Sei sulla pagina 1di 2

Vicino (troppo vicino)

Ho ripensato al discorso che mi hai fatto sul tuo vicino di casa che ti “molesta” e , anche se non lo conosco, non
penso sia un manianco, ma solo un uomo con carenze affettive (e/o sessuali) che ammirando la tua "bella persona"
come fanno altri (me compreso) spera che tu abbia un po’ di tempo da dedicargli e di affetto che ti avanza da regalargli
(probabilmente oltre all'affet(ta)to vuole anche la patata come contorno). Sai che gli uomini, anche se solitamente non
vogliono ammetterlo: ”son tanto fragili, fragili , tu maneggiali con cura…”.
Questa di per sè non è una grave colpa ma è una cosa abbastanza normale ragionando da un punto di vista
maschile ed è per questo che ti fornisco (gratis) la mia consulenza, infatti ,finche ne parli con tua figlia e le tue amiche, non
potete avere un punto di vista diverso da quello femminile. La cosa non normale è che lui insista, se non hai rapporti
amichevoli, e gli hai già fatto capire che sei infastidita dal suo comportamento e che deve stare "al suo posto" (magari ha
anche una moglie o una “compagna”).
Secondo me sarebbe utile che tu scrivessi una "letterina" da tenere da parte e recapitargli (a lui di persona, non
alla moglie) in occasione del prossimo "evento".
In questa letterina dovresti spiegargli bene come stanno le cose, dirgli magari che sei già impegnata
sentimentalmente con Preziosi (scherzo ovviamente ma ti assicuro che il non pensarti “libera”1 cambierebbe tutto per
un “corteggiatore”) e che hai comunque già uno stuolo2 di spasimanti a cui non sei interessata e devi respingere
quotidianamente (alcuni anche più insistenti di lui ma forse più simpatici e non facciamo nomi). L’importante è che
capisca che se la smette subito di importunarti ci metterai una pietra sopra come nulla fosse mai accaduto, altrimenti ti
rivolgerai a sua moglie in prima battuta e, se necessario, alle autorità competenti per una segnalazione o esposto come
da normativa antisltalking.
Se non è completamente stupido o dissennato, ci rimarrà male, ma ti sarà grato dell'occasione che gli hai
concesso per uscirne in modo "pulito", senza conseguenze o strascichi e la coglierà prontamente, magari scusandosi.
Del resto lo sai tu e lo sai anche lui che questa cosa che lui fa probabilmente come "sfogo" (non potendo e forse
non volendo3 fare altro) e senza reali cattive intenzioni, gli può costare il matrimonio e la reputazione (poi dipende dalla
moglie che ha).
Forse sono ingenuo a pensare di risolvere tutto con una "letterina" ma mi sembrerebbe umano e caritatevole
dargli si una correzione forte ma con la possibilità di ravvedersi e che la cosa resti "tra di voi" visto che non ha fatto nulla di
grave o di irreparabile. Poi, se funziona, saresti più serena anche tu.

1
Nella mente dell’uomo “libera”=”disponibile”. Io, non senza impegno, posso capire che non è così; ma non è da tutti ti assicuro.
2
Solo perché ci sta bene ti cito “Take a Chance on me” degli Abba: “If you change your mind, I’m the first in line…” ma, ti prego, non
ricominciare con la storia del corteggiamento; è che le batture e le citazioni “che cascano come il cacio sui maccheroni” non riesco a
trattenerle.
3
Forse ti stai facendo un film nella tua mente (sei una regista) e lui fa così “per scherzo” e non andrebbe oltre comunque.
Se non hai ancora preso provvedimenti è perchè in fondo, anche se sei infastidita, la pensi come me (pur
sostenendo di non essere “tenera e dolce” come credo io) . Se vuoi, (ma penso che non ti serva, visto le belle “letterine”
che scrivi a me) ti posso aiutare a scrivere la lettera e poi tu la potrai correggere ed integrare come ritieni più opportuno.
Se ti serve un finto "cavaliere", per fargli pensare che sei veramente già impegnata, io mi offro a venire a recitare
la scena che vuoi rappresentare, con tanto di bacio (finto) sulla soglia di casa, mazzi dei rose e tutto quel che serve.
Penso di essere abbastanza grosso da spaventare chiunque (non mi conosca personalmete), oppure puoi
anche chiedere ad Ammir che è effettivamente il tuo cavaliere (per il ballo) e sa anche recitare; magari lo fai vestire da
terrorista ISIS ma digli che assolutamente non deve ridere mai perché altrimenti non fa paura a nessuno.
Fammi sapere come la pensi.

PS: E' un po' che mi gira nella mente la locuzione "bella persona" che tu (in occasione del regalino per il
compleanno) ed anche una mia inquilina in passato (a cui avevo condonato una spesa di sua spettanza) mi avete rivolto.
Anche io la uso talvolta (ma quasi solo per te) perchè mi sembra che renda ben conto di quello che si vuole
significare e la trovo particolamrente armoniosa.
Pensando e ripensando mi sono ricordato da dove viene; dall'inferno di Dante dove, nel canto V, Francesca da
Rimini dice a Dante: "Amor che al cor gentil ratto s'apprende, prese costui della “bella persona”, che mi fu tolta, e il modo
ancor m'offende..."
Ecco forse perchè suona così dolcestilnovistica; l'ha scritta il Sommo Poeta.