Sei sulla pagina 1di 6

PER LA SETTIMANA 32 ORDINARIO B

Traccia commento Mt 5,3

Palare
di
contributi
ed
elemosine alla Chiesa oggi diventa
un p problematico e delicato per le
notizie (tutte da provare comunque)
che circolano in questi giorni.
Nasce scetticismo e sospetto,
dubbio e sfiducia. Il rammarico e lo
sconcerto di chi crede profondo e
in fondo al cuore spera che non sia
vero, almeno non tutto.
Chi crede ha per la certezza
che lo sguardo di Cristo si posa su di lui, non guarda le sue
mani o il tintinnio delle monete, ma penetra i segreti del suo
cuore. Chi crede forse non sa dove andr a finire il denaro
donato, non sa a cosa servir, ma il suo gesto, piccolo o
grande che sia, non sfugge allo sguardo di Dio, come il gesto
di quella vedova del Vangelo che non fa notizia, ma penetra
l'animo di Ges imprimendolo nel suo cuore.
Ed qui l'insegnamento del Vangelo: la piccolezza
diventa grandiosit, l'insignificante importante, la povert si
trasforma in abbondanza e i due spiccioli nel tesoro del
regno dei cieli. E i nostri calcoli umani vanno a farsi
benedire. Troppo spesso valutiamo e quotiamo le persone in
base ai soldi. E creiamo disuguaglianza, creiamo
sperequazione che diventa inevitabilmente ingiustizia
sociale, prepotenza e sopraffazione. Come gli scribi del
Vangelo di oggi: "Guardatevi dagli scribi - leggiamo - che

amano passeggiare in lunghe vesti, ricevere saluti nelle


piazze, avere i primi seggi nelle sinagoghe e i primi posti nei
banchetti. Divorano le case delle vedove e pregano a lungo
per farsi vedere. Essi riceveranno una condanna pi severa".

Il messaggio di Cristo non mettersi in primo piano


ma all'ultimo, non mettersi al centro ma nascondersi in
periferia. E' donare al Signore tutta la vita per i fratelli. E
questa nostra vita potr valere due spiccioli, ma diventa
ricchezza inestimabile e preziosa se data per dono.
Il GRAZIE
Uninsegnante chiese agli scolari della sua prima elementare di
disegnare qualcosa per cui sentissero di ringraziare il Signore.
Pens quanto poco di cui essere grati in realt avessero quei
bambini provenienti da quartieri poveri.
Ma sapeva che quasi tutti avrebbero disegnato dolci o tavole
imbandite. Linsegnante fu colta di sorpresa dal disegno
consegnato da Tino: una semplice mano disegnata in maniera
infantile.
Ma la mano di chi?
La classe rimase affascinata dallimmagine
astratta.
Secondo me la mano di Dio che ci porta
da mangiare disse un bambino. Un
contadino disse un altro perch alleva i
polli e le patatine fritte.
Mentre gli altri erano al lavoro, linsegnante
si chin sul banco di Tino e domand di chi fosse la mano.
E la tua mano, maestra mormor il bambino.
Si ramment che tutte le sere prendeva per mano Tino e lo
accompagnava alluscita.
Lo faceva anche con gli altri bambini, ma per Tino voleva dire
molto.

PREGHIAMO
CON LA
CHIESA
Ascoltaci o
Signore

Per la Chiesa, perch,


annunciando al mondo
la speranza cristiana
indichi a tutti la via
verso la casa di Dio.
Per tutti coloro che
sono nell'abbondanza
dei beni, perch non si
chiudano in una
fredda vita egoistica
ma aprano il cuore al
calore di una fraterna
condivisione
Per tutti i battezzati,
affinch riscoprano la
vocazione missionaria
della Chiesa e con la
loro vita, siano
messaggeri convinti e
credibili del Vangelo di
Ges
Per ognuno di noi,
perch si lasci salvare
da Ges accettando
linvito a partecipare

AL MATTINO

PREGHIAMO AL MATTINO
Ti adoro mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi
I SALMI
Ti adoroCON
mio Dio
e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi

creato, fatto cristiano e conservato in questa notte. Ti offro le azioni


creato, fatto cristiano e conservato in questa notte. Ti offro le azioni
della giornata: fa che siano tutte secondo la tua santa volont e per la
della giornata: fa che siano tutte secondo la tua santa volont e per la
maggior tua gloria. Preservami dal peccato e da ogni male. La tua
Abiter
per sempre
maggior
tua gloria.
Preservami dal peccato e da ogni male. La tua
grazia sia sempre con me e con tutti i miei cari. AMEN
grazia sia
sempre
con me
nella
casa
dele con tutti i miei cari. AMEN

Signore

ALLA SERA
ALLA SERA
Ti adoro mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi
Ti adoro
mio
Dio
e
ti
amo
il cuore. Ti ringrazio di avermi
Il Signore
miocon tutto
creato, fatto
cristiano eil conservato
in questo giorno. Perdonami il
creato,
fatto cristiano
e conservato in questo giorno. Perdonami il
pastore:
non
manco
male che
oggi ho
commesso
e, se qualche bene ho compiuto,
male di
chenulla.
oggi Su
ho pascoli
commesso e, se qualche bene ho compiuto,
accettalo. Custodiscimi nel riposo e liberami dai pericoli. La tua
accettalo. erbosi
Custodiscimi
nel riposo e liberami dai pericoli. La tua
grazia sia sempre
conmi
mefae con tutti i miei cari. AMEN
riposare,
grazia sia sempre con me e con tutti i miei cari. AMEN
ad acque tranquille
mi conduce.
Rinfranca lanima
LA PAROLA DEL PAPA
mia.
Mi guida per il
giusto cammino a
motivo del suo
nome. Anche se
vado per una valle
oscura, non temo
alcun male, perch
tu sei con me. Il tuo
bastone e il tuo
vincastro
mi danno sicurezza.
Davanti a me tu
prepari una mensa
sotto gli occhi dei
miei nemici. Ungi di
olio il mio capo; il
mio calice
trabocca.

Durante il suo cammino


nella storia, la Chiesa
tentata dal maligno,
che cerca di dividerla,
e purtroppo stata
segnata
da
separazioni gravi e
dolorose.
Sono
divisioni che a volte
si sono protratte a lungo nel
tempo, fino ad oggi, per cui
risulta
ormai
difficile
ricostruirne
tutte
le
motivazioni e soprattutto
trovare
delle
possibili
soluzioni. Le ragioni che
hanno portato alle fratture e
alle separazioni possono
essere le pi diverse: dalle

divergenze su principi dogmatici e morali e su concezioni


teologiche e pastorali differenti, ai motivi politici e di
convenienza, fino agli scontri dovuti ad antipatie e
ambizioni personali Quello che certo che, in un modo
o nellaltro, dietro queste lacerazioni ci sono sempre la
superbia e legoismo, che sono causa di ogni disaccordo e
che ci rendono intolleranti, incapaci di ascoltare e di
accettare chi ha una visione o una posizione diversa dalla
nostra
elaborazione del portale www.graficapastorale.ita