Sei sulla pagina 1di 4

LA SPINTA!

nasce dall’esigenza di un gruppo di lavoratori e lavoratrici del territorio come strumento di


contro-informazione e collegamento tra lavoratori,precari e studenti.

Foglio di controinformazione e collegamento

Tra lavoratori,precari e studenti del nord-ovest milanese

In tutta la Grecia, da mesi, si susseguono scioperi e


manifestazioni da parte dei lavoratori e delle lavora-
trici delle classi sociali più deboli, in altre parole co-
loro che stanno pagando il prezzo più alto della cri-
si. Le speculazioni delle banche e dei vari gruppi
finanziari alla Soros hanno messo in crisi l’intera
struttura economica greca trascinandola verso la
bancarotta. Il Governo s’è trovato costretto, per
prendere un po’ d’ossigeno, a chiedere aiuti all’U-
nione Europea e al FMI, al quale dovrà pagare de-
gli interessi salatissimi nel prossimo futuro.
Il debito di Atene è detenuto da banche francesi e
svizzere (la cui somma ammonta a 59 miliardi di non è più in grado di “garantire” una vita dignitosa
euro) e da banche tedesche (per 33 miliardi). Que- ai cittadini. Inoltre, le misure appena varate dall’E-
sti istituti di credito, per le loro manovre finanziarie, COFIN servono solo a mascherare le manovre spe-
sono stati supportati da finanziamenti ricevuti dai culative conferendo all’intero assetto economico
rispettivi governi con tassi d’interesse quasi nulli, un’immagine di stabilità monetaria che è solo fitti-
contando di lucrare sui tassi greci che sono al zia. D’altro canto, sono gli speculatori e le banche
6,5%. L’area meridionale dell’Europa è formata da gli artefici della montagna di denaro irreale. Si con-
economie fragili. La Grecia è stata la prima a cade- sideri che, alla fine del 2008, il valore dei derivati
re, ma ben presto trascinerà con sé gli altri anelli ammontava a 700.000 miliardi di dollari, pari a circa
deboli: il Portogallo, la Spagna e non da ultima l’Ita- 14 volte il PIL mondiale annuo. Con un tale volume
lia. La crisi si avvicina con virulenza nel cuore del- di carta straccia da qualche parte si dovrà pure an-
l’Europa. dare ad attingere soldi reali…oggi è toccato alla
Gli attuali governi, che siano di centro-destra o di Grecia. La Grecia ci sta mostrando anche le strate-
centro sinistra, rappresentano il comitato d’affari gie che i vari governi europei useranno per evitare
delle banche, degli speculatori e dei padroni. Que- la bancarotta statale. Quando la crisi ci investirà in
sta è la ragione per cui fanno scontare le pene del- maniera più virulenta la ricetta sarà la stessa: colpi-
la crisi sulla pelle dei lavoratori. Infatti, per accon- re il più duro possibile i lavoratori senza intaccare
tentare la Banca Europea e per tranquillizzare le minimamente le Banche e tanto meno i Padroni.
paure americane sulla possibilità di una svalutazio- I lavoratori Greci, che per primi stanno affrontando
ne monetaria dell’euro, si è previsto un piano fatto questa situazione, ci stanno mostrando la strada da
di lacrime e sangue: tagli alle retribuzioni per i di- seguire per tentare di fare pagare questa crisi a chi
pendenti sia pubblici sia privati, taglio della 13^ e detiene la responsabilità di averla creata: ai gover-
della 14^, blocco di tutti i futuri aumenti salariali, nanti, ai banchieri, ai padroni. La strada è quella
innalzamento dell’età pensionabile e riduzione delle della lotta di classe, cosa che in Italia abbiamo di-
pensioni. A tutto ciò s’associa un cospicuo menticato da tempo. Non possiamo e non dobbia-
innalzamento del costo della vita dovuto, tra le al- mo farci trovare impreparati altrimenti ne paghere-
tre cose, da ingenti rincari su benzina, sigarette, mo tutte le più amare conseguenze.
alcool (come è di comune prassi) ma, quel che è Infine, ma non da ultimo, non lasciamo soli i lavora-
notevolmente grave, è l’aumento dell’Iva del 20% tori ellenici! Facciamo nostro il messaggio che arri-
sui beni primari. La crisi greca sta dimostrando che va dalla Grecia: “lavoratori di tutta Europa organiz-
questo sistema economico-sociale è alla deriva: zatevi e sollevatevi per prendere il potere”.
Pagina 2 OSPEDALE DI RHO Maggio 2010 N° 17

Ancora tagli ai posti letto!


E ai servizi al cittadino.
Lo scorso 15 marzo, in occasione dell’inaugurazio- to della realtà, delle condizioni in cui si lavo-
ne pre-elettorale del nuovo ingresso del presidio ra,aggravata dalla stupida arroganza con cui si rap-
ospedaliero di Rho, eravamo stati fin troppo facil- portano i responsabili degli UFF. INF. e molti coor-
mente profetici. Uno dei cartelli che avevamo espo- dinatori nei confronti del personale.
sto recitava: “ parlano di eccellenze e preparano le Citiamo solo due casi emblematici. Il primo è quello
future eccedenze” di una dipendente del centro trasfusionale di Bolla-
Non sono nemmeno passati due mesi da quel gior- te che è costretta ad andare a piedi per svolgere il
no e puntuali come un orologio svizzero(ma forse turno di reperibilità a Garbagnate perchè senza pa-
sarebbe meglio dire “come la morte”!) arrivano i tente mentre il suo COORD. Si cucca i soldi per
nuovi tagli. non farla mai, il secondo è la situazione idilliaca,
Da oggi tre maggio 2010, i posti letto collocati al dell’accorpamento delle due chirurgie di Rho, pre-
quinto piano, destinati ai reparti di urologia, otorino sentata dal Sitra e smentita dalle lavoratrici.
e gastroenterologia del presidio di Rho, verranno Queste condizioni sono permesse dal silenzio dei
distribuiti tra i reparti di chirurgia e di medicina e il lavoratori di tutte le professioni( in particolare dai
personale sanitario verrà attribuito a varie unità o- medici) e dei loro “rappresentanti”, impegnati a rac-
perative. cattare le briciole che una direzione aziendale
La stessa sorte si prepara per l’ortopedia dell’Ospe- “furba” lascia sul tavolo delle trattative.
dale di Bollate che entro quest’estate sarà trasferita
al reparto di Chirurgia/Otorino/Oculistica, mentre la
terapia strumentale di fisioterapia (dal mese di gen-
naio) è stata trasferita al Presidio di Garbagnate
con il dissenso degli operatori e dei cittadini, alcuni
dei quali hanno già denunciato pubblicamente la
chiusura del servizio.
Con una faccia tosta che ha dell’ incredibile, la dire-
zione sanitaria per tramite del capo- dipartimento,
Dott. Bollina, presenta lo sfacelo verso cui stiamo
andando come una “nuova offerta di posti letto” .
Ogni commento ci sembra superfluo….
Ci sembra invece più interessante ed essenziale
ricordare l’ ipocrisia dei consiglieri leghisti e del PdL
(come già avevamo denunciato), che in campagna
elettorale si erano erti a paladini salvatori dell’ o-
spedale di Rho al solo scopo di prendere i voti, di
fronte a queste chiusure sono letteralmente spariti.
Infatti anziché contrastare le scelte della direzione
Salvini contro gli accorpamenti dei reparti e le ridu-
zioni dei posti letto di tutta l’ azienda, in modo da Noi zitti non staremo! Non lo siamo mai stati.
dimostrare realmente quello che avevano affermato Continueremo nella nostra battaglia e saremo
hanno pensato bene: che passata la festa gabbato quella spina nel fianco nei confronti di chi sta
lo santo. portando la sanità alla privatizzazione, coscienti
Grave ci sembra anche l’ indifferenza con cui la che solo la mobilitazione diretta dei lavoratori
responsabile Sitra si faccia promotrice di corsi e potrà dare quella giusta spinta per una risposta
convegni sulle mansioni delle varie figure, propon- dignitosa e forte a quelli che noi riteniamo dei
ga la riforma e l’ unificazione della turnistica a livel- soprusi personali e di potere.
lo aziendale rendendo il personale sempre più di-
sponibile e precario (il nuovo turno 3/2 crea ad ogni
operatore un ammanco di sette ore mensili che ser- Rho-Bollate 5-5-2010
viranno per una maggiore flessibilità), in perfetta
sintonia con la riforma di Brunetta, senza tener con- DELEGATI RSU S. I. COBAS A.O. Salvini.
Numero 17 Maggio Sanità Pagina 3

GLI SPRECHI NELLA SANITA’!


I servizi sanitari, in Italia e nel mondo, si dimostrano nello stesso periodo, hanno effettuato 3510 denun-
sempre appetitosi per chi è abituato a lucrare una ce per frodi al SSN, 5258 soggetti denunciati,155
parte dei 108 miliardi di euro del fondo sanitario milioni di euro il valore delle frodi accertato e 770
nazionale. Ad Un recente convegno svolto da far- milioni di euro il valore dei danni erariali segnalati
mindustria (industriali del farmaco) alcuni interventi alla corte dei conti.(il sole 24h del 14-4-2010).
hanno stimato tra i 5 e i 10 miliardi di euro lo spre- Morale. Non ostante questi accertamenti le frodi
co. A questo convegno sono intervenuti anche i continuano, i soldi non verranno recuperati e il con-
Nas e la guardia di finanza che hanno fornito alcu- to lo presentano sempre a noi lavoratori in termini
ni dati sui loro interventi. Nel corso del 2008-2009 i di stipendi in meno e di lavorare sempre di più per
Nas hanno effettuato 44.000 ispezioni, hanno sco- questi parassiti.
perto 8.000 infrazioni e 209 arresti. Inoltre,sempre

LA SANITA’ DEL PROFITTO !


Il giro d’ affari che il settore sanitario crea rappre- milioni di ricavi( + 11%).
senta circa l’ 11% del PIL, una bella e sostanziosa La CIR controlla Kos con il 65,4 % di proprietà.
fetta su cui il privato si è buttato e si butta, anche, e Il 70% del giro di affari Kos lo fa nel pubblico. La
soprattutto, in periodi di crisi capitalista come l’ at- retta media giornaliera è di 100 euro pagata dalle
tuale. Rodolfo de Benedetti, figlio del più famoso ASL al 50%,mentre nelle residenze per anziani è al
Carlo, con la sua finanziaria CIR, fa debuttare in 100%.
borsa Kos che è la società di sanità e residenze Come mai una finanziaria come la CIR si butta sui
per anziani del suo gruppo vale a dire “anni azzur- servizi sanitari e assistenziali? Perché vuole acca-
ri”. Questa società che oggi si chiama Kos , è nata parrarsi una fetta della torta sanitaria e fare concor-
sette anni fa, ha 5500 posti letto e 60 strutture( più renza ai Francesi di”ORPEA” e di “MEDICA”, due
una in apertura in quel di Monza), è leader nelle società presenti nello stesso settore ma con un fat-
residenze private per anziani con il 2% del mercato turato maggiore e quindi più forti finanziariamente.
e quarta nella riabilitazione, dove la fa da padrone il La sanità non solo è fonte di sprechi e di truffe ma
Don Gnocchi, ed ha 3400 dipendenti diretti senza anche di profitto sulla pelle dei lavoratori che paga-
uso delle cooperative. no quando lavorano e devono continuare a pagare
Gestisce( fino al 2022) l’ 0spedale di Suzzara e set- anche quando sono malati per arricchire speculato-
te centri diagnostici ospedalieri,fra i quali il Gemelli ri e i loro amici politici.
di Roma. Ha chiuso il 2009 in pareggio con 273
Pagina 4 Notizie dal lavoro Maggio 2010 N° 17

LA CRISI E’ SEMPRE PAGATA DAI LAVORATORI !


Nell’ attuale sistema capitalista le aziende per es- ce il debito di 5 miliardi di euro per arrivare a dare
sere competitive, devono essere efficienti, e per agli azionisti un dividendo(leggi profitto).Dal 2008 al
essere tali utilizzano quello che per loro è lo stru- 2012 questa a azienda ha ridotto il suo personale di
mento principale: licenziare gli operai e i lavoratori. 13 mila unità. I sindacati confederali sono, come al
La Telecom Italia entro il 2012 licenzierà 6822 lavo- solito, completamente consenzienti e asserviti alla
ratori, di cui 2300 erano già stati previsti all’ inizio direzione. Porteranno i lavoratori a fare qualche
del 2010, per ridurre i costi. passeggiata davanti alle istituzioni e alla Confindu-
Lo ha comunicato la direzione aziendale, ai sinda- stria, ma non metteranno mai ( ne tanto meno vo-
cati, il 19 Aprile nell’ illustrare il piano strategico 20- gliono farlo) in discussione questo sistema.
10-2012. Con questi licenziamenti la Telecom ridu-
LAVORATORI: E’ NECESSARIO PRENDERE IN MANO I NOSTRI DESTINI DI PRODUTTORI DELLA RICCHEZZA E METTERE ALL’
ORDINE DEL GIORNO DI CACCIAR VIA I PARASSITI INDUSTRIALI E POLITICI CHE CI RENDONO SEMPRE PIU’ SCHIAVI E PIU’
POVERI. E’ NECESSARIO AUTORGANIZZARSI SIA SINDCALMENTE CHE POLITICAMENTE PERCHE’ I NOSTRI NEMICI NON SONO I
LAVORATORI STRANIERI, MA I NOSTRI PADRONI E IL NOSTRO GOVERNO.

IN PENSIONE A 70 ANNI?
L’ indiscrezione viene fuori da fonti giornalistiche,
dalla cancelliera tedesca Merkel, all’ ultimo vertice
dei capi di stato e di governo dell’unione europea a
Bruxelles: Berlusconi avrebbe chiesto all’ Europa di
portare a 70 anni l’ età per andare in pensione per
ridurre il deficit pubblico. In questo modo la colpa la
darebbe all’ Europa, come hanno fatto con le don-
ne del pubblico impiego che hanno aumentato l’età
di pensione a 65 anni, e lui ne uscirebbe pulito di-
cendo: non siamo noi ma l’ Europa.
Lavoratori basta farci prendere in giro.Lui, insieme
a un sacco di parassiti, si cuccano pensioni e sti-
pendi milionari mentre noi facciamo la fame e dob-
biamo continuare a subire? Se uscisse una tale
proposta è necessario dare una risposta adeguata
e finalmente di massa contro il governo e i suoi lac-
chè.

Che cos’è LA SPINTA! ? Il Sindacato


LA SPINTA! è un foglio di contro-informazione e collegamento fatto da un intercategoriale
collettivo di lavoratori e lavoratrici del territorio della provincia nord- COBAS di RHO
ovest , ha l’obbiettivo di creare una rete di solidarietà e di lotta per soste- offre assistenza
nere e costruire vertenze nei posti di lavoro e nel territorio. sindacale il Mercoledì
Offriamo assistenza sindacale gratuita attraverso lo Slai-cobas di Rho. dalle 20 alle 21
Invitiamo chi è interessato a contattarci o a mandare la propria opinione in via dante 5 a Rho
Ci troviamo a Rho tutti i Mercoledì dalle 19.30 in via dante 5.
PER INFO E CONTATTI:
Www.sicobas.org
E-MAlL: laspinta@yahoo.it
Www.infolaspinta.blogspot.com Fip. Rho Maggio 2010