Sei sulla pagina 1di 4

LA SPINTA!

nasce dall’esigenza di un gruppo di lavoratori e lavoratrici del territorio come strumento di


contro-informazione e collegamento tra lavoratori,precari e studenti,per creare percorsi di autorganizzazione.

Foglio di controinformazione e collegamento

Tra lavoratori,precari e studenti del nord-ovest milanese

TRASPORTI,ISTRUZIONE,CASA,SANITA' SONO UN DIRITTO.


Piano, piano ce li stanno togliendo... ... riprendiamoceli!
Le scorse settimane Trenitalia ha tolto, nella tratta
Torino - Milano, la fermata di Rho centro e attivato
quella di Rho Fiera ( stazione ancora da ultimare e
che manca di ogni tipo di struttura, compresi i mez-
zi pubblici che colleghino la stazione ferroviaria a
Rho e ai parcheggi per le macchine ).
Tale scelta significa la perdita di 30 treni al giorno
per chi da Rho deve arrivare alla stazione centrale,
mentre, i pendolari costretti a utilizzare questa
tratta per sopraggiungere sul posto di lavoro o ob-
bligati a spostarsi, dovranno scendere a Rho Fiera
e aspettare un altro treno che li riporti a Rho cen-
tro.
CONTINUA A PAG.2

STORIA DI UN’ INCONTRO TRA Notizie dalla crisi:


CRISI : IN ARRIVO
LAVORATORI E LAVORATRICI UNA NUOVA BOLLA
Un gruppo di lavoratori dei servizi sanitari pubblici e privati si è incontrato SPECULATIVA?
per un confronto sulle precarie e difficili condizioni che tutti i giorni devo- Mentre dal governo
no affrontare nei propri luoghi di lavoro e per trovare il modo per rispon- arrivano rassicurazioni
dere agli attacchi quotidiani con cui devono fare i conti. sul fatto che la crisi ha
E' però indispensabile capire perchè queste cose accadono. superato la sua fase
peggiore e dobbiamo
CONTINUA A PAG. 4 essere tutti più ottimi-
sti,arriva una notizia a
cui ovviamente è stato
dato poco spazio.
CONTINUA A PAG.3

I SACRIFICI DELLA
LETTONIA PER
SALVARE L’EUROPA
Pag. 3

LA BCE DA I SOLDI
ALLE BANCHE PER
SPECULARE.

Pag.3

FIP. Luglio 2009 RHO


Pagina 2 VERTENZE SUL TERROTORIO Luglio 2009 N° 9

TRASPORTI,ISTRUZIONE,CASA,SANITA'
SONO UN DIRITTO.
Piano, piano ce li stanno togliendo...
riprendiamoceli!

Continua dalla prima pagina…

Questa scelta attuata da poco tempo,ha il fine di


avviare una sperimentazione della durata di 6 mesi
che dovrebbe dare modo di vedere quante persone
scenderanno a Rho Fiera. Sperimentazione al
quanto inutile perchè evidente a tutti che coloro che
prima si fermavano a Rho centro ora saranno co-
stretti a scendere a Rho fiera per poi aspettare un
treno che li riporti nella stazione di Rho centro.
E' chiaro a tutti che Trenitalia punti a ridurre i treni
a Rho per privilegiare la Fiera e quindi , risparmiare
e tagliare i costi a discapito di chi utilizza i treni.
Trenitalia (azienda pubblica) si comporta come se
fosse un'azienda privata e invece di migliorare il
servizio di trasporto lo peggiora per cercare di crea-
re più profitto, purtroppo, questo accade come re-
gola in ogni azienda pubblica, dalla sanità alla
scuola fino ad arrivare all'edilizia popolare.

Educazione, assistenza sanitaria non sono beni


monetizzabili, così come vorrebbero i padroni, ma negli anni 60 - 70 per una scuola di tutti, qui si favo-
diritti fondamentali dei lavoratori e delle loro fami- risce chi ha meno problemi economici e si sponso-
glie. rizzano le scuole private.
Quando ti ammali, però, devi pagare i ticket sui me- Stessa sorte per l'edilizia popolare, dove l'azienda
dicinali, gli ospedali non esistono più, ormai, sosti- lombarda Aler si comporta come una vera e propria
tuiti dalle aziende sanitarie come quella Rhodense agenzia immobiliare e invece di preoccuparsi di
dove continuano a essere "tagliati" i posti letto; il assegnare le case, attua aumenti notevoli sugli af-
nome " AZIENDE " ci dice tutto,ossia, una struttura fitti, per poi rivendere intere palazzine svuotate dei
che deve chiudere in attivo e quindi fare profitto sui inquilini che non riescono più a pagare l'affitto,al
sulle disgrazie altrui. mercato immobiliare.
La scuola invece viene dequalificata e già a comin-
ciare dalle elementari si riducono il numero delle Anche per questo dobbiamo lottare... per quelle
insegnanti, delle ore nei laboratori didattici, aumen- situazioni che viviamo ogni giorno sulla nostra
tano il numero di alunni per classe e vengono pelle... per ribadire che SCUOLA, SANITA',CASA
seriamente ridimensionati insegnanti di sostegno e SONO DIRITTI e non mucche da mungere per far
mediatori culturali. ingrassare il portafoglio dei padroni e dei funzionari
Questo sfavorisce i ragazzi con più difficoltà che statali.
meno possono essere seguiti e aiutati, gli immigrati Unire le forze e gli sforzi di chi si oppone alla politi-
con problemi legati alla lingua e a culture diverse; ca di smantellamento dei diritti nel sociale e sul
dalle medie, poi, la scuola diventa un percorso ad territorio, a chi lotta in fabbrica e sul posto di lavoro
ostacoli; dove molti decidono di abbandonare ancor per condizioni economiche e di vita dignitose, per la
prima di aver compiuto 16 anni. difesa del posto di lavoro ( sempre più sotto al tiro
Alla faccia delle lotte degli operai e degli studenti della ristrutturazione e delle crisi economiche ).

Questo è l'unico modo che abbiamo per difenderci e dare forza alle varie rivendicazioni e vertenze
in corso, per costruire un fronte comune che ci permetta di riprenderci i nostri diritti e il
nostro futuro e per conquistare una società dove la logica del profitto sulla pelle delle classi
sociali più deboli cessi di esistere.

CONTRO L'ATTACCO AI DIRITTI SOCIALI COSTRUIAMO COORDINAMENTI UNITARI!


Numero 9 Luglio NOTIZIE DALLA CRISI Pagina 3

CRISI : IN ARRIVO UNA NUOVA BOLLA LA BCE DA I SOLDI ALLE BANCHE


SPECULATIVA? PER SPECULARE.
CONTINUA DALLA PRIMA... In un comunicato la C.E.S. ( confederazione
dei sindacati europei) che rappresenta 82
Sui più importanti giornali d’informazione nelle scorse setti- organismi sindacali di 36 paesi europei, critica
mane i vari economisti nazionali ed internazionali valutavano la banca centrale europea perché il 24 giugno
il rischio dello scoppio di una nuova bolla finanziaria,quella 2009 ha concesso ad un migliaio di banche
private 442 miliardi di euro ad un tasso d’ inte-
legata all’innalzamento improvviso dei prezzi delle materie
resse dell’ 1% con scadenza ad un anno. Va
prime,spiegheremo in breve di cosa si tratta. da se, che anche i bambini vedono, che un
Dopo il crollo dell’anno scorso,da Gennaio a oggi i prezzi di prestito a un così basso interesse non può
materie prime come petrolio,rame,grano,oro zucchero e le- che essere utilizzato dalle banche per specu-
gno sono schizzati in alto,per fare qualche esempio, petrolio lare, anche perché la banca centrale non ha
a + 51%, rame + 57% o zinco +36,8%. Questo innalzamen- messo nessun vincolo alle banche di utilizzare
to notevole dei prezzi può essere alimentato da diversi fattori il prestito per la produzione.
i due più importanti sono la domanda o la speculazione, la Infatti ,dice la C.E.S. , CHE IL DENARO PRE-
prima a detta degli esperti è improbabile visto che la produ- STATO ALL’ 1% le banche lo hanno subito
zione a oggi è molto lenta e quindi la domanda di materie investito in obbligazioni governative al 4%, in
prestiti immobiliari al 5% e persino in obbliga-
prime è diminuita notevolmente, mentre si fa strada in manie-
zioni di società private all’ 8%.
ra sempre più probabile la speculazione, la paura secondo Inoltre le banche possono utilizzare il denaro
gli esperti e gli operatori è che si stia ripetendo la stessa spe- prestato per sostenere la speculazione sulle
culazione immobiliare (sub prime) del 2007 che ha portato materie prime, in borsa o negli hedge fund.
allo scoppio della bolla a settembre dello scorso anno. ( fondi altamente speculativi).
Ci ricordiamo ancora la gara dei governi e dei politici a chi AI LAVORATORI, CHE PRODUCONO LA
era più duro con banche e speculatori di borsa che secondo RICCHEZZA, SACRIFICI E DISOCUUPAZIO-
loro avevano portato alla rovina la “nostra” economia, tutti NE CON BASSI SALARI E PRIVATIZZAZIO-
avevano giurato che non sarebbe più accaduto. Sta acca- NI.
dendo nuovamente e lo sapevamo,non perché siamo degli ALLE BANCHE E AI PARASSITI I PROFITTI
DEI NOSTRI SUDORI.
esperti ma perché sappiamo che nella società capitalista la
BASTA CON IL CAPITALISMO, BASTA CON
speculazione è uno dei pilastri che la tiene in piedi, perché QUESTO SISTEMA SOCIALE.
l’obbiettivo è sempre quello di profitti per una ristretta mino- NOI LAVORATORI AL GOVERNO , IL GO-
ranza e rovina per la restante maggioranza, per questo sia- VERNO A LAVORARE IN FONDERIA O
mo convinti che la speculazione finanziaria come avveniva NELLE MINIERE.
150 anni fa è avvenuta oggi e avverrà domani.

I sacrifici della Lettonia Emma Bonino chiede che a pagare la


crisi siano le donne e le pensioni.
per salvare l’ Europa Questa femminista al contrario è una del-
Il fondo monetario internazionale impone alla Lettonia misu-
le tante che difende i capitalisti che la pa-
re draconiane, che ovviamente colpiranno i lavoratori, per
gano per non lavorare. Ed infatti lei in
ricevere il prestito da 1,7 miliardi di euro per poter salvare il “
pensione ci è già da una vita perché è
LAT” la moneta locale dalla caduta e la dichiarazione di de-
una parassita sociale che vive sulle spalle
fault finanziario.
dei lavoratori che producono la ricchezza.
Il parlamento ha già varato la seconda manovra di 715 milio-
Essa Cosa propone al governo?
ni di € che è come una manovra Italiana da 50-60 miliardi
Di varare la riforma pensionistica, contro
di€.
le donne, per portare l’ età pensionabile
Ma perché parliamo della Lettonia?
nel P.I. a 65 anni che in automatico apri-
Perché la caduta della moneta Lettone coinvolgerebbe il fal-
rebbe la strada anche per la riforma del
limento delle banche che a sua volta farebbe crollare le ban-
lavoro privato, perché in questo modo nei
che della Svezia, ed a catena, ci sarebbe il contagio rapido
prossimi 8 anni lo stato risparmierebbe
di Estonia, Lituania, Romania, Bulgaria e forse anche Un-
2,3 miliardi di € per andare a pagare i
gheria e Polonia e di conseguenza, udite, udite sarebbero
milioni di lavoratori disoccupati che la crisi
coinvolte l’ Italia, la Francia, l’ Austria , il Belgio e la Svizze-
creerà, nel primo trimestre 2009 secondo
ra, che hanno “investito”( leggi speculato) molto in questi pa-
i dati Istat i disoccupati in più sono due
esi.
milioni.
Ancora una volta a pagare la crisi saranno i lavoratori men-
Così le donne lavoratrici pagano mentre
tre alle banche vanno i soldi per continuare a speculare. Fi-
le banche e le parassite come la Bonino
no a quando la classe lavoratrice continuerà ad accettare
guadagnano.
questi sacrifici?
E IO PAGO!!!
Pagina 4 STORIA DI UN’INCONTRO TRA LAVORATORI E LAVORATRICI Luglio 2009 N° 9
STORIA DI UN’INCONTRO TRA
LAVORATORI E LAVORATRICI.
Continua dalla prima pagina...

Il sistema in cui viviamo, quello capitalista, è basato


sul profitto cioè sul guadagno di pochi e sulle rinun-
ce per tanti.
Noi con il nostro lavoro creiamo la ricchezza, ma
questa ricchezza non va data alla popolazione co-
me ci vogliono far credere in tv attraverso il welfare
(redistribuzione ai poveri) , ma viene incanalata tra
quei pochi capitalisti che godono e beneficiano del-
la nostra produzione.
Ma come fanno i capitalisti a fare i profitti? Dove
trovano la linfa vitale per arricchirsi? E' molto sem-
plice, la trovano grazie allo sfruttamento della glo-
balità dei lavoratori.
Visto che il denaro non cresce sugli alberi come le
arance o le banane, questo sistema ha trovato il scienza della dura realtà del profitto si possono
modo di vivere bene e respirare sfruttando chi con cambiare le carte in tavola, ma come?
le proprie mani ed il proprio sudore è costretto a Con la lotta, partendo dai nostri posti di lavoro e
lavorare in condizioni inaccettabili. Con questo in- creando realtà sindacali auto-organizzate fatte di
contro ci si è confrontati su cosa sia la dignità ed è lavoratori ( non di dirigenti pagati dal sindacato) per
nata la necessità di affermare il senso di un gruppo dimostrare che senza di noi non è proprio possibile
che sa bene che a questo mondo esistono sfruttati fare profitti. E' indispensabile porsi in questi termini
e sfruttatori, ricchi e poveri e che respinge questo per necessità e per affermare a testa alta la nostra
tipo di impostazione gerarchica. consapevolezza di aver capito quali sono i rapporti
Facciamo un esempio. In una clinica di assistenza di produzione su cui ruota il sistema economico.
alla persona oppure in una fabbrica troviamo il pa- I capitalisti si organizzano in maniera fine per sal-
drone e i lavoratori. vaguardare il proprio potere e non gli è difficile fo-
Dalle bocche della maggioranza dei lavoratori si mentare la guerra trai poveri ad esempio alimen-
sente dire che dopotutto il padrone gli permette di tando svariate forme di razzismo non solo verso i
lavorare , ma noi, coscienti di questo feroce sfrutta- lavoratori extracomunitari ma anche verso chi non
mento vogliamo ragionare in un altro modo e ribal- pensa come le masse. Noi come lavoratori dobbia-
tare la frittata dicendo che è grazie al nostro sudore mo capire e trasmettere ai nostri compagni che
quotidiano che il padrone fa profitti quindi è lui che quando il padrone non ha più bisogno di noi non
ha bisogno di noi. Ci ipnotizzano facendoci credere esita a licenziarci e metterci da parte come schiavi
che se siamo bravi e obbedienti e se produciamo di ex salariati, come merce e carne da macello. Una
più saremo ricompensati e gratificati. Così succede volta che questo concetto è chiaro non resta che
che pur di mettersi in prima linea di fronte ai nostri applicare tra di noi quelle forme di solidarietà e di
datori di lavoro dimentichiamo il nostro collega di- lotta nei diversi luoghi di lavoro partecipando alle
menticando il nostro vero nemico; il capitale. Il sen- iniziative di protesta contro i soprusi o di rivendica-
so che invece noi vogliamo trasmettere ai nostri zioni salariali.!
colleghi e compagni è che solo prendendo co-
LA FORZA DEI PADRONI NASCE DALLA DIVISIONE DEI LAVORATORI
LE INIZIATIVE UNITARIE SONO MENO FATICOSE E DANNO RISULTATI MIGLIORI
LA SOLIDARIETA' TRA I LAVORATORI CONTRO LO SFRUTTAMENTO E' UN'ARMA: USIAMOLA

LA SPINTA! ha l’obbiettivo di creare una rete di solidarietà e di lotta per Lo SLAI-COBAS RHO
sostenere le vertenze nei posti di lavoro e nel territorio e per iniziare a offre assistenza
porre le basi per lo sviluppo di una rete auto-organizzata di sindacale il Mercoledì
lavoratori,precari,disoccupati e studenti,che riesca a portare avanti nel dalle 20 alle 21
territorio un percorso di resistenza e di conquista dei diritti che ci stanno in via dante 5 a Rho
togliendo. mandaci la tua opinione,il tuo contributo e partecipa. SLAI COBAS RHO
Ci troviamo a Rho tutti i Mercoledì dalle 19.30 in via dante 5.
PER INFO E CONTATTI: Www.slaicobasmilano.org
E-MAlL: laspinta@yahoo.it Www.slai-cobas.org

Www.infolaspinta.blogspot.com