Sei sulla pagina 1di 92

1

2
3

BRUNO MARTINO
il re del night
pag.
1959 BABY LUNA 4
TESTI DI ALTRE CANZONI pag. 84
SONO STANCO 6
NEL 2000 8 ANNI ‘60
JESSICA 10 QUANDO UN CANTANTE È TRISTE
TROPPO BELLO
CHI BALLA IL CALYPSO 82 VENERDÌ
1960 ESTATE 12 BELLA ROMA
1961 A.A.A. ADORABILE CERCASI 14 BACCO TABACCO E VENERE
T’ASPETTERÒ DA ME
“A” COME AMORE 16 PERRY COMO SORRIDE E FA
MISTER AMORE 19 PATATINA
1962 CON QUELLE GAMBE 20 PAPERON DE’ PAPERONI
NON SEI MAI STATA COSÌ BELLA
POCO PELO 22 SOLI FRA LA GENTE
MADAME 24 E NON SBATTERE LA PORTA
1963 COS’HAI TROVATO IN LUI 26 SABATO SERA
FLORINDA
FORSE 28 IL MONDO SI CHIAMAVA COME TE
RIMPIANGERAI 30 1978 6.0-6.0
CIAO NOTTE 32 POMERIGGIO D’AGOSTO
PRECIPITE(volissimevolmente) 34 T’ASPETTERÒ
ADESSO CHE C’È LEI
1965 DIMMI CHE LO SAI 36 1980 ME DICI COME FAI
E LA CHIAMANO ESTATE 18 OFFRO LAUTA MANCIA
BACIAMI PER DOMANI 44 CHISSÀ
NON CONOSCEVO TE
FAI MALE 46 TUTTE LE STRADE PORTENO
SEI PER SEI TRENTASEI 38 A ROMA
1970 SAI 48 UN’ALTRA GIORNATA
CHE PECCATO
BASTAVA UNA PAROLA 50 1983 INCONFUTABILMENTE MIA
1973 BASTA SOLO UN MOMENTO 52 E TU CON ME
RACCONTAMI DI TE 54 ISABEL
STASERA A GUARDARE LE NUVOLE
1975 MA COME MAI STASERA 56 LA MUSICA
1978 UNA CALDA SERATA D’ESTATE 58 TU MI PUOI CAMBIARE
MA TU CHI SEI 60 1991 PRIMA O POI
1980 IL PIANOFORTE E TU 62 CHI È SOLO
SE TORNO A NASCERE
IL TUO SILENZIO È MUSICA 64 LASCIAMO CHE SIA IL TEMPO
RESTA 66 PORTAMI FORTUNA
1981 STARAI BENE CON ME 41 ANGELI
1959 DRACULINO
1983 DONNA DI BARCELLONA 70 IL DIAVOLO
1986 INNAMORARSI MAI 63 L’ANNEGATO DEL PO
VINCERAI 72 QUASIMODO
UN UOMO QUALUNQUE 78
1989 NOTTE BLU 74
SORRIDI 76
SEMPLICE 81
AMARE QUALCHE VOLTA 82
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
43
44
45
46
47
48
49
50
51
52
53
54
55
56
57
58
59
60
61
62
63
64
65
66
67
68
69
70
71
72
73
74
75
76
77
78
79
80
81
82
83
84
85

ANNI ‘60 perché non puoi pensarci su BACCO TABACCO E VENERE


e ritornar con me Testo di…
QUANDO UN CANTANTE Sembra tanto tempo fa Bacco, tabacco e Venere
È TRISTE è solo lunedì riducon l’uomo in cenere
Testo di… sei tornata con i tuoi perché Bacco, tabacco e Venere
Mi sento più solo non so più che cosa faccio riducon l’uomo in cenere
di un cane abbandonato rido come un matto da legare le belle ragazze son fatte per me
e piango nel buio Cosa farai di un cuore che mi piace fumare
da quando m’hai lasciato deve servire ancora a te e bere per tre
purtroppo non mi do pace adesso che è in buone mani Bacco, tabacco e Venere
senza lei lo so che guarirà in fondo che male c’è
L’orchestra vorrebbe Cosa farò di un cuore che
crearmi un’atmosfera non sa far niente senza te T’ASPETTERÒ DA ME
e suona con garbo perché non vuoi pensarci tu Testo di…
non vuole disturbare e ritornar con me T’aspetterò da me
purtroppo non serve a niente e tu verrai perché
senza lei BELLA ROMA tu sola puoi soltanto tu
Piuttosto che cantar stasera Testo di… farmi sognare
vorrei morire È bello correre d’estate Ti stringerai a me
vorrei morire sulle strade asfaltate senza parlar perché
son giù di giri, canto male far collezione d’albe e di tramonti con uno sguardo
e già mi guarda storto sei giorni al mare, dieci giorni ai monti tu mi dirai
il padrone del locale È bello visitar Parigi che m’ami
mi paga per questo d’autunno i tetti grigi Con le tue labbra sai mentire
lo devo accontentare s’ammanttano di rose e di violette ma nei tuoi baci io saprò scoprire
non pensa al mio dolore la testa gira come una roulette se il tuo amore è vero
lui bada ad incassare Andare a Londra a Rio o a New York ed è sincero
purtroppo dovrò cantare fino alle tre volare a Mosca o al polo nord T’aspetterò da me
[…] è bello studiare la geografia e tu verrai perché
Piuttosto che cantar stasera… con l’aeroplano con la fantasia tu sola puoi soltanto tu
Ma quando torno a Roma farmi sognare
TROPPO BELLO a casa mia Con le tue labbra sai mentire
Testo di… io sento il cuore tremare dalla gioia ma nei tuoi baci io saprò scoprire
No, tutto ciò non è sincero e parlo con la gente in allegria se il tuo amore è vero
è troppo bello per essere vero e tutto ciò che ho visto sa di noia ed è sincero
forse sogno e s’illude il mio cuor davanti a Roma mia T’aspetterò da me…
di veder fiorire il bel sogno d’amor È bello passeggiar di sera T’aspetterò da me perché voglio sognar
Ma tu, tu sei qui e al tuo sorriso quando vien primavera
la terra trasformasi in un paradiso parlar di matrimonio e far progetti PERRY COMO SORRIDE E FA
Dunque m’ami sopra un bel prato Testo di…
sì tu m’ami davver in mezzo ai giardinetti Perry Como sorride e fa
ma tutto questo È bello stringersi la mano I love you, I love you
è troppo bello per essere ver sul Duomo di Milano Sinatra sospira e fa
[…] baciarsi nella hall della stazione I love you, I love you
Forse sogno… in mezzo a un putiferio di persone io che son nato qui
Legger Pavese, Moravia, Balzac sussurrerò così
VENERDÌ o Dostojevski, o François Sagan ti voglio bene
Testo di… è bello morir di gelosia come si usa in Italy
Un mattino giorni fa per colpa di Antonella Bellafonte calypserà
di certo un venerdì o di Sofia I love you, I love you
mi son svegliato e tu non c’eri più Ma quando torno a Roma e Presley rockeggerà
del mio cuore che ne faccio a casa mia I love you, I love you
ora che è uno straccio da buttare io sento che ogni sogno si realizza ma vuoi paragonar
Cosa si fa di un cuore che e corro dritto dritto in pizzeria quel dolce sussurar
non serve ne a te ne a me me faccio mezzo litro co’ ‘na pizza ti voglio bene
adesso che e in mille pezzi davanti a Roma mia come si usa qui
chi me lo aggiusterà Ma quando torno a Roma… ti voglio bene
Cosa farò di un cuore che Quanto sei bella Roma come si usa in Italy
non sa far niente senza te ciao Roma, ciao! Perry, Franky, Harry
86

dite così […] Io lo so…


“Io t’amo, io t’amo” Paperon de’ Paperoni Tu puoi sbattere la porta…
solo così conta conta i tuoi milioni…
“Io t’amo, io t’amo” SABATO SERA
sempre così NON SEI MAI STATA COSÌ BELLA Testo di…
[…] Testo di… E mi ha detto sì
Non sei mai stata così bella sabato sera
PATATINA adorabile così quando stretta a me
Patatà, patatì, patatina come te non siamo tanti innamorati sabato sera
All’alba di un giorno d’aprile assetati di baci languidi hai deciso di me
un tiepido raggio di sole Perché non puoi capire ancor della mia vita
frugando nel verde dell’orto che è tanto bello vivere che adesso
trovò una cosina piccina così ridere, credere, fremere cambierà.
Patatà, patatì, patatina come te Non sei mai stata così bella Sarà più facile sorridere
Bambina piccolina, patatina adorabile, quasi incredibile adesso che vivrai con me
col naso piccolino, patatino ma sei il vero amor sempre.
tu come nelle favole […] E mi ha detto sì
sei nata sotto un cavolo Perché non puoi capire ancor… sabato sera
tra ciuffi di prezzemolo hai creduto in me
sei nata tu 1966 sabato sera
Patatà, patatì, patatina come te --- hai deciso di me
Bambina piccolina, patatina SOLI FRA LA GENTE della mia vita
col naso piccolino, patatino Testo di… che adesso
in un mattino limpido Soli tra le gente cambierà.
coi galli che cantavano guardandoci negli occhi …
e fiori che sbocciavano non ci diciamo niente perché Hai deciso di me…
sei nata tu Perché le nostre mani si parlano
Patatà, patatì, patatina come te perché le nostre mani si dicono FLORINDA
Capelli di colore biondo grano le frasi che mai ci siamo detti parlando Testo di…
e gli occhi di colore ciel sereno amore Florinda
due piccole manine di velluto Soli fra la gente peccato ed angelo
in un minuto sei nata tu con gli occhi innamorati Florinda
Bambina piccolina, patatina diciamo mille cose perché silenzio e musica
col naso piccolino, patatino Perché le nostre mani si cercano insieme a te
chi crede nelle favole unite nel silenzio si dicono io non andrei
cercando sotto i cavoli tremando che non ci lasceremo mai in paradiso mai
può avere la fortuna […] lo giurerei
di trovare te Perché le nostre mani si cercano… Florinda
peccato ed angelo
PAPERON DE’ PAPERONI E NON SBATTERE LA PORTA Florinda
Testo di… di Amurri, Coppottelli, Martino mio sogno inutile
Paperon de’ Paperoni E non sbattere la porta Ma non avrò
conta conta i tuoi milioni tanto ormai lo so che torni sogni in più
tanto un giorno arriverà lo fai sempre tutti i giorni dopo te che c’è
che per te li spenderà tutti i giorni fai così. Florinda
Paperon de’ Paperoni E non sbattere la porta […]
sei più avaro di Arpagone questa volta che ti ho fatto Florinda
di spilorci come te io tra un po’ divento matto peccato ed angelo
neanche in Scozia non ce n’è se continui a far così. Florinda
È vero che ogni giorno che passa Io lo so mio sogno inutile
tu raddoppi i tuoi conti di cassa più di un metro dalla porta non vai Ma non avrò…
e dollari di qua dollari di là e lo sai
o che felicità quando fai IL MONDO
Paperon sai che ti dico l’arrabbiata tu mi piaci di più SI CHIAMAVA COME TE
vuoi il consiglio di un amico e perciò sei più fo’… Testo di…
spendi e spandi qua e là Tu puoi sbattere la porta Il mondo si chiamava come te
solo ciò ti resterà lo puoi fare tutti i giorni quando tu eri qui con me
[…] l’importante è che ritorni il mondo aveva immense strade blu
È vero che ogni giorno che passa… che ritorni qui da me. quando tu correvi incontro a me
87

L’alba mi apriva le braccia Anche senza di te io vivrò soltanto quattro mura


come te, come te senza te io vivrò tra il dramma e la commedia
il mondo di chiamava come te ma nella notte due atti di follia
ma da quando ti lasciai che farò senza te Un giorno un po’ d’amore
solitudine lo chiamai senza te un giorno era la guerra
[…] Ma non so dove andare regia sempre la stesa
L’alba mi apriva le braccia… non so mai cosa diavolo fare la dirigevi tu
Nella strada deserta Ma adesso che c’è lei
1978 un portone fa d’albergo ad un gatto adesso che c’è lei
nel cervello ho un ronzio adesso che c’è lei
6.0 - 6.0 sento quasi il rumore del mare adesso che c’è lei
Testo di Fiorelisa Calcagno sarà colpa del sole c’è lei
Sei zero sei zero sento quasi il sapore del sale Si è spento il riflettore
finisce così Anche senza di te io vivrò su questa parodia
se gioco sul serio senza te io vivrò firmato il tuo destino
ti straccio così ma nella notte non puoi cambiarlo più
non hai speranze che farò senza te ed escono dall’ombra
da quando ho capito senza te stonati più che mai
che sono più forte di te (2 v.) Per compagna ho soltanto rancori mai finiti
Ero nato da un giorno una coca e nemmeno ghiacciata e vecchi più del tempo
o poco più sembro quasi un fantasma Che stupida che sei
già compravo mia madre che si aggira tutto solo per casa a non capire ormai
bada ben se m’incontro ho paura che si è spezzato il filo
con un solo sorriso non mi guardo più nemmeno allo che mi reggeva su
ne ho avute di donne specchio e adesso il burattino
come te Sarà colpa del caldo che manovravi tu
e sei scesa su un campo fa trentotto anche all’ombra là fuori uscendo dalla scena
proibito Anche senza di te io vivrò non vi ritorna più
forse in fondo ho paura senza te io vivrò Adesso che c’è lei
chi lo sa ma nella notte […]
sei vestita di bianco accecante che farò senza te Ed ora che lo sai
su un prato che non c’è senza te non ha più senso ormai
Rit… Ma che idea, stare qui solo a lavorare, continuare ancora
Ma lo ammetto il rimando mentre le se ne sta lì al mare… a vivere così
quanto è alto Bruciare sull’altare
son costretto a spostarmi T’ASPETTERÒ degli egoismi tuoi
a fondo campo Testo di Fiorelisa Calcagno milioni di bugie
non riesci a stancarmi T’aspetterò in questa casa miliardi di pazzie
recupero un punto ultima spiaggia del nostro amore rassegnati a vedere
che volée ormai deserta senza calore. la mia serenità
Con lo smash ti distruggo T’aspetterò. che infine ho ritrovato
bada a te T’aspetterò anche se tu adesso che c’è lei
hai provato di tutto andando via buttasti al vento Adesso che c’è lei
ma che set folli speranze notti d’amore.
e sul campo hai giocato T’aspetterò. 1980
e perduto per sempre T’aspetterò a braccia aperte
contro me al tuo ritorno mi troverai ME DICI COME FAI
Rit… senza parole senza rancore Testo di M. Casco, P. Moroni
per te. Me dici come fai
POMERIGGIO D’AGOSTO Finché vivrò m’illuderò che basta ‘na parola che me geli
Testo di… e non è stato soltanto un sogno che basta ‘na carezza che m’accendi
Pomeriggio d’agosto averti avuto. come ‘na sigaretta
anche l’aria mi si appiccica addosso T’aspetterò me dici come fai
tu non vedi e non senti T’aspetterò… che basta ‘na promessa a mezzavoce
già da luglio te ne stati stesa al mare Finché vivrò… pe’ famme crede quello che me piace
Una noia mortale come fossi un bambino
piano piano d’improvviso mi assale ADESSO CHE C’È LEI Ma forse so chi sei
uno sguardo distratto Testo di Fiorelisa Calcagno sei tutto quello che non ho mai avuto
a quel letto da più giorni disfatto Teatro senza gente sei l’angolo pulito de ‘na strada
88

ho fatto da viandante sprovveduto CHISSÀ l’illusione che


le mani vote in cerca de’ ‘n’aiuto di M. Terzi, Victorbach saresti stata mia
che solo tu mi hai dato Chissà quando ti potrò incontrare per sempre ma perché
Me dici come fai chissà non conoscevo te.
che me confondi er giorno con la notte quanto tempo ti dovrò aspettare Due occhi, un naso, una bocca…
che me regali er cielo con le stelle chissà
come fossi un poeta se saranno rose rosse o bianche TUTTE LE STRADE
me dici come fai chissà PORTENO A ROMA
Coro: se cammineremo insieme o da soli Testo di Fiorelisa Calcagno
Ma forse tu non sai chissà Te ne se annata via
che basta una promessa a mezza voce se sarai fedele alle promesse nemmeno una parola
pe’ famme crede quello che me piace chissà ma mo te sei pentita
come fossi ‘na bambina se io pagherò le mie scommesse vorresti ritornar
Ma forse so chi sei… chissà Tutte le strade porteno a Roma
fiumi di risate dolci o amare io non me movo so aspettà
OFFRO LAUTA MANCIA chissà non fa scemate ritorna a Roma
Testo di Fiorelisa Calcagno notte colorate o tristi serenate a Roma viè per riposà
Offro lauta mancia chissà Lo so che a Fiumicino è tutto fermo
a chi sa ritrovarmi Non so niente di te e a Termini lo sciopero ce stà
la pace che ho perduto ma tu sei in me che l’autostrada costa un patrimonio
da quando ho visto te e sarà bello quando scopriremo e con la nave non ce poi arrivà
offro ricompensa che son giochi inutili Ma che te frega tu sei una strega
a chi sa riportarmi perché io aspetto te e tu aspetti me. e sulla scopa poi volà
i giorni che ho passato Sei la donna da portare a letto tutte le strade porteno a Roma
sereni senza te chissà a Roma viè per riposà
Rivoglio le mi sere sei l’amica degna di rispetto Lo so che c’è er problema del gasolio
a cena con gli amici chissà che la corrente arriva sì e no
pretendo le mie notti sei l’amore che mi fa paura che quanno piove dici “Sto a Venezia,
trascorse al cabaret chissà però nun c’è nemmeno er casinò”
le facili vacanze sei un’avventura o l’ultima spiaggia Ma che te frega…
cretine ma felici chissà
le cose a cui pensavo Non so niente di te… UN’ALTRA GIORNATA
centellinando un tè Testo di Fiorelisa Calcagno
a chi saprò trovarmi NON CONOSCEVO TE Un’altra giornata
l’antidoto al veleno Testo di Fiorelisa Calcagno giornata sprecata
offro lauta mancia Avrei saputo amarti buttata in attesa
e gli regalo te divina come sei che accada qualcosa,
Pago dieci giorni avrei saputo darti qualcosa di cui doversi ricordare
di sole a Montecarlo tutto quello che un domani
per restare un’ora un uomo innamorato che il tempo ormai sarà passato via
davanti alla telè rinato insieme a te Un’altra giornata
una settimana riscopre dentro sé passata a vedere
di sole a Portofino Tornare da un passato la gente che corre
per uscire almeno finito poco fa che cerca qualcosa,
prendere un caffè svegliato dai ricordi qualcosa di cui potersi poi vantare con
Cinquanta chili d’oro fatti sai di che gli amici
per leggere un giornale di volti tutti uguali al ristorante oppure all’osteria
soltanto per sapere senz’anima perché E a me
al cinema che c’è ho conosciuto te che basterebbe solo un tuo sorriso
un viaggio premio a Rio Ero quasi folle di te è stata dal destino riservata
per tutto il carnevale nel tuo corpo che un’altra giornata
in cambio di un rigore si scaldava solo qui con me maledetta giornata
battuto da Pelè due occhi, un naso, una bocca così.
A chi saprà ridarmi due mani che stringono me Un’altra nottata
le cose che ho perduto due vite legate ad un filo disteso nel buio
offro lauta mancia perché pensando alla noia
e gli regalo te. avrei saputo amarti di questa giornata
Cinquanta chili d’oro… tenerti come sei che io credevo fosse fortunata
persino perdonarti c’era scritto
89

l’oroscopo del toro avevo letto di chi è innamorato […]


Un’altra nottata il nostro amore l’ho inventato Tu che gioco fai…
sognando di quanti tale e quale a te
faranno all’amore in più ci ho messo mezzo sole ISABEL
pagando in contanti e un chilo d’infinito Testo di…
e poi indifferenti andranno al mare ed è riuscito niente male Isabel
a sciare e tu non mi potrai lasciare vento sulla via
o torneranno a casa a litigare e tu non mi potrai lasciare mai perché piccola Isabel
E a me sei inconfutabilmente mia sola in mezzo al traffico
che basterebbe solo un tuo sorriso molecola di un sogno Isabel
per essere felice è destinata un’altra travestito di certezza dietro il tuo foulard
nottata ti do la vita mia sotto quel tuo far
maledetta nottata per ogni tua carezza c’era o no una lacrima
così. Un buon bicchiere di poesia Isabel
seduti al tavolo di un modo lo sai
CHE PECCATO fatto su misura che questa casa ormai
Testo di Enzo Tortora, musica di L. Patruno per due che come noi da quando non ci sei
Ma guarda che peccato del mondo hanno paura è una prigione
il tempo è già volato Poiché l’amore è un’invenzione…. Isabel
che peccato sogni alla TV
che peccato E TU CON ME litri di caffè
Un’ora è un baleno Testo di… è il mio dopo te.
che scappa come un treno Una giacca blu Isabel
che peccato un quadro e una TV non compongo più
che peccato e un buon profumo di caffè fumo troppo e poi
E nel mio cuore sento e tu con me non son più romantico
che è nato un sentimento bella come sei Isabel
conoscerti, incontrarti dolce come sei agli amici miei
è stata una fortuna io non corro più dico che tu sei
Ma guarda che peccato e mi fermo qui da tua madre a Genova
il tempo è già volato e canto Isabel
che peccato Canto il mio refrain lo fai
che peccato a carte sono un re il mondo in autostop
che peccato non averti un’ora in più. e vinco al gioco della vita io tutto quel che ho
Ricorda hai promesso e tu con me è il frigo vuoto
vediamoci più spesso bella come sei Isabel
io sento già di amarti dolce come sei vento sulla via
vorrei darti la luna io non corro più questa noia è
Mi devi già lasciare e mi fermo qui il mio dopo te.
ti devo salutare con te
che peccato io mi fermo qui. STASERA A GUARDARE LE
che peccato Volando va NUVOLE
che peccato non averti un’ora in più. la mia canzone va Testo di…
e dentro agli occhi tuoi Stasera tu sei con me
1983 ci sono i sogni miei a guardare le nuvole
sorrisi e verità dolce romantica
INCONFUTABILMENTE MIA e il corpo tuo che sa cara poetica signora
Testo di… la musica che va signora dei sogni miei
Inconfutabilmente mia e tu con me quando amavo le favole
hai vinto la paura di volare nel mio Tu che gioco fai ancora bella sei
cielo di donne vino e canti ma un altro nome hai
sei decollata poi e tanti guai adesso sei la realtà
salendo su un pensiero son stanco ormai Con te mi trovo bene sai
Sei scesa nella vita mia ma tu con me, regalo tutto a te
e hai chiesto a una taxi di bella come sei, che non m’illudi mai
accompagnarti alla mia mente dolce come sei, chissà se prima o poi chissà
m’hai dato la pazzia io non corro più ti riconoscerò
redendola coerente e mi fermo qui per quella che tu sei
Poiché l’amore è un’invenzione e tu con me. chissà
90

Stasera tu sei con me Cerco soltanto prima o poi


a guardare le nuvole emozioni in formato tascabile
[…] quando ti canto CHI È SOLO
Stasera tu sei con me il mio mondo diventa improbabile, sì Testo di Silvestro Longo
e non sei una favola Non disegno cuori Hai mai provato
sempre più vera sei e calpesto amori a stare un giorno da solo
a volta amara sì non mi guardo mai alle spalle a misurare l’infinito del cielo
ma le realtà son così non amo le stelle, lo sai a fare sogni dispersivi più del vento
Con te mi trovo bene sai… Sono un incosciente immaginando
non m’importa niente come nasce un sentimento?
LA MUSICA dell’aurora e del tramonto Hai mai provato
Testo di… del resto del mondo, perciò a litigare con nessuno
Riprendi le tue cose Cerco soltanto… a festeggiare un compleanno senza vino
i libri di magia Tu mi puoi cambiare ad aggirarti nel silenzio di una stanza
riprendi le mie rose io ti so ascoltare fantasticando una probabile presenza?
la tua fotografia parla tu insegnami pure Ma chi è solo di notte non dorme
Mi dici che ho distrutto ti posso capire sul suo letto non restano orme
la tua felicità lo sai mezze grida respiri affannati
ma chi è felice vive due bicchieri bevuti a metà
non muore alla tua età. 1991 Ma chi è solo di notte non dorme
La musica non c’è verso che scatti un allarme
che dà diritto all’anima PRIMA O POI ed il cuore rallenta
la musica che odiavi Testo di Silvestro Longo la voglia è già spenta
per me è solo fantasia. Non scriverò più poesie nessuna, nessuna verrà.
Seduto al pianoforte non canterò canzoni Hai mai pensato a quel malessere
se ti chiamavo io nelle serate a due dentro
era per regalarti non fingerò emozioni che a ogni passo si trasforma in uno
un po’ del mondo mio. Sarà un incontro e basta scontro
Suonavo la mia musica un’ipotesi d’amore la libertà del tuo egoismo migliore
cercando di coinvolgerti io per dare prigioniero in una morsa d’amore?
ma adesso è peggio ancora lei per dare I tuoi pensieri vanno ormai senza freno
perché non ci sei più senza il tempo di barare la solitudine è un sottile veleno
[…] Prima o poi guardi il telefono pregando, sperando
La musica a dispetto di chi non lo sa che da un momento all’altro
non è la matematica ogni battito si calmerà squilli per te
per me non è che un fiore ed allora tanto vale dirlo già Ma chi è solo di notte non dorme…
nato a stento Prima o poi
per la via. un rapporto perde fantasia SE TORNO A NASCERE
Ma in fondo t’amo sempre esaurisce scorte di follia Testo di Silvestro Longo
anche se non ci sei tutto questo succede Bella questa vita insieme
ed è la sola cosa prima o poi come l’hai filmata
che prenderti non puoi Non credo alle magie mai una incomprensione
E suono la mia musica ai fuochi di passione mai una esitazione
fingendo che sei ancora lì nel cuore della notte anni d’allegria
e ad ogni accordo nuovo si attraggono persone Se torno a nascere
io ti ritrovo qui. capelli sciolti al vento mi accontento che ci sei tu
tra le nuvole ed il mare se torno a nascere
TU MI PUOI CAMBIARE io per dare questo amore ha una marcia in più
Testo di… lei per dare è inossidabile, stabile tra noi.
Tu mi puoi cambiare ma sapendo di giocare Se torno a nascere
io ti so ascoltare Prima o poi sta’ sicura che ti farei
parla tu insegnami pure a dispetto di chi non lo sa le stesse coccole
ti posso capire anche un suono perde fedeltà nel tuo sguardo disperderei
lo sai, io ci sto l’avventura si riveste tempeste e nuvole cariche di guai
Faccio un po’ fatica se ne va e un cielo limpido, magico riavrei
averti per amica Prima o poi se torni a nascere
perdo l’occasione migliore camminando per i fatti tuoi Se torno a nascere
per fare il signore guardi un’altra mentre stai con lei ogni giorno trasmetterei
però tutto questo succede la nostra immagine
91

il futuro si rischia in due Portami fortuna e vedrai e smetti di frugare la tomba del vicino
ci vuole un complice simile a te ti porterò fortuna Draculino, è tardi è già mattino
l’unica ipotesi valida per me cambiano le stelle ma tu ritorna nel tombino
se torno a nascere, sei quella più carina Draculino, un giorno ti verrà
nascere, vivere. aprimi le braccia anche tu la faccia di assassino
così partiamo in volo come quella del papà
LASCIAMO CHE SIA IL TEMPO per ridare cielo agli tuoi,
Testo di Silvestro Longo per ridare cielo agli tuoi. IL DIAVOLO
Non preoccuparti per me Testo di Bruno Brighetti
io so cavarmela ANGELI Il diavolo, il diavolo
qui lascia tutto com’è Testo di Silvestro Longo Questa notte non mi riesce di dormire
c’è un’aria insolita Angeli, fisso il buio inutilmente da tre ore
però telefona quando all’ombra di un giorno ad un tratto vengo preso dal terrore
anche se cambi città che nasce le ali distendono, qualche cosa al buio ho visto
così per chiedere soltanto come va. poi con vesti di femmine in fasce lampeggiare
Lasciamo che il sia tempo pian piano si svestono son due occhi che continuano a fissare
a dire l’ultima e si infilano sotto un lenzuolo che mi fan rabbrividire
dimenticarsi e poi voltare pagina cercando di te, di te. È il diavolo, è il diavolo
un sentimento a volte si rigenera Angeli, dalle piccole labbra socchiuse Il diavolo in persona
dirada ombre oppure se ne va che sanno di zucchero seduto lì in persona
Lasciamo che il sia tempo tu li chiami per nome Il diavolo
a dire l’ultima ma loro per poco ti sfuggono enorme di statura
amici o amanti perché sanno che l’arma vincente con i baffi e con la coda fa paura
al centro di un’incognita è in un forse, in un se È il diavolo, è il diavolo
Vestiti d’incertezza Angeli, mi sento raggelare
fino quando non si spezza bambine o donne, ma dolcissime, non riesco più a parlare
uno schiaffo o una carezza con uno sguardo ti catturano, Il diavolo
l’iniziale diffidenza fra di noi. ti fanno dire di sì. mi butta il suo forcone
Pensa che effetto farà tornare libero Angeli, poi mi dice “Giovanotto, fa’ attenzione
non duplicare così giorni monotoni compagne di un cammino in bilico, se vuoi vivere una vita da sultano
tanti si perdono tra mille vicoli bui che tanti errori ti perdonano, non andare a lavorare domattina
sinceramente spero non succeda a noi perché in amore è così. va a trovare quella bionda al terzo piano
Lasciamo che il sia tempo… Angeli, porta tutte le bottiglie che hai in cantina
che davanti a uno specchio vanesio, e ricorda che l’inferno
PORTAMI FORTUNA un op-là, e si trasformano, non mi pare così brutto”
Testo di Silvestro Longo una gonna, un rossetto, una blusa È il diavolo, è il diavolo
Sul panno verde di una roulette si sa, non la sbagliano, Il diavolo, il diavolo
un giorno o l’altro farò l’enplein per riaccendere il fuoco d’amore
mi gioco l’anima se mi assicurano che che un giorno era in te L’ANNEGATO DEL PO
vinco te Angeli, Testo di Bruno Brighetti
Ma che amuleti, stregoneria bambine o donne, ma dolcissime… Da un paio d’anni giaccio
sarò incosciente per tutti e due irrigidito in fondo al Po
con una formula magica che dice così: 1959 e in verità comincio ad annoiarmi
Portami fortuna e vedrai con questa pietra al collo
ti porterò fortuna DRACULINO che slegare non si può
tanto la fortuna lo sai Testo di Bruno Brighetti non ho speranza ormai di liberarmi
è un sogno che cammina Lieto evento nella tomba di famiglia son mezzo imputridito
pensa a quante volte anche tu la famiglia di Dracula cha-cha con gli abiti strappati
magari ci hai creduto è un maschietto che tutto gli assomiglia persino i pesci scappano schifati
ad un amore usato Draculino, orgoglio di papà Sono un povero annegato con il fango
e te lo sei giocato così Draculino vampiro un po’ bambino nel midollo
dicendomi sì però ti è già spuntato m’hanno prima assassinato
Portami fortuna e chissà un piccolo canino poi m’han messo un sasso al collo
che sia la volta buona Draculino non mordere il piattino per rubare i miei quattrini
giuro che faremo a metà ma mangia la pappetta quei feroci malandrini
del sole e della luna di sangue di bovino m’hanno mezzo strangolato
aprimi le braccia anche tu papà ti ha regalato una rete per farfalle m’han rubato anche il poltò
così partiamo in volo e tu ci acchiappi invece pipistrelli quindi nudo e squattrinato m’han
per ridare cielo agli occhi tuoi Draculino non fare il birichino gettato in fondo al Po
92

E pensare che cercavo di evitar l’umidità che mi entrano nel naso tu la inviti a Notre Dame
perché correvo il rischio di ammalarmi e alla fine triste fato poi le fai la serenata
mangiamo cose buone senza bere in una multa pagherò martellando le campane
quantità perché pare sia vietato Quasimodo
e al pesce non potevo abituarmi fare il bagno in fondo al Po la tua gobba ti fa comodo
adesso infracidito Quasimodo
coi pesci tutt’intorno QUASIMODO tu mi piaci perché
non mangio e bevo, bevo tutto il giorno Testo di Bruno Brighetti se una donna si rifiuta
Sono un povero annegato Quasimodo tu la strozzi lì per lì
con la lingua ciodoloni la tua gobba ti fa comodo Quasimodo
e per giunta mi han piantato Quasimodo tu sei fatto così
anche un amo nel calzoni tu sei fatto così
dalle alghe sono invaso Se ti piace una ragazza