Sei sulla pagina 1di 9

Societ

Sport

Stagione venatoria
In Sicilia le doppiette
in azione il 2 settembre
A pagina quattro

Citt di Siracusa,
in arrivo il bomber
Lorenzo Crocetti
Quotidiano della Provincia di Siracusa

A pagina quindici

Sicilia

mail: libertasicilia@gmail.com
Fondatore Giuseppe Bianca nel 1987
marted 25 agosto 2015 Anno XXVIIi N. 187 Direzione, Amministrazione e Redazione: via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 FAX 0931 60.006 Pubblicit: Poligrafica S.r.l. via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 Fax 0931 60.006 1,00

www.libertasicilia.it

Viabilit. Manutenzione straordinaria sull Autostrada Catania-Siracusa

Oggi lavvio dei lavori


per ripristinare le gallerie
Riguardano gli impianti tecnologici e di illuminazione a servizio
Arriva una buona notizia

citt

Comune
censimento
parcheggi

Sar realizzata unatten-

ta verifica di tutte le aree


parcheggio del Comune
di Siracusa sia quelle a
pagamento sia quelle libere in modo da individuare quelle che possono essere destinate a una
pi razionale ed efficace
sosta dei veicoli. E questo quanto emerso dalla
quarta commissione consiliare, che si occupa di
Viabilit, al termine della
riunione che si svolta
ieri mattina. La questione
stata sollevata dal consigliere comunale Alberto
Palestro.

Procedono i lavori
dellampliamento della
bretella di Targia riguardante il raddoppio.

A pagina quattro

A pagina due

Targia

Bretella,
nominati due
consulenti

santuario

Ricorre il 62
anniversario
Lacrimazione

La celebrazione eucaristica con la benedizione del


cotone ha aperto ufficialmente i festeggiamenti.
A pagina sette

Sorpresi tre abusivi

Giro di vite
dei carabinieri
sui parcheggiatori

incidente stradale

per il tratto autostradale


Catania-Siracusa ancora
al buio: presto potrebbero cominciare i lavori
per la messa in sicurezza delle gallerie e delle
colonnine Sos guaste. A
partire da questa mattina,
dopo le verifiche di rito
previste dal protocollo di
legalit Carlo Alberto
Dalla Chiesa (stipulato
nel 2005 tra il Ministero
dellInterno.

Una 51enne
ieri ha perso
la vita
di un morto e di
quattro feriti il bilancio
di un incidente stradale
avvenuto nel primo pomeriggio nel territorio
di Augusta.

Siracusa le forze dellordine sono nuovamente scese in


campo per debellare il fenomeno, presente nei punti nevralgici della citt. Il giro di vite stato eseguito dai carabinieri
della Compagnia di Siracusa sui parcheggiatori abusivi.

A pagina quattro

A pagina cinque

A pagina cinque

Sbarchi ad Augusta, 90
in quarantena per scabbia
N

el 2015 i casi di
scabbia rilevati dai
medici di confine
negli sbarchi degli immigrati, sono
circa il 10%: 4.700
casi di scabbia.
A pagina tre

Cronaca di Siracusa 2
esecutivit

Il Comune:
I lavori per
la bretella
ad ottobre

25 agosto 2015, marted

Sicilia 25 agosto 2015, marted

Sul

progetto bretella interviene


Alfredo Foti, assessore comunale ai Lavori pubblici. Il progetto
pronto e fornisce anche un vero
e proprio cronoprogramma. Il 3
settembre il termine ultimo per la
presentazione delle offerte -. Pochi
giorni dopo, il 7, contiamo di avviare la gara per laffidamento dei

Maxi sbarco di immigrati:


fermato un tunisino

lavori che vogliamo consegnare a


ottobre.
A Palermo, intanto, il Dipartimento
Regionale di Protezione Civile sta
per definire la rimodulazione dei
fondi della legge 433 a cui attingere i 5,7 milioni di euro necessari per
avviare i lavori sul viadotto siracusano.

omenica scorsa presso il porto di


Augusta gli agenti della Polizia di Stato,
in servizio allUfficio di Frontiera Marittima di Siracusa, unitamente a personale
del Gruppo Interforze Contrasto Immigrazione Clandestina della Procura della

Conferito lincarico alling. Floridia

Bretella Targia:
nominati due
consulenti
esterni

Procedono i lavori dellampliamento della bretella di


Targia riguardante il
raddoppio della carreggiata di ingresso
nord in citt in previsione della chiusura del pericolante
viadotto. Il progetto
come si ricorder fu
approvato lo scorso
dicembre e dopo lok
della Cassa Depositi
e Prestiti al diverso

utilizzo di tre mutui


per quasi 1,2 milioni
di euro per linizio
lavori e conclusione prima dellestate
2016.
Intanto lUfficio Tecnico Comunale ha
conferito l'incarico di
direttore dei lavori e
calcolista strutturale
allingegnere Sebastiano Floridia (spesa
prevista pari a 38.400
euro oltre Iva). La

Geo Servizi srl, invece, si occupata


dellesecuzione dei
sondaggi geognostici e della relazione
geologica a supporto
del progetto mentre
al geometra Francesco Meli stato
assegnato l'incarico
di eseguire il rilievo
geodetico e i rilievi piano-altimetrici
del tracciato stradale
(spesa pari a 15 mila

Cronaca di Siracusa

Repubblica di Siracusa e ad altre forze


di polizia, hanno operato un fermo di
indiziato di delitto a carico di Maguti
Mehammed 34 anni, tunisino, per il reato di favoreggiamento allimmigrazione
clandestina.
Luomo ritenuto presunto responsabile dello sbarco di 506 migranti di varie
nazionalit avvenuto domenica mattina
ad Augusta.

Aumentano i casi tra i migranti, complici le condizioni di navigazione

Sbarco 506 ad Augusta,


c il sospetto scabbia
N

Lattuale bretella che immette allingresso nord della citt.

euro oltre Iva)


Adesso tocca agli
uffici comunali predisporre quanto necessario per portare i
lavori in gara e procedere quindi alla
consegna del cantiere. Realisticamente
non prima della fine
di settembre o i primi di ottobre. In sei,
sette mesi il raddoppio della bretella dovrebbe essere com-

pletato. Per cui dalla


primavera prossima
per entrare e uscire
da Siracusa nord si
proceder solo sulla
nuova bretella con la
nuova corsia destinata al traffico in uscita
mentre le auto in entrata continueranno
a percorrere lattuale
stradina che si collega con viale Scala
Greca.
Il viadotto in con-

Da quel lontano febbraio 2013

La vergogna del
viadotto di Targia:
32 mesi di bugie

onostante il susseguirsi e rincorrersi di comunicati da parte di vari


esponenti politici regionali, di decreti di finanziamento, appalto e consegna lavori a breve termine, il viadotto di Targia l in bella mostra per i
Siracusani. Da quel lontano febbraio
2013, quando la perizia di Antonio
Badal ne stabil il cattivo stato di
conservazione e successivamente i
responsabili ed i tecnici comunali ne
predisposero linterdizione al transito dei mezzi pesanti, il restringimento ed il senso unico della corsia di
marcia, di mesi ne sono trascorsi tantissimi. Da allora pi nulla, salvo un
inutile trascorrere del tempo, che sa
di beffa per i Siracusani, ai quali non

Sicilia 3

importa nulla delle beghe dei partiti,


delle rivalit politiche dei deputati regionali, delle corse agli annunci, n tanto meno delle difficolt economiche del
bilancio della Regione Sicilia. I cittadini sono smarriti e disorientati, continuano a chiederci come loro rappresentanti,
come sia possibile che i nostri deputati
Siracusani in seno al parlamento siciliano non siano riusciti ancora ad ottenere
il decreto di finanziamento di messa in
sicurezza e ripristino di unopera infrastrutturale di tale valenza viaria in materia di protezione civile, la principale
via di fuga della zona nord della citt
a ridosso ed a servizio anche di quello,
che fino a pochi anni fa era il pi importante polo petrolchimico dEuropa.

Ancora una volta ci si appello al buon


senso di tutti i personaggi istituzionali di questa vicenda, cui nelle more sta
supplendo lamministrazione comunale
e con il sacrificio economico di tutte
le famiglie siracusane, predisponendo
tutti gli atti amministrativi per la realizzazione di una bretella provvisoria
e la definitiva chiusura del viadotto entro il 2016, con la speranza un giorno
non lontano di vedersi finanziata dalla
Regione, non una piscina coperta, una
nuova scuola od un centro polivalente
come sarebbe diritto dei cittadini siracusani che pagano le tasse, ma unopera
viaria fondamentale di protezione civile a salvaguardia e tutela della pubblica
incolumit.

dizioni precarie da
molto tempo e da due
anni lamministrazione comunale ne
ha limitato il traffico
consentendo di percorrerlo solo in uscita dalla citt. Con
qualche camionista
che ha trasgredito la
segnaletica stradale
procedendo in orari lontano da occhi
indiscreti a suo piacimento mettendo a
rischio la sua vita e
quella altrui.
Le misure prese dal
Comune, per, non
sono soddisfacenti, la
paura tanta al punto
che quando si arriva
alla fine del viadotto,
l'automobilista, si fa
il segno della croce.
E' inammissibile che
gli amministratori assumono un comportamento cos a cuor
leggero davanti a una
situazione che potrebbe provocare da
un momento all'altro
una vera e propria
tragedia cos come
accadde con il ponte Barley che collegava Ortigia con la
terraferma. Lamministrazione comunale
non pu affrontare la
situazione cos difficile in maniera cos
disinteressata. Adesso occorre pigiare
sullacceleratore.

el 2015 i casi di scabbia rilevati dai medici


di confine negli sbarchi
degli immigrati, sono
circa il 10%: 4.700 casi
di scabbia su 46 mila
individui in arrivo nei
porti italiani. Lo fa sapere il ministero della
Salute:non si tratta di
un'epidemia ma di una
patologia dermatologica
banale per la quale esiste una terapia a basso
costo.
Si tratta comunque di
numeri non preoccupanti, dato che in Italia ci
sono 6mila casi l'anno di
scabbia, ha precisato
intervenendo sullo sbarco di domenica al porto
di Augusta dove arrivata una imbarcazione
con 506 persone, tra i
quali molti eritrei: 293
uomini, 132 donne, una
in gravidanza, e 92 minori. Novanta migranti
che si trovano a bordo
sono stati isolati per un
sospetto di scabbia.
Intanto nuovi natanti
carichi di migranti sono
stati segnalati nel Canale di Sicilia: la centrale
operativa di Roma della Guardia costiera ha
dirottato nella zona tre
navi mercantili per dare
assistenza alle imbarcazioni in difficolt. Sono
stati salvati 300 migranti.
Ieri
a Palermo sono
sbarcati in 548. A Trapani, sono invece arrivati
in 500, soccorsi dalla
nave Fiorillo.
Il numero di persone
salvate in questa ore
di 4.400. Le operazioni di salvataggio sono
state complessivamente
22 e vi hanno preso parte - come rende noto la
Guardia Costiera - le

Lo sbarco ad Augusta.

navi Fiorillo e Diciotti,


4 motovedette e un aereo
Manta Atr42. E ancora
l'unit della Marina Mi-

litare e della Guardia di


Finanza, la nave norvegese Siem Pilot e quella irlandese Le Niamh

entrambe inserite nel


dispositivo Triton, e la
nave E. L'allarme scattato ieri mattina quando

oltre venti chiamate di


soccorso sono arrivata
dal largo della costa libica: i migranti viaggiavano su barconi e gommoni
in difficolt.
Una richiesta di aiuto
cos massiccia senza
precedenti. Intanto sono
complessivamente buone le condizioni dei migranti sbarcati al porto di
Palermo. Lo ha reso noto
il comandante Antonio
Dovizio della nave Vega,
giunta nel porto del capoluogo siciliano per
sbarcare i 548 migranti,
tra cui molte donne e 130
minori non accompagnati, soccorsi in due distinte
operazioni. Il comandante ha parlato di condizioni buone, a parte
qualche caso di scabbia e
varicella.

Nessun tipo di focolaio epidemico si verificato nella popolazione in generale

Sono peggiorate le condizioni sanitarie


dei profughi in arrivo, 200 mila individui

Crescono i casi di scabbia tra gli

immigrati in arrivo sul territorio italiano, ma si tratta di una patologia


dermatologica non grave, per la
quale c' una terapia che consiste in
un trattamento una tantum con farmaci o pomate a basso costo, e non
si tratta di una epidemia. Parola del
direttore generale della Prevenzione
Sanitaria del ministero della Salute
Ranieri Guerra che, in conferenza
stampa nella sede di Lungotevere
Ripa, ha tuttavia sottolineato il generale peggioramento, rispetto allo
scorso anno, delle condizioni sanitarie dei migranti in arrivo. Risultano
pi 'pestat, al punto che crescono le
ospedalizzazioni per stati febbrili, le
polmoniti, i traumi, gli interventi pediatrici, e sono gi 323 le gravidanze
registrate dall'inizio dell'anno.
La scabbia, ha osservato Guerra,

non bella da vedere, ma una


patologia banale, con un acaro che
crea prurito, e chi si gratta finisce per
infettarsi con altri batteri, tantopi
in mancanza di acqua e condizioni
igieniche sufficienti. Ma si guarisce
con un trattamento singolo, che solo
nei casi pi manifesti va ripetuto per
debellare definitivamente una patologia che frutto di trasferimenti ammassati e di massicci arrivi. Finch i
migranti sono nei campi di assistenza
- ha sottolineato - la terapia contro la
scabbia viene data, il problema pu
sorgere nella continuit assistenziali. Nelle stazioni andrebbe richiesto
l'intervento delle strutture sanitarie
territoriali.
Sostanzialmente, ha aggiunto il direttore generale del ministero della
Salute, con la fine di Mare Nostrum
qualcosa si inceppato nei control-

li a bordo nave e sono al contempo


peggiorate le condizioni sanitarie dei
profughi in arrivo, 200 mila individui
quelli sottoposti a check sanitario nel
2014 e nel primo semestre 2015. Di
questi 75% sono uomini, 13% donne,
e 12% i minori non accompagnati ha
precisato Guerra. La sorveglianza dei
medici ai confini, sia nei porti che a
terra, permette di isolare le patologie
pi gravi e si pu dire che lo sforzo
dei 30 medici frontalieri che da soli
presidiano alla sorveglianza sanitaria in tutti i porti siciliani stato un
successo. Nessun tipo di focolaio epidemico si infatti verificato nella popolazione in generale. E questo l'evidenza - ha concluso - di nessun tipo
di rischio epidemico. Ma ben venga la
richiesta espressa ieri dal ministro Lorenzin per potenziare con 60 medici i
nostri uffici periferici.

Cronaca di Siracusa 4

Sar

realizzata unattenta verifica di tutte le aree parcheggio del Comune di Siracusa sia
quelle a pagamento sia quelle
libere in modo da individuare
quelle che possono essere destinate a una pi razionale ed efficace sosta dei veicoli. E questo quanto emerso dalla quarta
commissione consiliare, che si
occupa di Viabilit, al termine
della riunione che si svolta ieri
mattina.
La questione stata sollevata
dal consigliere comunale Alberto Palestro che ha approfondito
il tema dellaffidamento del parcheggio di viale dei Lidi a Fontane Bianche, presentando un
apposito ordine del giorno. Da
quel riferimento, il consigliere Giuseppe Casella ha esteso
il dibattito alle presunte violazioni amministrative legate alla
gestione del parcheggio di via
Taormina. Su questarea, gestita
da un privato, si sta verificando,
attraverso gli uffici comunali, il
rilascio della concessione e leventuale scadenza della stessa.
Altro problema, affrontato in
sede di commissione consiliare, presieduta dal consigliere
Gaetano Malignaggi, attiene al
mancato utilizzo dellarea parcheggio di via Tersicore sempre
nella localit balneare di Fontane Bianche. Questarea era stata espropriata dal Comune per
realizzare un parcheggio per gli
autoveicoli, senza per mai essere stato utilizzato per tale de-

Sicilia 25 agosto 2015, marted

Si torna a parlare dellarea adiacente alla stazione

Aree parcheggio,
censimento
del Comune

Ieri la riunione della quarta commissione


consiliare del Comune

stinazione duso. Il consigliere


Rodante ha depositato anche la
richiesta di trattazione del dossier su Fontane bianche in cui si
elencano gli interventi necessari per la realizzazione del piano
particolareggiato della mobilit
della frazione balneare.
Alla presenza del funzionario
comunale, si dato mandato
allamministrazione di verificare
la legittimit degli affidamenti e
della gestione delle aree. E stato
proposto anche un censimento di
tutti i terreni comunali da adibire a parcheggio. Liniziativa
volta ad un miglior servizio ad
incentivare la creazione di nuovi posti di lavoro e a garanzia
di una costante manutenzione
dellarea, spiega il consigliere
Rodante, il quale precisa anche
che il servizio sarebbe affidato

a titolo oneroso e rappresenterebbe unentrata significativa


per il comune, il quale propone
di utilizzare le previsioni in entrata per la creazione di nuovi
stalli gratuiti in citt e in periferia.
Lobiettivo della commissione
di ricavare significativi introiti
nellambito del bilancio comunale, dal rilascio delle concessioni per la gestione dei parcheggi a pagamento. Lesempio
principale costituito dal parcheggio dei pullman di via Augusto Von Platen che, superati i
problemi legati alla gestione da
parte di una societ privata con
lamministrazione pubblica ha
dei riscontri economici considerevoli nel corso dellanno.
Ma si sta lavorando anche per
istituire in citt ulteriori stalli per

il parcheggio dei veicoli a titolo


gratuito, soprattutto nelle zone
cosiddette sensibili. Al momento, lattenzione rivolta su viale
Scala Greca anche se la proposta
della quarta commissione consiliare quella di puntare anche su
altre zone della citt in cui vi
una presenza importante di strisce blu non bilanciate da quelle
bianche in cui il parcheggio avviene a titolo gratuito. Abbiamo
gi da tempo individuato delle
aree inutilizzate che potrebbero
essere trasformate in parcheggi
al servizio della citt dice Rodante Abbiamo pensato di riunirci insieme con i componenti della quinta commissione al
Bilancio, alla presenza del funzionario comunale Vasquez, per
affrontare il nodo in questione e
dare una spinta allaffidamento
delle aree F3 a privati in cambio
di servizi. Il canone di concessione verrebbe esclusivamente
destinato alla realizzazione e
alla successiva manutenzione
dei parcheggi gratuiti. Le aree
dove servirebbero maggiori stalli a titolo gratuito sono quelli a
ridosso delle zone commerciali,
come quella di corso Gelone e
delle vie adiacenti. Le soluzioni
praticabili in tale contesto sono
diverse: dalla villetta di piazza
Adda allarea vincolata adiacente la stazione ferroviaria centrale; da ronco a via Damone per
tutta la zona di viale Zecchino e
via Tisia a quella di viale Scala
Greca.

dellordine sono nuovamente scese in campo per


debellare il fenomeno,
presente nei punti nevralgici della citt.
Il giro di vite stato eseguito dai carabinieri della
Compagnia di Siracusa
sui parcheggiatori abusivi
presenti in citt. I militari
dellArma si sono mossi a
seguito delle numerose rimostranze da parte di cittadini e soprattutto di turisti,
infastiditi dalle continue
richieste, spesso avanzate
con insistenza, di piccole somme di denaro per il
parcheggio della vettura.
Le zone predilette dai parcheggiatori abusivi, perch
pi redditizie, sono quelle
che rappresentano le mete
classiche dei visitatori
come larea archeologica
della Neapolis, quelle di
Riva Nazario Sauro, Riva
della Posta, Belvedere San
Giacomo, oltre che del
Santuario della Madonna
delle Lacrime per non parlare di quella dellospedale
Umberto primo, dove si
recano giornalmente numerose persone a far visita ai pazienti ricoverati.
I carabinieri hanno battezzato queste e altre aree

Carabinieri, giro di vite


sui parcheggiatori
abusivi in citt

In foto, controllo dei carabinieri in Ortigia.

dove hanno attuato uno


specifico servizio di controllo per tutta la serata di
ieri. Quattro i parcheggiatori sorpresi nellesercizio
abusivo della professione,
i quali sono stati identificati e controllati dagli in-

In foto, la galleria San Demetrio.

no in particolare il ripristino
degli impianti di illuminazione, tecnologici e di sicurezza a servizio delle gallerie dellAutostrada Catania
- Siracusa (Rete TEN) e sono
stati programmati a seguito
degli ingenti danni causati
sugli impianti di telecontrollo
e telecamere e dopo i ripetuti
furti dei cavi di alimentazione

in rame sugli impianti di illuminazione. Gli interventi prioritari riguarderanno il ripristino


degli impianti di illuminazione
nelle gallerie Filippella e
San Demetrio in direzione
nord, che saranno accese rispettivamente entro la seconda
settimana di settembre ed entro
il 25 settembre prossimo.
Nellarco di due mesi verr ri-

pristinata lilluminazione anche


delle altre tratte oggetto di furto
e danneggiamento nelle restanti
3 gallerie, sia in direzione sud
che in direzione nord.
Al contempo grazie allimpiego
di pi squadre di lavoro, saranno
ripristinati altres i danni da furto causati in cabina di trasformazione di media e bassa tensione
a servizio della Galleria San
Demetrio ed agli impianti SOS.
Successivamente saranno allestiti i nuovi cantieri di restringimento della carreggiata per
il completamento del ripristino
dei danni cagionati a tutti gli
impianti tecnologici e di sicurezza e per linstallazione di
sofisticati ed innovativi sistemi
utili a scongiurare nuovi episodi
di furto ed il perpetuarsi di atti
vandalici.
La Direzione Lavori provveder
alla verifica settimanale del cronoprogramma allo scopo di ottimizzare gli interventi e ridurre i
tempi di esecuzione.

vestigatori. Nei loro confronti, i militari dellArma


hanno proceduto alla contestazione della violazione
del codice della strada che
prevede una sanzione di
771 euro e il sequestro delle somme trovate in loro

possesso quale provento


dellattivit illecitamente
svolta.
Nel caso specifico, a fronte
di tre parcheggiatori abusivi che avevano racimolato pochi euro, il quarto,
che opera nella zona del

parco della Neapolis, aveva raccolto pi di trecentocinquanta euro, segno che,


soprattutto in presenza di
siti archeologici e di interesse turistico, gli affari
vanno a gonfie vele per i
parcheggiatori abusivi.
Proseguiranno in tal senso
i controlli dellArma nello specifico settore e saranno ancora pi assidui,
con lobiettivo non solo
di ripristinare la legalit
ma anche a contribuire a
rendere pi positiva limmagine della citt agli
occhi dei numerosi turisti
presenti soprattutto nel periodo estivo.
Durante il servizio di ieri
sera, le pattuglie del carabinieri hanno anche
eseguito controlli sulla
circolazione stradale per
reprimere i comportamenti scorretti alla guida, con
particolare riguardo alla
guida in stato di ebbrezza
o sotto effetto di sostanze
stupefacenti. Le verifiche
hanno dato esito negativo.
Complessivamente sono
stati controllati 85 persone
e 67 veicoli. Tre sanzioni
amministrative sono state elevate per guida senza
patente, con utilizzo di telefono cellulare e per conduzione di vettura risultata
priva di copertura assicurativa obbligatoria.

La vittima una donna C.M.C. di 51 anni che risiedeva a Melilli

51enne perde la vita


in un incidente stradale

Gallerie chiuse e colonne Sos guaste


Questa mattina lavvio dei lavori
il tratto autostradale CataniaSiracusa ancora al buio: presto
potrebbero cominciare i lavori
per la messa in sicurezza delle
gallerie e delle colonnine Sos
guaste.
A partire da questa mattina,
dopo le verifiche di rito previste dal protocollo di legalit
Carlo Alberto Dalla Chiesa
(stipulato nel 2005 tra il Ministero dellInterno, lAutorit
di Vigilanza sui Lavori Pubblici, le Prefetture della Sicilia
e la Regione Sicilia), saranno
avviati i lavori di manutenzione straordinaria sullautostrada Catania-Siracusa.
I dettagli sulle varie fasi di
lavorazione sono stati discussi nel pomeriggio presso la
direzione regionale Anas con
limpresa appaltatrice G&G
CEI Srl di Ragusa.
I lavori, per un costo complessivo di oltre 1 milione e
130 mila euro, riguarderan-

Cronaca di Siracusa

Tre sono stati sorpresi durante il controllo


A Siracusa le forze

ripristino degli impianti tecnologici e di illuminazione a servizio delle gallerie

Arriva una buona notizia per

Sicilia 5

25 agosto 2015, marted

E di un morto e di quattro feriti il

Il luogo del sinistro.

bilancio di un incidente stradale avvenuto nel primo pomeriggio nel territorio di Augusta. La vittima una donna C.M.C. di 51 anni che risiedeva a
Melilli. La donna viaggiava su una Fiat
Punto quando, per motivi al vaglio degli agenti della Polstrada, si scontrata
frontalmente con un Suv Toyota Rav 4.
Lepisodio si verificato intorno alle
ore 14 lungo la strada statale 194 allaltezza dellinnesto con la 114, arteria

Tutti andati a buon fine

iverse le operazioni di soccorso che


il personale della Guardia Costiera ha
compiuto nellambito di tutto il Compartimento marittimo di Siracusa durante questo fine settimana.
Nella giornata di venerd scorso la motovedetta CP 304 intervenuta a sud
della Penisola Magnisi al fine di mettere in sicurezza quattro persone a bordo
di una unit da diporto con motore in
avaria. Lintervento stato portato al
termine congiuntamente ad una unit
del Gruppo Barcaioli del complesso
portuale di Siracusa con a bordo personale militare della Capitaneria di Porto.
Due invece le operazioni di soccorso

Guardia costiera
diversi salvataggi
di natanti

condotte nella giornata di sabato. La


prima nelle acque antistanti la costa di
Pachino dove si erano perse le tracce
di un piccolo natante da diporto; la seconda, in prossimit di Capo Murro di

che conduce a Villasmundo. La vittima


conduceva lutilitaria con direzione di
marcia verso Augusta.
Limpatto con il mezzo stato violento.
Ad avere la peggio stata proprio la donna, che ha subito lesioni ad organi vitali e
non c stato nulla da fare. Sono rimasti
feriti, invece, gli occupanti del Suv, tutti residenti a Catania, tra i quali anche
un bambino di appena un anno. Scattato
lallarme, sul posto si sono precipitati i
soccorritori.
Porco, ha invece riguardato la ricerca
di due persone a bordo di un tender che
a causa della sopraggiunta oscurit non
erano pi in grado di rientrare in porto.
In entrambi i casi le unit sono state intercettate e riportate in sicurezza.
Infine, nella giornata di domenica 23
Agosto, il personale della Guardia Costiera di Siracusa intervenuto a seguito del capovolgimento di un natante
allinterno del Porto Grande, fortunatamente privo di conseguenze per coloro
che si trovavano a bordo, per assicurare
il corretto svolgimento delle operazioni di messa in sicurezza della predetta
unit.

cronaca di siracusa 6

Sicilia 25 agosto 2015, marted

25 agosto 2015, marted

L'apertura della caccia vicina. I primi cacciatori potranno iniziare a sparare il 2 settembre

il 31 gennaio, si potr cacciare al di


fuori degli spazi vietati,
per tre giorni a settimana, esclusi il marted e
il venerd. Abbattimenti
dei cinghiali dal primo
novembre
L'apertura della caccia
vicina. I primi cacciatori potranno iniziare a
sparare il 2 settembre. E'
stato pubblicato oggi il
calendario venatorio per
il 2015-2015 e sono previste delle preaperture
alla stagione: dal 2 settembre al 19 settembre si
potr cacciare il coniglio
selvatico. Nei giorni 2, 5
e 6 settembre la tortora e
nei giorni 2, 5, 6 e 13 il
colombaccio. Pubblicato il decreto sull'attivit
venatoria dell'assessora-

to regionale all'Agricoltura. Le aperture vanno


dal 20 settembre, per la
caccia al coniglio, alla
volpe, al colombaccio
e alla quaglia, al primo
ottobre, invece, per la

caccia al merlo, all'allodola, alla cesena e alla


beccaccia. Altre attivit si apriranno il primo
novembre. Le chiusure,
a secondo della specie,
vanno dal 6 dicembre

al 31 gennaio. Si potr cacciare, al di fuori


degli spazi vietati, per
tre giorni a settimana,
esclusi il marted e il venerd. I cacciatori, muniti di tesserino, potranno

sparare nelle zone dove


hanno la residenza e in
altri luoghi, se autorizzati. Disposizioni anche
per la caccia di gruppo:
bisogner indossare un
gilet arancione per essere riconoscibili. Paletti
anche per l'utilizzo delle
munizioni, sono vietati i
pallini di piombo all'interno delle zone umide
per il rischio di inquinamento.
Per ogni giornata di caccia si potranno abbattere
15 capi di selvaggina,
tranne per alcune specie che hanno delle limitazioni maggiori. Si
parla anche di caccia al
cinghiale, nel decreto
dell'assessorato: l'attivit
sar consentita dal primo
novembre al 31 gennaio.

Ad ottobre in programma una replica nella Chiesa Madre di Dio. Poi al via la tourne

Lacrime dAmore. Il primo musical sullevento di Siracusa del 1953

Un applauso lungo, con un po di commozione sui visi, che voleva essere un tributo ad
un gruppo fantastico ma soprattutto un ringraziamento per avere saputo trasmettere il messaggio della Madonna delle Lacrime. Il primo
musical sullevento di Siracusa del 1953, andato in scena ieri sera sul sagrato della cripta
del Santuario della Madonna delle lacrime, ha
fatto emozionare gli oltre mille spettatori accorsi. Una scommessa vinta iniziata cinque
anni, da unidea di Andrea Scorsonelli e Luca
Stante. Il pubblico si lasciato trasportare
dalla storia, lesperienza di conversione di un
giovane turista che stenta a credere alla testimonianza di un anziano devoto che racconta
quei giorni. In primo piano la scelta di Antoni-

na Iannuso, la visita di San Giovanni Paolo II


in occasione della consacrazione della Basilica, nel 1994. Un lavoro di squadra che ha messo in risalto gli arrangiamenti di Massimiliano
Ricciardo, la regia di Enzo Firullo e le coreografie di Tatiana Bonnici. Eccezionale il corpo
di ballo. Tutti i protagonisti si sono accostati
con grande rispetto e fede. Applausi per tutti i cantanti ed in particolare per la splendida
coppia Giulia Parisi e Damiano Restuccia, che
hanno interpretato i coniugi Iannuso.
Nel musical anche diversi video ed un brano
dellomelia di San Giovanni Paolo II quando venne a Siracusa. Lo spettacolo riuscito
nellintento di trasmettere il messaggio delle
lacrime con un linguaggio artistico diverso.

27 agosto ore 20.30 presso lo spazio Impact Hub Siracusa

Il Gusto della Luce


Progetto Expo
e Territori

Dopo il successo degli incontri preceden-

ti, continuano gli eventi de Il Gusto della


Luce, legati al progetto Expo e Territori e promossi dall'Area Marina Protetta
del Plemmirio e dal Comune di Siracusa.
Gioved 27 agosto alle ore 20.30 presso

Impact Hub Siracusa, in via Mirabella


29, si terr una particolare degustazione
che vedr protagonisti i prodotti della nostra terra e la cucina come strumento di
integrazione sociale.
Gli ospiti avranno l'opportunit di conoscere e apprezzare realt del nostro territorio che attraverso il cibo sono riuscite
a creare opportunit di inclusione, coniugando sapientemente i temi della solidariet, della legalit e dell'integrazione a
quanto di eccellente la nostra Isola in
grado di offrire.
Due le realt protagoniste della serata: la

cooperativa sociale 11eleven, un progetto


di imprenditoria sociale che crea opportunit di integrazione, inclusione e lavoro per giovani italiani e stranieri la cui
squadra creativa composta da chef e apprendisti chef di diverse provenienze geografiche (Italia, Maghreb, Africa); e l'associazione comunit terapeutica "CASA
DEI GIOVANI", operante su terreni confiscati alla mafia affidati in gestione dallo Stato, situati in Sicilia nel Comune di
Castelvetrano (TP) dove Francesco Guccione, rinomato vinificatore naturale, supporta l'associazione per formare i giovani
della comunit a coltivare l'uva e produrre
il vino con metodo naturale.

Cronaca di Siracusa

Veglia sotto le Stelle


ricordi e racconti in uno
dei luoghi
della memoria in piazza
Euripide.
Questa sera
Il paese
delle lacrime

Pubblicato il decreto sulla


stagione venatoria. In Sicilia
doppiette in azione
Chiusura

Sicilia 7

In foto, la benedizione del cotone. Sotto,


apertura della teca.

I festeggiamenti per il 62 anniversario


della Lacrimazione di Maria a Siracusa
La

celebrazione eucaristica con la benedizione del cotone ha


aperto ufficialmente i
festeggiamenti per il
62 anniversario della
Lacrimazione di Maria a Siracusa. Solo
una volta lanno viene aperta la teca che
custodisce il quadretto in gesso che pianse lacrime umane: il
rettore del Santuario,
don Luca Saraceno,
ha compiuto il gesto
della benedizione avvicinando il cotone al
volto della Madonna.
In serata, sul sagrato
della cripta, la prima
del musical Lacrime
dAmore.
Ieri sera alle ore
21.00 Veglia sotto le
Stelle ricordi e racconti in uno dei luoghi della memoria in
piazza
Euripide.
Questa sera sempre
alle ore 21.00 Il paese delle lacrime, un
Teatro per bambini e
famiglie a cura della
Kairs di Siracusa
sul sagrato della
Cripta. Un laboratorio, attraverso il
quale i bambini e le
loro famiglie, saranno accompagnati
dentro il misterioso
Paese delle Lacrime,
e le emozioni da esse
espresse, un viaggio straordinario che
Papa Francesco ci invita a fare, per essere

pi pienamente essere umanie proprio i bambini ci insegnano limportanza


del pianto, del pianto
come genuina espressione dei sentimenti.
Un viaggio attraverso
il Paese delle Lacrime,
accompagnati
da personaggi buffi e
misteriosi, uno spettacolo che divertir i
bambini e non solo,
conducendoli verso
la bellezza del "saper
piangere". Mercoled
26 alle 21.00 Il Calvario e la Bellezza.
Larte a servizio della
fede, presentazione
del progetto delle 14
stazioni scultoree della Via Crucis
realizzate dagli studenti delle Accade-

mie di Belle Arti di


Catania e di Palermo
(Salone Giovanni Paolo II).
Don Luca Saraceno
nel corso della sua
omelia ha ricordato la
testimonianza dellallora 63enne Antonia
Capodicasa, comare
e vicina di casa della
sig.ra Antonina Giusto.
Un panno buono e
prezioso per asciugare le lacrime della
Madonna come ricordo e reliquia di
un evento spiazzante,
quasi a voler immortalare e conservare un
flusso inarrestabile di
grazia. Ricordo e reliquia della misericordia di Dio.
Un panno buono e

prezioso come la
bont e la preziosit
di una vita che si fa
spazio accogliente,
come un fazzoletto
di lino inzuppato di
lacrime. Le lacrime
sono una parola che
continua ad ammutolirci.
Una parola su cui vogliamo almeno una
volta lanno soffermarci e che intendiamo ascoltare, vedere
e asciugare. Come
quando ci fermiamo,
vediamo, ascoltiamo
e asciughiamo le lacrime di nostra madre. Una parola dura:
Questa parola
dura! Chi pu ascoltarla?. Ma la parola
dura solo perch
duro lorecchio del

cuore, incapace di
ascoltare. Una parola vitale e una parola
eterna. Esistono poi
altre parole: morbidi
e dolci, ammalianti,
sinuose, che solleticano cuore e ventre,
che suscitano compiacimento e ilarit in
chi le ascolta, ma che
alla fine si rivelano
mortali e sterili".
Quindi don Luca ha
spiegato: "A scuoterci siano le lacrime: scossi dalle lacrime Lasciamoci
scuotere dalle parole
silenziose delle lacrime piuttosto che dalle
sirene strombazzanti
di giudizi temerari, di
chi continua a parlare dicendo che si sarebbe sempre potuto

fare meglio e diversamente, parole pronunciate da chi non


mai contento di niente ma non disposto
a mettersi in gioco,
da chi non sbaglia
mai semplicemente
perch non si muove
dalla poltrona su cui
sprofondato oramai
da tempo parole
tutte queste ahim
tipiche di un atteggiamento fin troppo
siracusano".
Cosa
chiedono le lacrime
di Maria?
"Le lacrime di Maria
chiedono chi oggi
vogliamo
servire.
Servire
significa
seguire, affidarsi a
qualcuno, obbedire
alla sua voce, scommettendo solo su di
lui. Le lacrime di
Maria chiedono di
accogliere il mistero:
Questo mistero
grande: io lo dico in
riferimento a Cristo
e alla Chiesa!. Il
mistero delle lacrime di Maria, come il
mistero dellamore,
davvero grande.
E le lacrime sempre
fanno riferimento a
Ges e alla Chiesa.
E al mistero ci si affaccia e ci si inoltra,
lo si comprende solo
con la fede. Credere non per nulla
semplice. un atto
umano che richiede
schiettezza, semplicit, immediatezza e
fiducia. Esattamente
come il linguaggio
delle lacrime.
Fede guardare con
gli occhi di Ges.
Le lacrime di Maria
domandano: Volete
andarvene anche voi
lontani dal mio Figlio?. Allontanarsi
da Ges significherebbe
allontanarsi
dallUnico che pu
restituirci il senso
della nostra storia.
Molti domandano
il batuffolo di cotone
bagnato dalle lacrime della Madonna.
Ma riflettiamo che
la Madonna ha fatto
cadere le sue lacrime
sul suo cuore immacolato e addolorato,
perch ricadano sui
nostri cuori sinceramente pentiti. Invoco
queste lacrime sui
tanti cuori afflitti dai
disinganni della
vita (Baranzini).

societ 8

Sicilia 25 agosto 2015, marted

Dalla Natura
lEnergia

Il Circolo Culturale Tommaso Gargallo di


Priolo Gargallo
e la societ
di
Consulenza Energetica
ed Ambientale ITES hanno
organizzato un
convegno sulla
valorizzazione
delle biomasse
per la produzione di energia
elettrica. Tema
del convegno
Dalla Natura
lEnergia, la
conferenza si
svolta a Priolo
Gargallo
nei
locali della ex
Banca Sicilcassa in Via Caste
Lentini. Relatori il Dott. Luigi Iannitti della ITES, il dott.
Carmelo Susinni del Circolo
Culturale Tommaso Gargallo,
Il dott. Luciano
Zoia della Biogas
Engineering e lAvv.
Salvatore Imbergamo di Alfasole. il Dott.
Luigi Iannitti
ha relazionato
sulle tecnologie e la normativa al servizio
delle Agroenergie, sulle azioni
per incentivare
la produzione
di energia da
fonti rinnovabili. Il Dott.
Carmelo Susinni ha relazionato sugli aspetti
comportamentali relativi alla
raccolta
differenziata,
in
particolare sulla formazioneinformazione
rivolta ad educare i cittadini
a differenziare
i rifiuti. Il Dott.

Convegno sulla valorizzazione delle biomasse


per la produzione dell'energia elettrica
Luciano Zoia
ha relazionato
sulla progettazione, gestione
e service
di
impianti a Bio-

Monti Climiti,
Societ Mista
per la gestione
del servizio di
igiene ambientale di Priolo

nomici,
oltre
che della comunit politica
regionale,
al
tema della valorizzazione ai

lenergia intende pertanto


sollecitare
gli
operatori
economici e le
forze politiche

Il convegno
ha aperto
liter
di una serie
di progetti
di marketing
territoriale
che si
intedono
realizzare

gas. Ad aprire il lavori il


presidente del
Circolo Culturale Tommaso
Gargallo Angelo Musumeci
per i ringraziamenti rivolti ai
sostenitori del
convegno,
ITES, Alfasole, EIS di Pantano,
Rotary
Club Siracusa

Gargallo, il Comune di Priolo


Gargallo. Presenti lOn. Pippo Gianni e
lOn.
Marika
Cirone Di Marco.
Lo scopo del
Convegno vuole essere la sensibilizzazione
dellopinione
pubblica e degli
operatori eco-

fini energetici
delle biomasse
di scarto, prodotte in grande
misura
dalle
aziende
agricole e forestali,
dalle aziende
zootecniche,
nonch
della
frazione umida
dei rifiuti solidi
urbani.
Il
convegno
dalla
natura

ad abbracciare
con convinzione il principio
che possibile integrare il
reddito
delle
aziende agricole e delle amministrazioni
comunali attraverso il corretto utilizzo degli scarti e dei
sottoprodotti
agricoli, fore-

stali, zootecnici
e della FORSU
(Frazione Organica da Rifiuti Solidi Urbani) attraverso
una serie di testimonianze sui
temi:
- Le tecnologie
e la normativa
al servizio delle
Agroenergie
- La comunicazione
per
la formazione
della coscienza
del recupero e
riuso
- Produzione di
energia da biomasse
allinterno di una
A g r o E n e rg y
Farm
In
particolare sono state
evidenziate le
opportunit
offerte
dalla
normativa vigente in tema
di
incentivazione degli investimenti nel
campo
della
produzione di
agroenergie, lo
stato dellarte
nel campo della produzione
di biogas e biometano e della
gassificazione
delle biomasse
ed un virtuoso
caso di Fattoria
AgroEnergetica.
Il
convegno apre
liter di una serie di progetti
di
marketing
territoriale, che
il
Presidente
Angelo Musumeci e il Dott.
Carmelo
Susinni intendono
realizzare per
proporre il nostro territorio a
nuovi insediamenti produttivi di piccola e
media impresa.

25 agosto 2015, marted

Sicilia 9

SOCIETA'

Ad Expo 2015 nel cluster


Biomediterraneo il Gal Natiblei
I monti Iblei, altipiani calcarei abitati da
millenni, che caratterizzano il cuore del
Sudest dellisola. Un
territorio di scenari
naturali selvaggi e
dolci colline in cui
si leggono i segni
delluomo.
Nelle
pietre della necropoli di Pantalica,
nei muri a secco che
raccontano la civilt contadina, nei
dettagli delle architetture barocche di
Palazzolo Acreide,
inserite nella World
Heritage List dellUnesco. Luoghi in cui
si conserva la genuinit di sapori antichi
e si sperimentano
buone pratiche che
rinnovano la civilt
contadina. Al cluster
Biomediterraneo si
parlato di eccellenze agroalimentari,
come le olive della
cultivar tonda iblea
dal sapore particolarmente
fruttato,
pluripremiate allultimo Sol dOro di
Verona, che ha eletto
Buccheri, paese di
2000 anime, capitale
dellolio extravergine di qualit. E le
arance ovali coltivate nella Valle dellAnapo, una tradizione
riscoperta e valorizzata con laiuto della
grande distribuzione.
Lagenda prevede
laboratori sulla colazione mediterranea,
in cui protagonista
il pane dei Fratelli
Vescera, che hanno
riscoperto due grani
antichissimi, il tumminia e il rossello.
Una base preziosa
per lolio, il miele, le
marmellate di frutta
e le conserve a base
di cipolla di Giarratana, una variet
particolarmente dolce, che presidio di
Slowfood.

Luoghi in cui si conserva la genuinit di sapori antichi


e si sperimentano buone pratiche che rinnovano la civilt contadina
E' stato orgranizzato
anche un intermezzo rinfrescante, con
granite di mandorla, limone e gelsi.
E' avvenuto anche

nella riscoperta dei


prestigiosi cru di
Pachino. Andrea Al
titolare del ristorante Sapori montani, pi volte ospite

riti, piante e percorsi


che producono guarigione; Francesca
Pedalino dellIstituto di bioarchitettura mediterranea, ha

illustrer il segreto
del suo torrone di
mandorle. Tra gli
eventi anche lo show
cooking di una coppia di giovanissimi

Tra gli eventi


anche lo show
cooking di una
coppia giovanissima di
cuochi vincitori del concorso
grastronomico
Terra Matta
In foto, chef Quattropani
il racconto e la preparazione di uno dei
prodotti pi tipici
dellisola secondo le
tecniche dei maestri
delle neviere, tipiche
dellarea iblea.
Allora dello showcooking si sono
esibiti sul palcoscenico del cluster tre
chef davvero deccezione:
Gaetano
Quattropani, stato
premiato titolo di
King of catering
Platinum ovvero
come migliore chef
di catering, durante
lultima edizione di
Le identit golose.
Carmelo
Chiaramonte,
eclettico
cuciniere errante
incuriosito soprattutto dagli aspetti
antropologici e letterari del cibo. Il
suo piatto stato accompagnato dai vini
Ros e Nero Ibleo
dell'Azienda Gulfi, cantina pioniera
nella valorizzazione
del Nero dAvola,
il vitigno a bacca
rossa della Sicilia, e

della trasmissione tv
La prova del cuoco che questanno
( il 15esimo) si
aggiudicato la prestigiosa chiocciola
di Slow food ed
stato scelto come
migliore trattoria da
Best in Sicily, il
premio alleccellenza enogastronomica
del magazine on line
Cronache di gusto.
Nei pomeriggi si
evocato la bellezza
dei luoghi raccontati da Elio Vittorini,
Antonino Uccello,
Vincenzo Consolo,
Giovanni Verga. E
gli interventi sul palco sono stati intervallati da intermezzi
di musica popolare
dei gruppi Nunn
lapa n musca e I
perciazzucca.
Tra i relatori: Paolino Uccello, guida
ambientale e profondo conoscitore degli
itinerari naturalistici
nellarea archeologica di Pantalica e
di Cava grande, ha
raccontato di luoghi,

mostrato le caratteristiche delle architetture rurali tipiche


dellarea iblea, masserie, frantoi e palmenti.
Negli spazi dello
speakeasy si sono
alternati gli interventi delle aziende
dellarea iblea. Si
raccontato lantica tradizione dello
spiritu re fascitrari" che gli apicoltori
di Sortino, citt del
miele, tramandano
da generazioni.
Una ricetta millenaria e segreta, tramandata dalle donne delle famiglie di
apicoltori, rivisitata
dall'azienda Xuto,
che ha prodotto un
distillato di miele
purissimo, Hyblon
che ha esordito con
successo allultimo
Vinitaly.
Sicilian Food company ha presentato Le delizie del
Gattopardo, marmellate e conserve
senza conservanti.
La famiglia Renna

cuochi, vincitori del


concorso gastronomico Terra Matta
ideato dal Consorzio
Chiaramonte, che
ha visto in competizione gli studenti
degli istituti alberghieri siciliani. Le
serate mediterranee
al cluster hanno
visto protagonista
il cantastorie contemporaneo Carlo
Muratori (chitarra
e voce) con un'insolita
formazione
che contamina canzone d'autore, folk
e jazz: Francesco
Cal (fisarmonica),
Rino Cirinn (sax),
Francesco Bazzano
(percussioni). Quattro concerti dal titolo proverbiale: Cu
havi cchi sali conza a minestra. Proverbio siciliano che
significa: chi ha pi
sale prepara, insaporisce, apparecchia,
mette insieme la
minestra. Quel sale
che inteso come
sapienza, ma anche
come pazienza e

scienza del vivere,


descrive in maniera
mirabile la cultura,
la civilt, la sapidit
del popolo siciliano.
Il concerto illustra
questo tema, alternando il piano simbolico a quello del
reale, le metafore
alle istantanee. Di
questo canter Muratori, del vivere e
del
sopravvivere,
spargendo sale beneaugurante dietro
la spalla sinistra,
sua e del pubblico.
SALE, Puro cloruro
di suono sar infatti
il titolo del suo nuovo cd, in uscita a settembre per letichetta EGEA. Ascoltare
i suoi cunti come
immergersi in quel
mare
millenario,
strada e barriera di
culture, come transitare per le trazzere
dellisola, nei suoi
concerti recita versi,
racconta storie sulla cultura della sua
terra.
Al cluster Biomediterraneo di Expo
2015 ha eseguito alcune anteprime del
prossimo lavoro e
brani del suo repertorio, che conta una
dozzina di album. Il
cantautore siciliano
si dedica da oltre 40
anni alla musica tradizionale dellisola,
alternando limpegno nel recupero di
canti della tradizione orale alla composizione di nuove
canzoni. Negli anni
Settanta ha lavorato
a fianco delletnologo Antonino Uccello, nella sua Casa
Museo di Palazzolo
Acreide. Nel 1977
ha formato I Clliri
un gruppo folk, dal
1987 ha iniziato la
sua carriera da solista, collaborando
con Ignazio Buttitta
e Rosa Balistreri.

societ 10

Sicilia 25 agosto 2015, marted

Maurizio Bettini e lappassionante


libro Elogio del politeismo

L'autore afferma anche che il monoteismo ebraico una controreligione


di Paolo Fai

In una recente intervista (La LetturaCorriere della Sera,


n. 163), il decano
dei critici letterari
statunitensi, Harold
Bloom, alla domanda
dellinviata Alessandra Farkas: Crede
in Dio?, ha risposto
che non crede in Yahv (Bloom ebreo),
aggiungendo che il
culto occidentale di
personaggi letterari
chiamati Dio molto
pericoloso e ha creato
una spirale infinita
di guerre, massacri e
violenza, tutti i giorni
sotto i nostri occhi.
Lo sconcertante e
drammatico massacro perpetrato il 7
gennaio scorso a Parigi dal fanatismo
di estremisti islamici franco-algerini ai
danni di giornalisti
e vignettisti della
rivista satirica Charlie Hebdo, mentre
conferma la disincantata affermazione
di Bloom, sollecita
una domanda, molto inquietante, sulla
natura polemica
delle religioni monoteistiche.
Di tutte le tre religioni monoteistiche:
ebraismo, cristianesimo e islamismo,
nellordine in cui,
storicamente, si sono
date. E quando si dice
natura polemica si
intende nel significato proprio dellaggettivo, cio guerresca,
bellicosa.
Basta scorrere le
prime pagine di un
appassionato e ap-

passionante libretto
di Maurizio Bettini,
filologo classico e antropologo del mondo
antico nellUniversit di Siena, Elogio
del politeismo, il
Mulino 2014, pagg.
156, euro 12, per
averne la risposta affermativa. nellatto
di nascita dellebraismo che infatti sta
scritto si legge
nellEsodo, nel precetto che Dio rivolge
a Mos al momento
della consegna delle
Leggi: Io sono il signore, tuo Dio. [].
Non avrai altri di di
fronte a me. Non ti
farai idolo n immagine alcuna di quanto
lass nel cielo n
di quanto quaggi sulla terra n di
quanto nelle acque

sotto la terra. Non ti


prostrerai davanti a
loro e non li servirai.
Perch io, il Signore,
tuo Dio, sono un Dio
geloso. []. Osserva
quel che ti comando
[]. Gurdati bene

dal fare alleanza con


gli abitanti della terra nella quale stai
per entrare, perch
ci non diventi una
trappola in mezzo a
te. Anzi distruggerete
i loro altari, farete a

pezzi le loro stele e


taglierete i loro pali
sacri. Tu non devi
prostrarti ad altro
dio, perch il Signore
si chiama Geloso:
egli un Dio geloso.
Bettini, facendo sue
le argomentazioni
di Jan Assmann sulle forme del monoteismo ebraico e
sui princpi che ne
costituiscono il fondamento, afferma
che il monoteismo
ebraico una controreligione, che in
quanto tale nega ogni
legittimit a tutte le
altre religioni e con
esse alle divinit che
vi sono onorate,
al punto che nel
seguito della storia
culturale, il rapporto
con le divinit degli
altri evolver nel
senso di considerarle
piuttosto falsi di,
o demoni, rispetto
allunico dio che
pu essere ritenuto
realmente tale.
E difatti quellatteggiamento mentale (la distinzione
mosaica la chiama

25 agosto 2015, marted

Quando si dice natura polemica si intende nel significato proprio dellaggettivo, cio
guerresca, bellicosa
Assmann) dallebraismo pass al cristianesimo, se Dante
al suo Virgilio far
dire che visse nel
tempo de li dei falsi
e bugiardi, ma anche allislam, cio
alle due religioni che
dallebraismo si sono
sviluppate e che, nel
mondo contemporaneo, mantengono una
diffusione e unimportanza tali, che
questo zelo esclusivo per la verit della
religione (come lo
chiamava Gibbon)
[] tocca il sentire,
il comportamento e la
vita stessa di milioni
di persone. Insomma, lesclusivit del
proprio Dio rispetto
a quello delle altre
religioni reca in s,
il caso di dire, il peccato originale delle
guerre di religione
(oltre a quelle armate
e sanguinose, che nel
XVII secolo dilaniarono Olanda, Francia,
Spagna e Inghilterra,
ci sono state quelle
teologiche, incruente
ma non meno violente si pensi, allinterno del cristianesimo,
alla questione del
filioque e della
controversia trinitaria e al proliferare di
eresie, e, nellislam,
i contrasti feroci tra
sunniti e sciiti, sorti
alla morte di Maometto e mai sanati),
tra le religioni monoteistiche e contro le
religioni politeistiche
(le conversioni imposte con veri e propri
genocidii ai nativi
americani al tempo
dei conquistadores). Per converso,

le societ politeistiche non hanno mai


praticato guerre di
religione.
Le poleis greche,

gelose della loro


indipendenza, si dichiaravano guerra
per motivi politici
(democrazie vs oli-

garchie). Anche la
guerra tra Greci e
Persiani non fu una
guerra santa, di di
contro di, ma di
princpi etico-politici contrapposti e
inconciliabili: libert
contro dispotismo.
Insomma, il fanatismo religioso era
ignoto ai Greci.
Ma anche ai Romani.
Proprio Roma fornisce anzi lesempio pi esaltante e
lungimirante di sincretismo religioso.
I Romani infatti accoglievano nel loro
pantheon parola
greca di cui si servirono anche per nominare il monumento
di Agrippa, dedicato
a tutti gli di e
davano cittadinanza alle divinit dei
popoli stranieri con
cui venivano a contatto, ampliando senza pregiudizi quel gi
plurale catalogo, in
cui ogni dio aveva le
sue funzioni e i suoi
riti, che convivevano, in pace e senza
gelosia, con quelli
degli altri di. Cos
a Roma, accanto ai
templi a Giove Capitolino, ad Apollo,
a Minerva, venivano eretti santuari a

Sicilia 11

societ

Iside, a Serapide,
alla Magna Mater di
Frigia, e si diffondevano culti misterici,
come quello del dio
persiano Mitra, mai
perseguiti dalle autorit per intolleranza
religiosa. Piuttosto,
precisa Bettini, a
Roma i casi di repressione religiosa hanno
motivazioni prima di
tutto politiche, non
religiose nel senso
moderno del termine, proprio perch
politica in quanto fa
tuttuno con le leggi
e i costumi della citt
la religione dei
Romani.
[Quanto alla satira
ma questo aspetto nel
libro di Bettini non
viene analizzato il
suo inventore, lateniese Aristofane,
sarebbe dovuto andare bruciato vivo,
se ad Atene ci fosse
stata una gerarchia
sacerdotale occhiuta,
da Santa Inquisizione, a guardia delle
norme religiose,
visto che il commediografo, tra i suoi
bersagli prediletti,
metteva proprio gli
di, ridicolizzandoli
senza autocensura.
A Roma le cose non
andavano diversamente. Infatti, a Ovidio, che nelle Metamorfosi manipola
i miti tradizionali
consegnandoci, degli di, ritratti non
convenzionali e impudichi, spesso beffardi, non fu inflitto
da Augusto lesilio
a Tomi, nellattuale
Romania, per questa
sua libert irriverente verso gli di, ma
per il suo licenzioso opuscolo Larte
amatoria, che osava
sfidare la politica
augustea di restaurazione morale, e
per aver favorito la
condotta scandalosa
di Giulia Minore,
nipote di Augusto].

societ 12

Sicilia 25 agosto 2015, marted

25 agosto 2015, marted

RUBRICA A CURA del dr SALVATORE FONTANA

Porte aperte agli immigrati


LItalia che non c

Questa , in sintesi, la realt che emerge dopo fiumi di parole,


senza che si sia approdato a qualcosa di definitivo
LItalia che non c.
Porte aperte agli
immigrati. Questa
la soluzione non
scritta di Bruxelles.
Questa , in sintesi,
la realt che emerge
dopo fiumi di parole,
senza che si sia approdato a qualcosa
di definitivo. Non
nostro intendimento
entrare nel merito
delle proposte, contropoproste e smentite fra i Paesi che
dovrebbero concludere un piano vero
e passare allazione.
Di questa incertezza, gli unici che
dicono s fatto un
passo avanti, sono
la Mogherini, che ha
unespressione visiva da spaventata, e
Alfano, portavoce
di Renzi.
In un nostro precedente pezzo abbiamo detto come
opera un Paese con
indole del facere,
e quelli che non
sanno emergere dal
mare di chiacchiere senza fine. E
dobbligo quindi
calare una verticale fra i due procedimenti, per leggere
bene la situazione
del problema immigrazione. Non
nostro intendimento
enfatizzare in merito
allaccordo raggiunto a Bruxelles. Che
secondo la Mini(e)
stra stato fatto un
passo da gigante avanti, invece,
lEuropa ha deciso
di prendere tempo
sul via libera alluso della forza per
fermare gli scafisti
e ripartire per quote
di 20 mila per ogni

Paese, di quelli gi
in Europa e che meritano asilo politico.
L Inghilterra ha, con
buona pace della
solidariet dellU-

nione Europea, fatto


sapere, che non accetta un immigrato
in pi oltre a quelli
gi residenti nel suo
territorio, e propo-

ne, come soluzione,


senza se, e senza ma,
il respingimento dei
barconi, che tentano
di raggiungere le coste europee, e anche

le carovane che
si dirigono verso il
centro Europa via
terra. Ma, a prescindere dalla posizione
e condizione ingle-

se, ci sono la Danimarca, Irlanda, La


repubblica ceca e la
Slovacchia, che condividono la proposta
del Ministro degli
esteri inglese, come
soluzione unica al
problema e la loro
dichiarata indisponibilit ad accettare
quote di immigrati.
A questo punto viene da chiedersi in
che cosa consiste
il passo avanti da
gigante, dichiarato dalla Mogherini
e Alfano a fronte
dellaffermata differenziata situazione
dei suddetti Paesi; il
nulla e la pochezza
della politica estera
europea, in particolare italiana, se
non il dramma che
lEuropa, e soprattutto lItalia, stanno
vivendo. Noi, al
netto di razzismo,
sentimento settecentesco, se non riesumato nel recente
passato, ci sentiamo
di condividere la
soluzione inglese,
accettata dagli altri
Paesi sopra indicati,
perch risolverebbe
alla radice il problema, e, certamente,
in solido con la Libia. E inutile perdersi in chiacchiere,
procedimento inutile, come la storia
dimostra, se vero,
come dovrebbe essere vero, se purgato
dallipocrisia, che
il vero problema
come salvaguardare
la vita e lesistenza
che le popolazioni di
ogni zona africana
stanno vivendo , con
lacuirsi delle lotte
delle bande armate,
non c soluzione
migliore dellintervento diretto. E se
la vogliamo dire
tutta, additare storicamente chi sono
i responsabili di
questa situazione
che sembrava non
si dovessero ricostituire pi, invece
sono l pi agguerriti
di prima. Tuttavia
le lacrime sul latte
versato, ormai, non

portano a niente.
Bisogna avere la
lealt e il coraggio di
ammettere, checch
ne pensa il dottor
Giorgio Napolitano,
che lEuropa, come
soggetto politico,
non c e non ci sar,
ed consequenziale
quindi che lItalia
si attrezzi e la
Mogherini porti il
problema a Bruxelles e passi la parola
al Governo italiano,
per portare avanti la
proposta inglese, e
fare proseliti fra gli
altri Paesi europei,
perch il problema
non di questo,
o di altro Paese,
continentale non
europeo, nel senso
dei singoli Stati. E
di tutti.
Questa nostra riflessione trova
concretezza nella
situazione che si
venuta a determinare dopo che in
sede parlamentare,
fra i rappresentanti
dei ventotto Paesi
che costituiscono
lUnione Europea,
dopo che avevano
raggiunto un accordo, di ripartire fra
i ventotto, i naufraghi tratti in salvo
dai mezzi navali italiani, e quantaltro,
quasi tutti si sono
sfilati.
Sembrava cosa fatta, macch, esplode
con tutta crudezza
che lUnione Europea esiste soltanto
nei numeri che
elabora la commissione bruxelliana,
la quale dimostra,
a nostro avviso, di
avere valenza di
autorit soltanto in
economia e finanza. Se questo non
vero, o vero il
contrario, cio che la
disciplina di questo
organismo, ha valenza su tutto, come
fanno, o come
possibile che i ventotto, uno dopo
laltro, si stanno
sfilando nellaccettare laliquota di
percentuali di gente
recuperata in mare,

a fronte di una decisione assunta in


sede bruxelliana con
la partecipazione di
tutti i ventotto?!?
Dunque vero e
dimostrato quan-

to abbiamo detto
prima; una verit
che sorge da sola
con una dimostrata differenziazione
etnica dei singoli Paesi europei, e

nessuno si offenda,
se affermiamo che
endemica e dunque insuperabile.
L Europa esiste
in singoli Paesi.
Bisogna prendere

Sicilia 13

otto, semmai ce ne
fosse bisogno, che
l<unione europea
immaginata dal dottor Giorgio Napolitano, nella seconda
fase delle sue previ-

societ

sioni (la prima del


1976 esattamente il
contrario di quella
auspicata in sede di
riflessione successiva) non ci sar mai.
Dopo il susseguirsi
di passi indietro,
e non soltanto da
Cameron, che fa il
Governo italiano?
Con un guizzo di
rispetto di se stesso e
di osservanza anche
di quanto stabilito
e deliberato dalla
Commissione bruxelliana, dovrebbe
mettere in atto lazione del respingimento e la distruzione dei barconi,
ripetuta a iosa dal
Ministro degli esteri
inglesi.
Siamo certi che
Renzi, condizionato com dallala
estremista del suo
partito, che fa il paio
con lanarchia, resta
nel pantano della
pratica del dopo e,
come sempre, del
mai della storica
strategia della sinistra. E allora? Porte
aperte agli immigrati, con la gioia della
Boldrini, la quale
per, col suo buonismo senza limiti e
senza freni, si guarda bene di concedere
qualche camera del
suo appartamento a
qualche persona o
famiglia di immigrati, che fanno le
bizze, perch non
trovano soddisfacenti i servizi di un
albergo a quattro
stelle assegnati e
del men che questo
offre.
C anche questo,
amici lettori. Ci sarebbe da dire, con
grande sorpresa, che
costoro vengono
dal benessere e non
dalla privazione,
consentiteci una stasi dironia.
E sempre attuale
quello e quanto scriveva Dante di Firenze. Renzi se lo dovrebbe ricordare, da
fiorentino, e trarne le
giuste conseguenze.
Esattamente lItalia
di oggi.

cultura 14

E pi che raddoppiato negli ultimi


sette anni il tasso di
disoccupazione nella
provincia di Siracusa.
Si passati infatti
dall11,46 per cento
del 2007 al 23,1 di
questanno.
Nel 2013 nella provincia di Siracusa il
tasso di disoccupazione era stato del 21,6
per cento (+1,3% rispetto allanno precedente).
Il tasso di disoccupazione giovanile (cio
per i giovani di et
compresa fra i 15 e i
24 anni) ha addirittura raggiunto il livello
record del 55,6 per
cento (+4,3 rispetto
allanno precedente).
La richiesta di ore di
cassa integrazione ha
interessato soprattutto ledilizia, con oltre
486 mila ore autorizzate (+ 17% rispetto
allanno precedente).
E lincremento ha riguardato in particolare le ore di Cassa
in deroga. E quanto
risulta dai dati della
Banca dItalia calcolati al giugno 2014. Il
che vuol dire che per
la fine dellanno, con
laria che tira, il dato
potrebbe anche peggiorare.
Daltra parte naturale che in una provincia come questa,
in cui tutti glinvestimenti possibili (e
ce nerano, e ce ne
sono ancora) vengono bloccati, cresca
soltanto la disoccupa-

25 agosto 2015, marted

Sicilia 25 agosto 2015, marted

Negli ultimi
sette
anni pi che
raddoppiato il
tasso di disoccupazione nella
provincia di
Siracusa: dall'
11,46% del
2007 al 21,3 di
questo ultimo
anno
In foto, disoccupata.

Ne lavoro, ne speranza
per oltre il 50%
dei giovani di oggi
zione. E cos velocemente: circa il 2 per
cento di disoccupati
in pi ogni anno. Per
i giovani la disoccupazione aumenta addirittura di oltre il 4
per cento allanno.
Questa potrebbe ancora essere una provincia in controtendenza rispetto alla
situazione di crisi generale per il semplice
fatto che ci sono pro-

getti in attesa di essere realizzati, ci sono


investimenti in attesa
di essere impiegati.
Ma c da chiedersi
fino a quando glinvestitori
superstiti vorranno ancora
aspettare. Dopo aver
perso linvestimento
per il rigassificatore potremo perdere
quelli la piattaforma
Vega B, per i porti
turistici, per il resort

della Pillirina, e altri


ancora.
Per di pi Comuni e
Assemblea regionale
si trastullano in prese
di posizione contro le
trivellazioni petrolifere. Altri politicanti locali sollecitano
la stampa nazionale
per attacchi ai porti turistici, fornendo
peraltro informazioni errate. Quel che
pi grave linerzia

non soltanto della


politica ma anche del
sindacato di fronte a
questo dramma quotidiano.
Il sindacato ignora addirittura i dati
della disoccupazione nella provincia.
E pare preoccupato
soltanto di garantire i
propri assetti interni.
Quattro anni fa si era
solennemente costituito, sotto la inconcludente presidenza
della Camera di commercio, il cosiddetto
Tavolo permanente
per il lavoro e lo Sviluppo della provincia
di Siracusa. Obiettivo
dichiarato: affrontare i temi del lavoro
e dello sviluppo nel
territorio aretuseo.
Partecipanti le associazioni di categoria
(Confindustria, Api,
Cna,
Casartigiani,
Confesercenti, Claai,
Confagricoltura), le
organizzazioni dei
lavoratori (Cgil, Cisl,
Uil e Ugl) e gli ordini
professionali con il
coordinamento della
Camera di commercio. I soci fondatori precisarono in un
documento i singoli
punti da affrontare:

la cassa integrazione,
e quindi la proroga
degli ammortizzatori
sociali; la liquidit
alle imprese, comprese le cartolarizzazioni dei debiti,
laccesso al credito;
lo sblocco dei progetti e lavvio di tutti
quelli gi finanziati e
cantierabili negli enti
locali; la garanzia
dei pagamenti entro i
termini dei 30 giorni
fissati dalla normativa; le infrastrutture,
ad iniziare da viabilit, ferrovia, nodo
autostradale, servizi;
il rilancio del polo industriale, e quindi
lAccordo di programma sulla chimica, rivedendone fra
laltro lapplicazione,
e la questione delle
bonifiche; il rilancio
dellagricoltura con
la promozione delle
produzioni deccellenza del territorio
provinciale: risorse
che possono trovare
una collocazione importante nel mercato
nazionale e in quello
globale; il miglioramento e linvestimento nei servizi, in
particolare alla persona, di fronte ad un
disagio sociale che,
proprio a causa della
crisi e dellarretratezza dei nostri territori, diventa sempre
pi ampio; e infine,
la questione degli investimenti, che deve
vedere le aziende,
sostenute, facilitate
(quindi snellimento
delle procedure), ed
incoraggiate ad investire sul territorio,
nellottica della centralit di quel vasto
sistema del mercato mediterraneo che
guarda al futuro.
Era il 9 novembre
2010. Da allora, pi
di quattro anni dopo
quel solenne documento, non accaduto nulla di nulla. Una
montagna di parole.
Nessun fatto.
Il futuro soltanto
una parola di quel
solenne documento.
La montagna non ha
nemmeno partorito
il classico topolino.
Applausi alla politica, al sindacato e alla
Camera di commercio.

Sicilia 15

SPORT SIRACUSA

Un aspetto del tutto ignorato dalla pur attenta dirigenza azzurra

Le barriere architettoniche
nel restyling del De Simone

Nel progetto di riportare il pubblico allo Stadio non dimenticare


poi, lesigenza di creare provvisori collegamenti domenicali
con le periferie e con i centri provinciali

Con

tutta lattenzione rivolta al


viavai di giocatori in predicato di
vestire la maglia
azzurra e a tutti i
loro pi impercettibili gesti, starnuti e mal di pancia
compresi, nessuno ha accennato
ad un argomento che dovrebbe
stare a cuore oltre ai tifosi anche
alla dirigenza del
Siracusa e che
invece, a quanto
sembra, stato totalmente ignorato.
Eppure non sarebbe stato male se
nel restyling del
De Simone fossero state incluse
le troppe barriere
architettoniche
tuttora
esistenti e che vietano
a molte persone affette da una

qualche disabilit
cronica o temporanea, soprattutto
motoria ma anche
di altra natura, di
recarsi allo stadio.
Passi per i settori frequentati soprattutto dai giovani, ma almeno
per tribuna e gradinata, ove accede
un pubblico pi
adulto, la presenza di un elevatore
potrebbe risolvere
un problema cui
nessuno ha finora
pensato.
Fino alla scorsa
stagione abbiamo
assistito a scene
toccanti di anziani costretti a sobbarcarsi faticose
rampe di scale
per raggiungere il
loro posto senza
poter usufruire di
un minimo aiuto che non fosse

quello di altri tifosi. Altro aspetto che sfuggito allattenzione


della
dirigenza
che la citt, rispetto agli anni
60 in cui allo stadio si registravano punte di 5.000
spettatori, la popolazione era concentrata soprattutto in Ortigia e alla
Borgata Santa Lucia.
Con
la
forte
espansione urbanistica che ha creato periferie fortemente penalizzate
dalla
pochezza
dei trasporti pubblici pi che naturale che sempre
meno gente abbia
la possibilit di
recarsi la domenica allo stadio.
Come si potrebbe intervenire per

In foto, la tribuna del Nicola De Simone.


consentire ai resi- quisto del biglietdenti del Villag- to di ingresso allo
gio Miano, della stadio acquistabiPizzuta, di Scala le in punti vendiGreca, della Fa- ta scaglionati nei
nusa ecc. deside- vari quartieri, il
rosi di assistere che consentireballe partite del be di conoscere
Siracusa
senza per tempo e con
servirsi di mezzi buona approssipropri, per offrire mazione, anche
un collegamento il numero dei tiin andata e ritorno fosi intenzionati
ad usufruire di
per lo stadio?
servizio
In due modi. O questo
sfruttando le na- anche ai fini di
vette
comunali stabilire la cao ricorrendo al pienza del meztrasporto
priva- zo di trasporto.
to. In entrambi i Stessa cosa per
casi a pagamen- la Provincia, oggi
to, con un picco- del tutto trasculo
supplemento rata, dalla quale
da pagare conte- attualmente o si
stualmente allac- parte e si rientra

in auto propria,
oppure non resta
che ricorrere ai
mezzi audiovisivi e alle cronache
del luned per seguire il Siracusa
che anche su questo versante perde spettatori a vista docchio e che
tranne gli appelli
che lasciano il
tempo che trovano, non fa molto
per guadagnarne.
E se da queste
risorse nascoste
si pu ricavare
un incremento di
spettatori, non sarebbe male se fata
Marletta ci facesse un pensierino.
Armando Galea

Mister Alacqua nel primo tempo lascia in panchina molti big

Il Citt di Siracusa si impone con un


netto 3 a 0 sullo Sporting Taormina
Nella quinta uscita stagiona-

le, gli aretusei, davanti a circa


duecento spettatori, sconfiggono nettamente lo Sporting
Taormina che, per tutto larco della gara, non riuscito
ad impensierire un Siracusa
decisamente superiore. Gli
azzurri hanno espresso una
buona mole di gioco, un ottimo possesso palla e hanno
fatto girare bene il pallone
confezionando azioni da applausi.
Mister Alacqua nel primo
tempo lascia in panchina
molti big e schiera i suoi con
il solito 4-3-3. Fra i pali va
il classe 96 Gulisano. In difesa Liistro e Santamaria ai
lati e Orefice e Chiavaro centrali. Centrocampo a tre con

Marullo, Patan e Gallo. In


avanti gli esterni Gennarini
e Figura agiscono a supporto
della prima punta Dezai.
Il Siracusa impone sin da
subito il proprio gioco agli
avversari. Al 15 Dezai ruba
palla in area a Orlando e serve laccorrente Gennarini
che, con un gran tiro, chiama
Saia al miracolo.
Al 23 arriva il gol del vantaggio. Larbitro assegna un
calcio di punizione dai venti metri. Sul punto di battuta
va Chiavaro che serve sulla
fascia sinistra Figura il quale penetra in area di rigore e
appoggia allindietro a Marullo che trafigge il portiere.
Al 30 Gennarini ruba palla
in area a Orlando ma, a due

passi dal portiere, si fa soffiare il pallone da Urso. Al 40


arriva il raddoppio. Figura
serve sulla fascia leccellente
Marullo il quale entra in area
e buca nuovamente Saia siglando una doppietta.
Nella ripresa Alacqua mette in campo tutti i suoi big e
gli aretusei deliziano il pubblico con azioni magistrali.
Al 62 Monterosso ruba palla
al limite dellaria e con una
gran bordata, sfiora il palo
alla sinistra del portiere. Al
67 ci prova Giordano con un
a conclusione che termina a
fil di palo. Tre minuti dopo
gli azzurri confezionano un
azione meravigliosa. Catania
riceve palla a met campo
e pennella per mascara sul-

la fascia destra, il capitano si


accentra e appoggia indietro
allaccorrente Palermo che,
con un gran destro, buca per la
terza volta lestremo difensore
ospite fissando il punteggio sul
definitivo 3 a 0.
Gli undici scesi in campo:
Citt di Siracusa: Gulisano, Liistro, Santamaria, Gallo, Chiavaro, Orefice, Marullo, Patan,
Dezai, Figura, Gennarini. All.
Alacqua.
Sporting Taormina: Saia, Urso,
Orlando, Munaf, Trovato,
Filistad, Emanuele, Platania,
Giannauca, Ancione, Battaglia.
All. Coppa. Gli azzurri torneranno in campo mercoledi 26
agosto 2015, alle ore 17.30,
allo stadio Nicola De Simone, contro il Gela.

Sicilia

SPORT PAGINA 16 25 agosto 2015, marted

Calcio,
il Noto si
aggiudica il
triangolare
battendo
Mascalucia
e Acireale

Si disputato allo

Prosegue la preparazione al lido


Terrazza Fanusa dellOrtigia rosa

e
ragazze
dellOrtigia rosa
si sono ritrovate,
al Lido Terrazza
Fanusa, per una
partitella a mare
in vista dellinizio della nuova
stagione di A2.
Una giornata di
sport e relax,
che ha visto partecipare diverse
atlete di tutte le
et e che stata
utile anche per
rivedersi
dopo
la pausa estiva e
programmare linizio della preparazione.
In questo senso, lallenatrice
Valentina
Ayale, sta lavorando
per
rinforzare
la squadra nei
ruoli
cruciali, contando di
chiudere alcune
trattative
entro
la fine di Agosto.
Non vogliamo
snaturare il progetto iniziale che
ci ha viste ripartire lo scorso anno
ha commentato la Ayale. Per

Lallenatrice Valentina Ayale, sta lavorando


per rinforzare la squadra nei ruoli cruciali
questo motivo, il
nostro interesse
rivolto alle giocatrici siciliane,
perch sono sicura che con impegno, ma pur sempre divertendosi,
saranno capaci di
entrare a far parte di questo bel-

lissimo gruppo.
Vorrei
porgere,
inoltre, i complimenti miei e di
tutte le ragazze,
alle
biancoverdi Paola Todaro,
Giovanna Capuano ed Elena Bacchelli, che hanno
conquistato loro

ai mondiali Master di Kazan, e


ad Agnese Rella
fresca
vincitrice dei Knockout
di Malta, per
aver proseguito
con eccellenti risultati lattivit
agonistica anche
durante lestate

Citt di Siracusa, in arrivo


il bomber Lorenzo Crocetti
U

n nuovo bomber per il Citt di Siracusa.


In arrivo Lorenzo Crocetti. Dalla sua vanta
un curriculum di spessore, con esperienze
anche nelle giovanili nazionali. Classe 83
attaccante nato a Bagno a Ripoli in provincia di Firenze, Lorenzo Crocetti cos
il nuovo terminale offensivo degli azzurri.
Lo scorso anno stato uno dei protagonisti della vittoria del Siena in D. Trascorsi
in piazze importanti per lattaccante toscano si tratta della prima esperienza al
sud. Felicissimo della mia scelta, arrivo
in una piazza prestigiosa. Voglio ricambiare a suon di gol la fiducia di chi mi ha
voluto fortemente in azzurro. La societ
ha inoltre ufficializzato gli arrivi di Agostino Gallo, Simone Figura, Marco Palermo e Dario Patan.

ha concluso.
Prosegue, infine,
la preparazione
della squadra maschile che, gi da
luned,
intensificher il lavoro
con doppie sedute di allenamento. La settimana
prossima, poi, si
aggregheranno
al gruppo anche
i nuovi acquisti
Ivovic, Camilleri
e Casasola.

stadio Bonaiuto
Somma di Mascalucia il triangolare
amichevole a cui
hanno preso parte il
Noto, lAcireale che
milita nel campionato di Eccellenza
e il Mascalucia del
campionato di Promozione. Il Noto
riuscito a vincere i
due incontri da 45
minuti aggiudicandosi il triangolare
amichevole.
Nel primo incontro
il Noto ha battuto
di misura lAcireale. A siglare la rete
della vittoria stato
lattaccante Manfr,
abile a depositare
la palla in rete alla
mezzora di gioco.
Nel secondo incontro il Noto ha
affrontato i padroni
di casa del Mascalucia. La formazione etnea passata
in vantaggio con
Pandolfo, i granata
sono riusciti prima dello scadere a
ribaltare il risultato. Una doppietta
del centrocampista
Lupo ha permesso
di raggiungere la
vittoria.
Battendo entrambe le avversarie il
Noto si aggiudicato il triangolare
amichevole. Buone
le indicazioni per lo
staff tecnico e per
il mister Gaspare
Cacciola che potr
fare tesoro delle informazioni emerse
durante gli incontri
amichevoli. In settimana il Noto ha
anche incontrato il
Palazzolo allo stadio Scrofani Sallustro, la gara si
conclusa 2-2.