Sei sulla pagina 1di 3

1

Ovidio

(43 a.C. 17 d.C.)

Ovidio uno dei maggiori poeti dellet augustea e dellintera latinit per il modo in cui ha
affrontato e rinnovato i generi letterari pi diversi. Ha esercitato la sua influenza letteraria per secoli
tramandando alla tradizione occidentale un ricco bagaglio di immagini, miti e storia in opere di
eccezionale valore, che grazie al suo stile armonioso e allironia sottile e discreta riescono ancora ad
esercitare un fascino straordinario sul lettore moderno.

VITA
Publio Ovidio Nasone nacque a Sulmona, nellattuale Abruzzo, da agiata famiglia equestre, il 20
marzo del 43 a.C.
Frequent le migliori scuole di retorica a Roma ed in vista della carriera forense e politica complet
i suoi studi in Grecia. Al suo ritorno decise per di abbandonare la strada politica per dedicarsi alla
poesia ed entr nel circolo di Messalla Corvino.
Nell8 a.C., allapice del successo e raggiunta la serenit coniugale con la terza moglie, Ovidio fu
condannato da Augusto alla relegazione (a differenza dellesilio non comportava la perdita dei beni
e della cittadinanza) a Tomi, probabilmente per il suo coinvolgimento in uno scandalo di adulterio
che coinvolse la nipote di Augusto, Giulia.
Lautore mor a Tomi nel 17 a.C.

OPERE
Le opere del periodo giovanile si inseriscono nella tradizione della poesia elegiaca:
- Amores, il suo esordio letterario pubblicato dopo il 20 a.C., era una raccolta di elegie in tre
libri alla maniera di Tibullo e Propezio
- Heroides, pubblicate tra il 15 a.C. e l8 a.C., costituivano una raccolta di lettere poetiche in
distici elegiaci indirizzate dalle protagoniste del mito greco ai loro amanti
Nel periodo tra il 12 a.C. e l8 a.C. fu pubblicata:
- Medea, una tragedia (perduta) che riscosse grande successo
Tra l11 a.C. e l 1 d.C. si colloca la pubblicazione di:
- Ciclo di tre poemetti erotico-didascalici in distici elegiaci, che impartiscono precetti e
consigli utili in materia damore
- LArs Amatoria in tre libri, due contenenti precetti damore indirizzati agli uomini ed uno
alle donne
- I Remedia Amoris sui modi per liberarsi dalla passione damore
- I Medicamina faciei femineae, sui cosmetici delle donne
Negli anni successivi, tra il 2 e l8 d.C. Ovidio abbandon la poesia elegiaca per un genere pi
impegnato:
- Le Metamorfosi, grande poeta epico in quindici libri in cui vengono narrati gran parte dei
miti tradizionali
- I Fasti, che sarebbe dovuto essere un calendario poetico in distici elegiaci, mai concluso per
via della relegazione
Durante il periodo di relegazione:
- Tristia, poesie tristi in distici elegiaci
- Epistulae ex Ponto, ovvero Lettere dal Mar Nero in quattro libri

GLI AMORES
Gli amores costituiscono una raccolta di elegie di soggetto amoroso, che mostra chiaramente
linfluenza dei grandi poeti elegiaci, Tibullo e Propezio.
Accanto alla sfera della tradizione si avvertono per anche tratti nuovi, caratterizzanti lelegia
ovidiana:
- Manca una figura femminile che costituisca il centro dellopera e della vita del poeta
- La sofferenza caratterizzante le poesie elegiache si stempera e si banalizza
- La coscienza letteraria del poeta acquista peso e rivendica la propria centralit nella vita di
questultimo

LA TRILOGIA EROTICO DIDASCALICA


La trilogia erotico-didascalica composta dai tre libri dellArs Amatoria, del Remedia Amoris e
della Medicamina faciei femineae, che affrontano il tema amoroso da un punto di visto pi
distaccato.
Lamore visto come un gioco galante, un divertimento che va soggetto ad un corpus di regole
proprie, a un codice etico-estetico che quello ricavabile dallelegia erotica latina.
LArs Amatoria unopera in distici elegiaci suddivisa in tre libri che impartisce consigli agli
uomini su come conquistare le donne (libro I) e su come conservarne lamore (libro II). Alle donne
impartisce consigli su come conquistare gli uomini (libro III).
La figura del perfetto amante si caratterizza per i suoi tratti di disinvolta spregiudicatezza nei
confronti della morale tradizionale, specialmente nella sfera delicata delletica sessuale e
matrimoniale. In realt il carattere libertino puramente esteriore, e leros ovidiano perde ogni
velleit di ribellione contro la morale romana.
Il poeta tenta di delineare al suo eros uno spazio ristretto, al di fuori della societ rispettabile. Inoltre
esalta i valori della modernit e laccettazione entusiastica dello stile di vita della scintillante Roma
Augustea.
La Medicamina faciei femineae un poemetto di cui ci sono arrivati solo 100 versi, che invita le
donne a truccarsi (in contrasto con ci che dice la morale romana) e fornisce alcuni trucchi di
conquista basati sullestetica.
I Remedia amoris insegnano come liberarsi dallamore, di cui non si pu restare schiavi se questo
comporta sofferenza.

LE HEROIDES
Le Heroides costituiscono una raccolta di lettere poetiche: la prima serie (da 1 a 15) scritte da eroine
del mito greco ai loro amanti lontani; la seconda serie (15-21) scritte da tre innamorati
accompagnate dalla risposta della rispettiva amata.
Le varie lettere mantengono tutte lo stesso modello del lamento della donna amata: disperazione
delleroina, invocazione del ritorno dellamato, esortazione a mantenere fede alle promesse. Un
altro tratto rilevante lampio spazio concesso ai toni patetico-tragici, che esprimo la condizione
infelice della donna lasciata sola dal marito/amante lontano.
Le eroine soffrono per il loro abbandono, ma la cosa che le accomuna che sono donne. Pertanto,
lopera di riscrittura di Ovidio sposta la prospettiva dando voce alla donna e alle sue ragioni.

LE METAMORFOSI
E un poema epico-mitologico composto da 15 libri, che segue lo schema dellesametro, e tratta
della narrazione dei miti metamorfici, cio implicati in una trasformazione.
La divisione :
- Libri I-X miti metamorfici di dei ed eroi, esposti in ordine cronologico partendo dalle origini
del mondo
- Libro XI cerniera dal mito alla storia: con il racconto delle nozze di Peleo e Teti si
introducono alcuni personaggi coinvolti nella guerra di Troia
- Libri XII-XIII la guerra di Troia
- Libri XIV-XV il Lazio e Roma, fino allapoteosi di Giulio Cesare e allelogio di Augusto
(Vedi diapo, sono pi chiare)