Sei sulla pagina 1di 32

MOVIMENTO FORENSE

MOVIMENTO FORENSE

SEZIONE DI PADOVA-VICENZA

DIPARTIMENTO GIUSTIZIA TELEMATICA

BREVE GUIDA
ALLE NOTIFICHE VIA PEC
DEGLI AVVOCATI
in collaborazione con

forotelematico.it
e

RADIOTRIBUNALE

a cura dell'Avv. Edoardo Ferraro

MOVIMENTO

FORENSE

Sezione di Padova-Vicenza

Dipartimento Giustizia Telematica

PREMESSA
La presente guida vuole essere un agile manuale per aiutare i colleghi ad affrontare una
delle maggiori novit degli ultimi tempi in tema di Giustizia Telematica, ovvero le
notifiche a mezzo PEC.
Poich in molti casi le situazioni vengono confuse, si deve ricordare che NON vi alcun
obbligo di effettuare una notifica via PEC (al contrario di quanto ormai vige in tema di
processo civile telematico per il deposito degli atti processuali delle parti costituite),
restando questa modalit di notificazione una mera opportunit, che si affianca alle
notifiche a mezzo ufficiale giudiziario e a quelle in proprio a mezzo posta.
Inoltre, deve considerarsi che alcune notifiche non potranno comunque effettuarsi via
PEC (ad esempio ai privati), visto che la normativa impone alcune restrizioni alla
possibilit di utilizzo di questo mezzo.
Va detto, per, che tale modalit di notificazione presenta indubbi vantaggi rispetto alla
notifica a mezzo ufficiale giudiziario, o a quella via posta in proprio:
1. La velocit: sia nell'invio che nella ricezione delle ricevute, che pressoch
immediata.
2. I costi: non vi pi alcun costo di notifica.
3. Il risparmio di costi anche con le copie autentiche (sia in caso di copia di atto
presente nel fascicolo telematico, sia in caso di copia scansionata di originale
cartaceo, delle quali ne serve solo una).
4. Una maggior percentuale di successo (salvo nel caso di caselle di posta piene o
dismesse).
5. Immediata certezza di esito positivo o negativo.
6. Niente code in posta o all'UNEP.
7. possibile ad ogni ora (anche se rimane per le notifiche via PEC la normativa
generale, per cui la notifica effettuata dopo le 21.00 si intende fatta alle 7.00).
Quindi, ove utilizzabile, appare certamente conveniente far uso della facolt di notifica
a mezzo PEC, che peraltro ben si accompagna alle nuove disposizioni del DL 90/14,
convertito in Legge 114/14, in tema di potere di autentica degli avvocati (che rende
molto pi rapido l'ottenimento delle copie conformi).
Sperando che tutto ci vi sia utile.
Avv. Edoardo Ferraro
[CLICCATE QUI PER ACCEDERE DIRETTAMENTE AL SOMMARIO CON LINK IPERTESTUALI]
3
a cura dell'Avv. Edoardo Ferraro

MOVIMENTO
Sezione di Padova-Vicenza

FORENSE
Dipartimento Giustizia Telematica

I RIFERIMENTI NORMATIVI
I riferimenti normativi essenziali in tema di notifiche via PEC sono la Legge 53/1994
(relativa alle notifiche in proprio), ed il DM 44/2011 (concernente le regole tecniche in
tema di giustizia telematica).
Analizzando la Legge 53/1994, si devono ricordare i seguenti articoli, che forniscono le
indicazioni fondamentali per procedere alla notifica in via telematica:
Articolo 3-bis
1. La notificazione con modalit telematica si esegue a mezzo di posta elettronica certificata
allindirizzo risultante da pubblici elenchi, nel rispetto della normativa, anche regolamentare,
concernente la sottoscrizione, la trasmissione e la ricezione dei documenti informatici. La
notificazione pu essere eseguita esclusivamente utilizzando un indirizzo di posta elettronica
certificata del notificante risultante da pubblici elenchi.
2. Quando latto da notificarsi non consiste in un documento informatico, lavvocato provvede
ad estrarre copia informatica dellatto formato su supporto analogico, attestandone la
conformit alloriginale a norma dellarticolo 22, comma 2, del decreto legislativo 7 marzo
2005, n. 82. La notifica si esegue mediante allegazione dellatto da notificarsi al messaggio di
posta elettronica certificata.
3. La notifica si perfeziona, per il soggetto notificante, nel momento in cui viene generata la
ricevuta di accettazione prevista dallarticolo 6, comma 1, del decreto del Presidente della
Repubblica 11 febbraio 2005, n. 68, e, per il destinatario, nel momento in cui viene generata la
ricevuta di avvenuta consegna prevista dallarticolo 6, comma 2, del decreto del Presidente
della Repubblica 11 febbraio 2005, n. 68.
4. Il messaggio deve indicare nelloggetto la dizione: notificazione ai sensi della legge n. 53
del 1994.
5. Lavvocato redige la relazione di notificazione su documento informatico separato,
sottoscritto con firma digitale ed allegato al messaggio di posta elettronica certificata. La
relazione deve contenere:
a) il nome, cognome ed il codice fiscale dellavvocato notificante;
b) gli estremi del provvedimento autorizzativo del consiglio dellordine nel cui albo iscritto;
c) il nome e cognome o la denominazione e ragione sociale ed il codice fiscale della parte che
ha conferito la procura alle liti;
d) il nome e cognome o la denominazione e ragione sociale del destinatario;
e) lindirizzo di posta elettronica certificata a cui latto viene notificato;
f) lindicazione dellelenco da cui il predetto indirizzo stato estratto;
g) lattestazione di conformit di cui al comma 2.
6. Per le notificazioni effettuate in corso di procedimento deve, inoltre, essere indicato lufficio
giudiziario, la sezione, il numero e lanno di ruolo.
Articolo 6
1. L'avvocato o il procuratore legale, che compila la relazione o le attestazioni di cui agli articoli
3, 3-bis e 9 o le annotazioni di cui allarticolo 5, considerato pubblico ufficiale ad ogni effetto.
2. Il compimento di irregolarit o abusi nell'esercizio delle facolt previste dalla presente legge
costituisce grave illecito disciplinare, indipendentemente dalla responsabilit prevista da altre
norme.
4
a cura dell'Avv. Edoardo Ferraro

MOVIMENTO
Sezione di Padova-Vicenza

FORENSE
Dipartimento Giustizia Telematica

Articolo 8
1. L'avvocato o il procuratore legale, che intende avvalersi delle facolt previste dalla presente
legge, deve munirsi di un apposito registro cronologico, il cui modello stabilito con decreto
del Ministro della giustizia, sentito il parere del Consiglio nazionale forense.
2. La validit del registro di cui al comma 1 subordinata alla previa numerazione e
vidimazione, in ogni mezzo foglio, da parte del presidente del consiglio dell'ordine nel cui albo il
notificante iscritto, o da un consigliere all'uopo delegato, previa l'autorizzazione di cui
all'articolo 7.
3. Ogni notificazione eseguita ai sensi della presente legge annotata dal notificante,
giornalmente, sul registro cronologico, insieme alle eventuali annotazioni previste dagli articoli
precedenti.
4. Il registro cronologico di cui al comma 1 pu essere costituito da moduli continui vidimati uso
computer.
4-bis. Le disposizioni del presente articolo non si applicano alle notifiche effettuate a mezzo
posta elettronica certificata.
Articolo 9
1. Nei casi in cui il cancelliere deve prendere nota sull'originale del provvedimento
dell'avvenuta notificazione di un atto di opposizione o di impugnazione, ai sensi dell'articolo
645 del codice di procedura civile e dell'articolo 123 delle disposizioni per l'attuazione,
transitorie e di coordinamento del codice di procedura civile, il notificante provvede,
contestualmente alla notifica, a depositare copia dell'atto notificato presso il cancelliere del
giudice che ha pronunciato il provvedimento.
1-bis. Qualora non si possa procedere al deposito con modalit telematiche dell'atto
notificato a norma dell'articolo 3-bis, l'avvocato estrae copia su supporto analogico del
messaggio di posta elettronica certificata, dei suoi allegati e della ricevuta di accettazione e
di avvenuta consegna e ne attesta la conformit ai documenti informatici da cui sono tratte
ai sensi dell'articolo 23, comma 1, del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82.
1-ter. In tutti i casi in cui l'avvocato debba fornire prova della notificazione e non sia
possibile fornirla con modalit telematiche, procede ai sensi del comma 1-bis.

Altro riferimento importante il decreto ministeriale n. 44 del 2011, che detta le regole
tecniche in ordine al processo civile telematico e, pi in generale, in relazione alla
giustizia telematica.
In particolare va ricordato l'art. 18, che prevede quanto segue:
Articolo 18
Notificazioni per via telematica eseguite dagli avvocati
1. L'avvocato che procede alla notificazione con modalit telematica ai sensi dell'articolo 3-bis
della legge 21 gennaio 1994, n. 53, allega al messaggio di posta elettronica certificata
documenti informatici o copie informatiche, anche per immagine, di documenti analogici privi
di elementi attivi e redatti nei formati consentiti dalle specifiche tecniche stabilite ai sensi
dell'articolo 34.
2. Quando il difensore procede alla notificazione delle comparse o delle memorie, ai sensi
dell'articolo 170, quarto comma, del codice di procedura civile, la notificazione e' effettuata
mediante invio della memoria o della comparsa alle parti costituite ai sensi del comma 1.
3. La parte rimasta contumace ha diritto a prendere visione degli atti del procedimento tramite
accesso al portale dei servizi telematici e, nei casi previsti, anche tramite il punto di accesso.
5
a cura dell'Avv. Edoardo Ferraro

MOVIMENTO
Sezione di Padova-Vicenza

FORENSE
Dipartimento Giustizia Telematica

4. L'avvocato che estrae copia informatica per immagine dell'atto formato su supporto
analogico, compie l'asseverazione prevista dall'articolo 22, comma 2, del codice
dell'amministrazione digitale, inserendo la dichiarazione di conformit all'originale nella
relazione di notificazione, a norma dell'articolo 3-bis, comma 5, della legge 21 gennaio 1994,
n. 53.
5. La procura alle liti si considera apposta in calce all'atto cui si riferisce quando e' rilasciata su
documento informatico separato allegato al messaggio di posta elettronica certificata
mediante il quale l'atto e' notificato. La disposizione di cui al periodo precedente si applica
anche quando la procura alle liti e' rilasciata su foglio separato del quale e' estratta copia
informatica, anche per immagine.
6. La ricevuta di avvenuta consegna prevista dall'articolo 3-bis, comma 3, della legge 21
gennaio 1994, n. 53 quella completa, di cui all'articolo 6, comma 4, del decreto del Presidente
della Repubblica 11 febbraio 2005, n. 68.

Dati questi riferimenti, andiamo a vedere nello specifico i requisiti necessari ed i


passaggi da effettuare per procedere alla notifica in via telematica, a mezzo PEC.

6
a cura dell'Avv. Edoardo Ferraro

MOVIMENTO
Sezione di Padova-Vicenza

FORENSE
Dipartimento Giustizia Telematica

I REQUISITI PER LA NOTIFICA IN VIA TELEMATICA


Affinch si possa procedere ad una notifica telematica, da effettuarsi via posta
elettronica certificata, occorre avere:

Un indirizzo PEC (del notificante) che risulti da pubblici elenchi (nel caso degli
avvocati il Reg.Ind.E., i cui dati sono riservati nell'INIPEC).
Importante ricordare che solo un indirizzo PEC per ogni professionista pu
essere inserito in questi registri: anche se se ne possiedono due, solamente
quello comunicato all'Ordine di appartenenza (e da questo al Ministero per
l'iscrizione nel Reg.Ind.E.) pu essere utilizzato.
La procura alle liti (previa o contestuale).
Un indirizzo PEC (del destinatario) tratto da pubblici elenchi.
Un dispositivo di firma digitale valido.

Fino al D.L. 90/2014, convertito con Legge 114/2014, era necessario avere anche
l'autorizzazione alla notifica degli atti in proprio, rilasciata dall'Ordine degli Avvocati di
appartenenza.
Tale requisito stato eliminato dall'art. 46 del predetto provvedimento, creando una
prima distinzione tra le notifiche in proprio dell'avvocato cartacee e quelle
telematiche.

****

GLI ATTI NOTIFICABILI IN VIA TELEMATICA


Gli avvocati possono notificare due categorie di atti, facenti riferimento al D.L. 93/2005,
ovvero il Codice dell'Amministrazione Digitale (CAD).
1. Documenti Informatici (Art. 21 CAD)
Sono gli atti creati direttamente in forma elettronica, ovvero gli atti c.d. nativi
digitali, che nella pratica non verranno mai stampati ma resteranno sempre nel
sistema informatico sotto forma di file.
Ad oggi abbiamo due tipologie di documenti informatici.
1.1. I primi sono gli atti creati direttamente dagli avvocati, come gli atti di
citazione o i precetti.
Per predisporre latto in forma elettronica si dovr:
redigerlo con il programma di videoscrittura (Word, Writer di
OpenOffice, LibreOffice, ecc);
7
a cura dell'Avv. Edoardo Ferraro

MOVIMENTO
Sezione di Padova-Vicenza

FORENSE
Dipartimento Giustizia Telematica

convertirlo in formato PDF (attraverso i comandi SALVA COME PDF o


ESPORTA COME PDF presenti nel programmi di videoscrittura, ovvero a
mezzo stampanti virtuali come PDFCreator);
firmarlo digitalmente con il token USB ed apposito software di firma.
1.2. Il secondo tipo di atti conseguenza dell'art. 52 del D.L. 90/2014,
convertito con Legge 114/2014, che modifica l'art. 16 bis comma 9 bis del D.L.
179/12 e consente agli avvocati di estrarre copia degli atti presenti nei fascicoli
telematici (ex lege equivalenti all'originale) ed autenticare gli stessi.
Per estrarre l'atto bisogner:
accedere al fascicolo telematico tramite il SICID (Sistema Informativo
Contenzioso Civile Distrettuale) o il SIECIC (Sistema Informativo
Esecuzioni Civili Individuali e Concorsuali) utilizzando la propria suite per
PCT (Consolle Avvocato, Service1, Quadra, Cliens, ecc);
effettuare il download del documento informatico;
salvare il file senza modificare nulla, nemmeno il nome, al fine di evitare
che di alterare la sequenza di byte del file stesso (requisito inserito in
sede di conversione del D.L. 90/2014 per garantire la conformit delle
copie dei file);
redigere nella relata di notifica la formula di autentica ai sensi dell'art. 16
bis comma 9 bis del D.L. 179/2012.

Un terzo atto nativo digitale potrebbe essere la copie autentica fornita dagli uffici
giudiziari (come ad esempio le copie di decreti ingiuntivi o sentenze in forma
esecutiva) che ad oggi vengono rilasciate solamente in formato cartaceo.
2) Copie informatiche di atti in origine formati su supporto analogico (art. 22 CAD)
In questo caso si tratta di procedere con la scansione di atti cartacei provenienti da
terzi.
Per notificare un atto cartaceo altrui si dovr:
scansionarlo in un unico file PDF immagine;
asseverarlo come conforme all'originale ai sensi dell'art. 22 comma 2
CAD inserendo la dichiarazione di autentica nella relata di notifica, ai
sensi dell'art. 18 comma 4 DM 44/2011.
Si ritiene opportuno specificare come, ad oggi, vi siano orientamenti di tipo diverso in
merito alle modalit di autenticazione sia degli atti estratti dai fascicoli telematici ai
sensi dell'art. 16 bis comma 9 bis D.L. 179/2012, che delle copie foto-riprodotte di
originali cartacei ai sensi dell'art. 22 CAD.
Se le nuove normative sembrano propendere per una mera formula di autentica
nella relata di notifica, vi chi ritiene che gli stessi atti notificati debbano essere
sottoscritti digitalmente per autentica. Ove si ritenesse di aderire a questo secondo
orientamento, si consiglia di firmare l'atto in formato CAdES (busta crittografata), al
8
a cura dell'Avv. Edoardo Ferraro

MOVIMENTO

FORENSE

Sezione di Padova-Vicenza

Dipartimento Giustizia Telematica

fine di mantenere comunque il file PDF all'interno della busta inalterato.


Un terzo orientamento consiglia di notificare una copia degli atti firmata
digitalmente e una non firmata.

****

LA PROCURA ALLE LITI


Potrebbe essere necessario allegare la procura alle liti, nel caso essa non sia in atti.
Il caso tipico quello dell'atto di citazione o dell'atto di appello.
Non andr, invece, allegata (o comunque non necessaria) in caso di notifica di
sentenza o decreto ingiuntivo, laddove la sussistenza della procura gi certificata dal
contesto del procedimento nel quale si procede.
In caso di allegazione, la procura dovr essere speciale, e cio menzionare latto da
notificare e si dovr considerare come apposta in calce a tale atto.
La Procura potr essere:
1) un documento informatico sottoscritto con firma digitale dal cliente.
2) copia informatica della procura sottoscritta su supporto cartaceo dal cliente ed
autenticata dallavvocato su carta, che andr poi ulteriormente autenticata con firma
digitale dallavvocato (doppia autentica).

****

LA RELATA DI NOTIFICA
La relata di notifica dovr essere un documento informatico, preparato con
videoscrittura, convertito in formato PDF e firmato digitalmente.
Non sono consentite scannerizzazioni di documenti cartacei.
Avr un contenuto minimo essenziale, sempre presente (simile a quello di una
normale relata).
Potr avere ulteriori contenuti eventuali comunque obbligatori secondo le circostanze,
come:
l'indicazione del procedimento (con relativo Ufficio, giudice, sezione e ruolo),
se gi incardinato;
l'attestazione di conformit se si notificano copie informatiche di atti
originariamente formati su supporto analogico (cartacei), ai sensi dell'art. 3 bis
Legge 53/1994 (NOTA IMPORTANTE: cfr. Appendice su D.P.C.M. 13/11/2014);
l'attestazione di autentica degli atti estratti dai fascicoli telematici, che hanno
9
a cura dell'Avv. Edoardo Ferraro

MOVIMENTO

FORENSE

Sezione di Padova-Vicenza

Dipartimento Giustizia Telematica

valore equivalente all'originale, ai sensi dell'art. 16 bis comma 9 bis del D.L.
179/2012, come modificata dal D.L. 90/2014 (NOTA IMPORTANTE: cfr.
Appendice su D.P.C.M. 13/11/2014).
+++ MOLTO IMPORTANTE +++
NOTA DI LAVORO
ESEMPIO DI CONTENUTO MINIMO DELLA RELATA
RELAZIONE DI NOTIFICA
Io sottoscritto Avv. [NOME, COGNOME e C.F. - consigliato inserire pure i dati di studio] iscritto
allalbo degli Avvocati presso lOrdine degli Avvocati di [______________], in ragione del
disposto della L. 53/94 e succ. modd., nonch in virt dellautorizzazione rilasciata ai sensi e per
gli effetti dellart. 7 della stessa legge dal Consiglio dellOrdine degli Avvocati di
[______________], giusta delibera del [DATA ED ESTREMI DELLA DELIBERA AUTORIZZATIVA
DEL CONSIGLIO DELLORDINE], quale difensore della [DATI DELLA PARTE DIFESA
DALLAVVOCATO NOTIFICATORE], per la quale si procede alla presente notifica in virt della
procura alle liti che
[si allega ai sensi dellart. 83, 3 comma c.p.c.]
oppure
[a margine dellatto ______________]
NOTIFICO
lallegato atto [BREVE DESCRIZIONE DELLATTO] a [DATI DEL DESTINATARIO (inserire qui
leventuale domiciliazione presso un legale come, ad esempio, per gli atti di opposizione a
decreto ingiuntivo)] allindirizzo di posta elettronica [INDIRIZZO PEC DI DESTINAZIONE]
estratto [INSERIRE IN VIA ALTERNATIVA]
dal Registro delle Imprese di [SEDE DEL DESTINATARIO] (www.resigitroimprese.it).
dal Registro Generale degli Indirizzi Elettronici o Reg.Ind.E. (pst.giustizia.it/PST/).
dallIndice delle Amministrazioni Pubbliche detto brevemente IndicePA o IPA,
(www.indicepa.gov.it).
dallINIPEC ovvero l'Indice Nazionale degli Indirizzi di Posta Elettronica Certificata delle
imprese e dei professionisti (www.inipec.gov.it).

ESEMPI DI CONTENUTO EVENTUALE DELLA RELATA


DICHIARO
che la presente notifica viene effettuata in relazione al procedimento pendente avanti al
Tribunale di [TRIBUNALE AVANTI AL QUALE PENDE IL PROCEDIMENTO RELATIVO ALLA
NOTIFICA SEZIONE GIUDICE - RG DEL PROCEDIMENTO E ANNO].
ATTESTO (NOTA IMPORTANTE: cfr. Appendice su D.P.C.M. 13/11/2014)
ai sensi e per gli effetti del combinato disposto degli artt. 3-bis comma 2 e 6 comma 1 della L.
53/94 cos come modificata dalla lettera d) del comma 1 dellart. 16-quater, D.L. 18 ottobre
2012, n.179, aggiunto dal comma 19 dellart. 1, L. 24 dicembre 2012, n. 228 e dellart. 22
comma 2 del Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82 e succ. modd., che l'atto di [DESCRIZIONE
BREVE) allegato, copia per immagine su supporto informatico del documento analogico in mio
possesso.
ATTESTO (NOTA IMPORTANTE: cfr. Appendice su D.P.C.M. 13/11/2014)
ai sensi e per gli effetti dell'art. 16-bis, comma 9 bis del D.L. 179/2012, convertito con
modificazioni con L. 221/2012, come modificato dall'art.52 del D.L. 90/2014, come convertito
con modificazioni con L. 114/2014, che il provvedimento di [DESCRIZIONE BREVE DELL'ATTO]
allegato, copia informatica conforme del documento informatico estratto dal fascicolo
telematico relativo al procedimento in RG __________ del Tribunale di __________.
10
a cura dell'Avv. Edoardo Ferraro

MOVIMENTO

FORENSE

Sezione di Padova-Vicenza

Dipartimento Giustizia Telematica

I PROTOCOLLI DI FIRMA DIGITALE


Inizialmente era possibile firmare un atto solo col protocollo CAdES, che crea una busta
crittografata attorno all'atto, che viene codificato e vede aggiunta l'estensione .p7m
dopo il .pdf (ad esempio la relata firmata muta da relata.pdf a relata.pdf.p7m).
Con le nuove specifiche tecniche del 16/04/14 (art. 12 - 19 bis), consentita anche la
firma col protocollo PAdES (o firma aggiunta al PDF).
Il vantaggio dato dal fatto che il file resta un PDF leggibile, con indicazione
_signed.pdf.
Va posta molta attenzione nel firmare in modalit firma grafica, che rischia di
cancellare parte dell'atto, alterandolo. Meglio utilizzare la firma invisibile.
Per quanto concerne le modalit pratiche di apposizione della firma tramite token
USB, si riproporr alla fine della presente guida un excursus su PEC e firma digitale.

****

NIENTE PIU' MARCHE DA BOLLO


Fino all'entrata in vigore del D.L. 90/2014, anche per le notifiche in via telematica si
dovevano apporre le marche da bollo, negli importi gi previsti per le notifiche
cartacee.
Tale obbligo stato abolito dal predetto provvedimento, segnando un altro punto a
vantaggio delle notifiche via PEC rispetto a quelle a mezzo posta.

****

IL MESSAGGIO VIA PEC


Per notificare latto andr predisposto il messaggio via PEC, facendo attenzione a
determinati elementi.
Controllare che abbia come mittente il nostro indirizzo PEC Reg.Ind.E..
Inserire lindirizzo PEC del destinatario che abbiamo indicato in relata.
Allegare tutti i file, eventualmente firmati (estensione .p7m o *_signed.pdf), e
quindi almeno un atto e la relata, ed eventualmente altri atti e procura.
Inserire obbligatoriamente nelloggetto del messaggio il testo Notificazione ai
11
a cura dell'Avv. Edoardo Ferraro

MOVIMENTO

FORENSE

Sezione di Padova-Vicenza

Dipartimento Giustizia Telematica

sensi della legge n. 53 del 1994.


Verificato tutto ci, possiamo spedire il messaggio ed attendere (in caso di esito
positivo) le due ricevute di ACCETTAZIONE del messaggio (emesso dal gestore della
nostra PEC) e di CONSEGNA, emessa e firmata dal gestore della PEC del destinatario,
che deve essere di tipo completo.

****

I TIPI DI RICEVUTA DI CONSEGNA


Esistono tre tipi di ricevuta di consegna:
Ricevuta Completa di Avvenuta Consegna: contiene i dati di certificazione del
gestore certificato del destinatario e il Messaggio Originale in allegato come
file .eml, con tutti gli allegati dello stesso completi.
Come detto pi sopra, solo questo tipo di ricevuta fa prova dell'avvenuta
notifica.
Ricevuta Breve di Avvenuta Consegna: contiene in allegato i dati di
certificazione del gestore certificato del destinatario ed il testo del messaggio
originale.
Eventuali file allegati risulteranno sintetizzati nei rispettivi Hash.
Ricevuta Sintetica di Avvenuta Consegna: contiene in allegato soltanto i dati di
certificazione del gestore certificato del destinatario del messaggio.
Il tipo di ricevuta rilasciata dipende dal settaggio generale della nostra casella.
La PEC fornita da Namirial all'Ordine degli Avvocati di Padova, ad esempio,
predisposta di default per fornire una Ricevuta Completa.

+++ MOLTO IMPORTANTE +++


NOTA DI LAVORO
LA CONSERVAZIONE DELLE RICEVUTE
La conservazione della ricevuta, intesa come documento informatico (file) importantissima per
luso diretto o per la verifica successiva della regolarit del procedimento.
NON basta certamente lasciarla nella casella di posta in entrata del client di posta o
webmail.
SI DEVE ANCHE salvarla come file autonomo sul disco fisso.
Allo stesso modo altrettanto necessario che la directory di salvataggio sia soggetta a
backup automatico regolare.
Infine, utile archiviarle ad intervalli regolari su CD-Rom da conservare in luogo
sicuro.

12
a cura dell'Avv. Edoardo Ferraro

MOVIMENTO

FORENSE

Sezione di Padova-Vicenza

Dipartimento Giustizia Telematica

IL MOMENTO DI PERFEZIONAMENTO DELLA NOTIFICA


La notifica si perfeziona (art. 3 bis c. 3 legge 53/94):
Per il NOTIFICANTE nel momento in cui viene generata la RICEVUTA DI
ACCETTAZIONE, prevista dall'art. 6 c. 1 DPR 68/2005.
Per il DESTINATARIO nel momento in cui viene generata la RICEVUTA DI
AVVENUTA CONSEGNA, prevista dall'art. 6 c. 2 DPR 68/2005.
+++ MOLTO IMPORTANTE +++
NOTA DI LAVORO
LA PROVA DELLA NOTIFICA
La prova della notifica telematica fornita, a stretto rigore, solo dal file della ricevuta di
CONSEGNA completa generata dal gestore della PEC del destinatario, e ricevuta dal
notificante.
Questa, per essere usata, deve essere salvata per poi essere esibita a chi di dovere: Giudice,
Cancelliere,U.G..
Il file, generalmente in formato .eml deve essere poi:
consegnato con un deposito telematico (da poco possibile tramite Consolle Avvocato,
ma non unitamente all'atto introduttivo... quindi solo successivamente);
portato al destinatario a mezzo supporto informatico (con CD-ROM o chiavetta USB).

LA PROVA CARTACEA
La stampata di una ricevuta di consegna, in termini informatici, priva di significato perch
perde ogni certificazione connessa alla firma digitale del gestore del servizio.
Lart. 9, comma 1 bis della legge notifiche in proprio (L.53/1994), per, autorizza lavvocato
notificatore ad autenticare la copia cartacea della notifica.
A tal fine sar necessario stampare:
il messaggio PEC;
tutti gli allegati;
la ricevuta di avvenuta consegna;
la ricevuta di accettazione.
Tale facolt, per, concessa QUALORA NON SI POSSA PROCEDERE CON IL DEPOSITO
TELEMATICO: si potrebbe pure interpretare nel senso che, ad oggi, le ricevute vadano inviate in
via telematica in allegato a nota di deposito, a seguito dell'iscrizione a ruolo.

LA FORMULA DI AUTENTICA
Va apposta su ciascun documento stampato
La legge dice ai sensi dellarticolo 23, comma 1, del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82.
(che poi sarebbe il Codice dellAmministrazione Digitale" o CDA).
LUnione Lombarda degli Ordini propone la seguente formula:
Ai sensi e per gli effetti del combinato disposto degli artt. 9 comma 1-bis e 6 comma 1 della
L. 53/94 cos come modificata dalla lettera d) del comma 1 dellart. 16-quater, D.L. 18 ottobre
2012, n. 179, aggiunto dal comma 19 dellart.1, L. 24 dicembre 2012, n. 228 e dellart. 23
comma 1 del D.Lgs 7 marzo 2005, n. 82 e succ. .modd., si attesta la conformit della presente
copia cartacea alloriginale telematico da cui stata estratta [INDICAZIONE DEL NOME E
FIRMA DELLAVVOCATO]

13
a cura dell'Avv. Edoardo Ferraro

MOVIMENTO
Sezione di Padova-Vicenza

FORENSE
Dipartimento Giustizia Telematica

IL REGISTRO CRONOLOGICO DELLE NOTIFICHE


Altra semplificazione apportata al sistema delle notifiche telematiche degli avvocati dal
D.L. 90/2014, rispetto alle notifiche cartacee, riguarda l'abolizione dell'obbligo di
iscrivere le notifiche via PEC nel registro cronologico (cos il nuovo art. 8 comma 4
della legge 53/1994).
Va detto che, pur non essendovi alcun obbligo in tal senso, l'iscrizione nel registro
cronologico resta una facolt per l'avvocato che vuole avere un elenco completo di
tutte le notifiche effettuate.

14
a cura dell'Avv. Edoardo Ferraro

MOVIMENTO
Sezione di Padova-Vicenza

FORENSE
Dipartimento Giustizia Telematica

I. APPENDICI TECNICHE
GLI STRUMENTI TENICI PER LE NOTIFICHE TELEMATICHE

LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA


La Posta Elettronica Certificata (PEC), un sistema di messaggistica via internet che
consente di scambiarsi comunicazioni tramite la rete, avendo la certezza che l'email
stessa sia stata inviata e che sia stata ricevuta.
Inoltre, la PEC certifica anche il contenuto del messaggio trasmesso.
Un messaggio inviato tramite PEC, con ricevuta di accettazione e consegna,
opponibile ai terzi.
Rispetto alle altre comunicazioni via posta elettronica, il gestore della PEC (il soggetto
con cui si fa il contratto) invia una ricevuta di avvenuta accettazione o inoltro [freccia]
quando l'email lascia il server di posta da cui viene spedita, e una ricevuta di consegna
[freccia] nel momento in cui l'email arriva nel server cui fa riferimento il gestore del
destinatario.

Affinch la PEC abbia il valore di certificazione necessario che il messaggio sia PEC
su PEC: deve essere, quindi, inviato da un indirizzo PEC ad un altro indirizzo PEC.
Ricordate di tenere sempre nella memoria del PC le ricevute di accettazione e
consegna: sono la prova che quella comunicazione stata inviata e ricevuta.
15
a cura dell'Avv. Edoardo Ferraro

MOVIMENTO
Sezione di Padova-Vicenza

FORENSE
Dipartimento Giustizia Telematica

Le immagini che vedete riprodotte pi sopra sono relative alla Web Mail (ovvero alla
mail cui si accede direttamente dal web) fornita dal Gestore Namirial S.p.A., che ha
fornito le PEC in convenzione con gli Ordini degli Avvocati di Padova e di Vicenza,
identificabili dall'intestazione della casella nome.cognome@ordineavvocatipadova.it e
nome.cognome@ordineavvocativicenza.it.

16
a cura dell'Avv. Edoardo Ferraro

MOVIMENTO

FORENSE

Sezione di Padova-Vicenza

Dipartimento Giustizia Telematica

Namirial S.p.A. non l'unico gestore autorizzato cui ci si pu rivolgere per attivare un
indirizzo di Posta Elettronica certificata.
Altri gestori sono Aruba PEC (che gestisce anche la PEC di Giuffr), Infocert (Legalmail),
Fastweb, Actalis, Poste Italiane e quelli indicati nel sito internet della Pubblica
Amministrazione Digitale (http://www.digitpa.gov.it/pec_elenco_gestori).

LA FIRMA DIGITALE
Altro strumento necessario per le notifiche telematiche, la Firma Digitale. Si tratta, in
sostanza, di utilizzare un certificato che un ente certificatore rilascia alla singola
persona, previo accertamento dell'identit, inserito in un token USB o in una scheda,
che viene apposto tramite un software ad un documento, consentendo quindi di
identificare il soggetto che lo ha redatto e lo ha sottoscritto.
Per quanto riguarda gli Ordini degli Avvocati di Padova e Vicenza (i cui iscritti utilizzano
per la maggior parte il token USB fornito da Servicematica S.r.l., con certificato di
Aruba), unitamente al token USB verranno scaricati due programmi che serviranno per
verificare la presenza del certificato.
Il primo il Bid4it, identificabile da un'icona a forma di numero 4
rosso: il programma segnala se il token sia inserito e leggibile
[freccia].

17
a cura dell'Avv. Edoardo Ferraro

MOVIMENTO

FORENSE

Sezione di Padova-Vicenza

Dipartimento Giustizia Telematica

Il secondo programma, decisamente pi importante, ArubaSign,


identificato da un'icona a forma di sigillo con una penna.
Cliccando sull'icona firma [freccia] si aprir in automatico la cartella documenti, dalla
quale potrete scegliere il file da firmare [1].

Una volta scelto il file, cliccando su di esso, si aprir una nuova finestra che indicher il
vostro certificato e vi chieder attraverso quale modalit firmare il documento [2].

a-b

18
a cura dell'Avv. Edoardo Ferraro

MOVIMENTO
Sezione di Padova-Vicenza

FORENSE
Dipartimento Giustizia Telematica

(Aprendo la funzione Dettagli [freccia] potete verificare i dati del certificato di firma).
Andr inserito il PIN del token USB e saranno semplicemente da seguire le indicazioni.
Le due modalit di firma sono:
a) Busta Crittografata (PROTOCOLLO CAdES): per certificare qualsiasi documento, che
verr firmato e a cui verr apposta l'estensione .p7m.
Per tale modalit baster verificare il file e chiedere l'apposizione della firma.
Verr creato un nuovo file con l'estensione di cui sopra, e che avr come icona quella di
ArubaSign.
b) Firma aggiunta al PDF (PROTOCOLLO PAdES): per certificare solo file che abbiano
l'estensione .pdf, a cui verr aggiunto nel nome del file l'indicazione *_signed.pdf
(divenendo nomefile_signed.pdf).
Con tale protocollo di firma vi sono due alternative:
firma grafica: per tale modalit si verificher il file, si traccer un riquadro sul
luogo in cui fare la firma col mouse, e si cliccher sul bottone firma.
Verr a crearsi, quindi, un file nel quale sar apposto graficamente il logo di
Aruba e l'indicazione Firmato da NOME COGNOME.
Si dovr prestare attenzione a non tracciare il riquadro sopra il testo del
documento, che altrimenti verr cancellato.
firma invisibile: per ovviare al problema sopra riportato della firma grafica, si
potr apporre la firma invisibile, che non alterer il file pur firmandolo
digitalmente.
Il file firmato digitalmente, con entrambi i protocolli, verr creato nella stessa cartella.

COME VERIFICARE UN FILE FIRMATO DIGITALMENTE


Se vi arrivasse una notifica, come fare a leggere il file allegato firmato digitalmente?
Le modalit per la verifica dei files varia a seconda del protocollo scelto per firmare il
file stesso.
In caso il file fosse stato firmato con il protocollo CAdES, se ArubaSign correttamente
funzionante, baster cliccare sul file allegato [freccia1] ed il programma aprir una
finestra di verifica che segnaler il certificato e la validit dello stesso.

19
a cura dell'Avv. Edoardo Ferraro

MOVIMENTO
Sezione di Padova-Vicenza

FORENSE
Dipartimento Giustizia Telematica

2
1

Potrete poi, cliccando su Apri Contenuto [freccia2], aprire il file stesso.

In caso di file firmato col protocollo PAdES, baster cliccare sul file stesso per aprirlo:
tale protocollo mantiene il file in formato PDF, apribile coi normali programmi di lettura
di tali documenti.

20
a cura dell'Avv. Edoardo Ferraro

MOVIMENTO

FORENSE

Sezione di Padova-Vicenza

Dipartimento Giustizia Telematica

II. APPENDICI GIURIDICHE E TECNICHE


IL D.P.C.M. 13/11/2014 E LA SUA APPLICABILITA'

IL D.P.C.M. 13/11/2014
Entrer in vigore l'11 febbraio 2015 il D.P.C.M. del 13/11/2014, che prevede delle
nuove regole tecniche per l'autenticazione dei documenti informatici.
Ad oggi vi ancora il dubbio se tali norme siano o meno da applicarsi alle notifiche in
via telematica degli avvocati ed al potere degli stessi di autenticare gli atti estratti dai
fascicoli telematici.
In ogni caso, poich in assenza di apposita interpretazione autentica da parte del
legislatore ogni valutazione (per quanto autorevole) si riduce a ad un mero studio
soggetto all'esame del giudice sull'applicazione della normativa, si ritiene utile e
doveroso esaminare il D.P.C.M. 13/11/2014 ed esporre le modalit di autentica che
deriverebbero dalla sua applicazione, ricostruendo in modo coerente la normativa.
L'art. 4 comma III prevede quanto segue:
L'attestazione di conformit delle copie per immagine su supporto informatico di uno o
pi documenti analogici pu essere altres prodotta come documento informatico
separato contenente un riferimento temporale e l'impronta di ogni copia per
immagine. Il documento informatico cos prodotto sottoscritto con firma digitale del
notaio o con firma digitale o firma elettronica qualificata del pubblico ufficiale a ci
autorizzato.
Si ricorda che l'avvocato, nel caso delle notificazioni in via telematica a tutti gli
effetti pubblico ufficiale.

+++ MOLTO IMPORTANTE +++


NOTA TECNICA
DEFINIZIONI E GLOSSARIO (ALL. 1 D.P.C.M. 13/11/2014)
Riferimento temporale: informazione contenente la data e lora con riferimento al Tempo
Universale Coordinato (UTC), della cui apposizione responsabile il soggetto che forma il
documento.
Impronta: la sequenza di simboli binari (bit) di lunghezza predefinita generata mediante
lapplicazione alla prima di una opportuna funzione di hash.
Funzione di hash: una funzione matematica che genera, a partire da una evidenza informatica,
una impronta in modo tale che risulti di fatto impossibile, a partire da questa, ricostruire
levidenza informatica originaria e generare impronte uguali a partire da evidenze informatiche
differenti.

21
a cura dell'Avv. Edoardo Ferraro

MOVIMENTO

FORENSE

Sezione di Padova-Vicenza

Dipartimento Giustizia Telematica

La norma pi sopra riportata mira ad ottenere un documento informatico (rectius una


copia informatica), che abbia le caratteristiche della immodificabilit, ovvero che possa
garantire la conformit all'originale da cui viene estratta.
Sul punto si veda l'art. 3 D.P.C.M. 13/11/2014:
Comma II. Il documento informatico assume la caratteristica di immodificabilit se
formato in modo che forma e contenuto non siano alterabili durante le fasi di tenuta e
accesso e ne sia garantita la staticit nella fase di conservazione.
[]
Comma IV. Nel caso di documento informatico formato ai sensi del comma 1, lettera a),
le caratteristiche di immodificabilit e di integrit sono determinate da una o pi delle
seguenti operazioni:
a) la sottoscrizione con firma digitale ovvero con firma elettronica qualificata;
b) l'apposizione di una validazione temporale;
c) il trasferimento a soggetti terzi con posta elettronica certificata con ricevuta
completa. [...]
Comma IX. Al documento informatico immodificabile vengono associati i metadati che
sono stati generati durante la sua formazione. L'insieme minimo dei metadati, come
definiti nell'allegato 5 al presente decreto, costituito da:
a) l'identificativo univoco e persistente;
b) il riferimento temporale di cui al comma 7;
c) l'oggetto;
d) il soggetto che ha formato il documento;
e) l'eventuale destinatario;
f) l'impronta del documento informatico.
Eventuali ulteriori metadati sono definiti in funzione del contesto e delle necessit
gestionali e conservative.
+++ MOLTO IMPORTANTE +++
NOTA TECNICA
SPECIFICHE TECNICHE DI ARCHIVIAZIONE (ALL. 4 D.P.C.M. 13/11/2014)
Specifiche Tecniche del Pacchetto di Archiviazione
Algoritmo per la generazione dell'impronta.
Funzione: specificazione della funzione di hash utilizzata.
Valore di default:
SHA-256
Si tratta di un mero riferimento. La normativa non specifica una funzione di hash.
Tuttavia devono evitarsi quelle funzioni crittografiche di hash non pi sicure (MD5 e
precedenti o SHA-1).
Si trovano online numerosi programmi gratuiti per generare l'hash SHA-256 dei documenti
informatici da notificare.

22
a cura dell'Avv. Edoardo Ferraro

MOVIMENTO

FORENSE

Sezione di Padova-Vicenza

Dipartimento Giustizia Telematica

Gli articoli riportati pi sopra individuano gli aspetti tecnici rilevanti per la creazione e
l'autenticazione di un documento informatico.
Tali requisiti tecnici devono poi applicarsi nello specifico alla realizzazione delle copie
informatiche ed alla loro utilizzabilit in ambito processuale ed in relazione alla
possibilit di effettuare le notifiche in via telematica.
In relazione a tali aspetti si veda l'art. 6 D.P.C.M. 13/11/2104, che riguarda sia il valore
probatorio di copie ed estratti informatici di documenti informatici, sia le modalit di
attestazione di autentica.
Comma II. La copia o l'estratto di uno o pi documenti informatici di cui al comma 1, se
sottoscritto con firma digitale o firma elettronica qualificata da chi effettua la copia ha
la stessa efficacia probatoria dell'originale, salvo che la conformit allo stesso non sia
espressamente disconosciuta.
Comma III. Laddove richiesta dalla natura dell'attivit [...] L'attestazione di
conformit delle copie o dell'estratto informatico di uno o pi documenti informatici
pu essere altres prodotta come documento informatico separato contenente un
riferimento temporale e l'impronta di ogni copia o estratto informatico. Il documento
informatico cos prodotto sottoscritto con firma digitale del notaio o con firma
digitale o firma elettronica qualificata del pubblico ufficiale a ci autorizzato.
L'analisi sistematica di queste norme, ove applicabili alle notifiche in via telematica
degli avvocati ed al processo civile telematico, comporterebbe delle modifiche alle
formule di autentica presentate nella presente guida, che andranno integrate come
segue:

+++ MOLTO IMPORTANTE +++


NOTA DI LAVORO
ATTESTAZIONE DI CONFORMITA'
(PER ATTI SCANSIONATI DA ORIGINALE CARTACEO)
ATTESTO
ai sensi e per gli effetti del combinato disposto degli artt. 3-bis comma 2 e 6
comma 1 della L. 53/1994 cos come modificata dalla lettera d) del comma 1
dellart. 16-quater, D.L. 18 ottobre 2012, n.179, aggiunto dal comma 19 dellart.
1, L. 24 dicembre 2012, n. 228 e dellart. 22 comma 2 del Decreto Legislativo 7
marzo 2005, n. 82 e succ. modd., che l'atto di (descrizione breve) allegato,
denominato ___________, riferimento temporale di creazione ___________
UTC, impronta (algoritmo SHA-256) _______________________________
copia per immagine su supporto informatico del documento analogico in mio
possesso.
23
a cura dell'Avv. Edoardo Ferraro

MOVIMENTO

FORENSE

Sezione di Padova-Vicenza

Dipartimento Giustizia Telematica

+++ MOLTO IMPORTANTE +++


NOTA DI LAVORO
ATTESTAZIONE DI CONFORMITA'
(PER ATTI ESTRATTI DAL FASCICOLO TELEMATICO EX D.L. 90/14)
ATTESTO
ai sensi e per gli effetti dell'art. 16-bis, comma 9 bis del D.L. 179/2012,
convertito con modificazioni con L. 221/2012, come modificato dall'art.52 del
D.L. 90/2014, come convertito con modificazioni con L. 114/2014, che il
provvedimento di [DESCRIZIONE BREVE DELL'ATTO] allegato, denominato
_______________, riferimento temporale di creazione _______________ UTC,
impronta (algoritmo SHA-256) ____________________________________
copia informatica conforme del documento informatico estratto dal fascicolo
telematico relativo al procedimento in RG __________ del Tribunale di
__________.

Al fine di individuare con chiarezza i requisiti aggiunti, possiamo semplificare la


situazione come segue:
DENOMINAZIONE: semplicemente il nome del file che si otterr
scannerizzando l'originale analogico (nel caso degli atti derivanti da originali
cartacei), ovvero scaricando il documento informatico dal fascicolo telematico
(nel caso delle autentiche di atti ex D.L. 90/14).
RIFERIMENTO TEMPORALE: l'ora in cui il file viene scannerizzato (nel caso
degli atti derivanti da originali cartacei), ovvero scaricato dal fascicolo
telematico (nel caso delle autentiche di atti ex D.L. 90/14).
Nota Importante: la norma fa riferimento al tempo UTC (ovvero al tempo del
meridiano di Greenwich). Non si dovr far riferimento all'orologio del proprio
computer, ma a quello atomico del meridiano 0.
L'orologio di Greenwich facilmente consultabile via internet, con i confronti
con l'ora del meridiano di Roma (ora italiana).
In ogni caso, rispetto all'ora italiana, l'ora da segnare si calcola:
1) sottraendo un'ora all'ora italiana, in caso di ora solare - (fuso orario di Roma
= UTC +1).
2) sottraendo due ore all'ora italiana italiana, in caso di ora legale - (fuso orario
di Roma = UTC+2).
IMPRONTA: una descrizione in dati del file, ricavabile tramite un algoritmo
(SHA 256), da ottenersi caricando il file in un apposito programma scaricabile da
internet, che elaborer una stringa di numeri e lettere da inserire nella formula
di autentica (di seguito verranno date istruzioni pratiche).
24
a cura dell'Avv. Edoardo Ferraro

MOVIMENTO

FORENSE

Sezione di Padova-Vicenza

Dipartimento Giustizia Telematica

DUBBI SULL'APPLICABILITA' DEL D.P.C.M. 13/11/2014


ALLE NOTIFICHE VIA PEC ED AL PCT
Va rilevato come molti colleghi, esperti in materia di Processo Civile Telematico e diritto
informatico, siano dubbiosi sull'applicabilit (quantomeno immediata) di tale
normativa alle notifiche via PEC ed al Processo Civile Telematico.
In primo luogo, il D.P.C.M. 13/11/2014 prevede per le Pubbliche Amministrazioni un
termine di 18 mesi per adeguarsi alle previsioni alla normativa predetta.
Sarebbe quantomeno paradossale che tale termine, pur non specificatamente esteso,
non fosse applicabile ai privati, che hanno evidentemente meno mezzi della PA.
Oltre a ci, molti ritengono tali normative come generali e quindi non applicabili alle
notifiche un via telematica e al PCT, che sarebbero norme speciali.
Sul punto si riportano qui di seguito i link ed alcuni stralci di articoli pubblicati
sull'argomento.
****
L'Avv. Maurizio Reale, responsabile del Processo Civile Telematico del foro di Teramo,
ritiene proprio che il carattere speciale delle normative sulle notifiche via PEC e sul
Processo Civile Telematico (potere di autentica degli atti estratti dal fascicolo
telematico), renda il D.P.C.M. 13/11/2014 non applicabile alle predette fattispecie.
Nel caso di specie (AUTENTICA DELL'ATTO INFORMATICO ESTRATTO DA ORIGINALE
CARTACEO NELLE NOTIFICHE VIA PEC) appare, quindi, evidente come allavvocato sia
stata prescritta una particolare e specifica procedura da seguire per compiere
lasseverazione prevista dallart. 22 comma 2 del CAD; detta procedura quindi, introdotta
dalla legge, potrebbe considerarsi speciale rispetto a quella contenuta nellart. 4 del
DPCM 13/11/14 e, proprio per tale specialit, il citato articolo 4, potrebbe non essere
applicabile alla L. 53/94.
A sostegno di tale inapplicabilit si evidenzia poi come il DM 48/13 avrebbe potuto
limitare lutilizzo della procedura dettata solo fino allemanazione delle regole tecniche
stabilite dallart. 71 CAD ma, lassenza di ogni specifico riferimento in tal senso , sul
punto, dirimente cos come, daltra parte, nel DPCM 13/11/14, manca qualsiasi
riferimento specifico che imponga lutilizzo della nuova procedura anche per la Legge
53/94 in deroga a quanto stabilito dalle norma sopra richiamate.
A conferma di ci non sfugga da ultimo che il comma 3 dellart. 4 del DPCM 13/11/14
25
a cura dell'Avv. Edoardo Ferraro

MOVIMENTO
Sezione di Padova-Vicenza

FORENSE
Dipartimento Giustizia Telematica

afferma chelattestazione di conformit PUO ESSERE INSERITA NEL DOCUMENTO


INFORMATICO CONTENENTE LA COPIA PER IMMAGINE e non afferma invece che la
stessa DEVE essere inserita nel documento informatico contenente la copia per
immagine, con ci si potrebbe, quindi, affermare che non viene a togliersi efficacia,
rimanendo vigente ed utilizzabile, per le notifiche ex L. 53/94, la modalit di attestazione
della conformit nella relata di notifica prevista dal DM 48/13 che ha modificato in tal
senso lart. 18 DM 44/11.
[]
Per quanto sopra dedotto si potrebbe, in via generale, escludersi lapplicabilit del DPCM
13/11/2014 al processo civile non essendo state emanate, le regole tecniche contenute
in tale decreto, dal Ministro della Giustizia cos come disposto dallart. 4 della L. 22
febbraio 2010 n. 24 e dallart. 110 della Costituzione e, in particolare, potrebbe
comunque escludersi lapplicabilit dellart. 6 del DPCM 13/11/2014 allart. 52 del D.L.
90/14 e quindi allart. 16 bis, comma 9 bis, D.L. 179/12 essendo, tali disposizioni,
comunque speciali e riferibili solo ed esclusivamente alle copie analogiche ed
informatiche, anche per immagine, a condizione che siano state estratte, dagli aventi
titolo, dal fascicolo informatico e, in quanto tali, non soggette allosservanza di quanto
disposto dal citato art. 6 del DPCM 13/11/2014, specialit riconosciuta (tacitamente) dal
legislatore che, nella conversione dellart. 52 D.L. 90/14, ha espunto qualsiasi riferimento
al Codice dellamministrazione digitale, altres considerando che l'art. 6 DPCM
13/11/2014, emanato dopo la legge di conversione del D.L. 90/14, nulla dispone, nello
specifico, per le copie e gli estratti informatici indicati dall'art. 52 D.L. 90/14.

Per una lettura completa dell'articolo, si allega qui di seguito il link:


http://ilprocessotelematico.webnode.it/news/considerazioni-sull%27applicabilit
%C3%A0-del-dpcm-13-11-2014-al-pct,-notifiche-avvocati-tramite-pec-e-art-52-dl-9014-/
****
Analoga posizione si ricava dal blog Avvocati Telematici Napoli, ed in particolare da un
articolo dell'Avv. Roberto Arcella:
In altra occasione, per rispondere in poche battute ad un quesito propostomi da un
Collega, avevo osservato che, a mio modo di vedere, le nuove regole tecniche sono
inapplicabili al processo civile telematico, dacch la normativa tecnica ex dm 44/2011
speciale rispetto a quella ex dpcm 13/11/14. Con particolare riferimento alle
notificazioni a mezzo p.e.c., evidenziavo la peculiarit dellattivit certificativa
demandata allAvvocato sia dallart. 3 bis L. 53/94 (quando si tratta di attestare una
copia da analogico a digitale, ai sensi del comma 2), sia dal particolare contenuto
dellattestazione ex art. 52 DL 90/2014 (attivit di copia da digitale a digitale, che
dovrebbe corrispondere al nuovo art. 6 DPCM 13/11/2014 ma che, pi esattamente,
26
a cura dell'Avv. Edoardo Ferraro

MOVIMENTO
Sezione di Padova-Vicenza

FORENSE
Dipartimento Giustizia Telematica

corrisponde allestrazione di una copia rectius, al download di quanto conservato nei


registri informatici ed alla mera certificazione del processo di estrazione, non
disponendo lAvvocato attestante delloriginale di confronto), sia infine per effetto di
quanto dispone lart. 34 dm 44/2011 che rinvia a specifiche tecniche demandate al
Ministero della Giustizia (laddove quelle allegate al dpcm 13/11/2014 hanno diversa
provenienza).
Alcuni giorni di riflessione mi consentono oggi una disamina pi approfondita che, giova
dirlo subito, conduce a conclusioni non dissimili rispetto a quelle ora ricordate: in ci
confortato anche dalle analoghe conclusioni cui sono giunti, percorrendo vie
interpretative non dissimili, altri autorevoli Colleghi quali Maurizio Reale, Luca Sileni,
Fabio Salomone e Fabrizio Testa.

Per una lettura completa dell'articolo, si allega qui di seguito il link:


https://avvocatotelematico.wordpress.com/2015/02/04/le-regole-tecniche-suidocumenti-informatici-e-limpatto-delle-stesse-sulle-regole-del-processo-civiletelematico/
****
Di parere contrario l'Avv. Luca Sileni, referente informatico dell'Ordine degli Avvocati di
Grosseto, membro della commissione mista sul PCT del Tribunale di Grosseto e
membro della commissione sul processo telematico della Corte d'Appello di Firenze:
Ad avviso dello scrivente, invece, il DPCM in oggetto non potr che applicarsi - e mi
viene da dire "purtroppo" - ai casi oggetto della nostra analisi, ci in virt del chiaro
disposto dell'art. 2 comma 3 del CAD che prevede un'applicazione anche a tutti i privati
delle norme contenute nel capo II del CAD stesso, come - appunto - sia l'art. 22 che l'art.
23 e 23bis. Se quindi dette norme trovano sostanzialmente un'applicazione erga omnes
allo stesso modo si applicheranno le norme emanate in virt dell'art. 71 del CAD (ossia il
DPCM in commento) poich espressamente richiamate dagli artt 22 e ss.

Per una lettura completa dell'articolo, si allega qui di seguito il link:


http://processociviletele.blogspot.it/2015/01/processo-civile-telematico-regole.html
****
Altro parere quello del Giudice di Milano Dott. Enrico Consolandi, il quale sottolinea il
rischio di letture contrastanti (pur essendovi norme speciali per il PCT e le notifiche
via PEC, vi sono nel D.P.C.M. dei riferimenti espliciti alle copie autentiche degli
avvocati), e rileva come la normativa del D.P.C.M. 13/11/2014 crei problemi di
burocratizzazione e difficolt di coordinamento tra le diverse fonti:
27
a cura dell'Avv. Edoardo Ferraro

MOVIMENTO
Sezione di Padova-Vicenza

FORENSE
Dipartimento Giustizia Telematica

Per quanto riguarda il coordinamento con il processo telematico va osservato che


questo ha sue fonti autonome, iniziando dal dpr 123 del 2001 che trova la sua
legittimazione nelle legge Bassanini bis e che legittimano poi le regole tecniche del PCT:
fonti speciali autorizzano a ritenere che prevalga la normativa processuale, in quanto
speciale.
Del resto la teoria processuale ritiene estranea al novero della pubblica amministrazione
la attivit giudiziaria.
Vi sono dunque buone ragioni per non ritenere queste regole tecniche applicabili al
processo:tuttavia taluni richiami, come per esempio in materia di copie degli avvocati
per la dimostrazione della notificazione, costringeranno giudici ed avvocati a fare i conti
anche con questa normativa.
Di fronte a possibili differenti interpretazioni su questo punto forte il rischio di
interpretazioni contrastanti.

Per una lettura completa dell'articolo, si allega qui di seguito il link:


http://www.agendadigitale.eu/egov/1322_le-regole-del-documento-informaticodanneggiano-il-processo-civile-telematico.htm
****
Come detto, considerando queste come semplici interpretazioni, si consiglia il massimo
della prudenza e, in mancanza di interpretazione autentica, si ritiene di dover
considerare applicabile il D.P.C.M. 13/11/2014.

28
a cura dell'Avv. Edoardo Ferraro

MOVIMENTO
Sezione di Padova-Vicenza

FORENSE
Dipartimento Giustizia Telematica

BREVE GUIDA ALL'ESTRAZIONE DELL'IMPRONTA DEL FILE


Per ottenere l'impronta del file, baster scaricare un generatore di hash dalla rete.
Teniamo presente che va trovato un software con licenza commerciale, e che
preferibile evitare generatori online per problemi di privacy (in questo secondo caso,
infatti, i file di atti giudiziari verrebbero caricati in server pubblici).
Scaricato il programma, si caricher il file cliccando sul pulsante Seleziona [freccia] o su
comando analogo. Si cliccher poi sul comando Generate Hash.

La stringa alfanumerica che verr elaborata sar l'impronta da indicare sulla relata di
notifica (semplicemente facendo copia/incolla).

29
a cura dell'Avv. Edoardo Ferraro

MOVIMENTO

FORENSE

Sezione di Padova-Vicenza

Dipartimento Giustizia Telematica

SOMMARIO

- Premessa

Pag. 3

- I riferimenti normativi

Pag. 4

- I requisiti per la notifica in via telematica

Pag. 7

- Gli atti notificabili in via telematica

Pag. 7

- La procura alle liti

Pag. 9

- La relata di notifica

Pag. 9

- I protocolli di firma digitale

Pag. 11

- Niente pi marche da bollo

Pag. 11

- Il messaggio via PEC

Pag. 11

- I tipi di ricevuta di consegna

Pag. 12

- Il momento di perfezionamento della notifica

Pag. 13

- Il registro cronologico delle notifiche

Pag. 14

I. Appendici tecniche
Gli strumenti tecnici per le notifiche telematiche
- La posta elettronica certificata

Pag. 15

- La firma digitale

Pag. 17

- Come verificare un file firmato digitalmente

Pag. 19

II. Appendici giuridiche e tecniche


Il D.P.C.M. 13/11/2014 e la sua applicabilit
- Il D.P.C.M. 13/11/2014

Pag. 21

- Dubbi sull'applicabilit del D.P.C.M. 13/11/2014


alle notifiche via PEC ed al PCT

Pag. 25

- Breve guida all'estrazione dell'impronta del file

Pag. 29

[PER TORNARE AL SOMMARIO CLICCATE SUI NUMERI DI PAGINA]


30
a cura dell'Avv. Edoardo Ferraro

DISCLAIMER
La presente guida aggiornata al momento della sua pubblicazione.
Ci nonostante, la natura stessa degli argomenti trattati esclude la possibilit di controllare
tutte le fonti esistenti e l'autore non pu fornire alcuna garanzia in merito all'affidabilit ed
all'esattezza delle notizie riportate e declina pertanto ogni responsabilit per qualsiasi
danno, diretto, indiretto, incidentale e consequenziale legato all'uso, proprio o improprio
delle informazioni contenute in questo vademecum, ivi inclusi, senza alcuna limitazione, la
perdita di profitto, l'interruzione di attivit aziendale o professionale, la perdita di
programmi o altro tipo di dati ubicati sul sistema informatico dell'utente o altro sistema, e
ci anche qualora l'autore fosse stato espressamente messo al corrente della possibilit del
verificarsi di tali danni.

Si ringraziano per i contributi e la collaborazione:

Dott. Giuliano Bovo


Avv. Maddalena Prisco
Avv. Antonio Zago
Avv. Devis Guidolin

ULTERIORI GUIDE E VADEMECUM


SULLA GIUSTIZIA TELEMATICA
A CURA DEL
MOVIMENTO FORENSE
SU

MOVIMENTOFORENSE.IT

PER DOMANDE E DUBBI


ISCRIVETEVI AL FORUM

FOROTELEMATICO.IT