Sei sulla pagina 1di 32

STRUTTURA E MORFOLOGIA DEL CORPO UMANO

ISTOLOGIA

Dr. Simona Corso

simona.corso@unito.it

simona.corso@ircc.it
TESSUTI EPITELIALI

DI RIVESTIMENTO GHIANDOLARI SENSORIALI

CARATTERISTICHE COMUNI:
Tessuto
epiteliale
1. Cellule fittamente accostate
2. Cellule polarizzate membrana basale
3. Specializzazioni di membrana
4. NON vascolarizzati Tessuto
5. Membrana basale connettivo

6. Continuo ricambio
(cellule NON perenni)
SPECIALIZZAZIONI di MEMBRANA
Strutture membrana
Cellule epiteliali POLARIZZATE = DISTRIBUZIONE
ASIMMETRICA
Strutture intracellulari

Superficie APICALE
(o LUMINALE)

Superfici LATERALI
(o INTERCELLULARI)

Superficie BASALE
SPECIALIZZAZIONI MEMBRANA APICALE

MICROVILLI STEREOCIGLIA CIGLIA


•Actina •Actina •Microtubuli
•Per aumento superficie •Per aumento superficie •Per spostamento sostanze
(piu’ altro?) •SI’ movimento autonomo
•NO movimento autonomo
•NO movimento autonomo •Es: epitelio vie respiratorie
•Es: epitelio intestino
•Es: epitelio epididimo epitelio tube uterine
SPECIALIZZAZIONI MEMBRANE
LATERALI e BASALE

SUPERFICI LATERALI

Giunzioni occludenti (strette)


Giunzioni aderenti (actina) Giunzioni
Desmosomi (filemanti intermedi) ancoranti

Giunzioni comunicanti (gap junction)

SUPERFICI BASALI

Contatti focali
Y
(actina)

Emidesmosomi (filamneti intermedi)


SPECIALIZZAZIONI MEMBRANE
LATERALI e BASALE

SUPERFICI LATERALI

Giunzioni occludenti (strette)


Giunzioni aderenti (actina) Giunzioni
Desmosomi (filemanti intermedi) ancoranti

Giunzioni comunicanti (gap junction)

SUPERFICI BASALI

Contatti focali
Y
(actina)

Emidesmosomi (filamneti intermedi)


Giunzioni occludenti Giunzioni ancoranti Giunzioni comunicanti
(strette) (gap junction)

Polarizzazione strutturale Ancoraggio fisico delle


membrana plasmatica cellule:

Sostanze esterne non -tra di loro


diffondono tra le cellule -con la membrana
basale
Passaggio piccole
(patologia:penfigo) molecole(Ca2+/cAMP)
TESSUTI EPITELIALI di RIVESTIMENTO

MEMBRANE CONTINUE che rivestono:

•Superficie esterna corpo (EPIDERMIDE)

•Cavita’ organi comunicanti con esterno (MUCOSE)

•Canali e cavita’ non comunicanti con esterno (ENDOTELIO e SIEROSE)


TESSUTI EPITELIALI di RIVESTIMENTO:
CLASSIFICAZIONE

N° STRATI FORMA CELLULE

Monostratificati (semplici) Pavimentosi/piatti

Pluristratificati (composti) Cubici

Cilindrici/colonnari
EPITELI MONOSTRATIFICATI:
•1 strato di cellule, TUTTE a contatto con membrana basale

•Funzione: SCAMBI

MONOSTRATIFICATO PAVIMENTOSO

MONOSTRATIFICATO CUBICO

MONOSTRATIFICATO CILINDRICO

PSEUDOSTRATIFICATO
EPITELI MONOSTRATIFICATI:
•1 strato di cellule, TUTTE a contatto con membrana basale

•Funzione: SCAMBI

MONOSTRATIFICATO PAVIMENTOSO
EPITELI MONOSTRATIFICATI:
•1 strato di cellule, TUTTE a contatto con membrana basale

•Funzione: SCAMBI

MONOSTRATIFICATO CUBICO
EPITELI MONOSTRATIFICATI:
•1 strato di cellule, TUTTE a contatto con membrana basale

•Funzione: SCAMBI

MONOSTRATIFICATO CILINDRICO
EPITELI MONOSTRATIFICATI:
•1 strato di cellule, TUTTE a contatto con membrana basale

•Funzione: SCAMBI

PSEUDOSTRATIFICATO
EPITELI PLURISTRATIFICATI:
•Piu’ strati di cellule, solo il piu’ profondo a contatto con membrana basale

•Proliferazione maturazione degenerazione

•Funzione: PROTEZIONE

•PLURISTRATIFICATO PAVIMENTOSO

•PLURISTRATIFICATO CUBICO (molto raro)

•EPITELIO DI TRANSIZIONE
EPITELI PLURISTRATIFICATI:
•Piu’ strati di cellule, solo il piu’ profondo a contatto con membrana basale

•Proliferazione maturazione degenerazione

•Funzione: PROTEZIONE

PLURISTRATIFICATO PAVIMENTOSO

NON CHERATINIZZATO CHERATINIZZATO


EPITELI PLURISTRATIFICATI:
•Piu’ strati di cellule, solo il piu’ profondo a contatto con membrana basale

•Proliferazione maturazione degenerazione

•Funzione: PROTEZIONE

PLURISTRATIFICATO CUBICO (molto raro)


EPITELI PLURISTRATIFICATI:
•Piu’ strati di cellule, solo il piu’ profondo a contatto con membrana basale

•Proliferazione maturazione degenerazione

•Funzione: PROTEZIONE

EPITELIO DI TRANSIZIONE
TESSUTI EPITELIALI GHIANDOLARI

Funzione: produzione, accumulo e secrezione di molecole specifiche


(proteine/mucopolisaccaridi/lipidi)

Classificazione per MODALITA’ SECREZIONE:

GHIANDOLE ESOCRINE GHIANDOLE ENDOCRINE

m.basale

Circolo
Secrezione: sanguigno
Merocrina Apocrina Olocrina Secrezione:
Endocrina
MODALITA’ DI SECREZIONE ESOCRINA

merocrina

Ghiandola salivare

apocrina

Ghiandola mammaria

olocrina

ghiandole sebacee della cute


GHIANDOLE ESOCRINE:

PORZIONE PRODUTTRICE/SECERNENTE + PORZIONE ESCRETORIA


(ADENOMERO) (DOTTO)

CLASSIFICAZIONE MORFOLOGICA in base a:


-n° cellule
Unicelllare
Pluricellulare

-forma adenomero
Tubulare (lineare o glomerulare)
Acinosa/Alveolare

-n° adenomeri per dotto


Non ramificata (1 adenomero pe dotto)
Ramificata (piu’ adenomeri per dotto)

-struttura dotto
Sempice (non ramificato)
Composta (ramificato)
GHIANDOLE ENDOCRINE:
ORMONI

•Molecole organiche rilasciate in


circolo

•Colpiscono cellule bersaglio


generalmente lontane

•Alta specificita’ per


RECETTORE SPECIFICO

•Secrezione controllata

•Meccanismi di retroazione
negativa (“feed back negativo”)
IPOFISI
ADENOIPOFISI NEUROIPOFISI
TIROIDE

2 TIPI di CELLULE
ENDOCRINE:

-CELLULE PRINCIPALI CONTROLLO


Cell. Parafollicolari METABOLISMO
Cell. principali (follicolari)
ORMONI= T3 e T4 BASALE
vasi
colloide

CALCEMIA
-CELLULE
PARAFOLLICOLARI
(cellule C)
ORMONE=CALCITONINA
PARATIROIDI

ORMONE=
CALCEMIA
PARATORMONE
GHIANDOLE
SURRENALI

2 parti diverse per morfologia/funzione/origine:

•MIDOLLARE del surrene


Ormoni= ADRENALINA/NORADRENALINA

•CORTICALE del surrene


Ormoni= MINERALCORTICOIDI, GLUCOCORTICOIDI,
ANDROGENI
PANCREAS

PANCREAS ESOCRINO
Secrezione ioni bicarbinato/Enzimi digestivi

PANCREAS ENDOCRINO
(Isole di Langherans)

CELLULE α  ORMONE GLUCAGONE  GLICEMIA

CELLULE β  ORMONE INSULINA  GLICEMIA