Sei sulla pagina 1di 4

LA SPINTA!

nasce dall’esigenza di un gruppo di lavoratori e lavoratrici del territorio come strumento di


contro-informazione e collegamento tra lavoratori,precari e studenti.

Foglio di controinformazione e collegamento

Tra lavoratori,precari e studenti del nord-ovest milanese

Sciopero 18 ottobre alla Billa (ex Standa)


Continua e si estende la lotta all’interno delle cooperative della logistica lombarda
COORDINAMENTO IN SOLIDARIETA’ CON I LAVORATORI DELLE COOPERATIVE.
Prima dell'arrivo in forze di Digos, celerini e altri
carabinieri (circa 90 sbirri), i caporali sono riusciti a
provocare il picchetto. Ne sono conseguiti tafferugli
utili ad una ventina di crumiri per infilarsi nelle ma-
glie del picchetto, spinti all'interno dai loro capi-
squadra.
- Alle 10,30 si è quindi svolta un'assemblea conclu-
siva, con l'intervento di diversi operai, in cui sono
stati sottolineati i seguenti punti essenziali
* La lotta ha obiettivi economici (contro il cottimo, il
declassamento di livelli e il furto dell'indennità men-
sa) e sindacali (contro il potere burocratico e corrot-
- ore 5,30: una cinquantina di persone, i primi a to dei confederali, per un "sindacato operaio").
giungere a Villamaggiore si muovono dalla stazione * Oltre a questi sacrosanti obiettivi si tratta di prati-
dei treni per andare davanti agli adiacenti cancelli care una lotta per la difesa della dignità operaia,
del polo logistico dentro il quale hanno sede i ma- cioè per la sconfitta di un sistema neo-schiavista
gazzini BILLA (ex Standa), appaltati alla cooperati- intollerabile.
va C.L.O. (Cooperativa Lavoratori Ortomercato * A due anni di distanza dagli scioperi spontanei del
che, con oltre 2000 dipendenti, é la stessa che ge- 2007 (cui fece seguito la repressione aziendale
stisce una buona fetta dell'ortomercato milanese di concordata coi confederali con licenziamenti, tra-
via Lombroso). sferimenti e Cassa Integrazione si è fatto oggi un
- In totale hanno partecipato al picchetto quasi cen- passo avanti per ricostruire l'unità necessaria a pro-
todieci persone così suddivise: 30 operai della seguire ed estendere l'unità dal basso.
C.L.O, 30 operai delle cooperative che operano a *si chiudeva l’azione di lotta dopo la promessa del
Brembio, Liscate, Settala, Varedo e i licenziati di Direttore Bonomi, tramite intermediazione della Di-
Cerro Al Lambro, 50 militanti esterni (tra S.I. Co- gos, di un incontro per discutere la piattaforma pro-
bas, Vittoria e "area comitato"). posta dal S.I.COBAS.
- Dalle 5,30 alle 9,00 sono stati bloccati i due can- Durante l'assemblea stessa è stato lanciato l'ap-
celli sia quello dei camion in uscita (diversi autisti si puntamento di sciopero nazionale del 29 ottobre
sono mostrati solidali) che, soprattutto, quello dei (riunione "cittadina" a tal proposito prevista per gio-
mezzi in entrata (una trentina con una coda di circa vedì nel tardo pomeriggio) e ci si è inoltre accordati
un km). per un rapido tam-tam di fronte ad eventuali azioni
- I capi della cooperativa, come contromossa, han- di ritorsione nei confronti degli scioperanti.
no prima cercato di accumulare forza tra gli operai - Gli operai in sciopero hanno deciso infine di non
"intenzionati" (cioè non del tutto spontaneamente) a rientrare al lavoro dopo la rimozione del picchetto e
entrare, poi dopo qualche ora hanno deciso di de- di restare davanti alla fabbrica ad attendere gli ope-
viare i camion in coda verso alcuni siti limitrofi per rai dei turni successivi (2° turno con inizio alle 13 e
evitare danni ulteriori 3° turno con inizio alle 19) per verificare le possibili-
- Verso le 9,30, a fronte di una presenza assai tà di estenderlo ulteriormente e cioè di perseguire
scarna di forze dell'ordine (due macchine dei cara- uno degli obiettivi fondamentali della giornata.
binieri), sono sopraggiunti diversi caporali agguerriti Considerazioni e valutazioni ulteriori verranno e-
provenienti da altre sedi operative della C.L.O., ol- ventualmente sviluppate nelle prossime riunioni
tre ad alcuni responsabili della stessa cooperativa. ma, in sintesi, si può dire che gli obiettivi basilari
Pagina 2 Lega ladrona! Novembre 2010 N° 19

Lega ladrona!
Il motto ormai va cambiato: non più Roma ladrona
ma “lega ladrona”.
Le ultime notizie giornalistiche parlano delle inchie-
ste della magistratura sui dirigenti e parlamentari
della lega,non ultimo anche il ministro Maroni,
(quello che manda a picchiare i lavoratori in sciope-
ro e a difesa dei propri diritti), accusato dalla procu-
ra di Milano di aver violato la legge sul finanzia-
mento dei partiti, accusati o sotto indagine per gli
stessi “vizietti” della capitale nazionale contro cui
tuonava l’ ira del leghista Bossi tanti anni fa.
Già, proprio il capo della lega ha pensato bene di
iniziare a sistemarsi la famiglia prima che crepi o
diventi un rincoglionito senza più potere. della Lombardia.
E allora via a sistemare quel figlio ignorante ma Proprio ad Ottobre partiranno le trattative tra Formi-
prediletto, un tal Renzo, bocciato due volte alle goni e la lega per nominare i 45 direttori generali.
superiori detto la trota, a sedere sugli scranni regio- La lega ne ha nominati 11 nel precedente triennio,
nali della Lombardia a 15.000 € al mese. ma ne vuole almeno 20 per il prossimo, in propor-
Gli altri figli forse potranno trovare posto nella scuo- zione ai voti presi alle ultime regionali. Mica scemi
la privata della Bosina, scuola Padana fondata dal- sti’ leghisti che copiano Roma.
la loro mamma e moglie del senatùr, che ha ricevu- Lodi, Treviglio,Como, Brescia, ASL città di Milano,
to dal governo un contributo di 800.000€. Varese, Sondrio, AslMI1, sono nomine della lega.
Per cosa? Nessuno lo sa. Come si vede, man mano che la lega aumenta i
Che dire del presidente del Friuli , un certo Balla- voti chiede più potere nella gestione dell’ economia
man, già in passato coinvolto per danni alla pubbli- e diventa esattamente come quella Roma ladrona
ca amministrazione, una volta vistosi scoperto ad che voleva cancellare.
usare l’ auto blu l’ ha mollata, ma facendosi un au- Si sono corrotti, il potere gli ha dato alla testa e
mento di 3200€ al mese. Evidentemente ha delle pensano di farla da padroni.
spese particolari cui far fronte. Ci chiediamo: Cosa hanno da guadagnare quei la-
Che dire, ancora, del leghista Ciocca legato alla voratori che votano lega per poi ritrovarsi le stesse
‘ndrangheta e coinvolto nell’ ultimo blitz del 13 lu- condizioni di tutti gli altri politici ormai debosciati?
glio 2010 sugli affari in sanità a Pavia . Non è mica meglio organizzarsi con gli altri lavora-
E proprio la sanità sta per diventare un'altra parte tori per dargli, finalmente, quattro calci in culo e
della torta a cui la lega mira per prendersi una gran mandarli a lavorare sul serio?
bella fetta visto che alla fine dell’ anno ci saranno le Chi lotta e sogna non muore mai !
nuove nomine dei direttori generali di ASL e A.O.

Siamo fianco dei cittadini di Terzigno e dei comuni Vesuviani che si oppongono alla deva-
stazione ambientale,alle speculazioni e ai fetori puzzolenti delle discariche.
RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO:
A Terzigno uomini, donne, vecchi e bambini, nono- ministratori e alle lobby speculative poco importa,
stante i manganelli di stato, si oppongono con co- ciò che conta sono i profitti che tutto questa deva-
raggio alla logica speculativa e di devastazione am- stazione può portare.
bientale per difendere la loro vita e la loro salute. Tocca a noi cittadini sensibili verso un mondo a di-
L’ostinazione a non organizzare la raccolta differen- mensione
ziata per favorire le lobby degli inceneritori, sta ag- della vita umana, contrapporci a quanto di disuma-
gravando in molte città la situazione ambiente. no l’avidità del guadagno e di denaro provoca.
Anche a Torino seppur in silenzio sta avanzando il Per questo siamo con i cittadini di Terzigno e din-
mostro dell’incenerimento, a Gerbido sono già stati torni che lottano, per questo siamo No Tav, per
avviati i lavori per la costruzione, rallentando la rac- questo siamo contro l’inceneritore di Gerbido
colta differenziata a Torino, per non rischiare di non (Torino) che si sta costruendo.
avere sufficiente indifferenziata da bruciare ! Collegamenti, lotta e solidarietà
A poco è valso la consapevolezza scientifica dei
danni e delle malattie che esso provocherà, a poco Via Baveno 23 –Torino
e valso la razionale soluzione della raccolta diffe- Riunioni tutti i lunedì ore 18-20
renziata per risolvere i problemi dei rifiuti, agli am- (www.lottainternazionalista.org)
Numero 19 Novembre Antirazzismo Pagina 3

Contro razzismo e xenofobia!


Autorganizzazione e lotta di classe!
Il razzismo e l’intolleranza sono
due brutte bestie, soffiano sui
sentimenti più biechi della gente,
e chi è al potere spesso e volen-
tieri li utilizza per dividere, per
creare guerre tra i poveri o addi-
rittura guerre civili vere e proprie
( la guerra nella ex Jugoslavia
dove anche l’Italia partecipò atti-
vamente non è un ricordo troppo
lontano).
Così niente di più facile per il po-
pulismo straccione dei leghisti,
per i creatori di realtà virtuali ber-
lusconiani, agitare sotto il nostro
naso il pericolo immigrazione in
Italia; un pericolo che si può rias-
sumere per questi signori, in due
semplici proclami:
gli immigrati ci rubano il lavoro
l’aumento dell’immigrazione ha
provocato un aumento della de-
linquenza.
La realtà è un po’ diversa , ma
come fumo negli occhi a una
classe operaia svuotata e in gi-
nocchio funziona perfettamente,
e così il messaggio che passa stretti a condizioni di vita e di la- giscono facendo valere i loro di-
tra la gente è che gli immigrati voro inumane, minacciati dal rim- ritti, vedi Bennet ad Origgio , le
minacciano la nostra già precaria patrio, pagati quattro soldi, man- Coop di Cerro al Lambro, ed altre
condizione lavorativa, in più ren- dano avanti un pezzo di econo- ancora dove i sindacati di base
dono meno sicuro le nostre città mia del paese, fanno lavori che sostengono i lavoratori stanchi di
perché la maggior parte di loro gli italiani non vogliono più fare. uno sfruttamento selvaggio, di
sono delinquenti. Non c’è niente E quando alzano la testa finisco- continue violenze quotidiane e di
di peggio della menzogna, di una no nei pasticci, dai cie al rimpa- soprusi.
bugia più volte ripetuta da giorna- trio. Un altro esempio di cui ab- Per questo su questo foglio dare-
li e televisioni per alimentare l’o- biamo già parlato è la logistica, mo spazio a tutte quelle iniziati-
dio e l’incomprensione; ed è que- cioè il settore del rifornimento dei ve, a tutte quelle lotte, le denun-
sto che chi comanda vuole, per- grossi centri commerciali, il depo- cie, che vanno nella direzione di
ché se chi sta sotto continua a sito e lo stoccaggio, il trasporto smascherare l’ipocrisia di chi per
subire in silenzio se anzi si mette delle merci per le grandi aziende. mantenere sotto controllo la gen-
a farsi la guerra questo non fa Qui troviamo immigrati regolati te, per dare ossigeno ad un siste-
che rendere più facile il controllo anch’essi con i diritti azzerati, ma malato, usa il razzismo, l’in-
sociale . salari da fame e ricatto dovuto al tolleranza, il ricatto.
Proviamo allora a smascherare fatto che vengono assunti come Raccontare quello che non si di-
queste “verità “ costruite ad hoc. soci lavoratori da cooperative ce , creare le basi per l’unità dei
Nessuno dice per esempio che che in realtà sono vere e proprie lavoratori immigrati e no , per la
l’agricoltura ( soprattutto nel sud associazioni criminali, con la par- ripresa delle lotte per i reali inte-
dell’Italia) funziona grazie ai lavo- tecipazione in molti casi al loro ressi dei lavoratori, che non sono
ratori clandestini portati qui dai interno di personaggi legati alla sicuramente quelli delle banche,
mafiosi nostrani che gestiscono malavita. dei finanzieri, degli industriali,
un vero e proprio mercato di nuo- E tutto questo va bene fino a degli sfruttatori in genere.
vi schiavi; questi lavoratori co- quando questi lavoratori non rea-
Pagina 4 Notizie varie Novembre 2010 N° 19
FRANCIA – Centinaia di infermieri aneste-
Salari sempre più bassi sisti in camice blu hanno invaso a celebre
Mentre la crisi economica continua a mordere,a conferma avenue degli Champs-Elysées, a Parigi,
che chi la sta pagando sono solamente i lavoratori arrivano i per protestare contro la politica del presi-
dati diffusi dall’ Ires - CGIL che indicano come In dieci anni dente Nicolas Sarkozy. Un’azione che ha
gli stipendi dei lavoratori dipendenti hanno perso 5.453 euro. richiesto anche l’intervento dei celerini e il
Dove sono finiti i soldi? lancio di gas lacrimogeni. Molti manife-
Sono stati mangiati dalle tasse e dai bassi aumenti salariali stanti si sono dati appuntamento proprio di
che rispetto all’inflazione sono stati miseri, generando un fronte al Fouquet’s, il lussuosissimo risto-
paradosso da sempre presente nell’attuale sistema produtti- rante parigino dove Sarkozy andò a brin-
vo, da una parte mentre le aziende continuano nonostante dare la sera della sua elezione presiden-
la crisi a fare profitti, grazie ai licenziamenti,alla cassa inte- ziale. Ma il corteo si sta spostando ora ver-
grazione o alla delocalizzazione,dall’altra i lavoratori non so l’Eliseo, passando per la sede dell’Ump,
solo hanno una perdita del potere d’acquisto enorme,ma il partito della destra al potere. ”Ci sono
sono quelli che pagano più tasse di tutti. numerosi agenti e celerini, c’e’ una grande
Questo ha comportato che 15 milioni di lavoratori guadagna- confusione”, dice un giornalista del Pari-
no meno di 1.300 euro al mese,7 milioni meno di 1000 arri- sien.fr, che segue il corteo, precisando che
vando ad avere il 10 % delle famiglie più ricche che possie- ”la polizia ha lanciato dei gas lacrimogeni
dono il 45% delle ricchezze,mentre il 50% delle più povere si contro i manifestanti e blocca il Faubourg
deve spartire il 9,8%. saint-honor|’ per evitare ai manifestanti
La conseguenza di tutto questo non è imputabile solo alla l’accesso all’Eliseo”. Già lo scorso maggio,
crisi economica,grosse responsabilità sono proprio di chi ha gli anestesisti avevano bloccato in modo
fatto questa ricerca,la Cgil insieme a cisl e uil, responsabili spettacolare la stazione parigina di Mon-
dell’eliminazione della scala mobile e di una politica di con- tparnasse, per chiedere – come oggi – mi-
certazione al ribasso portata avanti negli ultimi 15 anni. gliori condizioni di lavoro e un riconosci-
mento della loro specializzazione. Secon-
do il sito internet ‘ActusSoins.com’, parteci-
pano alla protesta circa 2.000 infermieri.
La ministra della Salute, Roselyne Bache-
lot, ha già assicurato una rivalorizzazione
del loro diploma e dello stipendio ”entro la
fine dell’anno”

Infermieri nel mondo:Norvegia: raggiunto


importante conquista per i turnisti.
Un'importante conquista dei colleghi nor-
vegesi riguarda i turnisti. A questi è stata
concessa una riduzione di orario settima-
nale corrispondente a 15' ogni ora nottur-
na lavorata e 10' ad ogni ora festiva lavo-
rata. Facendo due conti, vi sarebbero al-
meno 2 ore in meno settimanali, che di-
ventano 4 nelle settimane in cui si è di tur-
no la domenica.

Che cos’è LA SPINTA! ? Il Sindacato


LA SPINTA! è un foglio di contro-informazione e collegamento fatto da col- intercategoriale
da lavoratori e lavoratrici del territorio della provincia nord-ovest , ha l’ob- COBAS di RHO
biettivo di creare una rete di solidarietà e di lotta per sostenere e costruire offre assistenza
vertenze nei posti di lavoro e nel territorio. sindacale il Mercoledì
Offriamo assistenza sindacale gratuita attraverso il S.I. cobas di Rho. dalle 20 alle 21
Invitiamo chi è interessato a contattarci o a mandare la propria opinione in via dante 5 a Rho
Ci troviamo a Rho tutti i Mercoledì dalle 19.30 in via dante 5.
PER INFO E CONTATTI:
Www.sicobas.org
E-MAlL: laspinta@yahoo.it
Www.infolaspinta.blogspot.com Fip.Rho Novembre 2010