Sei sulla pagina 1di 2

Masserie storiche

Uno scenario paesaggistico multiforme che lentamente degrada dalla Murgia petrosa sino alle coste adriatiche accompagna lorizzonte visivo di contadini e pastori che da secoli si avvicendano sotto il cielo della provincia barese. Tra campi seminati, pascoli sterminati e nodosi uliveti, sbocciano i luoghi per eccellenza del vivere rurale: masserie, casali, casedde, pagliare e trulli. Per le potenzialit agricole dei terreni e per la vicinanza degli assi viari, queste strutture sono sorte con la duplice funzione di organismi produttivi e residenziali. Il fenomeno esplode a partire dallXI secolo. Fattori determinanti in tal senso furono la politica feudale dei Normanni congiuntamente alla capillare presenza degli Ordini monastici, i Benedettini in particolare. Dalle masserie regie di Et sveva, alla pratica della transumanza, le masserie di campo e di pecore giunsero alla soglia dellEt Moderna con specifica funzione di aziende agricole. Tra XVII-XVIII secolo, quasi precorrendo i nostri tempi, i ricchi feudatari si trasferirono in campagna: le masserie, pi o meno fortificate, diventarono eleganti ville che echeggiano, nelle soluzioni e nelle decorazioni, i vezzi del barocco urbano.

LA PIETRA E LULIVO: GLI INSEDIAMENTI RURALI


Tracce millenarie di storia sopravvivono nellaspro scenario murgiano inciso da conformazioni carsiche sospese tra il rosso della terra argillosa, il grigio delle taglienti rocce calcaree, il verde della odorosa macchia spontanea. Il territorio dellAlta Murgia, Parco Nazionale dal 2004, un pullulare di microcosmi in cui lintervento delluomo ha inciso profondamente e diversamente sulla trasformazione del paesaggio rurale. Anche in questo lembo di Puglia, per eccellenza vocato alla pastorizia, si diffusero grandi masserie di pecore e da campo costruite a supporto dellintenso sfruttamento cerealicolo-pastorale del territorio. Un ruolo chiave in tal senso fu svolto dalla pratica della transumanza. Molte masserie furono munite di mura di cinta, torri merlate e caditoie con funzione difensiva. Tipiche forme architettoniche di questi organismi erano gli jazzi, ovvero ampi recinti destinati allallevamento.
Gravina. Masseria Pantano (foto R. Tanzella)

Alta Murgia (foto M. Terlizzi)

Lungo il tracciato del tratturo Melfi-Castellaneta, in parte coincidente con il percorso della via Appia, sopravvivono ancora queste importanti testimonianze dellarchitettura contadina. Esempi illuminanti in tal senso sono la Masseria Pantano a Gravina e la Masseria Jesce ad Altamura. La prima conserva la singolare organizzazione degli spazi con lo jazzo sul dislivello del pendio e la masseria a valle, la seconda costituisce un esempio significativo di popolamento rurale. Limponente struttura, edificata presumibilmente nel XVI secolo e rimaneggiata nel XVII, ingloba un insediamento rupestre con affreschi datati dal XIV al XVII secolo.

SUI PASCOLI DELLALTA MURGIA


La Murgia dei Trulli, fertile comprensorio geografico a cavallo delle province di Bari, Brindisi e Taranto, si contraddistingue per una continuit insediativa che, nei secoli, si tradotta in una sapiente fusione delle tecniche costruttive a secco con quelle pi tradizionali. Queste campagne pullulano di masserie in cui il corpo principale su due piani, talora fortificato, solitamente attorniato da trulli, casedde e pagliai, che costituiscono lo snodo delle attivit produttive. Ai trulli spesso aggregata la tipica casa a pignon, un edificio a pianta rettangolare con tetto a due falde molto inclinate e ricoperte di chiancarelle. Questa tipologia di masseria conta significativi esempi dislocati nel territorio, ancora oggi luoghi di grande amenit con le porte aperte al turismo rurale ed enogastronomico. Nelle campagne tra Noci e Putignano si erge la Masseria Scaglione che assomma, in un alternarsi di chiancarelle e bianche superfici, tutte queste tipologie edilizie. In territorio di Noci sono da ricordare la Masseria Bonelli della fine del XVI secolo, oggi suggestiva cornice per eventi, e la Masseria Le Monache, cos chiamata perch nel 1650 fu acquistata dalle clarisse di Noci come masseria di pecore. Sulla strada Noci-Alberobello si incontra la Masseria San Giacomo, edificata con tutta probabilit nel XVII secolo. Si tratta anche in questo caso di una masseria del tipo a trulli in cui gli ambienti di servizio e le stalle sono coperti da tetti a chiancarelle mentre labitazione vera e propria si presenta in forma turrita. Interessante lannessa cappella con dipinto murale seicentesco raffigurante la Madonna del Suffragio tra San Giacomo e San Carlo Borromeo. Ugualmente seicentesca la Masseria Malvisco di Alberobello, edificata tra XVII e XVIII secolo come masseria di pecore e da campo.

Bari e la sua provincia


Vedute della campagna barese (foto L. Turi) Murgia dei trulli, veduta (foto L. Turi)

Puglia

Noci. Masseria Bonelli, veduta (foto Masseria Bonelli)

LA MURGIA DEI TRULLI

Nel territorio tra Noci e Putignano, immersa in uno scenario paesaggistico di grande suggestione, la chiesetta di Santa Maria di Barsento rappresenta una significativa testimonianza insediativa dorigine medievale. Secondo una tradizione seicentesca, la chiesa sarebbe stata fondata nel 591 per volere di papa Gregorio Magno e, quindi, affidata ai monaci di S. Equizio con lo scopo di evangelizzare la popolazione. Gli studi pi recenti, sulla base di analisi e confronti tipologici, ne hanno posticipato la fondazione, collocando il monumento nellalveo del romanico che trov ampia fortuna tra XI e XII secolo. Frutto di stratificati interventi, ledificio presenta uno sviluppo longitudinale a tre navate voltate a botte e chiuse da tre absidi. La facciata coronata da un campaniletto a vela aggiunto in et moderna ed preceduta da un protiro datato al XIV-XV secolo. Tra gli edifici medievali pugliesi, questa piccola chiesa occupa un posto di rilievo perch documenta in maniera efficace losmosi di tecniche costruttive tra ledilizia civile e quella religiosa. La tipologia di volta ma ancor pi il sistema di chiancarelle come copertura degli spioventi del tetto rispecchia da vicino le stesse soluzioni adottate nei trulli e, in generale, nella tipica architettura rurale in pietra a secco. Prossima alla chiesa la cinquecentesca masseria fortificata I Monti, oggi un rinomato complesso turistico ricettivo.

Noci. Santa Maria di Barsento

SANTA MARIA DI BARSENTO


Fra XVI e XVIII secolo, secondo una pratica dantica origine, alcune dimore rurali diventano luoghi destinati allozio e allo svago di nobili e aristocratici attratti dallamenit del paesaggio. Lagro tra Conversano e Mola conserva dimore storiche di grande pregio. Un esempio nella MasseriaSerradellIsola, una residenza di campagna immersa tra ulivi e vigneti, rimasta intatta negli arredi e nella sua fisionomia architettonica, oggi preziosa struttura ricettiva. Il nucleo originario il grande lamione della fine del XVII secolo, un tempo adibito a frantoio. Testimonianze significative nel territorio di Conversano sono riconducibili alla committenza dei Conti Acquaviva dAragona. La Masseria Montepaolo della fine del XVI secolo unelegante struttura con cappella e torre, oggi una cornice ideale per incantevoli eventi. Degno di nota il castello masseria Marchione, edificato tra il 1730-1740 dalla nobile famiglia come casino di caccia, in tempi recenti diventato location per raffinati ricevimenti. Frutto di maestranze specializzate, probabilmente coordinate dallarchitetto Vincenzo Ruffo che fu allievo di Vanvitelli, lintero edificio si proietta scenograficamente nel verde. Limpianto rettangolare si dilata ritmicamente nello spazio per la presenza ai vertici di quattro torrioni circolari. Sul prospetto principale si apre la scala a doppia rampa culminante nel loggiato a tre arcate e comunicante con le terrazze aperte sulle torri. Affine per cronologia e scelte architettoniche, la Villa di Don Cataldo o Castello delle Fascine di Adelfia caratterizzato da un aspetto fortificato per la presenza di due coppie di torrioni semicircolari addossate ai fianchi. Il prospetto animato da uno scenografico scalone a tenaglia che conduce al loggiato del piano nobile i cui ambienti conservano dipinti murali tratti dallOrlando Furioso.

Conversano. Masseria Montepaolo, particolare della cappella (foto Masseria Montepaolo)

Mola di Bari. Masseria Serra dellIsola (foto Masseria Serra dellIsola)

Conversano. Castello Marchione, veduta

LE DIMORE ARISTOCRATICHE DI CAMPAGNA


Lungo la fascia costiera a sud di Bari, dove la campagna profuma di brezza marina e si tinge del verde degli ulivi, le numerose masserie storiche documentano la secolare vivacit economica di questi territori. La tipologia spazia dalla torre-masseria in cui evidente ladozione di soluzioni difensive alla masseria-villa, in cui la residenza rurale coniuga le esigenze produttive con la rappresentativit sociale. Lagro di Monopoli, ricca citt portuale, costituisce un osservatorio privilegiato per la ricchezza delle testimonianze. Al primo tipo afferiscono le masserie Garrappa e La Mantia. Entrambe, riferibili al XVI-XVII secolo, presentano un impianto compatto a due piani con scalinata esterna che immette al piano superiore. Le merlature, i beccatelli, le caditoie, nonch lausterit delle strutture sembrano richiamare i modelli dellarchitettura militare perpetrati soprattutto nelle Monopoli. Masseria Spina Grande numerose torri costiere. Il tipo della masseria-torre sopravvive con gradevoli contaminazioni anche nella candida Masseria Caramanna. La fabbrica principale con torre e ponte levatoio risale al 1659, un secolo dopo circa fu completata con la costruzione della cappella, della terrazza con balaustra e, soprattutto, della scenografica scala circolare a doppia rampa che, oggi, racchiude una palma svettante. Non lontano dal mare il complesso della Masseria Spina Grande e Spina Piccola, separate da una lama naturale. Spina Piccola una solida torre di difesa del XVI secolo edificata nei pressi di un insediamento rupestre, nel XVII secolo trasformato in frantoio. Spina Grande unelegante dimora signorile del XVIII secolo, oggi accogliente struttura ricettiva. Il raffinato prospetto in rosso pompeiano con loggiato a tre archi si apre su una scalinata a doppia rampa con balaustrini. Sulla sinistra lelegante cappella con facciata tardo barocca.
Monopoli. Masseria Caramanna (foto L. Turi)

MASSERIE M SUL MARE


Margherita di Savoia

Bari e la sua provincia

DIREZIONE REGIONALE PER I BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI DELLA PUGLIA

Barletta Andria

Trani
A14

Molfetta

Giovinazzo

Ruvo

Bari

Bitonto
Spinazzola Cassano Murge

Mola di Bari Polignano a Mare Conversano

Monopoli

Gravina in Puglia

Fasano Altamura Putignano Alberobello Gioia del Colle Noci Ostuni Ost ni Martina Ma Ma artina rtin Franca
M

Acquaviva delle Fonti

Prodotto editoriale realizzato da:

Iniziativa finanziata con fondi della U.E. - P O R Puglia 2000/2006


www.mpmirabilia.it

2008 MP Mirabilia S.r.l. per i testi e il progetto grafico