Sei sulla pagina 1di 16

Riki Maiocchi Uno in più

Una voce sta cantando


ma sono pochi ad ascoltare
i gabbiani stan gridando
per poterla soffocare
altre voci piano piano
stan crescendo da lontano
se quel canto vuoi seguire
puoi cantare.

E così
tu sarai
uno in più
con noi.
E così
tu sarai
uno in più
con noi.

Lungo spiagge sconosciute


siamo in tanti a camminare
con le lacrime negli occhi
con il sole dentro al cuore
se sei stanco di lottare
vieni qui a riposare
se non sai più cosa fare
puoi cantare.

E così
tu sarai
uno in più
con noi.
E così
tu sarai
uno in più
con noi.

Mentre il mare sta a guardare


continuiamo a camminare
come tanti burattini
con le facce da bambini
se sei stanco di lottare
siedi qui a riposare
se non sai più cosa fare
puoi cantare.
E così
tu sarai

1
uno in più
con noi…

La linea rossa di Giovanna Marini

La pace, l’amore, la giustizia, la verità  


siamo d’accordo, son belle cose ma
si deve andare più in là
si deve andare più in là
la linea rossa è sempre andata più in là
Al posto di pace già
ci metterei ostilità
non suona così bene per tutti ma
suona bene per chi
ogni giorno non sa
se il giorno dopo da mangiare ce l'ha
La pace, l’amore, la giustizia, la verità
siamo d’accordo, son belle cose ma
si deve andare più in là
si deve andare più in là
la linea rossa è sempre andata più in là
Al posto di amore sì
ci metterei guerra contro chi
beve il sangue di chi è sua proprietà
è piu bello lo so chiamarlo carità
certo non fa piacere la verità
La pace, l’amore, la giustizia, la verità
siamo d’accordo, son belle cose ma
si deve andare più in là
si deve andare più in là
la linea rossa è sempre andata più in là
Giustizia e verità è proprio quello che ci va
e qui si parla solo di libertà
ma anche questa si sa
ora fa parte del là
prosa della canzone di qualità
La pace, l’amore, la giustizia, la verità
siamo d’accordo, son belle cose ma
si deve andare più in là
si deve andare più in là
la linea rossa è sempre andata più in là

2
Occhiali da sole di Jonathan e Michelle

Michelle:

Hey ragazzo tu di poche parole,


non ti togli mai gli occhiali da sole.
Non guardi per niente
negli occhi la gente.
E tutto il tuo mondo
e' al buio profondo.
Se togli il colore
la vita e' un orrore.
Perciò sto meglio io di teeeee
che non ho gli occhiali da sole.

Jonathan:

Ma che cosa vedi amica mia.


Vedi solo ciò che tu vuoi vedere.
Il libro di storia
studiato a memoria.
Col cambio di vento
si cambia al momento.
E tu vedi nero
là dove c'è bianco.
E poi vedi bianco
là dove c'è nero.
Perciò sto meglio io di teeeee
Quando ho su gli occhiali da sole.

Jonathan & Michelle:

Ma perché cercar la luce del giorno


se la verità non fa più ritorno.

Jonathan:

Mettiamoci insieme

Jonathan & Michelle:

e insieme cantiamo.

Jonathan:

Col tuo mondo rosa

Michelle:

e il tuo mondo scuro

Jonathan & Michelle:Perché la vita siamo noi


Con o senza occhiali da sole.

3
Perché più veri siamo noi
Con o senza occhiali da sole.

Riki Maiocchi e Mrianne Faithfull C’è chi spera

Il mondo volta le spalle al bene


e lottano tutti come iene,
ma quando finisce il giorno
e si fa sera
c'è chi spera.

Ognuno pensa a se stesso e tace


e tace perché non ha più un cuore,
ma forse una nuova voce
sta cantando
per chi spera.

Le campane stan suonando,


i bambini stan correndo,
sta vivendo il mondo un nuovo giorno.
e la gente sta cantando,
non c'è più chi sta soffrendo,
sì, dobbiamo credere perché ...
la pioggia che cade è ancora pura
così come il rosso della sera,
quel rosso dove si specchia
il vero pianto
di chi spera.

Le campane stan suonando,


i bambini stan correndo,
sta vivendo il mondo un nuovo giorno.
e la gente sta cantando,
non c'è più chi sta soffrendo,
sì, dobbiamo credere perché ...
la pioggia che cade è ancora pura
così come il rosso della sera,
quel rosso dove si specchia
il vero pianto
di chi spera.

4
Contessa di Paolo Pietrangeli

"Che roba contessa, all'industria di Aldo (1)


han fatto uno sciopero quei quattro ignoranti;
volevano avere i salari aumentati,
gridavano, pensi, di esser sfruttati.
E quando è arrivata la polizia
quei pazzi straccioni han gridato più forte,
di sangue han sporcato il cortile e le porte,
chissà quanto tempo ci vorrà per pulire..."
Voi gente per bene che pace cercate,
la pace per far quello che voi volete,
ma se questo è il prezzo vogliamo la guerra,
vogliamo vedervi finir sotto terra,
ma se questo è il prezzo lo abbiamo pagato,
nessuno più al mondo dev'essere sfruttato.
"Sapesse, mia cara che cosa mi ha detto (2)
un caro parente, dell'occupazione
che quella gentaglia rinchiusa lì dentro
di libero amore facea professione...
Del resto, mia cara, di che si stupisce?
anche l'operaio vuole il figlio dottore
e pensi che ambiente che può venir fuori:
non c'è più morale, contessa..."
Se il vento fischiava ora fischia più forte
le idee di rivolta non sono mai morte;
se c'è chi lo afferma non state a sentire,
è uno che vuole soltanto tradire;
se c'è chi lo afferma sputategli addosso,
la bandiera rossa ha gettato in un fosso.
Voi gente per bene che pace cercate,
la pace per far quello che voi volete,
ma se questo è il prezzo vogliamo la guerra,
vogliamo vedervi finir sotto terra,
ma se questo è il prezzo lo abbiamo pagato,
nessuno più al mondo dev'essere sfruttato!

5
The Rokes Che colpa abbiamo noi

La notte cade su di noi


la pioggia cade su di noi
la gente non sorride più
vediamo un mondo vecchio che
ci sta crollando addosso ormai...
ma che colpa abbiamo noi?

Sarà una bella società


fondata sulla libertà
però spiegateci perché
se non pensiamo come voi
ci disprezzate... come mai?
Ma che colpa abbiamo noi?

E se noi non siamo come voi...


e se noi non siamo come voi...
e se noi non siamo come voi...
una ragione forse c'è
e se non la sapete voi...
e se non la sapete voi
ma che colpa abbiamo noi? 
Che colpa abbiamo noi?

Blowin’ in the wind (Soffia nel vento) – 1963 Bob Dylan

Quante strade deve percorrere un uomo


6
Prima di poterlo chiamare uomo

E quanti mari deve navigare una colomba bianca

Prima di addormentarsi sulla sabbia

E quante volte devono volare le palle di cannone

Prima di essere proibite per sempre

La risposta, amico mio, soffia nel vento

La risposta soffia nel vento

E quanti anni può esistere una montagna

Prima di essere spazzata verso il mare

E quanti anni possono esistere gli uomini

Prima di essere lasciati liberi

E quante volte può un uomo girare la testa

E far finta di non vedere

La risposta, amico mio, soffia nel vento

La risposta, soffia nel vento

E quante volte un uomo deve guardare in alto

Prima di poter vedere il cielo

E quante orecchie deve avere un uomo

Prima di poter sentire la gente piangere

E quanti morti ci vorranno prima che lui sappia

Che troppi sono morti

La risposta, amico mio, soffia nel vento

La risposta, amico mio, soffia nel vento

Masters of War (Padroni della guerra) – 1963 Bob Dylan

7
Venite padroni della guerra

Voi che costruite i grossi cannoni

Voi che costruite gli aeroplani di morte

Voi che costruite tutte le bombe

Voi che vi nascondete dietro ai muri

Voi che vi nascondete dietro alle scrivanie

Voglio solo che sappiate

Che posso vedere attraverso le vostre maschere

Voi che non avete mai fatto nulla

Se non costruire per distruggere

Voi giocate con il mio mondo

Come se fosse il vostro piccolo giocattolo

Voi mettete un fucile nella mia mano

E vi nascondete dai miei occhi

E vi voltate e correte lontano


Quando volano le veloci pallottole

Come Giuda dei tempi antichi

Voi mentite ed ingannate

Una guerra mondiale può essere vinta

Voi volete che io creda

Ma io vedo attraverso i vostri occhi

E vedo attraverso il vostro cervello

Come vedo attraverso l'acqua

Che scorre giù nella fogna

Voi caricate le armi

Che altri dovranno sparare

E poi vi sedete e guardate

Mentre il conto dei morti sale

E voi vi nascondete nei vostri palazzi

Mentre il sangue dei giovani

8
Scorre dai loro corpi

E viene sepolto nel fango

Avete causato la peggior paura

Che mai possa spargersi

Paura di portare figli

In questo mondo

Poichè minacciate il mio bambino

Non nato e senza nome

Voi non valete il sangue

Che scorre nelle vostre vene

Che cosa so io

Per parlare quando non è il mio turno

Direte che sono giovane

Direte che non so abbastanza

Ma c'è una cosa che so

Anche se sono più giovane di voi

Che perfino Gesù  non perdonerebbe

Quello che fate

Voglio farvi una domanda

Il vostro denaro vale così tanto

Vi comprerà il perdono

Pensate che potrebbe

Io penso che scoprirete

Quando la morte esigerà il pedaggio

Che tutti i soldi che avete accumulato

Non serviranno a ricomprarvi l'anima

E spero che moriate

E che la vostra morte venga presto

Seguirò la vostra bara

9
Un pallido pomeriggio

E guarderò mentre vi calano

Giù nella fossa

E starò sulla vostra tomba

Finché non sarò sicuro che siete morti.

Arrivano i cinesi Bruno Lauzi

Tutte le sere
al solito posto
io resto nascosto
dai vieni anche tu
se mi vuoi trovare
son dentro all'armadio
ascolto la radio
e non esco più
Arrivano i cinesi
arrivano nuotando
dice Ruggero Orlando (1)
che domani sono qui
Arrivano i cinesi
arrivano a milioni
più gialli dei limoni
che metti dentro il tè
Perché, perché?
Perché lo chiedo a te
Arrivano i cinesi
e mangiano felici
le quaglie, le pernici
che avevi preso tu
Arrivano i cinesi
succede un quarantotto
si piazzano in salotto
e non se ne vanno più
Perché, perché?
Perché lo chiedo a te
Io mangio solo
il riso bollito
mi vesto di seta
son tutto ingiallito
e se c'ho un pensiero 
lo scrivo, se posso
su un libro speciale
un libretto rosso (2)
Arrivano i cinesi
son piccoli e veloci
sorpassano agli incroci

10
correndo a testa in giù
Arrivano i cinesi
ti insegnano il saluto
con l'alfabeto muto
così non parli più
Perché, perché?
Perché lo chiedo a te
Arrivano i cinesi
arrivano nuotando
dice Ruggero Orlando
che domani sono qui
Arrivano i cinesi
succede un quarantotto
si piazzano in salotto
e non se ne vanno più
Perché, perché?
Perché lo chiedo a te
Perché, perché?
Perché?

Joan Baez Slepeer

It's another happy April


E 'un altro felice aprile
To every happy fool.
Per ogni stupido felice.
And you move through my dreams
E ci si sposta attraverso i miei sogni
Like a trout moves through a pool.
Come una trota si muove attraverso una piscina.
Sure I will do anything,
Certo che farò qualsiasi cosa,
But I blush at the reverie.
Ma io arrossisco al reverie.
Sleeper come and go with me.
Sleeper andare e venire con me.

And she always was a painter


E lei è sempre stato un pittore
And she left me her suitcase,
E lei mi ha lasciato la sua valigia,
And I still remember
E mi ricordo ancora
The soft lines of her drunken face,
Le linee morbide del suo viso ubriaco,
As she stood there in my doorway,
Mentre se ne stava lì nella mia porta,
Like a cat up in a tree.
Come un gatto su un albero.
Sleeper come and go with me.
Sleeper andare e venire con me.

A small farm in Wisconsin


Una piccola fattoria nel Wisconsin
For a driftless man,
Per un uomo Driftless,
Supper on the table,
Cena sul tavolo,
And a lover's tender hands,

11
E le mani teneri di un amante,
Though she leaves my salt and woodsmoke,
Anche se lei lascia il sale e il fumo di legna,
For a job in the city.
Per un lavoro in città.
Sleeper come and go with me.
Sleeper andare e venire con me.

I will take you with my children,


Vi prenderò con i miei figli,
Through the clover, to the creek,
Attraverso il trifoglio, il torrente,
When Orion's gone a hunting
Quando Orion è andato a caccia
Through the fields our wishes seek,
Attraverso i campi i nostri desideri cercano,
Where we all can love each other
Dove tutti noi possiamo amarci
Like sugar in our tea.
Come lo zucchero nel nostro tè.
Sleeper come and go with me.
Sleeper andare e venire con me.

Well the last wild fling is over


Beh l'ultima scappatella selvaggia è finita
And a cold wind brings the dawn,
E un vento freddo porta l'alba,
To rows of parking meters
Per file di parchimetri
And the shadow of a blond,
E l'ombra di un biondo,
Who is standing by the wild rye
Chi è in piedi dalla segale selvatica
In a pointless dream.
In un sogno inutile.
Sleeper come and go with me.
Sleeper andare e venire con me.

It's another happy April


E 'un altro felice aprile
To every happy fool.
Per ogni stupido felice.
And you move through my dreams
E ci si sposta attraverso i miei sogni
Like a trout moves through a pool.
Come una trota si muove attraverso una piscina.
Sure I will do anything,
Certo che farò qualsiasi cosa,
But I blush at the reverie.
Ma io arrossisco al reverie.
Sleeper come and go with me.
Sleeper andare e venire con me.

 joan baez - blowin' in the wind (cover bob dylan)

How many roads most a man walk down


Quante strade più percorrere un uomo
Before you call him a man ?

12
Prima di essere chiamato uomo?
How many seas must a white dove sail
Quanti mari deve superare una colomba bianca
Before she sleeps in the sand ?
Prima di dormire sulla sabbia?
Yes, how many times must the cannon balls fly
Sì, quante volte devono volare le palle di cannone
Before they're forever banned ?
Prima di essere proibite per sempre?
The answer my friend is blowin' in the wind
La risposta il mio amico è Blowin 'in the wind
The answer is blowin' in the wind.
La risposta è Blowin 'in the wind.

Yes, how many years can a mountain exist


Sì, quanti anni può esistere una montagna
Before it's washed to the sea ?
Prima di essere spazzata via dal mare?
Yes, how many years can some people exist
Sì, quanti anni può esistere un popolo
Before they're allowed to be free ?
Prima di avere il permesso di essere liberi?
Yes, how many times can a man turn his head
Sì, quante volte può un uomo volgere il capo
Pretending he just doesn't see ?
Fingendo di non vedere?
The answer my friend is blowin' in the wind
La risposta il mio amico è Blowin 'in the wind
The answer is blowin' in the wind.
La risposta è Blowin 'in the wind.

Yes, how many times must a man look up


Sì, quante volte un uomo deve guardare in alto
Before he can see the sky ?
Prima che possa vedere il cielo?
Yes, how many ears must one man have
Sì, e quante orecchie deve avere un uomo
Before he can hear people cry ?
Prima che possa sentire la gente piangere?
Yes, how many deaths will it take till he knows
Sì, quante morti ci vorranno perchè egli sappia
That too many people have died ?
Che troppe persone sono morte?
The answer my friend is blowin' in the wind
La risposta il mio amico è Blowin 'in the wind
The answer is blowin' in the wind.
La risposta è Blowin 'in the wind.

Aretha Frankiln Respect


Aretha Franklin lo definì un «grido di battaglia». Tutti hanno bisogno di rispetto, diceva. Invertendo i
ruoli di genere della versione originale di Otis Redding del 1965, Aretha riesce a ribaltare il senso di
questa canzone, scritta in origine dal punto di vista di un uomo che pretende rispetto dalla sua
partner con arroganza, e la trasforma in un inno per le donne. Otis Redding, lui commentò: «Ho appena
perso la mia canzone».

Say it loud it loud I’m black & I’m proud James Brown
Pubblicizzato come «un messaggio da James Brown ai cittadini d’America», lo storico inno all’orgoglio
nero e all’autodeterminazione firmato dal padrino del soul era così radicale che Brown decise di invitare
13
un gruppo di bambini a cantare nel ritornello, sperando così che le loro graziose voci avrebbero reso
meno minacciosa quella canzone politicamente molto schietta

Fortunate son Creedence Clearwater Revival


La guerra in Vietnam era al suo apice quando il frontman dei CCR John Fogerty scrisse questo rock
furioso su quanto fosse ipocrita arruolare ragazzi della classe operaia per combattere una guerra voluta
dai ricchi. «Per me quei soldati erano come fratelli», 

Syl Johnson Is It Because I’m black single


Sconvolto dal dolore per l’assassinio di Martin Luther King Jr., il cantante soul originario del Mississippi
Syl Johnson ha rovesciato la sua disperazione in questo straziante lamento lungo sette minuti. “C’è
qualcosa che mi tiene a freno, è perché sono nero?” canta, gettando sale su una ferita che non si è mai
rimarginata. 

Give Peace a Chance John Lennon


John Lennon e Yoko Ono erano nel bel mezzo del loro secondo bed-in per la pace. Si trovavano in una
stanza d’hotel a Montreal quando registrarono la canzone che divenne il singolo solista di debutto di
John Lennon. «Nessuno hai mai dato alla pace una vera e propria chance», diceva l’ex Beatle. «Gandhi
ci ha provato, e dopo di lui Martin Luther King, ma hanno sparato a entrambi».

“Big Yellow Taxi” Joni Mitchell (1970)


Durante un suo viaggio alle Hawaii, Joni Mitchell guardò fuori dalla finestra dell’hotel e vide il paradiso,
nel vero senso della parola, ricoperto dal cemento per creare un parcheggio. Nasce così questo elegante
pezzo ambientalista, dove ascoltiamo le parole “È l’ora di mettere via il DDT”. Nel 1972, l’Agenzia per la
protezione ambientale americana la prese alla lettera e proibì l’uso di insetticidi chimici. 

“You Haven’t Done Nothin'” Stevie Wonder (1974


«Tutti ti promettono la Luna, ma alla fine non serve a niente», ha detto Stevie Wonder quando uscì You
Haven’t Done Nothin’, una freccia funk scoccata contro la trascuratezza e l’apatia. Pubblicato due giorni
prima delle dimissioni di Nixon, la canzone andò ad aggiungersi alla sua già lunga lista di numeri uno. 

“Oh Bondage! Up Yours!” X-Ray Spex (1977)


“Qualcuno pensa ancora che le ragazzine siano fatte per essere guardate e non ascoltate, ma io penso:
fanculo le catene!”. La voce di Styrene che grida queste parole riechieggierà tra generazioni e generazioni
di resistenza femminista. 

14
Canzone del maggio Fabrizio De André
Anche se il nostro maggio

ha fatto a meno del vostro coraggio

se la paura di guardare

vi ha fatto chinare il mento

se il fuoco ha risparmiato

le vostre Millecento

anche se voi vi credete assolti

siete lo stesso coinvolti.

E se vi siete detti

non sta succedendo niente,

le fabbriche riapriranno,

arresteranno qualche studente

convinti che fosse un gioco

a cui avremmo giocato poco

provate pure a credevi assolti

siete lo stesso coinvolti.

Anche se avete chiuso

le vostre porte sul nostro muso

la notte che le pantere

ci mordevano il sedere

lasciamoci in buonafede

massacrare sui marciapiedi

anche se ora ve ne fregate,

15
voi quella notte voi c’eravate.

E se nei vostri quartieri

tutto è rimasto come ieri,

senza le barricate

senza feriti, senza granate,

se avete preso per buone

le “verità” della televisione

anche se allora vi siete assolti

siete lo stesso coinvolti.

E se credente ora

che tutto sia come prima

perché avete votato ancora

la sicurezza, la disciplina,

convinti di allontanare

la paura di cambiare

verremo ancora alle vostre porte

e grideremo ancora più forte

per quanto voi vi crediate assolti

siete per sempre coinvolti,

per quanto voi vi crediate assolti

siete per sempre coinvolti.

16