Sei sulla pagina 1di 4

E IL

GIORNO

DELLA CONTEMPLAiZIONE
E

DELL'ADORAZIONE

QE Ia nore che passsts ci ha rivlato la nas.ira del


L)Sal tole, questo gjomo deve pemefierci di appmfon-

e questa lFande Nolizia: il Figlio di Dio ha fatto di noi


i suoi fraleli e chialM senza stancarsi tutri gli uomini.

DalBnti a questo alvenimento facciamo nostle le parole


di san Gio!'ad Cdsostomo: {Non ci rcsta che prcgsre,
dopo la rivelazione di vedta co sublimi, anche la nostxa
vita sia pum e santo il nostm comportamento: poich
non servhebbe a nulla conoscel]e queste coe se le noshe
(hlardo Zambello, srp
opere non sono buone,

ALI.A MESSA IIEIL'AUBORA


Con i pasto ancliafio a trovarc il Bambino Ges
sulle ginocchia cli Maia. Adoiamo il nostro Redentorc, vro Dio e vero Uorno, Come la Madre
del Signre serbiamo nel nosttu cuore questi avvenimenti pieni di speranza.

D'IHGRESSo (ffits 9,2.6) in pidi


Oggi su dinoi splender la luce, perch nato
AltTlFOt'lA

per noi il Signore; Dlo onnipolnte sar il suo


nomo, Principe della pace, Padre dell'etemit:
ilsuo regno non avr fine.
Si elic Utto penitenzial il ebnaCoILETIA - Signore, Dio onnipotente, che ciawotgi della nuova luce del tuo Verbo latto uomo, fa' che

dsplenda nellg nosre opere il mistero della tde

c*te rifulge nel noro spidlo. Per il nostro Signore...

TETTURA

PRIMA
seduri
Ascoftiamo la prclezia alella venuta del Messia
che ci ollre l aulorc della terza Dafte clel libro di
lsaia: Gerusalemme pet la venta del Salvatorc
sat ononta presso tutte le genli.
Dal llbro dl profela lsala (62,11-12)
,Ecco ci chs il Sionore la sentire allestremita della lerra:
"Dile aila {qlia di Sion: Ecco, arriva il tuo salvalore: ecco, egli ha con se il premio
e la sua ricompensa lo precede. eli chiameran.
no Popolo santo. Bedntidel Signore. E tu sarai
chiamata Ricercala. Citt non abbandonata"

A- Rndiamo grazlo a Dlo.

SALMO RESPOI{SoRIALE (Sat 96/97,1.6.11-12)

& Oggi la luce risplend su di noi.


ll Signore regna: esulti la terra. / gioiscano le
isole tutt. / Annunciamo icielila sua oiustizia/
e tutti i popoli vdono la sua gloria.
B

L,na luce spuntata per il giusto, / una gioia


per i retti di cuore. /Gioile, giusti, nelSignore, /
della sua sanlita clbrate il
B

ricordo.

s[col{Dl

tE

0n

per la niseicordia del Signore, per il suo immenso amorc verso gli uomini, che siamo salvati. non per i nosti meiti. Ne 'acqua del Battesimo abbiamo ricevuto la salvezza, lo SDiito
Santo e la digni difigli.

Dalla lettera di san Paolo aDoslolo

a Tilo (3,4-7)

Figlio mio, "quando apparvero la bonta di


Dio, salvatore nostro, e il suo amore per gli
uomini.'egli ci ha salvati. non per opeie giuste da noicompiute, ma per la sua miseriordia, con un'acqua che rioenera e rinnova nelIo Spirito Sant. 6che Dio ha efluso su di noi
in abbondanza prmezzo diGestr Cristo, salvalore nostro, Taffinch. giustificati per Ia sua
grazaa. diventassimo, nella speranza, eredi
della vita elrna.
A- Fndlamo grazi a Dio,

VAtlcEto (Lc 2,14)


R Allluia, alleluia. Gloda a Dio nel oiil alto
dei cieli e sulla lerra pace agli uomini, dhe egli
ama.
BAlloluia.
CAIITO AL

NATALE DEL SIGNORE . MESSA DELL'AUROHA . 27

vA

GEl.0
ll Vangelo cconta

k visik a Betlemme dei paslori, pet vedere ilBambino che nato. lminalidalIo Spirito, essi diventano mis$ionai pet annunckp
b alla loro

r,l.
r

g:ente.

Dal Vangelo secondo Luca (2.15-20)

A-Gloriaate, oSignore.

,5Appena gli angeli si furono allonlanati da loro,


verso ilcielo. i paslori dicevano lun l'altro: "Andiamo dunque fino a Betlemme, vediamo questo avvenimento che il Signore ci ha fatto conoscere-

rdAndarono, senza indugio, e ltovatono Ma a e


Giuseppe e il bambino. adagiato nella mangialoia.
'7E dopo ave o visto, rifedrono ci che del bambino era stato detto loro. dTutti quelli ch udivano
si stupirono delle cos dette loro dai pastori. ,,Maia, da pade sua, cuslodiva tutle quesle cose, meditandole nel suo cuore.sl pastori se ne tomarono, qlorilicando 6lodando Dio per lutto quello che
avevano udilo e vio, com'era slato detto loro.

A- Lod are, o Crilo.

Credo e Prcghie,a dei fedeli.

fiuto. A chi I accoglie. Gesu d il potere di diventarc liglio di Dio.


ANIIFoNA

DIIIGRESSo

(ls

9,5)

in piedi

nalo per noi un bambino,

unfiglioci stato donato: egli avra sulle spalle il dominio,


consigliere ammirabile sar ilsuo nome.
Celebrante - Nl nome del Padre e del Figlio e
dello Spirito
Assemblea - Amen.
C - llSionore sia con voi.

Santo.

A - E ch

iltuo spirito.

AITO PTNIIENZIATE
C - lnvochiamo con liducia dal Redentore del
mondo il perdono dei pe.cati.

\Pausa di silenziol
C - Signore, luce d'eterna luce, abbi piet di

noi.
A - Signore, piet.
C -Cristo, Figlio della Veroine Maria, abbipieta di noi.
A - Cristo, piet,
C Sgnore, Verbo del Padre, abbi piet di
noi.
A - Siqnore, piet.
C - Dio onniootenle abbia misericordia dinoi.
perdoni i no'stri peccati e ciconduca alla vita
etema.
A - Amen.

Su[[E oFtERTE - Le nostre otfert, o Padre, siano degn del mislero che oggi celebriamo; tu
che nel Natale ci hai rivelato il Crisio uomo e
Dio, fa' che nl pane e nelvino da te consacrati
partcipiamo alla sua vila immortale. Per Cristo nosko Signore.
ANTIFONA ALLA C0MUi{I0NE - I pastori se ne
lornarono glorifcando e lodando Dio pr tutto
quello che avevano udito e
lLc2,2o\
PREGHIERA D0P0 LA CoMUllloNt O Dio, che

visto.

c hai radunati a celebrar in devota letizia la nascita del luo Figlo, concedi alla tua Chiesa d conoscere con la lede le profondit del tuo mistero, e di
viverlo con amore intenso e generoso. Per Cristo
noslro
A-Amen.

Signor,

PROPOSTE PEF I CANIL Repeiorio nazional.e, Canti pet la Liturgb, Cei/q.lleoioi 2009. lnizio:

E nato un bimbo in Betlehem (67);Glofia in


cielo e pace (69). Sa/rno rcsponsoiale: Ma A.
Bastoni; Gloria in cielo 168\. Processione oflenoriale: Parcle di vila li75). Comunione:
Bambino mite e debole (66); Verbum caro
(75\. Congedo: Glotia in cielo e pace (69).

Au.A MESSA DEt Gtonilo


Dopo la notte santa, con I'evangelista Giovanni, contempliamo I'inesprinibile dono fat-

to da Dio agli uomini, nella peBona di Cristo. del Verbo poiatore della luce della vila. La sua ivelazione piu volte inconta il ri2A

Gl.oRlA A Dlo NEtt'Al.lo DEI Cltl.l e pace in


teira aEli uominl di buona volont. Noi ti lodiamo, li benediciamo, ti adoriamo. ti glorifichiamo, tirendiamo qrazi Der la tua oloria immensa. Signore Dio;Re dlcielo, Dio Padre
onnipotnte. Signore, Figlio unionito, Gesu

Cristo. Signore Oio, Agnello di Dio, Figlio


del Padre,lu che togli i peccati del mondo, abbi piet di noi; iu che toqli i peccati del mondo,accogli la nostra supplica;tu che siedialIa destra del Padre, abbi oiet di noi. Perch
tu solo il Santo, tu solo ilSignor, tu solo l'Altissimo, Ges Cristo. con lo Spirito Santo:
nella gloria di Dio Padre. Amen.

Co|,|,EITA - O Dio, che in modo mirabile ci hai


creaiia tua immagine, e in modo pi mirabileci
hai rinnovali e redenli, fa' che posiamo condividre la vita divina deltuo Fiqlio. che oaqi ha
voluto assumere la nostra nat-ur umanlEgii
Dio e vive e
A-Amen.

regna...

PRIMA I.EIIURA
seduli
I messaggei. le sentinelle, persino le rovine gi-

clano cli gioia perche aniva il Signorc. Non basta che il Signore annunci la pace, bisoqna che
aliventiamo operatoi cli pace.
Oal libro del profta Isaa (52,7-10)

'Come sono
belli sui monli i pidi del messaggero che annuncia la pace, del messagge-

TEMPO Dt NATALE

ro di buone notizi che annuncia la salvezza,


che dic a Sion: "Bogna il tuo Dio". alJna vocl L tue sentinlle alzano la voce. insieme
esultano. poich vedono con gliocchi ilritorno
del Signore a Sion.
eProrompete insieme in canti di gioia, rovine
diGerusalemme. perch ilSignore ha consolato il suo popolo, ha riscattalo Gerusalemme.
rollSignore ha snudalo ilsuo santo braccio davanii a tutte le nazioni;tutti i confini della terra
vedranno la salvezza del nostro Dio.

fatto anche il mondo.,Eali irradiazione della


sua qloria o impronia della sua soslanza. e tulto slsliene con la sua parola potent.

A - Fndiamo grazl a Dio.

uopo avercompruto ta pufltEazone der peccati, sedette alla destra della maest nell'alto
dei Cieli, 'divenuto tanto Superiore agli anqli
quanto pir eccellente dellorb ilnom;e che-ha
ereditalo. 'lnfatti, a quale degli angeli Dio ha
maidello: "Tu seimiofiolio. oooitiho oenerato"? E ancora: "lo sar-per lI-padre-ed egli
sar prme fiqlio"? Quahdo invbce introduc
ilprimogenito nel mondo, dice: "Lo adorjnotulqliangelidi

(sol97/98,1-6)

A- Rndiamo glaaea Dio.

SAI.MO RESPONSORIATE

Nel bambino di Betlenme si manifestata la

salvezza di Dio e tutti i popoli possono accoglierla ne a lorc vita. Pet questo cantiafio (o
diciamo):

Tutta la tefia ha vedulo la salve2za del


nostro Dio.
1.

li

Dio".

CANTO AI. VANGEI.O

in pi6di

E Alleluia, alleluia, Un giomo santo spuntalo per noi: venite tutti ad adorare il Signore; oggi una splendida luce dscesa sulla terra.
B Alleluia.
VANGETO
ll ptologo dol Vangelo diGiovanni un grandiq
so inno a Gesir Ctisto, liglio di Dio latto uomo. E
Ia nuova crcazione: il Verbo che si la carne
Dio che abita in nezzo a noi. E noi nell'umanit
di Ctisto vediamo k gloia di Dio. il volto del Padte. Saryiafio contemdarc e tacere!

lLI

du-to la sal-vez-za del no - stro Di - o.

Cantate al Signore un canto nuovo, I perch


ha compiuto meraviglie. / Gliha daio vittoia la

sua

destE/e ilsuo braccio

santo.

llSignore ha fatto conoscere la sua salvezza, /


agli occhi delle genti ha rivelato la sua qiustiza. / Egli si rcordato dl suo amore, / della

d'lsraele.

sua fedeft alla casa

Tutti i confini della tena hanno veduto / la vittoria d6l nostro Dio. / Acclami il Signore tutta la
terra, /gridale, esultate, cantate
B

inni!

Cantate innalSignore con la cetra, /con la cetra e al suono di skumenli a corde; / con le
trombe e al suono del como / a@lamate davanti al re, il Signore.
n
SECONDA I.EITURA

Nell'inttuduzione de a lette@ agli Ebrciabbia-

no una stupenda sintesi della stoia della salvezza: dalla crcazione all'elezione di Abramo
e, nella pienezza dei t6mfti, la venuta di Cri

sto. Prla htta carnc


Daila letlera agli Ebrei (1,1-6)
'Dio, che molte volte e in diversi modi ni
tempi anlichi aveva parlato ai padri per mezzo
di profeti, ullimament, ,in questi qiorni, ha
parlalo a noi per mezzo del Figlio, che hastabilito erede dilutte le cose mediant ilquale ha

Oal Vangelo secondo Giovanni (1.1-18)


A - Gloria a i, o Signore.

Foma breve: 1,1-5.9"14


,ln principio era ilVerbo, e ilVeo era presso Dio e ilVerbo era Oio. ,Egli era, in principio,
presso Dio: atLrtto stalo latto per mezzo di lui
e senza di lui nulla stato fatlo di ci che esiste. rln lui era la vita e la vita era la luce degli
uomini;sla Iuce splende nelletenebre e !etenebre non l'hanno vinta.
6venne un uomo mandato da Dio: l suo nome era Giovanni. TEgli venne come testimone

per dare testimonianza alla luce, perch tutti


crdssero per mezzo di lui. sNon era lui la luce, ma doveva dare lestimonianza alla luce.
evniva nelmondo Ia lucevera, quella che illumtna ognr uomo.

,oEra nel mondo e il mondo stato fatio per

mezzo dilui:eppure ilmondo non lo ha riconosciulo. 'rvenne fra suoi, e i suoi non lo hanno
1,4
accolto.

quanli per lo hanno accolto ha da-

lo potere di divenlare figli di Dio: a quelli che


credono nelsuo nome,,ieuali, non da sanoue
n da volre dicame n dd volere diuomo.'ma
da Dio sono statigenerati.
r4 il Verbo si tece carne
e venne ad abitare
in mezzo a noi: e noiabbiamo contmplato la
sua gloria. gloria come del Figlio uniqenito che

vien dal Padre. pieno di grazia e di verit.


''Giovanni gli d testimonianza e proclama:

NATALE DEL SIGNORE . MESSA DEL GIORNO

37

rapporticon il prossimo a mantenere un clima


di armonia di fraternit. Preghiamo.
4. Per la nostra comunit parrocchiale, perch
in questo giorno di Nalale faccia testa firegan-

"Era di lui che io diss: Colui che viene dopo di


me avanti a me, perche era p ma di me".
'6Dalla sua pienezza noi tutti abbiamo ricevuto:
grazia su graza. -Prch la Legge fu data per
mezzo di l\4os, la grazia e la verit vennero
per mezzo diGes Cristo.!rDo, nessuno lo ha
mai visio: il Figlio unignito. ch Dio ed nel
seno del Padre, luiche lo ha rivelalo.
A- Lode
PROTESIONE DI FEDE

Alle parole:
-genullefie.

do e cantando insieme, snza lralasciare l allnzione verso i poveri. le persone anziane e


chi solo. Preghiamo.
lnlenzioni della cohunit locale.

te, o Crislo.

C - Padre, che nel mistero dell lncamazione hai rivelalo agli uomini l'Amore perl'umania, i[umina le
noslre menlie inostn cuon. Donacilagrazia diaccogliere il tuo messagoio di salvezza. Pe. Cristo
noslro signore
A - Amen.

in piedi

e pet opeta dello Spiriio Santo... si

CR00 lN UN 501,0 Dlo, Padr onnipotente,


creatore del cielo edellate[a, ditutle le cose
visibilie invislblll, Crcdo in un soloSignore, Ge'
sir C slo, unigenilo Figlio di Dio. nato dal Padre
prima dilutti i scoli: Dio da Dio, Luce da Luce,
Dio vero da Dio vero, gnrato, non crealo, del-

su

la stessa soslanza dl Padre; per mezzo di luilutie le cose sono state create. Per noi uomini e
per la nostra salvezza discese dal cieb fsi ge,ufletler, e oerooara d6llo SpiriloSantosi incar-

il Pr6ta2io di Nalale tt tlel ln@aione Cnsb


rrg,a ,'urive6o l'rs$le rl ed,, pag, 317).

(Si suggerisce

ANlltoNAALIA C0MUN|o{E - Tuni i popol hanno veduto lo salvezza del nostro Dio.
DOPO l,A CoMUl,lloNE - padre santo e misericoF
dioso, il Salvatore del mondo. che oooi nato e
ci ha rignerati come tuoi figii;ci comi;ichi il dono clella sua vita immortale. PerCisto nostro Si-

gnore.

si pu adattare

pie (72); I cleai narrano (281). Cangedo:7u


scndi dalle stlle (74).

menti di gratitudine al Padre, leviamo con

gioia le nostre preghiere.


Lettore - Prghiamo insieme e diciamo:
A-Ascotlaci, o Signore,
1. Per Ia Chiesa, prch attraverso la lestimonianza di Papa Francesco, dejvescovi, deisacerdoti, dei diaconi e dei laici possa illuminar
e far conoscere ad oqni uomo, Gsi.r Verbo ln'
carnato. Preghiamo.
2. Per le istituzionicivili. perch nelloro impegno a favore delbne comune, contribuiscano

OTTVA DI NTAT.E
(26 dicel]i.be) Lwsia dc p Ore:

pro!ia

ZO S Senb Stalano, protomorrira Fesia (rasso). Signore, Ges xecogi n nio spidto. La morte di SteIa,
no ha signilicaio in quanto Ges iI Dio della yita e
4on dela monF, come tiha mosiraro Ia su rirDrrezione. t 6,8-10.12i ?,54,60; Sa.l 30,3.6e.17.21 ab; Mi

a mantenere viva la speranza pr un futuro

t0,t1-22.

all'insegna di valod autentici. Preghiamo.


3. Perciascun baltzzato, perchcon la disponibilit del cuore riesca nella propria famiglia,
nl lavoro, nella realt associaliva e nei suoi
aa

A- Amen,

PBOPOSTE pEB I CANTII da Repenoio nazionale. Cantipet la Liturgia. Cei/ElleDici 2009. /ni
zio: Ven ite, lcdeli (76)i A Betlemme di ciudea
\65). Salmo responsoialei Modulo: ,,1'A. Bastoni (Auroraj; E.l\r. Beraudo (Giorno)t Bilornello:
Per noi nato 173). Prccessione offertoriale:
Gloria in cielo (68). Comunioner Oggi si com-

C ' Fratelli e sorelle, abbiamo contemplalo la


gloria delVerbo diDio fatto carne. Come tiqlidi
Dio ch credono n6l nome diGesr, con senti-

L OOMEN|CA.
e.,sm
_r
0r73r$r,e.Ee4e2r

in piedi

Signore.

Con il Padre e il Figlio adorato 6 go licato, e ha


parlato per mezzo d6i proleti. Credo la Chiesa,
una, ganla, cattolica e apotolica. Protesso un
solo battesimo per il perdono dei peccali. Aspetio la risurrerione dei morti e la vita del mondo
che ver. Amen,

7
t

0FtERtE

spressione perfetta della nostra fede, e ottenga a tuttigliuomini ildono nalalizio della pace.
Per Cristo nostro
A - Amen.

nalo nel seno d6lla vergine Maria e si fatto uomA, Fu crocifisso per noi sotto Ponzio Pilato,
mor elu sepolto. llterzo qiomo risuscitato, secondo l Sctitture, salilo alcielo, siedealla deslra del Padr. E dinuovover, nellaglora, per
giudicare i vivi e imorti, e ilsuo regno non avr fine. Credo nello Spidto Santo, che Signore e
d la vita, e procd dal Padre e dal Figlio.

PREGHIER DEI FEDETI

.E

C - Ti sia gradito. Signore, queslo sacrificio,

Oiusewe e Ma.rta / C
erenqeLi.td,; S. labiol.!r).|
Sam 1,20-22.24.28i Sal83,2-9.5-6.0-10 cv 3,1-2.21; Lc
127 D Santd. Famicli,o, d,,i Ges,

(5. Giol)o,nni apostolo

ed.

2,4r-621.

absEuotrffi&s pb.bj_.^'M,i@
c

a4a!@n bmqto.G

B,mnm

r@sn E.mi $bn.msr@ssas.i rrt