Sei sulla pagina 1di 4

jim

* \.
/IV >
F O G L I O I>I M O D E L L O . <ov , \
'^ i m ^ g:
11128

APPENDICE DELL'0SSER7AT0RE TRIESTI


destinata alle notizie suir Istria.
L' ASSOCIAZIONE
k 1.
per un anno anticipati f. 4.
Semestre e trimestre Sabato 22 novembre 1845.
in proporzione. Si pubblica ogni sabato.

INTRODUZIONE. rimpetlo sicno a chi del loro consorzio non . All' uomo
che forestiero si presenta, la seconda domanda sempre :
da dove siete , e se la patria sua diiTamata, lo vedrete
ilgli uomini non meno che alle provincie intiere conte con ogni modo cerchi di raddolcirne le accuse; se ce-
toma di grandissimo giovamento 0 di non lieve pregiudizio, lebrata, con alterigia pronunciarne il nome 0 quello della
1' estimazione in che vengono tenuti, e questa estimazione provincia; se non bene nota, prorompere in caldissima
non da altro proviene che dal conoscersi le condizioni tutte eloquenza per magnificarne i pregi, persuaso di fare a
s fisiche che morali, cos degli individui come delle pro- s cosa di vantaggio e di decoro. E vedrete puranco ve-
vincie. L' uomo del quale ignorasi la provenienza, la pa- nire in estimazione un uomo, pi per la patria talvolta che
tria, la famiglia del quale non sappiasi se da onesti per le qualit sue, e per il decoro patrio vincere talvolta
genitori proveng y se delle sue fortune, delle sue attitu- i propri difetti, fare sue quelle virt che di lui state non
dini, delle sue istituzioni morali, civili e religiose non sarebbero altrimenti.
abbiasi contezza, non altrimenti che dalla forma esterna Non v'ha uomo il quale, anche di volo, vedute
potrebbe venire giudicato; ed arduo assai e pericoloso ne Trieste e l'Istria, titubi nel farne giudizio; ma troppo
sarebbe il giudizio, giacch i segni esterni non sono sem- spesso altro non questo che il risultato di prime im-
pre infallibile criterio a giudicare dell' animo e del cuore, pressioni, delle sue abitudini, delle sue inclinazioni, del
perch sotto forme spiacevoli spesso si nascondono doti confronto colle cose da lui predilette. Nella generalizza-
pregevolissime, e perch il giudizio fatto su segni esterni zione di forme moderne pur troppo avviene dei paesi
soltanto, non pu disgiungersi 0 da propensioni 0 da ci che avviene delle persone: si giudica dell'uomo dai
avversioni che sempre sono del giudicante, comunque al vestiti che porta. I turchi, gi tanto abboffiti, ora che
giudicato ridondino sempre svantaggio. Grave assai ed usano vestiti franchi, sono tanto benevisi che i franchi ne
umiliante si il solo sospetto di non conoscere n padre portano perfino il loro fesh; ma anche sotto forme anti-
n madre, pi quello di non poterli accennare al forestiero quate come sotto forme moderne e pregi e difetti posso-
die li domanda, di non avere n parenti n affini; sic-
no nascondersi.
come d' altra parte di non lieve soddisfazione il potersi
dire disceso da non vile famiglia, il saperla per pi ti- L' aspetto del terreno non basta per far pronunciare
toli distinta, ed il conoscere le gesta degli avi propri. la fertilit 0 la sterilit sua, n a giudicare se suscettibile egli
sia di tniglioranza, 0 se perpetuamente infecondo; n il frastuo-
L' uomo nulla per s; breve, labile la sua vita; la no di una piazza a giudicarne dell' industria: le inslituzioni
sua intelligenza, la sua operosit giunge a maturit soltanto sociali, tanto all' incivilimento proficue, sfuggono all' osser-
quando comincia a discendere; ma esso frazione ne- vazione di chi in fretta ed alla lontana vede la provincia.
cessaria dell'umano consorzio, nel quale le intelligenze, Non vi ha persona la quale possa dirsi perfettamente a
le attivit dei singoli si fondono per essere durevoli oltre giorno di ci che esiste nella propria citt, ed alla quale
il breve girare della vita d' un uomo, per divenire retag- non sia sfuggito qualcosa che altri tenne per importante
gio dell' intero consorzio. A ci che dell' intero con- ed .
sorzio, i singoli partecipano e vogliono partecipare, non L'Istria che gi tenne luogo distinto per feracit
sempre quando entro vi si trovano, sempre quando di di suolo, per numero di popolo, per ingegni; per civilt,
nella generale estimazione assai inferiore alla verit.
Trieste medesima nelle condizioni che non sieno di com- Condizione igienica della provincia.
mercio, per deietta si tiene; ed a torto, perch se la terra Potentissima causa di pubblica prosperit in ogni
mostra qualche landa, se il clima talvolta imperversa, se gli paese si certamente la condizione di salubrit, la quale
uomini han quei difetti che accusano l'umana fragilit, doppiamente agisce - coli'aumentare il numero del popolo
non rare sono le campagne messe ad ottima coltura, n e col numero 1' operosit e la dovizia che ne sono conse-
rari i giorni placidi e bellissimi; v'hanno uomini di virt, guenti, se prospera di fatto si la condizione ; - col pro-
e di patrio amore, istituzioni che onorano il popolo movere le relazioni al di fuori, coli'attrarre dal di
che le mantiene e il pubblico reggimento che le pro- fuori popolo mancante, coli' annodare relazioni mol-
muove e governa. Anche altrove non altrimente, n teplici e vantaggiose, se le condizioni igieniche sono in
altrimenti che altrove puossi giudicare di questa provincia quella fama che corrisponda a verit e tali da non dis-
che dal complesso delle condizioni tutte nei primi e sin- suadere il forestiero, facendolo trepidante della salute e
ceri loro elementi. fors' anco della vita. Il movimento della popolazione nella
Questi elementi non sono a conoscenza del pub- provincia negli ultimi due secoli test decorsi (dall' ultima
blico. Persone esperte pensano che la pubblicazione di peste in poi), e precipuamente negli ultimi trenta anni, ha
questi grande giovamento possa recare alla provincia avuto di risultato un aumento se non sempre costante
medesima, perch indubbio n verrebbe il giudizio sulla nel progresso periodico, certamente considerevole, e su-
attuale condizione, e su quella migliore che potrebbe at- periore forse a quell' aumento che in altre provincie si
tendersi dal confronto fra loro, dal confronto con le con- osservato; di che altravolta si avr occasione di darne
dizioni di altre regioni. le comprovazioni. Or se 1' effetto si bens mostrato, ma
A realizzare il quale proponimento destinata l ' I - l'aumento non fu progressivamente regolare, perch sem-
stria, appendice del foglio provinciale. In questa inten- pre la popolazione non aument in eguale proporzione,
desi di discorrere della geografia fisica, amministrativa e talvolta, sebbene per poco, indietreggi o si mostr
ed ecclesiastica, della relazione fra la provincia e le stazionaria, conviene conchiudere che cause parziali indi-
limitrofe, dell' attitudine ai commerci ed all' agricoltura, pendenti dall' aere che di regola costante, avessero pre-
della statistica, delle instituzioni civili, della storia mede- cipua influenza; e il comparire ed il cedere di queste
sima, dacch questa la maestra della vita, e di quanto cause mostra che fossero vincibili, o se invincibili, che
possa tornare di vantaggio e di decoro. fossero transitorie e non proprie della provincia.
Arduo, impossibile lavoro se di un uomo solo es- Ma se 1' aumento di popolo nell' intiera provincia e
ser dovesse 1' opera, e se g' ingegni, di cui la provincia nelle singole localit, in quelle precipuamente che pi
non scarsa, ricusassero di darvi mano; meglio assai erano diffamate, argomento incontrastabile esser doveva
sarebbe il rinunciarvi onninamente che il supporre indiffe- di non iniquo aere, non di pari passo progred la fama
renti gl'Istriani alla propria terra, al vivere comune,ritrosi di al di fuori della provincia; che sfavorevole in generale,
retribuire col prodotto della mente ci che a lei devono, or si tacque, or pieg a pi favorevole giudizio, or peg-
a segno da far credere che non vi sieno ingegni maturi, o che gior, mai ben certa, sempre vaga attribuendo salubrit
dagli antichi abbiano degenerato. Come 1' uomo isolato di oltre ogni eccezione a luoghi che in pari condizione di
rado utile alla societ, cos l'ingegno rinchiuso fra le altri pi diffamati si trovavano, aggravando oltre ogni
pareti domestiche spesso inutile: del sapere di molti, credibilit la condizione di qualche localit, posta quasi
vicendevolmente comunicato, un sapere generale si forma, a segnale per motivo di peculiari circostanze. Non toc-
della provincia proprio e ben pi duraturo che la vita cheremo le cause di siffatte diffamazioni, ma ne accenne-
di un uomo. remo lo stato e interno ed esterno. Ogni citt, ogni lo-
L'impresa non di speculazione, ma non pu es- calit si ritiene in condizione sufficiente di salubrit, anzi
sere altres di sacrifizio. Se il numero di soscriventi lo ottima, ed accusa la vicina come di poco salubre, e
conceder, il foglio avr vita; se il numero ecceder il cos progredendo da luogo a luogo si giunge fino a Pola,
dispendio, il foglio verr raddoppiato : vi si uniranno lito- da dove per la stessa via ritornando, e le stesse discolpe
grafie, e si far dono dei documenti istorici della pro- ed accuse udendo, dovrebbesi conchiudere che la salubrit
vincia, che verrebbero separatamente pubblicati. di un luogo sia poco diversa da quella di un altro. Ci degli
L'anno 1845 segna nuova epoca nei fasti istriani: indigeni. Vi hanno talvolta forestieri di certa categoria, i
la navigazione a vapore va a stabilire la linea naturale quali non di libera scelta domiciliando, e desiderando
di movimento della costa coli' emporio triestino ; va a ri- altrove o migliori agi, o le patrie abitudini, il luogo di loro
chiamare il movimento naturale dal monte al mare, dal- soggiorno accusano di pestilenziale, proclamando salubre
l' interno alla marina ; va a porgere mezzo facile e pronto il prossimo ; e mal prevenuti, dimenticano al tutto che
a promuovere g' interessi materiali. L' anno 1846 porga la patria loro non va esente da malattie e da pos-
mezzo di ponderare questi medesimi interessi, di diri- sibilit di morte. Se il giudizio di siffatti dovesse valere,
gerli a sempre migliore vantaggio colla conoscenza ge- la condizione della provincia sarebbe assai trista e com-
nerale delle condizioni materiali della provincia; porga miserevole. Fra giudizi s opposti, la popolazione intanto
mezzo di migliorare g' interessi morali colla conoscenza aumenta, e da questa medesima popolazione traggonsi gio-
delle condizioni morali. vani che nell' armi fan bella mostra di s per vigoria e
Istria, novembre 1845. venust di corpo, marinai robusti.
DR. KANDLER. In comprovazione dello stato insalubre citansi fatti
parziali o generali, ai quali dassi gran peso, ed a prima
mostra lo esigono in verit; ma le induzioni dal fatto Montona, in Daila, Val di Torre, e Cervera, si veggono
alle cause non sono sempre felici. Nei tempi in cui l'Europa pure delle intermittenti d'indole veramente perniciosa;
credeva alle streghe ed alle malie (e la credenza ha du- ma lo stesso succede in ogni altro luogo del mondo sotto
rato pi secoli), i codici ripullulavano di pene, i tribunali le stesse condizioni.
erano occupatissimi nell'applicarle, migliaia di infelici In Capo d'Istria ed in Pirano son molte le febbri
montarono il rogo, e non pochi confessavansi in colpa, intermittenti a cagione delle grandi masse d'acqua che
e rei credevansi di quei delitti di stregoneria che non evaporano per la confezione del sale; ma cessano col
venivano apposti. Quei fatti che allor delitti consideravansi, cessare dei lavori, e poco sono attaccati i nativi del paese,
non cessarono ; anche oggi giorno si riproducono, ma non e i lavoranti, piuttosto affligge i soldati di finanza , e i
pi a sortilegi si ascrivono; e quella malattia morale vien militari di stazione.
curata oggid radicalmente, con ben altri mezzi che non Alcuni vollero trovare la cagione di tale morbo
il fuoco e la corda, e ben con migliore successo, dacch endemico nella rigogliosa vegetazione, e nelle molte piante
le cause sono meglio note. Quella peste morale ha cessato aromatiche che cuoprono i colli, specialmente vicino a
di tenere gli animi in agitazione, e pochi temono oggid Pola, cosa contraria all' esperienza di altri luoghi, n si
di venire stregati. saprebbe trovare il perch l'Istria dovesse formare ecce-
Dotta persona, delle cose mediche pratica, di re- zione dalla regola generale. I raggi solari non penetrano
cente veduta la provincia, gentilmente ci ha conces- vero fino al terreno attraverso i folti cespugli, e non
so il risultalo delle sue osservazioni. Le quali assai vi hanno azione; ma l'aria estremamente secca di giorno
volontieri diamo alla luce, siccome giudizio di persona assorbe avidamente 1' umidit del terreno, e 1' equilibrio
esperta ed imparziale. dell' umidit nell' aria e nelli strati superiori del suolo
sollecitamente ristabilito. Piante a foglie carnose come
Da molti secoli afflitta l'Istria da febbri intermit- quelle che intorno Pola germogliano dappertutto, non cre-
tenti, e pi specialmente ne diffamata Pola, che per- scono che in terreni aridi ; nelle sabbie dell' Africa mai
ci vien calcolata uno fra' peggiori paesi d'Europa, e la di da pioggia e solo da periodica notturna rugiada irrorate,
cui aria vuoisi tanto malsana quanto quella della campagna prosperano soltanto piante a foglia densa e succosa, pian-
di Roma, e delle Maremme di Toscana. In fatti non si te aromatiche.
pu negare che nella state le febbri intermittenti sieno I Francesi vantano di avere migliorato l'aria di al-
frequenti in tutta l'Istria assai pi che nelle vicine Pro- cune regioni coli'estirpazione del Nereum Oleander;
vincie; soltanto non sono n cos ostinate, n d'indole ma a dubitarsi se vi sieno riusciti con ci solo, e non
s cattiva come altrove. Allorch le febbri intermittenti piuttosto colla surrogazione di migliore coltura del ter-
incominciano a regnare, ogni altra malattia tace, e i reno.
medici pel corso di molti mesi non hanno a trattare altre Si ascrive in oltre la causa di tali febbri al vento di
malattie che febbri periodiche, o le loro conseguenze; Nord-Ovest che porta i vapori acquosi della Laguna dell' E-
ond' che tutte le malattie le quali in altre provincie produ- stuario Veneto verso l'Istria ; eppure questi vapori sono
cono febbri gastriche, infiammatorie, biliose ec., prendono spinti anche verso Venezia dal vento Sud-Est, e la salute di
col il carattere intermittente; non perci il numero dei Venezia in quel tempo ottima, n v'ha traccia di feb-
malati superiore a quello di altri paesi. bri periodiche. Le ciurme dei bastimenti da guerra e
Quanto alle cause che le producono se ne anno- mercantili che stazionano lungo il Litorale istriano ne
verano molte, che non tutte per sono egualmente vere. sono di rado attaccate, e nemmeno quelli ancorati d'in-
L'Istria da molti anni senza boschi, epper rare nanzi a Pola e Veruda, che pure sono calcolati i pi mal
sono le pioggie, scarse le sorgenti d'acqua, e pochi i fiumi. sani. Gli il vento Nord-Ovest che viene improvvisamente
Come in tutti i paesi in cui piove di rado, la sera s'in- ed fresco, e danneggia perci colla subita soppressione
nalzano vapori acquosi che irrorano i vegetabili in forma della traspirazione cutanea. Il marinaio che porta in
di rugiada, or in copia maggiore or minore, e secondo la ogni stagione camicia di lana, e quindi ben riparato,
maggiore o minore quantit di rugiada pi ricco o rimane sano, mentre gli abitanti pi leggiermente vestiti
meno il prodotto delle campagne. A ci vien attribuito ne sentono g' influssi suoi, sopprime improvvisamente la
da alcuni la frequenza delle febbri intermittenti; ma da traspirazione e ne sviluppa di conseguenza la febbre in-
questi effetti si pu facilmente garantirsi coprendosi bene termittente.
nelle prime ore della sera dopo il tramonto del sole, II vento Sud-Est al contrario caldo, rilassante,
mentre chi vi si espone incontra la febbre intermittente abbatte il sistema nervoso, ma in niun luogo ov' fre-
invece d'un' affezione reumatica, o catarrale a cui in altri quente gli viene attribuito altro effetto che di prostra-
luoghi andrebbe soggetto; febbre per il di cui sviluppo mento, diminuzione d'appetito, difficolt di digestione.
pu prevenirsi con un trattamento razionale, come tutti Per qual mai motivo dovrebbe questo stesso vento por-
i medici ne fan fede. Per quanto le pioggie cadano di tare in Istria altri effetti?
rado, pure a quelle si attribuisce da molti la causa di Son rare le intermittenti nelle pi grandi citt; e
tali malori. Per negli anni piovosi, come quest' anno, nella popolosa Rovigno. Soltanto il povero contadino
la salute pi buona che in altri, potendosi aver che dopo un duro lavoro nei campi torna a casa, che
acque potabili migliori delle comuni, e formandosi delle distante talora pi di due ore di cammino, n'" fa-
sorgenti disseccate da molti anni. cilmente attaccato. Se il contadino istriano o rovignese
E dappertutto pericoloso 1' abitare in luoghi paludosi, avesse la sua casa vicina ai campi ove lavora, non sol-
e nelle vicinanze d' acque stagnanti; quindi nel distretto di tanto impiegherebbe meno tempo, e risparmierebbe forze;
ma si esporrebbe per minor tempo agli influssi dannosi timi due secoli le cui notizie ci venner favorite dalla gen-
dell' aria notturna dopo il caldo opprimente della gior- tilezza di monsignor decano di Pola, D. Giacomo Daris.
nata, e godrebbe molto pi lungamente del necessario Alle stragi recate dalle frequenti pesti nel secolo
riposo. XVI aveva il veneto governo procurato di riparare chia-
La rada popolazione della campagna una delle mando novelli coloni. Il principe veneto con decreto 21
pi importanti cagioni delle febbri dominanti in tutti i marzo 1562 concedeva a Leonardo Fioravanti, Sabba de
paesi del litorale istriano. Dopo ci una causa quasi Franceschi, e Vincenzo dall'Acqua (bolognesi) licenza di
d'ugual forza la mancanza di boscaglie d'alto fusto. condurre in Pola 124 famiglie per dissodare terreni. Of-
Se i circostanti colli e i monti fossero piantati d' alberi ferivansi questi di purificare l'aria, di scaturire sorgenti,
d'alto fusto, come pini, quercie od altre piante che pro- e d'introdurre novelli metodi di agricoltura per avere
sperano nei paesi caldi, la pioggia cadrebbe pi di spesso, abbondanza di fomenti, vini ed altro. Ebbero dal principe
come avviene nel limitrofo Carnio, o nella vicina alta esenzione d'imposte, esenzione dal servigio militare e fazioni
Italia; si raccoglierebbero ricche sorgenti, e buon'acqua per 20 anni, pascoli comuni, due fiere franche nei mesi di
potabile per uomini e per animali, mentre ora nei pi aprile e settembre, mesi ritenuti allora meno nocivi. I boschi
ricchi paesi si deve adoperare 1' acqua fangosa per cuci- dovevano preservarsi, le fiere tenersi nell' anfiteatro. La
nare e per bere. Ed facile vedere come 1' uso di tali colonia venne poco dopo aumentata con 40 famiglie tras-
acque possa ingenerare le febbri. portate da Grecia. Dieci anni dopo 1' ultima peste, che
desiderio generale nell' Istria che sia sopperito del 1631, la popolazione di Pola arrivava a 347 abitanti,
alla mancanza d'acqua mediante la fabbrica di pubbliche di poi si mosse come nel soggiunto prospetto:
cisterne a spese dei municipi; ma alcuni fra i pi facol-
tosi ed influenti si oppongono a tali progetti con tutt' i 1641 347 1738 660 1831 1015
mezzi possibili, perch essi posseggono delle cisterne, la 1643 368 1749 786 1832 1055
di cui acqua (quando vi ha siccit nella state) vendono a 1645 - 361 1779 815 1833 1097
caro prezzo ai loro concittadini, e da ci traggono gua- 1664 533 1799 753 1834 1125
dagni, che cesserebbero colla fabbrica di pubbliche cister- 1674 541 1807 695 1835 - 1177
ne. In Istria i comuni generalmente non difettano di 1677 562 1809 696 1836 - 1146
mezzi, ma spesso i singoli membri del comune son poveri 1682 696 1819 951 1837 1143
a causa della eccedente divisione delle terre; hanno pochi 1685 637 1824 987 1838 - 1062
bisogni, pochi desideri, e ancor meno i mezzi di miglio- 1690 669 1825 994 1839 1118
rare la loro posizione. Se coloni meglio istruiti trapian- 1693 590 1826 1009 1840 1178
tati dassero il buon esempio col dissodare terreni nel 1694 705 1827 1015 1841 1198
mezzo dei quali fabbricassero le loro case, e destassero 1697 664 1828 - 1010 1842 1172
negli altri l'emulazione, ottimi vantaggi certamente se 1731 - 800 1829 961 1843 1118
ne avrebbero. Le campagne verrebbero popolate senza svan- 1735 705 1830 977 1844 1148
taggio delle citt, i molti fuochi sparsi migliorerebbero Il quale movimento se in qualche epoca delle pi
l'aria; le piantagioni d'alberi farebbero aumentare poco remote, mostra un repentino straordinario alzarsi per nuo-
a poco le piogge, si accrescerebbe il benessere dei sin- ve genti venute, nel piccolo decrescere in qualche anno
goli abitanti, la popolazione si aumenterebbe considere- successivo, e da poi che la popolazione divenne stabile, non
volmente, e col raddoppiarsi e triplicarsi dei prodotti, au- accusa straordinaria mortalit. Perch vuol porsi mente a
mentandosi la propriet dei singoli e del generale, agi ci, che, deiette le circostanze economiche per mancan-
migliori avrebbero di vita, e facilit con ci di guaren- za di traffici e di industrie, non raro vedervi persone
tirsi contro le influenze locali, ci che al povero ed al che emigrano cercare altrove oneste fortune nella per-
contadino non sempre dato. sonale attivit urbana che in patria sarebbe oziosa. Che
Questa provincia, per pi riguardi importantissima se 1' aria di I'ola fosse micidiale come alcuni pensano, e
e meritevole di venire ridonata all' antica prosperit, non se su tutte le classi pesasse, come avvenire dovrebbe per
nella costituzione igienica, ma in altre cause trova osta- fisica legge, di Pola sarebbe successo ci che per im-
colo a quel progredimento di cui onninamente capace; provvisi disordini naturali di altre citt avvenne, sareb-
ed a Pola soltato accennando, non a dubitarsi che una be onninamente disertata e priva di popolo. All' inve-
miglioranza nell' agricoltura la quale ciorrisponda alle esi- ce la si vede tenersi ed aumentarsi senza causa alcuna
genze dei tempi e del commercio, possa portarvi pro- che dal di fuori promova 1' aumento, senza cause interne
sperit. che aumentando la prosperit materiale, sia fomite ad
aumentare di famiglie. Nel giro degli ultimi 37 anni, in
poco pi che una generazione, crebbe Pola di 453 abi-
Il quale pensamento su Pola, precipuamente credia- tanti sopra 695, cio del 65 per cento; aumento che altre
mo suffragato da due argomentazioni-lo stato fiorente di citt ove l'aria si celebra perfettissima, ove l'economia
Pola nell' antichit e nei tempi di mezzo attestato da in- prospera, dato non hanno certamente per sole proprie
signi monumenti, mentre le condizioni fisiche intorno forze. Questo aumento straordinario sotto circostanze non
l'Adriatico non erano gran fatto diverse da quelle sono propizie vale pi che ogni ragionare; fatto incontro-
oggid;-il movimento della popolazione di I'ola negli ul- vertibile.

Trieste, I. I'apsch & Comp Tip. del Lloyil Austriaco.