Sei sulla pagina 1di 18

Accademia di Belle Arti

Corso di Fondamenti di Informatica e Tecnologia delle Arti Visive

Anno accademico 2010/2011

Nozioni di Sceneggiatura

Marco Falciglia

Indice 1. Scopo della sceneggiatura 2. Tipi di sceneggiatura 3. Aspetti base 4. Convenzioni tecniche generali 5. Intestazione della scena 6. Struttura dei dialoghi 7. Uso delle parentesi tonde 8. Ultime considerazionie un esempio esteso 9. Screenplay e Pc 10. 11. Basi di Celtx Un esempio passo-passo

1- Scopo della sceneggiatura Il passo immediatamente successivo allacquisizione di unidea, di un soggetto base per inquadrare una qualunque forma di spettacolo visivo, la stesura di una sceneggiatura. Le sceneggiature costituiscono un tassello fondamentale nel mettere a fuoco la struttura di: film, rappresentazioni teatrali, rappresentazioni televisive, sceneggiati radiofonici, cut-scene di videogiochi, fumetti, spot, ecc. Lo sceneggiatore pertanto (in senso lato) sar chi avr il compito di descrivere il film con il linguaggio della lingua scritta, riuscendo con poche parole suggestive a far vivere sulla carta personaggi e immagini che appariranno nellopera finita. In ambito professionale la stesura di un copione un passo obbligatorio, data la sua importanza nel permettere allintera organizzazione di stabilire un piano di lavoro efficace, minimizzando perdite economiche superflue e garantendo laderenza al progetto originale. Nel caso della produzione di un film, ad esempio, a beneficiarne sar il produttore, perch avr uno strumento utile ad attrarre fondi, regista e attori; il regista stesso che acquisir unindispensabile traccia per girare il film e ovviamente gli attori, i quali ne acquisiranno unaltra che gli permetter di

ottenere dei punti di riferimento sui quali costruire lidentit dei personaggi. 2- Tipi di sceneggiatura Esistono due tipi di sceneggiatura base. Lo shooting script, tecnica particolarmente diffusa nella filmografia statunitense fino alla fine degli anni 80, consiste nellaggiunta sistematica ad ogni pagina di script di particolari tecnici inerenti il posizionamento della telecamera da una parte, e di procedure coi quali apportare le revisioni successive dallaltra. Esempi di posizionamento della telecamera possono essere i primi piani, cos come di movimento lo sono le carrellate. Oggi quasi sempre si preferisce delegare tali indicazioni di taglio in una fase successiva, chiamata storyboard, corredata da veri e propri schizzi preparatori. Dato che sar largomento della lezione successiva, tralasceremo questa forma di sceneggiatura. Laltra forma di sceneggiatura, detta invece speculation script (o speculative screenplay), rappresenta il cuore della sceneggiatura ed largomento di questa lezione. 3- Aspetti base Il tipico errore di chi si accinge per la prima volta redigere uno script quello di adottare i canoni tipici del romanzo; non andrebbe mai dimenticato che la sceneggiatura rimane solo un mezzo di lavoro e non un qualcosa che vive di vita propria. Pensieri dei personaggi e giudizi sulle loro azioni rimangono elementi del tutto estranei ai dettami della grammatica della sceneggiatura. Ai neofiti potrebbe essere utile ricordare che nella visione di un qualsivoglia filmato, gli unici sensi stimolati restano la vista e ludito : uno sceneggiatore capace sar quindi in grado di delineare con richiami sintetici gli oggetti e gli esseri viventi che risalteranno sulla scena e gli effetti sonori rilevanti (dei quali i dialoghi costituiscono una fetta considerevole). Andranno sottolineati particolari visivi sia passivi che attivi (es: una pallina da tennis che si avvicina alla telecamera cos come una sedia dalla forma singolare), se di una certa importanza nella descrizione della scena. La tecnica base che precede le azioni di un nuovo personaggio nella scena consiste nel fornire, prima del nome, una sommaria descrizione fisica e unimpressione superficiale sul suo atteggiamento (nella stragrande maggioranza dei casi, un aggettivo pi che sufficiente per arrivare allo scopo).

Ma vediamo un primo esempio di descrizione di personaggio, utile per fissare le idee ed avere un primo impatto con una vera pagina di sceneggiatura:
INT. BLOCCO DEI RIBELLI CORRIDOIO PRINCIPALE L impressionante e alto due metri e mezzo Signore Oscuro dei Sith fa il suo ingresso nella luce accecante del corridoio principale. Questi DARTH VADER, braccio destro dellImperatore. Il suo volto oscurato da NERE VESTI fluttuanti e da una grottesca MASCHERA di respirazione, che spicca accanto alle TUTE BIANCHE corazzate delle TRUPPE Imperiali. Ognuno istintivamente indietreggia di fronte allimponenza di DARTH VADER e un silenzio di tomba passa attraverso le TRUPPE Ribelli. Molti tra le TRUPPE Ribelli rompono le righe e fuggono in preda al panico.

4- Convenzioni tecniche generali Il formato da usare il Courier New 12 a spaziatura doppia. Col punto a capo si indica uno stacco tra micro-sequenze differenti; un uso frequente dello stesso consigliato per agevolare la leggibilit. Si usa dire che ad una pagina di sceneggiatura corrisponde un minuto di riprese, ma bisogna tener conto della quantit di azione presente: per i filmati di azione potrebbe non bastare a coprire il minuto, mentre per sequenze pi rilassate potrebbe essere anche eccessiva. Si usa spesso evidenziare mediante lettere maiuscole gli oggetti in primo piano, laddove invece tassativo usarle per i nomi dei personaggi, ambientazioni, suoni significativi e in tutti gli elementi presenti nellintestazione della scena. 5- Intestazione della scena Pu essere preceduta o seguita da alcune indicazioni di taglio su come ci si arriva: se attraverso uno stacco (con CUT TO: ) o una sfumatura in dissolvenza ( FADE IN: per la dissolvenza in entrata, FADE OUT: per quella in uscita). Ogni scena dovrebbe essere preceduta da un numeretto che indica la sua posizione nella struttura: in fondo la sceneggiatura non altro che una composizione di scene ! La descrizione specifica dellintestazione, detta anche riga di dati, costituita da 3 parametri: posizione della macchina, location e ora della giornata. La posizione pu essere interna (es: se dentro un auto) o esterna (es: se in un parco), definita rispettivamente da INT. o EST. ; la location non nientaltro che

il luogo specifico dove si svolge lazione (es: TRIBUNALE); l ora della giornata, separata mediante un trattino dalla location, pu essere GIORNO o NOTTE. Qui opportuno effettuare una precisazione: sebbene in alcune sceneggiature siano presenti termini come MATTINO, la tendenza generale di evitare simili termini, perch lelemento descrittivo fondamentale costituito dal tipo di esposizione alla luce solare, pi che dalleffettivo orario della giornata. Con gli elementi fin qui appresi forse adesso il caso di dare unocchiata ad un secondo esempio, tratto anchesso da un celebre film:
INT. MARY NELLA DOCCIA- NOTTE Sopra la barra sulla quale appesa la TENDINA della doccia, possiamo vedere la PORTA del bagno, non del tutto chiusa. Per un momento osserviamo MARY mentre si lava e si insapona. C ancora un residuo di preoccupazione nei suoi occhi, ma in generale lei sembra in qualche modo sollevata. Adesso vediamo che la PORTA del bagno viene spinta fino ad aprirsi lentamente. Il rumore della doccia soffoca ogni altro suono. La PORTA viene quindi chiusa lentamente e con attenzione. E vediamo lOMBRA di una donna cadere sulla TENDINA della doccia. La schiena di MARY rivolta alla TENDINA. La bianca luminosit del bagno quasi accecante. Improvvisamente vediamo la MANO di MARY portata in su, afferrare la TENDINA della doccia, e strapparla da un lato.

6- Struttura dei dialoghi La parte relativa al dialogo, data la sua peculiarit, viene tenuta separata dal resto della sceneggiatura. Per esprimere un dialogo si scrive in maiuscolo il nome della persona che sta per parlare, e sotto di esso il contenuto del dialogo. In realt esistono tre formati base per definire il posizionamento dei dialoghi: quello televisiva, quello francese e quello allamericana. Quello televisivo si usa per assecondare esigenze di sincronia immagine/sonoro; anche usato in caso di voice over, cio quando la voce del narratore fuori campo si sovrappone alle immagini. [Apriamo una parentesi per sottolineare come luso di una tecnica simile,

tipica del cinema ai suo primordi, sia sconsigliata nella maggior parte dei casi per evitare un effetto da documentario.] ES:
3 INT. CHEVROLET (BAGAGLIAIO) GIORNO Il bagagliaio della Chevrolet si apre, JULES e VINCENT frugano dentro, tirano fuori due 45 automatiche, le caricano e le armano. JULES Per faccende del genere, dovremmo avere dei fucili. VINCENT In quanti sono ? JULES Tre o quattro. VINCENT Compreso il nostro uomo ? JULES Non ne sono sicuro. Chiudono il bagagliaio.

In quello francese le descrizioni sono a tutta pagina, mentre i dialoghi costituiscono una colonna a parte sul lato destro della pagina. ES:
3 INT. CHEVROLET (BAGAGLIAIO) GIORNO Il bagagliaio della Chevrolet si apre, JULES e VINCENT frugano dentro, tirano fuori due 45 automatiche, le caricano e le armano. JULES Per faccende del genere, dovremmo avere dei fucili. VINCENT In quanti sono ? JULES Tre o quattro. VINCENT Compreso il nostro uomo ? JULES Non ne sono sicuro. Chiudono il bagagliaio.

Nella forma grafica allamericana, ormai riconosciuta come standard in ambito cinematografico, la descrizione a tutta pagina mentre il dialogo in una colonna centrale.

ES:
3 INT. CHEVROLET (BAGAGLIAIO) GIORNO Il bagagliaio della Chevrolet si apre, JULES e VINCENT frugano dentro, tirano fuori due 45 automatiche, le caricano e le armano. JULES Per faccende del genere, dovremmo avere dei fucili. VINCENT In quanti sono ? JULES Tre o quattro. VINCENT Compreso il nostro uomo ? JULES Non ne sono sicuro. Chiudono il bagagliaio.

Questa forma ha soppiantato ormai tutte le altre.


7- Uso delle parentesi tonde

Una particolare importanza rivestita dalle parentesi tonde, usate per specificare meglio lambientazione, suggerire unazione compiuta da un personaggio in sincrono con le sue azioni, per descrivere particolari toni di dialogo o rumori salienti. Es: 1: INT. CHEVROLET (BAGAGLIAIO) - GIORNO 2; BOZO 3:
(scuote la testa) No, io uccido lautista dellautobus. SINDACO (urla disperatamente) Jack! Per favore! Sono solo un un ufficiale eletto! Non posso prendere decisioni! Jack! Rispondimi!

4:

(SQUILLO DI UN TELEFONO)

8 Ultime Considerazionie un esempio esteso Le regole fin qui definite non devono essere considerate come assiomi, dato che in ultima analisi le particolari scelte descrittive dipendono dallo staff che realizza la sceneggiatura, la quale oltretutto, data la natura stessa dei media, col

tempo soggetta a modifiche di vario genere. Si solo cercato di realizzare un insieme il pi possibile omogeneo e coerente delle direttive di formattazione pi utilizzate. Sul web possibile avere un riscontro immediato con gli script di numerosi film hollywoodiani; tra i tanti siti consigliati in tal senso, in questa sede citiamo http://www.imsdb.com/ (The Internet Movie Script Database ). A questo punto sarete in grado di apprezzare un frammento di sceneggiatura pi sostanzioso, come il seguente esempio:
65 EXT. PONTE DI POPPA NOTTE [] JACK disteso su una delle panchine a guardare le stelle che ardono gloriosamente lass. immerso in pensieri da artista e sta fumando una sigaretta. Udito qualcosa, JACK si volta non appena ROSE si allontana sulle scale della piattaforma. Loro due sono gli unici sul ponte di poppa, eccetto il MARESCIALLO ROWE, sei metri sopra di loro sulla passerella del ponticello di aggancio. ROSE non si accorge di JACK nelloscurit, e si allontana sorpassandolo alla sua destra. SEGUIAMO ROSE mentre lei attraversa il girante laterale abbandonato. Il suo respiro si ingolfa in un singhiozzo occasionale, che lei sopprime. ROSE sbatte contro la BASE DEL PENNONE di poppa e vi si aggrappa, ansimando. Osserva attentamente le acque nere. Quindi comincia a scavalcare la RINGHIERA. Deve tirare sui il suo LUNGO VESTITO, e larrampicata impacciata. Muovendosi metodicamente lei ruota il suo corpo e poggia i suoi TACCHI sul parapetto dipinto di bianco, le spalle rivolte alla RINGHIERA, di fronte alloscurit. 20 metri sotto di lei, le enormi eliche sformano il mare Atlantico in bianca schiuma, e una scia spettrale lascia una traccia nellorizzonte. GI IN BASSO, vediamo ROSE in piedi come una marionetta rovesciata. Sotto di lei ci sono le enormi lettere "TITANIC". ROSE si affaccia, stirando le sua braccia... guardando ipnotizzata il vortice sottostante. Il suo VESTITO ed i suoi CAPELLI sono sollevati dal vento della nave in movimento. Lunico suono, oltre al flusso dellacqua, lo schiocco al vento della grossa bandiera Union Jack sopra di lei. JACK si avvicina quatto quatto dietro di lei. JACK

Non lo faccia. ROSE volge di scatto la testa al suono della voce di JACK. Ha bisogno di un secondo perch i suoi occhi lo mettano a fuoco. ROSE Indietro ! Non faccia lei un altro passo ! JACK osserva le LACRIME di ROSE che le rigano le guance, nel fioco bagliore delle luci del corridoio di poppa. JACK (avanza risoluto) Avanti, mi dia la mia mano. Laiuto a ritornare a bordo. ROSE No! Rimanga l dov. Dico sul serio. M-mi butto. JACK si ferma. Mima a ROSE il gesto di gettare la sigaretta, chiedendole il permesso con lo sguardo, e la scaglia gi nelle acque. JACK (studia ROSE con attenzione) Non lo far. ROSE Che significa non lo far ? Non creda di potermi venire a dire quello che far o quello che non far. Lei non mi conosce. JACK Beh, lavrebbe gi fatto. ROSE adesso confusa. Non riesce a vedere JACK bene attraverso le LACRIME, quindi se le asciuga con una mano, quasi perdendo lequilibrio. ROSE Lei mi sta distraendo. Se ne vada.

JACK Non posso. Ormai ci sono dentro. (si toglie la giacca) Se lei si butta io sar costretto a seguirla in acqua per salvarla. ROSE Non dica sciocchezze. Morirebbe. JACK So nuotare benissimo. JACK comincia a slacciarsi la scarpa sinistra. ROSE Basterebbe limpatto con lacqua a ucciderla. JACK Bene non mi farebbe. Non dico certo il contrario. Se devo essere sincero mi preoccupa molto di pi lacqua fredda. ROSE guarda in basso. La concretezza quello che sta facendo comincia a fare presa su di lei. ROSE Quanto fredda? JACK (togliendosi la scarpa sinistra) Gelida. Forse un paio di gradi sopra lo zero. JACK comincia a slacciarsi la scarpa destra. JACK maistata nel Wisconsin?

ROSE (perplessa) Cosa? JACK Beh gli inverni da quelle parti sono tra i pi freddi, io sono cresciuto l, vicino Chippewa Falls. Ricordo una volta da bambino io e mio padre andammo a pesca sul lago ghiacciato vicino alle cascate... la pesca sul ghiaccio sa quando-ROSE (stizzita) So cos la pesca sul ghiaccio! JACK Mi scusi. Lei ha... tanto laria dicome direuna timorata di dio. (pausa) Comunque ilghiaccio ha ceduto e io sono caduto in acqua, e mi creda, cadere in acque gelide come quelle laggi, come avere il corpo trafitto da mille lame. Non riesci a respirare, non riesci a pensare... a nulla tranne che al dolore. (si toglie laltra scarpa) Ed per questo che non ci tengo a tuffarmi dietro di lei. Ma come ho gi detto, non ho scelta. Da una parte spero che lei riscavalchi il parapetto e mi risparmi questa incombenza. ROSE

Lei pazzo. JACK Non lunica a dirlo ma con tutto il rispetto che merita, Signorina, non sono io quello appeso alla prua di una nave. JACK scivola di un altro passo in avanti, come se si stesse muovendo su un cavallo imbizzarrito. JACK Per favore. Avanti, allunghi la mano. Non vorr commettere una simile sciocchezza. ROSE fissa questuomo folle per un lungo periodo. Lei guarda gli occhi di JACK e in qualche modo improvvisamente essi sembrano riempire il suo universo. ROSE stacca una mano dalla ringhiera e la allunga verso di lui. JACK si sporge per afferrarla, con fermezza. JACK Mi chiamo Jack Dawson. ROSE (con voce tremante) Rose De Witt Bukater.

CONTINUA. 9 Screenplay e Pc Oggigiorno, a livello professionale, le sceneggiature vengono sempre redatte mediante luso di software dedicati- lidea quella di avvantaggiarsi della catalogazione di nomi di personaggi, relativi discorsi pronunciati, ordinamento delle scene, ecc. Uno dei vantaggi quindi correlati la facile reperibilit di tali informazioni ! Chi alle prime armi, poi, pu beneficiare di uno strumento che gli fornisce una sorta di memorandum per la struttura guida da seguire, e di non smarrirsi tra i meandri di un testo disorganizzato.

Esistono in proposito numerosi programmi commerciali (come Final Draft, Movie Outline, Sophocles) e liberi (come Celtx, Five Sprocket, Plotbot) pi che adatti allo scopo. Tra i freeware, noi consigliamo luso di Celtx, di cui forniremo un sintetico tutorial. Celtx un acronimo di : Crew, Equipment, Location, Talent and XML e la sua versione base, come detto, gratuita. pi di quanto occorra per metterci a lavoro ! disponibile per sistemi operativi Windows, Mac e Linux, e lo si pu scaricare dalla pagina http://celtx.com/#downloadOther, anche nella versione in italiano. Dopo aver dato confermato la volont di installarlo, un doppio click sul file appena scaricato far partire automaticamente il programma di installazione. 10 Basi di Celtx Appena eseguiremo il programma per la prima volta, apparir la seguente schermata:

Il programma cio ci sta chiedendo se preferiamo aprire un progetto desempio

gi creato (Esempi di Progetti) o se crearne uno nuovo (Modelli di Progetti); siccome ci interessa questultima opzione, tutto ci che dovremo fare sar cliccare una volta sullicona Film in alto a sinistra. Apparir una finestra, che, nella modalit a tutto schermo (ottenuta cliccando sul quadratino) sar:

Chiaramente il progetto non ha ancora un titolo, perch stato appena creato. Potremo dargli un nome al momento di salvarlo, quando cliccheremo su File e da l su Salva il progetto con nome: potremo in seguito ricaricare il progetto avente estensione .celtx dalla cartella dove lo avremo salvato, che di default la cartella Documenti. Il cursore lampeggiante indica il punto dove verranno scritti i caratteri, esattamente come in un normalissimo file di testo. Particolare attenzione va rivolta alla barra a cascata in cui selezionata di default lopzione Intestazione scena, che nellimmagine qui sopra stata evidenziata con un rettangolino rosso (inesistente nel programma): diamo unocchiata alle sue possibili opzioni. Intestazione scena: la cosiddetta riga di dati, spiegata nel paragrafo 5; Azioni: Andr selezionata quando si vorranno descrivere azioni compiute dai vari personaggi o commenti visivi sulla scena; Personaggio: Appare per specificare il personaggio al quale appartiene la

battuta; Dialogo: la battuta del singolo personaggio; Parentesi: Si usano per le situazioni descritte nel paragrafo 7; Transizione: Descrive indicazioni di taglio mediante effetti tipici di transizione (come CUT TO: oppure FADE IN: ); Inquadratura: Permette di specificare dettagli tipici dello shooting script; Testo: Si usa per inserire del testo non soggetto alle comuni regole di formattazione di uno speculation script (quello che avviene cio in un normale software di videoscrittura). Una funzione particolarmente utile di Celtx sono le note, che permettono di specificare a parte ulteriori caratteristiche di un qualunque elemento presente sulla scena. Posto il cursore lampeggiante sul termine da specificare baster cliccare su Aggiungi nota, presente nella mini-finestra a destra, per aggiungere ulteriori dettagli in un riquadro giallo che verr creato sul momento. Si tratta a tutti gli effetti di un post-it virtuale, utilissimo per aggiornare nel tempo dettagli tecnici relativi a oggetti presenti sulla scena, senza per questo compromettere la fluidit dello screenplay. Vediamo adesso i passi da compiere per aggiungere un personaggio nella nostra scena: 1. Per prima cosa clicchiamo sullicona Aggiungi in altro a sinistra, rappresentata da una stella bianca su uno sfondo blu;
2. Selezioniamo Personaggio dal men Scegli elemento; 3. Scegliamo un nome per il nostro personaggio, e clicchiamo su OK; 4. Apparir una finestra del Catalogo Principale che permette di esplicitare

qualunque minuzia relativa al personaggio: dal nome completo alle caratteristiche fisiche, da id identificativi ad un riepilogo delle scene in cui presente, dalle sfaccettature psicologiche alla possibilit di includere persino dati multimediali per suggerirne alcune peculiarit ! 5. Una volta compilata la scheda del personaggio, potremo chiudere la scheda Catalogo Principale e tornare alla nostra sceneggiatura. 11 Un esempio passo-passo Vediamo un primo esempio passo-passo che ci aiuter a capire le funzionalit

del programma, basandoci sulle primissime scene di Eyes Wide Shut. Dopo aver selezionato Film da Modelli di Progetti, andiamo a scrivere su Intestazione Scena (selezionata di default)
INT. CASA DI BILL & ALICE - SOGGIORNO NOTTE

e premiamo invio; ci possiamo accorgere di come dopo linserimento della I di INT. gi il programma ci suggerisca la parola corretta, e come nella minifinestra in basso a sinistra (chiamata Scene) sia stata aggiunta la scena, numerata come 1. Celtx inoltre dopo che siamo andati a capo ha cambiato in automatico la modalit di scrittura da Intestazione Scena a Azioni- possiamo approfittarne. Scriviamo quindi
Un albero pieno di addobbi natalizi e decine di cartoline natalizie si stagliano in un appartamento di lusso. Distese nel divano del soggiorno, mentre guardano la TV, vediamo una bambina di sette anni, HELENA, e la BABY-SITTER, una giovane liceale.

e premiamo invio; a questo punto dalla barra a cascata premiamo invio unaltra volta per costringere Celtx a cambiare la modalit in Intestazione Scena. Qui scriveremo
INT. CASA DI BILL & ALICE- CAMERA DA LETTO

e premiamo invio; Celtx prover a suggerirci lintestazione della scena precedente, ma non il caso di assecondare tale scelta. Ovviamente anche stavolta la modalit di scrittura passer da Intestazione Scena a Azioni. Scriviamo
BILL e ALICE HARFORD, una coppia attraente sulla trentina, indossano abiti da sera molto eleganti. Dai movimenti coi quali se li sistemano capiamo che sono in procinto di andare a una festa.

e premiamo invio; adesso vogliamo inserire un dialogo, perci per prima cosa dalla barra a cascata scegliamo Personaggio (Celtx indenter al centro il cursore) e scriviamo
ALICE

e premiamo invio; il programma passer in modalit Dialogo ma non quello che ci interessa; perci selezioniamo la modalit Parentesi e scriviamoci dentro
(guardandosi allo specchio)

e premiamo invio; stavolta ci va bene la modalit Dialogo, per cui scriviamo

Come sto ?

e premiamo invio; ci va bene anche la modalit Personaggio, quindi continuiamo con


BILL

e premiamo invio; sulla relativa porzione di Dialogo scriveremo


Perfetta.

e premiamo invio; continuando in questo modo potremo scrivere la restante porzione di dialogo, ossia

ALICE I miei capelli sono a posto? BILL Fantastici. ALICE (divertita) Ma se non mi guardi neanche ! BILL Non ne ho bisogno. (bacia il collo di ALICE) Sei sempre bellissima.

Una volta premuto invio passiamo in modalit Azione (possiamo ottenere lo stesso risultato premendo invio unaltra volta) e aggiungiamo
BILL si allontana dalla stanza. ALICE si d un ultima spazzolata ai capelli. ALICE

Eccomisono pronta. ALICE e BILL si dirigono verso il soggiorno. La BABYSITTER si alza in piedi. CONTINUA

Bene a questo punto sarete in grado di camminare con le vostre gambe. Notiamo come in questo caso non abbiamo inserito i personaggi e le loro caratteristiche in una fase preliminare (come spiegato nel paragrafo precedente), ma il programma sia abbastanza flessibile da averli creati da s nella scheda Catalogo Principale di Libreria del progetto, mini-finestra in alto a sinistra. Adesso avete tutti gli strumenti per scrivere una buona sceneggiatura. Buon lavoro !