Sei sulla pagina 1di 7

ILNUOVOCALCIO LE PAROLE CHIAVE

Giochi ed esercitazioni legati al carico di allenamento e a termini specifici

a cura di

VERTICE!

PU ESSERE BASSO O ALTO. IL GIOCATORE CHE SI PONE SOPRA O


SOTTO LA LINEA DELLA PALLA PER AIUTARE LO SVILUPPO DEL GIOCO.
QUATTORDICI ESERCITAZIONI IN PROGRESSIONE PER INSEGNARE
QUESTI MOVIMENTI AI PROPRI GIOCATORI. LA PROVA DEL NOVE.
ANDREA CRISTI
ALLENATORE DEI GIOVANISSIMI REGIONALI DEL BOLOGNA. DIPLOMATO ISEF E
ALLENATORE DI BASE UEFA.
DOCENTE PRESSO LA FACOLT
DI SCIENZE MOTORIE DI BOLOGNA (CORSO DI CALCIO).

MASSIMO DE PAOLI
ALLENATORE DEI GIOVANISSIMI NAZIONALI DEL BRESCIA,
CAMPIONE DITALIA
NEL 2005-06 CON QUELLI
DELLINTER, IN POSSESSO
DEL PATENTINO DI SECONDA
CATEGORIA. LAUREATO IN
ARCHITETTURA.

ra le molteplici definizioni
della voce vertice presenti
nel vocabolario della lingua
italiana una di queste recita: In
geometria il vertice il punto dincontro degli spigoli, e in particolare con riferimento al triangolo,
quello opposto alla base, quando
questa sia disposta orizzontalmente. In questa descrizione compaiono i due parametri che
caratterizzeranno tutte le attivit
analizzate in questa progressione. Il
primo costituito dalla base, che
nel nostro caso sempre rappresentata, sia nelle forme statiche sia in
quelle dinamiche, dalla linea della
palla parallela a quella di fondocampo o dello spazio di gioco; il
secondo rappresentato dalla presenza di un giocatore al di sopra o
al di sotto della linea stessa, il cosiddetto vertice opposto alla
base. , quindi, di estrema importanza visualizzare la linea della
palla per assumere una posizione
che favorisca un passaggio di scarico (nel caso di vertice basso) o
uno in profondit (vertice alto).

Vertice basso
La parola chiave vertice basso
presuppone limpossibilit di procedere in avanzamento nello sviluppo
del gioco. Nei giovani calciatori risulta difficoltosa la percezione dello
spazio al di fuori del proprio campo
visivo e, essendo spesso orientati
verso la porta avversaria, quasi mai
effettuano giocate in arretramento o
trasmissioni di scarico che necessitano di due componenti:
un giocatore che si pone al di
sotto della linea della palla, il riferimento spaziale per individuare il
vertice;
la consapevolezza del giocatore
con la sfera dello spazio non compreso nel suo campo visivo, ovvero
la percezione dello spazio posto alle
sue spalle.
96 / IL NUOVO CALCIO

Vertice alto
La parola chiave vertice alto
strettamente correlata alla capacit
di occupare uno spazio oltre la
linea della sfera. Due sono le possibilit per assumere una posizione
di vertice alto: la prima, in forma
statica, si verifica nel caso in cui il
giocatore si trova gi oltre la linea
della sfera (si pensi, ad esempio, a
una punta centrale al limite dellarea rispetto a un centrocampista
in possesso). La seconda, in forma
dinamica, accade quando un giocatore in linea con il pallone o dietro
lo stesso attacca lo spazio e si pone
come vertice alto per favorire giocate in profondit.

La progressione
proposta
In conseguenza a quanto detto, abbiamo strutturato la progressione
con una serie di esercitazioni e attivit che interessassero tutti gli
aspetti analizzati. Le prime due proposte, a tre giocatori, sono riferite al
concetto di vertice basso (1) e alto
(2), sia in forma statica sia dinamica. I tempi per la ricerca del vertice in funzione di passaggi sul
lungo e sul corto caratterizzano
quella successiva (3), mentre nelle
4, 5 e 6 stata introdotta la possibilit di ricercare contemporaneamente un vertice alto e uno basso,
dapprima in forma statica, poi dinamicamente. Lutilizzo della parola
chiave vertice!, in situazioni di
gioco sviluppate in funzione di uno
spazio definito, castello, interessano
le esercitazioni 7 e 8 a quattro giocatori; nella prima le attivit vengono svolte da un reparto, mentre
nella seconda da una catena. in
questa fase che la parola chiave
viene associata ai principi di tattica
collettiva, oltre che a quella individuale. Nei restanti esercizi tutto ci
viene sviluppato in esercitazioni e
partite a tema.

Foto: Italyphotopress

Parliamo del Vertice


una parola chiave prevalentemente utilizzata
nello sviluppo della fase di costruzione per definire il tipo di passaggio (1, 3) o i movimenti
senza palla (2, 4). Questa parola pu avere
anche correlazione con gli spazi di gioco (5) i
tempi (6) e le strategie (7). In fase difensiva, pu
essere usata per il giocatore su cui portare la
marcatura o lanticipo (8).
1 Vertice basso: trasmissione della palla a un
compagno posto sotto la linea della palla.
2 Movimento del vertice basso: spostamento
senza palla di un giocatore che si dirige dietro la
linea della palla verso lelemento in possesso.
3 Vertice alto: trasmissione della palla a un
compagno posto sopra la linea della palla.
4 Movimento del vertice alto: movimento di
un giocatore che si dirige davanti alla linea della
palla, allontanandosi dallelemento in possesso.
5 Vertice in: correlazione fra la ricerca del
vertice e lo spazio di gioco occupato. Ad esempio: vertice in fascia, vertice in costruzione e vertice in castello.
6 I tempi del vertice: correlazione fra i tempi
del passaggio al vertice e lutilizzo delle parole
chiave. Ad esempio: vertice alto sul lungo, vertice alto sul corto. Questo tipo di comunicazione
ha come referente il gruppo senza specificare n
chi deve effettuare il lungo n quando effettuarlo; sar la squadra a decidere le modalit con
le quali raggiungere tale obiettivo.
7 Vertice in funzione della strategia: ricerca
dello sviluppo del gioco in relazione alla parola
chiave, collaborando secondo il reparto o la catena di gioco.
8 Marcare un vertice alto o basso: espressione
per indicare a un difensore o a una linea difensiva la marcatura dei giocatori che effettuano
movimenti da vertice basso o alto.

IL NUOVO CALCIO / 97

ILNUOVOCALCIO LE PAROLE CHIAVE


Scheda 1

TIPOLOGIA A-B1-B2
ESERCITAZIONI: RITMICHE SENZA PALLA; RITMICHE CON PALLA (TECNICA);
RITMICHE CON PALLA (TATTICA INDIVIDUALE)
VERTICE BASSO (PRIMA FASE). MOVIMENTO SUL VERTICE BASSO
Livello 1: carico cognitivo basso e metabolico
basso.
Obiettivi: apprendere il concetto di vertice
basso; sapersi muovere sotto la linea della
palla per ricevere.
Parametri
Spazio di gioco: 12 x 20 metri. Rapporto
gruppi che lavorano e recuperano: tutti lavorano. Modalit di spostamento: vai e
torna. Stile di corsa: frontale. Tipo di partenza: da fermo; in movimento. Posizione di
partenza: frontale. Postura iniziale: in piedi.

Fase iniziale: corsa in arretramento. Fase


centrale: passaggio. Fase finale: corsa in
avanzamento.
Svolgimento: B con una corsa in arretramento si posiziona sotto la linea della palla
rispetto ad A e C per ricevere e trasmettere;
successivamente corre in avanzamento per
riallinearsi ai compagni (esercitazione statica). A, B e C (con palla) si muovono in
avanzamento; B esegue una corsa in arretramento per ricevere sotto la linea della sfera e
poi trasmetterla al compagno a destra o a sinistra (esercitazione dinamica).
Scheda 2

TIPOLOGIA A-B1-B2
ESERCITAZIONI: RITMICHE SENZA PALLA; RITMICHE CON PALLA (TECNICA);
RITMICHE CON PALLA (TATTICA INDIVIDUALE)
VERTICE ALTO (SECONDA FASE). MOVIMENTO SUL VERTICE ALTO
Livello 1: carico cognitivo basso e metabolico
basso.
Obiettivi: apprendere il concetto di vertice
alto; sapersi muovere sopra la linea della
palla per ricevere o creare spazio.
Parametri
Spazio di gioco: 12 x 20 metri. Rapporto
gruppi che lavorano e recuperano: tutti lavorano. Modalit di spostamento: vai e
torna. Stile di corsa: frontale e incrociata.
Tipo di partenza: da fermo; in movimento.
Posizione di partenza: frontale. Postura iniziale: in piedi.

Fase iniziale: corsa in avanzamento. Fase


centrale: passaggio. Fase finale: corsa in arretramento.
Svolgimento: B con una corsa in avanzamento si posiziona sopra la linea della palla
rispetto ad A e C per ricevere e trasmettere
la sfera; poi, corre in avanzamento per riallinearsi ai compagni (esercitazioni statica). A, B
e C (con palla) si muovono in avanzamento;
B esegue una corsa in avanzamento sopra la
linea della sfera, per ricevere e poi trasmettere al compagno a destra o sinistra (esercitazione dinamica).
Scheda 3

TIPOLOGIA A-B1-B2
ESERCITAZIONI: RITMICHE SENZA PALLA; RITMICHE CON PALLA (TECNICA);
RITMICHE CON PALLA (TATTICA INDIVIDUALE)
TEMPI DEL VERTICE (TERZA FASE). MOVIMENTO DEL VERTICE ALTO. MOVIMENTO SUL CORTO
Livello 1: carico cognitivo basso e metabolico
basso.
Obiettivi: i tempi del vertice; apprendere il
concetto di vertice alto; muoversi sopra la
linea della palla per ricevere o creare spazio.
Parametri
Spazio di gioco: 12 x 20 metri. Rapporto
gruppi che lavorano e recuperano: tutti lavorano. Modalit di spostamento: vai e torna.
Rapporto palla/giocatori: 1 a 3. Modalit
esecutive: con la palla e con i piedi.

98 / IL NUOVO CALCIO

Fase iniziale: corsa in avanzamento e movimento sul corto. Fase centrale: passaggio.
Fase finale: corsa in arretramento.
Svolgimento: B con una corsa in avanzamento
si posiziona sopra la linea della palla rispetto
ad A e C, esegue un cambio di senso per ricevere sul corto e ritrasmettere palla; poi, corre
in avanzamento per riallinearsi (esercitazioni
statica). A, B e C (con palla) si muovono in
avanzamento; B esegue una corsa in avanzamento e, dopo un cambio di senso, riceve
sopra la linea della sfera; poi trasmette al compagno a destra o sinistra (esercitazione dinamica).

Le esercitazioni sul Vertice!

Scheda 4

TIPOLOGIA B3
ESERCITAZIONI CON PALLA (TATTICA DI REPARTO)
MOVIMENTI SOPRA E SOTTO LA LINEA DELLA PALLA
Livello 2: carico cognitivo medio e metabolico basso.
Obiettivi: tempi del vertice; apprendere il
concetto di vertice basso e alto; muoversi
sotto e sopra la linea della palla per ricevere o
creare spazio.
Parametri
Spazio di gioco: 18 x 24 metri. Rapporto
gruppi che lavorano e recuperano: tutti lavorano. Modalit di spostamento: vai e torna.
Rapporto palla/giocatori: 1 a 4.

Svolgimento: i giocatori si dispongono in


linea e durante lesercitazione non possono
mai effettuare passaggi orizzontali. B si
muove sotto la linea della palla (vertice basso),
C sopra (vertice alto). In questa situazione di
reparto, il vertice lelemento vicino alla palla,
quindi B diviene vertice per A, C per D. B,
dopo aver ricevuto, trasmette la sfera ad A;
poi, i 4 giocatori si riallineano, B con una corsa
in avanzamento, C con una in arretramento
(esercitazione statica).

Scheda 5

TIPOLOGIA B3
ESERCITAZIONI CON LA PALLA (TATTICA DI REPARTO)
MOVIMENTI SOPRA E SOTTO LA LINEA DELLA PALLA
Livello 2: carico cognitivo medio e metabolico basso.
Obiettivi: i tempi del vertice; apprendere il
concetto di vertice basso e alto; muoversi
sotto e sopra la linea della palla per ricevere o
creare spazio.
Parametri
Spazio di gioco: 18 x 24 metri. Rapporto
gruppi che lavorano e recuperano: tutti lavorano. Modalit di spostamento: vai e torna.
Rapporto palla/giocatori: 1 a 4. Modalit

esecutive: con la palla e con i piedi.


Svolgimento: i giocatori si dispongono in
linea e durante lesercitazione non possono
mai effettuare passaggi orizzontali. B si
muove sotto la linea della palla (vertice basso),
C sopra (vertice alto). In questa situazione di
reparto, il vertice lelemento lontano alla
palla, quindi C diviene vertice per A, B per D.
B, dopo aver ricevuto, trasmette la sfera ad A;
poi, i 4 giocatori si riallineano, B con una corsa
in arretramento, C con una in avanzamento
(esercitazione statica).

Scheda 6

TIPOLOGIA B3
ESERCITAZIONI RITMICHE CON PALLA (TATTICA DI REPARTO)
MOVIMENTI SOPRA E SOTTO LA LINEA DELLA PALLA
Livello 2: carico cognitivo medio e metabolico basso.
Obiettivi: scorrimento utilizzando sia il vertice
alto sia quello basso. Sfruttamento dei vertici
per conquistare spazio in ampiezza e profondit.
Parametri
Spazio di gioco: 24 x 16 metri. Rapporto
gruppi che lavorano e recuperano: tutti lavorano. Modalit di spostamento: vai e torna.
Rapporto palla/giocatori: 1 a 4. Modalit
esecutive: con la palla e con i piedi.

Svolgimento: i giocatori si dispongono in


linea e durante lesercitazione non possono
mai effettuare passaggi orizzontali. B si
muove sopra la linea della palla (vertice alto),
mentre C sotto (vertice basso). In questa situazione di reparto, il vertice alto riceve da A.
Simula una giocata chiusa, quindi controlla
e trasmette a C, il quale serve in ampiezza D.
Lesercitazione termina con il riallineamento
dei giocatori. Si riparte dalla fascia opposta
(esercitazione dinamica).

IL NUOVO CALCIO / 99

ILNUOVOCALCIO LE PAROLE CHIAVE


Scheda 7

TIPOLOGIA C
ESERCITAZIONI RITMICHE IN CASTELLO
MOVIMENTO SOPRA E SOTTO LA LINEA DELLA PALLA
Livello 3: carico cognitivo medio e metabolico medio.
Obiettivo: ricerca dei due vertici, basso e alto,
in castello (esercitazione ritmica di reparto).
Parametri
Spazio di gioco: 24 x 16 metri. Rapporto
gruppi che lavorano e recuperano: 2 a 2.
Modalit di spostamento: interscambio. Rapporto palla/giocatori: 1 a 4. Modalit esecutive: con la palla e con i piedi.

Svolgimento: il reparto composto dai due


esterni bassi (destro e sinistro) e da due centrali. Lesterno destro A, con palla, conduce
palla; alla parola chiave chiuso!, gioca al
primo vertice basso B, in castello; questo riceve e passa al centrale C, posizionatosi da
vertice alto. C conduce fuori dal castello per
servire D del gruppo opposto. Lesercitazione
ritmica continuer senza soluzione di continuit.

Scheda 8

TIPOLOGIA C
ESERCITAZIONI RITMICHE IN CASTELLO
MOVIMENTI SOPRA E SOTTO LA LINEA DELLA PALLA
Livello 3: carico cognitivo medio e metabolico medio.
Obiettivo: ricerca dei due vertici, basso e alto,
in castello (esercitazione ritmica sulla catena).
Parametri
Spazio di gioco: 24 x 16 metri. Rapporto
gruppi che lavorano e recuperano: 2 a 2.
Modalit di spostamento: vai e torna. Rapporto palla/giocatori: 1 a 4. Modalit esecutive: con la palla e con i piedi.

Svolgimento: si prepara una catena composta


da esterno basso (A), esterno alto (C), centrale
(B) e attaccante (D). Lesterno basso trasmette
alla punta sul corto in castello, il centrale entra
in castello come vertice basso per ricevere
palla e trasmetterla allesterno alto. Questo ha
ricercato la massima ampiezza rispetto al
cono (esercitazione A). Variante: il centrale
effettua un passaggio sul lungo per lesterno
alto (esercitazione B).

Scheda 9

TIPOLOGIA D
ESERCITAZIONI IN CASTELLO E ZONA CIECA
MOVIMENTI SOPRA E SOTTO LA LINEA DELLA PALLA
Livello 4: carico cognitivo alto e metabolico
medio.
Obiettivo: ricerca del vertice basso in zona di
costruzione e in castello da parte dei due centrocampisti centrali.
Parametri
Spazio di gioco: 24 x 16 metri. Rapporto
gruppi che lavorano e recuperano: tutti lavorano. Modalit di spostamento: vai e torna.
Rapporto palla/giocatori: 1 a 8. Modalit
esecutive: con la palla e con i piedi.

100 / IL NUOVO CALCIO

Svolgimento: lesercitazione si sviluppa in castello e in zona cieca con 8 giocatori. Il centrale B trasmette allesterno basso (A) e si
muove a sostegno diventando il vertice basso
in zona di costruzione; A trasmette sul corto
in castello alla punta F. Il centrale C entra in
castello (vertice basso) per ricevere lo scarico
e servire sul lungo E, inseritosi in zona cieca.
Lesercitazione si conclude con cross e conclusione da parte di F, G e H.

Le esercitazioni sul Vertice!

Scheda 10

TIPOLOGIA D
ESERCITAZIONI IN CASTELLO E ZONA CIECA
MOVIMENTI SOPRA E SOTTO LA LINEA DELLA PALLA
Livello 4: carico cognitivo alto e metabolico
medio.
Obiettivo: ricerca del vertice basso in castello
della punta.
Parametri
Spazio di gioco: 24 x 16 metri. Rapporto
gruppi che lavorano e recuperano: tutti lavorano. Modalit di spostamento: vai e torna.
Rapporto palla/giocatori: 1 a 8. Modalit
esecutive: con la palla e con i piedi.

Svolgimento: lesercitazione si sviluppa in castello e in zona cieca con 8 giocatori. Il centrale (B) trasmette allesterno alto (E); la punta
(F) si muove in castello a sostegno dellesterno
alto (vertice basso). Riceve la giocata e lancia
sul lungo in zona cieca per linserimento di G
o E.

Scheda 11

TIPOLOGIA C
ESERCITAZIONI RITMICHE IN CASTELLO
MOVIMENTI DIFENSIVI SOPRA E SOTTO LA LINEA DELLA PALLA
Livello 4: carico cognitivo medio e metabolico medio.
Obiettivo: marcare un vertice basso e uno
alto.
Parametri
Spazio di gioco: 24 x 16 metri. Rapporto
gruppi che lavorano e recuperano: tutti lavorano. Modalit di spostamento: vai e torna.
Rapporto palla/giocatori: 1 a 4. Modalit
esecutive: con la palla e con i piedi.

Svolgimento: il reparto difensivo ora composto dallesterno alto sinistro (D1), dai due
centrocampisti (D2 e D3) e dallesterno alto
destro (D4); si scaglionano per marcare i vertici alto e basso, difendendo la propria porta.
Quando lattaccante A riceve, D1 esce e assume una posizione antero-posteriore; D2 attacca il vertice basso fuori dal castello, mentre
D3 accompagna lattaccante C in castello,
marcando il vertice alto. D4 entra in castello
per offrire copertura ai compagni.

Scheda 12

TIPOLOGIA E
ESERCITAZIONI A TEMA
MOVIMENTI SOPRA E SOTTO LA LINEA DELLA PALLA
Livello 4: carico cognitivo alto e metabolico
medio.
Obiettivi: ricerca di due vertici bassi per la
conclusione a rete. Tiro in porta.
Parametri
Spazio di gioco: una met campo. Rapporto
gruppi che lavorano e recuperano: tutti lavorano. Modalit di spostamento: vai e torna.
Rapporto palla/giocatori: 1 a 4. Modalit
esecutive: con la palla e con i piedi.

Svolgimento: B trasmette la palla ad A in fascia per poi ricercare la posizione di vertice


basso e ricevere il passaggio di ritorno sotto la
linea della palla. Ricevuta la sfera, serve lattaccante C. D esegue un secondo movimento da
vertice basso, controlla il pallone (quarta giocata) e conduce al limite dellarea, pronto a
concludere in porta. C, dopo la trasmissione a
D, esegue una rotazione e si prepara alla ribattuta.

IL NUOVO CALCIO / 101

ILNUOVOCALCIO LE PAROLE CHIAVE

Le esercitazioni sul Vertice!


Scheda 13

TIPOLOGIA F
PARTITA A TEMA BACK TO BACK
MOVIMENTI SOPRA E SOTTO LA LINEA DELLA PALLA
Livello 5: carico cognitivo alto e metabolico
alto.
Obiettivi: ricerca dei vertici bassi per la costruzione del gioco.
Parametri
Spazio di gioco: una met campo. Rapporto
gruppi che lavorano e recuperano: tutti lavorano. Modalit di spostamento: vai e torna.
Rapporto palla/giocatori: 1 a 8. Modalit
esecutive: con la palla e con i piedi.

Svolgimento: si gioca 4 >4 in uno spazio diviso in due parti uguali. I rossi, in possesso,
cercano di segnare al portiere giallo. Al cambio, dato dallallenatore, la squadra con la
sfera deve velocemente occupare la met
campo libera e realizzare una rete nella porta
opposta al fronte di gioco precedente. In questo gioco, si costringono i calciatori a ricercare
velocemente almeno un vertice e possibilmente due ampiezze per ripartire con una
nuova azione.

Scheda 14

TIPOLOGIA F
PARTITA A TEMA BACK TO BACK 2
MOVIMENTI SOPRA E SOTTO LA LINEA DELLA PALLA
Livello 5: carico cognitivo alto e metabolico
alto.
Obiettivo: ricerca di vertici bassi per la costruzione del gioco.
Parametri
Spazio di gioco: una met campo. Rapporto
gruppi che lavorano e recuperano: tutti lavorano. Modalit di spostamento: vai e torna.
Rapporto palla/giocatori: 1 a 14. Modalit
esecutive: con la palla e con i piedi.

Svolgimento: si gioca 7>7 in uno spazio diviso in due parti di diversa dimensione (1/3 e
2/3 di campo). I rossi, con palla, disputano
una mini-partita nello spazio stretto per segnare al portiere giallo. Al cambio dato dallallenatore, la squadra con la sfera deve
velocemente occupare la met campo libera
(spazio largo) e dovr segnare nella porta opposta al fronte di gioco precedente. In questo
gioco, si costringono i calciatori a ricercare velocemente almeno un vertice e possibilmente
due ampiezze per ripartire con una nuova
azione.

La prova del nove SI TRATTA DI UNA SERIE DI ESERCITAZIONI, GI SPERIMENTATE NEL CORSO DELLA PROGRESSIONE, IN CUI VI

SPIEGHIAMO COSA OSSERVARE PER COMPRENDERE SE LA PROPOSTA STATA METABOLIZZATA DAI GIOCATORI. UN MOMENTO PER RIFLETTERE ED
ESAMINARE IL PROPRIO LAVORO, PER CAPIRE SE SI PU PROSEGUIRE VERSO NUOVE DIFFICOLT OPPURE SE NECESSARIO UN PASSO INDIETRO.

PRIMO STEP
I tempi e il movimento del vertice alto
I giocatori devono dimostrare di aver appreso i
diversi tempi di smarcamento sul vertice, riferiti alla capacit di visualizzare gli spazi in funzione del movimento sul vertice alto. I tempi
di passaggio possono essere uno o due. I movimenti possono essere sul vertice e sul corto.
102 / IL NUOVO CALCIO

SECONDO STEP
Movimento sotto e sopra la linea della palla
Fase offensiva: scaglionarsi ricercando linee di
passaggio diagonali, muovendosi sotto la linea
della palla (vertice basso) e sopra la stessa (vertice alto).

TERZO STEP
Gli spazi e lo sviluppo dei vertici
I giocatori devono dimostrare di aver appreso i
movimenti relativi ai vertici basso e alto in relazione a spazi precisi di gioco: vertice in costruzione, vertice in castello, vertice sul lungo in
fascia.