Sei sulla pagina 1di 25

SPECIALE CHIUSO IL 18 FEBBRAIO

OTTAVI DI Una sfida


in 4 foto

CHAMPIONS
Gian Piero
Gasperini, 63
anni, faccia a
faccia con
Zinedine Zidane,
48 anni. Sotto
Luis Muriel, 29
anni, e Sergio
Ramos, 34 anni
ANSA/GETTY/AFP

ATALANTA
SOGNO
Poste Italiane Sped. in A.P. D.L. 353/2003 conv. L.46/2004 art. 1, c1 DCB Milano. Non può essere venduto separatamente da “La Gazzetta dello Sport”

O REAL?
Fra le big d’Europa per la seconda volta di fila,
ma adesso per la squadra di Gasperini
c’ è un appuntamento con la storia. Da non fallire
di Garlando e commento di Di Chiara ALLE PAGINE 2-3

L’INTERVISTA L’OPINIONISTA TIFO SPECIALE


ROMERO TACCHINARDI LA “CURVA”
«CREDERCI? «RESTARE DELLE DEE
UN OBBLIGO» SE STESSI» DELLA DEA
di Elefante A PAGINA 5 di Bianchi A PAGINA 9 di Guidi A PAGINA 15
2 LUNEDÌ 22 FEBBRAIO 2021 LA GAZZETTA D E L LO SP O RT

Speciale Champions/IL TEMA

La sfida “impossibile”
REAL
VERSO GLI OTTAVI

ASSALTO AL REAL MADRID


DELLE 13 COPPE 1 2 3 4 5
MA L’ATALANTA
NON È GIÀ BATTUTA
1955- 1956- 1957- 1958- 1959-
1956 1957 1958 1959 1960 1963

15° 15° 17° 1° 11°


A Bergamo arriva il club In Serie A In Serie A In Serie A In Serie B In Serie A
che ha vinto più di tutti fra retrocessa
in Serie B
promossa
in Serie A
i “campioni”. Per la Dea
un confronto con il mito ATALANTA 1°

CON LA COPPA
La festa per la vittoria in Coppa Italia:
2 giugno 1963, 3-1 al Torino AFB

APPUNTAMENTO CON
di Luigi Garlando
al 1996 al 2001, Gian
arrivata a giocarsi un ottavo di
Champions League per la se-
conda stagione consecutiva:
delle 13 Coppe dei Campioni.

Puskas e il Papa
tifosi assistono al terribile in-
fortunio di Roma che stronca la
carriera del bomber danese Ra-

D
Piero Gasperini e Zi- abilità tecnica per poter giocare Nella stagione 1955-56 il Real di smussen. Nella stagione 1959- La forza
nedine Zidane han- in velocità, furore atletico per Di Stefano festeggia il primo 60 il Real festeggia la quinta con del gruppo
no abitato la stessa sostenere il pressing, sapienza trofeo, battendo in finale lo Sta- Puskas che ne fa 4 in finale al- Un abbraccio
Juve: allenatore delle tattica per occupare al meglio de de Reims di Kopa, mentre l’Eintracht Francoforte. L’Ata- dopo un gol
giovanili il primo, fuoriclasse gli spazi. Vent’anni dopo, Ga- l’Atalanta si salva in A grazie ai lanta finisce 11a, con l’emozione dell’Atalanta: è
della prima squadra il secondo. sperini e Zidane tornano vicini, 18 gol di Adriano «Nane» Bas- della visita a Papa Giovanni l’immagine
E, in fondo, l’Atalanta, questa faccia a faccia. Rivali, questa setto. E’ il campionato della pri- XXIII, bergamasco, e l’impresa dell’entusiasmo
Atalanta, ha cominciato a na- volta. Prima del calcio d’inizio, ma diretta tv: Atalanta-Triesti- della vittoria a Torino con la Ju- della Dea
scere lì. Perché Gasp, che pro- Gasp un paio di miracoli li ha na. In diretta tv, a Capodanno, i ve, grazie a un gol di Giovanni LAPRESSE
prio in quegli anni stava appro- già messi a segno. Il primo: nes- Zavaglio, entrato in accanita
fondendo la lezione tattica del- suno oggi può dire con convin- competizione con Chicco Nova,
l’Ajax, aveva sotto gli occhi tutti zione che gli spagnoli siano net- La tattica tanto da spaccare in due la
i giorni il giocatore tecnica-
mente più forte del mondo e la
tamente favoriti. Secondo: il
tecnico di Grugliasco ha trasci- Pressing, corsa, stampa bergamasca. Nel mag-
gio 1997, mentre Mijatovic re-
forza atletica che lo staff di Mar- nato il club ad altezze che non dominio: anche gala la settima Coppa Campioni
cello Lippi stava infondendo a
quella squadra. Mettete tutto in
aveva mai osato e l’ha portato a
contatto con la società più glo-
questa volta Gasp al Real contro la Juve, l’Atalanta
di Mondonico, che in estate
un frullatore e ottenete la Dea riosa del mondo, il Real Madrid non cambierà aveva perso Inzaghi, Lentini e
LUN E D Ì 2 2 F E B B R A I O 2 02 1 L A G A Z Z E T TA D ELLO S P O RT 3

LE ROI ZIZOU LA DECIMA LA PENSIAMO COSÌ


Zidane festeggia la vittoria Carlo Ancelotti in trionfo
di Filippo Di Chiara
in Champions in maglia Real: per la 10ª Champions
15 maggio 2002, 2-1 al Bayer del Real: 24 maggio 2014,
Leverkusen 4-1 all’Atletico Madrid I NUMERI Il miracolo Percassi:
risultati storici

15
fra cuore e ragione
6 7 8 9 10 11 12 13 i fanno neri, saranno

Le gare
giocate in
«C arrabbiatissimi, chissà quanti ne
prendiamo». Sono le parole di
Antonio Percassi abbinabili a
Champions qualsiasi vigilia e a chiunque sia l’ avversario
1965- 1997- 1999- 2001- 2013- 2015- 2016- 2017- League in due della sua Atalanta. In questo “slogan” che
1966 1998 2000 2002 2014 2016 2017 2018 edizioni, sinora, risuona puntualmente a Zingonia c’è tutto il
dall’Atalanta pragmatismo bergamasco, come la nota
14° 16° 2° 9° 11° 13° 4° 7° di Gasperini,
a cui vanno
passione per scaramanzie e affini. E davanti a
cinque anni inimmaginabili, perché non
aggiunte continuare così... E allora riavvolgiamo il
In Serie A In Serie A In Serie B In Serie A In Serie A In Serie A In Serie A In Serie A almeno le altre nastro e torniamo a dicembre scorso, quando
retrocessa promossa due sfide dall’urna degli ottavi arriva uno storico
in Serie B in Serie A contro il Real regalo, il Real Madrid. Stavolta la metafora di
Madrid negli Percassi senior è scolastica: «Il Real Madrid è
ottavi di finale la storia del calcio mondiale. E’ come andare
all’università, vogliamo fare bella figura».

14
Tutto vero. Ma la crescita esponenziale del
club a tutti livelli, sportivo, strutturale e
dirigenziale, consente di dire che l’Atalanta
non arriva a questo storico appuntamento da
matricola emozionata al primo esame, ma da
LA SERIE A Le partite studente modello che ha già superato vari
La festa in campo per la promozione: dei nerazzurri in ostacoli (Ajax e Liverpool in questa stagione)
11 giugno 2000, 1-1 col Cesena Richiardi Europa League, a pieni voti e ora va a sostenere una ideale
contando seduta di laurea. L’Atalanta anche in Europa

N LA STORIA
anche non è più una sorpresa ma uno spauracchio,
le 6 nei possibilmente da evitare; in Italia il non
preliminari e nel vedere l’Atalanta tra le prime 4-5 posizioni in
playoff del classifica desta stupore; i risultati del ciclo
2018-2019, targato Gasperini hanno portato Antonio
quando Percassi a diventare sommando i due
la Dea mandati (15 stagioni tra ‘90-94 e dal 4 giugno
non riuscì 2010 a oggi) di gran lunga il presidente più
a raggiungere vincente della storia del club (40,7% di
la fase successi in 601 partite) superando Ivan
a gironi Ruggeri (37,5%) e Daniele Turani (32,4%). E
col tempo, gradualmente, Percassi ha ceduto
Morfeo, scivola in B. Nel 2014 sorse e dalle ambizioni supe- trato al Real a 13 anni, ma non il timone («della sua azienda più complessa»
Carletto Ancelotti porta a Ma- riori. ho mai visto nessuno venirci ad cit.) a suo figlio Luca, creando così una
drid la Decima, dopo una com- attaccare così in casa nostra». Il cerniera perfetta tra il cuore e la ragione, tra
battutissima finale, decisa nei Ilicic y Caldara Buitre riconoscerà lo stesso spi- papà numero uno appassionato, e figlio
supplementari. Colantuono Gasperini ho sostituito questo rito, anche se purtroppo, al ri- amministratore delegato, tifoso sì ma con un
salva l’Atalanta con 7 giornate destino con uno da Real Ma- torno si giocherà a Valdebebas. occhio sempre attento a fra quadrare i conti e
d’anticipo ed entra nella storia drid, cioè con il dovere di pro- «Zidanes y Pavones» teorizza- a incanalare il tutto verso l’equilibrio tra
del club. Ma è una storia che sta vare a essere dominante ovun- va un tempo Florentino Perez, risultati sportivi e bilanci. Perché alla fine, e
per essere riscritta, a colpi di re- que e comunque. Non vuole di- cioè campioni e vivaio, la filo- stavolta la frase è di Luca Percassi, «noi
cord, dall’uragano Gasp. Ciò re pretendere di vincere tutto sofia che ha portato in alto la siamo l’Atalanta e dobbiamo ragionare da
che ha fatto il nuovo tecnico, ciò che hanno vinto i Blancos, Dea degli illuminati Percassi: Atalanta». Ma in silenzio, anche lui punta il
arrivato nell’estate del 2016, è ma di provare a comandare Ilicic y Caldara. E così, alla vigi- cielo e non si ferma. La Dea è in corsa in
semplice: ha riprogrammato le ogni partita, in casa e in trasfer- lia di un ottavo di Champions, campionato per la prossima Champions, ha
abitudini della Dea. Le ha sfila- ta. Questa è stata la vera rivolu- c’è partita tra il club che ha vin- già raggiunto la finale di Coppa Italia, è
to il destino che aveva ricevuto zione: gli atteggiamenti, non i to una Coppa Italia e quello che entrata in una nuova era separandosi in
in sorte, al momento della na- risultati. O, meglio, l’atteggia- ha vinto 13 Champions. In che maniera praticamente indolore dal suo leader
scita, cioè quello di combattere mento diverso che ha portato campo stanno i veri Galacticos? Gomez. E ora c’è il Real Madrid dinanzi al
sempre con il massimo dell’im- risultati diversi. Quando il Mi- © RIPRODUZIONE RISERVATA quale non c’è da spaventarsi ma da esaltarsi.
pegno e del furore, soprattutto lan di Sacchi andò a giocare per Senza paura, come sempre.
in difesa, per sopportare l’im-
patto contro squadre dalle ri-
la prima volta al Bernabeu, Bu-
tragueno sbalordì: «Sono en- s TEMPO DI LETTURA 2’ 55” © RIPRODUZIONE RISERVATA
4 LUNEDÌ 22 FEBBRAIO 2021 LA GAZZETTA D E L LO SP O RT

Nuova Tiguan
Skip boring

volkswagen.it

Scoprila da 239 euro al mese


Anticipo 5.500 euro
TAN 3,49% – TAEG 4,38%
Nuova Tiguan 1.5 TSI ACT 130CV a € 28.038 (chiavi in mano IPT esclusa). Listino € 31.750 meno € 3.712 grazie al contributo Volkswagen e delle concessionarie Volkswagen. Anticipo € 5.500 oltre €
300 di istruttoria pratica - Finanziamento di € 22.538 in 35 rate da € 239. Interessi € 2.031,15 - TAN 3,49% fisso - TAEG 4,38% - Valore Futuro Garantito pari alla Rata Finale di € 16.205,20 - Spese
istruttoria pratica € 300 (incluse nell’importo totale del credito) - Importo totale del credito € 22.538 - Spese di incasso rata € 2,25/mese - costo comunicazioni periodiche € 3 - Imposta di bollo/
sostitutiva € 56,34 - Importo totale dovuto dal richiedente € 24.709,49 - Gli importi fin qui indicati sono da considerarsi IVA inclusa ove previsto - Informazioni europee di base/Fogli informativi
e condizioni assicurative disponibili presso le Concessionarie VOLKSWAGEN. Salvo approvazione VOLKSWAGEN FINANCIAL SERVICES. Offerta valida sino al 28.02.2021. La vettura raffigurata è
puramente indicativa. Valori massimi: consumo di carburante ciclo comb. 7,6 l/100 km - CO2 182 g/km rilevati dal Costruttore in base al metodo di omologazione WLTP (Regolamento UE 2017 /1151
e successive modifiche ed integrazioni). Equipaggiamenti aggiuntivi e altri fattori non tecnici quali lo stile di guida, possono modificare tali valori. Per ulteriori informazioni presso i Concessionari
Volkswagen è disponibile gratuitamente la guida relativa al risparmio di carburante e alle emissioni di CO2.

Bonaldi Motori S.p.A.


Concessionaria Volkswagen
Bergamo: Via 5° Alpini, 8 - tel. 035 4532711
Treviglio: Via Caravaggio, 53
Sondrio: Via Nazionale 22/A - Postalesio (SO) vw.bonaldi.it
LUN E D Ì 2 2 F E B B R A I O 2 02 1 L A G A Z Z E T TA D ELLO S P O RT 5

Speciale Champions/IL PERSONAGGIO

A tu per tu con...

Romero
I NUMERI

5
Le gare
in Champions
di Romero in
questa edizione,
L ’ I N T E R V I S T A e dunque in

«REAL E BENZEMA:
carriera: tutte
quelle del girone
(e tutte da
titolare) tranne
quella in casa

IL MEGLIO CHE C’È


contro il
Liverpool (0-5),
quando rimase
in panchina 90’

HA DETTO
MA NOI DOBBIAMO 1
Benzema è
il pericolo
CREDERCI DAVVERO» I gol
di Romero in
Champions: il
preziosissimo
numero
uno: meno
«Se nel giorno delle due gare siamo tutti nella 1-1 in casa con il
Midtyjlland,

leggibile di nostra condizione migliore e diamo qualcosa decisivo per la


qualificazione
Ibra, forte
come lui
in più del 100%, abbiamo delle possibilità» agli ottavi

vedo solo
Lukaku

di Andrea Elefante 3 Primo pensiero il giorno del re: Benzema è il pericolo nume-
sorteggio degli ottavi di Cham- ro uno del Real, l’attaccante più
pions? forte con cui avrò avuto a che

C
3 ristian “Cuti” Ro- «Stavamo pranzando in ritiro: fare, assieme a Lukaku».
Peccato mero, vorremmo non dico che abbiamo festeg-
non sfidare partire da quel ta- giato, ma quando è uscito il Re- 3 Più forte anche di Ibrahimo-
Ramos, ma tuaggio che ha sul al eravamo contenti. Tanti di vic?
braccio: credo nei miei sogni. noi, forse tutti, la considerano «Per me sì: Ibra posso “legger-
lui di quella
E’ un sogno giocare contro il la partita più importante della lo” meglio. Benzema non sta
difesa è un Real? carriera». mai fermo: è speciale in quasi
pilastro: «E come potrei chiamarlo, in tutto quello che fa, ma sa esser-
male per altro modo? Neanche tre anni fa 3 Debuttò in A marcando lo anche se fa una cosa sola».
loro, bene giocavo ancora nel Belgrano, Ibrahimovic e confessò di non
per noi mio padre lavorava in un’azien- aver pensato a chi aveva da- 3 A chi lo paragonerebbe?
da di trasporti dall’alba alle no- vanti: quando vedrà Benzema, «Forse un po’ a Immobile: è più
Cristian ve di sera per non far mancare cosa penserà? potente, ma ha movimenti si-
Romero niente a me e ai miei fratelli e «Anzitutto devo essere sicuro mili».
consentirmi di credere ad una di giocare... Nel caso, penserò
vera carriera da calciatore. che aspetto questa partita da 3 Non ci sarà la sfida a distanza
Guardavo la Champions da Cor- tanto tempo per dare tutto». con Sergio Ramos, da sempre il Grinta
doba, era un mondo lontanissi- suo modello di difensore. argentina
mo: ora è anche il mio mondo». 3 Lei studia gli attaccanti da «Tutti parlano solo delle loro Cristian Romero, 22 anni, prima
affrontare? assenze, ma occhio: non sarà il stagione all’Atalanta. E’ in prestito
3 Un giorno disse: spero di gio- «Guardo molto la Liga, ma in miglior Real, ma è il Real Ma- dalla Juve che l’ha acquistato
care la Champions con la Juve, questo caso c’è poco da studia- drid, forse la squadra più forte dal Genoa che, a sua volta,
il Manchester United, il Bar- del mondo. Peccato non affron- l’aveva preso dagli argentini
cellona o il Real. Invece la gio- tarlo, ma Ramos è il pilastro del Belgrano nel 2018 LAPRESSE
ca con l’Atalanta e contro il
Real... SocialClub della difesa di Zidane: per loro è
un problema grave, per noi è un te così. E avere uno così a inizio molto come difensore. L’impor-
«Avevo fatto un elenco di gran- vantaggio». carriera è fondamentale». tante è stare bene fisicamente,
di squadre, nel frattempo l’Ata- Tutto in un tatuaggio essere libero di testa e avere
lanta è diventata una grande 3 Sa che i bookmaker danno 3 Forse ha già fatto quakche grande concentrazione».
squadra». una quota bassa per la qualifi- progresso nel gestire precipi-
cazione ai quarti dell’Atalan- tazione e irruenza, dunque i 3 Quanto vede lontana la Na-
3 Ricorda cosa pensò l’anno ta? cartellini gialli? zionale?
scorso vedendo l’Atalanta do- «Le posso dire quello che pen- «Mi scappano ancora ammoni- «Spero non così lontana. Ma-
minare il Valencia e giocarsela siamo anche noi: se tutti, nel zioni stupide, a volte: la metà gari arriverà con le prossime
con il Psg? giorno delle due partite, sare- potevo non prenderle. Ma l’an- convocazioni, altrimenti conti-
«A marzo fu solo una confer- mo nel nostro giorno migliore e no scorso di questi tempi erano nuerò a impegnarmi: così ci ar-
ma: per me l’Atalanta giocava il tutti daremo qualcosa in più del quasi il doppio: va già me- riverò, un giorno. Mi dicono
miglior calcio d’Italia assieme cento per cento, ce la potremo glio...». che dovrei parlare di più, farmi
alla Lazio. Ad agosto stavo per fare. Io credo molto nell’Atalan- vedere di più in tv, che a quelli
iniziare il ritiro con la Juve, ma ta: siamo cresciuti tanto». 3 Una squadra che gioca come del Boca e del River che si fanno
rimasi poco. Dissi al mio pro- l’Atalanta mette sempre a ri- conoscere di più basta giocare
curatore: “Ho bisogno di gioca- 3 Ma lei si aspettava di giocare schio i suoi difensori, ma esalta bene 5-6 partite per essere
re”. E non c’era soluzione mi- subito così spesso e così bene? anche chi gioca molto sull’an- chiamati. Ma io l’unico modo
gliore dell’Atalanta che avevo ● Quando era poco più che un «Sinceramente no, ma sapevo ticipo come lei che conosco per farmi conosce-
visto a Lisbona». ragazzino, Cristian Romero si che l’Atalanta era la scelta giu- «In tanti dicono che giochiamo re è lavorare: per gli altri miei
fece tatuare sul braccio destro sta per crescere. Devo farlo an- solo offensivamente: c’è un “so- sogni è stato così».
3 Le capita di pensare alla Ju- una frase che lo ha ispirato cora, tanto: ma il mister mi sta lo” di troppo, là dietro il nostro © RIPRODUZIONE RISERVATA
ve, dove forse tornerà? in tutto questo suo inizio addosso, lo farò di sicuro. Io, non è mai un “uno contro uno”
«Oggi è un pensiero ancora
molto lontano».
di carriera. C’è scritto:
«Credo nei miei sogni»
che tatticamente ero disastroso,
non ho mai avuto un insegnan-
puro. E comunque giocare così
d’anticipo mi fa migliorare s TEMPO DI LETTURA 3’45”

La Champions League era un sogno, oggi è il mio sogno


E la Dea è stata la scelta giusta: Gasp ideale per crescere
CRISTIAN ROMERO
6 LUNEDÌ 22 FEBBRAIO 2021 LA GAZZETTA D E L LO SP O RT

PARTNER UFFICIALE
ATALANTA B.C. 2020/21

Auto Industriale Bergamasca S.p.A


Via Friuli, 41 - Dalmine Via Alle Case Barca, 2 - Bergamo
Tel. +39 035561390 Tel. + 39 035 316124

Mail: info@autoindustriale.it - www.autoindustriale.it


LUN E D Ì 2 2 F E B B R A I O 2 02 1 L A G A Z Z E T TA D ELLO S P O RT 7

Speciale Champions/IL BLOG

Euro-parole
Il “dentista” di Pep Assi della
panchina
Jurgen Klopp
(Liverpool),

l’applauso di Klopp
53 anni, e Pep
Guardiola
(City), 50

HA DETTO
«Gasp come Bielsa» HA DETTO
L’Atalanta ha conquistato anche i grandi
Quanti elogi dai tecnici in Champions
In Serie A È una
pensano a squadra
difendersi, sfornata Pep Guardiola prima mente fastidioso passare sotto i Anfield. Aveva ragione, visto il Questione di stile, definito veramente
di Marco Guidi
del match di ritorno nel girone ferri del dottor Gasp. Meglio, al- risultato in Inghilterra. Lo stes- «unico» da Thomas Tuchel
l’Atalanta sservata, ammirata di Champions della scorsa sta- lora, ammirare la Dea da lonta- so allenatore tedesco si era lan- prima del quarto di finale di
incredibile,
invece è con uno

O
e... temuta. Anche gione: «Affrontare l’Atalanta è no: «Vederla giocare è una gioia ciato in un paragone tra Gaspe- agosto tra il Psg e i nerazzurri:
una grande dalle big. Nell’ultimo come andare dal dentista». per gli occhi», aveva detto in rini e Marcelo Bielsa: «La sua «In Serie A tutti pensano a di- stile di
sorpresa anno e mezzo l’Ata- Ahia. Può essere tremenda- precedenza sempre il tecnico Atalanta gioca come il Leeds». fendersi, loro invece...». Il me- gioco
grazie a lanta si è fatta un no- del Manchester City. Zinedine rito è soprattutto del Gasp: «Il bellissimo
Gasperini me in Champions, non solo gra- Zidane, invece, ha già due ap- suo lavoro è stato eccezionale», da vedere
zie ai risultati, ma soprattutto puntamenti fissati dal “denti- ha riconosciuto Ralf Rangnick.
per il gioco di Gian Piero Gaspe- sta” Gasperini: «Conosciamo il L’ultima parola, però, la lascia-
rini. Così i grandi allenatori valore dell’Atalanta». mo a Erik ten Hag, tecnico del-
d’Europa, quando chiamati ad l’Ajax, con cui la Dea si è giocata
affrontare la Dea, si avvicinano
Una minaccia per Stile Vederla giocare è l’accesso agli ottavi a dicembre:
alla gara regalando frasi a effetto chiunque in Neanche la vittoria per 5-0 a una gioia, ma se «Squadra Incredibile». Punto.

Tuchel Chelsea
che fanno gonfiare il petto ai ti-
fosi nerazzurri.
Europa. L’Atalanta Bergamo del suo Liverpool ave-
va fatto cambiare idea a Jurgen
l’affronti è come Ten Hag Ajax
gioca come il Leeds Klopp: «I nerazzurri sono una andare dal dentista
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Dottor Gasp
La più nota, l’ha probabilmente
Jurgen Klopp Allenatore del
Liverpool, il 24 novembre 2020
minaccia per chiunque in Euro-
pa», disse prima del ritorno ad
Pep Guardiola Tecnico del
Manchester City, il 4 novembre 2019 s TEMPO DI LETTURA 1’22”
8 LUNEDÌ 22 FEBBRAIO 2021 LA GAZZETTA D E L LO SP O RT
LUN E D Ì 2 2 F E B B R A I O 2 02 1 L A G A Z Z E T TA D ELLO S P O RT 9

Speciale Champions/IL GRANDE EX

L ’ I N T E R V I S T A

Tacchinardi
«Dea, sei incredibile
Ma per battere il Real CHI È
Alessio

del mio amico Zidane


Tacchinardi
È nato a Crema
il 23 luglio 1975.
Cresciuto

devi restare te stessa»


nel vivaio
dell’Atalanta,
dopo aver
collezionato
«Gli spagnoli hanno problemi e non amano i ritmi alti 9 presenze in
prima squadra
L’Atalanta è la più fastidiosa che potevano incontrare» tra il ’92 e il ’94
è passato alla
Juventus, dove
ha giocato fino
in Coppa Italia e per la seconda al 2005. Quindi
di Fabio Bianchi
volta agli ottavi di Champions. fino al 2007 è in
MILANO
Il suo è un gioco perfetto per Spagna nel
ui li conosce bene. tornei da dentro o fuori? Villarreal e poi

L
Nella Dea ci è cre- «Penso che la Dea sia la squa- ha chiuso la
sciuto e ha mosso i dra più europea del nostro cam- carriera a
primi passi verso la pionato. Corre, torna, pedala Brescia. Vanta
gloria. Con Zidane ci senza tatticismi, senza pensare 13 presenze
ha giocato e ha vinto tutto nella a stare bassa o alta. Attacca, ti in Nazionale.
Juve. Ora l’Atalanta e Zidane si viene a prendere. È la più euro- Da allenatore
sfidano in Champions. pea anche perché è molto fisica. ha guidato
Un conto è vedere l’Atalanta al- Pergolettese,
3 Alessio Tacchinardi, si sareb- la tv, non rende l’idea, un conto Lecco e Crema
be mai aspettato un’Atalanta è giocarci contro. Nessuna gioca
così bella e competitiva? così, fai anche fatica a leggerla,
«Onestamente no. Anche per- perché ti può venire ad attacca- 3 Ha giocato tanto con Zidane. za avere più forze. È arrivata fin
ché poi non è facile stare a que- re il difensore centrale che vie- Lo immaginava allenatore? lì giocando così e anche ora an-
sti livelli per tanto. C’è da fare i ne a prendere l’uomo. Contro la «Assolutamente no. È un ra- drà avanti nel suo stile, senza
complimenti alla famiglia Per- Dea tutte possono soffrire». Cresciuto gazzo eccezionale, ma era mol- snaturarsi. Ed è giusto così».
cassi, che ha saputo program- nerazzurro to timido, parlava pochissimo.
mare molto bene, creando 3 Ora c’è il Real Madrid al Un baby Alessio Mai e poi mai avrei pensato po- 3 Manca un trofeo da inserire
strutture e centro sportivo, e a Gewiss, il suo vecchio Comu- Al lavoro Tacchinardi nell’attuale Tacchinardi con tesse diventare un tecnico im- in questo ciclo stupendo. Ce la
tutti i collaboratori. E poi ovvia- nale. Da non crederci eh? veste di opinionista Mediaset LAPRESSE la maglia portante. Sa esaltare le doti dei può fare con la sua Juve nella
mente a Gasperini che è riuscito «Vero. Una grande soddisfazio- dell’Atalanta. giocatori. Conoscendo bene finale di Coppa Italia?
ad esaltare questa squadra e a ne. La sfida la vedranno anche Centrocampista l’Italia, sa che ha una brutta gat- «Già sbarcare agli ottavi di
portarla a un livello altissimo. nell’ultimo paesino sperduto. è cresciuto nelle ta da pelare e starà attento. Ma Champions per due volta di fila,
Pensavo a una crescita, ma così Che traguardo». giovanili dela ha qualche problemino...». stare nelle prime in campionato
grande non so quanti se lo sa- Dea e ci ha e giocare la finale di coppa Italia
rebbero aspettato. Io che ci sono 3 Il Real è un po’ in crisi, l’Ata- La banda di Gasp giocato dal 1992 3 Sì, ma difficilmente sbaglia è come vincere. Quello che sta
stato sapevo dell’ambizione e lanta ne può approfittare, an- al 1994, prima di le gare importanti. facendo, con una rosa medio-
della serietà del presidente ma che perché nel ritorno non su- non ha nulla passare alla «Vero. Però è anche vero che la buona, è spettacolare. Comun-
raggiungere questo livello è in-
credibile».
birà il miedo escenico del Ber-
nabeu?
da perdere, il Juve AFB storia è storia. Troverà stimoli in
più, ma questo Madrid non ha
que, in una partita secca, l’Ata-
lanta può battere la Juve. Perché
«Un bel vantaggio. In più il Real Madrid invece... la forza del passato e le forza del no? L’Atalanta è una realtà or-
3 C’è qualcuno che le somiglia non avrà Ramos e qualche altro Bernabeu al ritorno». mai».
nella Dea? Forse Freuler? mostro sacro, e non è abituato
«Forse un po’ sì ma una cosa è ad alte intensità. Si può uscire, 3 Cosa deve fare Gasp per pas- 3 Per chi tiferà?
certa: assomiglio a tanti gioca- ovvio. Ma penso che abba buo- sare il turno? «Beh, io tifo sempre Juve. Di so-
tori per carattere, umiltà, stare nissime possibilità di passare. «Penso che debba giocare da lito in campionato spero in un
zitti e pedalare. Al di là delle do- Deve fare due gare perfette. Per Atalanta, con le sue caratteristi- pareggio. Facciamo così: firmo
ti tecniche, mi identifico molto il Real la Dea è la squadra più fa-
Zizou? Era timido che di pressing. Tanto se esce per la Champions League alla
nella personalità di molti uomi- stidiosa che possa incontrare, non pensavo non è un problema. Il Real ha Juventus e la Coppa Italia al-
ni di Gasperini. Come Pessina,
che ha serietà e ambizione sen-
per la poca voglia di correre che
ha. L’Atalanta però deve arri-
potesse diventare solo da perdere, l’Atalanta tutto
da guadagnare. Pensate cosa si-
l’Atalanta».
un grande tecnico
© RIPRODUZIONE RISERVATA

za fare il fenomeno». varci al top fisicamente. Mi au- gnificherebbe eliminare il Real.

3 È una Dea di Coppa. Finalista


guro che faccia turn over mas-
siccio in campionato».
Alessio Tacchinardi
Ex Atalanta e Juventus
L’Atlanta è uscita col Psg perché
ha continuato ad attaccare sen- s TEMPO DI LETTURA 3’36”
10 LUNEDÌ 22 FEBBRAIO 2021 LA GAZZETTA D E L LO SP O RT
LUN E D Ì 2 2 F E B B R A I O 2 02 1 L A G A Z Z E T TA D ELLO S P O RT 11

Speciale Champions/TIFOSI DI... SERIE A

La carica degli ex
COLLEY (VERONA) CZYBORRA (GENOA)

CON LA DEA «Real Madrid


l’avversaria
più bella»
«Il calcio
dell’Atalanta
resta unico»

NEL CUORE
BARROW (BOLOGNA)

«Bergamo è casa mia


A Verona Ebrima Colley, 21 anni Al Genoa Lennart Czyborra, 21

● (fi.gri).) Ebrima Colley, ● (m.f.) A Bergamo è iniziata

Gasperini come un padre»


attaccante, è in prestito la sua avventura italiana nel
dall’Atalanta al Verona. gennaio di un anno fa. Un
Gambiano, dice: «Per periodo formativo sul piano
chiunque abbia amato il professionale, anche se con
del Bologna. «Alla città di contro il Real Madrid - ecco calcio, si sa, il Real Madrid ha Gasperini aveva giocato
di Matteo Dalla Vite
Bergamo e all’Atalanta resterò che Musa manda un grande un fascino unico e soltanto una partita, il 14
stata la sua culla: per sempre legato - racconta «In bocca al lupo» alla sua inimitabile. Le 13 Champions luglio contro il Brescia. E ora

È calcistica e di vita.
Musa Barrow arrivava
dal Gambia e proprio
l’attaccante agli ordini di Sinisa
Mihajlovic -. Mi hanno aiutato,
sostenuto, dato consigli, è a
vecchia... banda. «Per tutto ciò
che ho descritto prima -
continua l’attaccante
vinte lo rendono l’avversario
più bello. Sono sicuro che
sarà proprio questo lo
seguirà da genoano la
doppia sfida dell’Atalanta
contro il Real Madrid.
lì, in maglia nerazzurra, ha Bergamo che sono diventato gambiano -, sono felicissimo spirito col quale lo Czyborra si dichiara
trovato affetto e condizioni un calciatore e Gasperini nel che ora l’Atalanta si giochi affronterà l’Atalanta. Uno fiducioso sul cammino dei
giuste per veicolare il proprio tempo è diventato come un qualcosa di così importante e spogliatoio forte e compatto, suoi ex compagni in
talento nel calcio. Il calcio vero. padre. Quando scelsi di venire farò un grande tifo a distanza un gruppo consolidato nel Champions: «A mio giudizio
Le giovanili e poi la prima al Bologna, lui capì benissimo per i miei ex compagni. tempo che, però, sa anche hanno buone possibilità.
squadra, il primo gol in Serie A la mia decisione e mi appoggiò, Auguro il meglio a tutta la città, rinnovarsi e trovare nuove L’Atalanta gioca un calcio
e la tripletta in Europa al sapendo che per me sarebbe specialmente dopo le enormi forze di stagione in stagione. completamente diverso da
Sarajevo, la tanta panchina, gli stata la cosa migliore da fare». sofferenze dei mesi passati per La mia realtà - bellissima - quello di ogni altra squadra.
inevitabili ostacoli nella tutto quel che è successo legato Talento oggi è interamente gialloblù, Possiede, inoltre,
crescita, l’addio ma anche un Sostegno alla pandemia». Musa Barrow, ma per i tanti amici e gli anni individualità importanti e
abbraccio che non si dissolve. Adesso che l’Atalanta vive i © RIPRODUZIONE RISERVATA 22 anni, che ho trascorso a Bergamo, una filosofia di gioco
Né si dissolverà, ora che - e dal vertici del nostro calcio - dalla gambiano, gioca non potrò che essere vicino davvero unica. Ha fatto pure
gennaio 2020 - il tragitto di
Musa ha i colori della maglia
finale di Coppa Italia alla
Champions in cui duellerà s TEMPO DI LETTURA 1’20” nel Bologna
LAPRESSE
ai miei ex compagni». soffrire il Psg nei quarti...».
12 LUNEDÌ 22 FEBBRAIO 2021 LA GAZZETTA D E L LO SP O RT

& #"$$(&!) '"+*(" &*"(%!


LUN E D Ì 2 2 F E B B R A I O 2 02 1 L A G A Z Z E T TA D ELLO S P O RT 13

Speciale Champions/LE GIOVANILI

Passione Primavera
«Contro il Real? Solo alla PlayStation...»
Cortinovis, il capitano: «Questa doppia sfida è un orgoglio per noi nati a Bergamo»
top club europeo, il Real Ma-
di Marco Calabresi
drid è uno dei primi nomi che
chi è cresciuto con la viene in mente». C’era Corti-
HA DETTO HA DETTO
A
maglia dell’Atalanta novis, ma c’era anche Davide
addosso sin da ra- Ghislandi, un altro di quelli che
gazzino, l’emozione si allenano con Gasperini, che
gliela senti nella vo- iniziano a comparire nella lista
ce. Affrontare il Real Madrid, e dei convocati e in panchina.
chi se lo sarebbe mai aspettato? Chissà se anche a loro, tra qual-
I big della Primavera di Massi- che anno, capiterà di vivere una
Un mo Brambilla, la generazione serata del genere: «Se penso a Una volta
giocatore del 2001, hanno varcato il can- quando eravamo bambini, Ata- una sfida
del Real cello di Zingonia quando l’Ata- lanta-Real Madrid era inimma- così
lanta giocava in Serie B e tutto ginabile. Ma credo sia altrettan-
a cui questo sarebbe stato utopistico, to straordinario vedere l’Ata-
sarebbe
stringerei inimmaginabile. Tanto che il lanta giocare contro queste stata
la mano? ricordo più emozionante di squadre. Vedere il nome della impossibile,
Isco: mi Alessandro Cortinovis, il capi- nostra società accostato al Real ma adesso
rispecchio tano della Primavera, da rac- poteva fare effetto qualche an- fa meno
in lui cattapalle, «è un gol di Tiriboc- no fa, adesso fa meno impres- impressione
chi in una partita contro il Tori- sione». Il ruolo è diverso, ma
no, proprio di Serie B». Sono Davide ha le idee chiare a pro-
passati gli anni, cambiati i gio- Talento Alessandro Cortinovis, capitano della Primavera nerazzurra, è nato a Bergamo il 25 gennaio 2001 MAGNI posito di idoli: «Sicuramente
catori e gli avversari. Ora c’è Sergio Ramos, l’emblema del
Atalanta-Real Madrid, roba che adesso anche noi siamo l’Ata- che Atalanta-Real Madrid si sia Real. Certo, anche Benzema è
si poteva fare solo alla PlaySta- lanta, e avvertiamo questo ri- Partite virtuali già giocata, a livello giovanile. un gran giocatore...». Tra l’an-

Alessandro
tion: «E nei videogiochi mi so-
no divertito a costruire la squa-
spetto nei nostri confronti gi-
rando per l’Europa come la pri- «Nei videogiochi Vinsero i blancos, a livello di
Under 16, dopo che un anno
data e il ritorno contro Zidane,
per la Primavera dell’Atalanta Davide
Cortinovis dra dei 2001 dell’Atalanta - rac- ma squadra per la Youth Lea- mi diverto prima i nerazzurri avevano bat- avrebbe dovuto esserci la Youth Ghislandi
Attaccante conta Cortinovis -, spesso met-
tendola di fronte a squadre
gue. Un giocatore a cui
stringerei la mano? Isco, mi ci
a... schierarci tuto in rimonta il Barcellona
nella finale del torneo Scirea.
League contro il Lipsia: tutto
rinviato. Resta solo il Real.
Centrocampista

come il Real. Tutto questo è sono sempre rispecchiato». contro le big» «Non eravamo in prima squa- © RIPRODUZIONE RISERVATA
bellissimo, per me che sono dra, e neanche loro, ma un po’
Quella volta che...
cresciuto a 10 minuti dallo sta-
dio e ci andavo a piedi. Ma È capitato, negli anni scorsi,
di emozione nel vedere quelle
maglie c’era: se si pensa a un s TEMPO DI LETTURA 2’01”
14 LUNEDÌ 22 FEBBRAIO 2021 LA GAZZETTA D E L LO SP O RT

ODONTOIATRIA
OSPEDALE FACCANONI POLIAMBULATORIO SAN MARCO CASA DI CURA
SARNICO BERGAMO ZINGONIA

IL NOSTRO DOVERE È IL
VOSTRO DIRITTO DI SORRIDERE
PAGAMENTO IN PICCOLE RATE A TASSO ZERO FINO A 48 MESI

ZINGONIA di Ciserano (Bg) Via Bologna, 1 Numero Diretto: 348 26.01.080


Dir. Sanitario: Dr. Umberto Bonassi
da lunedì a venerdì 8.30/13.00 - 14.00/19.00 - sabato 8.30/13.00 Area odontoiatrica: Dott. Pietro Stilo

SARNICO Osp. di Sarnico Via P.A. Faccanoni,6 Numero Diretto: 347 31.45.290
Dir. Sanitario: Dr. Giovanni Taveggia
da lunedì a sabato 8.30/13.00 - 14.00/19.00 Area odontoiatrica: Dott.ssa Cristina Nelda Gnesa

BERGAMO Piazzale della Repubblica, 10 Numero Diretto: 347 55.78.036


Dir. Sanitario: Dr. Umberto Bonassi
da lunedì a venerdì 8.30/13.00 - 14.00/19.00 - sabato 8.30/13.00 Area odontoiatrica: Dott.ssa Giselle Daleffe

Sistema Sanitario Regione Lombardia


LUN E D Ì 2 2 F E B B R A I O 2 02 1 L A G A Z Z E T TA D ELLO S P O RT 15

Speciale Champions/FUORI CAMPO

Periscopio
Le dee della Dea
1 4

2 M O G L I E COMPAGNE
5
MARIJA, ALISA E LE ALTRE
C’È UN’ATALANTA ROSA
CHE FA IL TIFO DA LONTANO
Niente stadio in tempo di pandemia? Ecco i rimedi:
«FaceTime tra di noi, champagne e urla alla tv...»
3 6
diventati off limits e le foto, co- do possiamo ci troviamo, so- re tifose, dovremmo fare un vi-
di Marco Guidi
me quella di Marija Pasalic e prattutto con Ricarda de Roon e deo di come seguiamo la parti-
he ne pensate di un Alisa Menkovie, lady Djimsiti, a la fidanzata di Miranchuk, che è ta, ma per renderlo pubblico

C
San Valentino in Sar- San Siro prima di Atalanta-Va- arrivata da poco in Italia e cer- andrebbe poi messo qualche
degna? Bella idea, lencia, l’ultima prima della chiamo dunque di far integrare beep per quello che urliamo ai
ma se le donne stan- pandemia, sono un lontano ri- in fretta. Il programma, di soli- nostri mariti (ride). Prima della
no a casa non è pro- cordo. «È molto dura per me to, è cucinare qualcosa di esoti- pandemia, io e Rebea siamo an-
prio uguale... L’Atalanta il 14 non poter essere vicino a Remo co (l’ultima volta messicano, che andate all’aeroporto ad ac-
febbraio era di scena a Cagliari e mentre gioca - continua Kristi- ndr) e poi fare il tifo insieme». cogliere la squadra insieme ai
le dolci metà dei calciatori ne- na -. Andavo spesso allo stadio La partita con il Real Madrid è ragazzi della curva». Non po-
razzurri hanno dovuto osserva- con le compagne di altri gioca- speciale e Diana ha in mente tendo andare allo stadio, anche
re i loro ragazzi da lontano. tori, come Gosens o Hateboer, e qualcosa di particolare. «C’è da Ricarda si organizza grazie alla
«Quando sei la moglie di un se possiamo cerchiamo di tro- tenere in conto che alle 22 scatta tecnologia: «In orari consentiti,
calciatore, sai bene che può ca- varci per vedere la partita in tv, il coprifuoco e quindi sarà com- ci troviamo da me di solito. Ma
pitare spesso che il tuo uomo ma non è la stessa cosa». E allo- plicato trovarci tra di noi. Così ricordo che già contro il Valen-
non ci sia il giorno del tuo com- ra Kristina si deve accontentare sto pensando di vedere la gara cia, quando qui a Bergamo la si-
pleanno, agli anniversari o a spesso di seguire il match da ca- in collegamento con i miei pa- tuazione era tremenda, aveva-
San Valentino, ma devo dire che sa con lo splendido volpino di renti in Colombia, perché la mo usato FaceTime e dopo la
Remo si fa sempre perdonare il pomerania di famiglia. Champions è seguita anche là». vittoria abbiamo brindato,
giorno dopo (ride ndr)», rac- C’è però un problema... «Mia ognuna a casa sua, ma tutte con
conta Kristina Freuler. La fami- Tecnologia mamma inizia a urlare e prega- lo champagne». E pure per
Dolci metà glia del centrocampista svizze- «Allo stadio non si può andare, re e non sarà facile vedere la questa sfida con il Real la botti- Nerazzurre
1. Marija Pasalic e Alisa Menkovie, ro, insieme a Gosens e la fidan- ma non mi piace vedere la par- partita con lei (ride ndr)». Se glia è in fresco. Serve un’impre- 4. Kristina Freuler, Alisa Menkovie,
lady Djimsiti, prima di una gara della zata Rabea, hanno rimediato il tita da sola - dice secca Diana pensate che la cosa sia tipica del sa, ma con la Dea mai dire mai. Rabea Böhlke e Elisa Hiariej
Dea a San Siro in Champions 15 febbraio con una bella gita Zapata, moglie di Duvan, cen- temperamento sudamericano, © RIPRODUZIONE RISERVATA (fidanzata di Hateboer)
2. Marten e Ricarda de Roon sulla neve in montagna. Ma alle travanti della Dea -. Il calcio è allora non conoscete Ricarda, 5. Duvan e Diana Zapata
3. Robin Gosens e la “sua” Rabea
INSTAGRAM
donne manca molto il campo.
Causa pandemia, gli stadi sono
qualcosa che è bello condivide-
re con gli altri, per questo quan-
dolce metà dell’olandese De
Roon: «Noi girls siamo delle ve- s TEMPO DI LETTURA 2’46” 6. Juline Palomino, moglie del
difensore José INSTAGRAM
16 LUNEDÌ 22 FEBBRAIO 2021 LA GAZZETTA D E L LO SP O RT
LUN E D Ì 2 2 F E B B R A I O 2 02 1 L A G A Z Z E T TA D ELLO S P O RT 17

Speciale Champions/LA STORIA

La curiosità
L’ultima in A di Zidane? Contro l’Atalanta
È iI 17 giugno 2001: nel 2-1 della Juve, il francese esce dopo 27’. Poi volerà a Madrid
ta, mentre la Roma si appresta-
di Andrea Schianchi
essuno immaginava
va a festeggiare la scudetto e
persino il sindaco Veltroni, ju- JUVENTUS 2
CHI È
N 1
che sarebbe stata ventino doc, si faceva immor-
l’ultima, ma il calcio tale dai fotografi con la sciarpa ATALANTA
è una storia in dive- giallorossa al collo, Zidane gio- (PRIMO TEMPO)R1-0
Zinedine nire e non si sa mai cò soltanto 27 minuti. Una ma-
Zidane che cosa succede. Fatto sta che ledetta contrattura alla coscia MARCATORI: Trezeguet (J) al 6’
È nato a domenica 17 giugno 2001, destra lo costrinse a chiedere la p.t.; Tacchinardi (J) 19’, Nappi (A) 33’
Marsiglia il 23 quando i tifosi della Juventus sostituzione: non ce la faceva s.t.
giugno 1972. s’incamminarono verso lo sta- proprio a correre. Al suo posto
JUVENTUS (4-3-1-2)
Acquistato dal dio per assistere alla sfida con- entrò Pippo Inzaghi. I bianco- Van der Sar; Tudor, Ferrara, Iuliano,
Bordeaux nel tro l’Atalanta, mai avrebbero neri batterono 2-1 l’Atalanta Paramatti (dal 26’ Athirson);
1996, ha giocato pensato che non avrebbero più con i gol di Trezeguet e di Tac- Zambrotta, Tacchinardi, Pessotto;
fino al 2001 nella rivisto Zinedine Zidane con la chinardi (per i bergamaschi Zidane (dal 27’ F.Inzaghi); Del Piero,
Juve (vincendo maglia bianconera addosso. guidati da Vavassori segnò Trezeguet (dal 30’ s.t. Kovacevic).
tra l’altro due Quel giorno, tutti lo sapevano, Nappi). Zidane osservò tutto PANCHINA: Carini, Birindelli, Brighi,
Gasbarroni
scudetti), prima ci sarebbe stato l’addio di Carlo dalla panchina, dove si sedette
ALLENATORE: Ancelotti
di passare al Ancelotti: l’allenatore non ave- per far riposare i suoi muscoli.
Real (una Liga e va vinto nulla nelle due stagio- ATALANTA (4-4-1-1)
la Champions). ni sulla panchina e la gente, I dubbi Pelizzoli; C.Zenoni, Siviglia, Carrera,
In Spagna ha che già non ne aveva condiviso Nelle consuete interviste del Belini; Dundjerski (dal 32’ s,t,
chiuso la l’ingaggio per il suo passato dopo-partita Roberto Bettega, Pagano), D.Zenoni, Berretta, Zauri;
carriera nel prima romanista e poi milani- cui venne posta una domanda Morfeo (dal 34’ s.t. Espinal); Nappi
(dal 34’ s.t. Bianchi). PANCHINA:
2006. Con la sta, aveva chiesto espressa- sul futuro di Zidane, rispose in sarebbe stato un punto di rife- minata: forse anche lui aveva Pinato, Paganin, Minelli, Previtali
Francia ha vinto mente il suo licenziamento. Fu modo secco, quasi indispettito: rimento anche nella Juve del immaginato un addio diverso, ALLENATORE: Vavassori
il Mondiale nel Umberto Agnelli a spiegare le «È incedibile». Luciano Mog- futuro affidata a Marcello Lip- forse avrebbe voluto ringrazia-
’98 (Pallone ragioni della scelta societaria: gi, deus ex machina del merca- Duello pi. Invece, all’improvviso, la re i tifosi che di lui erano inna- ARBITRO: Bolognino
d’oro) e «Esoneriamo Ancelotti perché to bianconero, che qualche fantasia storia cambiò: il Real Madrid si morati, ma le leggi del mercato NOTE: nel secondo tempo, partita
l’Europeo nel non c’è sintonia con la tifoseria trattativa aveva probabilmente Zinedine Zidane fece avanti, chiese il cartellino sono spietate e al sentimento sospesa tra il 28’ e il 44’ per pacifica
invasione di campo dei tifosi juventini
2000. Allena dal e con la critica». Il tecnico, con già in testa, si limitò a com- contrastato di Zidane alla Juve, sborsò pa- non concedono spazio.
2013 molta diplomazia, ammise: mentare: «È rinnovabile». E da Domenico recchi soldi e se lo accaparrò. A © RIPRODUZIONE RISERVATA
«Accetto la decisione, ma non così fece intuire che il contratto Morfeo in quella Zizou restò il ricordo di quel-
la capisco. È un boccone amaro
da digerire». Contro l’Atalan-
del campione francese poteva
essere prolungato e che Zidane
sfida del 2001
MAGNI
l’ultima partita contro l’Ata-
lanta, per giunta neanche ter- s TEMPO DI LETTURA 1’56”
18 LUNEDÌ 22 FEBBRAIO 2021 LA GAZZETTA D E L LO SP O RT
LUN E D Ì 2 2 F E B B R A I O 2 02 1 L A G A Z Z E T TA D ELLO S P O RT 19

Speciale Champions/IL PERSONAGGIO

La meteora
Magallanes, l’incompreso
ceduto al Real: «Ma chi è?» CHI È
A Bergamo due stagioni senza acuti per l’uruguaiano Federico
Magallanes

Poi l’inatteso trasferimento a Madrid: però fu un flop È nato il 22


agosto 1976 a
Montevideo.
zioni. Un passaggio senza trac- pagata all’Atalanta una cifra Acquistato nel
di Andrea Schianchi
ce, insomma. Capita. Il suo pro- che attualmente sarebbe di 6 1996 dal
ederico Magallanes, curatore, che era il potentissi- milioni di euro, Magallanes Penarol, ha

F
chi è costui? Il calcio mo Paco Casal, lo presentò con s’imbarca per Madrid, firma il militato per due
è bello anche perché queste parole: «È fortissimo regolare contratto e i tifosi lo stagioni con
regala storie impro- quando ha la possibilità di par- accolgono come fosse arrivato l’Atalanta
babili, gente che sen- tire da lontano». Tutti immagi- un vero campione, salvo poi realizzando 3
za un bravo agente faticherebbe navano si trattasse di un formi- darsi di gomito l’un con l’altro e gol in 24
a trovare un posto in una squa- dabile contropiedista e invece i chiedersi: «E chi è questo?». presenze.
dra di Serie B e all’improvviso si dirigenti dell’Atalanta si ritro- Fatto sta che Magallanes, quel Quindi il
ritrova a firmare autografi con varono a gestire un ragazzo che giorno, visse la sua favola, fir- passaggio al
la maglia del Real Madrid. A ancora non aveva trovato la sua mò centinaia di autografi a per- Real: nssuna
Magallanes, aletta uruguaiana posizione sul campo. sone che nemmeno sapevano presenza e
di discreta corsa e poca fanta- chi fosse e tornò nella lussuosa cessione al
sia, questo è accaduto. Nel La telefonata suite dell’albergo che il club gli Racing
1996, a vent’anni, l’Atalanta lo Nell’estate del 1998 il colpo di aveva messo a disposizione. La Santander. Poi
ha acquistato dal Penarol spe- scena. Magallanes se la sta go- storia durò poco perché l’alle- giocherà anche
rando di farne un campionci- dendo in vacanza a Ibiza quan- natore Guus Hiddink, dopo con Venezia
no. In Uruguay si era guada- do viene raggiunto da una tele- averlo visto all’opera in allena- (2001-2002) e
gnato una buona reputazione fonata. È il suo procuratore che mento, lo bocciò e lo spedì in Torino (2002-
calcistica, ma si sa che il salto gli dice: «Fa’ le valigie e parti prestito a una società minore. 2003). Si è
Amarcord nel campionato italiano è diffi- per Madrid». «E che ci vado a Ma che importa? Per quel gior- ritirato nel 2009
nerazzurro cile da digerire per tutti. E così è fare?» la legittima domanda no da re c’è gente che anche og- dopo una
Federico stato anche per Magallanes. A del ragazzo. «Ti ha comprato il gi pagherebbe di tasca propria. stagione col
Magallanes Bergamo non se ne ricordano Real» gli annuncia Paco Casal. © RIPRODUZIONE RISERVATA Merida, terza
in allenamento come di un fuoriclasse. Pochi «Stai scherzando? Io al Real serie spagnola
con l’Atalanta
LIVERANI
gol, soltanto tre in due stagioni,
pochi dribbling, poche inven-
Madrid? Ma non sono così for-
te...». Superate le perplessità,
In... blanco Magallanes in maglia
Real durante una partita amichevole s TEMPO DI LETTURA 1’55”

• Trasporti internazionali
• Magazzinaggio
• Transiti doganali CH
• Logistica intermodale
• Spedizioni marittime ed aeree

CENTRO DOGANALE BREXIT IMPORT-EXPORT

Seriate (Bg) - Via Nazionale 93


tel. 035.452581 - email: panigada@panigada.com
20 LUNEDÌ 22 FEBBRAIO 2021 LA GAZZETTA D E L LO SP O RT

Speciale Champions/ IL PRECEDENTE

Gli ottavi di un anno fa


di Matteo Spini
BERGAMO
I L 1 9 F E B B R A I O E I L 10 M ARZO
iciannove febbraio

D DAL SOGNO ALL’INCUBO


2020, una data stori-
ca per l’Atalanta.
Avrebbe potuto coin-
cidere con una festa e
il risultato del campo, effettiva-

RESPINTO IL VALENCIA
mente aveva portato in quella
direzione. Un anno dopo, però,
il 19 febbraio e Atalanta-Valen-
cia non riportano alla mente so-
lo una trionfale serata di calcio

MA È DRAMMA COVID
per i colori nerazzurri, ma evo-
cano anche il dramma che Ber-
gamo stava per vivere e di cui
quella partita fu inconsapevole
anticamera.

Gli ultimi abbracci


Era un mercoledì: mezza Berga-
La grande attesa, il 4-1 dell’andata a Milano
mo si era trasferita a Milano e
San Siro ospitava 45 mila spet-
poi l’esplosione dei contagi spaventa Bergamo
tatori, che condivisero momen-
ti di gioia ed esaltazione, per il
In Spagna, senza pubblico, il poker di Ilicic
dirompente 4-1 nerazzurro. Ul-
timo capitolo degli abbracci: di
lì a poco sarebbero stati inevita-
bilmente banditi. Un paio di cora non si conosceva la neces- pendo che poi non sarebbe stato pions, isolati da ciò che succe- Valencia restano nella storia.
giorni dopo, l’Italia sarebbe sità del distanziamento. Il mon- il caso di ritrovarsi a festeggiare La polemica deva all’esterno. Così si spiega lo Quelle del colorato 4-1 milane-
sprofondata nell’incubo: il co-
ronavirus stava per cambiare
do soffriva, il calcio passava in
secondo piano, molte partite
in piazza. Ma anche il senti-
mento con cui quella gara si af- La gara al Meazza shock che parecchi di loro rac-
contarono una volta rientrati,
se, di Hateboer che segna la
doppietta della vita, dell’ipote-
tutto, calcio compreso. Anche venivano cancellate, ma l’Ata- frontò fu particolare: anche per davanti a 45 mila dopo avere vinto anche in terra ca a una qualificazione che
quel momento di gioia sportiva
passò in fretta in secondo pia-
lanta riusciva a giocare (e vince-
re) a Lecce, per presentarsi al ri-
i tifosi più sfegatati, una partita
di calcio, in quel momento, non
spettatori fu una spagnola: sembrò loro di trovar-
si in un paese in guerra, assapo-
sembrava tutto. E anche quelle,
in bianco e nero, di un Mestalla
no: Bergamo si apprestava a vi- torno di Valencia martedì 10 assumeva evidentemente lo “bomba virale” rando quell’angoscia che la città desolatamente vuoto, prima
vere giorni terribili, con miglia- marzo, quando erano trascorsi stesso significato. aveva imparato a conoscere. Da puntata di un calcio a porte
ia di malati e di morti. venti giorni da San Siro: Berga- lì in avanti non si giocò più, per chiuse: l’Atalanta vinse anche
mo visse quella partita in un Surreale mesi: anche i calciatori affron- lì, 4-3, al termine di un lungo ti-
Un mondo diverso modo diverso. Da tutti i punti di L’Atalanta, prima del Mestalla, tarono il lockdown più duro, al- ra e molla che ebbe un padrone,
Atalanta-Valencia fu definita vista: perché la trasferta era sta- era entrata in una sorta di bolla: lenandosi in casa, aspettando di Ilicic, autore di un poker (nes-
“bomba virale”: molti dei con- ta cancellata e ognuno poteva i giocatori si allenavano ed era- ricominciare. Oggi, un anno suno ci era riuscito prima, in
tagi partirono da lì, quando an- affidarsi solo alla tv di casa, sa- no concentrati sulla Cham- dopo, le immagini del doppio trasferta, nell’eliminazione di-
LUN E D Ì 2 2 F E B B R A I O 2 02 1 L A G A Z Z E T TA D ELLO S P O RT 21

ATALANTA 4 VALENCIA 3
VALENCIA 1 ATALANTA 4
(PRIMO TEMPO)R2-0 (PRIMO TEMPO)R1-2

MARCATORI: Hateboer (A) al 16’, MARCATORI: Ilicic (A) su rigore al 3’,


Ilicic (A) 42’ p.t.; Freuler (A) 13’, Gameiro (V) 21’, Ilicic (A) su rig. 42’ p.t.;
Hateboer (A) 17’, Cheryshev (V) 21’ s.t. Gameiro (V) 6’, Ferran Torres (V) 22’,
Ilicic (A) 27’ e 37’ s.t.
ATALANTA (3-4-1-2)
Gollini; Toloi, Caldara (dal 30’ s.t. VALENCIA (4-4-2)
Zapata), Palomino; Hateboer, De Roon, Cillesen; Wass, Diakhaby (dal 1’ s.t.
Freuler, Gosens; Pasalic (dal 46’ s.t. Guedes), Coquelin (dal 29’ s.t.
Tameze); Ilicic, Gomez (dal 36’ s.t. Cherysev), Gaya; Ferran Torres,
Malinovskyi). PANCHINA: Sportiello, Kondogbia, Parejo, Soler; Rodrigo (dal
Caldara, Tameze, Muriel, Czyborra, 34’ s.t. Florenzi), Gameiro.
Castagne PANCHINA: Kang.in Lee, Guillamon,
ALLENATORE: Gasperini Jaume, Sobrino.
ALLENATORE: Celades
VALENCIA (4-4-2)
Domenech; Wass, Diakhaby, Mangala, ATALANTA (3-4-1-2)
Gayà; Ferran Torres, Kondogbia, Sportiello; Djimsiti, Caldara, Palomino;
Parejo, Soler; Maxi Gomez (dal 28’ s.t. Hateboer, De Roon (dal 45’ p.t.
Gameiro), Guedes (dal 25’ s.t. Zapata), Freuler, Gosens; Pasalic (dal
Cheryshev). PANCHINA: Cillessen, 38’ s.t. Tameze); Ilicic, Gomez (dal 33’
Correja, Costa, Sobrino, Gutierrez. s.t. Malinovskyi). PANCHINA: Rossi,
ALLENATORE: Celades Czyborra, Castagna, Muriel.
ALLENATORE: Gasperini
ARBITRO: Oliver (Ing)
ARBITRO: Hategan (Rom)
retta di Champions). Champions, c’è ancora una spa-
gnola, la più grande di tutte, pur
Ieri e oggi oggi con un vestito un po’ stro-
L’ipoteca Atalanta-Valencia fu il passe- picciato. Stavolta l’andata si gio- Il mattatore
qui quarti partout per i sogni, che poi sva- cherà a Bergamo e non a Mila- di Valencia
È il 19 febbraio nirono in una sera d’agosto, con no, ma per il pubblico non è il Josip Ilicic
del 2020, i il Psg che bruciò l’illusione della momento: il virus non appar- decide la gara di
nerazzurri semifinale. Ma fu anche una tiene ancora al passato. In ogni ritorno: è il 10
esultano allo partita che evoca ancora mo- caso, sarà solo una partita di marzo, qui
stadio Meazza menti d’angoscia. Contro il Re- calcio, che l’Atalanta vuole con- esulta dopo il
dopo aver al, 371 giorni dopo San Siro, segnare alla storia. suo quarto gol.
battuto 4-1 l’Atalanta proverà a regalarsi © RIPRODUZIONE RISERVATA A fianco il
il Valencia un’altra storia da raccontare, cartello esposto
PARTITE E NOTIZIE SU
GETTY stavolta legata solo al bello del
campo: c’è ancora un ottavo di s TEMPO DI LETTURA 2’53” a fine partita per
Bergamo AP Gazzetta.it
22 LUNEDÌ 22 FEBBRAIO 2021 LA GAZZETTA D E L LO SP O RT
LUN E D Ì 2 2 F E B B R A I O 2 02 1 L A G A Z Z E T TA D ELLO S P O RT 23

Speciale Champions/ I TIFOSI

Nuovi idoli
Non è più Papu-mania
Adesso vanno a ruba La partnership
con RadiciGroup

le maglie 72 di Ilicic
diventa un video
● Fare squadra, in campo
come al lavoro. È il filo
Gosens e Romero sul podio nello store dell’Atalanta speciale che lega l’Atalanta e
RadiciGroup (chimica, fibre,
Boom per le mascherine e per la “copia“ del pullman tecnopolimeri) , attualmente
“sponsor del cuore”, alleati
che chi entra, poi esca senza preferito, ma col proprio nome in una proficua partnership.
di Francesco Velluzzi
un sacchetto del club con e il proprio numero. Ai bimbi Ne è nato anche un
licic, Gosens e, sor- qualche gadget dentro. appena nati il club della fami- emozionante video di 1’25”

I
p re n d e nte m e nte glia Percassi continua a man- con alcuni nerazzurri, in cui
Romero. Sul podio In 3mila per Gomez dare (moda adottata poi da al- si mostra il parallelismo tra
delle maglie della Ma per capire che certi amori tre società) la maglietta neraz- le azioni quotidiane in
Dea più richieste nel finiscono e che il personaggio zurra per fidelizzare immedia- azienda e le attività tipiche
nuovo store di viale Papa Gio- è già stato archiviato basta tamente il nuovo arrivato nella di una squadra di calcio.
vanni e nelle vendite on line, ci chiedere: E la maglia del Pa- città di Bergamo e dintorni. Dea da indossare Nello store di viale Papa Giovanni a Bergamo MAGNI
sono questi tre calciatori. Lo pu? «Da quando è andato via
sloveno, il tedesco e il duro ar- non ce l’hanno più chiesta», La riproduzione
gentino, Seguono De Roon, spiega uno dei ragazzi che ac- Detto della maglia, primo e lo-
Muriel, Zapata, il portiere Gol- colgono i clienti. Le maglie del gico oggetto del desiderio, va RCS MediaGroup S.p.A. © 2021 COPYRIGHT RCS MEDIAGROUP S.P.A.
CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di
lini. E anche Hateboer, l’olan- Papu sono andate tanto, si cal- aggiunto il boom delle ma- questo quotidiano può essere riprodotta con
PRESIDENTE E AMMINISTRATORE DELEGATO
dese, il più bello tra i neraz- cola che ne siano state vendute scherine: «Ne abbiamo ven- Urbano Cairo mezzi grafici, meccanici, elettronici
zurri e quindi molto gettonato più di tremila in questi anni. E dute più di 8mila». E il succes- DIRETTORE RESPONSABILE o digitali. Ogni violazione sarà perseguita a
CONSIGLIERI norma di legge
dal pubblico femminile. Nel- la Dea vende circa 10mila ma- so della riproduzione del pull- STEFANO BARIGELLI Marilù Capparelli, Carlo Cimbri,
DIREZIONE, REDAZIONE E TIPOGRAFIA
sbarigelli@gazzetta.it Alessandra Dalmonte, Diego Della Valle,
l’e-commerce con la Russia, la glie l’anno. Il rapporto con il man della squadra. Molto ben Uberto Fornara, Veronica Gava,
MILANO 20132 - Via A. Rizzoli, 8 - Tel. 02.62821

maglia di Miranchuk ha il suo partner tecnico spagnolo Jo- fatto, con le porte che si apro VICEDIRETTORE VICARIO Gaetano Miccichè, Stefania Petruccioli,
SERVIZIO CLIENTI
Casella Postale 10601 - 20110 Milano CP Isola
perché. Il rapporto con il mer- ma, nato nel 2017, funziona no: «E’ stato un successo, ne GIANNI VALENTI Marco Pompignoli, Stefano Simontacchi, Tel. 02.63798511 - email: gazzetta.it@rcsdigital.it
cato estero cresce, anche con bene e infatti il contratto è sta- hanno acquistati più di mille. I gvalenti@gazzetta.it Marco Tronchetti Provera PUBBLICITÀ
la Colombia. Ma è lo store ata- to allungato fino al 2025. Con piccoli impazziscono letteral- VICEDIRETTORI DIRETTORE GENERALE
LA GAZZETTA DELLO SPORT
RCS MEDIAGROUP S.P.A. - DIR. PUBBLICITÀ
Via A. Rizzoli, 8 20132 Milano
lantino (si studia l’ipotesi di un Joma addosso la squadra di mente». PIER BERGONZI pbergonzi@gazzetta.it Francesco Carione Tel. 02.25841 - Fax 02.25846848
ANDREA DI CARO adicaro@gazzetta.it
negozio allo stadio e in estate Gian Piero Gasperini ha cen- © RIPRODUZIONE RISERVATA RCS MediaGroup S.p.A.
www.rcspubblicita.it
SPECIALE A CURA DI:
ne viene aperto uno a Clusone, trato la Champions League. Testata di proprietà de
“La Gazzetta dello Sport s.r.l.” - A. Bonacossa © 2021
Sede Legale: Via A. Rizzoli, 8 - Milano
Andrea Arcobelli (grafico),
s
Responsabile del trattamento dati
ritiro della squadra) che va os- Molte casacche vengono scelte TEMPO DI LETTURA 1’50” Speciale Atalanta Supplemento gratuito de (D. Lgs. 196/2003): Stefano Barigelli Lorenzo Astori e Franco Carrella
servato: tanta gente. Difficile senza il nome del campione “La Gazzetta dello Sport” del 22 febbraio 2021 privacy.gasport@rcs.it - fax 02.62051000
24 LUNEDÌ 22 FEBBRAIO 2021 LA GAZZETTA D E L LO SP O RT
Se ha gradito questo quotidiano e se lo ha trovato in qualsiasi altra parte che non sia il sito
qui sotto indicato, significa che ci è stato rubato, vanificando, così, il lavoro dei nostri
uploader. La preghiamo di sostenerci venendo a scaricare anche solo una volta al giorno dove è
stato creato, cioè su:

www.eurekaddl.eu

Senza il suo aiuto, purtroppo,presto potrebbe non trovarlo più: loro non avranno più nulla da
rubare, e lei più nulla da leggere. Troverà anche riviste, libri, audiolibri, fumetti, riviste straniere,
fumetti e riviste per adulti, tutto gratis, senza registrazioni e prima di tutti gli altri, nel sito più
fornito ed aggiornato d'Italia, quello da cui tutti gli altri siti rubano soltanto. Trova inoltre tutte le
novità musicali un giorno prima dell'uscita ufficiale in Italia, software, apps, giochi per tutte le
console, tutti i film al cinema e migliaia di titoli in DVDRip, e tutte le serie che può desiderare
sempre online dalla prima all'ultima puntata.
Trova sempre il nuovo indirizzo sulla nostra pagina Facebook. Cerchi "eurekaddl" su Facebook,
oppure clicchi sull'immagine qui sotto.

N.B.: se il sito è stato oscurato per l'Italia, trovate sempre il nuovo indirizzo digitando eurekaddl.eu5.org nella
barra degli indirizzi di qualsiasi browser, salvatelo nei vostri preferiti! Vi preghiamo di salvare tutti i nostri social,
perchè anche qualcuno di essi potrebbe essere chiuso, tutti avranno sempre il nuovo indirizzo sempre aggiornato
in tempo reale!
Facebook (EUREKAddl nuovo indirizzo sempre aggiornato)
Instagram (eurekaddlofficial)
Twitter (@eurekaddl)

Pagina di Filecrypt con il nuovo indirizzo sempre aggiornato