Sei sulla pagina 1di 2

Da Dipendenza a Indipendenza

Tutti siamo in qualche modo drogati, non esiste Coscienza nell'universo ad esserne immune.
Siamo scesi in questo mondo per comprendere questa cosa, accorgersene, liberarsene e infine
realizzare i nostri intenti reali, divenire finalmente Indipendenti, sovrani di noi stessi in completa
armonia col Tutto.
In ogni ambiente sociale c' una dipendenza: il professore, il datore di lavoro, i genitori, i figli, il
collega, il giardiniere, il banchiere, il telefonino, la corrente, il cibo, il fidanzato/fidanzata, e cos
via. Ora, non che da un giorno all'altro si manda a quel paese tutte queste cose, ma forse sarebbe il
caso di limitarle prima che sia troppo tardi per non accorgersene pi!
Qualche domanda mi sorge spontanea:
- Come si fa ad essere felici lavorando 6 giorni a settimana 8/9/10 ore al giorno?
- Postare in media 50 cose al giorno su facebook (indifferentemente cosa) normale?
- Stare in contatto col proprio partner tutti i giorni 24 ore su 24?
- Andare a scuola tutta la mattina e poi fare i compiti e studiare tutto il pomeriggio?
- Avere solo la domenica a disposizione per riposare (forse) e stare coi propri figli?
- E' davvero questa la VITA? C' davvero LIBERTA'?

Quando parliamo di dipendenze pensiamo subito e soltanto alla droga, al gioco,


all'alcol, ecc...
Invece ben poco si parla di dipendenze legate al lavoro, al computer, ai giochi,
ecc...
Un uomo Cosciente non dovrebbe lavorare pi di tre o quattro ore al giorno
oppure lavorarne anche sei o otto, ma in modo realmente consapevole. La
maggior parte delle persone lavora per conto di altri e NON per se stesse ed gi
questa una tristezza. Un lavoratore (che sia operaio, impiegato, dirigente, direttore, contabile,
scienziato, ecc...) dovrebbe guadagnare un minimo di quattromila euro mensili netti e invece ci si
accontenta di una cifra enormemente pi bassa. Questo giochino diabolico fa si che la gente non
pensi alle cose belle della Vita, ma che al contrario preghi il suo superiore che non lo licenzi! E'
pazzesco tutto questo, e poi mi si viene a dire quanto orrenda era la schiavit nell'antico Egitto...
sono cambiati i tempi ma gli schiavi ci sono sempre.
Il mondo un lager dove ogni individuo una batteria per alimentare i potenti che se ne sbattono
della libert e felicit altrui, questo perch semplicemente anche loro sono incoscienti, infelici ed
approfittatori (vedi Matrix).
Piccolo intermezzo personale in tema dipendenze
Credo che le persone che veramente si comprendono non
abbiano bisogno di parlare pi di tanto, perch la vera
comunicazione va aldil delle parole. Ormai mi rifiuto
categoricamente di chattare/messaggiare con persone che
vanno avanti a papiri chilometrici per cercare di dirsi/dirmi
qualcosa, stesso discorso vale per le telefonate troppo lunghe
(da pochissimi giorni ho chiuso un rapporto con un tizio, anche
di un certo livello sociale, che mi teneva tra i 30 e i 45 minuti al
cellulare e mi mandava una media di 3/5 sms al giorno).

Nei rapporti interpersonali che sto avendo in questi ultimi anni, noto che molte persone hanno una
gran voglia di scoprire se stessi, sfogarsi, liberarsi e confidarsi. Ovviamente va bene purch non
diventi per me una sorta di dipendenza o che si tramuti il tutto in perdita di troppo tempo ed energia.
Gradirei che d'ora in poi le persone mi chiamino semplicemente per fare una camminata o per bere
un caff, senza una ragione precisa, senza troppi programmi, secondi fini (consci ed inconsci), ecc...
Riassumendo un po' sta cosa nel mio dialetto bisiaco:
uscimo e 'ndemo dove te vol, parlemo anche de tut, basta che no te rompi i coioni! (non credo
servano traduzioni :-D)
Come ho scritto in qualche precedente articolo, questa
pseudo crisi ci da la grandissima opportunit di
cambiare veramente le cose, ma solo se abbiamo il
coraggio di riprenderci in mano la Vita. Tuttavia alla
maggior parte della gente poco importa tutto ci che fino a
che avr un pasto caldo e un tetto sotto in cui dormire. Le
televisioni promettono da ANNI che le cose andranno
meglio, che la crisi finita ed altre balle galattiche e
PSICOPATICHE,
architettate
ed
impacchettate
furbescamente per il gregge; ricordiamoci che i potenti
restano tali perch il popolo glielo permette! Quindi oggi
come oggi non servono pi manifestazioni, proteste,
presidi, violenze, ecc... Servirebbe semplicemente che ognuno diventi Consapevole e Cosciente di
se stesso. Se ci avvenisse avremmo una societ veramente felice, senza conflitti, autonoma e
armonica nel giro di pochissimo tempo. Personalmente ci credo e non vedo utopia alcuna, se non
barriere e limitazioni della mente!
La ricetta pi o meno sempre quella: Conosci te stesso qui e ora e... senza rimandare!!! :)
Grazie!
Buon tutto e buona indipendenza! :-)
10 agosto 2015