Sei sulla pagina 1di 17

p.

48

NICOLAE IORGA E LA CRONACHISTICA VENEZIANA

Dott. Şerban Marin

Fra i tantissimi temi che hanno destato l’interesse di Nicolae Iorga non
poteva mancare Venezia. Fondatore dell’istituto in cui oggi ci troviamo, N.
Iorga si è reso conto dell’importanza del ruolo che Venezia poteva svolgere
nella ricostituzione della storia dei romeni tramite i numerosi documenti
conservati all’Archivio di Frari o presso le sue biblioteche, contenenti sia dei
resoconti degli ambasciatori veneziani, sia dei diari (di viaggio o no), che di
relazioni di natura politica o economica. La fondazione della “Casa Romena”
che egli ha avviato ha avuto come principale scopo quello di rendere possibile
agli storici romeni di portare alla luce i rispettivi documenti, anche solo
parzialmente.
Ma N. Iorga non ha resistito neanche alla tentazione di impegnarsi nello
studio della storia di Venezia, dovuta anche ad un sentimento di reciprocità.
Benché i suoi studi riguardanti la storia di Venezia e il suo ruolo nella storia
mondiale lungo i secoli si perdessero nell’immmensità dei suoi lavori, non
posiamo non prendere in considerazione un fatto: e cioè che N. Iorga è stato
veramente attratto dall’intento di chiarire alcuni aspetti della storia veneziana
non solo nel contesto delle sue relazioni con I Paesi Romeni1. Anche se gli studi
di Iorga incentrati proprio sulla storia e la civiltà veneziana sono pochi2, non
mancano i riferimenti a Venezia
p. 49

1
Per questo, si veda Venezia ed i paesi romeni del Danubio fino al 1600, Venezia, 1915.
Tangenzialmente, l’argomento viene affrontato anche in Veneţia în marea Neagră, Bucarest,
1914; 1. Venezia e la penisola dei Balcani. 2. Il problema balcanico e l’Italia. Due conferenze
all’ “Ateneo Veneto” (marzo 1914), Bucarest: Libreria C. Sfetea, 1914: 3-17.
2
Con titolo d’eccezione, vedi Cinci conferinţe despre Veneţia, Vălenii de Munte, 1926; Les
commencements de Venise, extras din Acadèmie Roumaine. Bulletin de la Section historique,
tome XVIII, Bucarest, 1931; Deux siècles d’histoire de Venise. Conférences données en
Sorbonne, Bucarest, 1932, che però non riescono (ma non lo intendono neanche) a ricoprire
l’intera storia veneziana. Iorga dimostra di essere un ammiratore di Venezia non solo dalla
prospettiva storica: Nel suo articolo Instantanee venetiene, elaborato in uno stile poetico, egli
si lasciava trascinato dai sentimenti che Venezia può far sorgere. La vita artistica di Venezia è
anch’essa presa in considerazione dall’autore, si veda La Romania alla biennale di Venezia,
1938, Vălenii de Munte, f. a.; Biennala din Veneţia. Câteva note, Vălenii de Munte: Datina
Românească, 1938 ecc.
nei suoi lavori di carattere generale sulle crociate3, sull’Impero bizantino e l’idea
di impero4, sulle relazioni fra Oriente e Occidente5, sul commercio medievale6,
su questioni generali di storia medievale7.
Proverò in seguito a tracciare le principali convinzioni a cui Iorga è
arrivato per quanto riguarda la storia della comunità lagunare.
Tutta la sua concezione oscilla intorno all’idea secondo la quale, fino
all’apparizione del fenomeno crociato8, Venezia non abbia rappresentato altro
che
p. 50

3
Si veda l’opera generale Brève histoire des Croisades et de leurs fondations en Terre Sainte,
Parigi: Librairie Universitaire J. Gamber, 1924. La visione che Iorga ha delle crociate
presenta la peculiarità di racchiudere nel fenomeno crociato anche le lotte del cristianesimo
contro l’Impero ottomano; per questo le sue principali opere si riferiscono alle crociate tarde,
si veda Philippe de Mézières 1327-1405 et la croisade au XIV-e siècle, Parigi, 1896; Notes et
extraits pour servir à l’histoire des croisades au XVe siècles, 4 volume, Parigi, 1899-1916;
Un prinţ portughez cruciat în Ţara Românească a secolului al XV-lea, Bucarest, 1925; Une
collection de lettres de Philippe de Mézières, Parigi, f. a., come l’edizione di Jean de Wavrin,
La campagne des croisès sur le Danube (1445), Parigi, 1927. Ma Iorga si è interessato anche
ad aspetti che riguardano le crociate «classiche», si veda Les narrateurs de la premièrre
croisade, Parigi, 1928; La France de Terre Sainte. Considérations synthétiques, conférences
données en Sorbonne, Bucarest, 1934; France de Constantinople et de Morée. Conférences en
Sorbonne, Bucarest, 1935.
4
The Byzantine Empire, Londra: n. ed., 1907; Y-a-t-il eu un moyen-âge byzantin?
(Communication faite au second Congrès d’études byzantines, a Belgrade, 1927), in Etudes
byzantines, vol. 1, Bucarest: f. ed., 1939: 301-311; I Piu antichi trattati publici Bizantini,
Padova, 1932; Histoire de la vie byzantine. Empire et civilization, d’après les sources, 3 vol.,
Bucarest: Edition de l’auteur, 1934; L’Homme byzantine e Byzance en Occident, in Deux
confèrences sur la vie byzantine données en Hollande, Parigi: Ecole Roumaine en France,
1936: 3-13, rispettivamente 15-25; La vie de province dans l’Empire byzantin.
Communication au Congrès d’études byzantines à Rome, Parigi: Ecole Roumaine en France,
1937; Ce e Bizanţul?, conferenza tenuta all’ Università libera (marzo 1939), Bucarest: Istituto
di Studi Bizantini, 1939.
5
“Latins et Grecs d’Orient et l’établissement des Turcs en Europe (1342-1362)”,
Byzantinische Zeitschrift, 15 (1906); Relations entre l’Orient et l’Occident. Conférences faites
a la Sorbonne, Parigi: J. Gamber, Editeur, 1923.
6
Points de vue sur l’histoire du commerce de l’Orient au Moyen-Age. Confèrences données a
la Sorbonne, Parigi: Librairie Universitaire J. Gamber, 1924.
7
Chestiunea Marii Mediterane. Istorie a Europei de miazazi in legatura cu aceasta chestie.
Lezioni tenute alla Scuola di Guerra, Vălenii de Munte: Editura Tipografiei “Neamul
Românesc”, 1914; Desvoltarea aşezămintelor politice şi sociale ale Europei, vol. 1: Evul
mediu. Lezioni tenute alla Scuola di Guerra, Bucarest: Tipografia Cultura neamului românesc,
1920; Elementele de unitate ale lumii medievale, moderne şi contemporane, Bucarest: Cultura
neamului românesc, 1921; Essai de sunthèse de l’histoire de l’humanité, vol. 2: Histoire du
moyen-age, Parigi: Librairie Universitaire J. Gamber, 1927 etc.
8
Il momento crociato visto come rottura in questo percorso di Venezia viene sottolineato in
Les commencements de Venise: 18; Deux siècles d’histoire de Venise: 2-3, 14. In altre
occasioni (Les commencements de Venise: 22), è la crisi iconoclasta considerata un tentativo
di rottura, anche se non mancano le riserve da parte dell’autore: 22-23.
un appendice di Bisanzio. Un appendice necessario, persino complementare,
però un appendice. Questa complementarità è di natura economica: Venise est
restée toujours une chose byzantine. Ses citoyens ont été des bourgeois de
Byzance établis sur une autre terre. Le commerce qu’on ne pouvait pas faire par
des Byzantins de Byzance a été fait par ces Byzantins extra-territoriaux; […]”9
oppure “J’ai essayé de prouver aussi autre chose: que, non-seulement Venise a
des attaches avec Byzance, mais que c’est une chose byzantine. Elle représente
la bourgeoisie extrinsèque de l’Empire d’Orient; au lieu que cette bourgeoisie
existe dans l’Empire, elle est, géographiquement, au point de vue territorial, en
dehors de l’Empire. Chez lui, l’Empire n’a pas une bourgeoisie, et Venise est là
pour remplacer cette bourgeoisie que l’Empire n’a jamais pu créer.”10, o di
natura navale: “Mentre la flotta imperiale decadeva, non si formava una flotta di
mercanti che potesse frequentar tutti i porti dal Quarnero al Monte Sinai. Senza
nessun contrasto, per la fatalità delle cose, Venezia prese sopra di sé
quest’incarico, che doveva renderla ricca ed illustre.”11. Si parla persino di un
legame organica fra i due mondi: “C’est une erreur de considerer Venise comme
un Etat et Byzance comme une autre Etat. Venise ne se croit pas humiliée en
reconnaissant l’autorité unique de l’empereur; elle avait conscience de lui
appartenir. Et, d’un autre côté, lorsque l’empereur byzantine permet aux
Vénitiens d’entrer dans ses ports sans rien payer, de faire descendre leurs
marchandises sans droits de douane, de former des communautés autour de
leurs églises, jusqu’à l’époque de Manuel, sous une autorité vague qui ne se
dessine que vers la fin du XII-e siècle, […], tout cela existe parce que les
Vénitiens étaient considérés comme membres de l’Empire.”12. Sintetizzando:
“Du reste, Venise était presque byzantine. […]. La question ne doit pas être
posée de cette façon: Quelle est la dépendance exacte d’un Etat vénitien italien
envers l’empire byzantin, mais: Quelle est la situation de l’élément vénitien dans
la monde / byzantin auquel les Vénitiens appartiennent sous tous les
rapports?”13. La complementarità acquista qualche volta delle valenze inatesse:

9
Byzance en Occident: 15-25 (21).
10
Deux siècles d’histoire de Venise: 2. L’Idea sarà ripresa in ibidem: 14.
11
1. Venezia e la penisola dei Balcani: 9.
12
Relations entre l’Orient et l’Occident: 158. Si veda anche Deux siècles d’histoire de Venise:
5.
13
Points de vue sur l’histoire du commerce de l’Orient au Moyen-Age: 51-52. Si veda anche
Desvoltarea aşezămintelor politice şi sociale ale Europei: 93: “Veneţia, de exemplu, era un
oraş pur bizantin: aceasta se vede şi acum din atâtea elemente ale artei ei, dar odată
totalitatea vieţii veneţiene avea un caracter bizantin absolut, deplin; […]” / “Venezia, per
esempio, è una città puramente bizantina: e questo si può vedere anche oggi guardando i
vari elementi della sua arte, ma una volta, l’intera vita veneziana presentava un carattere
pienamente bizantino; […]”; Relations entre l’Orient et l’Occident: 158: “C’est une erreur de
considerer Venise comme un Etat et Byzance comme une autre Etat. Venise ne se croit pas
humiliée en reconnaissant l’autorité unique de l’empereur; elle avait conscience de lui
appartenir. Et, d’un autre côté, lorsque l’empereur byzantine permet aux Vénitiens d’entrer
dans ses ports sans rien payer, de faire descendre leurs marchandises sans droits de douane,
p. 51
“Au fond, elle [n.n. Venise] était Grecque. Grecque de qualité politique, sinon
de langue, […]. Venise, héritière de Romanie / sans risques, qu’elle laissait
volontiers aux chevaliers, était dans ce monde grec elle-même.”14 oppure “En
échange, Venise a conservé une grande partie de la vie / provinciale, byzantine,
contribuant, par sa large tolérance, à préparer au-delà de la Mer un esprit
national grec, dépassant nettement l’impérialisme traditionnel.”15 Spesso però, i
veneziani non sono più visti come complementari dell’Impero ma arrivano ad
essere considerati dei semplici suoi servi e schiavi16. Questa comunicazione
gioverà a quella teoria così cara all’autore delle “Romanie poplari”, fenomeno
che presentava come varianti o le “Sclavonie popolari” o le “Venezie
popolari”17.
D’altronde, “Venezia popolare” è il titolo di un capitolo dell’opera Les
commencements de Venise18. Fedele a questa teoria, Iorga ha paragonato spesso
le strutture che furono alla base dello stato veneziano a quelle che portarono alla
nascita degli stati medievali romeni19. Piu avanti, lo storico romeni arriva ad
allontanare verso la periferia altri aspetti in grado di distinguere le due entità
(quella veneziana e quella valacca) come l’aspetto religioso, geografico o quello
ideologico, che vengono tutti messi su un piano secondario. Tutto sembra così
subordinato
p. 52

de former des communautés autour de leurs églises, jusqu’à l’époque de Manuel, sous une
autorité vague qui ne se dessine que vers la fin du XII-e siècle, […], tout cela existe parce que
les Vénitiens étaient considérés comme membres de l’Empire.”; France de Constantinople et
de Morée: 7: “Venise était toujours une partie de l’Empire byzantin, c’est-à-dire qu’elle était
sur le sol italien, mais participait à Byzance.” La vie de province dans l’Empire byzantin: 21:
“Je m’aperçois enfin que ma façon de considérer Venise comme une possession extra-
territoriale de l’Empire byzantin était déjà celle de Bury: «pour quelques siècles à venir
Venise doit être considérée comme une position extérieure de l’Empire d’Orient dans le Nord
de l’Italie»“.
14
Point de vue sur l’histoire du commerce de l’Orient au Moyen Age: 71-72.
15
La vie de province dans l’Empire byzantin: 26-27.
16
Deux siècles d’histoire de Venise: 2, 21, 30, 36-37, 40; La France de Terre Sainte: 60;
France de Constantinople et de Morée: 7; L’homme byzantine: 3-13 (12).
17
Il termine di Veneţii populare viene però raramente usato, Iorga preferendo il più delle
volte di usare le Romanie anche nel caso di Venezia, vedi Relations entre l’Orient et
l’Occident: 79-80; Points de vue sur l’histoire du commerce de l’Orient au Moyen-Age: 52;
Les commencements de Venise: 17; Deux siècles d’histoire de Venise: 1; Byzance en
Occident: 21. Sulla relazione tra i Veneţii e i Romanii, si veda Relations entre l’Orient et
l’Occident: 158.
18
“Les Venises populaires”, in Les commencements de Venise: 3-16.
19
Relations entre l’Orient et l’Occident: 80; Les commencements de Venise: 28-29. Vedi
anche Y-a-t-il eu un moyen-âge byzantin?: 301-311 (311), dove i veneziani e i balcanici sono
visti nel ruolo di borghesi, rispettivamente contadini, dell’Impero.
alla stessa idea: appartenendo a Bissanzio (da leggersi: all’Impero)20, le due
comunità non potevano manifestarsi diversamente l’una dall’altra. Il punto
fondamentale rimaneva uno solo: l’appartenenza all’Impero.
Però il caso di Venezia presenta una particolarità: Venezia, che si è
costituita e si è sviluppata all’ombra protettrice dell’Impero sarà la stessa che
darà all’Impero il colpo del 1204. Così biasimata, Venezia vienne
definitivamente ritenuta come facente parte dello schieramento degli infedeli21 e
neanche allora si rinuncia all’idea di “schiavo” dell’Impero: “C’est donc la
conception du Vénitien qui a été un esclave révolté; cet esclave révolté s’est
soumis, a fait sa “conversion”, mais il reste, au point de vue constitutionnel,
dans la même situation où il était auparavant.”22.
Comunque, spiegare la “condanna” di Venezia a causa degli eventi del
1204 è molto semplice: Iorga è stato, prima di tutto, un bizantinista. E una volta
fissato il centro della sua visione nello spazio bizantino, il resto del mondo viene
analizzato solo dal punto di vista di Bisanzio. È questa una tendenza tipica di
ogni bizantinista, di rapportare tutto a Bisanzio. E Iorga non fa eccezione. Tutto
il mondo è visto dalla prospettiva di Costantinopoli. In questo senso, la caduta di
Costantinopoli del 1453 viene descritta con sospinando23, mentre Bisanzio dopo
Bisanzio non esprime altro che una speranza. Per Iorga, Costantinopoli è la
capitale dell’impero universale per eccelenza. L’impero della dinastia
fiamminga, come quello dei turchi ottomani sono bizantini in quanto hanno
come residenza Costantinopoli. Solo Costantinopoli può essere “Imperiul
roman, imperium Romaniae, imperium Romanorum”24. E Iorga lo dice
apertamente: “Mais les Empereurs latins de Constantinople se sentirent bientôt
en première ligne
p. 53

20
D’altronde, il concetto di continuità dell’idea imperiale, avendo come centro Costantinopoli
ha rappresentato una delle costanti del pensiero di Iorga, si veda infra. L’idea di Bizanţ după
Bizanţ rimane la stessa, indifferentemente dalle forme in cui si manifesta (mantenere l’Impero
intorno a Costantinopoli – idea in base alla quale i sultani ottomani non hanno rappresentato
che delle nuove forme della stessa sostanza, venendo a far parte cosi dalla tradizione
imperiale bizantina -, oppure il trasferimento dell’idea imperiale in altre zone geografiche
come forma di resistenza contro i nuovi sovrani di Costantinopoli – il caso dei principi
romeni).
21
Si veda Deux siècle d’histoire de Venise: 3, in cui si parla della Venise rebelle, a cominciare
dal XII secolo.
22
Deux siècles d’histoire de Venise: 35
23
Si veda, per esempio, Etudes byzantines, II: 136. A volte, Iorga viene invaso dall’odio
anche quando si mette a narrare la conquista di Costantinopoli avvenuta nel 1204, gli invasori
essendo coloro che “[…] n’au introdus decât jaful fără păreche, incapacitatea de a înţelege
societatea ce stăpâniau şi o astfel de slăbiciune, […].” / “[…] hanno portato solo il
saccheggio senza uguali, l’incapacità di capire la società di cui si erano impadroniti e una
simile debolezza, […].”, cfr. Ce e Bizanţul: 8.
24
France de Constantinople: 1.
successeurs des basileis, dont ils copiaient les vêtements et la pompe”25,
insistendo sulla conservazione del cerimoniale bizantino26 e della lingua greca27
anche sotto il dominio degli imperatori latini a Costantinopoli, sebbene in
un’altra occasione i veri centri imperiali fossero considerati propri quei “locuri
de refugiu si asteptare / luoghi di rifugio e di attesa” di Nicea, Trebisonda ed
Epiro28, mentre i latini di Costantinopoli sono descritti alla luce della loro
debolezza29. Quando poi approfondirà la sua analisi, Iorga sosterrà la teoria
contraria, stimando che propria l’assenza di una conception de Byzance possa
essere la causa di un indebolimento immediato dell’Impero latino30.
p. 54
Comunque, l’idea della continuità storica relativa a Bisanzio rimane una
costante del pensiero di Iorga e la sua espressione più suggestiva è la seguente:
“Byzance était là pour devenir aussitôt l’élément dominant, dépassant l’horizont
de ses conquérants, pour n’importe quelle forme de conquête.”31. Si sostiene

25
Les bases d’une nouvelle histoire du Moyen-Age, Bucuresti, 1913: 16. Si veda anche Deux
siècles d’histoire de Venise: 44: “Nous avons ajouté que les empereurs latins [n.n. de
Constantinople] ne sont pas différents d’essence à l’egard de leurs prédécesseurs grecs;
malgré la différence de noms et de religion, la notion de l’Empire ne pouvait pas changer.”;
France de Constantinople: 2: “Les nouveau-venus, ceux qui appartiennent à ce monde que
Byzance qualifiait de «barbare», ne font que donner une dynastie ou essayer de donner une
dynastie, et des soldats aussi, à un Empire qui reste toujours de la même essence. Comme, du
reste, on ne peut pas dire «Empire latin de Constantinople», on ne pourrait pas dire non plus
«Empire français de Constantinople», car c’est seulement l’Empire byzantin avec une
dynastie française.”; L’Homme byzantin: 6-7. E interessante da notare un altro caso e cioè,
quando Iorga affronta dall’interno il problema dell’elezione dell’imperatore latino; egli
considera Bonifacio da Monferrato il rappresentante della legittimità bizantina, preferendolo
a Balduino delle Fiandre; se avessero sostenuto quest’ultimo, i veneziani avrebbero agito
contro natura, come Iorga suggerisce!, si veda Deux siècles d’histoire de Venise: 41 (la
legittimità di Bonifacio era stata messa in discussione in un modo meno virulento e senza
essere sottolineate le “macchinazioni” veneziane, in France de Constantinople et de Morée:
33-35).
26
Chestiunea Mării Mediterane: 113; Papi şi împăraţi, in Elementele de unitate ale lumii
medievale, moderne şi contemporane: 222; France de Constantinople: 36-37.
27
Vezi Deux siècle d’histoire de Venise: 44; L’Homme byzantin: 7.
28
Une nouvelle théorie sur l’origine et le caractère de l’Empire de Trébizonde, in RHSEE, 13
(1936): 173.
29
Brève histoire des Croisades: 150: “[…]. Pour la croisade, elle [n.n. la fondation des Latins
à Constantinople] ne signifia que, pendant un demi-siècle, le principal empêchement.”;
Histoire de la vie byzantine, III: 109-110: “Cet empire latin de Constantinople qui, sauf cette
illusion d’un moment due à un homme entreprenant et hable n’a jamais existé que par son
titre, ne laissera, sur ses vains efforts et sur la paralysie complète, sur le marasme qui les
suivit, une seule ligne d’histoire, un seul souvenir d’art […]. Ces soixante ans de poauvreté
nue ne représentant que le sort, toujours mencaé, d’une ville perpétuellement assiégée et qui
sait bien qu’elle doit succomber […]”. Inoltre, l ’Impero latino di Costantinopoli rappresenta
per Iorga «l’uomo malato» e viene paragonato all’Impero ottomano del XIX secolo, si veda
Points de vue sur l’histoire du commerce de l’Orient au Moyen Age: 79.
30
France de Constantinople et de Morée: 27.
31
ibidem: 2.
persino l’idea che i turchi di Maometto Secondo si considerassero bizantini32.
Sintetizzando: “Byzance représente […] en première ligne un Etat romain, qui
pouvait parler toutes les langues: latin au commencement, grec ensuite, et, si les
Bulgares ou les Serbes étaient arrivés à conquérir Constantinople, comme ils
l’ont voulu, alors Byzance aurait parlé slavon, comme, plus tard, sous les
Sultans ottomans, elle a parlé turc.”33.
Inoltre, ogni tendenza di conquistare Costantinopoli, sia che venisse da
parte di Simeone di Bulgaria o da parte del normanno Roberto Guiscardo viene
ritenuta come “tendaient à faire revivre l’Empire byzantin sous de nouveaux
maîtres”34. Ecco ad un certo punto anche il celebre Saladdino “reprenait sous la
forme musulmane l’idéal impérial en Orient”35.
Insisterò adesso sul mondo in cui Iorga ha analizzato l’episodio della
Quarta Crociata. Secondo l’analisi intrapresa quasi 30 anni fa da Donald
Queller36, la storiografia di questa crociata registra alcune teorie chiare: quella
“primitiva degli incidenti”37, quella del “tradimento” o della “premeditazione”38,
la “teoria
p. 55
39 40
modificata degli incidenti” e alcuni punti di vista individuali accanto ai quali
si collocano anche quelli studi che escono dal binomio premeditazione-incidente

32
Si veda Deux siècle d’histoire de Venise: 44.
33
Les commencements de Venise: 17
34
Histoire des Croisades: 38 (si fa riferimento a Roberto Guiscardo).
35
France en Terre Sainte: 59.
36
D. QUELLER, The Latin Conquest of Constantinople, Londra: John Wiley and Sons, 1971.
37
E stata rappresentata cosi dai cronachisti crociati, Villehardouin e Clari, che sono stati
testimoni agli eventi. Sarà pòi ripresa da Gabriel HANOTAUX, “Les Vénitiens ont-ils trahi la
Chrétienté en 1202?”, Revue historique 4 (1877); Jules TESSIER, La quatrième croisade; la
diversion sur Zara et Constantinople, Parigi: E. Leroux, 1884; Edmond FARAL, “Geoffroy
de Villehardouin: la question de sa sincérité”, Revue historique 177 (1936).
38
L. de MAS LATRIE, Histoire de règne de Chypre sous le l’île des princes de la maison de
Lusignan, vol. 1, Parigi: Imprimerie imperiale, 1852; Carl HOPF, Geschichte Griechenlands
vom Beginn des Mittelalters bis auf unsere Zeit, in ERSCH-GRUBER, Encyclopedie, vol. 85-
86, 1867-1868; Eduard WINKELMANN, Philipp von Schwaben und Otto IV. Von
Braunschweig, vol. 1, Lipsia: Duncker und Humblot, 1873; Comte Paul RIANT, “Innocent
III, Philippe de Souabe et Boniface de Montferrat”, Revue des questions historiques 17
(1875): 331-366, 18 (1875): 69-72); Edwin PEARCE, The Fall of Constantinople, Nuova
York: Harper & Brothers, 1886; Henri GRÈGOIRE, “The Question of the Diversion of the
Fourth Crusade, or, an Old Controversy Solved by a Latin Adverb”, Byzantion 15 (1941). E
insieme a lui, tutti i bizantinisti.
39
Walter NORDEN, Der vierte Kreuzzug im Rahmen der Beziehungen des Abendlandes zu
Byzanz, Berlino: E. Beck, 1898; Leopoldo USSEGLIO, I marchesi di Monferrato in Italia ed
in Oriente durante i secoli XII e XIII, Torino: Miglietta, 1926; William M. DALY, “Christian
Fraternity, the Crusaders, and the Security of Constantinople, 1097-1204: the precarious
Survival of an Ideal”, Mediaeval Studies 22 (1960); Roberto CESSI, “Venezia e la quarta
crociata”, Archivio veneto, ser. 5, 48-49 (1951); Edgar McNEAL e Robert Lee WOLFF, “The
Fourth Crusade”, in A History of the Crusades (editata de Kenneth M. Setton), vol. 2,
Philadelphia: University of Pennsylvania Press, 1962.
e che si riferiscono alla cosiddetta “storia interiore”41. Lo storico americano
Queller (attualmente autorità riconosciuta nel campo della storiografia della
Quarta Crociata) non ha certamente passato in rassegna che solo una parte degli
storici che nel tempo hanno trattato il rispettivo episodio. Per questo proverò a
supplire il suo sforzo tramite il tentativo di commentare le idee di N. Iorga in
base alle categorie stabilite da Queller.
In alcune occasioni lo storico romeno considera che l’episodio del 1204
“n’est donc pas un acte vénitien, d’autant moins un acte personnel du doge
Dandolo; ce n’est ni un accident, ni une aventure: c’est le dernier terme naturel
d’une longue évolution.”42, mostrando così di iscriversi sulla linea tracciata da
W. Norden (la “teoria modificata degli incidenti”). Alcune volte fa ricorso alla
variante neutrale proposta da A. Luchaire: : “[…] e una din chestiunile care ar
putea părea insolubile / è una delle questioni che potrebbero sembrare
insolubili”43, ma nella maggioranza dei casi l’evento viene visto come un
“usurpazione” veneziana soprattutto quando Enrico Dandolo è considerato
“dogele creator al imperiului latin de la Constantinopol / il doge creatore
dell’impero latino di Costantinopoli”44. A nostro parere, Iorga è il primo
ricercatore che ha messo in evidenza che la modalità di elezione dell’imperatore
latino è stata tipicamente veneziana, rifacendosi in qualche modo al sistema di
elezione dei dogi45.
p. 56
Criticando l’idea di un possibile incidente: “Mais, au point de vue des
relations de commerce, ce n’est pas un incident, mais bien un moment du
développement logique d’une seule et même politique.”46, e insistendo poi su una
relazione diretta esistente tra gli eventi del 1171-1172 (la disputa con
Emmanuele I Comneno) e quelli del 1203-120447, Iorga si collocherebbe nello
stile più puro di W. Norden. Egli non lascia però che gli sfugga l’occasione di
criticare Venezia, di trovare delle traccie di cospirazione nell’impresa. Essendo
Bisanzio il centro di riferimento per il bizantinista Iorga, allora Venezia
rappresenta in modo irevocabile l’elemento traditore! È di Venezia la
responsabilità48 e questa conclusione è venuta fuori in seguito alla semplice

40
Achille LUCHAIRE, Innocent III: la question d’Orient, Parigi: Librairie Hachette, 1907.
41
A. FROLOW, Recherches sur la déviation de la Ive croisade vers Constantinople, Parigi:
Presses universitaires de France, 1955; Paul ALPHANDÉRY, La Chrétienté et l’idée de
croisade, Parigi: Editions Albin Michel, 1959, vol. 1.
42
Deux siècles d’histoire de Venise, Bucarest, 1932: 42, 43
43
Chestiunea Mării Mediterane: 111.
44
Latins et Grecs d’Orient: 206. Si veda specialmente Chestiunea Mării Mediterane: 109-
110, 114; Brève histoire des Croisades: 150; Deux siècles d’histoire de Venise: 45-57; Trois
siècles d’histoire de Venise, in RHSEE, 9 (1932), 1-3: 43 s. u.
45
Si veda The Byzantine Empire: 172; Brève histoire des Croisades et de leurs fondations en
Terre Sainte: 147-148; Essai de synthèse de l’histoire de l’humanité: 374.
46
Points de vue sur l’histoire du commerce de l’Orient au Moyen-Age: 65-67,
47
Si tenga presente anche in France de Constantinople et de Morée: 7-8.
48
France de Constantinople: 4 s. u..; Essai de synthèse de l’histoire de l’humanité: 370.
valutazione dei risultati, Venezia essendo stata l’unica a guadagnare
nell’impresa. Dunque, la premeditazione arriva da sé: “It certainly seemed that
Venice was planning a great coup. Unexpected events put large land forces at
her disposal.”49, e “Atunci o mentalitate de parvenit s-a trezit la vechii Veneţieni
[n.n. odata cu prima cruciada]: şi-au pierdut socoteala; au crezut că basinul de
Răsărit al Mării Mediterane li e asigurat pentru toate timpurile, şi s-au putut
intreba atunci: de ce să se păstreze intre Metropolă şi posesiunile siriene
Imperiul Bizantin in decădere, supus capriciilor de lăcomie şi violenţă ale
Impăraţilor? Dar dacă acest Imperiu bizantin s-ar inlătura? Si mai ales: dar
dacă l-ar inlătura ei, şi ar pune in loc o contrafacere latină, pe care ar
intrebuinţa-o apoi pentru scopurile lor? Si astfel la 1204 Veneţienii au
intervenit in certurile dinaştilor bizantini […] / Allora una mentalità di arrivista
si è destata nei vecchi Veneziani [a partire dalla prima crociata]: hanno perso la
testa; hanno pensato che il bacino orientale del Mar Mediterraneo fosse loro
assicurato per sempre e allora si sono chiesti: perché in mezzo alla Metropoli e
alle possessioni siriene si debba conservare l’Impero Bizantino in stato di
declino, sottoposto ai capricci di avidità e violenza degli Imperatori? E se questo
Impero bizantino fosse tolto de mezzo? Ma soprattutto: se fossero loro a
tagliarlo di mezzo e a mettere al suo posto una contraffazione latina che
avrebbero poi adoperato per i loro interessi? E così nel 1204 i Veneziani sono
intervenuti nelle dispute dei regnanti bizantini […]”50, (e si potrebbe in questo
modo dedurre che la “cospirazione” veneziana fosse stata preparata sin dagli
inizi delle crociate!). Si arriva alle volte a ricorrere a dei documenti non ancora
verificati come il presupposto trattato di Venezia con gli
p. 57
“infedeli” alla vigilia della Quarta Crociata51, messo in circolazione da Carl
Hopf52. Vi sono date delle spiegazioni semplicistiche come quella che: “Venice,
[…], was at this time the enemy of the Greek empire, and had the greatest
interest in destroying it, in order to seize for herself the ports and islands
necessary to her commerce.”53 ed alcune persino irrisorie: l’età inoltrata del
Doge Enrico Dandolo come causa della “deviazione” della crociata54.
Una volta sottolineate le principali coordinate fissate da Iorga nello
stimare la posizione del mondo veneziano in confronto a Bisanzio, psserò al
nocciolo del problema di questa relazione: la cronachistica veneziana.
A cominciare del XI secolo nell’ambito della storiografia veneziana si è
sviluppato un genere letterario specifico conosciuto sotto il nome di
cronachistica. Essendo diffuse in varie biblioteche europee e nord americane, le

49
The Byzantine Empire: 167.
50
Cinci conferinţe despre Veneţia: 54.
51
Cfr. Essai de synthèse de l’histoire de l’humanité: 370, nota.
52
Si veda supra.
53
The Byzantine Empire: 168.
54
Chestiunea Mării Mediterane: 113; Essai de synthèse de l’histoire de l’humanité: 370;
France de Constantinople et de Morée: 11.
cronache si ritrovano in una quantità importante a Venezia, nelle collezioni di
manoscritti della Biblioteca Marciana, del Museo Civico Correr e in quantità
molto inferiori all’Archivio di Stato e presso la Biblioteca della Fondazione
Querini Stampalia55. Dei fondi importanti si possono trovare anche presso la
Biblioteca Apostolica di Vaticano56, presso la Biblioteca Ambrosiana di
Milano57 e presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze. Fra tutte queste
biblioteche risulta evidente che il numero maggiore di cronache si trova alla
Marciana dove oggi sono riuniti all’incirca 20 codici in lingua latina e fino a 300
codici in italiano. Per quanto riguarda gli ultimi, dobbiamo precisare che sono
scritti nel dialetto veneto e inoltre differiscono dal punto di vista linguistico, in
base al secolo in cui il copista ha compiuto il suo lavoro. Si impone con
necessità l’attività di un gruppo di storici
p. 58
della lingua italiana e del dialetto veneto che possa chiarire adeguatamente il
problema della datazione di ciascuno di questi codici, in base alla struttura della
lingua.
Ritornando al problema del numero dei manoscritti che figurano nella
Biblioteca Marciana, si deve precisare che questo è solo approssimativo in quanto
non si può sapere esattamente che cosa si nascondi dietro a un titolo. Spesso, il
ricercatore si trova nella situazione di scoprire una nuova cronaca anche se questa
viene catalogata come L’origine degli famiglie nobili Venete o più semplicemente
viene registrata accanto ad altri materiali nella rubrica delle Miscellanee58. Può
avvenire anche il fenomeno contrario e cioè che sotto il titolo di Cronaca di
Venezia o Cronaca Veneta si trovi un materiale di un genere del tutto diverso,
come dei risconti degli ambasciatori veneziani o dei discorsi teologici. Certo che
situazioni di questo genere non possono costituire che delle eccezioni, ma
l’immensità del materiale può indurre spesse volte in errore. Comunque, nella
loro stragrande maggioranza queste cronache o storie di Venezia59 hanno come
titolo Cronaca Veneziana dalla comincia della Città oppure, più raramente,
55
Si tratta di 12 codici. Il numero esatto delle cronache non può essere stabilito che in seguito
a delle ricerche approfondite, in quanto all’interno di molti codici vengono raggruppate più
cronache, che figurano come miscellanee. Fra le cronache che si possono attribuire ad un
determinato autore, ricordiamo due codici di Giovanni Giacopo Caroldo (collocazioni IV. 112
e IV. 113), la cronaca di Lorenzo di Monacis in latino (IV. 28) oppure quella di Agostino
Agostini (IV. 16), le altre essendo anonime.
56
I codici sono nove. Fra questi si distinguono due firmati da G. G. Caroldo (collocazioni
Vat. lat. 6085 e Vat. lat. 6088), una copia della Cronaca Altinate, gli altri essendo anonimi.
Questi si trovano distribuite soprattutto nel fondo Vat.. lat. accanto ad una cronaca in latino
del fondo Reg. e un’altra, in italiano, catalogata nell’Urb. lat.
57
Queste sono state raggruppate nel cosiddetto fondo Pinelli.
58
Com’è il caso della cronaca di Marco, uno dei più antichi scritti di storia veneziana, che si trova nella collocazione It.
XI. 124, accanto a vari materiali sulle profezie e materiali letterari!
59
Non intendiamo svolgere qui il dibattito sulla definizione di cronaca, rispettivamente di una storia, oppure della
relazione fra queste due; cosi come consideriamo del tutto relativo il cosiddetto “passaggio” dalla cronachistica alla
storia. Attribuiamo un valore piuttosto metaforico all’affermazione di A. CARILE secondo la quale Paolo Ramusio il
Giovane segni il passaggio dalla cronachistica alla storia, si veda Carole, La cronachistica (secoli XIII-XIV) di fronte
alla spartizione della Romania nel 1204, Firenze: L. S. Olschki (Conti), 1969: 203.
Storia dei Dogi di Venezia. Per quello che riguarda strettamente la Biblioteca
Marciana, le cronache veneziane sono raggruppate soprattutto nelle classi Ital.
VII e Lat. X.
Le cronache veneziane non si limitano però alla spazio italiano. Numerosi
altri materiali cronachistici si trovano a Vienna (il cosiddetto fondo Foscarini)60,
Dresda (a Sächsische Landesbibliothek)61, a Parigi (Biliothèque Nationale)62, a
Londra (British Museum)63 e anche negli Stati Uniti (il fondo Ranke nell’ambito
della Biblioteca dell’Università di Syracuse, New York, e l’Università di
Chicago)64.
p. 59
La lista dei manoscritti d’Italia che comprende le cronache veneziane deve
essere anch’essa completata con le cronache scoperte da me nella Biblioteca
Civica di Padova dove si trovano 12 codici65 e nella Biblioteca Nazionale
Centrale “Vittorio Emanuele” di Roma66. Questi manoscritti non sono menzionati
da Antonio Carile e questa scoperta ci fa capire che, senz’ombra di dubbio anche
altre biblioteche o archivi possiedono altre simili cronache.
La raccolta di tutti questi materiali in un unico posto potrebbe certamente
facilitare lo studio della cronachistica veneziana. In questo senso, dobbiamo
ricordare l’iniziativa dell’ex Direttore della Biblioteca Marciana, Giorgio
Emanuele Ferrari, che tra il 1972 e il 1973 è entrato in possesso di un importante
acquisto dalla Gran Bretagna e cioè di una parte dell’impressionante collezione
Phillipps di Cheltenham67. Sono stati così ottenuti 44 codici ai quali si sono
aggiunti ancora 3 nel 198568. La risposta alla domanda come è stato possibile che
un numero così grande di materiali, elaborati a Venezia, da parte dei veneziani e
che trattano aspetti relativi alla storia di Venezia sia arrivato nel territorio
britannico ci viene data dalla notizia che Thomas Phillipps, un milionario inglese,
collezionista di manoscritti e libri rari, è venuto in loro possesso all’inizio del
XIX secolo69. Una spiegazione simile potrebbe essere data per i manoscritti
veneziani posseduti dall’Università di Syracuse, New York, che sono stati

60
Si veda Tommaso GAR, in Archivio storico italiano 5 (1843): 283-430.
61
Si veda A. CARILE, La cronachistica veneziana, cit.: 103.
62
MARSAND, I manoscritti italiani della regia biblioteca parigina, Parigi, 1835-1838, 2 volume; Attilio SARFATTI,
I codici veneti delle biblioteche di Parigi, Roma, 1888.
63
Cesare FOLIGNO, “Codici di materia veneta nelle biblioteche inglesi”, Archivio veneto, nuova serie, 10-15 (1905-
1908).
64
Edward MUIR, The Leopold von Ranke Manuscript Collection of Syracuse University. The Complete Catalogue,
Syracuse, New York: Syracuse University Press, 1983; si veda anche James S. GRUBB, “A Major New Fondo of
Veneto and Venetian Documents”, Studi Veneziani, n. s. 10 (1985): 173-181.
65
Questa cifra si riferisce solo a quei manoscritti che, secondo i cataloghi, rappresentano delle cronache venete. A
queste si potrebbero aggiungere quelle che vengono intitolate storie delle famiglie nobili veneziane ecc. In base ai
cataloghi, una sola cronaca può essere attribuita ad un autore (Agustini Geronimo) con la collocazione C. M. 96, le altre
essendo anonime.
66
Le cronache che si trovano a Vittorio Emmanuele - Roma.
67
Si tratta dei codici con le coll. che vanno da It. VII. 2540 a It. VII. 2592, con la precisazione che non a tutte queste
collocazioni corrispondono dei materiali cronachistici.
68
I manoscritti con le collocazioni It. VII. 2652, It. VII. 2659 e It. VII. 2669.
69
Tutto questo è già stato segnalato tanto tempo fa da G. CASTELLANI, “I manoscritti Veneti contenuti nella
collezione Phillipps in cheltenham (contea di Glocester)”, Archivio Veneto 37 (1889): 199-248.
ottenuti in seguito alla donazione di Leopold von Rakne del 188770. Per quanto
riguarda i mezzi per cui altre cronache sono arrivate a Vienna o a Parigi, la
spiegazione è ancora più semplice, si deve tutto alle successive occupazioni
austriache e francesi che Venezia ha subito dopo il 1797.
Nel complesso, lo studio della cronachistica veneziana si trova ancora in
uno stadio iniziale, malgrado gli appelli di Vittorio Lazzarini71 o Freddy Thiriet72
e
p. 60
73 74
gli sforzi di Aug. Prost o Antonio Carile . Come conseguenza, la stampa delle
cronache si è concretizzata solo parzialmente. Inoltre si può dire che gli editori
dei secoli passati si siano interessati di più a questo processo75. Il Novecento ha
apportato dei contributi meno rilevanti in questo senso76.
Tra le cronache veneziane stampate fino ad oggi, ricordiamo Chronicon
Altinate, Chronicon Gradense, la cronaca attribuita al diacono Giovanni, la
cronaca anonima che porta il titolo convenzionale di Historia Ducum
Veneticorum, quella scritta da Martino da Canal, la cronaca attribuita a Marco,
quella del doge Andrea Dandolo e la sua continuazione dovuta al cancelliere
Rafaino di Caresini, Lorenzo de Monacis, Marino Sanudo il Giovanne, Andrea
Navagero, Daniele Chinazzo77.
Le prime cronache conservate sono Cronaca Altinate, Chronicon
Gradense78, la cronaca attribuita al diacono Giovanni79. Il XIII secolo porta in
primo piano
70
Si veda Ed. MUIR, op. cit..
71
V. LAZZARINI, “Il testamento del cronista Gian-Giacomo Caroldo: per una edizione della sua cronaca”, Scritti
storici in onore di Giovanni Monticolo, Venezia, 1915.
72
Freddy THIRIET, Les chroniques vénitienne de la Marcienne et leur importance pour l’histoire de la Romania
gréco-vénitienne, in Mélanges d’Archéologie et d’Histoire (1954): 290: “[...] Il est donc souhaitable de voir publier ces
témoins avisés de leur temps, Jean-Jacques Caroldo et Antoine Morosini en priorité.”; questo asppello sarà ripreso in
Fr. THIRIET, La Romanie vénitienne au moyen age. Le développement de l’exploitation du domaine colonial vénitien
(XIIe-XVe siècles), Paris: Éditions E. de Broccard, 1959: 17.
73
Citazione ancora da Aug. PROST, “Les chroniques vénitiennes”, Revue des Questions
historiques 31 (1882): 512-555 e 34 (1883): 199-224.
74
CARILE, La cronachistica.…
75
Case editrici dei secoli precedenti: la collezione Rerum Italicarum Scriptores, curata dal MURATORI, Monumenta
Germaniae Historica (per Historia Ducum Veneticorum, curata dal H. SIMONSFELD), il curatore Flamino CORNER
(per la cronaca di Lorenzo de Monacis), il curatore Giovanni MONTICOLO (per i più antichi cronache) ecc.
76
Si veda l’edizione parziale di Z. Dolfin, si veda anche M. de BIAISO con Giovanni diacono; Roberto CESSI con
Origo; si veda Alberto LIMENTANI per Martino da Canal, più E. PASTORELLI (ristampa di MURATORI, con la
precisazione: è parziale; esempi: Sanudo viene troncato mentre Navagero non è più ripreso).
77
La cronaca di Chinazzo è tutta dedicata alla guerra di Chioggia, del 1377-1380.
78
Le due cronache, Gradense e Altinate sono state stampate insieme, si veda Origo Civitatem
Italie seu Veneticorum (Chronicon Altinate et Chronicon Gradense) (a cura di Roberto
CESSI), Roma: Tipografia del Senato, 1933. Si veda anche Lorenzo MINIO-PALUELLO, “Il
‘Chronicon Altinate’ e Giacomo Veneto”, Miscellanea in onore di Roberto Cessi, vol. I,
Roma: Edizioni di storia e letteratura, 1958, Antonio CARILE, “Le origini di Venezia nella
tradizione storiografica”, in Storia della cultura veneta dalle origini al Trecento, Vicenza:
Neri Pozza editore, 1976: 135-166; Gina FASOLI, “I fondamenti della storiografia
veneziana”, in La storiografia veneziana fino al secolo XVI. Aspetti e problemi (a cura di
Agostino PERTUSI), Firenze: Leo S. Olschki, 1970: 11-44.
p. 61
80
la cronaca attribuita a Marco e la più conosciuta Les estoires de Venise di
Martino da Canal81.
L’evoluzione in seguito della cronachistica veneziana passa attraverso il
momento Andrea Dandolo82 (con la sua continuazione dovuta a Rafaino de
Caresini che fa riferimento al periodo del dopo 128083) e attraverso quella fase
considerata dagli analisti come rappresentante della “crisi del modello

79
In Cronache veneziane antichissime (a cura di Giovanni MONTICOLO), vol. I, Roma:
Istituto storico italiano, 1890: 59-171. Pentru refereinte, vezi Gina FASOLI, “I fondamenti
della storiografia veneziana”, loc. cit.; Lidia CAPO, in Girolamo ARNALDI e Lidia CAPO,
“I cronisti di Venea e della Marca Trevigiana dalle origini alla fine del secolo XIII”, in Storia
della cultura veneta. Dalle origini al Trecento, Vicenza: Neri Pozza editore, 1976: 391-393.
80
Per la cronaca di Marco, si veda Elisa PALADIN, “Osservazioni sulla inedita cronaca
veneziana di Marco (sec. XIII ex. - XIV in.)”, Atti dell’Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed
Arti 128 (1969-1970); Antonio CARILE, “Le origini di Venezia …”: 151-152; Giorgio
CRACCO,”Il pensiero storico di fronte ai problemi del comune veneziano”, in La
Storiografia veneziana...: 45-74 (66-71); Girolamo ARNALDI in G. ARNALDI e Lidia
CAPO, “I cronisti di Venezia e della Marca Trevigiana dalle origini alla fine del secolo XIII”,
cit.: 397 sqq.; Agostino PERTUSI, “Le profezie sulla presa di Costantinopoli (1204) nel
cronista veneziano Marco (c. 1292) e le loro fonti bizantine (Pseudo-Costantino Magno,
Pseudo-Daniele, Pseudo-Leone il Saggio)”, Studi Veneziani, n.s. 3 (1979).
81
La Cronique des Veneciens, des origines à 1275 (a cura di Archivio storico italiano 8
(1845): 231-707; Les estoires de Venise. Cronaca veneziana in lingua francese dalle origini
al 1275 (a cura di Alberto LIMENTANI), Firenze: Leo S. Olschki, 1972. Per Martin da
Canal, si veda Gina FASOLI, “La Cronique des Veniciens di Martino da Canale”, Studi
medievali, seria III, 2 (1961); Giorgio CRACCO, “Il pensiero storico di fronte ai problemi del
comune veneziano”, in La storiografia veneziana...: 45-74 (50-66); Alberto LIMENTANI,
“Martin da Canal e ‘Les estoires de Venise’”, in Storia della cultura veneta. Dalle origini al
Trecento, Vicenza: Neri Pozza editore, 1976: 590-601; A. PERTUSI, “Maistre Martino da
Canal interprete cortese delle Crociate e dell’ambiente Veneziano del secolo XIII”, in Storia
della civiltà veneziana (a cura di Vittore BRANCA), vol. I, Firenze: Sansoni editore, 1979.
82
Rerum Italicarum Scriptores, 12 (nuova ediziona, a cura di Ettore PASTORELLO),
Bologna, 1938-1942. Si veda anche H. SIMONSFELD, Andrea Dandolo und sein
Geschichtswerk, Munchen, 1876, tradotto poi da Benedetto MOROSSI, “Andrea Dandolo e le
sue opere storiche”, Archivio Veneto 14 (1877): 49-149; G. ARNALDI, “Andrea Dandolo
doge-cronista”, in La storiografia veneziana...: 127-268; Freddy THIRIET, “Byzance et les
Byzantins vus par le Vénitien Andrea Dandolo”, Revue des études sud-est européennes 10
(1972); G. ARNALDI in G. ARNALDI e Lidia CAPO, “I cronisti di Venezia e della Marca
Trevigiana”, in Storia della cultura veneta, vol. II: Il Trecento, Vicenza: Neri Pozza editore,
1976: 287-296; Lino LAZZARINI, “«Dux ille Danduleus». Andrea Dandolo e la cultura
veneziana a metà del Trecento”, in Petrarca, Venezia e il Veneto, a cura di Giorgio
PADOAN, Firenze: Leo S. Olschki editore, 1976: 123-156.
83
Rerum Italicarum Scriptores, Bologna, 1923.
dandoliano”84, avendo come principali esponenti il cancelliere veneziano di
Creta, Lorenzo de Monacis85,
p. 62
86 87
il cronista Enrico Dandolo (per il XIV secolo), Nicolò Trevisan o Gian
Giacopo Caroldo88 (per il XV secolo) o Marino Sanudo il Giovanne89, Daniele
Barbaro90, Pietro Dolfin91, Marcantonio Erizzo, Camillo Abbiosi da Ravenna e il
discusso Gasparo Zancaruolo92 (per il XVI secolo)93 e anche le cronache
attribuite ad Andrea

84
Per la definizione della “crisi del modello dandoliano”, si veda Franco GAETA,
“Storiografia, coscienza nazionale e politica culturale nella Venezia del Rinascimento”, in
Storia della cultura veneta dal primo quattrocento al Concilio di Trento, vol. III, partea 1,
Vicenza: Neri Pozza editore, 1980: 1-91 (11-16).
85
De rebus venetis, ab originis ad 1354 (a cura di Flaminio CORNER), Venezia, 1758. Su
Lorenzo de Monacis, si veda Giovanni Degli AGOSTINI, Notizie Istorico-Critiche intorno la
Vita e le Opere degli Scrittori Veneziani, vol. 2, Venezia: Simone Occhi, 1754: 363-371;
Agostino PERTUSI, “Le fonti greche del ‘De gestis moribus et nobilitate civitatis
Venetiarum’ di Lorenzo de Monacis Cancelliere di Creta (1388-1428)”, Italia medioevale e
umanistica 8 (1965); idem, “Gli inizi della storiografia umanistica nel Quattrocento”, La
storiografia veneziana...: 269-332 (277-289); Fr. GAETA, “Storiografia, coscienza nazionale
e politica culturale …”, cit.: 16-25.
86
La cronaca di Enrico Dandolo, che non è stata stampata, si può consultare alla Biblioteca
Marciana, alla collocazione It. VII. 102 (=8142), ma solo come microfilm: Pos. Marc. 127.
Sul cronachista Enrico Dandolo, si veda Silvana COLLODO, “Temi e caratteri della
cronachistica veneziana in volgare del Tre-Quattrocento (Enrico Dandolo)”, Studi veneziani 9
(1967): 127-151; A. CARILE, “Aspetti della cronachistica veneziana nei secoli XIII e XIV”,
in La storiografia veneziana...: 75-126 (98-115).
87
Su Nicolò Trevisan, si veda Fr. THIRIET, “Les chroniques vénitiennes de la Marcienne et
leur importance pour l’histoire de la Romanie gréco-vénitienne”, extrait des Mélanges
d’Archéologie et d’Histoire, publiés par l’École Française de Rome, année 1954: 241-292
(262-266); A. CARILE, “Note di cronachistica veneziana: Piero Giustinian e Nicolò
Trevisan”, Studi Veneziani 9 (1967): 103- 125 (119-125); Fr. THIRIET, “L’importance de la
chronique de Niccolò Trevisan”, Miscellanea marciana di studi Bessarionei, Padova: Editrice
Antenore, 1971; V. LAZZARINI, “Marino Falier, la congiura”, Nuovo Archivio Veneto 13
(1897): 8-18: Le fonti..
88
Su Caroldo, si veda Fr. THIRIET, “Les chroniques vénitiennes de la Marcienne...”, cit.:
266-272.
89
Vite dei Dogi, in Rerum Italicarum Scriptores, 22, Milano, 1733: 405-1251. La seconda
edizione dell’ 1900 viene pubblicata solo la prima parte, che arriva fino al regno di Sebastiano
Ziani compreso (1178). Per riferimenti a Sanudo il Giovane, si veda Gaetano COZZI, “Marin
Sanudo il Giovane: dalla cronaca alla storia”, in La storiografia veneziana...: 333-358; Franco
GAETA, “Storiografia, coscienza nazionale e politica culturale …”, cit.: capitolo 13.
90
Per riferimenti a D. Barbaro, si veda Fr. THIRIET, “Les chorniques vénitiennes de la
Marcienne...”: 246-249, idem, La Romanie venitienne; numerose copie della cronaca
elaborata da Barbaro si trovano anche alla Staatsbibliothek di Vienna.
91
Per riferimenti a P. Dolfin, si veda Marco FOSCARINI, Della letteratura veneziana,
Padova, 1752 (ristampato a Venezia, 1854): 159-160.
92
Per riferimenti a Zancaruolo, si veda Fr. THIRIET, “Les chroniques vénitiennes de la
Marcienne...”: 279-285; Lia SBRIZIOLO, “La Cronaca Zancaruola: dall’esilio dalla
Biblioteca Marciana al suo ritorno”, Atti dell’Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti 128
p. 63
Donà o Girolamo Savina (per il XVII secolo). Oltre a questi, un contributo
decisive per la nostra ricerca l’hanno avuto le cronache anonime o parzialmente
anonime94 di cui gli esempi sono innumerevoli fra i codici della Marciana.
Nel corso di questa evoluzione, dunque, si può osservare un fenomeno:
quello della “crisi del modello dandoliano”. Se le scritture più vecchie, accanto
alla cronaca del doge Andrea Dandolo (parzialmente anche quella di Martino da
Canal) affrontano la storia di Venezia nel contesto della data che segna la salita
al trono e la morte non solo dei dogi ma anche dei papi, degli imperatori
bizantini o degli occidentali, dei re longobardi e normanni ecc., a cominciare
dalla cronaca di Monacis, si registra una chiara differenza di affronto: Venezia
acquista una posizione centrale, passa nella sfera del mito, mentre il resto del
mondo viene analizzato solo in quei contesti che si avvicinano in qualche
maniera alla storia veneziana. Spariscono così i dati relativi a ciascun imperatore
bizantino. Assistiamo così a un radicale cambiamento della prospettiva, una
volta con la scoperta sui generis da parte dei cronachisti veneziani del gusto
nazionalista.

(1969-1970); Fr. THIRIET, “Encore sur le pseudo (?) Zancaruolo”, In Memoria di Sofia
Antoniadis, Venezia: Biblioteca dell’Istituto Ellenico di Studi Bizantini e Postbizantini di
Venezia, 1974; Giulio ZORZANELLO, “La Cronaca Veneziana trascritta da Gasparo
Zancaruolo (codice Marciana It. VII. 2570, già Phillipps 5215)”, Archivio Veneto, ser. V, 114
(1980).
93
Siamo dispiacenti per non aver potuto percorrere anche la cronaca di Zorzi Dolfin, il padre
di Pietro, in quanto il microfilm contenente l’unico manoscritto che si trova alla Biblioteca
Marciana [It. VII. 794 (=8503), microfilm Pos. Marc. 143] non comprende l’intera cronaca,
fermandosi all’anno 893, ai tempi del doge Zuanne Partecipazio (Badoer). Edizione parziale:
G. M. THOMAS, in Sitzungsberichte der K. bayerischen Akademie d. Wissenschaft,
Munchen, 1864, II: 67-80 (riferimenti alla Quarta Crociata), e ibidem, 1866, II: 1-41
(riferimenti alla caduta di Costantinopoli del 1453). Per riferimenti a Z. Dolfin, si veda Fr.
THIRIET, “Les chroniques vénitiennes de la Marcienne...”: 286-290; Maria ZANNONI, “Le
fonti della cronaca veneziana di Giorgio Dolfin”, Atti del Reale Istituto Veneto di Scienze,
Lettere ed Arti 101 (1941-1942). In uguale misura, non ho potuto accedere alla cronaca di
Piero Giustinian, di cui unica copia si trova al British Museum di Londra, si veda A.
CARILE, “Note di cronachistica veneziana: Piero Giustinian e Nicolò Trevisan”, Studi
Veneziani 9 (1967): 103-125 (110-118).
94
Inseriamo nella categoria “parzialmente anonime” le cronache definite in modo
convenzionale Cronaca Veniera, titolo dovuto al nome del proprietario di uno dei manoscritti,
non dell’autore; infatti, queste presentano delle differenze non solo nello stile di scrittura, ma
anche nell’approccio e nella datatazione degli eventi. Si può aggiungere a queste cronache
anche la cosiddetta Cronaca Barbo, il cui autore ci è sconosciuto. Per quanto riguarda la
cronachistica anonima vera e propria, dobbiamo precisare che fin’ora una sola simile cronaca
è stata stampata e costituisce la meta di alcuni riferimenti: Historia Ducum Veneticorum,
stampata in MGH, SS, 14 (a cura di H. SIMONSFELD), Hannoverae: Impensis Bibliopolii
Hahniani, 1883. Si veda Giorgio CRACCO, “Il pensiero storico di fronte ai problemi del
comune veneziano”, in La storiografia veneziana...: 45-74 (46-50); Lidia CAPO, in G.
ARNALDI e Lidia CAPO, “I cronisti di Venezia e della Marca Trevigiana dalle origini alla
fine del secolo XIII”, cit.: 407-411.
In un tale contesto, dove si potrebbe collocare la “materia prima”
utilizzata dallo storico romeno? Dobbiamo dire prima di tutto che per Iorga la
cronachistica veneziana non è stata un oggetto di studio di per sé. Per questo è
stata più intesa come un fattore puramente tangenziale che possa o no
confermare le proprie ipotesi. Inoltre, nel delineare i tratti generali della storia
veneziana, i riferimenti alla storiografia bizantina (Coniate e Acropolite, in
primo luogo) sembrano più a portata di mano. Iorga si sente più al suo agio
quando fa dei riferimenti a Coniate. Una volta entrato nel territorio della
cronachistica veneziana, egli si sente in qualche modo a disagio. Le cronache su
cui si è soffermato sono: Chronicon Altinate95,
p. 64
96 97 98
il diacono Giovanni , Historia Ducum Veneticorum , Martino da Canal , A.
Dandolo99.
Un’altra importante osservazione è che gli studi di Iorga relativi al
problema della cronachistica veneziana si fermono con i richiami al momento
Dandolo, senza avventurarsi con le ricerche oltre il Trecento. La svolta
rappresentata dal fenomeno della “crisi del modello dandoliano” e aperta da
Lorenzo de Monacis, manca del tutto dalle letture del grande studioso. È vero,
nella loro stragrande maggioranza, le cronache successive a Dandolo non sono
state stampate e l’azzardarsi nella vastità dei manoscritti presenti nella Marciana
e al Museo Civico Correr avrebbe significato un’incursione che avrebbe
allontanato il ricercatore da altri argomenti, altrettanto interessanti. Eppure
proprio la cronaca di Monacis è stata stampata sin dal 1758. E lo stesso è
avvenuto con la collezione iniziata da Muratori nel Settecento, che conteneva
oltre a Dandolo e Rafaino de Caresini, anche le cronache più tarde di Marino
Sanudo il Giovanne e Andrea Navagero. Allora, come si spiega il fatto che,
nonostante riportasse così nei dettagli dei dati forniti dalle cronache antichissime
o da A. Dandolo, Iorga lasciò da parte le altre cronache? Sarà stato per caso?
Oppure possiamo parlare di premeditazione in quanto voleva vedersi confermata
la teoria relativa all’appartenenza totale all’Impero? Non accettiamo simili
verdetti, ma consideriamo che tutto si debba all’intento di seguire un maggior
accostamento nel tempo fra le fonti (e cioè le cronache) e gli eventi evocati (e
cioè il periodo della storia veneziana che precede le crociate). Solleviamo però
una questione: anche la cronaca di A. Dandolo è lontana dall’essere
contemporanea agli eventi.

95
Points de vue sur l’histoire du commerce de l’Orient au Moyen-Age: 72; Essai de synthèse
de l’histoire de l’humanité: 112, 301, 338; Les commencements de Venise: 7, 18.
96
Points de vue sur l’histoire du commerce de l’Orient au Moyen-Age: 54; Essai de synthèse
de l’histoire de l’humanité: 112; Les commencements de Venise: 7, 18, 25-28; Deux siècles de
l’histoire de Venise: 1.
97
Les commencements de Venise: 6.
98
Points de vue sur l’histoire du commerce de l’Orient au Moyen-Age: 80; Deux siècles de
l’histoire de Venise: 57.
99
Deux siècles de l’histoire de Venise: 11-12, 30, 32, 37, 44-45, 56-57.
Dunque, in tutti i casi possiamo valutare il fatto che non si abbia a che
fare con delle prove che non ammettano dei dubbi. Ma con delle immagini.
Immagini costruite nel corso del tempo da parte di una comunità riguardanti
un’altra. Le realtà rimangono le stesse, le interpretazioni però sono diversi. In
queste condizioni, si pone la seguente domanda: se comunque ha ritenuto A.
Dandolo una fonte importante (questo non essendo contemporaneo agli eventi),
allora perché Iorga a tralasciato totalmente altre cronache? E inoltre, perché
Iorga arriva ad esagerare
p. 65
100
precisando ad un certo punto che Andrea Dandolo fosse contemporaneo agli
eventi della Quarta Crociata?
A parte questo, il fatto di non aver consultato le cronache posteriori a
Dandolo crea una rottura nell’analisi storica. E le percezioni veneziane sono
individuate da Iorga solo da un punto di vista chiaro e preciso: quello della
dipendenza nei confronti di Bisanzio. Iorga resta così prigioniero della propria
passione: la passione per Bisanzio.

Traduzione di Maria Bulei

100
Deux siècles d’histoire de Venise: 45.