Sei sulla pagina 1di 3

Prima VISITA E DIAGNOSI ORO-DENTALE 4-10-17

La prima visita è costituita da 5 step: 1.Raccolta Dati Burocratici, 2.Anamnesi, 3.Esame Obiettivo, 4.Piano di
Trattamento, 5.Consenso informato. Tutti questi punti sono di RESPONSABILITÁ DEL PROFESSIONISTA.

1.La parte burocratica si divide in: dati personali e trattamento dei dati. Nella prima rientrano i dati anagrafici che sono
dati molto SENSIBILI, compreso il codice fiscale, molto importante per le fatture. Tutti questi dati NON devono
assolutamente essere divulgati, per il DIRITTO alla PRIVACY che il pz possiede. L’Odontoiatra è il diretto
responsabile della tutela del diritto di riservatezza sui dati sensibili del proprio paziente. HA L’OBBLIGO DI RICEVERE IL
CONSENSO DEL PZ ALLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEI PROPRI DATI, SECONDO LE NORME. Bisogna
inoltre fare attenzione al nome, cognome e alla terapia del pz, cercando si mantenere una RISERVATEZZA ferrea e di
non urlare quando si parla col pz, in presenza di altre persone. ATTENZIONE A COME SI PROCEDE!!!

Il Consenso Al Trattamento Dei Dati Personali E Sensibili è di fondamentale importanza. Di solito il Professionista vuole
il consenso al trattamento dei dati personali finalizzata ai fini di diagnosi e cura.

2. Nell’Anamnesi, ci sono 5 voci: anamnesi familiare, fisiologica, patologica remota, patologica prossima, oro-dentale.
Regola principale è AGGIORNARE REGOLARMENTE l’ANAMNESI. Fare attenzione alle allergie e scriverlo!! Spesso,
per chi soffre di malattie coagulative/esantematiche, c’è il Rischio di ENDOCARDITE BATTERICA. Nell’anamnesi
patologica prossima, sono riportati tutti i motivi per cui il pz deve fare la visita e può essere anche un’urgenza. Chiedere
se ha fatto estrazioni, agenesie, come lava i denti, se ha fatto l’anestesia, tutto ciò che interessa l’ambito odontoiatrico,
da quanto tempo non fa la visita, ultima volta che è andato dall’odontoiatra, se ha male, dove, da quanto tempo, se il
dolore è migliorato, peggiorato, se è un dolore muscolare o articolare. BISOGNA CAPIRE COSA CI VUOLE DIRE IL PZ
E COMPREMDERE LE SUE ESIGENZE. Deve essere aggiornata regolarmente perché cambiano le persone e cambia il
cavo orale. Se una cosa non torna, bisogna scoprirla, anche se abbiamo il più piccolo turbamento.

3. L’Esame Obiettivo: Ispezione, Palpazione, Percussione, Specillazione e Sondaggio. (Dobbiamo utilizzare i nostri 5
sensi per valutare al meglio la situazione del pz)

 Ispezione: -extraorale:

Trofismo dei tessuti, Simmetria del volto, Competenza labiale, tipo di Respirazione (Facies Adenoidea). Inoltre
è importante osservare il comportamento generale del bambino, le sue interazioni con i genitori e con le altre
persone, osservare l’aspetto fisico generale. I bambini sono diversi gli uni dagli altri e per questo dobbiamo
porci in maniere diverse. Non dobbiamo soltanto soffermarci a guardare dentro la bocca ma anche all’esterno
poiché possiamo trovare fistole. Tutto deve avere uno scopo suppletivo per i nostri obiettivi, per i nostri risultati
e per i farmaci che dovremo dare in caso di necessità. Inoltre dobbiamo agire come se ci fossero potenziali
pericoli sia per il pz che soprattutto per noi stessi. Di solito i bambini hanno delle infezioni odontogene,
provocate dalle carie, e quando questa arriva alla polpa diventa PULPITE, che successivamente va incontro a
necrosi che fa morire la polpa e infetta le strutture attorno, fino anche alla radice, facendo dissolvere germi e
batteri. A questo punto l’EDEMA, con un Essudato Purulento, provoca Tumefazione, ovvero GONFIORE, ma
essendoci l’osso, questo NON è espandibile provocando molto DOLORE. L’edema esce dall’osso e arriva alla
gengiva o alla cute formando la fistola. Dobbiamo essere anche capaci di identificare i principali virus come:
Herpes simplex e Herpes varicella Zoster (fuoco di Sant’Antonio) e Virus Erpetico. Possiamo trovare: allergie al
lattice, trombocitopenia, echinosi, carcinomi, labioschisi, xantelasmi, impetigine, eritema multiforme
(autoimmune)

-intraorale:

Visita odontoiatrica vera e propria con ESAME DENTALE e DELLE MUCOSE.

1.Valutazione Status Dentale; contare i denti e servirsi di strumenti ausiliari come RX OPT, valutare stadio
fisiologico del dente.

2.Valutazione della Carie e Placca; in vari punti del dente


3.Valutazione Difetti e Anomalie; ipoplasia dello smalto, effetti delle tetracicline, anomalie da schisi, Discromia
Dentale (necrosi della polpa e il dente diventa tutto nero.)

4.Valutazione dei Traumi Dentali; Infrazione della Corona, Frattura corona complica e non, Frattura Corono-
radicolare complicata e non, Frattura Radice (complicata= polpa, non
complicata= no polpa) (ricordare che le lesioni traumatiche dei denti sono una
famiglia e le strutture di supporto un’altra). Inoltre vi sono delle linee guida da
seguire per tutti i tipi di traumi dentali riscontrati (IADT)

5.Valutazione Restauri; controllare se i restauri cono stati fatti bene, carie recidive, fratture delle cuspidi,

6.Valutazione Stato Parodontale; gengivite marginale, parodontopatia profonda, recessione gengivale semplice
o multipla. Nel caso di affollamento, dove trovo lo spazio? Lo trovo o ampliando la
dentatura e butta aventi i denti, oppure come ultima spiaggia, posso anche
togliere un dente

7.Valutazione Malocclusioni; Overjet, Overbite (Per overjet si intende la distanza orizzontale fra i margini
incisali degli incisivi superiori e i margini incisali degli incisivi inferiori. Esso risulta
aumentato, rispetto alla norma, nelle seconde classi e pari a zero o negativo nelle
terze classi.Per overbite si intende la distanza verticale fra i margini incisali degli
incisivi superiori e i margini incisali degli incisivi inferiori. Esso risulta aumentato,
rispetto alla norma, nei casi di morso profondo e negativo nei casi di morso
aperto.), Morso crociato, Affollamento in dentizione mista per salvaguardia con
arco di ferro che agisce da mantenitore di spazio.

Successivo all’esame DENTALE, c’è l’esame delle MUCOSE:

1.Valutazione di complicanze di patologie dentali; Fistole, Epulide (granuloma piogenico), Ascessi odontogeni,

Ascessi parodontale

2.Valutazione di condizioni o lesioni locali; Frenuli corti o ipertrofici, macchie del Fordyee, Lingua a carta
geografica, Lingua a lampone, Candidosi atrofica e mughetto, Afte minori e
mucocele, Gengivo Stomatite Erpetica, Papillomi molli o verrucosi

3.Valutazione di lesioni traumatiche o iatrogene; Morsicatura e ulcera da anestesia, Decubiti da Protesi o


apparecchi ortodontici

4.Valutazione di manifestazioni orali di patologie generali; Neutropenia ciclica, Uso di farmaci come
IDANTOINA, CICLOSPORINA, Sarcoma di Kaposi, Leucemia Mieloide Acuta

La Leucemia Mieloide Acuta si presenta attraverso manifestazioni orali come petecchie, ecchinosi,
iperplasia, mucose pallide, ulcere. La gengiva e la mucosa sono pallide con
tipici segni di EMOBLASTOSI. Ingrossamento e Tumefazione delle papille con
iniziali ulcerazioni sulle punte, inoltre emorragie e ecchinosi. Inizialmente, le
papille interdentali hanno iperplasia e ulcerazione delle punte. Inoltre troviamo
emorragie locali e tipici pigmenti brunastri da pregresse emorragie nei denti
frontali. A causa dell’infiltrato leucemico del parodonto gengivale, si è sviluppata
mobilità dentale. Nel momento in cui si sospetta di L.M.A, allora bisogna
ampliare l’anamnesi, chiedendo da quanto tempo il ragazzo soffre di: febbre,
astenia, infezioni ricorrenti (linfoadenopatia), perdita di peso, lividi per minimi
traumi, epistassi, e fare controlli ravvicinati. Si instaura un igiene orale
scrupolosa e si utilizza CHX. Con l’esame EMOCROMOCITOMETRICO con
formula leucocitaria, si presenta un’ aumento dei globuli bianchi, un’anemia
secondaria e trombocitopenia secondaria.

 Palpazione: durante questo esame di palpazione bisogna ricercare: Dolenzia all’apice dentale, Eventuali
Tumefazioni, Consistenza e Mobilità lesioni, Dolore provocato dalla muscolatura, Mobilità dentale. Va sempre
eseguita bilateralmente per confronto con lo stato controlaterale.

 Percussione: anche qui, bisogna ricercare: Dolenzia dentale ed eventuali Mobilità.


 Specillazione e sondaggio: si deve ricercare: Carie per impegno dello specillo, Irregolarità e fratture dentali,
Valutazione protesica o degli apparecchi ortodontici (bordi), Tasche Parodontali.

In modo complementare alla prima visita, occorrono: esami di laboratorio, referti medici, esami strumentali, modelli
in gesso, RADIOGRAFIE, Fotografie. Nella famiglia delle radiografie troviamo: RX ENDORALE, BITE-WING, RX
OPT (si posso valutare meglio casi di dentatura mista, permute, agenesie o inclusioni), DENTALSCAN.

Nel PIANO DI TRATTAMENTO, si valuta il rischio della malattia per personalizzare l’intervento: rischio basso,
moderato, alto. Nella sequenza del piano di trattamento, troviamo: 1.urgenze,2.igiene,3.chirurgia,4.conservativa,
5.ortodonzia.

Infine nel CONSENSO INFORMATO, ovvero la parte forse più importante di tutte, il Paziente ha DIRITTO di
prestare o non prestare il proprio consenso alle Cure. Il CONSENSO può essere prestato verbalmente, ma è
opportuno sia raccolto in forma scritta e firmata.