Sei sulla pagina 1di 1

La gazzetta del mezzogiorno.

it

QUESTA SERA AL COSTA DEI TRULLI ANCHE TOQUINHO E LA AUTIERI AL GALÀ


Gigi Proietti e Renzo Arbore «strana coppia» a Monopoli
«Quando ci incontriamo è sempre un divertimento»
di UGO SBISÀ
Sarà un po’ come essere in televisione, perché il ricco menù che la seconda edizione del Galà
Costa di Trulli propone questa sera alle 21 all’Arena del Mare di Monopoli (lungomare di via
Procaccia) è degno dei migliori show del piccolo schermo. Non potrebbe essere altrimenti, del
resto, con un cast che mette in fila Renz o Arbore, Serena Autieri, Gigi Proietti, To q u i n h o e
l’Orche - stra sinfonica della Magna Grecia di Taranto diretta da An - tonio Palazzo, affidando tutto
alla sapiente conduzione del «nostro» Antonio Stornaiolo.

«Monopoli in questo periodo è splendida – ci dice Proietti durante un momento di relax


domenicale – mi sono fermato qualche ora in spiaggia e non me ne volevo andare più via».
Proietti, c’è molta curiosità sul suo incontro con Arbore sul palco del «Costa dei Trulli». Cosa
avete preparato?
«Con Renzo capita di vedersi a periodi, si fanno cosa assieme e poi, magari ci si perde per
qualche tempo. Questa volta è un po’ che non ci trovavamo, per cui credo che la voglia di divertirsi
e di divertire sia molta per entrambi».
Nemmeno Arbore ha voluto anticipare molto: fate gli «abbo ttonati»?
«Ma no, per carità, è che con Renzo le cose sono sempre imprevedibili perché lui è un grande
improvvisatore e insieme formiamo una strana coppia. Abbiamo parlato di alcune cose, ma poi
quando ci incontriamo, magari prende tutto un’altra piega, perché vengono fuori i ricordi che
condividiamo, lo spirito un po’ goliardico che ci lega. Posso comunque dire che in ogni caso il
clima è ottimo e questa è una buona premessa».
Lei è di casa in Puglia. A parte il ricordo del professore che declamava «La pioggia nel pineto»
con accento barese, queste frequentazioni le hanno fornito spunti per i suoi p e rs o n a g g i ?
«Beh, in Puglia ho tanti ricordi anche più seri delle gags comiche. Voglio premettere che le mie
non sono affermazioni di circostanza, ma questa è una regione che che ad ogni visita si rivela sotto
una veste nuova e diversa. Mi riferisco alla bellezza dei luoghi, alla cultura, ai monumenti. Per non
parlare della cucina!».
Di recente c’è stata una nuova generazione di attori e comici pugliesi. C’è qualcuno che l’abbia
colpita in particolare?
«Non lo conosco personalmente, ma stimo veramente tanto Checco Zalone. Ha un talento
incredibile e ha finalmente proposto qualcosa di nuovo nel campo della comicità. Sono convinto
che farà ancora moltissima strada».