Sei sulla pagina 1di 4
Pern) roy la Domenica «NESSUN PROFETA E BENE ACCETTO NELLA SUA PATRIA» FELLA prima lettura dea liturga olerna Geremia & post drone alla sua missione di profta: Dio lo ha Scelto fin dal grembo materno. A Tu, come ad op prafe- ta, non sono consent scot riduion: =D’ loo co ee ‘Wondner. A Nazaret, dove era erescluto>, Gest viene ritto, ani cacciato. Anche no, fumed Ges, tao {agi riervamo la stessa sre I suo inseqnamento tol ‘tw speso non colina eon {rst dsideri ole nose ate- st La sua parola domanda conversion, cambio di strate- ‘iad vita. Continua ad essere di brocane attualita Tama- ‘a constatazione di Ges: «Nessuna profeta & bene accetio ‘nella sua patria. Qui non & un qualsasprofetadisprenza {o dai suo, mail Profeta vito da Dio al suo popoo, a ‘ol, Nella sooondalettura VApostlo Paolo net brano della Prima lester al Cori el dica na strada sera por e= sere profetlautentii: quella delf'amore dela cata. Puo- ‘dessa c® solo illusion. Non possiam non far risuona- +e per noile parole di santa Teresa i Gest Bambino: «Nel ‘ore della Chiesa che & mia maar, fo sar Famotes. ‘Mons Domenic @Ambrinn rivcrnemeio dere eo Bale rantere dl monde» Dot he aescurat See at sera. del mond Por evangoicrars a devon meraglars! dt hed ‘aperiavia ong a sme Gomes IMTFOMA PWORSD soe on savy saponins Saragarscarmrnemmerirs Sil tee Speabcc ras Sezer to paome ge Stud es es Seiden continent so ree Cae trt cer mee Sopa cre cere tee Seepcee aeerrtas oe Sea eeeerwes ions Siimrarsoias cuatisatos (Greve spazod ala C- Pieta di noi, Signore. ” ‘A= Contro dite abbiamo pecesto, (C- Mostrac, Signore, la tua misericora ‘A-E donaci la tua salvezza. C= Dio onnipotente abbia misericorda di noi, Perdoni nostr peccati e cl conduca alla vita toma. ‘Re Amen. Signore, pieth A- Signore, pieta. C- Cristo, plot. A--Cristo, pieta. Signore, plat. A- Signore, pieta. Con gi angel @ sant lodiamo la Tinta GLORIA A DIO NELL’ALTO DE! CIELI @ pace in ‘terra agli uomin di buona votonta. No lo- dlamo, ti benediciamo, ti adoriamo, ti glorifi- Cchiamo, trendiamo grazie per la tua gloria im mensa, Signore Dio, Re del cielo, Dio Padre ‘onnipotente. Signore, Figio unigento, Gest. Cristo, Signore Dio, Agnelio di Dio, Figlio {del Padre, tu che ogi peccal del mondo, ab- bi pieta d no: tuche tog | peccati del mon- do, accogli a nostra supplica; tu che sied la destra del Padre, abbpieta dino). Perché ‘tu soleil Santo, tu S001 Signore, tu solo 'Al- tissimo, Gesu Cristo, con lo Spirito Santo: nella gloria di Dio Padre. Amen. IV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO- 11 COLLETTA - Dio grande @ misercordiso, conce: Sia nol tuoi fede adorart con tutaFanima edi ‘amare nostra ela carta del Cust, Egi © Bio, e vive @ ragna conte. ae Amen, (ta coleta denna Cdl Meso. pag 983: C0 Dio, che net proteta accolto dai pagani © ‘ifutat in patria manifest i! dramma delf uma ‘ita che adoalta orespinge la tua salvezza, fa ‘che ella tua Chiesa non venga meno ilcorag- {goa anrunzio mssionaro tel Vangel, Fer Prost Signore Ramen, LITURGIA DELLA PAROLA PRIMA LETTURA sexu E Dio che para aiprotte che inva in missione ‘Anche 1 profeta Geremia noeve questa mission, ‘chenon bo esimera calito 8 dal persecuzone. Dal libro del profeta Geremia (1,4-5.17-19) Ne giom gel re Giosla, ify ryolta questa parola del Signore: "«Prima di formarti nel ‘grembe matero, tino conosciulo, prima che frusciss alla vee, ho consacrato; tho stab\- ito proteta dele nazion|. "Tu, dungue, string la veste a fianch,alzat ed loro tuto cd ene tiordiner non spaventart di fronte afro, at ‘ent saré fo afar paura davant afro. "ed ecco, ogg 0 faccio dite come una ctta fortiieata, una colonna di ferro @ un muro di bronze contro tutto paese, contro ire di Giu- {dae suol capi contra suo! sacerdot I popo- \o.del paese, "i faranno guerra, ma non ti vin ‘ceranno, perché io sono con te per salva. Paria 1 Rename grace a Dio, SALMO RESPONSORLE Gal7071,1-816-17 "Lamia boeca, Signore, Faccontera a tus salvezza, te es oA a rma boc-ea, St go 6 fe ost Fe 3SReSy a bw anlvers nm, Sloe soot, as om Sirsa Pecan tons, Santee Stale ie cl/na morsomre sone Sea re Taare Sa el hie Ds one range nt aap 5 2 SSeitu, mio Signore, la mia speranza, la mia f- ‘ucla, Signor, fn dala mia giovinezza./ Su ci te mi appoggal fn dal grembo matermo, / dal Seno dimia madre settuil mio sostegno. I: ‘La mia bocca racconterala tua gustizia,/ ogni gomelatia sez. /rn dala gowndzza. 9 yo, mi hal isto /¢ ogg} ancora prociamo le tue meravigle, 8 SSECONDA LETTURA Lacarita@ famore che si dona. Paoio atferma ‘che questo amore deve essere a base dela no- Stra ita cistana Dala prima itera a san Paolo apostolo eieodna fest 1230) Fomatrove 14-19 Fratll, "oesicerateitensament casi pid gang, fare mesos vp SiMe 26S paras le tngue gl vor s del ange- ima non ave! aca, sare come bronco She bom o come cial che septa E Se avoss I doo dala protec, se conascessi cimaor oavessi tala conosconea, p05 Seaaus tanta fade Ga rasporae le artagre, tmanon aves cart, ro sre nla. sea. fe Sus co mat ba corso ‘corpo, por avere ver, ma pon aves Car dam srureboe “ta carta ¢ magnanima,benavoa@ a cart: non inrdosa,ho svai, rons genta do0o- revo age fon ion caiceae ‘oyu, non gage detingustia 8 alga da ver eto son to cede, to spre, {ito soppora ‘La carta on aia al ine Us pro {exe sdomparranna Jono coe ingus cessor tla cononconz svar, ets n mado pert ‘Galcaneoag'n ode pero pe: $Zamo.-Wa quando vera co ches proto, ioche eimperotoscorparta Guan er bam ‘modo imperftio, ma alora conoscer® perfetia- mente, come ae sono conoscuto. "Ora dun- re cose a fede, a speran- ‘dla pu gran ute @ la carl Parla 06, 1 Renaame grane a Dio. CANTO ALVANGELO — (1c4.16) inp 1 Alleluia, allelula. 1 Signore miha mandato a ‘i pover! I Helo annunco, a prociamare Eiprigionienia iberazione. Paliluta. ‘ANGELO Gost é riftato dai suol compaesani ai quali rieorda Vartica benevolenza di Dio per una we welacar ‘TEMPO ORDINARIO vvedova fenicia ea un generale siriano. Nien- te perd ostacolera Gesu nella sua missione. Dal Vangelo secondo Luca (4,21-30) A. Gloria a te, o Signore, In quel tempo, Gest “comico a cre nel sinagoga: «Ogg! 6 compluia questa Sent: fa.che voi avete ascotato-. “Tutt gi davano {esimonianza ed erano meravighal dale pa Tole di grazia che useivano dal sua bocca © Gicovano: «Non & costul figio at Glusep- pe? "hla gh ispese loro: “Certamente Voi Ini ciorete questo proverbo: Medico, curate Stosso, Quanto abbiamo usto che accadse @ Eafamao,fallo anche qui, nal ta patra» "Pol agglunse: ln vert 1 vi dco: nessun profela ® bene accetia nalla sua patna, "Anz Invert iv dco: c'erano mote vedove in ISrace al ompo a Ea, quando I lla chr oper te anne sei mes ecrfu una grande ca ‘esta in tuto passe, "ma a nessina e880 {Grmandato Ella, enon a una vedova & Sa ropia 6 Sisdne "7Cerano mal lebbrosnlraoe al emp dl profeta Eso: ma nessuna deo fu prea, Ee non Naaman i So», "Aur quocta cose {ut nea snagoga somone dt Sdegn9. SI Alzarono oo caeearos uo cata tas con ussero tn sul igo dl mont, sl qua ra co. Strulala loro ota per gotaro ua eg, pas- Sando in mezzo ao: mien cami Parle el Signor. Lode t,o Cristo, PROFESSIONE DI FEDE pied ‘OREDO IN UN SOLO DIO, Padre onnipotente, redo ‘rare, Geau Crt, unigento Figo sO, {Pda Base prima ut | aecok Dio da Dio, Luce da Luce, Die vero da Dio vero, gener {o,non ereao, eta stesea sosanea Gel Pa Star por mezzo oi tute le cose somo stats Greate. Per nol uomini e per ia nostra sal- Vezza disceve dal tele. fs china iicapo) 6 Der opera dato Spinto Sano s1¢ ncarato nl Sono gala Verge Mara oi fag uomo. Fu Srociiag per nal aot Ponzio Plat, mo- fu sepoto. orzo gomo erausctto oe. Gondo fe Sartre, & alto al eielo,slede ‘entra del Padre € si nuovo Glota, per gludeare | vive mort, @ sup ro ro neh asta tne. Cred nell Spiro San: fo, che 8 Signore eda a vita, procede dai me da Figs, Con iFigio® dorato © glorieato,« ha partato por mezzo derproes Grego Chiesa, una, santa. {olga apostoies Protesio i sca bates tho pert perdono de! peceat Aspetto, $tione del mort a det nono IV DOMENICA PREGHIERA DEI FEDEL! sipun ono G-- Fratelo srl, sospint da quella carta Che tutto erede, tuto spera e tutto soppora, praghiamo gi ut per alla porch in age Eostanza dela vis possi sentre la presen. 22.00 Signore che salva | Uniamo le neste voc dicende insiome: A- Signore dela vita, ascoltac. 1. Per Papa Francesco e per uti pastor dele omnia cristiano sparse nel mondo, porches nessunafatica odetusone aftovotsca llr ir pegno nlf annuneare 1 Vangel, preghiamo: 2. Per tutti Bambini che saffacciano ala sto- fia di questo mend, perce siano acco con ‘amore 9 non daboarie porta ipso dele no. Stott oredta. proghiame 3. Per quant sono privat dei oro att pit car ® vivono nalasoituine © nelfemarginazione, Berché poscane conoscere la forza rsanatice Sal Vangao, preghiamo 4, Per nol e per le sire familie, perché oi fronte ale quoidane aficota, maid vnga a ‘mancare alee dla fede, conforto dela spe- ‘anza el sostogno dela ratoma carta, re- shame: Intenzion deta comunit locale -- Pade buon, sorgente dei vit, f' che la {ua para acct noi ost euon, pot ruth abs Bena Savers porn por a Chiesa © peril mondo intro, Bor Crstonosto Signore. Amen, MeN SULLE OFFERTE in pi - Accogl con bot, 0 Signore quest oni che foo apo cant degonino slats 8 {rasta sacamenio. cavezza Per nce neste Snore Ae Amen ‘Siegert Peele torerte 9. soe ANTIFONA ALLA COMUNIONE Oggi si @ adompluta la Scrttura che voi avete atta gon! vost orecchin. (Le'425) OPO LA COMUNIONE- © Di, en nal nt ala ue mens. che po ia aso a, sogen nsenurbe dl aheasa ia "feds esenga tno conn dala tia, Borie noato Sorere, ‘amen PROPOSTE PERI CANTI: da Nata casa Pa seeeoe i ees tome Bo Wek Pars trl Slama cn) Perse Ae ih) a pa pl ittten ats) are ol (5) ngs Ome eta ao 15 53