Sei sulla pagina 1di 3

Dati editoriali Autore: Robert Louis Stevenson

Casa editrice: Grande Biblioteca Rusconi


Cenni biografici Robert Louis Balfour Stevenson (Edimburgo, 13 novembre 1850 – Vailima, 3 dicembre
sull’autore 1894) è stato uno scrittore, drammaturgo e poeta scozzese dell'età vittoriana, noto
principalmente per i romanzi L'isola del tesoro e Lo strano caso del dottor Jekyll e del
signor Hyde. Figlio unico di Thomas Stevenson (1818-1887), ingegnere edile
specializzato nella costruzione di fari, temperò la malinconia e la durezza del carattere
scozzese con il brio e la gaiezza che gli derivavano dall'origine francese della madre,
Margaret Isabella (1829-1897), figlia del reverendo Lewis Balfour (1777-1860), parroco
di Colinton. Sia la madre che il nonno avevano problemi ai polmoni, con febbre e tosse
frequenti. Si è parlato di sarcoidosi, tubercolosi o bronchiectasia, e comunque d'una
eredità scomoda per il ragazzo che era spesso malato e aveva necessità di trascorrere
parecchi mesi all'anno in un clima più salubre, come quello della Francia meridionale.
Anche la sua inquietudine di viaggiatore e la costante magrezza erano per lui legate
alla salute. Dalla sua infanzia si portò sempre caro il ricordo di un'infermiera, Alison
Cunningham, detta "Cummy", alla quale dedicherà poi un libro di versi, ma che
contribuì a sviluppare la sua fantasia raccontandogli molte storie che non lo facevano
dormire e allo stesso tempo lo affascinavano oltre misura. Durante la sua vita viaggiò
molto e nel frattempo la sua salute aveva risentito dello strapazzo, tanto che non gli si
davano che pochi mesi di vita, e lo scrittore, dalla Scozia, dov'era tornato dopo essersi
rappacificato con la famiglia, fu nuovamente costretto a vagabondare per le principali
stazioni climatiche europee, da Davos a Hyères e poi a Bournemouth. Nel 1886 scrisse
il romanzo storico Kidnapped (Il ragazzo rapito) e, in meno di una settimana, The
Strange Case of Dr. Jekyll and Mr Hyde (Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor
Hyde).
Genere "Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde" è un romanzo che si può collocare a
letterario metà tra il genere horror e quello psicologico-introspettivo, un piacevole puzzle di
elementi d'avventura, d'investigazione e di mistero
Tempo in cui si La vicenda si colloca nell’età vittoriana cioè intorno alla metà del 1800
colloca la
vicenda
Durata La storia dura più di un anno
Spazio Londra
Personaggi Il protagonista del racconto è Dottor Jekyll che è un uomo gentile disponibile e
benevolo. “L’altro” protagonista è Mister Hyde che è praticamente il suo opposto, è
malvagio brutto e raccapricciante. Altri personaggi importanti del racconto sono il
Signor Utterson che è molto cordiale, gentile e disponibile, il Dottor Lanyon, un amico
del dottor Jekyll, anch’egli molto cordiale e benevolo, Poole, il maggiordomo del dottor
Jekyll, gentile e disponibile
Trama A Londra, vivevano tre uomini importanti per la società: l’avvocato Utterson, il dottor
Lanyon e il dottor Jekyll.
Erano molto amici fin da giovani ma il loro rapporto iniziò ad avere qualche contrasto e
si allontanarono.
La storia inizia una sera quando l’avvocato Utterson e il cugino Enfield passeggiavano
davanti a una porta misteriosa di un vicolo buio della capitale inglese. In quel momento
venne in mente ad Enfield una scena a cui aveva assistito tempo prima in quella zona.
Un uomo e una bambina si scontrarono mentre correvano e la piccola cadde. L’uomo
la lasciò lì e la calpestò. Enfield iniziò a rincorrerlo e non appena lo fermò e lo vide in
faccia, si rese conto che era una specie di mostro. La bambina venne soccorsa da
Enfield e dalla famiglia ma fortunatamente non si era fatta nulla, era solo spaventata.
Nonostante ciò, chiesero un risarcimento, ma l’uomo, identificato come Edward Hyde,
non avendo contanti fu accompagnato da Enfield a casa. Per entrarci passò dalla porta
misteriosa e uscì con un assegno che inizialmente, sembrava falso perché firmato da
Hanry Jekyll ma che poi si rivelò vero.
Quando Utterson tornò a casa andò a cercare nella cassaforte il testamento di Jekyll,
che custodiva lui da quando fu redatto, perché si ricordò di aver letto il nome di Hyde
in quel documento. Infatti, questo stabiliva che dopo la morte di Jekyll tutti i suoi beni
dovessero passare nelle mani dell’amico Hyde.
Utterson cercò con vari tentativi di vedere Hyde in volto e un giorno questo suo
desiderio si avverò. Lo vide uscire dalla porta misteriosa e lo fermò per fare due
chiacchiere. Il suo aspetto era ripugnante e creava una sensazione di disgusto. Dopo
questa conversazione l’avvocato decise di andare a parlare con Jekyll ma quando arrivò
a casa sua lui non c’era. Così chiacchierò un po’ con Poole, il maggiordomo. Scoprì che
Hyde poteva entrare in casa di Jekyll attraverso una porta secondaria che passava dal
laboratorio. Utteson capì che quella era la porta misteriosa da cui sorprese uscire
Hyde.
Una sera, dopo una cena con amici a casa di Jekyll, Utterson restò a parlare un po’ col
dottore. Citò la storia del testamento per sapere qualcosa in più su Hyde ma Jekyll
rispose tranquillamente che poteva liberarsi di lui quando volesse. Hyde era ospitato
da Jekyll solo perché era particolare e il dottore provava interesse per lui.
Un anno dopo ci fu un omicidio. La vittima era Danvers Carew e grazie alla
testimonianza di una ragazza, si scoprì che l’assassino era Edward Hyde. A quel punto
Jekyll volle incontrare l’avvocato per parlare di Hyde e gli promise che non avrebbe più
avuto a che fare con lui e che ora era in salvo. Dopo diede una lettera a Utterson scritta
da Hyde per il dottore perché non sapeva cosa farsene. Utterson decise, ad insaputa
dell’amico, di andare da un grafologo, Mr. Guest, a confrontare la calligrafia sulla
lettera con quella di Jekyll. Guest concluse che la calligrafia era la stessa, ma cambiava
solamente l’inclinazione delle parole.
Qualche settimana dopo muore Lanyon. Era ormai da tempo chiuso in casa senza
spiegare a nessuno il perché. Dopo questo episodio il rapporto tra Utterson e Jekyll
cessò del tutto.
L’avvocato decise di andare a parlare con l’amico ma all’ingresso fu bloccato da Poole
che non gli permise di passare la soglia. Così si misero a parlare loro due e entrambi si
resero conto di avere dei dubbi sugli insoliti comportamenti del dottore, che era chiuso
in casa già da giorni e non voleva ricevere la visita di nessuno. Dalla chiacchierata
risultò che l’uomo non sembrava Jekyll e che Poole e gli altri domestici supponevano
che il loro padrone sia stato ucciso dall’uomo chiuso nel laboratorio che continuava a
richiedere dei farmaci che successivamente rifiutava perché non erano quelli adatti.
Decisero di indagare e andarono a spiare dalla finestra ma intravidero una figura più
piccola che identificarono come Mr. Hyde. Decisero di sfondare la porta e all’interno
della stanza trovarono il corpo senza vita di Hyde.
Ora Utterson aprì la lettera di Lanyon. Questa spiegava il motivo del suo isolamento in
casa prima di morire: un giorno Hyde andò a casa sua a nome di Jekyll per ricevere un
farmaco e dopo che il dottore glielo diede, l’uomo lo miscelò ad altri, bevve l’intruglio e
si trasformò in Jekyll davanti agli occhi di Lanyon.
L’avvocato lesse anche la lettera scritta da Jekyll che aveva trovato nella stanza dove si
trovava prima della sua morte: questa svela nel dettaglio la doppia personalità
dell’amico; Jekyll diceva che ognuno è composto da una parte buona e una malvagia e
lui voleva separarle perché erano in conflitto nella sua personalità e aveva bisogno di
sfogarsi ma non poteva perché avrebbe rovinato la sua reputazione.
Tecniche In questo romanzo la fabula non sempre coincide con l’intreccio, perché il lettore
narrative scopre solo alla fine, con la relazione del Dr. Jekyll, i fatti iniziali che hanno portato agli
avvenimenti narrati.
Lingua e stile In questo racconto si usa spesso un linguaggio medio-alto ma a volte soprattutto
quando si parla di medicina ed esperimenti un linguaggio molto elevato
Messaggio Secondo me il messaggio di questo libro è che non bisogna voler scappare dalla realtà
e non essere noi stessi perché poi si potrebbe andare incontro a dei problemi
ovviamente non come quelli in cui si parla del racconto visto che la metamorfosi è una
cosa impossibile, ma secondo me ci si potrebbe procurare dei problemi psicologici. Un
altro messaggio è che gli amici si vedono soprattutto nel momento del bisogno, per
esempio, quando nell’ultimo capitolo Lanyon avrebbe potuto lasciar perdere la lettere
scritta da Jekyll nelle vesti di Mr Hyde ma invece anche se visto cosa c’era scritto nella
lettera probabilmente non avrebbe più visto il suo amico lo aiuta lo stesso scoprendo
poi la sua metamorfosi.