Sei sulla pagina 1di 1

20

Urbino

VENERD 20 GENNAIO 2017

CONSIGLIO COMUNALE RINVIATO A MARTED 24, ORE 15


IL CONSIGLIO comunale di oggi stato rinviato: il presidente del consiglio
Elisabetta Foschi ha preso la decisione a causa degli eventi straordinari che si
sono verificati nei giorni scorsi. A causa delle nevicate e soprattutto delle
previsioni, che annunciavano ancora neve sul territorio per gioved e venerd, e
in seguito alle tre scosse di terremoto di mercoled, stato deciso, dopo aver
sentito i capigruppo, di spostare il consiglio a marted 24 gennaio alle ore 15.
La conferenza dei capigruppo sar luned 23 alle 12.

I SINDACATI

Posticipare
serve per fare
una discussione
pi approfondita

PREOCCUPATO
Il sindaco Maurizio
Gambini intravvede i
problemi della riforma: la
perdita dellautonomia

Sospendete la riforma dellErsu


Pioggia di lettere verso la Regione
Gambini: La legge inapplicabile. Si mobilita anche Fano
PIOVONO lettere sulla Regione
per sospendere la riforma dellErsu: il sindaco Maurizio Gambini
ha coordinato liniziativa e una
missiva partita con la firma del
rettore Stocchi, del presidente
dellIsia Diamanti, dellAccademia di Belle Arti Londei, del Conservatorio Rossini Girelli, del sindaco di Fano (quello di Pesaro
non ha firmato) e dello stesso sindaco di Urbino.
FONDAMENTALI i tempi perch il consiglio regionale in cui si
deve discutere la proposta di legge elaborata dalla commissione
in programma il 26 gennaio prossimo: Si chiede di rinviare perch la legge elaborata inapplicabile e non garantisce la chiarezza
dellistituzione dei servizi, in pratica non si capisce chi fa che cosa
e si lasciano troppe possibilit
spiega Gambini . Noi vogliamo

un rinvio e che si pensi ad un lavoro di analisi del testo. La mia preoccupazione pi grande per
per i lavoratori e io chiedo ai dipendenti dellErsu di mobilitarsi:
mi rivolgo a quelli fissi ma anche
ai precari e ai dipendenti delle
cooperative che lavorano con lErsu perch la vicenda riguarda da
vicino loro, i loro posti di lavoro
ma anche la citt.
MOLTO Criticata, la soluzione
di far gestire i servizi tramite convenzione alle Universit, unorganizzazione non chiara che sarebbe tra le criticit e le problematiche del testo che gli enti firmatari della lettera vorrebbero cercare
di risolvere con un approfondimento. Sul movimento che si
scatenato contro la riforma, interviene anche il consigliere dei 5
Stelle Piergiorgio Fabbri: Questa riforma nata oltre un anno fa

IL DIRETTIVO dellassociazione Urbino Capoluogo, allargato ai responsabili


dei vari settori di attivit, si riunito in
sessione straordinaria, ospite la senatrice
Camilla Fabbri, per programmare le attivit da intraprendere nel 2017 anche alla
luce delle numerose proposte ricevute da
iscritti e cittadini. Primo e fondamentale
punto allordine del giorno, le iniziative
da intraprendere in vista delle celebrazioni che si terranno nel 2020 in occasione
del V centenario della morte di Raffaello.
Il presidente Giorgio Londei ha espresso
la sua profonda convinzione perch la citt di Urbino, la Regione Marche e lItalia
intera si sentano unite per dedicare alla ricorrenza il massimo impegno, rinnovando la sua proposta di una legge speciale,

sotto la spinta della prevista modifica costituzionale, che prevedeva, tra le altre cose, di lasciare alla
Regione solo la competenza di
promuovere il diritto allo studio; per i cittadini, con il referendum, hanno respinto tale modifica. Per questo motivo la proposta
di legge sulla riforma degli Ersu

LUNICO DISSIDENTE
Solo un sindaco non ha
voluto firmare, Matteo Ricci
primo cittadino di Pesaro
anacronistica e sbagliata. Il Pd lo
sa, e nel testo appaiono infatti maldestri e confusi tentativi per fornire una via di fuga che consenta di
non applicare la riforma stessa:
allart. 7 comma 5 si legge che se
le universit non accettano di gestire i servizi, il nuovo Erdis provveder allerogazione degli stessi

attraverso i Presidi Organizzativi


Territoriali (cio le Ersu esistenti). Le universit saranno quindi
lasciate in balia di possibili pressioni politiche ed affaristiche per
la sottoscrizione di pericolosi ed
ancora vaghi accordi di gestione,
mentre la Regione non vede lora
di disfarsi dellimpegno relativo
ai dipendenti ed ai pesanti interventi di ristrutturazione ed adeguamento degli alloggi studenteschi continua Fabbri . A farne
le spese, sono sempre in primo
luogo gli studenti, che riscontrano una traballante qualit dei servizi causata anche dallesasperato
prolungamento del periodo di
commissariamento forzato a cui
la regione sta costringendo gli Ersu. Gli studenti e gli stessi commissari hanno preparato degli
emendamenti e anche noi stiamo
lavorando in tal senso.
Lara Ottaviani

LE SEGRETERIE regionali
di Cgil, Cisl e Uil scrivono alla
Regione per rinviare la riforma
dellErsu e trovare un momento
di discussione. Presa visione
della relazione della prima
Commissione permanente del
10 gennaio 2017, avente per oggetto Disposizioni regionali in
materia di diritto allo studio le
Confederazioni unitamente alle
rispettive organizzazioni di categoria ed alle rappresentanze sindacali unitarie elette negli Ersu
di Ancona, Urbino, Macerata e
Camerino chiedono il rinvio della discussione da parte del Consiglio Regionale per un approfondimento sugli aspetti di seguito specificati scrivono i sindacati . Pur condividendo la scelta dellEnte regionale per il diritto allo studio come soggetto erogatore, anche in ottemperanza a
quanto previsto dalla recente
Legge di stabilit, scelta che va
nella direzione di una armonizzazione dei servizi e delle prestazioni, va rilevato che larticolato
licenziato dalla Commissione
presenta ancora criticit e incongruenze alcune gi evidenziate,
dalle scriventi in sede di audizione, che richiedono approfondimento, con particolare riferimento al modello gestionale, ai rapporti fra Ente Regionale ed Universit, alla partecipazione a livello territoriale, alla tutela delle lavoratrici e dei lavoratori attualmente in servizio presso gli
Ersu. Nel ribadire lopportunit
di un rinvio dellapprovazione
della proposta di legge si chiede
un confronto sui punti elencati
prima del passaggio in Aula. In
caso di mancato riscontro alla richiesta saranno intraprese le specifiche iniziative di mobilitazione validate in data odierna
dallAssemblea con le Rsu.

RIPRODUZIONE RISERVATA

URBINO CAPOLUOGO INCONTRO PROMOSSO DALLASSOCIAZIONE SULLAPPUNTAMENTO DEL 2020

Camilla Fabbri: Lavoriamo al centenario di Raffaello


come gi avvenuto nel recente passato per
le celebrazioni di altri grandi della cultura italiana come Giuseppe Verdi. Si tratta di unopportunit unica e irripetibile
ha dichiarato Londei di altissimo livello
culturale. Raffaello, con la sua vita e le sue
opere, rappresenta la luce dellintelletto
che da Urbino si irradi nel mondo. Le
iniziative dovranno perci essere di grande profilo e utili a promuovere nel modo
adeguato la citt e la regione. Raccogliendo lauspicio e le indicazioni dellassociazione, Camilla Fabbri si resa disponibi-

le a impegnarsi fin da subito e concretamente in tale direzione: sono a disposizione di tutte le istituzioni che, ne sono
certa, sapranno valorizzare la figura di
Raffaello ha dichiarato la senatrice e mi
impegno fin dora alla redazione di un dispositivo che contenga tutte le possibili
misure dirette a questo scopo: Urbino
non pu che essere il punto di partenza
delle celebrazioni raffaellesche, che grazie alla grandezza del Divino Pittore proietteranno la citt e il territorio al centro
dellattenzione mondiale.

LINCONTRO Da sinistra, Giovanetti, Fabbri,


Londei e Mechelli