Signore che sono profondamente attaccati al Suo servizio devozionale.' (r Upademta 8) Questa, tra tutte le upadea (istruzioni) di rla Rpa Gosvm e di r Caitanya Mahaprabhu, la pi essenziale.

La gloria di rla Prabhupda


rla Swm Mahrja venuto per dare questi principi elevati tramite il Santo Nome. Per le persone meno qualificate ha dato anche la vaidh-bhakti con il Nome, ma il suo sentimento pi profondo era dare questo ka-prema. Come ho gi spiegato a Vndvana, rla Swm Mahrja non era nella linea di Advaita crya, Mahviu, colui che scende in ogni kali-yuga per stabilire lo yuga-dharma dando il Nome generico (che concede solamente vaikuha-prema). Come ha agito r Caitanya Mahprabhu, che port il Nome intriso di vraja-prema, cos la stessa cosa fece anche Swmj. Io ho glorificato Swmj, ho affermato che venuto nella linea di r Caitanya Mahprabhu e di rla Rpa Gosvm per dare questo prema, e proprio come fece r Caitanya Mahprabhu, egli stabil allo stesso tempo lo yuga-dharma. Swmj era un Rpnuga Vaiava, un seguace di Rpa Gosvm, Rpamjar. Anche in precedenza avevo spiegato tutto questo, ma alcuni devoti non hanno capito. Mi hanno detto: "Tu non stai glorificando il nostro Gurudeva." Ma lui anche il mio Gurudeva, non solo il vostro. Ho diviso con voi il mio amore per lui, solamente per darvi un po' di misericordia. Voi non lo glorificate di pi di me. Egli mi diede una speciale opportunit per servirlo e quindi offro qui i miei puspanjali di cuore ai suoi piedi di loto. Dovete provare ad obbedire ai principi di Swmj e tentare di sviluppare lo stesso sentimento interiore e lo stesso obiettivo che lui aveva. Quell'obiettivo era vraja-prema, gop-prema. Questo il nostro scopo. Dovete iniziare dagli stadi preliminari e anyabhilasita-sunyam, alla fine abbandonare tutti i desideri materiali per dare piacere a Krishna. Offro daavatpranama a Sua Divina Grazia Bhaktivednta Swm Mahrja. Raggi di Armonia Vol. II ~ N. 1

Quarto Raggio Forum jna-sunya bhakti (devozione libera da jna) sempre trascendentale e non pu essere posta sotto la giurisdizione dell'intelletto, come se noi fossimo i soggetti. rla Bhakti Rakaka rdharaGosvm Poich noi consideriamo Mahprabhu l'entit pi eleMahrja vata, sceso in questo mondo come crya per fornire tutti gli ingredienti necessari alla nostra devozione, Mahprabhu r Caitanyadeva prese due caratteristi- dobbiamo accogliere le Sue conclusioni e attraverso che da ognuna delle quattro sampradye Vaiava. uno studio comparativo degli altri crya Vaiava, Dalla Rmnuja Egli adott: il Vaisnava-seva in quan- avvicinarci alla Sua visione mantenendoci quindi su to servizio pi importante di quello rivolto diretta- posizioni certe. Tra la scuola Gauya Vaiava e mente al Signore e saranagati, sottomissione, poich quella di Rmnuja, cosa c' in comune e cosa di dinecessariamente privo di una qualche tinta di karma e verso? Quali sono le differenze tra la nostra scuola e jna. Della scuola Madhva quella di Madhva, e cosa abbiamo accolse la differenza eterna in comune? Cosa ci accomuna con che esiste tra la jva e il Sila scuola Nimbarka e cosa ci divergnore e che la vigraha del Sisifica? E per la scuola Viuswm gnore pienamente reale; sorgono le stesse domande. Se dalla Nimbarka, il dwaipossiamo capire bene tutte le simitadwaita siddhanta dell'unit litudini e le differenze che vi sono nella distinzione che simile partendo dal punto di vista di alla simultanea differenza e Mahprabhu, allora potremo definon differenza della bhenirci degli autentici seguaci di dabheda tattva e inoltre alcuMahprabhu. ni standard esemplari di arNoi abbiamo la nostra versione del canam. Infine dalla scuola Vednta. Baladeva Vidyabhusana Viuswm Egli adott la ha scritto i commentari alla Gt e rga-mrga con il suo semal Bhgavatam e noi dobbiamo esplice ed umano approccio al sere guidati dalla sua presentazioseva che Egli stabil essere ne. Dobbiamo cercare l la nostra superiore a quello della 'paternit', in ci che stato eredivaidhi-mrga, e il sentimen- rla Bhakti Rakaka rdhara Gosvm Mahrja tato dalla sfera pi elevata. Tutte to di sentirsi dipendenti dalle scuole si attengono alle regole la grazia che giunge da chi superiore. contenute nel Bhgavatam, nella Gt e nel Vednta, Vi sono alcune cose comuni a tutte le sampradye ma, ma i commentatori Vaiava come Jva Gosvm, esaminando i dettagli, possiamo dire che Mah- Santana Gosvm e Baladeva Vidyabhusana, hanno prabhu, per stabilire la Sua scuola di pensiero, privile- tracciato le linee di demarcazione dei Gauya gi due aspetti di ognuna delle sampradye Vaiava. Vaiava: "Loro pensano cos e anche noi pensiamo Egli in particolare apprezz l'asserzione che allo stesso modo; noi crediamo che, relativamente a Madhvcrya fece riguardo il fatto che Bhagavn e la questo particolare aspetto, ci sia superiore per quejva siano categoricamente differenti e che in nessuna sta e quella ragione." Dobbiamo capire che quei docircostanza possano essere parificati e la riprova trat- cumenti sono l e che dobbiamo consultarli per prenta dalle scritture che la devozione di natura eterna; dere possesso della propriet che ci spetta di diritto e infatti se il servitore diventasse uno con il Signore, la non si deve accettare nessuna usurpazione. devozione non potrebbe considerarsi eterna. Perci il Dobbiamo avere un sollecito rispetto verso le altre modo di pensare di Madhvcrya fu completamente sampradye. Per esempio quando in una famiglia accettato dai Gauya Vaiava. Dalla Caitanya-Ca- Hindu, arriva la sposa, deve avere verso il marito una ritmta apprendiamo che, quando Mahprabhu era sottomissione incondizionata e anche vedere con reimpegnato in un dibattito mentre si trovava ad Udu- verenza il suocero, il cognato, la suocera e la cognata; pi, fece delle obiezioni sul porre enfasi nella mukti e lei dovr compiere i suoi doveri di casa rispettando tutnelle pratiche ordinarie delle smartha-smti, questo ti nel dovuto modo e non trattarli tutti allo stesso idenperch il Bhgavatam ha chiaramente stabilito che tico modo. Similmente, dobbiamo dare rispetto a Raggi di Armonia Vol. II ~ N. 1 25

Armonia Suprema, Semplice Scambio

Quarto Raggio Forum Madhvcrya, a Rmnujcrya e a tutti gli altri crya ma non allo stesso modo con cui ci rivolgiamo a Mahprabhu e ai Suoi seguaci diretti poich con loro siamo uniti da un interesse comune. Poich vi sono delle concordanze tra noi e gli altri, li accetteremo rispettosamente, incluso akarcrya. Staremo dalla parte di akarcrya quando combatte contro gli atei, proprio come fece Mahrja Yudhisthira che disse: "Quando ci sono conflitti con persone fuori dalla nostra famiglia, siamo 105 fratelli, ma quando il conflitto all'interno della famiglia, allora siamo 5 fratelli e gli avversari sono i 100 figli di Dhtarastra." Quindi in accordo al nostro interesse, vi diversificazione; ma questa sorta di differenza deve essere mantenuta comunque, anche a Vraja! L si trovano differenti gruppi, quindi non dobbiamo aver paura delle divisioni e delle classificazioni. Dobbiamo rivolgere il giusto rispetto a coloro che lo meritano, ma il cento per cento della nostra reverenza ed obbedienza va al maestro pi elevato in attinenza al nostro rsa. Sia in modo diretto che indiretto dobbiamo avvicinare una sorgente, ma il metodo diretto pi sano e di maggiore aiuto: anukulyena kanusilanam. Anche pratikulyena kanusilanam cio la ricerca indiretta possibile; ma non molto desiderabile. Esaminando la caratteristica indiretta, il contatto con Krishna con spirito favorevole, potrebbe sembrare molto pi desiderabile e positivo. L'aspetto indiretto non per meno importante all'interno del ll, una parte necessaria. Devaki svolge una parte indiretta rispetto a Yaod. Yaod sempre impaurita da Devaki e Vasudeva: "Cosa? Verranno a reclamare dicendo che nostro figlio il loro? Com' possibile?" E nel gruppo di Rdhr si pensa che il gruppo di Candravali sia antagonista. Quindi in tutti i rsa vi armonia nella divergenza. Questa la naturale necessit del ll. La biforcazione. Tesi, antitesi e sintesi. Sintesi significa che vi sono molte antitesi. Armonia significa moltitudine. Ci deve essere pluralit. Nelle Upanisad sta scritto: 'neho nnsti kicana, non vi pluralit, ci significa per non molti, nel senso che tutto viene armonizzato da un unico interesse comune. 'Non molti' significa non molti interessi differenti e indipendenti; ma invece che tutto si riconduce ad una causa comune. Alcuni pensatori sacrificano la diversit su vasta scala e dicono che c' solo unit, ma Mahprabhu ha detto che ci non l'appropriata accettazione della verit rivelata. Sia la pluralit che l'unicit vanno entrambe riconosciute, non una soltanto; perch se non vi davvero pluralit nel senso letterale stretto, quale sareb26 be l'utilit di affermarlo? Chi direbbe: "Non c' pluralit" e per quale motivo dirlo? La verit perci si evidenzia da s: vi presente anche la pluralit, ma c' l'Uno che ne connesso e che la controlla. L'uno e i tanti esistono simultaneamente, questa la conclusione di Mahprabhu. Non che la comprensione errata, le concezioni locali o provinciali non esistono come affermato dalle altre scuole; ma invece il relativo che coesiste con l'assoluto. Mahprabhu non ha sottoscritto la negazione di particolarismi, ha invece armonizzato ogni cosa con il Tutto completo. Questo cid-vilasa, il gioco del dolce Assoluto. Gaura Haribol! Anche l'opposizione servizio. Persino nel mdhurya-rasa. L l'opposizione potrebbe sembrare 'contrasto', e ci conosciuto come bamya-bhva. Certo, questo un tema molto pi elevato. La natura di Rdhr bamya-bhva: qualunque cosa Krishna offra, Lei nettamente la rifiuter e questo fatto stimola l'eccitazione di Krishna. E' una caratteristica peculiare. Nirantara bama: il tipo pi elevato di nayik (eroina) possiede l'attitudine di opporsi sempre all'eroe: si dice che questa sia la qualit pi grande. Quindi anche l'opposizione un particolare servizio. All'interno dell'armonia trova la sua collocazione. Altrimenti qual l'uso dell'armonia? Armonia significa controllare le forze opposte. Le pi grandi forze di opposizione possono essere armonizzate da Colui che il pi grande esperto nell'armonizzare ed quindi anche il pi potente. All'interno della verit pi elevata dell'Assoluto vi una stanza per tutti e per tutto; altrimenti se qualcosa si trova al di fuori dell'Assoluto, vuol dire che non veramente Assoluto. Quando ero un ragazzo di quattordici anni, ho sentito da uno dei miei insegnanti questa frase: "satyam bhyat pryam bhyat, na bhyat satyam apryat, pryam ca nn tvam bhyat, eso dharma santana." Questo tratto dalle Upaniad. Satyam bhyat significa: "Devi sempre dire la verit". Poi pryam bhyat: "Devi sempre dire ci che piacevole". Poi na bhyat satyam apryam: "Non dire mai quella verit che spiacevole", ma pryam ca nn tvam bhyat: "allo stesso tempo non devi dire cose piacevoli ma non vere." Eso dharma santana: "questo in eterno il comportamento corretto". All'inizio ero perplesso: "Cosa significa questo? 'Satyam bhyat' va bene; 'pryam bhyat' anche va bene, non c' da obiettare; ma 'na bhyat satyam apryam', non dire mai quella verit che spiacevole; come si pu tollerarlo? Sia piacevole che spiacevole la verit va sempre detta; perch ci si deve opporre a questo? Dopo un po' di tempo sono Raggi di Armonia Vol. II ~ N. 1

Quarto Raggio Forum giunto a realizzare che anche la verit necessita di modifiche. Per esempio, quando Krishna chiese a Mahrja Yudhisthira: "Devi dire che Asvatthama morto." Krishna ordin di dirlo anche se non era vero, quindi da un punto di vista elevato la nostra particolare concezione della verit potrebbe non avere grande valore. Una legge generale applicata ad un particolare livello potrebbe perdere il suo carattere di universalit dal punto di vista di colui che situato ad un livello pi elevato. C' una gradazione di comprensioni. La nostra concezione di cos' la verit pu essere di un certo tipo, ma la Verit pi alta pu concepire o armonizzare sia la verit che il suo aspetto parziale quindi la non verit. Ne risulta una sintesi naturale. Questo tipo di capacit di armonizzare il tutto, esemplificata da Mahprabhu, fu notata anche in ukadeva Gosvm. Nell'assemblea di ukadeva Gosvm vi erano presenti studiosi di differenti scuole di pensiero filosofico, ma la sua presentazione fu cos universale e generale che persino Nrada e Vyasa vennero ad ascoltare il suo divino discorso. Suka-mukhad amtadrava samyutam: "la verit data da ukadeva aveva il colore della universalit." Guardando a tutte le differenti scuole di pensiero, si possono vedere i molti livelli di verit; ma il discorso di ukadeva fu di un carattere tale da toccare i punti salienti di tutte le diverse scuole esistenti presenti in quel momento, e lui le mise in connessione con la coscienza di Krishna. Questa fu la caratteristica speciale del discorso di ukadeva Gosvm, che si sa sempre in connessione con lo spirito e non mai in contatto con il mondo materiale. Lo a tal punto che una giovane fanciulla nuda non sent il bisogno di coprirsi quando si trov in sua presenza. ukadeva pass vicino ad un lago dove delle ragazze del luogo erano svestite e stavano giocando nell'acqua; esse non si sentirono per nulla imbarazzate da lui perch sapevano che non aveva nessuna attrazione per questo mondo materiale. ukadeva assorto interiormente: tutte le sue esperienze sensoriali vengono completamente accattivate da un elevato punto di esistenza spirituale al massimo grado, quindi egli non scende mai a vedere le cose che si gustano in questo piano materiale. Egli profondamente impegnato con il Centro pi elevato, il luogo dove l'occhio non scorge il mondo fenomenico, dove l'orecchio non ode i dolci suoni fenomenici; anche il tatto non ricerca nessun soffice oggetto mondano, l tutti i sensi vengono attratti al Centro pi elevato. ukadeva venne per dare la ka-ll che in apparenza sembra la cosa pi distorta, pi ristretta, addirittuRaggi di Armonia Vol. II ~ N. 1 ra pi immorale perch Lui (Krishna) ruba le cose degli altri per mangiarsele, approfitta delle mogli degli altri e dice anche bugie per i Suoi scopi egoistici. Vi troviamo tutte queste cose che apparentemente sono molto piccole ed egoiste, tuttavia ci che deve essere distribuito come la cosa pi universale. Questo difficile compito di rappresentare questo egoismo cos ristretto come il valore pi universale, fu compiuto da ukadeva Gosvm. Il tocco della sua esperienza spirituale fu come nettare per ognuna delle differenti scuole, fu universale. tapvino dena par yathvino manasvino mantra vita sumagal kenorabindati yado padn vin tasmi ubhdra ravahenmo nama 'ukadeva disse a coloro che ascoltavano: Tutti voi, autorit di diverse aree siete coscienti del fatto che in ultima analisi siete collegati a qualcosa che situata al di l della mente. Non siete fatti per dare indipendentemente le vostre mercanzie, dovete invece connettervi con qualcos'altro, e cos' quella cosa? Provate a comprenderlo attraverso nigama-kalpa-taror galitam phalam (SB 1.1.3) il frutto maturo dell'albero delle verit rivelate. Il frutto naturale e maturo lo rmad-Bhgavatam e si trova proprio nel momento in cui sta per emanare il suo aroma. Gustatelo." Raso 'pyasya param dtvanivartante (BG 2.59): gustate il Bhagavatam e tutti gli altri gusti delle vite precedenti verranno subito inceneriti. Qual il prezzo da pagare per gustare questo frutto del Bhagavatam? Tatra laulyam api mlyam ekala (C.C. M. 8.70): Non c' nulla a questo mondo che possa essere considerato il giusto prezzo di questa cosa, eccetto la tua anima. Te stesso. L'unico prezzo il tuo s. Laulyam, lobha, la tua attrazione interiore; ruci, il tuo sincero bisogno e la tua bramosia per il servizio nel regno dell'armonia pi grande, sar il solo prezzo. "Lo desideri?" "S. Lo voglio." "Allora lo avrai." Tatra laulyam api mulyam ekalam, janma-koti-sukrtair na labhyate: milioni di tentativi per averlo con altri mezzi si rivelano tutti futili. Solamente la tua sincera richiesta: "Lo voglio" ci che necessario, nient'altro. Perch l'interesse presente in entrambe le parti in causa: "Io sono Tuo." Tasmai diyam tato grahyam "Io sono Tuo, non appartengo a nessun altro." Ed anche il Signore in risposta dir: "Sono tuo." Entrambe le parti arriveranno a questo scambio. Tu dirai: "Sono Tuo" e Lui dir: "Oh, tu sei Mio? Allora Io sono tuo." Ci sar questa sorta di scambio.

27

Quinto Raggio Forum

Dialogo tra un Maulvi e un Vaiava


Pubblicato per la prima volta nei numeri 11 e 12 - Vol XXVIII Aprile 1931

Indu: Non puoi dire che la verit rivelata nella Bibbia non sia superiore a ci che rivelato nel Corano; e inoltre che ci che rivelato nel Bhgavata non sia la conoscenza suprema. Maulvi: Ma Hazrat Maometto fu lultimo ed il pi grande dei Nabi. I: Pu darsi che sia stato lultimo, tuttavia pu darsi che non sia il pi grande. E potrebbe anche essere stato il pi grande, senza tuttavia insegnare la conoscenza pi elevata. Quali insegnamenti proporr un professore di fronte ad una classe di allievi che non sono a conoscenza dellalfabeto? Lordine cronologico nellavvento dei profeti non crea la differenza nella qualit dei loro insegnamenti. Questultimo fattore differisce a seconda delle capacit dellistruito. La storia mostra che quando gli Ariani ind gi recitavano gli inni del Rg-Veda, il resto dellumanit era ancora in fasce relativamente alla crescita spirituale. Gli storici datano questo al 4000 a.C. ma gli esperti di astrologia lo retrodatano fino al 10.000 a.C. Evidentemente queste due categorie di esseri umani hanno bisogno in ogni epoca di specifici insegnamenti per la loro crescita spirituale. Non si pu servire lo stesso piatto ad un adulto e ad un infante. Poich apparso in epoca cos relativamente recente come il VII secolo d.C., Maometto ha avuto a che fare con una classe di persone che si trovavano ad un certo livello di evoluzione spirituale. Si trattava di adoratori di idoli, di persone che deificavano la materia, che adoravano Lat, Monat e Gora come loro divinit originali, giungendo ad annoverare ben trecentosessanta distinti idoli. Essi osservavano un lutto nazionale se, accidentalmente, una qualsiasi parte di uno di questi idoli si rompeva. Riconoscevano pi di qualsiasi altra cosa la forza bruta. Erano divisi in differenti trib e queste trib erano sempre in lotta tra di loro. Quando Maometto cominci a predicare essi si levarono con fermezza in difesa delle loro tradizioni e cominciarono a cospirare per porre 28

fine alla sua vita. Maometto allontan il pericolo impugnando la spada. Fu una necessit. Ci che Cristo fece attraverso lamore e la sofferenza, Maometto lottenne attraverso lamore e la violenza. Grazie alla spada egli diede loro la pace e con la spada i suoi seguaci la mantennero. Ancor oggi nella societ maomettana prevale lusanza di punire un crimine sociale con il metodo della pubblica fustigazione. E' opinione di molti che la spada acuisca la tendenza a violare la pace. Alzando la spada si suppone si infranga la pace. La spada, inoltre, pur punendo il crimine, ne lascia intatta la causa. Lamore sofferto pu anche rimuovere la causa e stimolare amore in cambio: si ha cos la vittoria della forza dellanima sulla forza fisica. Lamore si manifesta in unanima nella sua piena consapevolezza spirituale. Tutti, nella loro relazione con Dio, diventano gli oggetti dellamore di una tale anima. Non si pu dire che Cristo abbia avuto successo tra la gente di Israele, Maometto fu pi fortunato con il popolo vicino, gli Arabi. Mentre il secondo raggiunse la sua meta facendo sanguinare i suoi nemici sotto la sua morsa, il primo dette la sua vita sulla croce con unammonizione non per questo meno potente: Padre, perdona loro perch essi non sanno quello che stanno facendo. Cristo mor, e con Lui morirono tutti coloro che lamarono. Essi morirono nel corpo per vivere nello spirito. Perch disse S. Paolo, lamore di Cristo ci ha obbligato; poich noi giudichiamo che se qualcuno muore per tutti, vuol dire che coloro che vivono non devono pi dora innanzi vivere in s stessi, ma vivere in lui che mor per loro e poi risorse. I seguaci di Maometto volevano vivere nel migliore dei modi anche nel loro corpo materiale. Lottate dice Maometto, in nome di Allah, contro coloro che combattono con voi. E uccideteli ovunque li troviate e scacciateli da dove essi vi hanno scacciato. (C. 11, 190-191). MaoRaggi di Armonia Vol. II ~ N. 1

Quinto Raggio Forum dito; pu darsi che non vi piaccia qualcosa che invece favorevole, mentre amate una cosa per voi nociva; Allah sa tutto ci, mentre voi lo ignorate. (C. 11, 216) Nella mano di Maometto la spada fu come la verga magica di Mos. Egli comp miracoli nelle battaglie. Con 313 uomini mal equipaggiati ed inesperti, sconfisse a Badr una grande armata ben addestrata e ben equipaggiata composta dai Quaraish della Mecca. La gente cominci ad affluire nel suo campo. Era pi lamore per la battaglia e per il bottino che non la fede in lui, che attrasse queste persone in cos gran numero. LIslam cominci a manifestarsi pi come un potere che come una fede. Subito dopo la scomparsa di Maometto i suoi seguaci cominciarono a incutere terrore nel cuore di tutti con il loro grido 'Allah ho Akbar!' che perdendo tutto il suo significato spirituale divenne semplicemente un grido di guerra. Il vasto territorio che si estende dalla Spagna a occidente, fino alla Birmania a oriente, avvert il peso delle loro armi. Si attuarono molte conversioni forzate e furono commesse molte abominevoli atrocit in quel periodo. Tutto ci era contrario al Corano e al pio desiderio del profeta, infatti il Corano dice: Combatti per Allah coloro che combattono contro di te, ma senza eccessi; sicuramente Allah non ama coloro che superano i limiti. Uccidili ovunque tu li trovi, e scacciali da dove essi ti hanno scacciato. Ma se essi desistono anche tu devi desistere. Combatti finch cesseranno le persecuzioni; ma se essi desistono allora devono terminare le ostilit tranne per gli oppressori. (C. 11.190-193) Un Maulvi che studia il Korano alla ricerca della Verit Assoluta Contrariamente a tutte queste chiare ingiunziomettere fine alla persecuzione e stabilire la li- ni del Corano, essi cominciarono a combattere in bert religiosa. Considerandolo da questo pun- modo aggressivo contro tutte le nazioni vicine. to di vista, fu una necessit. Egli dovette tratta- Invece di combattere seguendo Allah essi core con le persone in un modo ben differente da minciarono a combattere a modo loro. Combatcome si trov a trattare Cristo. Il vangelo da- terono queste guerre come jehad, creando indicimore di Cristo, nella forma da lui presentata, non bili sofferenze a milioni di persone inermi o mal avrebbe avuto alcuna possibilit di successo con difese, di certo non aggressive. Maometto comquella gente che non capiva nientaltro che la batt per mettere fine alla persecuzione e stabiforza fisica, e considerava la prosperit materia- lire la libert religiosa, ma i suoi seguaci comle un emblema di potenza spirituale. Sebbene i batterono e stabilirono lintolleranza religiosa. seguaci di Maometto all'inizio, dovuto allinfe- Essi erano, di fatto, temuti ed odiati dappertutto, riorit numerica, fossero esitanti a rischiare la lo- non certo amati, sebbene essi stessi tenessero in ro vita in una battaglia di fronte un pi gran nu- grande stima tutti i loro successi militari come mero di ben armati nemici, Maometto li esort a emblema di progresso spirituale che li avrebbe combattere come ordinato da Allah. Egli dice : condotti al paradiso. Infatti, per molti dei suoi Vi si comanda di combattere, il che non vi gra- seguaci, il vangelo damore che Maometto volemetto consigli ai suoi seguaci: Opponetevi al male: dovete amare il vostro vicino e odiare il vostro nemico. Mentre Cristo consigli i suoi seguaci in un modo diverso senza per contraddire ci che Maometto disse: Non opponetevi al male: amate i vostri nemici, benedite coloro che vi maledicono, fate del bene a coloro che vi odiano e pregate per coloro che malignamente vi usano e vi perseguitano. Che possiate essere i figli di vostro Padre che in cielo. M: Vorresti dire che Hazrat Maometto erroneamente fraintese delle azioni fisiche per delle verit spirituali? I: Non dico questo. Egli non avrebbe potuto fare un tale errore. Egli non fece ricorso alla spada come ad un metodo per predicare la sua fede. Fu per lui una necessit combattere contro coloro che vennero impugnando le spade per scacciare e uccidere i Musulmani. Egli non combatt per la conversione n per il bottino, bens per 29

Raggi di Armonia Vol. II ~ N. 1

Quinto Raggio Forum va predicare and interamente perduto. E' ora molto difficile determinare se l'Islam come fu praticato dalla maggior parte dei re e dei conquistatori, si possa definire edificatore di pace o distruttore di pace. M: Non preoccuparti dei cattivi seguaci. Esaminando la religione di quel particolare ramo dei suoi seguaci non puoi arrivare a conoscere la religione del profeta. Riguardo alle reali credenze dei differenti profeti, penso non si possa dire in maniera certa e definitiva che fossero in questo modo o nellaltro. I: E' certamente vero che si riconosce un albero dai suoi frutti. Non puoi negare che lintera nazione mostr questo tipo di mentalit. Ed essi non poterono abbandonare la spada che Maometto, sotto la spinta di certe circostanze, consigli loro di usare. Quando un qualsiasi guerriero Musulmano commetteva unatrocit, lintera nazione lacclamava. Mi basta che tu ammetta che i seguaci di Maometto deviarono non appena egli scomparve. Essi combatterono in modo aggressivo contro gli Ind e i Cristiani, demolendo i loro templi e le loro chiese e costruendo al loro posto delle moschee. Sei pronto a definire tutte queste attivit non-islamiche? Posso darti degli esempi tratti dalle nostre scritture di come i profeti diano differenti insegnamenti a seconda dei tempi. Nelle nostre scritture il Signore Buddha stato descritto come una manifestazione plenaria di Viu. Si dice che abbia predicato una religione senza far nessun riferimento ai Veda. Questa la visione degli stessi seguaci del Buddha in quel periodo storico. Perch? Gli Ind di quel tempo interpretavano male gli insegnamenti dei Veda e inondavano i loro altari con il sangue degli animali. Nessun tipo di religione pu dirsi elevata se non si preoccupa di salvaguardare le vite degli esseri anche di ordine inferiore. La macellazione di animali, sia essa eseguita per procurarsi cibo o come sacrificio religioso, abominevole. LIndia intera divenne Buddhista. Non cera pi nessun altare per ricevere il sangue degli animali e nessuna casa dove si cucinasse delle carne o del pesce. Avendo cos ottenuto lobiettivo per cui era venuto, Egli se ne and. La gente, tuttavia, non pot rimanere a lungo senza un Dio da amare. akarcrya, che il signore iva stesso, apparve in quel momento su ordine di Viu. Egli indic il modo di investigare sulla verit con 30 laiuto delle scritture. La gente ricominci ad adorare i Veda e lIndia si liber cos del Buddismo. Dovremmo ora ritornare al Buddismo? No di certo, perch in questo caso regrediremmo. Ci proibito anche dalle nostre scritture. Allo stesso modo un seguace dellIslam, volendo seguire Maometto e rispettare il Corano, non deve combattere in modo aggressivo, n incoraggiare gli altri a combattere con il pretesto di una guerra santa, jehad. Chiunque si comporti cos ha solo una lealt verbale verso gli insegnamenti del Corano. Allo stesso tempo non c nulla di male se qualcuno pensa che una particolare forma di adorazione rivelata sia la migliore, se poi la segue fedelmente. Ma egli finisce certamente per commettere un'offesa imperdonabile quando pretende unaccettazione generale della sua fede. Ci sbagliato perch, come ti ho gi detto, ci sono diversi tipi di persone dovuto ai diversi gradi di realizzazione spirituale. Gli insegnamenti apparentemente differenti dei vari profeti in realt non divergono nei loro principi fondamentali. Dopo aver ricevuto un sufficiente grado di cultura spirituale dovremmo vedere tutte queste differenti religioni riconciliate tra loro. Dovremmo allora considerare possibile che un Ind, un Cristiano e un Maomettano si stringano lun laltro la mano. Per quanto i profeti appaiono in tempi e luoghi differenti, nessuno viene per annullare gli isegnamenti dellaltro. Anzi, praticamente uno predica la dottrina di quelli che sono venuti prima di lui e che verranno dopo di lui. Perci nell'Ampara, nel sura baiena, abbiamo due ayat: '2 Rasulam sinallahe italu suhufan motaha-haratan fiha kutubun, kaiimaha. 3 Ama takar chakal Lajina ootul kitaba illa mimbade ma ja-at homol bai-illaha'. Questo il loro significato: Colui che mandato da Dio recita tutti i testi sacri in cui sono contenute solide verit. Nel capitolo 2, verso 136 stato formulato in modo imperativo che il battesimo islamico richiede di credere in tutti i profeti del mondo. Citiamo qui di seguito il verso nella traduzione di Maulvi Muhammad Al, M.A., LL.B.: Ripeti: noi crediamo in Allah e (in) ci che ci stato rivelato, (in) ci che stato rivelato ad Abramo, Ismaele, Isacco, Giacobbe e alle trib, e (in) ci che stato dato a Mos e a Ges, e (in) ci che stato daRaggi di Armonia Vol. II ~ N. 1

Quinto Raggio Forum to ai profeti dal loro Signore, noi non facciamo nessuna distinzione tra nessuno di loro, e a Lui ci sottomettiamo. Con profeti dal loro Signore egli vuole farci capire profeti del mondo, profeti di tutte le nazioni e di tutti i tempi. Evidentemente non rispetti sufficientemente il tuo profeta se disonori gli altri. Disonori il Corano se non rendi onore alla Bibbia e al Bhgavatam. Sono tutti Suoi profeti e Suoi libri. Limperfezione che vedi nel Cristianesimo di fatto non unimperfezione. Nel concetto di Dio padre del Cristo, non dobbiamo vedere una relazione basata su carne e sangue. Non si stabilisce questo tipo di relazione in quel luogo di coscienza spirituale nel quale vive il Cristo. Le cose del piano spirituale non devono essere confuse con quelle del piano fisico, per quanto siano espresse in un linguaggio umano. Nel primo caso lo spirito risponde allo spirito, ma nellaltro la relazione possibile solo attraverso lintervento della materia. La materia non mai santificata in spirito n lo spirito degradato in materia. Lo spirito discende all'interno della materia, ma non deve mai essere designato sulla base della carne. Commette peccato chi giudica un profeta sulla base della carne. Quando la gente fece riferimento al Cristo come al figlio di Davide, Cristo disse: Come pu allora Davide, nello spirito, chiamarLo Signore ? Il Signore disse al mio Signore: Siedi alla Mia destra, fino a che non far dei tuoi nemici il tuo poggiapiedi. Poich Davide Lo chiama Signore, come pu Egli essere anche suo figlio? Qualsiasi filosofia teista deve ricercare la relazione tra anima e anima e tra l'anima e Dio. La prima automaticamente stabilita quando si stabilisce la seconda. Ama i tuoi fratelli perch siete figli dello stesso padre. Cristo non solo design se stesso come figlio di Dio, ma design tutti come tali. Se ami Dio come Padre, devi amare tutti come tuoi fratelli. Se Lo ami come il creatore, devi amare tutto ci che stato creato da Lui. Se Lo ami come il Signore, devi amare tutti come Suoi servitori. Certamente lamore dimostratoGli come padre molto pi intenso di tutto il resto... Il concetto vedico di Dio come figlio pone lamore su basi ancora pi elevate. In tutte le fasi esposte in precedenza, lamore controllato dal timore di una punizione e dalla speranza di un premio. Se non agisci come ti stato ordinato di agire, sei destinato allinferno o dojak, e viceversa se ti attieni alle ingiunzioni sei elevato al paradiso o behest. Allinferno i non-credenti sono trasformati, insieme alle pietre, in combustibile per il fuoco. (C. II, 24). In paradiso i credenti avranno dei giardini che abbondano di bellissimi fiumi e giovani ragazze per mogli. (C. II, 25). Ci segna lo stadio iniziale del servizio a Dio. Il vero servizio non si manifesta in questa fase. La paura della punizione e la speranza della ricompensa mantengono il servitore sulla via. Egli si trattiene dal commettere errori, e questo tutto. Qualsiasi piccolo servizio egli cerchi di compiere in questa fase , perci, a mala pena spontaneo. E lo fa pi per il proprio benessere che per il piacere del suo Signore. Nellaffetto di Nanda per Krishna non c egoismo, non ci pu essere nessuna traccia di egoismo. Lamore a questo livello spontaneo, e poich lelemento paura, che sorge in modo naturale dallidea di grandezza delloggetto dellamore, interamente assente in questo stadio, lamore si esprime veramente nella sua pienezza quando non disturbato da ci . Non avendo nulla da temere o da sperare dal figlio, il servizio del padre spontaneo e completamente disinteressato. Egli si prende cura del suo Signore, ma senza aspettarsi nulla in cambio da Lui. Egli deve servirLo. Non importa se sar mandato allinferno o in paradiso. Egli Lo serve, e questo tutto. Questo grado di servizio maturo non si realizza a meno che il Signore non Si situi in una posizione molto inferiore a quella del Suo servitore. E' un eccezionale trionfo per il servitore, uno speciale trionfo dellamore, in cui il Signore Supremo, per compiacere il Suo servitore, si pone a quel livello per accettarne il servizio. C un Nanda, ma anche innumerevoli altre anime che ricevono il privilegio di servirLo. Chiunque raggiunga questa elevazione spirituale illuminato sulla vera natura dellamore di Nanda per suo figlio ed ha il privilegio di sperimentare il vero affetto paterno verso Krishna, senza identificarsi con Nanda o con Yaod. Vi sono innumerevoli persone che come controparti di Nanda all'interno di quel piano spirituale che stato designato nelle nostre scritture col nome di Vraja Dhama, condividono lamore di Nanda per Dio. Persino qui sulla Terra ci possono essere delle persone che hanno ottenuto la visione di Dio co31

Raggi di Armonia Vol. II ~ N. 1

Quinto Raggio Forum me figlio di Nanda. Il Signore Supremo appare nella loro mente come lamato figlio di Nanda, nellaspetto del bellissimo pastorello Krishna. Quando Krishna vuole manifestarSi sulla Terra, appare sempre nella famiglia di Nanda o Vasudeva. E' un errore, per, supporre che Egli nasca nel senso fisico del termine. Nessun ventre terreno pu contenerLo in s, ma il fatto che Egli sembri appena nato, non una semplice allucinazione. Vedendo ci riscontriamo veramente che un evento divino. In realt noi non conosciamo propriamente le vie del Signore nella loro completezza, e non possiamo conoscerle eccetto che per Sua grazia. La Sua nascita non una nascita nel senso mondano, quindi pur nascendo Egli non muore. Nella Gt (4.9 e 9.11) Krishna dice: La Mia nascita e le Mie attivit sono tutte trascendentali. Coloro che le conoscono per ci che realmente sono, tornano da Me. Gli stolti ritengono che Io non abbia una forma e che ho assunto questo aspetto temporaneamente. Essi non sanno che Io, in questa forma, esisto eternamente. Io semplicemente manifesto la Mia forma su questa Terra. Il Signore Supremo non appare nella forma umana solo per permettere ai Suoi servitori di essere in comunione con Lui. Coloro che sono capaci di stare in comunione con Dio Lo vedranno nella Sua forma personale sia che discenda su questa Terra sia che rimanga oltre la conoscenza dei mortali nella Sua eterna dimora di Vaikuntha. Krishna pu anche essere tra di noi nella Sua forma divina senza che noi riusciamo ad avere una qualche connessione con Lui. Non essendo provvisti di una visione spirituale, non saremo mai consapevoli della Sua completa forma divina. Perci, vedendoLo, non vediamo Lui. Ci dovuto a my o il potere di illusione che Egli esercita sulle anime condizionate. M: Dico io, non Gli mettete delle limitazioni quando Gli date una forma e una collocazione in un luogo particolare? I: Al contrario, Lo limitiamo quando Gli neghiamo una forma. Non possiamo n darGli una forma n negarGliela. In entrambi i casi ci macchieremmo di speculazione mentale. Il Signore Supremo quello che , e non quello che vogliamo noi che sia. Se ha una forma noi non dobbiamo negarla, e se non la possiede, non dobbiamo crearGliene una. Nelle scritture Egli stato rivelato con una forma. La Sua certamente una 32 forma trascendentale, composta degli stessi elementi di cui Egli costituito e, contrariamente al nostro corpo che qualitativamente differente dallanima, Lui e la Sua forma sono un tuttuno, un tutto indivisibile. Non solo Lui ma anche tutti gli esseri angelici che vivono con Lui, hanno tale forma. Nella Bibbia stato detto che Dio ha creato luomo a Sua immagine. Ci significa che ha una forma umana, ma anche in questa forma onnipresente. M: E' molto difficile credere che Egli appaia ai Suoi devoti in una particolare forma. Pu anche benissimo essere unallucinazione. I: Pu anche non essere cos. Intendi dire che Hazrat Maometto era preda di unallucinazione quando sent larcangelo Gabriele parlarGli, quando vide nur elahi (la luce divina) e svenne? I dodici discepoli erano forse allucinati quando videro Cristo, Lo toccarono, e parlarono con Lui dopo la Sua resurrezione? Erano Mos, Aronne, Abramo e molti altri dellAntico Testamento preda di allucinazione quando sentirono Dio parlare da una coltre di nubi? Se Maometto fu in grado di vedere nur elahi, Nanda e altri poterono vedere Krishna nel nur elahi. Se lo credi per uno lo devi credere anche per un altro. Se le orecchie Lhanno ascoltato, anche gli occhi Lhanno visto. Naturalmente Egli non pu essere percepito da questi occhi o da queste orecchie. Dobbiamo procurarci altri occhi e altre orecchie. Nella nostra ricerca spirituale non dobbiamo adottare il ragionamento che tanto luva non matura. E inoltre da parte nostra non questione di percepirLo, ma piuttosto del Suo permetterci di percepirLo. Dobbiamo essere soddisfatti di quel tanto di percezione che Egli, nella Sua infinita misericordia, ci permette di avere. Perci, fermati pure dove sei, ma non sostenere fino a qui e non oltre. Ora, per quanto riguarda il fatto che Brahm e iva partecipano delle stesse qualit divine, le nostre scritture non li considerano uguali a Krishna. Essi sono Suoi agenti. Anche voi credete nellesistenza di una moltitudine di angeli come Suoi agenti. Brahm e iva non sono altro che angeli che possiedono in varie misure la potenza divina. Essi eseguono i Suoi mandati, ma non danno corso ad una nuova direzione nelle loro rispettive sfere di attivit, n possono farlo. Il Signore Supremo Krishna delega loro alcuni poteRaggi di Armonia Vol. II ~ N. 1

Quinto Raggio Forum ri per abilitarli ad eseguire i loro doveri. Quelle jva e che, nellarco di una creazione, si sono mostrate spiritualmente adatte, vengono incaricate, nella prossima creazione, ad occupare il posto di Brahm e iva. Che c di male nel credere nellesistenza di una tale classe di jva con delle abilit eccezionali in grado di eseguire il volere del loro Signore? Ogni angelo esercita, pi o meno, dei poteri divini. Si suppone che Mos, Cristo, Maometto ne abbiano fatto uso. M: Questo il tormento della fede. I: Proprio cos. Dobbiamo andare avanti con fede e non con la vista. La verifica dei fatti spirituali impossibile sul piano materiale di coscienza. Sul piano spirituale di coscienza essi sono visti cos come la nostra coscienza ci permette. Finch non saremo provvisti di una visione spirituale, dovremo accettarli cos come essi ci vengono rappresentati. Crederemo a quello che ci stato rivelato e a quello che non ci stato rivelato. Il tormento della fede ovunque. Se si applica ad una cosa, dobbiamo applicarlo anche ad un'altra. M: Abbiamo la ragione. Dobbiamo fare a meno di utilizzarla? I: Ce labbiamo, ma fin dove possiamo confidare in essa? Possiamo condurre il nostro intelletto in un reame nel quale non pu andare? Le anime condizionate devono essere guidate da una luce divina. Viene riportato che Maometto abbia detto ai suoi scrivani: Scrivete quello che vi dico di scrivere, ma non scrivete quello che dico. Perch? Perch il ragionamento umano imperfetto e difettoso, mentre quello divino non lo . Ora, per quanto riguarda il rispetto delle creature di ordine inferiore, i Veda sono i pi evoluti di tutti. Essi ci chiedono di avere rispetto per tutte le creature, perch anchesse sono anime racchiuse in differenti forme fisiche. In un punto il Corano ci dice di praticare una dieta pura. Ma in dubbio se ci escluda la carne e il pesce. Prababilmente Maometto consigli i suoi seguaci di prenderli come halal o cibo puro. Il sangue, in accordo al Signore Caitanya, un cibo impuro, e non devessere, in ogni caso, assunto come cibo. Una dieta a base di sangue, giustifica la malignit in forma palpabile e rende il consumatore incapace di pensiero spirituale. M: Grazie. Si sta facendo tardi. Sono molto contento di aver avuto uno scambio di vedute con te. Non ho compiuto nessun studio comparato delle differenti religioni. Ci incontreremo un altro giorno. Ora vorrei chiederti solo una cosa: Tutti gli Ind interpretano i Veda come te? I: Anche tu non puoi dire che tutti i Maomettani la pensano come te. Un vero Ind, un sincero seguace dei Veda, deve pensare nel modo corretto. Ti ringrazio per lopportunit che mi hai offerto di servirti. Sar sempre al tuo servizio. Arrivederci.

Nota: Il titolo originale di questi articoli era Un Discorso Con Un Maulvi. Vedere gli armoniosi accordi tra il Vaiavismo (talvolta chiamato Induismo dai Cristiani e dai Musulmani) e lIslam d fresche speranze che le differenti religioni possano vivere in modo cooperativo e pacifico, fianco a fianco, con tolleranza religiosa. Un vero ind un sincero seguace dei Veda.

Glossario
Corano: - (in origine Quran) il libro sacro dellIslam, creduto la parola di Dio come dettata a Maometto e messa per iscritto in arabo. Per i Cristiani la Bibbia il libro sacro, per i Musulmani il Corano e per i Vaiava lo rmadBhgavatam. Maulvi: - Un teologo Musulmano, un erudito della legge dellIslam. Nabi: - Un nawab, titolo che si d in Pakistan ad un insigne musulmano.

Dal 12 al 18 Giugno 2001 a Stresa (Lago Maggiore) ci sar il Festival Vaiava in compagnia di

rla Bhaktivednta Nryaa Mahrja.


E unopportunit molto auspiciosa e invitiamo tutti a partecipare. Ulteriori informazioni si possono trovare al sito

www.igvp.com/avgv

Raggi di Armonia Vol. II ~ N. 1

33

Quinto Raggio Intervista

"Swm Mahrja" e la Sua relazione con rla Bhakti Prajna Keava Gosvm Mahrja
Estratto da un'intervista a rla Bhaktivednta Nryaa Mahrja

Uno sguardo alla loro storia


Swm Mahrja era un amico intimo del mio Gurudeva. A quel tempo era ghastha, era molto attraente. Nel 1940, dopo la dipartita di rla Bhaktisiddhnta Sarasvat Prabhupda, quando la Gauya Maha si divise in varie parti, un gruppo voleva cacciare i Vaiava anziani ma il caso successivamente fu archiviato. A quel tempo il nostro Gurudeva si rec a casa di Swmj ad Allahabad e rimase con lui per quattro mesi. Loro parlavano sempre della Bhagavad-Gt e di altri temi riguardanti il guru-seva. Il mio Gurudeva mi parlava spesso di questo suo confratello, Abhaya Carana Babu. Mi diceva di come fin dall'inizio fosse molto caro a rla Bhaktisiddhnta Sarasvat. Mi disse che desiderava che Swmj scrivesse articoli per L'Harmonist. Avevo sentito parlare molto di lui; dell'amicizia che aveva con il mio Gurudeva e di come fosse un buon scrittore e un devoto sincero e qualificato. Io per non lo avevo mai visto, ma vedere con le orecchie ancora pi impressionante che vedere con gli occhi. Nel corso della loro predica ad Allahabad, un avvocato famoso e molto infuente che voleva ascoltare e associarsi con Swmj e Gurudeva, port l'arcivescovo della chiesa di Prayag (Allahabad) ad incontrarli. L'Arcivescovo era molto erudito e conosceva bene la logica; era uno dei pi alti esponenti della Chiesa Cattolica. Il nostro Gurudeva molto felice di incontrarlo disse: "Puoi chiedermi qualsiasi cosa." Il Padre domand: "So che Krishna nero. Perch adorate una persona nera?" Gurudeva rispose: "E' un'ottima domanda. Nero significa senza colore. Gli scienziati hanno scoperto che il nero al di l di ogni colore. Colore sinonimo di cose materiali; quindi Krishna nero, poich nero significa senza colore. Krishna non ha nessun colore. Quindi noi adoriamo Krishna perch Lui Dio, la Persona Suprema, situato oltre i tre guna. Tutti i deva e tutti gli altri es34

seri sono all'interno del triguna, ecco perch noi non adoriamo nessun altro, solo il colore nero. Se mischi qualsiasi colore con il nero, il nero talmente potente da assorbire tutti gli altri colori: il bianco, il giallo, il rosso, il verde e diventeranno tutti nero. Perci chi pratica la Ka-bhakti, adorando Krishna si trover fuori da my. Krishna molto potente. Anche tu devi provare ad adorare Krishna." Il prete chiese ancora: "Io so per che voi adorate anche 'Gaura'. Perch allora adorate Gaura anche se ha un colore?" Il prete era perplesso. Pensava fosse una domanda logica e voleva sentire qual'era la risposta. Ma il nostro Gurudeva, sorridendo e molto semplicemente rispose: "Quando tutti i vari colori vengono mischiati il colore che verr sar il colore dorato. Quindi anche gaura si trova al di l dei colori. Quando tutti i colori si combinano tra loro diventano sei o sette colori: indaco, verde arancio e cos via, poi servono il nero Krishna. Tutte le akarvika, qualit, sono combinate. E come Rdh e Krishna; ci significa che tutte le sakh si stanno mischiando con Krishna. E' rmat Rdhran che ha il colore dorato e anche Krishna ha preso la bellezza di Rdhik. Quindi quel nero diventato gaura. Noi adoriamo anche questo Krishna; entrambi sono la stessa cosa." L'avvocato preoccupato esclam: "Se ti ascoltiamo, diventeremo tutti vedantisti." Durante questo periodo, Swmj e il mio Gurudeva visitarono insieme molte persone di Allahabad e molti li apprezzarono e li seguirono. Per via della sua attivit farmaceutica Swmj conosceva molte persone tutte educate e qualificate e organizz molte conferenze sul Vedanta. Siccome Swmj apprezzava molto queste lezioni successivamente mi disse: "Il tuo Gurudeva molto logico e un grande filosofo. Ecco perch l'ho scelto come mio migliore amico." Quando Swm Mahrja viveva ad Allahabad frequentava molte persone per l'attivit che conduRaggi di Armonia Vol. II ~ N. 1

Quinto Raggio Intervista ceva. Egli trovava sempre occasione per discutere con tutti del siddhnta, degli insegnamenti di r Caitanya Mahprabhu seguendo l'esempio di rla Bhaktisiddhnta Sarasvat Prabhupda. Il suo Gurudeva era il filosofo pi grande del mondo. Chiunque si presentasse davanti a rla Prabhupda Bhaktisiddhanta con un atteggiamento di sfida, dopo averlo visto chinava la testa. Una volta rla Bhaktisiddnta Sarasvat diede una lezione in un collegio di Calcutta, e in quell'occasione era presente un grande filosofo tedesco ad ascoltare. Finita l'assemblea il nostro Gurudeva (Bhaktiprajnana) incontr in strada questo gentiluomo che se ne stava andando, cos gli chiese: "Ti piaciuta la lezione? Di che cosa parlava?" L'uomo rispose: "Sono giunto da un paese Europeo, ho viaggiato per tutta l'India ed ho ascoltato molti discorsi che ho potuto comprendere molto facilmente, ma ci di cui oggi il tuo Gurudeva ha parlato era talmente profondo che non ho capito nulla. Lui un filosofo di alto livello!" Anche Swmj predicava cos; seguendo l'esempio di rla Bhaktisiddhnta Sarasvat Prabhupda. il mio Gurudeva nelle sue lezioni era solito refutare gli argomenti di akarcrya, li distruggeva dicendo che erano pracana bhoga, una myvda nascosta. Egli prov che in realt ci che il Vednta esprime bhakti. Molte persone erudite furono influenzate da

Fondare la Gauya Vedanta Samiti


rla Bhakti Prajna Keava Gosvm Mahrja ha scritto un libro, il Myvdera Jvani, La storia della filosofia Myvda da Satyayuga fino ai giorni nostri. Il nostro Gurudeva era un leale seguace di Fotografia scattata il giorno in cui rla Bhaktivednta Swm Mahrja accett il rla Bhaktisiddhnta Sarasvat sannyasa da rla Bhakti Prajna Keava Gosvm Mahrja alla Keavaji Gauya Prabhupda, ed un grande filosofo Maha di Mathura nel 1959 come rla Jva Gosvm, rla Baladeva Vidyabhusana e altri. Egli diceva: "Finch vi akarcrya accettando in essenza il Vednta-utra sono sintomi di myvdismo, la bhakti non potr come jna e mukti. Nel commentare questo libro, diffondersi con piena forza, quindi dobbiamo ri- Gurudeva ha voluto dimostrare che lo rmad-Bhamuovere la filosofia myvda alla radice." Anche gavatam il commentario naturale del Vednta-utra Swmj pensava allo stesso modo sulla necessit di e che in esso non c la parola jna ma vi unicascacciare la filosofia myvda. Entrambi, il mio Gu- mente bhakti, aradhana e cos via. Il suo profondo desiderio era di evidenziare il rudeva e Swmj ne erano coscienti. A quel tempo 35

Raggi di Armonia Vol. II ~ N. 1

Quinto Raggio Intervista Vednta-utra come Bhakti-utra. Per provarlo, egli citava gli loka dello rmad-Bhgavatam. La Gauya Vedanta Samiti fu fondata su questo precetto. Gurudeva, Swm Mahrja e un altro devoto pensavano cos quando firmarono i documenti per costituire la Gauya Vedanta Samiti a Bospada Lane, Calcutta, prima che il mio Gurudeva prendesse sannysa. Ai presenti egli spieg come rla Bhaktisiddhnta Sarasvat hkura volesse stabilire il Vednta-utra come Bhakti-utra. Per questa ragione chi ha preso sannys da lui stato chiamato 'Bhaktivednta' e la samiti 'Gauya Vedanta'. Lui fece notare che Vednta sinonimo di bhakti. La Gauya Vedanta Samiti fu fondata per predicare la bhakti del Vednta-utra. Lui diceva che dal nome di rmat Rdhr deriva la parola aradhana che significa adorazione di Rdh per Krishna ma anche adorazione di Krishna per Rdh. Il fine del Vednta-utra il nome di Rdhik. Tutte le azioni del mio Gurudeva, i nomi che diede ai sannys, il nome della matha, il nome dell'Associazione erano bhaktivedanta. Egli diede a Swmj il nome Bhaktivednta, e Swmj lo apprezz moltissimo. Guru Mahrja e Swmj insieme espressero questi punti di vista quando fondarono questa associazione. Tutte erano Gauya Maha anche quando l'istituzione si spezz in tante parti e inizi la Gauya Vedanta Samiti. Nessuno lasci rla Bhaktisiddhnta Sarasvat Prabhupda, la sua missione e i suoi insegnamenti, ma alcuni si misero contro il loro Gurudeva e se ne andarono. Il mio gurudeva e Swmj volevano affermare le idee di rla Bhaktisiddnta Sarasvat hkura senza lasciare la sua Gauya Maha. Perci i nomi delle mathe che furono fondate sono Uddhara Gauya Maha, Devananda Gauya Maha, Kesavaji Gauya Maha e altre.

36

Raggi di Armonia Vol. II ~ N. 1

Sesto Raggio r Caitanya

r Navadvpastakam
rla Rpa Gosvm
r gauda-dee suradrghi-ky lasantamnanda-bharea nityam stre ti-ramye pura-puya-mayyh ta r navadvpam aha smarmi

Meditate su r Navadvpa Dhma, la meravigliosa terra del Signore Gaura, essa un magazzino celestiale eternamente puro, brillante e colmo di felicit.
yasmai paravyoma vadanti kecit vadanti vndvanam eva tajj keccic goloka itrayanti sta r navadvpam aha smarmi

Meditate su r Navadvpa Dhma, che alcuni dicono sia il mondo spirituale, Vaikunthaloka; altri che sia il regno trascendentale di Goloka; ma coloro che hanno realizzato la verit sanno che Vndvana Dhama.
ya sarva-diku sphuritai sutai r gaura-madhyhla-vihra-rpai rnndrumai spavanaih parta sta r navadvpam aha smarmi

Meditate su r Navadvpa Dhma dove in ogni direzione soffiano gentili e fresche brezze e dove vari tipi di alberi ombrosi crescono nei luoghi dove il Signore Gaura comp i Suoi ll.
r svarad yatra vihra-bhmi vypnormibhir-gaura-vagha-rpai suvarna-sopna-nibaddha-tr sta r navadvpam aha smarmi

Meditate su r Navadvpa Dhma dove il Gange fluttua lungo le sponde spruzzate da stelle dorate e dove il Signore Gaura gio di passatempi trascendentali.

Raggi di Armonia Vol. II ~ N. 1

37

Sesto Raggio r Caitanya

mahtyanantni grhi vatra, pratylaya ya rayate sda r sphuranti haimni manohari sta r navadvpam aha smarmi

Meditate su r Navadvpa Dhma dove innumerevoli e affascinanti palazzi dorati ospitano la dea della fortuna.
vidy-day-knti-mukhai samstai sastyamn i-deva-siddhai, sadbhir-guair yatra jana prapann sta r navadvpam aha smarmi

Meditate su r Navadvpa Dhma il luogo dove le persone sono potenziate dalla conoscenza, dalla compassione, dalla tolleranza, dal sacrificio e dalle sei opulenze e sono glorificate persino dai si, dai deva e dai Siddha.
yasmntare mira-purandarasya r gaura-janmdika-lla ydya, snanda-smyaika pada nivsa sta r navadvpam aha smarmi

Meditate su r Navadvpa Dhma al cui centro sorge lestatica casa di Jagannatha Mira arricchita dai radiosi passatempi del Signore Gaura.
gauro bhraman yatra hari svabhaktai nimajjayty ullasad-unmadbyai sakrtana-prema-bharena sarvam sta r navadvpam aha smarmi

Meditate su r Navadvpa Dhma, il luogo in cui il mio dorato Signore Hari va liberamente insieme ai Suoi devoti cantando con grande amore i santi nomi di Krsna e immergendo tutti nelloceano della prema-bhakti.
etan navadvpa-vicinta-ndya rmacchacnandana-pda-padme padyaka prta-man pahed ya sudurlabha prema smpruyt sa

La persona che profondamente medita e recita regolarmente questo astakam di r Navadvpa Dhma, otterr il raro gioiello di prema e i piedi di loto del mio r Sacnandana.

38

Raggi di Armonia Vol. II ~ N. 1

Sesto Raggio r Caitanya

rla Narottama Dsa Thkura

Gaurga Balite habe


Tridandi Svm r rmad Bhaktivednta Nryaa Mahrja

(rla Narottama hkura manifest i suoi passatempi ll-katha dal 1531 al 1611, circa ottant'anni e sette mesi. Nei nitya-l Campaka Majar; il suo luogo di residenza Kheturi a Goplapura; il giorno della sua apparizione maghi-purnim del 1531; la sua scomparsa il giorno di asvina ka-pancami del 1611; il padre era r Kananda Datta (un ricco re e possidente terriero); la madre era r Nrya Dev; il suo guru era rla Lokantha Gosvm) Mentre rla Narottama hkura cantava questa canzone, si ricord dei passatempi di r Caitanya Mahprabhu a Gambhira. Poich Narottama hkura visse circa cento anni dopo la venuta di Mahprabhu, non aveva mai ricevuto il darana diretto di Mahprabhu, ma Mahprabhu gli lasci prema in una caverna a Prematali (sulle rive del fiume Padma) e quando Narottama vi si rec, prema immediatamente entr nel suo cuore. Che tipo di prema era? Era Gaura-prema: l'amore di Rdh per Krishna. Ogni volta che Narottama cantava la sua mente subito raggiungeva Gambhira, il santo luogo dove Mahprabhu, con un profondo sentimento di separazione, cantava: 'Krishna! Krishna! Haribol! Haribol!". In quei momenti a volte il corpo di Mahprabhu si ritraeva come quello di una tartaruga e persino Svarpa Dmodara e Rya Rmnanda non riuscivano a comprendere questo elevato stadio di separazione. Questo sentimento di separazione stato descritto dalle gop nella Bhramara-gt (SB 10.47) dove la separazione era ancora pi intensa di quella descritta nella Gop-gt (SB 10.31). L loro vengono a sapere che Krishna si nascosto in un kuja di Vraja. Nella Bhramara-gt invece Krishna partito per sempre alla volta di Mathur e Dvrak e loro perdono ogni speranza di poterLo rivedere. Durante gli anni in cui Krishna resta a Mathur e a Dvrak, le gop piangono e si disperano in continuazione. Quando Uddhava si rec a Vndvana si nascose al-

l'ingresso di un kuja ad Uddhava-kyari. Rdhik, sentendo separazione da Krishna, aveva perso i sensi e sembrava stesse per morire. Le gop le mettevano del cotone davanti alle narici per vedere se stesse ancora respirando. Con molta apprensione pensavano: "Cosa dovremmo fare? Come possiamo tenere in vita rmat Rdhik?" Lei stava per morire ma poi si riprese. Noi non possiamo immaginarlo. Se qualcuno riuscisse ad immaginarlo, piangerebbe giorno e notte senza mai sorridere e si sentirebbe senza nessun aiuto. In quello stato Rdhik giaceva su di un letto di petali di fiori e un calore insopportabile proveniva dal suo corpo. Aveva persino seccato i petali dei fiori. madhupa kitava-bandho m spghri sapaly kuca-vilulita-ml-kukuma-marubhir na vahatu madhu-patis tan-mninna prasdam yadu-sadasi vidambyam yasya dtas tvam dk (SB 10.47.12) "O calabrone! O amico dell'imbroglione, non toccare i miei piedi con i tuoi baffi sporchi della kukuma di cui intrisa la ghirlanda di Krishna dopo aver toccato il petto di un'amante rivale! Che Krishna soddisfi pure le donne di Mathur! Colui che ha mandato un messaggero come te certamente verr ridicolizzato nell'assemblea degli Yadu." Poich i piedi di Rdhik sono pi dolci, fragranti, soffici e meravigliosi di un fiore di loto, un calabrone inizi a girargli attorno e subito rmat Rdhik rivolse queste parole al calabrone. Totalmente assorto nel sentimento di separazione che provava rmat Rdhik, Mahprabhu piangeva amaramente. Anche se ascoltiamo questi racconti, non possiamo realizzare appieno queste cose altrimenti piangeremmo anche noi. Presa da divina follia, Rdhik dice: "Non toccare i Miei piedi! Prima devi dirmi chi ti ha man39

Raggi di Armonia Vol. II ~ N. 1

SestoRaggio r Caitanya dato. Io penso che tu sia un messaggero di quell'imbroglione che tramite te vuole ingannarmi di nuovo, ora per io sono pi saggia. Non diventer pi amica di quella persona scura, quindi non girarmi pi attorno. Lui ora diventato Madhupati (il Signore della dinasti Madhu, ma madhu significa anche vino) e quindi il proprietario di un grande magazzino di vino. Nel Suo negozio tu hai bevuto molto vino ed ora Lui ti ha mandato qui da Me per fare in modo che io dimentichi tutti i Suoi sbagli e ritorni ad essere Sua amica. Lui vuole compromettermi di nuovo e poi imbrogliarmi ancora, ma io sono determinata a non compromettermi pi con Lui. Hai bevuto molto vino e ora hai perso i sensi e sei diventato pazzo . Tu non sai come rappacificare un amante. Un tempo io ero l'amante di Krishna e Lui era il mio amato, ora per quella relazione finita. Se Lui pu lasciarci, perch non potremmo essere noi a lasciarLo? Lui ci ha lasciato e si trasferito a Mathur e a Dvrak dove gusta l'amore di numerose regine. Perci Lui non ha pi nulla a che fare con noi e anche noi Lo abbiamo lasciato." Sentendo il ronzio del calabrone, Rdhik pensa che stia dicendo: "O amata regina di Krishna..." Allora Rdhik risponde: "Non devi chiamarmi amata di Krishna, prima di tutto devi ritirare ci che hai detto. Io non sono l'amata di Krishna e Lui non il mio amato. Non pronunciare neppure il Suo nome. Perch sei venuto qui?" "O regina, sono venuto per combinare un compromesso." "Tu mi hai avvicinato nel modo sbagliato. Io so che vieni da Mathur perch Lui Syama, nero ed anche tu lo sei. Quindi sei un messaggero di quella persona nera e i tuoi baffi sono rossi di kukuma. Da dove viene quella kukuma? Dimmelo altrimenti te ne dovrai andare subito!" "Mia regina, ti dico la verit, questo il colore naturale dei miei baffi. Io non so neppure che cos' la kukuma!" "O no, tu lo sai molto bene. Sei venuto da Mathur e quando Krishna ha abbracciato unaltra donna, il colore rosso del suo petto ha tinto la ghirlanda di Krishna. Quando poi ti sei posato su quella ghirlanda, il rosso passato sui tuoi baffi. Cos io so che tu provieni da Mathur e poich Krishna stava per soddisfare una sua amante, tu lo hai accompagnato. In quel momento la kukuma ha sporcato i tuoi baffi. Devi tornare da dove sei venuto. Non c' utilit a venire qui perch a Mathur ci sono migliaia di donne che diventeranno gelose e Krishna dovr passare tut40 to il giorno a rappacificarle. Quando loro avranno rinunciato alla rabbia e si saranno tranquillizzate, devi andare e cantar loro la tua canzone. Allora ti daranno qualunque cosa tu desideri, mentre da Me non avrai nulla perch sono una semplice mendicante. Krishna mi ha portato via tutto e quindi non posso offrirti nulla. Non dovresti lasciare Mathur, sei uno sciocco come lo il tuo padrone. So che gli animali ignoranti hanno quattro zampe mentre gli esseri umani ne hanno due, tu per hai sei gambe, quindi sei il pi grande sciocco. Perci devi tornare a Mathur. Krishna proprio come te: tu passi di fiore in fiore per prendere il nettare e non dimostri mai nessuna gratitudine per quei fiori che hai appena lasciato. Anche Krishna si comporta cos con noi donne che siamo proprio come dei fiori; siamo meravigliose, tenere, pure e fragranti ma quell'imbroglione molto sciocco e ingrato, proprio come te, quindi noi non ci comprometteremo con Lui, ora stiamo molto pi attente perch abbiamo capito qual la Sua natura." "O Swamini, io non sono quel tipo di persona e neppure Krishna lo . Devi aver fiducia in me ed anche in Krishna. Lui ti ama talmente tanto da non riuscire a descriverlo. Se Krishna fosse veramente una persona dal cuore nero, perch dunque Lakm vorrebbe restare sempre sul Suo petto?" "Le stupide civette non possono vedere il sole, noi per non siamo cos sciocche. Noi sappiamo che Lakm si fa intrappolare dalle Sue lusinghe, ma noi no. Quando Krishna sorridendo la lusinga, lei si scorda immediatamente della Sua natura e desidera servirlo. Ma non cos facile prendere in giro noi, ora siamo molto vigili." Il nome Gauranga appare in questa canzone perch Mahprabhu lo stesso Syama, ma ricordando sempre le qualit e i sentimenti di rmat Rdhik, Syama diventato Gauranga. Come Rdhik che pronuncia il nome di Krishna e piange, allo stesso modo Mahprabhu perde i sensi e piangendo canta: "Hari bol! Hari bol!" Quando Mahprabhu fa il krtana tutti i suoi compagni come Nitynanda Prabhu, Advaita crya, Svarpa Dmodara e Rya Rmnanda sono l presenti. Narottama hkura ricorda questi passatempi di Mahprabhu a Gambhira e li esprime in stotra, versi condensati... 'gaurga' balite habe pulaka-arra 'hari hari' balite nayane ba'be nra Qui dice che i suoi occhi si riempiono di lacrime menRaggi di Armonia Vol. II ~ N. 1

Sesto Raggio r Caitanya tre canta con sentimento di separazione 'Hari! Hari!', proprio come avviene a Mahprabhu e a Rdhik. Hari significa colui che ha rapito Rdhik e l'ha portata in un kuja, come quelli che ci sono a Sanket, e Narottama piange mentre ricorda questo passatempo. ra kabe niti-cadera karu haibe samsra-vsan mora kabe tuccha ha'be Questo sentimento verr solamente a chi completamente privo di desideri materiali, che ha dimenticato tutto di questo mondo e che pensa sempre: 'Sono una plya-ds di Rdhik.' L'eterna svarpa di Narottama hkura quella di Campaka Majar, e quando lui fa il krtana si assorbe in un sentimento di servizio. Prega Nitynanda Prabhu di concedergli la misericordia con la quale potr diventare niskicana (senza nulla). Non ci si dovrebbe preoccupare delle necessit materiali proprio come le gop che lasciarono tutto alle spalle per incontrare Krishna. Si dovrebbe pensare: "Solo rmat Rdhik mi appartiene, Lei la mia ia-deva e se misericordiosa con me non avr bisogno neppure di Krishna." viaya chiy kabe uddha ha'be mana kabe hma heraba r vndvana La nostra mente deve essere pura, ma soltanto la purezza non basta. Nitynanda Prabhu come Ananga Majar, sorella minore di rmat Rdhik, ci conceder il servizio a Rdhik. Quando lui ci conceder questa misericordia, come fece con Kadsa Kavirja Gosvm, anche noi potremo avere il darana di Vndvana. Nel nostro stato condizionato possiamo visitare Vndvana, ma non vediamo Rdh, Krishna e le gop. Quando per il nostro amore sar maturo, allora potremo ricevere il vero darana di Vndvana come avvenne per Kadsa Kavirja Gosvm. Qui Narottama hkura prega per questo. Non essendo soddisfatto della visione di Vndvana attraverso la sua svarpa siddhi, egli nel prossimo verso prega per avere vastu-siddhi: rpa-raguntha-pade haibe kuti kabe hama bujabo se yugala-priti La vastu-siddhi verr se si serve Rpa e Raghuntha, Rpa Majar e Tulasi Majar. Senza la loro misericordia non possiamo realizzare che rmat Rdhik la nostra Swmin ed entrare nel suo intimo servizio. Raghuntha Dsa Gosvm ha scritto: tavaivsmi tavaivsmi na jvmi tvay vin iti vijya dev tva naya m carantikam (r Vilapa-kusumanjali 96) "Io sono Tuo! Io sono Tuo! Non posso vivere senza di Te! O Dev! Radhe! Ti prego comprendilo e portami ai Tuoi piedi. Senza la Tua misericordia non ha senso vivere a Vndvana e neppure ricevere la misericordia di Krishna." Inoltre egli scrisse: pdbjayos tava vin vara-dsyam eva nnyat kadpi samaye kila dev yce skhyya te mama namo 'stu namo 'stu nityam dsyya te mama raso 'stu raso 'stu satya (r Vilapa-kusumjali 16) "O Dev! Rdhe! Non prego per nient'altro che non sia il servizio diretto ai Tuoi piedi di loto. Offro prama continuamente alla sakhitva, la posizione in cui si trovano le Tue sakh, ma giuro che la mia devozione incrollabile sar sempre per la dstva, la posizione delle Tue servitrici." Dsa Gosvm pregava solamente per diventare la plya-ds di rmat Rdhik e Rpa Gosvm pregava: ha dev! kkubhara-gadgadaydya vc yce nipatya bhuvi daavat-udbhatrti asya prasdam abudhasya janasya krtva gndharvike! tava gae gaan vidhehi (r Gndharv-saprrthaakam) "O Dev! Gndharvike! Animato da profonda disperazione mi butto a terra come un bastone e con voce strozzata umilmente t'imploro di essere misericordiosa con questo sciocco e di considerarmi come Tua propriet." Questa posizione di plya-ds talmente favorevole per servire rmat Rdhik che Lei pensa: "Quella plya-ds, Rpa Majar mi rivolge un servizio molto dolce e bello, dov' ora? Quando verr da Me e Mi dar il gioiello ymantaka, l'amico del gioiello Kaustubha? DecorandoMi in molti modi diversi 41

Raggi di Armonia Vol. II ~ N. 1

Sesto Raggio r Caitanya lei Mi preparer per l'incontro con Krishna." Queste sono le speciali qualit di Rpa e di Raghuntha e questo il motivo per cui Narottama hkura riporta i loro nomi nella canzone. Anche Jva Gosvm e tutti gli altri Gosvm avevano questo sentimento ma Rpa e Raghuntha in modo particolare. Ecco perch Kadsa Kavirja Gosvm, Visvanatha Cakravarti hkura e Narottama hkura pregano principalmente per ricevere la misericordia di Rpa e Raghuntha. Loro pregano per avere la misericordia di tutti i Vaiava, ma specialmente per avere quella di Rpa e Raghuntha e poter cos realizzare i passatempi d'amore di Rdh e Krishna. Le majar non hanno paura di vedere Rdh e Krishna incontrarsi in un luogo appartato, mentre Lalit, Vikh e le sakh ce l'hanno. Le majar possono andare direttamente l senza vergognarsi e nessuno pu accedere a questo senza servire Rpa e Raghuntha. Se qualcuno desidera impegnarsi nel rgnug-bhajana dovr seguire le loro orme ed ottenere la loro misericordia. rpa-raghuntha-pade rahu mora a prrthan karaye sad narottama dsa Qui Narottama hkura rivolge la sua preghiera ai piedi di Rpa e Raghuntha per poter comprendere Gaurga, perch Egli piange sempre e che cosa sente a Gambhira; solo Rpa Gosvm conosce queste cose Quando Mahprabhu recit un verso davanti al Ratha a Pur, solamente Rpa Gosvm cap il Suo bhva e quindi scrisse su di una foglia di palma un verso analogo. Quando Svarpa Dmodara lo lesse cap che Mahprabhu aveva instillato la Sua akti direttamente nel cuore di Rpa Gosvm. Mahprabhu aveva inoltre chiesto a tutti i Suoi associati di essere misericordiosi con Rpa Gosvm cosicch potesse dare il bhva di Mahprabhu al mondo intero. A Prayaga Mahprabhu invest di tutti i Suoi bhva il cuore di Rpa Gosvm ed egli poi compose i rsa-stra come il Bhakti-rasmta-sindhu e l'Ujjvalanilamani. Allo stesso modo, se Rpa Gosvm e Raghuntha Dsa Gosvm saranno misericordiosi con noi, potremo comprendere che cos' Vndvana, cos' il mdhurya-rasa, chi Caitanya Mahprabhu, per quale scopo Egli venne e perch piangeva sempre provando una profonda separazione. Cos preghiamo Narottama hkura di essere misericordioso con noi e renderci capaci di realizzare tutto questo.

r Yoga-pitha Il luogo dove apparve Sri Krishna Caitanya

42

Raggi di Armonia Vol. II ~ N. 1

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? 'V ? ? ? @3 ? YH@@N? (@@ ? ?Y(@@@3? ? ?5@@@@@? ? H@@@@@@N ? ?Y(@2?6@@3 ? ?5&Of@@ ? ? ?YH@g1@N? (@@?f?@'V ? ? ?MY(@?g5@@'V? (@@@@?f?K6@ ? ?M0@@@2Og@@@@'V@4 ? ?Y0@@@&Ofh@'I?V? @@@@3? ? M(@@ ? Y0@@@@@2W?fh@@K)@@4I @? ?M@? ? ?@@? ?Y0@@? ? ?M?M(@@@@7 0@@@@@ ?@@@@@4VI? ?5@@@? ? Y(@?@? @@ @@@@@@@V2W K)@@@'@4V? ?@@@@? ? 5@@@@?@? @@@@@@@@ ?X)@@@@@'I ? @@@@@@@N ?Y0@@@@@@&O? X)@@@@@@@? ?YY0@@@@@? ? 1@@@2W Y(@@@@ ?X6@@@@@@? M((@@@@@@? @@@@@@@? ? ?M(@@@@V@@&W M0@@@@@@@@@? ? ?Y?@@?e1'I?4I@4I? ?Y0@@@@@@@K&W? @@@@@?4V ?M0@@@@@@@@@@@@? ? ?5(@7?eX6@@@@)@@@@4I? ?K6@@@@'V? ?Y0@@@@@@@@@@@@@@? ? ?@@@J?fK6 @@ ?@M(@@@@@@V? @@@@ @@ M(@@@@@@@@@@@@@@@N @@@@@@@? ? ?@@@N?g?K @4V? H@@@@@@@@@@? @@@@3? ?M0@@@@@@@@@@@@@@@@@@3 ? ?@@&*?hX62W@@@@'V ?Y(@@@@@@@2O @@?@@NV? ?Y+R0@@@@@@@@@@@V?@@?@@@@@@@ ? H@&WW?fh@@?K6' Y(@@@@@@@? @@@@@@'V @@@' ? 5 ?@ 5@@@@@@?@? @@?5@2T6@@@2O??@?K6@2O?L@@@@@@3? ?@O?heg?1@@@@@@N? ? 1@S? ?H@@@@@@7? 1 ? X>3? @ ?@@? ?@ Y(@@@@@@J? L@?@@'V? @@@@@3? ?Y?M@?@@@? 0@7? 1@@@@@@? ? ?@@&7? ?@OY@@@NV? X)@@@@@N ? H@&WW? @? ?H5@@@@@@@N? Y(@@@'3?fhM0M0M+R(@2W? ?L@@@@@3N? ? ?Y(@@? Y(@@@@@@@@ @@@@@@@@ ,S?@@@ @@@>&O @2 @@@@@@ ? ?5@@ ?@e?/I?eh5@@@@@@@@@@? L@@@@@@Neh?@7?62O?W? 1@@@@@'V ? H@@@ ?X)@4Vh@@@@@?@@@?Y. ?@@@@@@3g0@@@Y&W? ?M0@?@@T L@@@@@@3 ? 5@@7J? X6@3?/I?e?H@@@@@@@@@?.W ?@@@@@@@f0@@@@@ ?1@@@@@@ ? @@ K))@@@'I?@@@@@@?@@@2W? ;X@4V??5@@@@@@@@@Y ?1)@@@@@'?0@@@@@&O @@@@@@N??M?M ?L1@@@@@N? @@@@@@ ? ?H@2&W ?XX)@@@@@@@@@@7?@@V?e@? ?XX)V@@@@@@@Y@@2W?2W ? ?5C?W? X))@@@@3 @@@@'V ? H@N? ?X6@@@@@@@N?W?@@@? @@@@@@X& ?L@@@@@@@@&O ?XX)@@@@N? ? 5@ @@@@@@ ? @@3? 1@@@@@3?@@ @@@@@&@2W? ?L@@@@3? ? ?H@X@? X)@@@@@?@J ?H@@@@&WO? ?H@@@@@? ? ?@@?@? ?X)@@@@@@?@? ?)@@@@@N ? ?X@? X6@@@@@? ?YY(@@@&W? (@ ?X)@@@@3N? ? @@7? K ?,@@@@2W L@?@@@ ? @2W? ?)@@@?@?@'V? XL@@@@@4V )@@@@@ ?X@V2O ?@@@@@3? ? ?@@@@@ ?1@@@@@? ? ?Y0@ ?1@@@@@X'R.? ?X)@@@@N ? Y. ?XX)@@@@@@'? )@@@@@@@S? ?@?@@&O? ?@ X)@@@3 ? .WO? 8@@J ?X)W@@N? ? ?X)@@@@@'V ?Y0@&O@? ?H@@*? ? ?@ X)@@@@@3 ?Y0@M@I?@? ?5@@S? ? ?L@@@@ ? ?5W@J? ? @@@@ ?1R@ ? ?/R( @@@@@@@@ H@V@@7 H5@@@&O? ?X)?@@ ? ?U @@@@@@N? 5@@@&W @@& 5@@@&W @@& X)S@ ? ?5@@ 1@@@@@'V /V@@@JW? ?H@@@?W? ?X)@ ? ?@C? X)@@@@@'V? U@@@ ?5@@@* L@ ? ?L1@@@@@'V @@ ?Y(@@&7? ?@@@&W H@ M0@@ ? @@ Y(@@@JW? ?1@@J? @@N? /R0@@@4I4?04?0@4I?eh M0@@@@@? ? @4V?+V @@ X)@@@@@3 ,@@@7? ?L@@ L@ U@W@@@@@ ? L@'?@'I? ?L@@@@@@@@ X@@& ?H@@N? ?13?h?@eM@IM(@@@@@@@@@@@@@@@@4I??M04I??M?M0@@@@@@@@? ? ?1@@@@@4I?fh?M0@@@?Y0@4?0@@@@4I?2W@@@@'Ieh?H@? M@?(@@@@@@@@@@@@ @? ?@ 1@@@@@?@N? ?@@@@JW? ?5@@ ?L@?f?@f(2?@O?@?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@0@@@@@@@@@J? @?ehY0@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@7 ? ?L@@@X6@@4I?f?M@?0@@@@@@@@@@2O?e?K)VK6@@@@@4V?fh7? X)@@@@ H@@@7? ?@@@@? ? 1@ @@V??@?@eX/f@OY@@@@4I?g?5 ?L@@@@@@'V ?Y(@@@J? ?1@@J? @@@?e@?fh@?@2O??K@OK6@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@&W ? L@@? 1@@@ ?5@@@@ ?L@@ ?Y(?0@?M@I@? @@@@ ?Y@Ne?@ K6@@?K@OK@?6@@@@@@@@@@@@J? @@@@@@@@@@@@@@2?)@@@ @@@@@@@@ ? ?1@Ne?K6@?@@@@@@@@@2W@?e?K6@?@fh.W@@@@@4V?f?@J? @? @2?6@@'IfH@N? ?Y(IM0@@@@@@@4?@I? X)@@@2T/@? ?@@@@7 ?H@@ ?@@3eh@? ? ?X6@ K6@@4V?Y(@3? @@@4IM H@@@@? ?5@@ ?YY(@@@@@@@@@? (@@@X)@@@@@? ?L@7 L@@@ ? Y(?0M(@@@@@@@@@@@@@@@@4VI? @@@@@@@@@@@@@@@@@@@' ?)@@@@@@@? ?@@@ 1S ?@O? ? @? )@?@@'?(@@7? ?X)@@@V?@?@? ?H5@@@@* ?@@@ ?YY(@@@7?X62OK@? U3 ? X)@@@@@@@@W? W@@@@@@@@& ?M?M(@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@4V? 0@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@'V L@@@'R@@ ?5@@@Y&W @@@& ?@@@ Y((@@@2W @@@? 5@ ?@ ? @? ?@@@@@@@&W ?Y0@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@'I? ?1@@@@W?@? H@@@@JW? ?@@@ 5@@@7? 1@ ? ?@OK)@@@J? ?L@@@@@@@Nh@?'Ve5@@@@N ?@@@ ?H@@@&W? L@N? /V ? @? ?@@@N? ?YY(@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@N? (@@@@@@@@@@@@@@@@@2O?K)@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@'?+V?f?H@3?H@@@@ H@@@ Y(@@ ?@3? U3 ? ?H@? 5@@@@? M(@@@@@@@@@@@@@&?@O?fX)O??@@@@@@@@@3? @@@@@@@@@@'V?@eY(@@?5@@@&@3 5@@@ 5@@@&W H@@? ,@ ? ?57? @@@@@@@@@@@@@@@@@Jfh?1@@@@@@@@@N @@@@@??@@@@'V@?Y(@@@?@@@@??@ ?H@@@@J? @@@? L@ ? Y.?H@@@@W? ?@@@@@@@@@@@@?K6@?fh?X6@@@@@@@@3 @@@@@@@@@@&T@@Y(@@@@@@@@@3N? ?H@@@7 ?5@&O? L@7? ?@ ? ?YH@J? 5J?5@@@@@@ 1@@@@@@@@@W?@@@@@@@@@@@@@@ ?5@@@J @@7? ?@@J ?@'V ?@ ? ?5(@ @7 @ H@@@@@V? ? ?Y(@@@@@@@@@@Y7? ? ?@@@@@@@ L H ?1 ? ? ?@@J @Y(W@@@@3? @Y@@@@@7? @@@@@@@? ?/R(@@@@@@@@@@@&W? U@@@@@@@@@@@@&W ?@@@?@@@@@N? @?K6@@@@@@N @@@@@@@@3? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@U*? 1V@@@@@@@@@@@?@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@4?@?H@@@J? (@@7 5@@? @@? ?1N? X/V ? H@@? ?5@@@@@@@@@@@&W? ?L@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@J? ?H@@7? ?5@* U3 ? 5@7? 5@@@@@ ?@@@@@@@@@@@&W 1@@@@@@@@@@&W@@@@@@@@@@7 Y0X@@@@@@@@@@@@@@J @@@@@@@@@@@@@@@? ?5@@ ?1&W ,@N? ? @@J? 1 ? ) @@@@@3 L ?@@@ ?XS? 3? L@ ? X@?@@@@? 6@@@@3? @@@?@? H@@@@@@@@@@@J? @@@@@@@@@ X@@?@@@@ )@@@@@@ @@@@@@ ?@@@@@@@@@@W?@@@@@@@@@@? @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ Y0?M(@@@@@@@@@@@@@@@@?4I +VeM@?@?04IM@V@@@@? @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ ?@3? ? ?H@@ @7 5@@@@@@@@@@@ ?L@@@@@@ ?1@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@Jfh?M(@@@2Oe?Y@@@@@@@@@@@@@@4?@'?0@@@@@@@@@@?@@@J? ?H@@@? @@@? ?@@N ? ?5@J ?@@@@@@@@? @@@@@@@@@@@7 ?L@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@?fh@@@@&OfY(W@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@ ?5@@@? ?1@3 ? H@@? ?@OY@@@@7? @@@@@@@@@@&W 1@@@@@N? @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@7? ?1@@@? ?X?@ )@ ? 5@7? ?@@@@@W? @@@@@@@@@@ ?@@@@@@? 1@@@@@@@@@@@@@@@@@@@J?fh@@@&W?e?M(@@@@@@@@@@@@@@@@@ ?L@@@? ? @@J? ?@@@@@ @@@@@@@@@@@? @@@@@@J? L@@@@@@@@@@@@@@@@@@@eeh@@@@J?Y0@@@@@@@@@JeL@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@4I? h?H@@@@&WeM0@@@@@@@&OK)@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ 5@ ? H@@?@* 1@@@@@@@V@J? ?@@@@@N? ?1@@@@@@@@@@@@@@@@@7eh?5@@@@?M(@@@@@@@@@@Ne?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@N? ?H@@@? @@N? ? ?H@@ @?1@@@@? 5 L )@ @@@@@@3? ?5@@@? @@'V ? ?5@7 @? H@@@@@?KL@ @@@@@? ?5@@@@@@@@@@@@@@@@@Jeh?@@@?@@@@@@@@@&?6@@'V??1@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@3? @@@@@@@@@@@@@@@@@?h?@@@@@@@@@@@@@@@J??K)@3??L@@@@@@@@@@@@@@@@@@@V?@@@@@@@@@@@ H@@@@? @@@? @@ ? ?@@@ ?@@@&W 5@@@@@e?@ @@@@@? ?1@@@@@@@@@@@@@@@@@Nh?@@@@@?@@@@@@@X@fH@@?eL@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@T@@@@@@@@@@@N 5@@@7? 1@@' ? H@@?I? 5@@&W? @@? 1@@@@@@@ @@@@@@? ?H@@@@@N ?L@@@@@@@@@@@@@@@X6@hH@@@@@@@@@@@@@gL@@?e1@@@@@@@@@@@?@@?@@X'R@V@@@@@@@@@@? @@@@J? ?@@J ? @@@'@@ 1@@3N? L@@@@@@3?@?@ ?,S@@@@@ 1@@@@@@@@@@@@@@?h?Y(@@@@@@@@@?@@@@@@?e5@@?e?@@@@@@@e?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@3 5@@N ? ?@@@ L@@@'V ?@@@@@@@@4V? ?X@@@@ ?@@@@@@@@@@@@@7? @@@@@@@@@@@@@? ?H@@@@ @@@@ @@ ? 5@@@@@ H@@@ ?@@@@@@@@@'V @@@@ @@@@@@N? 5@?@@@@@@@@@@@J?e?@f?5@@@@@??@@@@@@@@@@??H@@7?e?@@@@@@@Y0@@@@@@@@@@@@@@@?Y@@@@@@@ ?5@@@7 ?H@@@3 ? @@@@@7 @@@@@3 @W@@@@3? 1V@@@@@@@@@@@@eh?@@@@@@@@@@@@@@@@@@??5@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@W@@@@@@ H@@@@? ?5@@@@ ? @@@@@J L@@@@@ 1@@@@@X/?@ ?H@@@@@? X))@@@@@@@@@@@ehH@@@@@@@@@@@@@@@@@@??@@@3?e?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ h5@@@@@@@@@@@@@@@@@@B?@@@7?e?@@@@@@@@@@@@@&OK)V@@@@@@@?@@@@@@@ 5@@@ ?@@@@@ @@@@ ? @@@@@? ?@@@@7 ?@@@@@N? ?5@@@@@N ?X?@@@@@@@@@@7eh@@@@@@@@@@@@@@@@J?H@@@@@f5@@@@@@@@@@@@@Y@?(@@@@@@@@?X@@@@@@ h@@@@@@?@@@@@@@@@&O=@@@@@J?eH@@@@@@@@@@@@@J??U@@@@@@@@?1@@@@@@ @@@@@@ ?@Y@@@ ? ?H@@@@@N H@@@@J@? @@@@@@@@@J ?@@@@@@@ @@@@ ? ?@@@@@@3 )@@@@? @?e@@@@'I<7 ?@@@@@@J @@@@@@@@@@@Jh?H@@@@@@X)@@@@@@?@?M(@@@@@e?H@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@7?@ ?Y(@@@ ? ?L@@@@@7 X)@@@?1R.? 1@@@@@@NR. ?@@@@@@? L@@@@@@@@@@?h?@@@@@@@e@@@@@@@@@@@@@@@7e?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ ? ?H@@@@@W ?L@@@?X@J? L@@@@@@' ?@@@@@@N ?1@@@@@@@@@?h?L@@@@@@?)@@@@@@@@@@@@@@&Wf@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@?@@@@@@ ?H@@@S @@X3 ?@?5@@@@ V@@?@7 ? ?5@@@@@@@? @@@@@7 ?@?Y@@@@@Y.? @@@@@@@J ?@@@@@@3 ?L@@@@@@@@7?f?@f@@@@@@@&W@@@@@@@@@@@@@f,@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@J ?5@@@@ ?@@@@@@? ? ?@@@@@@@'V?@ ?@@@@@@@N? ?H@@@@@@@@J?eh@@@@@@?U@@@@@@@@@@@@@@J?eY(@?@@@@@@@@@@@@@@@@?@@@@@@@@@@@@@@7 ?@@@X@ H@@@@@@3 ? ?@@@@@@@ ?Y0@@@@@@J'V @@@@7? ?,>@@@@&W? ?@@@@@@@ ?@@@@@@@@@fh1@@@@@@J?@X6@@@@@@@2O?fX@@@@&W@@@@@?K62?)V@@@@@@@@@V@@@@@7? ?@@@N? @@@@@@@7 ? ?1@@@@@@@' ?.T)V@@@e@' ?X-T)@@W?M ?@@@@@@@'V ?L@@@@@@@@fhL@@@@@@N?@eK6@@@2O?fY0@@@@@J?1@@@@f?X@@@@@@@@@X@@@@@@ H@@> X@@@@@ ? ?L@@@@@@@@@@ @@@@@@@W ?X)@@@3?@W@? L@@@@@+V ?@@@@@@@@3N? @@@@@@@7fh?@@@@@@'V?fh?Y(@@@@@@??L@@@@@4IM0@@@@@@@@@@@@@@@@7J? ?Y(@X@'V M0@@@@@@@J ? L@@@@Y@@ ?@@@@@@' ?@@@@@@@@@ @@@@@@@Jfh?1@@@@@@'Vg?@fY(@@@@@@@?e1@@@@@@@@@@@@@@@@V?Y@@@@@? ?5@@@@T/ ?@@@@@@@@?@? ? 1@@@@@@@@@Y. ?@@@@@W@ ?@K)@@@T@7 @@@@Y+R( ?@@@@@@@@@'V @@@@@@@?fh?L@@@@@@@'V?hM(@@@@@@@@@?e?@@@@@@@@@@@@@@@@@H@@@@@&W ?Y(@@?@@@?fL@@@@@@@@@@@@@&Oe?5@@@@@* H@@@@7?/ H@e@@@@ ? L@@@@@@@?@ ?@@@@@@@@@J? @@@@@@@?h@??@e1@@@@@@@'Ih@@@@@@@@@@gK6@@@@@@@@@2W??M(@@@@&W? 5@@@@W?XV? 5@@@@@@@@? ? ?@@@@@@@@@@J ?@@@@@@@V? ?L@@@@@? @?H@@@@@@@@@@'I?V? 5@@@@@@@@@@@@4 @@@@@@7? L@@@@@@@@@@@4I?M0@ @@@@@@@?/? ?H@@@@@@@V@? ? ?1@@@@@@@@@Y.?Y. K6?@@@@?@3 @@@@3?'V 1@@@@'?0@?fh?<@V@?@@@@@@@@@@@@'V 1@@@@@h@?g?@?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@&W@@@@@@?f?X6@@@2We?5@@@@@&W? @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@'IgK)@@@@@&O??Y0@@@@@&W ?H@@@@@@@Y.? ? ?L@@@@@@@@@@J?,S X)@@@@@@J?eh?Y0@T@@@@@@@@@@@@@@@@'V? L@@@@@3? Y(@@@@@@@&W? ?@I??M@?0@@@M(@@@@@@@3 @@@@@@@@@@ ? 1@@@@@@@@@B?X3 ?@f?@@@@@@Y&W @@@@@@fhY(@@@@@@@@@@@@@@@@@@@& H@@@@@7? ?@?@@@@@@@@@@@@@@@@2W??L@@@V @@@@@@@@@@@@@@@@@@&W?1 <@@@@@&W 5@@@@@@@@? @@@@@@@@@@@@@@@4I? ? L@@@@@@??X@@@@ @?e?1@@@@J? ?@@@@@@7 ?@K)@@@@'Ie?@@>@+IM(@@@@@@@@@@@@@@@@@@@&W*? @@@@@@N?e?'R+RT@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@W? 5@@@@@ ?H@@@@@&?6K)B? ?Y0@@@@@M@I??@@@@@@@@@@@X)@@@@@?@@@@@@@@@@@4I? ? ?1@@@@@@@@@@@@ 1@@@@@J?h?@f@?e?@@@@@@@@@@@@@@2O?f@@@3fh?Y0@@W@@@@J? 1@@@?M.?hM(@@@@@@@@ ?5@@@@@?e@3 M(@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@2?)@@@@@@@@@@@@@@@@4I? @@@@&?@OK@?@O?e ? ?L@@@@@?@@@??@@@4IfhM04I@@@@4Ieh?M+Vfh@@@@?@&? ?L@@@@@@@4V@U@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@3? L@@@@@ K6@@@@@2O?hX)@@@@J?fM0@@@W@@?@@2O? H@@@@@@3?@?X6@h@@4V?/I?M0@@@@@@@@@@@@@2W?eh?X6@?K6@2O?@@@@@@@@@@@@@'V @@@@@@@@@@@@@@@@@@@4V? ? @@@@@@@@@@@@@@@@4IeM@?04?0@@@@@@@@@@@4?0@@4I??@@@T3h@??L1@@@Y@S? @@@@@@@@@@@W@@@@@@@@@@@@@@V?e@@@@@@@? ?1@@@7 ?X)@@@Y0@?@@@@@@@@@@@&O? ? @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ eL@@@@>'V @@@@@@@V@@@@@@@@@@@@@@2O?='?0@@@@@@@ ?L@@@J X)@@@@@?@@@@V?@@@@&W ?H5@@@@@@7h?@4R+VL@@'IX@@@@@@@@@2O? @@@@@@@We?Y(?e?@X@@3?@@@@@@@@@@@@2O? ?@2?6@@@@@@@@@@'V? ? @@@@X@@@@@@@@@@@@@2O @@@@@@@@@@@N ?H@@@? ?XX6@@R@@@@@@?X)O?W? )@@@@@@@@@3?1@@2 Y(@@@@@@@@@@?5@Y0@@@@@@@?@@@@@@@&?62O? K6@@@@@@@@3?'V?@ ? ?M?M0@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@?@@@4V@@@@@fh?1@@@@T3 0@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@4V?h?L1@@@@7 /V@@@@@@@@@@@@@@@@2Oef@@@@@@@@@@@3 Y(@@@? ?K6@?K6@@?@@?@ @@@@@?@3 ? M0@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@2?)@@@@V@@@@?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@3?eh@@@@?@ X)@@@@@@@@@@@@@@2Oe?M?M0@@@@@@V@@@@@@ 0@@@ (@@@@? ?K-T6@2O ?H5@@@@@@@@@@??@@@S@@@@@@@@@@@@@@&W? @@@@@@@@@?@'V@@X@@@@@@@@@@@@@@&W ? ?M0@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@2O?eM0@@@@@@@2 @@@? ?5@@@@@@@@@@@X@@@@@@@@@@@@@@@@ 1@?@Y. ? M0@@@@@@@@@@@@@@@@@@VK@&O?g?X6@2T6@@@@?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@?Y+V?gL@@@@? @@K6@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@W@J?g?1@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@Y(@'?g?@@@@3 Y(@@@@@@@@@@V??M0@@@@@@@2OeO?U@@@@@@@ @@@? H@@@@@@@@@?@@?@@@@@@@@@@@@@@&?@@J? X)?@K)@@4V @S ? M0@@@@@@@@@@@@@@@@@@2T/?&W ,@@@@@@@@@@X'?0@@@@@2Og?Y.W@@@@@@N? ?.W?@@@@@@ @@@? 5@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@&?&W?6@ ? Y0@@@@@@@@@@@@@@@@ ?K@O?X)?)V@@@@@@@@@@@@@@@@Y.g1@@@3? K)@@@@@@@@@@@@@@@@@@Y@g?L@@@@N? L@@@@@@@@@@@@@@@@@ 1@@@@@@? ?H@@@? ?H@@@@@@@@@?@@@@@@@@@@@@@@2Wf@? ?X?K)@@@@? 6@@'IM@? ? ?M(@@@@@@?@@@@@@@@@?2O ?@@@@@@@@@@@@@@2O?2OfhL@@@@@J? ?5@@@? Y(@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@2O ? ?M0@@@@@@@@@@@@@ X6@@@V@@@@@@@@@@@@@Wf@?X)@@@NV? ?1@@@@@@@@@@@@N? ?@@@@@N? H@@@@? X)@@@@@4I?4V ? M0@@@@@@@@@@@@@@@@?@@@@? K6@@K62W@@@@@@@@@@4If@@@@3? @@@@@@@@@@@@4If?L@@@' ?X6@@@Y@@@@@@@'V @@@@@@@@ ?@@@@@3? .W@@@? ?H5@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@2O @@@@@@@@@@@@@@@@@@@&O? ?X)V@@@@@@@'I? ? Y0@@@@@@@@@@@@@@2?@O@2O? ?@@@@@7? @@@? ?5@@@@@@@@@@@@@@@@@@2Wh@? X6@@@@@@ ? ?M(@@@@@@@@@ @@R@@@@@@@@@4Ve1@@@@NV? 5@@@@@@@@3 ?@@@@@ @@@? H@@@@@@@@@@@@@@@@@&O ?K)@@@@@@@4I4?@I ? ?M0@@@@@@@@@@@@@&?@O ?K-OK6@@@@@@@3eX)@@@''I @@@@@@@@@@N? ?@@@@@J? ?Y(@@@@@@@@@@@@@@@@&W??@ X6@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ? ?M0@@@@@@@@@@@2O@2W? ?K@W@@@@e?U@@@@ @W@@@@@@@@'V ?@@@@@ ?H@@@? @@@? Y(@@@@@@@@@@@@@@@@2We K)@@@@@@ ? M0@@@@@@@@@? @@@@@@@@W@@@@@4V @@@@@@@@@@3?fh5@@@@7 @@@@@@@'V?fhH@@@@@ ?@@@@N ?Y(@@@@@@@@@@@@@@@ ?X?K6@@@@@@@@@@@@@@@ 6@@@@@@@@@@@@@@@@V ? ?)@@@@@@@@4I?M0@@@@@@@@@@@@@@X@O ?Y@@@@@@R@@@@@X3 ?L@@@3 ?5@@@@@@@@@@@@@@&?@V ? ?X)@@@@@@@@@@@@@@@@@@@?@@2O?@? ?)@@@@@X@W@@@@@@ @@@@@@@@@Neh?H@@@@@J ?H@@@@ H@@@@@@@@@@@@@@@S?6@ ?K6@@@@@@@@@@2O? ? X)@@@@@@@@@@@@?Y@V?@Y& ?X)W@@@@@@@@@@@@3? @@@@@?@@@@@@N? @@@@@@@@@'V?h?5@@@@7? ?@@@@@ ?Y(@@@@@@@@@@@@@VK ?@@@@@@2 ? ?X)@@@X@?)@?K@?5@@?@2WO? 1V?@@@@@@@'Vh?@@@@@J? ?L@?@@ ?5@@@@@@@@@@@@@@'V/? H@@@@&O?O? ? X)@@e?X@Ne?1@J K)@@@@@@@@@NI? X)@@@@@@@@@3h(@@@@@ ?H@@@@ ?Y(@@@ ? ?X) ?X)@@@@@@@@' ?X)?6@@@@@@@g?YH@@@@@ ?)@@@@N? ? H@@@@@@@@@@@@&O?K/ ?5@@@@&W ? L@@@@@@'V??X)? @@@@@V@'I X6@@@@@@@@@@4V @@@@@@@4I?eM(@@@@@@ ?X)@@@@? YY(@@@@@@@@@@@&W?@ (@@@@@@@@@@@2W? ?@4I ?@@@@@J? ? ?1@@@U@@ K6@@@@@@@@@' 1@@@@@@@@@@@@@@@@&O? Y(I?M@V@@@4IM+V? H@@@V? ? ?X)@@@W@X6@? @@@@@@@J@I X)@@@@@@@@@@@@@@&W ?/X)@@3? ?H5@@@@@@@@@@&O?g@? 5@@U*? ? L@@@?@@@@? @@@@@@@Y ?X6@@@@@@@@@@@@&W? ?LIX@?@? @@@@@N Y(@@@@@@@@@@2W @@@@@@@@&O ?M?M(@@@@@@@@@X@@@'?@I4V 0@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@&W? ? ?1@@@@@@@? ?K6@@@@@@@@@2W @@@@@* ?Y(@@@@@@@@@J? ?Y0@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@'I?4I ?H@@@J ? ?L@@@@@@S? @@@@@@7? ?YY0@@@@4I@@4I@@@4I? ?@e1@@@@@@@@@@? L@@@@@@@@@@N K62?6@2O 1@@R&W ?5@@@@@@@@@@ Y(@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@4I?M@?@?0@4V ?5@@@? ? Y((@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@ ?@@V@@@@@@@3 L@X@J? H@@@@@@@@? 5@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ ?@@? ? @@@@@ ? K ? ? H@@? ? 1@@@@US? @*? YY(@@@@@@@@@@@@@@@@@@@4VI? (@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@' ?)@@@@@@@@@@ L@@@@@@@@ ?@?@@@B? @?@@@ ?H5@@@@@@@7? @@@@@@@@J? @<@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@' @W@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ 5@@? ? L@@@@U'V ?Y(@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@4I?4I @Y@@@@@@@@N? ?@e?@@>@@ 1@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@7? ? ?@@@@@T3 Y(@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@4I? @2O?@@@@@@'I@? H@R0@@X@ ?YY(@@@@@@@@ ? ?@@@@@?@ 5@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@ 5T@@@@?@T) ?5(@@@@@@2O? @@@@@@ ?@X@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@X)@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@V?@@@@@@@@7?X)@@@@@@@@@@@@@ ?H@@J? @@ ? ?1@@@@@7 ?H@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@4I?@@ @@@@@@@@@? @@@@@@@@@@ ?@@@@@@@@@?@@@@@@@U@@@@@@@@@@?eL@e@@@@@@@? ?5@7 ? ?L@@@@@J ?5@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@Y04I @@@@@@@@@@@? 1@@@@@@@@@N? ?@?@@@@&?@ ?@@@@@@@@@?@@@@@@@@>@@@@@@@@@'V??@@@@@@@@@7? H@@J ? 1@@@@? H@@@@@@@@@@@?@@@@@@??@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@N ?@@@@@@@@@ ?@@@@@&W @@@2W? H@@@@@@@@@?@@@@@@?@@S@@@@@@@@@'??@@@@@@@@&W? 5@7? ? ?@@@@Y ?Y(@@@@@@@@@@@?@@@@@@@@@2O?K@? ?K6@@@@@@@@'V? @?5@@@@@@@@@3? Y0@@@@ ?Y(@@?@@@@@7?@@@@@@?@X)@@@@@@@@@J??@@@@@@@@J ?H@@ ? 5@@@@@@? ?5@@@@@@@@@@@@?@@@@@@@&Og6@@@@@@@@@@@@@@@@@@@4I@' ?K6@2W@?6@V@@@@@@@@@@@ Y@@@@@@@'I 1V@@@@@@@@@@@N 5@@@@7 ?5@@@@@@@@@J?@@@@@@@7??@@@@@@@@@@@?@@@@@@@7? ?5@7J? ? 1@@@@?@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@2W?fh@@@@@@@@@@@@@@@@4VV? @@@@@@@@@@4V L@@@@@@@@@@@@@ ?H@@@@&W ?@@@@@@@@@@N?@@@@@@@eL@@@@@@@@@e@@@@@@@@ H@@J ? L@@@@@@? H@@@@@@@@@@@@?@@@@V? ?K6@K)@@@@@@@@@@@' L@@@@@@@@@@3 @??@@@@@@@@@@@@? ?5@@@2 ?@?@@@@@@@@3?1@@@@@@3??1@@@@@@@@@@@@@@@@@@*? 5@@? ? ?1@@@@@? 5@@@@@@@@@@@@@@@@X@& @?e@V@@@@@@@@@@'VV? ?@W@@@@@@@@@ ?H@B?@@@@@@@@@@?@3 Y(V@@&O?W? ?@@@@@@?@@@@NL@@@@@@7??X)@@@@@@@@@@@@@@@@&W? ?H@@@? ? ?L@@@@@N @@@@@@@@@@@@?@@@@@ ?X6@@@@@@@@@@@'V ?@@@@@@@@@@4V? Y+R(>@@@@@@@@??@@?@@R. ?M(@@@@J ?@@@@@@@@@@@3?@@@@@@fU@@@@@@@@@@@@@@@@J Y(@@7? ? @@@@@3 ?H@@@@@@@@@@@@@@@@@&&W ?KL@@@@@J??U@@'V )@@@@@&OK)@'V? ?@=@@@@@@@@@@@4V @V?@@@@@@@'I ?Y0@@@@@7? ?@@@@@@@@@@@@?@@@@@@3?/R.W@@@@@@@@@@@@@@@? ,@@@J? ? @@@@@@ ?5@@@@@@@@@@@?@@@@&WW? ?H5@@T@@@@@@@@@@@@@??X@SI? @@@@@@@@@@@@@@@@@Y0@@' M(@@@@@@J? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@?U&W?1@@@@@@@@@@@@@@? ?@@@ ? @ ?1@@@@@@@@@@@@@@@&W? H ?@@@@@@@@@@@@'V? M0@@@@@@ 5@@7 ? @@@@@@N? 5@@@@@e?.W@@'V? ?K6@@@@@@@@@'I Y0M@?(@@@@@@@@@@@@@?@@@@@@@@@4IM@?@@ @@@@V@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? @@@@@@@@@@@7 ? M0@@@@@@@X)@@@@@?@@@@@@@@JeL@@@@@@@@@@@@@7? @@@J ? 1@@@@X3? @@@@@@? ?5@@@@@@@@@@@@@@&W @@@@@@@@@@@@@@J? @@@@@@f?@@@'VV? ?@@@7f?1@@@' ?K)@@@@@@@@@@? ?M(@e@X@@@@@@e@@@@@@@@@@@@@@@@@@@?@@N? @@@@@@@?2W ?@@@@?@@@@@??@@@@@@@@@@@@@@3?YH@@@@@@@@@@@@@J? @@@@@@@@?eL@@@@@?@@@@@@@@Ne.T)@@@@@@@@@@7 ?H@@@? ? L@@@@@@? ?@@@@@@@@?@@@@@7 1@@@@Jf?L@@@@3? ?@eX6@@@@@@@@@? ?M0@@@@@@@@@@?e?1@@@@@?@@@@@@@7?.W??@@@@@@@@@@J Y(@@7? ? ?@@@@@@? ?1@@@@@@@@@@@@@J ?@f?@@@@@@@@?@4V? ?@M0@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@&?@?6@@@@@@@@'VR04IM@IM@?Y(?@@?h?M+RY0@@?M0@@@@@@@7? 5@@@S? ? ?1@@@@@N ?L@@@@@V?@@@@@7? ?@X@@@@?g1@@@@?4V @@@@7?gL@@@@@ ?1@@?@@@@@ H@@@@@@@@@@?@@@@@@2Of@@@@@?f?K6@@@@@@'@SX@@@@@@? @@@@@@@@@?@@2Oh@@&W@3eh?K6@ (@@@@@@@@@@@@@J? @@@@@@@@@@ ?M+R?M0@@Ve@@@@2Of?L@@@@@@@@@@@@@Wf@@@@@@@@@@7? 0@S?U@@@@@2Oh1@@@@@?@@@@@@@@?e?K)@@@@@@@J? @@@U*? ? ?L@@@@@7 @@@@@3 @@@@X@@@ @@@@J? ?XX)@@@@@@@@U&T/ )@@@@@@@@@'R+V ?M(@@@@@@@ ?H@&W?X)3? ?M0@@@SX@@@T62O?fY(I?eL@@@@@@@@@@@@@@B?X@Y(@@@@@@J @@@@@@@@@@@@@??@@??@@@@@@7 @@@@@@ ? 1@@@@@@@@@@2W? ?@?@@7eg?1@@@@@'V?V? @@@@h?L@@@@@@'V @@@@@@@@@?@@@?ehH@7?e?L@NfhK6@@@@@@@Y(@fM+V??@?0@@T@@@@@@@@@@@@@@7 ?5@Je1@N? K@?6?@@@@?@@?@@@@'V@@@@@@@@@@@@@@@@@@@7? @@@@@@@@?@@@'V?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@J @@@@@7J? ? 1@@@@W X)@@@@@@@2O? h1@@@@@@' ?X)@@@@@@@@S ?H@@@@@Y&?@? ?/I?@@SY@>@@@@@?g?Y(@@@@??1@@@@@@@@@@@@X@@@@@@@@@@@@? ?X@&T-T)O?hM(@@@@@Ne @@@@@J ? L@@@@@@? ?X)@@@@@N? ?@@@@JehX6@@@@@@'VV? ?@e?@@@@@@@@@@@@?h?M(@@@@@&O@2W? L@@@@@@@@'?0@?e@?gY(?(@@@@ ?Y(@J?fL@ ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@J? @@@@7? ? ?@@@@@@N X)@@@@3? ?L@@@?fhK6@@@@@' Y(@7g13N? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@7 @??X6@@@2Weh0@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ ?M?M0@@@@@@@@'?(@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@V @@@@@@J? ? ?1@@@@@J @@@@U* ?XX)@@@N )@@@@? ?Y(?@@ K)@@@@@'V? @@@@'V ?@@@@@@@@@@@@@4IM.e@@@@@@ 5@&Wg?1'V ?KX6@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@J? )@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@&W @?eh?M0@@@@@@2O?K)@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@&O? ?H@@@@@@ ? ?L@@@@@N ?5@?@@7? ?L@?@@@@'V ?1@@@@@@@@@@?@@@&We@@@@&O@2W? @@J?g?L@3 Y(@@@@@7 ? ?L@@@3 ?@@@@7J? ?L@@@@@@@@@@@@@@JY0@@@@2W? ?H@@eh1@N? K6@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@7 ?@?@?M.?fh?M0@@@@@2Of?XX6@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@&W? eg@?h@@@@@2O?h)@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@&W ?M(@@@@@&W ? @@@@@3N? 1@@@@4V? ?1@&&W @@ @?X)@@@@'V 1@@@@'V? @@@@@@@@@@@@@@@@@XR& @@@@@@@@@@@@Y(@@ Y(@7ehX)3? K))@@@@@@@@@@@@@@@@@@@&W @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ K6K6@@@@@@@@@@@@@@@@2O2W @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@ ? @@@@@@3? L@@@@U'V @W@@@@@@@@e@@@@@?-WO? 5@&Weh?L@N ?XX)@@@@@@@@@@@@@@@@@@J? ?@?M0@f@2W?h?@@?@?@O @2O? X@@@@@@7J? ? @@@@ ?1@@ ?5@JW? ?L@@@@@'V? ?H@&W?fh13 @? K6@@@@@@@@@@@@2O @@@@@@@@&W ? @ ?L@ 1 @@@@@@@@@@@@@@ ?5@J L@N? ?X)@@@@@@@@@@@@@@@@7 M0&?eM@ K6@@@@@@2?@O ? 1@@@@NV? @@@@' @@@@T/I?V? @@@?L@4 ?MH@@? (S U@@@@@'VV? @@@@@@' ?@eL@@@@@@@@@@&O?W? 1@@@@@@@@@@@@27? H@@? ?1'V X)@@@@@@@@@@@@@@@J ?@X@@@@@@@J? @@@@@@@7 ? L@@@@@3? 1@@@N?@@'? @@@' ,S@@@@@@'V 5@7? ?L@3 ?X)@@@@@@@@@@@@@7? ?MY0@@SM0@@@h@? (@&T62O?e H@@@@@@@@W ? ?1@@@@@? L@@@'V ?@@J X6?@@@@@@@'V @@@@@@@'V? ?@@@@@@@@@&W ?H@& 1@N? X)@@@@@@@@@@@@ ? ?X)@@@@N ?1@@@3e?@ ?Y(@@? ?@@@@@@@@2W? Y(@JW? L@3? ?X)@@@@@@@@@@@3? M0M0@@@@J? @@@@@@g?M@? ?H@?(@@@@@@@@@4I4V @@@@@@@@@@@@@@ ? L@@@U* ?L@@@@N? Y(@? ?1)@@@@@@@3? @@@@@@@'V? ?@@@@@@& 5@ ?1)'V? @N X)@@@@@@@@@@@? @@@@@@@@@@@? ?@?0@@?@@2O?g@@@? ?5@@@@@@@@@@@@@@@'V? ? ?1@@@J 1@@@ ?Y(@7? ?XX6@@@@@@@? ?1@@@@@SO? ?H@@7? ?XL@3? ?L@@@@@@@@@@@?@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@'I ? ?L@@@N X)@@'V ?5@&W? ?X@@@@X/ ?5@7J? ?M0@?@@@@@@2O??M0@2O@? @@@@gfM0 M0@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@4V? ? 1@X'I? ?L@@@3N? H@ @@@@@N @@@@@@N? H@&W ?@@N @@@@@@@@@Ng?@@@@4I?e?M0@@@@@@@N??M0@@2 ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@'VV? ? X)@@@@ 1@@@ ?M(@@J )@@@@@@3 ?1@3N? 1@@@@@@@@'V?fH@@@@@@4IM0@@@@@&O?U'?0@@2O?O? ?X@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@' ? ?X@@@@ X)@@3? Y0@@&O@? X6@@@@@@ ?H@@@@@U*? @@@@@&W? ?H5@J? @7 ?X)@ L@@@@@@@@@'?e?Y(@@@@@@@@@@@@@@@W?M(@@@2O? ?Y0@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@'V ? ?L1@@'I?eh@@@@&WW? @@@Nfh?M(@@& ?@@@@7 ?5@@@@@J Y(@J L@'V ?1@@@@@@@@W?e?5@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@2O? Y(@@@@@@@@@@@@@@@@@R@@@Ve@@@@@'V? ? ?@?0M0@@@@@@@@@@ ?@@@@J ?@@@@@@' ?X@@@@@@@@@@e?@@@@@@@@@@@@@@@@@@2 5@@@@@@@@@@@?@@?@?K)>&T/I?@@@@@@'V ? ?@@@@@@@@@@@@@@J @@@@@@@@ X)@@@@ehL@?@ ?@@@@? H@@@@@@NIM0@@4?0@@@@@@@@@@@@@4?0@@?M(@@?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@?@@'I?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@e?@@@@@@@@@@@@@@@@2O?O? @@@@@@ @@@@@@ @V@@@@@@@@@@@@@@@@7??X)S?X6@2W@@@?@'V? ? ?M0@@@@2OK62?6@@@@@??Y(? ?XX)@@@@h?@@@@? )@@@e ?@@@@@@? 5@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@4V@@@@@@@@@@@@@&O ?H@@@@@@@@@@&W@?e@&W?eX/h@@@@@@ ? ?M0@@2O?hK)@@@?M(@? H@V@@@7? @@@@@@@@@@@@@@@@2W@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@&W? Y(@@@@@@@@@2W?@Ne&W?@fg@W@@@@'I@? ? @@@@fh?X)@@@@@@N ?X)@@?I? @?e@@?@e@? 5T@@@JW? @@@@@X)@@@@@@@ W@@@ @@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@V?@@@@@@@@@@@? @@@@'?@? ? @??@ X)@@@@@@ X)@' @@@@@& ?H@@@@7?L@@@@@@?2Oe@O?K@OK6@@@@@2?@@@&W@@@@@@@@@@@@@?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@&@@@2?6@2OK@OeK@?6?K)@@@@@@@@@@@@@@@'R@@@@@@@@@@@* ?Y?M@?(@@@@@@@@&O?e@* 0@@@@@@@@@@@&W 1@@@ ? @@@@@@ ?X6@@@@? ?X)@@@4V @4R04?@I?M0@4I @@@@7? ?5@@@&W??1@@@@@? ?@@7J?@@@2?6@@2?6@@@@@2?62?6K62?62OK@?)@@?O? X@@@@&?)@@@@@@@@@@W@@@@@@@@@&W M(@@@@@@@@@@@&W?f&W X6@@@@@N ? @@ @@@'?+V? X)6@@@'I @@X'V? ?K6@K@?6@@@@@@@@@@@@@@@@@@W@@@&WW? @@@@@@@@@@@@@@@@@4?@IM0@@@@& ?@@@@Je?L@@@X@? L@@'V? ?)@@@@@J?L1@@@@@@@V??L@@@@@@&W Y0@W@@@@@@@@@@2W ?K)@@3N? ? ?Y0@@@&O 1@@@@@'I ?X?K6@@@4V H@@@@?f1@@?@4V? ?YH@&W (& ?1@@3? ?X)@@@7?e@@@@@@@@@@?1@@@@@@@&W? ? Y(@@X@J? L@@?@@@@4I K@?6@@@@@@?@@@@@@&W? 5@@@7?fX)@@ ?5@JW? ?L@@@N ?@@&W?eL@@@@@@@@?'R@@@@@2W? ?Y(V5@@@@@@@@?Y&O? @?@@@@?@@@&W )@X@@@'V @@@@ ? 5@@7 ?1@@@@@@X@@? ?K)@@'I?V? K6@@?K6@@@@&W? @@V@@@@@&W @@@@J?f?X H@7? 1@@'V? 5@@Jf?1@@@@@Ve X)R@@@@3N? ? ?X6@@@@@@@W?V? X)@X@43? ?H@@@7h)@@@*? X)@@3? ?H@@7?f?L@@@@@'I?@2O?Y. ?@4I?5@@@@@@@@@@R&W? ?X)S@@@@3? ? @@@@&W @&W? @@@@@@@4 ?X6@@@ @@&W Y(@@@ShL@@&W? ?1@? ?H5@J? @7 ?L@@@? Y(@&W?g@@@@@@@@f5J f ?@@@?@@@@@&Oe?K-W @@@@@2W?@@ L@@@@@ ? @@@@@@@@3?@?0@ @@@?e@4I? ?Y0@@2 ,@@@U*h?L@3?Y.?ehY(&W 1@@NV?eh?H@@7?h1@@@@@@@f@? 5@@JhL@@@@@@@ Y+R0@@@@@@&O ?1@@@@@N ? ?H@Y&W @@J? ?K6@@@@@@Y @@@? Y(@&O?W? ?@@@@Jeh1@Y(J?eh5@J? X)@' ?M(T@@@@@Y@2W? ?L@@@@@3 ? Y(@7 @@@@@@@@@W4I ?K6@@?@@@@@@@4I?@@@@@4I?fM0@@@@@@?M.T-W h?H@7 ?L1@@NehH@@7eh?@@@@@@@@?@'I? @@3?eh?5@@J?h?@@@@@@@@@4V M0@@@@@@@@@@C? ?@eX)@?@W 1@@@@7 ? ?Y(@&W @@@@@@@@@@ @@@??@@@@@ @& ?H5@@@7?ehL@@@eh?5@J ? ?5@&W? 1@@@@@@@@@@@@@ @?6@@@@@@@@@@@@@@@@4?0@@@@@@@@2WW? ?@@@@@J?eh?1@@N?hH@7? @@@@fh?L@@3? L@@'V?g?M(@@Jeh?1@@@@@@@@@X@@?Y+I Y.f@?hY(IM0@M0@@@@@@@@@Y@@ @@@@@@@@@@@&O? ?L@@@@4V ? ?@&W X)V@@@@@@@@@@??04V K6@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@2O? ?X@@@@ 1@@?/Vf?Y(@J? ?1@@3?g@@@@7?eh?L@@@@@@@@@?@@R(?@@? ?M.W?M@IeM04IM04?(@@@@@@@@@@@@@R@2W ?@e@@@@@3 ? ?X6@@@@@@@@@@'@@@'V? K6@@@@@@@@@@@@@2O? @@@@@@ L@@NX/V?e?5@7 ?L@@@NgL@@&W?fh@@@@@@@@@@@U@?&O?@4?@? @@@@@@Y+V? ? ?YH@J? (7 ?K6@@@@@@@@@ L@@@@@ ?1@3?L'VeH@@J 1@@'V?e@4V@@J @@@@@@@@@@@@T@W? ?@@?eh?Y0@4Ie@@WM0@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@&OK-Oe@? ?5W@@@4V@@@@@@e@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@2W @@@@@@ ? @??K)@?@@@@@@@@@'?+V ?@?@@@@@ ?X)@e@'IM(@7? X)@@3?e?9@@7? @@@@@@@@@@@@@@@4V@@@@?Y04I ?M0@@4?0@4V@@@?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@V?@X@O @X6@@@@@3? ? ? Y(@J X L ?L@ 1 @?? ? YY(@7? (@2W? ?)V@@@@@@@@@@@@' X)@@@@@@@@@@@@? ?@?@@@@@ @@@@@7 ?@@@@@@@@&W? 1@@@@@@@J 1@@Y.?@V@@J? @@@W?@@@7 L@?@@@@@@@@@@@@@@@@@@Y(@@@4IM0@4?04?0@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@?@? @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? YY@@@@@?4V (@@@@@@ ? X62O?@@@@@@@@'I?@4I? ?@@@@@@? ?L@@@@@@@? L@@@@@@@@J ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? (@V?@@@@@'I?V? ?gh?M?Y(@ Y(@7 ?@OK6@@@@@@@?X@@@@@? 1@@@@@@? ?@@@@@@@7? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@?@@ ?='R@@@@@@@4'I ? (@&W ?K6@@@ )4?@@@@@@@ V@@@@@@? L@@@@@@? ?@?@@@@&W? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @2T6@@@@@@ ?fh?M0@@&W? ?K6@@@@@@@@?eM@?M04I? ?1@@@@@? ?@@@@@@J ?@@@@@@@@@@@@@@@@@2?6@@@@@@@R@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@?@@@Y0@@@? ?Y@@@@@@4I@4V? ?eh?M0@@@&W ?K@?6@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@4Ifh@I Y0@@U@@@@@@@@@ H@?@@@@? ?@@@@@@@@@@@@@@@@?f?K@O?K)>@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@W? ?5W@@@@@@@?6'? ?hM0@@@@@2W? ?K)@@@@@@@ ,@@@@W@@@@@@@? @@@@@@@@@3 ?5@@@@@?@? @@@@@@ 5@@@@@@? ?@@@@@@@@?@@@Ve@?ehX-O??K62?6@2?6@@@@@@@@@@2?6@@@@@?@@?@@@@@@@@@@@@@@ ?1R@@V@@Y& ?e?Y0@@@@@@@@? X6@Ve@@@@@@@@@@@@@@X@@@@@@4?0@4I?@@4I ?M0@4VL@@@@@@@@@@@@7 H@@@@@@@W? ?H@V?@@@@N ?@?@@@@?@@@&T/?H@?e@?h?@@? ?K6@@@@@@@@@@@@R@@@@@@@@@@@@@4V? ?L@WX@@@@J ?e?(@@@@@@@@@N K6@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@4?0@@@@4?+R+IM0@gM@?@?@IM0@@@@@@'V@@@@@@@@@@@@? ?.T)@@@@@3N? ?1V@@@@@@@@JeY(@?f@? K-O??K6@2O?@@@2W@'V@Y@ ?@@@@@'V?@ @?@@@@@7X6@??@@? e@@@@ ?fK6@@@@@@@'V? Y@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@T@@C?e@@?@@@@@@@@@@@@?@@@@@@@@@@@@@@@@@3 ?H5@@@@@@@@@N? @@&?)@@@@@ ?X@@&W@@ ?L@@@@@@@@7?e.T)? ?g?K6@@@@@'I 5W@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@e@?e?@@@@2O?K6@@7?@@@@@@@@@@@@@@@@@@ ?5@&W?X)@@@@3? @@@@J?1@'V ?H@?@@@@@2W? @@@@@7 @@@X&W ? K&W?e? H ? ?K@W@ ?h?KX-W@@@@? eh)R@@@@@? @V@@@@e?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@2?6@@@@2O @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@2O? ?@?@@@@@@@@@@@@@ @?@@@@@@@@@@@@@ 5@@Je?L@@@@@N @7?f@@@@@3 ?Y?@@7eX)@3N? (@&We?X)@ ?5@@@@@? @@@@@@? @Je@? ? @@@@@? @? ?fh?1@@@@@? @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@V?K6@2O? K)@@@@?@@@@@ ?H@@J?f1@@@@@ Y(@@J?fL@3? ?@@@@@@? @??'V? @@@? ?fh?X)@@@W?V? /IM0@@@@@@@@@@@@@@@@@@ ?L@?)@@@@@@@ @@@ Y(@@gL@@@@@@@ ?@?@@?e@? ?@'Ve@? @? ?ghX)@@@4 X@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@2T6@ ?H5@@7g?1@N @@&Wg?L H@?@7? K/ ?H7? ?gh?L@@@@3? @@@@@@@@@@@@@@@@@@2?@?@O@2O? X@e@@@@N?eh?5@@&Wg?X)@@@@3 6@@@@@@fh?Y(@@7g?1@@@@@? Y(@@J?h@3N?fh5@Y&W? @@ /V ?.W? ? @@@@@NV? L3e?@N? ? ?@@''V ?M@?0@@@@@@@@@@@@?@@2O @@V@@@@@ ?)?@@@@@3?ehH@@@J?hL@@@@@N? ?H5@@7eh1@3?fh1@@JY( ?@Y@?@3? )@&? ? ?1@@ ?Y0@@@@@@X@@@@&O@@@?@O ?X@@@@@@@?eh5@@7eh?1@@@@3? )@@V@@@Nh?H@@&Weh?X)@@@@N ?5@@@JehX)@Nfh?@@R(7 W@7?eh?L@'V?h?Y(@X)@J ?@@@?@ U&W? ? ?X)@@'V? M(@@@@@V@@@X62W? X H@@&W?fh1 ?@W ?/IM(J ? L@@@3? ?)>@@@@3h?5@@J?fhL@@@@'V? L@@@@@@hH@@7 ?@@@@@3? L@3?h?,@7?X)? ?@@@@?+R(I4V @?)@Y>@@@ ?X)@7? ? ?1@@@N @@M0@@@@Y@>@@X@? @@@@@@@T@@@? @@@@@@g?Y(@&W ?1@@@@@N ?H5@@J @@@? ?@@Neh@J @@'V?gY(@? ?L@@ L@J? ? ?X?H@@3? )W@'V? @@@@@@@@ 1V@@@@g?5@@J? ?X)@@@@3N? ?@@?@? @@ ?1@@3?g@@@N 1>@@@@X'V? <7 ? Y0@@@@@@@@@&7?@O X)@@@@gH@@J L@@@@@ ?XL@@3f?5@@@3 )@@Nf?H5@@? L@W@@@?@3? ?'R0@J ? ?5@@@? ?M(@@@@@@@@@2WW? ?X)@@@N?f?@@7 ?@@@@@'V ?@@? ?@@@@@?@@N ?@V@@>7? ? ?1@@@NV? /R0@@@@@@@@2O? U@@@'Ve?Y(@@? Y@@@@3 ?1@@N?e5@@V@@ H@@@ K)@@@@N? @3 ?@@@@&W? ? ?XX6@>'V )@@' ,S@@@3e?5@@7? )@@@@7 ?Y0@ ?L@@3?e@@X3K@ ?X6@@@3? ?@@V@J ? ?MU@@@@@@@@&O? (@@@@@@@2W L@@@@@eH@@&W? X)@@@W M(@J 1@@N?H ?@X@7? ? =@@3 ?@@@@@@@V@ ?@?@@@@@@@J? @@@@?M(@&W ?X)@@@4VV? ?@@@7? X)@'?(@@?@ 1V@@W?M@ @Y.? Y0@@Y& ? ?@@@@4I? ?@@@@@@U@@ L@@@@' ?L@@J? ?L@@@@@@?@N? X6Y@@@@@ ?@M(@@@@7?W? ?Y(@@@@J ? ?1@@ Y.eM0@@@@@@@@C? ?@@@@@@@ ?@@@@@'I @@ ?M04I?@@@@@@?@@? ? ?X)@@>@4V? ?Y(SM0@@@@@&OK6@ ?@@@@@@@@@4?0@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@4?@IM0@?'Ve?@eM0@@@@@@@@@4?0@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@J? ,S ?M0@@@@@@2W? ? L@X@@@3?0@@@4V?@@?eM0@4?0M(T@@@@@@@@J ?1@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ )@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@7 ?@@? X/e)@&?fhX@@@@@@7 ? ?@@@@@@Y @@@@@@@@@@@? ?Y(?0@@@@@@@4?@I M0@@@@4I ?L@@@@@@fK@O?f?K6@2Oeh?@@@@@@2O?@@@@@@@?@'f?@2TX6@@@@?K@?@OK@O?fK6@@2?6@@@@@@@@@@@@@@? ?Y0@@4R@@? M0@@4?0@@@@@@@4I X-W?h?@I?@@W@@@@@ ? ?1@@@@@@@@@@X'V@@Y0@@@?@@@@@@@@@@@@? M@?(@@@@@@@@@@@@@@4?@I ?M0@@@@@@@@@4V 1@@@@@ ?1@@@@ ?Y@7 @@@@@@@3 ?5@@@@&O M0@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@4I M@IM@IeM+V@@@@@@@@@2W ? ?L@@@?@@@@@@@@@@@@@?Y@?@@@@@@@@@@@7? Y0@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@4V L ?X) ? ? ?@@@@@@@@@@T@@@@@@@@@? ? 1@@@@@@@@@@@@@@@@Y(@?@@@@@@@@@@&W? ?Y(@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@'I? M0?M0@@@@@@@@@@@@'V? @@@@@@@@@@@@@@@@3? ?@@@@@N? @@@@@'I X@@@N? )@X'V ?@M(&W @@J? YH@@@@@@@@ (@@@@@@V? ?@@Y@2W?hY0M0@@@@@@@@Y@@&W@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@4I@@@@4I @@@S?eeh@@@@@@@@@@@W@??@2?6@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ ?@@@@Y&W@@@@@@@@@@@@@? ? X)@@@@@@@@@@@@@@@@W@@@@@@@@@@@@J M(@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@4I M0@@@@@@@@@@@@@@@@@@@N ?@@@@@@@@? ?L@@@' ?L@7 ?Y(@@@@@@@@?@? ?@@@@@'?h?M(@@@@@@@@@@@@@@'I?hK@?6@@@@@@@@@@@@@@@@@@4I @@J?1@@@@@@@@@2O ? ?L@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?1@?@@@@@? 1@@J ?H@J Y(@@@@@@@@ ?L@@fh@@@@@@@@@@@?@@@?@@@@@@@@4Ige6@@@@@@@@@@@@@@@@@@4I? ?H@@N??@@@@@@@2O ? @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?YY0@@@@@@@@@@@@@X)@?@@@@@@@@@@@@@@@@@4Vfh?M@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ (@@@@@@@@&?@W@7?X6h@@@@V@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@0@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@3 ?L@?@@@@@NV? X)@? ?57? ?Y(@@@@@@@@@J? ?H@@N?h?H@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@4I?K?K6@@@@@@@@@@@@@@@@@@4I? ?)@@'R(@@& ? ?K)@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@7? M(@@@@@@@@&We?&W?e@2?6@@@@@@@@@@@@@@@'I?hM0@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ 1@@@@@@' ?L@?M. ?'R&W? Y(@@@@@@@@@@@@ ?)@@@?hY(@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@4IfK6@@@@@@@@@@@@@@@4I? ?X6@@@W@@??@O? ? X6K)@@@@@@@@@@@@@@@@@Y&WW? @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@& ?@@@@@@@@@@&W? @O?(@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@7 ?U@@@?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@&W X6@@@@@@3? @@@J@? ?@@J ?U@@J?h5@@@@@@@2OK@O?gK6@@?K6@@@@@@@@@@@@@@@@4K)@@@@@@@@@@@@@@@4I?I? @@@@@@@@@@@@@@@4I?eIX@@@@@@@@@@@@@@@@@4 @@@@@3N? ? ?@@@@@@N 1@@? ?@7? ?H5@@@@@@@@@@@@@@& @@@@@@@@@@@@@@ ?,S@N?g?H@@@@@2O? @@@@@@ ? ?X)@@@@@@@@@@@@@@@@&W? ?YH@@@@@@@@@2W (@@@@@@@&O K6@@V@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@&W? @@@@?@@@@'V? L@@N ?/V@J? Y(@@@@@@@@@@@@@@&W ?X)@3?gY(@@X@O?f?Y0@?@@4?04Ig?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@?@@@@@@@@@@@@@@@@4V? @@@@@@3? ? X6@@@@@@@@@@@@@@&W Y(@@@@@@@@J? ?K6@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@2W? ?H@@@@@@@@@@'I4V ?1@'V?fh?X@7 ?M(@@@@@@@@@@@@@@@ U@@?g5@@7hM(W@eK6@@@@V@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@??Y@@@@@@@@@@@? @@@@@@@4V@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@'I 1@@@@@@N ? ?K6@@@@@@@@@@@J? ?Y@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@&W ?5@@@@@@@@@@@@ ?L1@@?eh@?L@7? @@3?fh@@@J ?Y0@@@@@@@@@@@@@@@@@@3 .W@Ng@@@Jg@@@@?@fK6?K6@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@Y0@S@@@@@@@@@@N L@@@@@@3N? ? @@@@@@@@@@ M0@@?M(@@@@@@@@7 @@@@@@@@@@@J @@@@>@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@&O? ?@@@@@@@@@@@@@@'V? ?5@@@@@@@@@@@@@@@@@@'V ?H@3g@@7?g@Y@@h ?1@@@@@@ ? ?H@@@@@@@@ ?@@@@@@@@@@@@@@@@? ?KL@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@2W )>@W?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ H@@@@@@@VK)@@@@@'VV? X)@Nfh<&W? ?)@@N?f@&W?f?H@@C?fhK@?6?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@U@@?@@@@@@@'I @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@X@@V@@@@@@@@'V? ?L1@@@@@@? @@@@@@3? ? ?5@@@@@@@7 ?@@@@@@@@@@@@@@@@? 5@@@@@?X'IU@@@@@@' ?L1@h1@@@7? @3h@?0@@J ?@?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@N? @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ ?X?Y@Nf@3f?1V@&WhM@IM0@@4I??@e?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@W@?@@@@@@@@@@? 6@3?f@?f?@?5@7 ? H@@@@@@@@J H@@@@@@@@@@@@@@@7? @4V@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@2O?@2?@O? ?H@@@@@@@@@@@Ce@@@@'V ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? L@@@@@@N ? 5@@@@@@@@@@@@@@@3? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@& ?5@@@@@?eK6@?e@@?Y@'I?4I L@@@gX@@@J? ?)@'V?e@@f?L@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@?@@@@@@ ?1@@@@@@3? @@@@@'V? ? ?H5@@@@@@@7? @@@@@@@& @@@@@@@@@@@@@@@@ ?M(@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@&WO? ?@@@@@@@@&f@?@@?X)@@@ ?@@@Y@I?M0@@@7 Y0M0@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@J? @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ ?XL@@?e@@N?e?H@@Y.f?@@@@@@@2?@W@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@Y@@@@Y&O? )@3?e@@g@@J?gM0@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@?@@@@@?@N ?L@@@@@@@? ? ?5@@@@@@@JW? @@@@@@eK)@@@@@@@? ?M0@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@&W? Y0@@@@@V?@&Wh?)@@@@@@@? ?1@@@@@@@@@@&W ?M(@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ ? H@@@@@@@@? @@@@@@e?X)@@@@@@N @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@&W ?Y(@@@@@X'R&W?ehX)W@@@@? ?X)@@@@@?@@@J? ?M0@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@Y. ?1@@4V@@'Ve?@@@@Sf?@@@@?g@OK)@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@W@@@2W 1@@@@@@N ? ?Y(@@@@@@@@? ?H@@@@@@@@@@@@@@2Of?@@@@&W? Y(@@@@@@@@&W H@@@@@@@@4I? L@@@@@@@@7fh?Y(??M0@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@S ?X)@@@@@@3e?L@@@'V?e?@@@@?h?X?K6@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@3? X)@@@@@3N? ? ?5@@@@@@@@@? @@@@@@@@N?eX)@@@@@3 @@@@@@'Ve?L@@@@@@ Y(@@@@@@@Y@@@@2Of?@@@@@&W 5@@@@@@@@2W? .OK@W@4I ?1@@@@@@@J 0@@?@?@?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@3 X)@@@@@@f1@@@'Ve?1@@@Neh6@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@V? @@@@@@ ? H@@@@@@@@V ?H@@@@@@@@@'V?e@@@@@@ ?Y(@@@@@&W@&O?hH@@@@&W? @@@@2O ?@@@@@@4I?fh?L@@@@@@7?fhM(@@@@@@@@@@2?6@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@N? ?L@@@@@@N?eX)@@@'e?L@@@3fh?K6@@@@@@@@Y@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@Y+V ?5@@@@@@3? ? 5@@@@@@@ Y(@@@@@@&W@@3?e1@@@@@N? Y(@@@@@@S?&Wh?H5@@@@J ?Y0@@@@? K6Y@@@@@@@@4V?hL@@@@WgM0@@@@@@@@@@@@2WO?h?K@W@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@3 @@@@@@4Ifh1@@@@&W?hM0@@@@?@@@@& @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@'V @?X)@@@3f1@@@@?eL@@@@4I?fhX)@@@@@@?M(@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@N? )@@@'Ve?L@@@Wf1@@@ ?K)@@@@@@@C?Y@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@T/ H@@@@@@@@N ? @@@@@@@@@@ ,@@@@@@&W?@@@NeL@@@@@ ?Y(@@@@@?K/?eeh@@@@7? ?5@@@@@? )@@@@@@@@3 ? ?H@@@@@@@@ L@@@@@&We1@@3e?@@@@@3? ?5@@@@@@ Y(@@@@J? H@@@@@@Y.? ?@e@@@@@@@@@@'?04I?f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@X62O ?K6@@@@@@@@@@@@@@@@@@7 ?X)@@@fX)@@W?e?@@@@@@4?@eh?X)@@@@@@@T)@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@'V X6@@@@@@@@N? ? ?@@@@@@@@J @@@@@@@7 ?@@@@@J?eX)@@N??@@@@@ H@@@@@ 5W@@@@ 5@@@ ?K@O?5@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@R@2?&W ?Y@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@7 K)6@@@@@@@@@@@@@@@4?@? @@@@@@@@@@@@@@@W ?Y@@@@@@@? ? ?@@@@@N?e?L@@3??1@@@@@? 5@@@@@@7 @@@@@7 @?@V@@@2W? ?X?K6@@@@@@@@@@@@@@@@N )@@4V?X)@@@4V??XX6@@f?@@@@@@@@@@4hL@@@@@@7?L@@@@@@@@@@@@@@@@Y@@@@@@'V? ?X)@@@'Ie)@@@f?@@@@@@@fI??M@Ie?@@@@@@Je@@@@@@@@@@@@@@@@@>@@@@?@3? ?@?X)@@@@@N? ?)@@@@@@J? ? ?5@@@@@@7? H@@@@@'Vf@@@??X)@@V@? ?H@@@@@?2W ?H@@@@&W @@@@@@ ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@?@@@U&O X)@@3?eX6@@@@@?f?@@4I?K)@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@7?e@&W@@@@@@?@@@@@@@&T)@@@@@? ? ?@@@@@@@ /R(@@@@@@'V?e1@@?eL@@'?@ ?5@@@@ Y(@@@@ @@@@@J Y@@@@@@@@@@@@@@@?@@@@@@@@@@@@2W? ?KX)@@@@@@@@@@@@@@N? )@@@@@@@@@@@@@@3 ?X?K6@4VfK)@@4V?@?L@@@@@@WY@@@@@@@@@@@@@@@@@@@7e@?X6@@@@@@@?@@@@@@@?eL@@@@'V? 6@@?fK6@@@?ef@@@4IU@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@J?e1S?@@@@@@?@@@@@@@J?X)@@@@N L@@@@@3? ? H@@@@@@@@? U@@@@@@@@@3?eL@@Ne?@@@@@ H@@@@?@? ?M(@@@@7J? @V@@@@7? )@?@@@@@@@@@@@?@@@@@@@@@@@&O ?1@@@@@N ? 5@@@@@@V 5@@@@@@@@@@Ne?@@3e?@@@@@fh?Y(@@@@N @@@@@@@J @@@@ X6@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@X&W? @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ ?X6@@@@@@@@@@@@@3? @'V?e?X6@@'I?e@@@@@@@@W@Y@@@@@@@@@@@@@@@2Wg?@@@@@@@@@@@@@@?e?X)@@@@? @@@@@?e?1@@@@3? ?XL@@@@? )@@@@@ ? @@@@@@@@ @@@@@@@@@@@3e?1@@e?1@@@@fhM(@@@@@*eh?Y0@@@@@@@J? @@@@@@7? ?H@@@&@2W? ?K)@@@@@@@@@@Y@N &T1R04V??K?K)@@@4V@@@@@@@@@W?Y@@@@@@@@@@2Oh@@@@@&W??H@@@@@?fL@@@@? 3?fe6@@@4Ie@X)@@@@@@@@@W? ? @@@@@@ @@@@@@&?)@@@N??L@@e?L@@@@N?h?@@W@@@@&W Y(@@&WO? @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ X6@@@@@@@@@@>* Y0?@@@@@&Oe ?@?1V@@3 ? @@@@@@ @@@@@@J?X)@@3?e@@f@@@@@?h?@@@@@@&W?ehY(@@@@@@@7 ?Y(W @@@@@@@@@@@@@@@@@7 ?@@@@@@@@@@? @@@@@@@@@J X6K6@'I?e?X6@@@@@@WY@@@@@@@@@@@@@@@@@@4?0@@@@@@@@@&W?f@@@@@?f?@@@@@ @@'VfX)@@@@@?U@@@@@@@@@@@@@4Ieh?M(@@@@@&We?@@@@@@?f?@@@@N ?L@?@@3? @@@@N? ? ?H@@@@?@ M(@@@&W? @@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@K)@@@@@@@@@? ? Y(@@@7?1N? @@@@@@@@e?L@@@?e@@f@@@@eh?@@@@@&Weh?Y(@@@@@@@@J @@@@@@@@e@@@?e@@N?e1@@@@?h?@@@@@WM@?/VgM(@@@@@@@@ ?@X@@7J? @S?@&W 1@@@@@@@@@@@@@@@@* K6@4I?f@@@@@@@W?@@@@@@@@@@@@?@@@@@@@@@@@@@@2WfH@@@@@7?f?@@@@? 1@@@@? ? ?Y(@@@&W?L3? @@@@@@@@@Je@@@?e@@3?eL@@?g?@@@@@@@@@@@@?U'I?M@?0@@@@@@@@@@7? X)@@@@@@@@@@@@VK)S ?X)@@@@@@@@? K6@4V?e@@@@@@@@@@?@e?K6@@@@@@@@@@@@@@@2Oh?5@@@@@?f?@@@@J ?@hL@@@@? ? ?5@@@@f@? ?H@@@@@&W@@Ne1@@?e@@@?e?@@@4Vf?@@?@@@@@@@@@Y(@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?Y0@@@@J ?L@@@@@@@@@@@@'IU* X6@@@@@@@@@@ ?@'Ie?K62W@@@@@@@@4I?h?K6@@2O?h?Y(@@@@@J?f?@@@@? ?@?@@N ? H@@@@@'V ?5@@@@&W?@@3e?@@?e@@@?e?@@@@'fH@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@V M(@?@@@? 1@@@@@@@@@@@@@2W K)@@@@@@@@ ?@@@@@4Ve?@@@@@@@@@@@4I M(@@@@@7g?@@@@? ?@@@@3 ? 5@@@@@@' ?@@@@&W??@@@e@@@?e@@@?e?@@@@?e?M(@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ ?)@@@Y L@@@@@@@@@@@@V ?@@@@@ ?X6@@@@@@@@@'V @@@@@@@4V? K6?K)@@@@4?(@@@@@@@@@@@@@@Y@IM@IM04IM0@@@@M0@@@@@@@Jf?@@@@@@? @@@'I?e?Y@@@@@@@@@@@@@@ ?Y@@N? ? @@@@@Y&TV? ?1@@@WeH@@@eL@@?e@@@?e?@@@@'?0@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ ?U@V@@&O ?@@@@@@@@@@@X3 ?@@@@7 @@@@@@@@@?f?@@@@? Y(@@ ? ?H@@@?@@J?/? ?L@@@@4?(@@@N?H@@?e@@@NeH@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @?@@T@@7J? ?@@@@@@@@@@@?@ H@@@@J @?1@@@@@@@@'V? X6@@@@@@@@@@X@?62W@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@?fM0@@@@@? ,@@@3? ? ? @ @?@@@@@? ?1@@@@@@@@@@@7 )@@@@? X6@@@@@@@@'V ?K@?)@@@@@f ?@ X)@@@? ? ?5@@@@@@ @@@@X6@ ?@@@@@@@@@'?(@@Ne@@@'IM(@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ K)@@@@@@@@@@@@'I?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@&O? ?H@@@@@@@@ @@@@@@@@@@@? U@@@@? K)@@@@@@@'V? X6@@@@@@@@?8&OY@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@?)@M0@@@@@? @@WM(@V?@?@@@@@@@@@@@@@@@@&Oee@@@@@@@? ?L@@@N ? H@@@7? X6@@?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@2O2W @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ Y(@@@@@& Y(@@@@@@@@@@@3 ?Y(W@@7? ?XU@@@@@@@@@&? )@@@@@@@'I K6@@@@@@@@@@'V@@@@@@@?@@@@@@@@@&W?eX62OK@O? 1@@3N? ? 5@@@W? @?5@@@@@&WO? .W@@@@@@@@@@@@ ?,@@@@J? K6@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@2W ?@@@ ? ?H@@X)@& ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@2O @?@@@?@&W? @@@@@@@@@@V? ?L@Y@@ .W@@@@@@X)S? K62?6@@@@@@@2?@?62O? @@@@3? ? Y(@7 K62O?X6@@@2?6@@@2We@@@@@@@@@@@@&We?K6@2O@@@2O? K)@@@@@@@@@@@&O?@@@@@@@@@@@@@&?6@@@@@@ @?@@@@@J @@@@@@@@'V ?H@@ 1@@@@@?X@4V? L@@@@N ? ?M(@@J?X-W @@@?@@7? ?H@@@@@@@@@' ?5@7C? X)@@@@@@@@3? ?1@@@3 ? @@@@@? @@@@@@@@@@@&W? /R@@@@@@J? ?5@@@@@@@@@J ?@&W ?X)@@@@@@@7?Y+V? ?X)@@@ ? @ X@>@2W@7 ? ? X6@ ?@@@@@N? ? @V@@@@@@@? @@@@?@ @@@@@@@@&W ?X6@2O?W? )@@@@2 ?@@@@@@@@@@? 1@@@@@@@@7? ?@J? @Y. K@@@@@WM(@'VV? )@@@@@@S@@' 5@@@@@ ? ?H@@@@@@?@J? ?@?@?M0@@@@:e@? @@@@@@@Y0@@J ?X6@@@@@@@J? ?@&W ?X)@@@@X@@@@'I ?H@@@@@@'I ? M(@@@@@7 ?1V@@@@@?@@@:? ?Y@@@@@@ ?@ L@X)@@@@V@@@@? ?M0@?@@@@@@@@@@? ? @@@@@?e@W ?X@@@@@@?@@@?@ ?5@@@@@@ ?@J? ?1;X@V?K)@@@@Y+V ?Y0@@@?X@@@@@@@@@? ? ?H@@@@@@@@@@@? ?@4R0@@@@@Y@@@@7 ?@@@@@@@ ?@ ?L@@@3eX)@@@@@3 M+R(@X)@@@@@@@@@@@7? ? ?5@@@@@@@@@?e@@e@4V? H@X@W@@&W@@S@@2W ?@?@@@@7 ?@ @@@@N??L@@@@@@?M+V ?@@@2W@NX62?6@2?6@@2W? ? H@@@@@@@@@@BeX@e?X'?@I 5@@@@@&WH@>@&O ?@@@@@@W ?@ ?X'Ie@@@@@@@@@'V? /V?Y+V?1V??8@@ ? @@2OK@?@O?K6@@@@@@@@@@@@4V @@M(@@@X6@f@WW? ?H@@@@@@J?.T@& Y@@@@@ ?@ )@@@4R&?)@@@@@@@'I X/?.T/?X6@ ? ?K@?) 5W@@@&&? X)@@@&W?X6@@@@@@@@@4I? ?'V?g?K@&O? ? X@@@@@@'I?I? 6@@@@@@@4 ?)4?0@@@@@@@7?g@@@? 1@@@@JW? ?@ ?L@@@Jf?Y@@@@@@@@@@ ?@'R+IeM0@?&W ? Y@?@@@@@B? ?@?X6@@@@@Y&?&W? ?@@@@N ?@ @@@Y@??/R(@@@@@@@@@@Y+V? ?@X)>@@@@C ? )@@@@@@@ @?@@@Sh@?@@ 5@@@@3 ?@ 1@@@@??L@W?@@@@@@@@@@@'I?M.? M0@@?X@@@@@? ? X)@@@@@X@@@4I? ?M0@@@@@@@@@@'g?H@? 1@@@@@ L@@@@@4V@@@@e@@@@@@@@@@@@W?M. Y0@>@@@@@@2O ? ?X6@K6@@@?@@@@'V @@@?@@@@@4V? ?M0@S?@@?@X62Oh?5@N L@@@@@ @? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@S ?Y(?(@U&W@@? ? M0@@C=@@@@@7fhH@@@ ?1@@@7 ?1@@@@@V?@Y@@&W@@@@@@@@@@@@@@'I? ?5@@@@@S?@@?@? ? K6@@@?@@X'R. Y0@W@7e1@@@&Weh?Y(@@J ?L@@@J ?X)V@@@'V@@>@S?@?@@@@@@@@@@@@@@@4?0@ Y+R@@@@@@'V@@?@? ? K)@?@@@@@J?M@? ?Y0@@?5@@@@WeU@ ?,@@7? ?H@@@? L@@@@@@@@@T3?1@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ 5@@:Y@@@@@@@7? ? ?X6@2W@@@? /IM(@@7?1@@@@@@?.O@2W?eh?L@&W? ?5@@@? ?@ ?1@@@@@@@@@@?L@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@4I? @?@Y(@@@@@@&W? ? 1@@@@@ ?M@?U@@@?@W?X@@@@@7? &W ?@@@@N ?L1@@@@@@@@@N?e?H7?1@@@@@@@@@@@@@@@@@@@4I @@@@@@@?@@e@?@W@?@@@@@@@@@@@@@@@@@4I? ?M0@@@@@@@@@@@@@ ? X)OK)V@? ?Y0@@@@?5@@@@@@@@@@X62W? ?@@@@@ @@@@@@@@@@@@@@&O2W ? X/?@ M0@4?(W@?@@?@@@@@@@&?6@N ?Y(??@ ?1@@@J X)@@@@@@@@3?@??.W?X6@@?@@@@@@@@@@@@@@@@@@4I? ?M0@e@@@?@@@@@@@@@&W? ? @?@?@?eY0@@4If?/IM0@4Ig@@?@@?@@@@@@@@@@@@@2?&W?eK/e?@ Y(@? ?L@@7? @@ /V ?L1@@@@@@@@@@?e@@fK62OeK@?)@@@@@@@@@??U@@@@4Vh?M.?eM+V??@?(@VY@R(@@@@@@@@@@2O2W @@@@@@@@@?hK6@@Y@@@@@@@@@@@@@@@@@@4R(I? ?Y0@@@?H@@@@@@@@@@@@ ? ?L@@@@@@@4I??H@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@&W (@@? Y(I?@I?M0@4I@@@4IM+V @@@@@@@@ U3 ? (@@R@@@4I?e@?@@@@@@@@?5@@@@@@@@@@@@@@@@&O ?M(@@@@@@@@@@@@@@@@@@'IM+V @@3? ,@N? L@@@@@@@e@? ?X)@@@@@@V@Y0@:Y@@@'?04Ve?M0&WY0@@>3?fU@@?@@?@@?@@@@2O ? K-O??@@@@@@@@@@@@@@@?@@@@@@@@@@@@@@@@&W? ?@@& ?M0@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@'V? ?H@@7? X6@? ?1@@@@@@@@@Neh?/V??@eX62?62T)@@@@Y(W@@@@@@'IM0@@??5W@X@@?Y(IM(@>@>@@@@@@2O? ? ?@?@?6K6@@@@@@@@@@@?@&O?@@@@@@2O?K&W @@@@@@@@@@@@@@@@@@ ?@2W ?M0@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@'I ?@@@ ?L@@@@@@@?@3eh?X/Veh?X)OY@@@@@?K62?6@@@@?=@@@?@@@@@@@@>@@@J?@2W? ? ?M0@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@4I ?L@@3? ?'R+V? 1@@@@@@@@@fhX/ @@2W@7eh@'V@@@@@@Y(@@@@>@@&W@@&O ? ?@I??@@@2O?@ ?@@@ ?Y0@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@? ?1@>*? L@@@@@@@@@ &W?@eh1@@@@@@@@&OK62?@ ? H@@@@@f?@X6@?&W H@@7 ?5@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ ?H@@@? ?L@@J? ?1@@@@@@@@ ?@fX6@2?)@@@J ? )@@@@@ 5@@J ?@@@@@@@@@@@@2?@?6@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@4V? ?@@@@? @@R+V? ?L@@@@@@@7e@? ?L@@@N ? X)W@@7 @@@? @@@@@@@@@@2?@O @@&W@@@@@@@@@@'V ?L@@@? &T@T'V ?@e1@@@@@@W @@@3 ? H@@S ?H@V @@@@@@&O /V@@J?@@@@@@@@@@@'V? @@7? @?1'V?gM+V? L@@@@@@@@@ @@@@ ? @?5C Y(@@ Y0@@ @@ @?@??@'?0@@@@@@@'I ?1@@@@@@@@ @@@@N? ? ?H@?@?K/ 5@@J ,@?@@@@X62W? M.L@@@B<@@?@@@@@@@@@'VV? ?@@>@@W@@@@@@@@@@@@' ?H@@@? ?L@@@@@@@@N? @@@@3? ? Y(@@@? ?H@@@? L@@@@@@? Y0@W?@X@@@?@@@@@@@@@@@@@'V ?@@@J? ?Y?<@V@Y(@@@@@2Oe?K)@4V 0@T@@@>@@@2OgX)@3 @@@@@@@@@? 1@@@@? ? 5W@? ?5@@7? ?'R@@@ 5W@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@'V? Y7 ?5@@@@@@@Seh?X)@N? 1@@@@@@@ L@@?@? ? ?H@Y7? ?@@@J? ?'R@2T6@ @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@'V 5S ?@@@@&OY@3fhL@'I X)@@@@@@3?e?@ ?@@@@? ? ?5@&W? H@@@ H@&O ?M0@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@3fh?H@3 Y0@@@@&W?5@@Y0@@4IeM+V??@@@@@@@@@@4I? ?L@@@@@@7? ?@?@@@@? ? ?1@? @@@@ 5@J?@& ?M0@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@N?eh?.W@Y@ ?Y(@@@@&W??@@@@@@@@@@@@@'??1@@@@@@@@@@@@4V ?H@@@@@@ ? @J X@V? @V@@e&W @@@@@@@@@@@@@@2?@?6@@@@@@@@@@@@@@@3?fh?@@@ ?,S@@@2We?@@&O?K6@@@@f?L@@@?K62W@@@@@'V? ?@@@@@@@@? ?@?1@@7? e@@ ? ?5@? ?@@@3? ?H@@@@N? ?H@@@@@@@@@@2Oh?K6@@@@@@@@@@@@N ?X@@&OfH@@Jf?@@@g1@7?f1@@@@@'V ?@@@@@J? M(@@'V ? H@@? ? ? ? ?K6 @@@@J?e?Y(@7?f?@@@@@4VeX-W?fX)OK)@@3 ?1@@@@ ?)6@@@@J @@@@@' ? @@@Y+V ?@Y@7? @@@J? @@ ?5@&OU*? @@WM( ?'R(@@@@@@2O 1@>@@ ?@@@@@@@@3N?eh?L@7 K?K6@@@@@fh?@@@ 6@@@@@@@ 1@@@fY(@@J?fH@@@@@@'I?fhL@@@ ?L@@@@?@ @@@@?@ ?X?Y@@@N ? ?@@@@' H@@@@@J? ?L@&O?@@2O ?@@@e?Y(@@@g5@@&O?@@@4V?eh?1@@@4V? ? @@@?@J @?(@ ?Y(@@?@7 M@?H&W @@@@3?h@@@?&W ?M(@@@eY(@@@@@@@4I?@@@Je@@@@'?+Vh?X)@@@'V @@?@N? @@W@@@ ? L@@@@? @@@@ ?5@@@@@J ?@@7?.W? @@@@@N @@@@@@?M(@@@@@@@@@@@@@7?fK6@@@'V?hL@@@@'V? 1@@@@? ?H@@@@@J ? H@@@@? @?@@?@ ?@@@@@@? ?L@? @@@3hY. @@@@@@@@@@e@@eK)@@@@J?g?Y@@'Vh?@@@@@'I L@@@ ?@@@@@@? @@@@@? ? 5@@@@N@? ?H@@@7 ?@@@@@@? @V@3 1@@@h5J @@@&O?Y@@@@@@@@@e?X)@@7h?)@@@'V?f@4V@@@@@@@@@ ?1@@3? ? 1@@@@3 ?5@@@J ?@@@@@@? ?H@@@7 L@@@N?g@Ne?@ @@@Je@@@@@@@@@7fL@@Jh?X)@@@'VfX@@@@@@@@@@@ ?L@@@? ?5@@@@@? ? ?@@@@@N? H@@@7? H@@@@@@? M(&?&W ?1@@@?f?H@3 @V@@@?eL@@@X)@@@?f?@@?ehL@@@@'IM0@@@@@@@@2O? @@@? H@@@@@@? ? 5@@@@@3? 5W@@3?@? ?Y(@@@@@@?fhY0@@*? ?XX)3?f?@@7e?@ )@g?5@@e?@ @@&Of?@@@;U@@@@ ?@?@@@@@@@@@@@@@ @Y7? 5@@@@@@? ? @@@@@@7? @@@@ ?,@@@@@@@?fh,@@@ 1@g?@@X@@W@@?f?@@?eh?@@@@@@@@@@@@@@@N? @@J? @@@@@@@? ? @@@@@@3? @@@@@N @@@@@@@?fhL@@& ?X)?f?@f?@2W ?@&We?@@& ?@3?f?@@?@@@@@'V? ?@@@@@@@@@@@@@3? 1@ @@@@@@@? ? @@@@@@ @?1@@@@3 ?5@@@@@@@?fh?@@JW? ?Y(@7?h@@@@@@'? ?@?@@@@@@@&W@@@@@? X) @@@@@@7? ? @@@@@@@N X@@@@@ ?@@@@@@@@NehY0@@7? ?@@@@? ?,S@eh1@@@@@ H@@@@@@2W?1@@@@? ?H@@@@@@J? ? 1@@@@@U* ?@@@@@@7 ?@@@@@@@@@h?Y(@@@J? Y@J? ?U@@3?h?@@@@@@? ?M(@@@@@f?@@@@? ?5@@@@@@ ? L@@@@@@S ?X@@@@@J ?@@@@@@@@Jh?5@@@7 ?/IM(7 ?,@?@?h5@@@@@ ?Y0@@@@@@7f@@@@@N ?@ ?@@@@@@@ ? ?@@@@@@' @@@@@@7? @@@@ ?@@@@@@@@?h?@@@@J ?U@@@JgY. ?L@@@?h@@@@@@@N ?5W@@@@@@JfL@@@@3 ?1@@@@@@ @@@@@@ ? ?@@@@@@? ?@@@@@@@@Nh?@@@7? ?,S?@?g,S @?@?f?Y0@@@@@@@3? H@@@@@@@7?f?1@@@@ ?@ ? ?@@@@@@3 @@@@@@3? ?@@@@@@@@@hH@@@J? ?L'V@?gX64V @@@?f?,S@@@@@@@X3eh?@e5@@@@@@@g?L@@@@ ?@ Y(@@@@@@ ? ?@@@@@@7 ?H@@@@@@@? ?1@@@@@@@?h@@@7 @@7?hU3 1@7?f?U@@@@@@@@@@Y+V?eh@@@@@@@@'Ig@@@@N? ,@@@@@@@ ? ?@@@@@@J ?@@@@@@@@? ?L@@@@@@@'V?f?H5@@@ @@J?h5@N? X)S?f?,@@@@@@@@@@@@3??M0@@@@?@V@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@'V X@@@@@@7 ? ?@@@@@@N ?L@@@@@@@? 1@@@@@@@'Vf?5@@@? ?H@@h?H@@ ?U3?f?X@@@@@@@@@@@@@R0@W@@@@?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@3 ?@@@@@@@@J ? ?@@@@@@@ /V@@@@@@@? L@@@@@@@X3f?1@@@* ?5@@h?)@?@? Y(@NeM0@@@@@@@@@@@@@@X@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@?K6@@@@@ ?L@@@@@@@? ? ?1@@@@@? L@@@@@@@@? ?1@@@@@@@7f?L@@&W ?@@7h?U@@4V 5@@'?0@@@@@@2W@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@2?6@@@@@ 1@@@@@7? ? @@@@@@ ?@H@@@@@@@@? ?@@@@@@@@? ?L@@@@@@@?e?)@@@?W? @@@@@@@Jg@& ?@V@@?h?,S@@'V? @@@@@@@@@@&Oe1@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@?fY@@@ ?@@@@@ ? ?5@@@@@J ?@@@@@h?L@@@@3? ?H@@@@@@@@@@J?eX6@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@?e?Y(@@@N? 5@@@@@@? ? ?@@@@@@? 5@@@@@@@@? 1@@@@?f?X6@@3N? ?@V@@@V?eh@@@@@N ?@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@3 1@@@@@J? ? ?@@@@@@? @@@@@@@@@N L@@@@@@@g?@ H@@@@@*?eh1@@@@3 @&OK@W@@@@B?f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@?M@?(@@@@'V L@@@@@N? ? ?@@@@@@? @@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@@?@@@?@@@@? .O?@@&W?ehL@?@@@ ?5&Wf@@V9@4I?eH@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@7 M@V@@@@@'V ? H@@@@@@? ?H@@@@@@@@@@@J ?1@@@@@@NL@@?@ ?@@Seh?@?1@@@@ ?&W?f@@'V@@@4IM(@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@2O?K6@2W Y0@@@@@@@@@@@3 ? 5@@@@@@? M(W@@@@@@@@@@? ?XL@@@@@@?&T@@@J )@@@@@3?@@V@@@ @@@@ @@>@@@@@@@@@@@V??Y@@@@@@@@@@@@2OK@O? ?M(@@@@@@@@@@@@@N? ? ?H@@@@@@7? M0@@@@@@@@@@@@@? X@@@X/?@eh?L@@@@?@ @@?@?@ ?K6@@@@@@@@@@@'IM(@@@@@@@@@@@? M0@@@@@@@@@@@@@@@@'V ? ?5@@@@@@J? Y0@@@@@@@@@@@@@@@? ?1@@@@@Ne@@@? ?Y0@@@@@@@ 1@@@@@N? ?K)@@@@@@@@@@@@@@@@?@@@@@@@? ?M0@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@'V? ? ?@@@@@@@N?g?@@? ?M@?(W@@@@@@@@@@@@@@@? ?L@@@V@3?H@@@? ?,@@@@@@@@ L@@@@@3? L@@@@&OK6@@@@@@@@@@R@@@@@?@? Y0@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@'V ? ?@@@@@@X'I?M@?04V@@R(??@e?@h?X@W@@@@@?@@@@@@@@@@@@@@@3 ?/R0@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@N @@>@@@R(@Y7? ?L@@@@@@@@ ?@?@@VK/ @@@@@N ?@@@&We?K6@@@@@eK-T)@@@? ?M@??M@?'V?Y(@@@@@?@@@@@@@@2?6@@@@@@@@@@@3 ? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@>@@? ?K)@@X@@@@W? ?H@@@@@@V? ?@@@J?g@@@@f?X)@@@&? ?@e?@?Y0@@?@@@?@'?(@@@@@@@@@@2OhK6@@@@@@@@N? ? ?@@@@@@@@@@@@@ X)@@@?@@@@ Y(@@@@@@@? ?1@'V? ?@@@h1@@7gX6@2W? ?@eY(:Y@?e@@@@@@@@@@@2O? K6@@?K6@@@&? @@@@'I ? H@@@@@@@@@@2O?@@@@2T-T)??@?@e@@?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@?M+IM0@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@7 ?X)@@@@@@@ 5@@@@@@@J? ?X@@'I ?@O?hX)@J (@?@@@@@@&W@@@R&?@O? ? ?Y(@@@@@@@@2O? ?K-T6@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@3 ?@@@V@@7 @?@@@@@7 @@@@@@4V ?X)? ?K6@2W?@OK-W K&W? ? ?5@@@@@@2O ?K6@@@@@@@@@@@@@@@2OK)@@@@@@ @@@U@@@W @@@@@@@@@J ?Y@@@@@' ? ?@@@@@2O ?K6@2?6@@@@2O?e?X)@@@@7 @@W@@@@? @@@?Y@@? ?)@@@@@? ? Y@ L@@@@? @@Y@@@@N @@@@@? ?Y0@@@@@&O ?X6@@@@'?@N? ? .O2O ?1@@@'V? ?5@@@@@2W? ?@@@@@ ? ?L@@@@3? @@@@@3 H@?@@@ ?)@@@@@@3? ? @@@@@? ?KX)@@'V )@@@N? ?Y(@@@ ?X)V@@@@@NV? ? @@@@@N ?5W@@@@@ L@@@@@@' ? @@@@@@ ?L@@@'V? H@@@@@ ?1@@@@@@3? ? 1@@@@? @@@@'I @@@@V? ?L@@@@@@@N ? X)@@@@ @?6@@@@@ ?@@X/? 1@@@@@@'V? ? ?L1@3? @@V? K@?@ ?Y(@@N L@@@@@@@'V 'V ? Y(@@>* ?1@@@@@@@3 13 ? X6@? ?Y(@?U&W ?XL@@@@@@@ )@@@@@@@ L@ ? Y(W@@&W? ?@ ? 5@@@&W ?1@@@@@@@4V? ? ?@4V@@@&W? ?X)@@@@@@@'V ?@ ? H@@@@@&W X)@@@@@@@@ @@@@@@@3 ?@ ? ?M(@@@@&W? ?'V? ? ?@@@@@@@&W ?@@@@@@@@@ ?@*? ? @@@@@&W? ?K6@@@@@@@4I H@S? ? Y(@@@@@J ?K?@@@@@@@@3 )@@@@@@@4V 5>@@ ? @?@?(@@@@@7? @@S? ? @@@@@@@@Y&W? @@@@@@@@@@@4V? @@'? ? ?Y0@@@@@@@@@@Se@? @@@@@?@@ @?@@J? ? M(@@@@@@@@@@@3 1V@@@?@@@@'V ?H@?@7 ? M0@@@@@@@@@@@?@7 L@@@@@@@@@@'V? Y(@Y&W ? ?@@@@@@@@@@@@@@@@J ?@?@@??@?@X)'I ?Y(W@@S? ? M@V@@@@@@@@@@@@@@@@? ?@Y@V?@@2We?K6' @@@@@@@7?X6@4V ?5@?@@'? ? M0@@@@@@@@@@@@@@@@@@@? H@@?@V ? @@@@@@@@@@@&O?@@@@@@@?@? @@'R&O 5@@@@@ ? @? ?M@V@@@@@@@@@@2We1@@@@@@@7? ?K?K/? 6@S? ?H@@@@V? ? M0@@@@@@@@@@@@2OfX)@@@@@@J? ?5@@@@*? ? @@&? M0@@@@@@@@@@@@2Og?L@@@@@@N? H@@@@&W? ? @& M0@@@@@@@@@@@@2Oeh1@@@@@3? @? ?Y(@@@&W ? 1SW? M0@@@@@@@@@@@@2OfhL@@@@@@? ?@ ?5@@@@J? ? U@@@ ?M0@@@@@@@@@@@ ?@@@@@7? @?@?eY. H@@@@@ ? .W@@N?fh?M0@@@@@@@@@@2O?@2O? ?1@?@@J? 5@@@@7 ? ?H@@3?ehM0@@@@@@@@@@2O ?X6@@7?@ .W@@?@@@@4I?g?H@@@@7? e?@4Ifh@@@@@J ? ?@@Y7?hM0@@@@@@@@2O @J ? ?L@@S?gY0@@@@@@2O @?@@@? ?@@@@@@@@4I?eY(@@@@J? ? @@3?f?Y(@@@ ?K)@@@@@@@@?,@@@@@ ? 1@@?fM(@@2O@2O? X6@@@@@@@?X@@@@@ ? ?@@?eY0@&O? @? K6@@@@@@@@@@@@ ? @@@??Y(@2W K6@@@@@@@@@7 ? L@@?M(&O Y0@? ?@@@@@@@@J ? H@@@@&W? .O ?1@@@@@@@? ? 5@@@&W ?X)@@@@@@? ? @@@&W? X)@@@@@? ? @@&W ?L1@@@@? @@@@@? ? @2W? @? ? @? L@@@@N ? ?@ ?1@@@3 ? ?@?@ ?X)@@@ ? @? X)@@ ? ?Y.? ?L@7 ? Y. &W ? .WW? ? ?@ ? ?@?04V ? ?@@@@' ? ?@@@ ? ?@@@ ? ?1@7 ? ?X-W ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?