Sei sulla pagina 1di 2

Jazzitalia - Lezioni: Pianoforte

http://www.jazzitalia.net/lezioni/piano/TonaleModale.asp

Speciale Musica Jazz In edicola Musica Jazz di luglio con 100 pagine e 2 cd a soli 8,90 Universit Online a Roma 5 Facolt, 12 Corsi di Laurea Sedi anche nel Lazio. Info ora!

www.musicajazz.it www.centopercentomusica.it

Scuola di Musica Roma Lez. individuali di Musica e Canto Prenota la tua prima lezi.gratuita!

www.laurea-online-roma.it

Indirizzi | Saranno Famosi | Newsletter | Forum | Links | Sondaggio

COMUNICATI: Le Mille e una Notte del Tarab Ensemble a Villa Barbieri nell'ambito di Storie di Jazz 2011 Mi piace 4

Mi piace

1 mila

INDICE LEZIONI

Lezione 1: Tonale e modale


di Marco Di Battista
info@marcodibattista.com

Iniziamo con la prima "compressa" , buona digestione. Nello studio della musica jazz, prima o poi, inevitabile che ci si chieda se ci sono delle differenze, delle discriminanti, dei punti in comune tra il sistema armonico tonale e quello modale. Poich questo dubbio sorge spontaneo e abbastanza prematuramente, importante cercare, sin da subito, di rilevare le distinzioni pi evidenti. In questa fase alcune delle affermazioni che faremo potrebbero non del tutto essere comprese; stiamo cercando di comunicare un concetto che solo l'esperienza musicale attiva, lo studio, l'ascolto rendono reale. Il sistema tonale e il modale, pur essendo due ambiti armonici profondamente diversi, sono legati biunivocamente; in parole povere il modale viene originato dal tonale (le scale modali si formano sui gradi delle scale maggiori, minori e non solo). Il sistema tonale si basa sul rapporto che sussiste tra l'accordo di settima di dominante V7, generato dall'armonizzazione a quattro suoni delle scale maggiori e di due minori (esclusa la minore naturale), e l'accordo costruito sulla tonica delle stesse; tale accordo pu essere di Imaj7 per la maggiore, di I-maj7 per le minori melodica e armonica. In pratica l'accordo di dominante tende a risolvere su un accordo di primo grado; questo accade perch al suo interno risiede fra il terzo e settimo grado un intervallo instabile formato da tre toni interi. Gli accordi, nel tonale, vengono realizzati "accatastando" le voci a distanza di terza. Quando si improvvisa bisogna fare attenzione ai "cattivi incontri"; alcune note della scala possono essere poco "gradevoli" se si sovrappongono ad alcune voci dell'accordo; queste note prendono il nome di "note da evitare". Tra gli accordi e la scala sussiste un legame; nel tonale una singola scala pu essere utilizzata per realizzare una melodia su una progressione di pi accordi (scala di Bb maggiore su una successione: Cm7 | F7 | Bbmaj7 | Ebmaj7 ). Nel modale non ci sono note da evitare, gli accordi vengono costruiti sommando verticalmente intervalli di quarta giusta, di quinta giusta, di quarta giusta + seconda maggiore etc., ogni accordo instaura una relazione privilegiata con una sola ed unica scala (Dm7b9/b13 => scala frigia). Mi rendo conto che quanto scritto non ha di certo diradato i vostri dubbi, soprattutto se oltre ad essere dei musicisti siete anche degli attenti ascoltatori. Un esempio per tutti, Bill Evans, in alcune incisioni, contamina brani tonali con armonie modali. Per gli approfondimenti teorici, pratici (studio) , d'ascolto (dischi consigliati), musicologici, biografici vi rimando alla lezione edita in data 12/03/2000 nella sezione: "Piano Jazz" (1anno di corso) di" Jazz Convention" URL: http://members.xoom.it/jconvention dal titolo: "Ci sono differenze fra il tonale e il modale?"
Mi piace A 4 persone piace questo elemento. Di' che piace anche a te, prima di tutti i tuoi amici.

Le altre lezioni: 02/11/2003 LEZIONI (piano): Le scale simmetrice esatonali. (Marco Di Battista) 23/07/2003 11/05/2003 02/02/2003 16/12/2002 20/10/2002 10/08/2002 15/06/2002 12/05/2002 31/03/2002 10/02/2002 05/12/2001 26/10/2001 22/09/2001 LEZIONI (piano): Inizia il secondo anno di corso con le scale simmetriche diminuite. (Marco Di Battista) LEZIONI (piano): Il modo misolidio. (Marco Di Battista) LEZIONI (piano): Il modo eolio. L'"antagonista" del...dorico.... (Marco Di Battista) LEZIONI (piano): I Rhythm Changes. L'Anatole, senza dubbio una delle strutture portanti del jazz, analizzato battuta per battuta. (Marco Di Battista) LEZIONI (piano): I Turnarounds: come "girare intorno" per riapprodare ad un I grado (arbitrario o reale) (Marco Di Battista) LEZIONI (piano): Terzo capitolo sulle sostituzioni armoniche: il tritono. (Marco Di Battista) LEZIONI (piano): Sostituzioni armoniche II: le sostituzioni d'approccio o di moto (Marco Di Battista) LEZIONI (piano): Sostituzioni armoniche: come inserire un accordo al posto di un altro accordo tutelandone la funzione originaria o sconvolgendola totalmente.... LEZIONI (piano): Dominanti secondarie: ingresso nella sfera delle sostituzioni armoniche, dove tutto tutto e il contrario di tutto.... LEZIONI (piano): Armonizzazione delle scale minore melodica e minore armonica (Marco Di Battista) LEZIONI (piano): Armonizzazione scala maggiore e minore naturale. Qual la tonalit con cui improvvisare? Quale accordo si deve considerare come riferimento?. (Marco Di Battista) LEZIONI (piano): La virt che contraddistingue i "Bud Powell voicings" riferibile alla robusta pienezza armonica che ostentano all'ascoltatore. (Marco Di Battista LEZIONI (piano): Tecniche modali sul blues. Graduale sostituzione degli accordi, sequenza delle scale per l'improvvisazione, "astuzie" per essere pi disinvolti in jam session. (Marco Di Battista)

1 di 2

07/07/11 11.04

Jazzitalia - Lezioni: Pianoforte

http://www.jazzitalia.net/lezioni/piano/TonaleModale.asp

01/08/2001 09/06/2001 22/04/2001 10/03/2001 25/01/2001 30/12/2000 03/12/2000 08/11/2000

LEZIONI (piano): Forme di blues singolare. Analisi delle 44 battute di Locomotion di Coltrane. (Marco Di Battista) LEZIONI (piano): Il blues di Coltrane (Marco Di Battista) LEZIONI (piano): Il blues minore con esempi e basi. (Marco Di Battista) LEZIONI (piano): Il blues di Charlie Parker. (Marco Di Battista) LEZIONI (piano): Il Blues: la scala blues, il blues forma primitiva. (Marco Di Battista) Indirizzi | Saranno Famosi | Newsletter | Forum | Links | Sondaggio LEZIONI (piano): Voicings W. Kelly - B. Evans per accompagnare. Aiutiamo il solista ad esprimersi meglio. (Marco Di Battista) LEZIONI (piano): Cos' una struttura, come si analizza, come si affronta. (Marco Di Battista) LEZIONI (piano): Il modo lidio (Marco Di Battista)

22/10/2000 LEZIONI (piano): Il modo dorico (Marco Di Battista) COMUNICATI: Le Mille e una Notte del Tarab Ensemble a Villa Barbieri nell'ambito di Storie di Jazz 2011 30/09/2000 LEZIONI (piano): Cos' un pattern? Creare una linea melodica su un II-V-I (Marco Di Battista) 05/09/2000 20/08/2000 10/08/2000 30/06/2000 LEZIONI (piano): Cos' un II-V-I, voicings su II-V-I (Marco Di Battista) Lezioni (piano): la pronuncia (Marco Di Battista) Lezioni (Piano): il repertorio (Marco Di Battista) Lezioni (pianno): I voicing - Bill Evans e Wynton Kelly. (Marco Di Battista)

Inserisci un commento

Marco Di Battista Rosetta Stone

2000 Jazzitalia.net - Marco Di Battista - Tutti i diritti riservati

2000 - 2011 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia di esclusiva propriet dell'autore ed coperto da Copyright internazionale, pertanto non consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti. Questa pagina stata visitata 76.870 volte Data ultima modifica: 25/06/2007

Home | Articoli | Comunicati | Io C'ero | Recensioni | Eventi | Lezioni | Gallery | Annunci Artisti | Saranno Famosi | Newsletter | Forum | Cerca | Links | Sondaggio | Cont@tti

2 di 2

07/07/11 11.04