Sei sulla pagina 1di 12

III DOMENICA DI QUARESIMA

DOMENICA DELLADORAZIONE DELLA SANTA CROCE





SABATO VESPRO

Ufficio del vespro delle domeniche.
Dopo il salmo introduttivo, 103, e la consueta sticologa, al Signore, ho gridato, 10
stichi: 6 stichir della resurrezione dallOctichos (libro della Paraclitik) e 4 stichir
della Croce preziosa.
Fa brillare, o Croce del Signore, con i sfolgorii lampi della tua grazia, i cuori di
quanti ti onorano e di quanti a te si stringono con amore ispirato, o desiderio
delluniverso: per te stata cancellata la tristezza delle lacrime, e noi siamo stati
strappati ai lacci della morte e trasferiti alla letizia senza fine; mostra lo splendore
della tua nobilt, elargendo le ricompense della continenza ai tuoi servi che chiedono
con fede la tua prodiga protezione e la grande misericordia (2v).
Gioisci, Croce vivificante, splendido paradiso della Chiesa, albero
dell incorruttibilit che hai fatto fiorire per noi la delizia delleterna gloria; per te
vengono respinte le falangi dei demoni, si rallegrano insieme le schiere degli angeli, e
fanno festa le assemblee dei fedeli: arma invincibile, fortezza inespugnabile, vittoria
dei re, vanto dei sacerdoti, concedi anche a noi di giungere alla passione di Cristo e
alla sua risurrezione.
Gioisci, Croce vivificante, invitto trofeo della devozione, porta del paradiso,
sostegno dei fedeli, muro fortificato della Chiesa: per te annientata la corruzione,
distrutta e inghiottita la potenza della morte, e noi siamo stati innalzati dalla terra al
cielo. Arma invincibile, nemica dei demoni, gloria dei martiri, vero ornamento dei
santi, porto di salvezza, Tu doni al mondo la grande misericordia.
Vieni, o prima coppia creata che sei decaduta dal coro celeste per l invidia
dellomicida, tramite lamaro piacere del frutto un tempo gustato dallalbero: ecco,
avanza il vero venerabilissimo Albero! Ad esso accorrete e stringetelo con gioia,
acclamando con fede: Tu sei il nostro soccorso, o Croce venerabilissima, e noi
comunicando al tuo frutto otteniamo lincorruttibilit, ricevendo stabilmente lEden di
un tempo e la grande misericordia.
Gloria al Padre, al Figlio e al santo Spirito.
Cristo Dio nostro, che hai accettato la tua crocifissione volontaria in vista della
comune risurrezione del genere umano, e con lo stilo della Croce hai arrossato di
sangue le tue dita per sottoscrivere regalmente latto del perdono, per il tuo amore per
gli uomini, non trascurarci mentre siamo di nuovo in pericolo di essere separati da te;
ma abbi compassione, o solo longanime, del tuo popolo che nella sventura: sorgi,
combatti quelli che ci fanno guerra, come Onnipotente.
e ora e sempre e nei secoli dei secoli. Amin.
Theotokion: del Tono corrente.
I ngresso. Luce gioiosa.
Prochmeno: del sabato.
Allo stico, stichir dallOctichos.
Gloria al Padre, al Figlio e ora e sempre e nei secoli dei secoli. Amin.
O Signore, Tu che ti sei alleato con il molto mite Davide per sottomettere i filistei,
combatti insieme al nostro re fedele, e con larma della Croce abbatti i nostri nemici:
mostraci, o compassionevole, le tue misericordie antiche, e realmente si conosca che
Tu sei Dio e che per la fiducia riposta in te vinciamo: mentre la tua intemerata Madre
continuamente intercede perch ci sia donata la grande misericordia.
Apolitikion della resurrezione, secondo il Tono corrente.
Gloria al Padre, al Figlio e al santo Spirito.
I l seguente Tropario della Croce.
Salva, Signore, il tuo popolo e benedici la tua eredit dando ai re vittoria contro i
barbari e custodendo con la tua Croce la tua cittadinanza.
e ora e sempre e nei secoli dei secoli. Amin.
Theotokion.
Gabriele ti rivolse il saluto: Gioisci, o Vergine, e a quella voce il Sovrano
dell'universo si incarn in te, che sei lArca santa, come ti chiam il giusto Davide.
Sei apparsa pi ampia dei cieli, perch hai portato il tuo Creatore. Gloria a Colui che
ha dimorato in te, gloria a Colui che nato da te, gloria a Colui che ci ha liberati per
il tuo parto.
MATTUTINO ORTHROS

Ufficio dellOrthros delle domeniche.
Dopo lEspsalmo, allI l Signore Dio lApolitikion della resurrezione.
Gloria al Padre, al Figlio e al santo Spirito il Tropario della Croce: Salva, Signore,
il tuo popolo.
E ora e sempre e nei secoli dei secoli. Amin il Theotokion: Gabriele ti rivolse il
saluto.
La consueta sticologa. Kathsmata della resurrezione.
Dopo il seguente kthisma della Croce.
Nel paradiso un tempo un albero mi ha spogliato, perch facendomene gustare il
frutto, il nemico ha introdotto la morte; ma lalbero della Croce, che porta agli uomini
labito della vita, stato piantato sulla terra, e tutto il mondo si riempito di ogni
gioia; vedendolo innalzato, o popoli, con fede acclamiamo concordi a Dio: Piena di
Gloria la tua casa. 2 volte.
LYpako, gli anavathm del Tono, il Prochmeno, il vangelo mattutino stabilito,
Contemplata la risurrezione di Cristo. I l salmo 50 ecc.

CANONE DELLA CROCE.
Di Teodoro Studita.
Al primo Tropario di ogni ode si dice: Gloria al Padre, al Figlio e al santo Spirito
alla tua santa risurrezione, Signore; agli altri: Gloria al Padre, al Figlio e al santo
Spirito a te, Dio nostro, Gloria al Padre, al Figlio e al santo Spirito a te; ai due ultimi:
Gloria al Padre, al Figlio e al santo Spirito e ora e sempre e nei secoli dei secoli.
Amin.
Ode I Cantico di Mos.
Giorno di festa solenne: con la risurrezione di Cristo distrutta la morte, sorta
lalba della vita; Adamo risuscitato danza con gioia. Esplodiamo in acclamazioni,
cantando linno di vittoria.
Giorno di adorazione della Croce preziosa: accorrete tutti ad essa, poich ecco, ora
viene esposta, irradiante gli splendori della risurrezione di Cristo: salutiamola con
animo esultante.
Manifstati, o grande Croce del Signore; mostrami il divino aspetto del tuo
splendore, rendimi degno adoratore della tua maest: infatti, ti abbraccio come una
realt viva, tinvoco e mi prostro.
Cielo e terra elevino lode concorde, perch a tutti presentata la Croce beatissima,
sulla quale fu corporalmente immolato il Cristo ad essa confitto: salutiamola con
animo esultante.
Gloria al Padre, al Figlio e al santo Spirito.
O Trinit per le propriet personali, o Monade per la natura, Padre, Figlio e Spirito,
Una nel consiglio, nel volere e nel principio del potere: custodisci il tuo mondo, la
pace confermando.
e ora e sempre e nei secoli dei secoli. Amin.
Theotokion.
O Vergine, totalmente ignara duomo, senza seme partorisci un bambino; Tu porti
una prole immacolata il Creatore di tutte le cose, il Cristo Dio: supplicalo di donare
alluniverso la pace.
Katavasa.
I l divinissimo Mos, facendo attraversare il Mar Rosso a I sraele, prefigurava un
tempo la tua Croce, tagliando col bastone l umido elemento, mentre intonava per te, o
Cristo Dio, il cantico dellesodo.
Ode I I I Cantico di Anna.
Venite, cantiamo un canto nuovo, celebrando la distruzione dellade: perch dalla
tomba il Cristo risorto abbattendo la morte e salvando luniverso.
Venite ad attingere, fedeli: non acqua corruttibile zampillante da una fonte, ma la
sorgente della luce, grazie alladorazione della Croce di Cristo, nostro vanto.
Abbracciando ora la tua Croce, che un tempo Mos prefigurava con le mani, noi
mettiamo in rotta lAmalek spirituale, o Cristo Sovrano, e per essa siamo salvati.
Con sguardi e labbra pure, intoniamo una melodia di esultanza, adorando con gioia,
o fedeli, la Croce del Signore, e applaudendo tra i canti.
Gloria al Padre, al Figlio e al santo Spirito.
Venero un solo Dio senza principio, in tre ipstasi, indiviso nella forma
dellessenza, Padre, Figlio e Spirito vivente, in cui siamo stati battezzati.
e ora e sempre e nei secoli dei secoli. Amin.
Theotokion.
Nel roveto Mos vide un tempo in figura il tuo mistero, o venerabile: come infatti la
fiamma non bruci quello, cos il fuoco della divinit non bruci il tuo grembo.
Katavasa.
Con la tua Croce, o Cristo Sovrano, fortificami sulla roccia della fede, perch non
sia scosso il mio intelletto dagli assalti del nemico ostile: Tu che solo sei santo.
Kathsmata
La tua Croce, Signore, piena di santit: in essa infatti trovano guarigione i malati
per il peccato; per essa, a te ci prostriamo. Abbi misericordia di noi.
Stico: Esaltate il Signore Dio nostro, e prostratevi allo sgabello dei suoi piedi,
perch santo.
Oggi si compie la parola profetica: perch, ecco, noi adoriamo il luogo dove si sono
posati i tuoi piedi, Signore; e avendo gustato dellalbero della salvezza, abbiamo otte-
nuto la liberazione dalle passioni del peccato, per lintercessione della Theotokos, o
solo Filantropo.
Gloria al Padre, al Figlio e al santo Spirito.
Appena lalbero della tua Croce fu piantato, o Cristo, si scossero le fondamenta
della morte, o Signore: ci che con brama aveva inghiottito, lade lo rese con tremore.
Ci hai mostrato la tua salvezza, o santo, e noi ti glorifichiamo. Figlio di Dio: abbi
misericordia di noi.
e ora e sempre e nei secoli dei secoli. Amin.
Theotokion.
Vergine Theotokos, implora il Figlio tuo, volontariamente confitto in Croce e
risorto dai morti, Cristo nostro Dio, per la salvezza delle anime nostre.
Ode I V Cantico di Abacuc.
Ecco, risorto il Cristo, dice langelo alle donne che portavano gli aromi
(mirofre); non gemete, ma andate a dire agli apostoli: Gioite, oggi la salvezza del
mondo, con la morte stata annientata la tirannide del nemico.
Convenendo oggi per la gioiosa adorazione della tua Croce vivificante, o Cristo,
facciamo onore alla tua santissima passione che hai reso salvezza del mondo, o Salva-
tore, nella tua onnipotenza.
Oggi gioia in cielo e sulla terra, perch si manifesta al mondo il segno della
Croce, la beatissima Croce: esposta, infatti, essa fa sgorgare eterna grazia per quanti
ladorano.
Che cosa ti offriremo, o Cristo, per averci concesso di adorare la Croce preziosa,
sulla quale stato versato il tuo santissimo sangue e alla quale fu confitta con chiodi
la tua carne? Salutandola dunque, noi ti rendiamo grazie.
Gloria al Padre, al Figlio e al santo Spirito.
Celebrando le tre ipstasi di ununica Deit, di una natura semplice che non si
divide in parti, proclamo la divinit del Padre che non ha principio, del Figlio e dello
Spirito santo: unico trono, unica signoria, eguale regno, unico eterno potere.
e ora e sempre e nei secoli dei secoli. Amin.
Theotokion.
Sola sei apparsa tra le donne, o pura, mirabilissimo prodigio, realt tremenda; Tu
hai infatti rinnovato la natura, generando senza seme e rimanendo quale eri, vergine:
perch Dio vero Colui che da te nato, o tutta intemerata.
Katavasa.
Vedendoti sulla Croce, o potente, il luminare grande, preso da tremore, ritrasse i
raggi e si nascose; tutto il creato celebr con timore la tua longanimit: la terra si
riemp infatti della tua lode.
Ode V Cantico di I saia.
Sei sorto dalla tomba, o luce senza tramonto, rischiarando il mondo con
l incorruttibilit, dissipando dai confini della terra la tristezza della morte, o Signore,
come compassionevole.
Accostiamoci purificati dalla continenza, ardentemente abbracciamo tra le lodi
lalbero santissimo sul quale il Cristo fu crocifisso e salv il mondo, come
compassionevole.
Danzano oggi in festa le schiere angeliche, per ladorazione della tua Croce: con
essa hai infatti distrutto le falangi dei demoni, salvando, o Cristo, il genere umano.
Riconosciamo nella Chiesa un secondo paradiso che ha in s, come il primo, un
albero che d vita la tua Croce, Signore: toccandola, noi diveniamo partecipi
dell immortalit.
Gloria al Padre, al Figlio e al santo Spirito.
Glorifico quale Dio di unica essenza le tre persone senza principio, il Padre, il
Figlio e lo Spirito, unica luce di triplice splendore, di eguale potere e regalit, in
identit senza confusione.
e ora e sempre e nei secoli dei secoli. Amin.
Theotokion.
Hai generato per legge di natura, ma oltre la legge: poich solo tua la concezione
senza seme, e meraviglioso a dirsi e pensarsi il modo del tuo parto, o tutta
immacolata.
Katavasa.
Vegliando ai primi albori, a te inneggiamo, Salvatore del mondo, noi che abbiamo
trovato pace per la tua Croce, con la quale hai rinnovato il genere umano, guidandoci
alla luce senza sera.
Ode VI Cantico di Giona.
Sei risorto dopo aver colpito la morte da grande re, o Cristo, e ci hai richiamati
dagli atri reconditi dellade per godere del regno dei cieli, nella terra dell immortalit.
Applaudendo tra canti divini, o fedeli, acclamiamo a Dio, salutando con timore la
sua Croce, poich essa fa sgorgare una fonte di santit per tutti gli abitanti del mondo.
Si compiuta la parola dell innografo, perch ecco, noi adoriamo, onnipotente, lo
sgabello dei tuoi piedi immacolati, la tua augusta Croce, il grandemente desiderato
albero.
Baciando la tua Croce, o compassionevole, che il profeta gemente aveva visto come
legno gettato nel tuo pane, celebriamo le tue bende e la tua tomba, la lancia e i chiodi.
Abbracciando la santa Croce che Tu hai accettato di portare sulle spalle, o Cristo,
per esservi innalzato e crocifisso secondo la carne, noi riceviamo forza contro i nemici
invisibili.
Gloria al Padre, al Figlio e al santo Spirito.
Celebro la Monade in tre propriet personali, e la Trinit adorata in ununica
natura, Dio e tre ad un tempo, luce trisolare: Padre, Figlio e santo Spirito.
e ora e sempre e nei secoli dei secoli. Amin.

Theotokion.
I n te si rivelato il sommo tra i prodigi, o agnella senza macchia: Tu hai generato
lagnello che porta il peccato del mondo, che ti preghiamo di supplicare con fervore
per quanti a te inneggiano.
Katavasa.
Nel ventre del mostro marino, Giona, con le mani tese, tracci la figura della Croce
divina, e balz fuori, salvato dal mostro, per la tua potenza, o Verbo.
Contakion
Non sorveglia pi la spada di fuoco la porta dellEden: su di essa arrivato per
arrestarla mirabilmente lalbero della Croce. I l pungiglione della morte e la vittoria
dellAde sono stati allontanati e sei giunto Tu, mio Salvatore, gridando agli abitanti
dellAde: Entrate di nuovo nel paradiso!
I kos.
Tre croci piant Pilato sul Golgota, due per i ladroni e una per il datore di vita;
lade la vide e disse a quelli di laggi: O miei ministri e miei eserciti, chi ha
conficcato un chiodo nel mio cuore? Una lancia di legno mi ha trafitto all improvviso,
le mie viscere vanno squarciandosi, il mio ventre nei dolori, soffrono i miei sensi,
infuria il mio spirito, e sono costretto a rigettare Adamo e i nati da lui che a me
mediante un albero erano stati dati: un albero li introduce di nuovo nel paradiso.
Sinassario dal minologhio, poi il seguente:
Lo stesso giorno, terza domenica della Quaresima, festeggiamo ladorazione della
Croce preziosa e vivificante.
La tua Croce ha venerato tutta la terra dalla quale ti ha conosciuto e ti adora, o Verbo.

Per la sua potenza, o Cristo Dio, custodisci anche noi dalle insolenze del maligno,
facci degni di adorare i tuoi divini patimenti e la tua risurrezione vivificante, dopo
aver compiuto agevolmente la corsa dei quaranta giorni; e abbi misericordia di noi,
perch Tu solo sei buono e Filantropo.
Ode VI I Cantico dei tre fanciulli.
Come un dormiente, Signore, sei risorto dalla tomba il terzo giorno, dopo aver
abbattuto con potenza divina i custodi dell ade e aver risuscitato i progenitori antichi,
o solo benedetto Dio dei padri, pi che glorioso.
Facendo coro al suono della lira dei canti, esultiamo oggi, o popoli, per
ladorazione della Croce, glorificando Colui che su di essa fu confitto, il solo
benedetto Dio dei padri, pi che glorioso.
Tu che hai reso questo strumento di morte, la tua Croce amata, o pietosissimo,
laboratorio di vita per il mondo, santifica quanti ladorano, o solo benedetto Dio dei
padri, pi che glorioso.
O solo pietoso e compassionevole, illumina, santifica, o unico Ges, quanti con
fede adorano la tua Croce e i tuoi divini patimenti, o solo benedetto Dio dei padri, pi
che glorioso.
Gloria al Padre, al Figlio e al santo Spirito.
Monade in tre ipstasi celebro la Divinit: luce infatti il Padre, luce il Figlio, luce
lo Spirito, restando la luce indivisa per lunit di natura, e risplendendo con i tre raggi
delle persone.
e ora e sempre e nei secoli dei secoli. Amin.
Theotokion.
Con molti nomi ti annunciano tutti i profeti: porta di Dio, urna doro, terra santa,
Tu sei divenuta, o Vergine sposa di Dio, generando nella carne Ges il Cristo, il Dio
dei nostri padri.
Katavasa.
Colui che ha liberato i fanciulli dalle fiamme, assunta la carne, venuto sulla terra,
e, inchiodato alla Croce, ci ha donato salvezza, lui, il solo benedetto Dio dei padri, pi
che glorioso.
Ode VI I I Cantico delle creature.
Perch mai tenete unguenti tra le mani? Chi cerca te? Ecco, il giovane apparso nella
tomba grida: risorto il Cristo Dio nostro, risuscitando la natura dei mortali dai
recessi dellade.
Gioisci, albero felicissimo e divino, o Croce, luce di quanti sono nelle tenebre, che
con la tua luce preannunci ai quattro confini del mondo i bagliori della risurrezione di
Cristo: concedi a tutti i fedeli di giungere alla pasqua.
I n questo giorno lalbero dal profumo di vita, la Croce di Cristo, sparge gli aromi
della divina teca, aspiriamone la fragranza che divinamente si effonde, adorandola con
fede, per i secoli.
Vieni, profeta Eliseo, dillo chiaramente: che cosera quel legno che gettasti
nellacqua? La Croce di Cristo, per la quale siamo stati tratti dal profondo della
corruzione, adorandola con fede, per i secoli.
Giacobbe, prefigurando un tempo la tua Croce, o Cristo, si prostrava allestremit
del divino bastone di Giuseppe, vedendo in esso il tremendo scettro del tuo regno: che
noi ora adoriamo con fede, per i secoli.
Benediciamo il Padre, il Figlio e il santo Spirito.
Glorifico ununica sostanza in tre caratteri personali, non confondo i tre in ununica
persona, e neppure divido quanto alla forma il Padre e il Figlio insieme allo Spirito:
infatti un unico Dio per i secoli, al di sopra di tutto.
e ora e sempre e nei secoli dei secoli. Amin.
Theotokion.
Sola tra le madri sei apparsa vergine, sposa di Dio Maria, avendo generato senza
concorso duomo il Cristo Salvatore, serbando il sigillo della castit: e noi fedeli ti
proclamiamo beata nei secoli.
Lodiamo, benediciamo e adoriamo il Signore.
Katavasa.
Gettato nella fossa dei leoni, Daniele, grande tra i profeti, stese le braccia a forma
di Croce e, rimasto incolume, senza venir divorato, benedice il Cristo Dio, per i
secoli.
Ode I X Cantico della Theotokos e di Zaccaria.
Illuminati, illuminati, o nuova Gerusalemme.
Sei disceso nella tomba, o datore di vita e Dio, hai spezzato tutti i serrami e le
sbarre e hai risuscitato i morti acclamanti: Gloria al Padre, al Figlio e al santo Spirito
alla tua risurrezione, o Cristo Salvatore onnipotente.
La tua tomba, o Cristo, ha fatto scaturire per me la vita: Tu che hai potere sulla
vita, infatti, sei giunto e hai gridato a quanti abitano nei sepolcri: O voi che siete in
catene, siatene sciolti, perch sono venuto io come redenzione del mondo.
Sussultino e cantino tutti gli alberi della foresta, contemplando un albero come loro,
lalbero della Croce a cui oggi si rende onore, lalbero dove il Cristo ha sollevato la
testa, come profetizza il divino Davide.
Morto a causa dellalbero, ho trovato in te un albero di vita, o mia Croce che porti
Cristo, mia indistruttibile difesa, forza potente contro i demoni; oggi adorandoti
acclamo: Santificami con la tua Gloria al Padre, al Figlio e al santo Spirito.
Rallgrati, esulta, Chiesa di Dio, adorando oggi il legno felicissimo della santissima
Croce di Cristo, alla quale servono le schiere angeliche circondandola con timore.
Gloria al Padre, al Figlio e al santo Spirito.
Trinit nelle persone, Monade nella natura: tale ti adoro o Deit santa, Padre, Figlio
e santo Spirito, unico principio, unico regno che tutti governa.
e ora e sempre e nei secoli dei secoli. Amin.
Theotokion.
Tu sei divenuta, o Vergine, il grande monte dove Cristo ha preso dimora, come il
divino Davide proclama; per te siamo stati innalzati fino al cielo, resi figli mediante lo
Spirito, o beatissima.
Katavasa.
O Vergine Madre, realmente Theotokos, Tu che senza seme hai partorito il Cristo
Dio nostro che stato innalzato sulla Croce nella carne, insieme a lui, tutti noi fedeli,
com giusto, magnifichiamo te.
Lesapstilarion: leothinn della resurrezione.
E della Croce:
Vedendo oggi esposta la preziosa Croce di Cristo, noi ladoriamo, e con fede ci
rallegriamo, baciandola con amore, e pregando il Signore, che volontariamente su di
essa stato crocifisso, di renderci tutti degni di adorare la Croce preziosa, e di
giungere alla risurrezione, liberi tutti da condanna.
Theotokion
I l legno sul quale, o venerabilissima, il Figlio tuo, ad esso confitto, ha disteso per
noi le mani immacolate, noi ora piamente lo adoriamo: donaci la pace, donaci di
giungere allaugustissima passione che ha salvato il mondo, donaci di venerare il
giorno che prende il nome dal Signore, il giorno insigne e luminoso della pasqua,
gioia delluniverso.
Alle lodi, 8 stichi con 4 stichir della resurrezione a dal libro della Paraclitik
(lOctichos) e i 3 seguenti dal Triodion, ripetendo il primo.

Con le nostre voci leviamo grida di gioia, con inni cantiamo, salutando la Croce
preziosa, e ad essa acclamiamo: O Croce beatissima, santifica con la tua potenza la
nostra anima e il nostro corpo; e custodisci immuni da ogni vessazione degli avversari
quanti piamente ti adorano.
Stico: Esaltate il Signore Dio nostro, e prostratevi allo sgabello dei suoi piedi,
perch santo.
Accostatevi e attingete agli inesauribili fiumi che scaturiscono per grazia della
Croce: ecco, vediamo davanti a noi il legno santo, fonte di doni che irriga con lacqua
e col sangue del Sovrano delluniverso che su di essa volontariamente stato
innalzato e ha innalzato i mortali.
Stico: Dio il nostro Re prima dei secoli, ha operato la salvezza in mezzo alla
terra.
Sostegno della Chiesa, fortezza dei re, vanto dei monaci tu sei, e salvezza, o Croce
maestosa: adorandoti, noi abbiamo oggi il cuore e lanima illuminati dalla divina
grazia di Colui che, su di te confitto, ha abbattuto il potere dell ingannatore e ha
annullato la maledizione.
Gloria al Padre, al Figlio e al santo Spirito.
I l Signore di tutti ha insegnato in parabole a fuggire il superbo sentire dei pessimi
farisei, e ha ammaestrato tutti a non avere di s un concetto pi alto del dovuto;
divenendo egli stesso esempio e modello, si annientato fino alla Croce e alla morte.
Rendendo dunque grazie, a lui diciamo con il pubblicano: O Tu che hai patito per noi
rimanendo Dio impassibile, strappaci alle nostre passioni e salva le anime nostre.
e ora e sempre e nei secoli dei secoli. Amin.
Sei pi che benedetta
Grande Dossologia.
Mentre si canta la Dossologia i sacerdote si cambia la veste, preso il turibolo
incensa il santo Altare e la Croce preziosa. Prede la Croce che precedentemente era
posto su in disco adornato di fiori e lo pone sulla propria testa ed esce dalla porta di
sinistra del santuario e si mette alle porte reali.
Terminata la dossologia e il trisagio, il sacerdote dice: Sapienza, in piedi! e si canta
il Tropario Salva, Signore, il tuo popolo per 3 volte. Poi il sacerdote adora la Croce
preziosa, cantando:
Adoriamo la tua Croce, o Sovrano, e glorifichiamo la tua santa risurrezione.

Durante ladorazione della Croce il Coro canta i seguenti.

Poema di Leone il saggio.

Gloria al Padre, al Figlio e al santo Spirito
Oggi Colui che per essenza inaccessibile, diventa per me accessibile, e soffre la
passione per liberare me dalle passioni; Colui che d la luce ai ciechi, riceve sputi da
labbra inique e, per i prigionieri, offre le spalle ai flagelli. Vedendolo sulla Croce, la
Pura e Madre dolorosamente diceva: Ahim, Figlio mio, perch hai fatto questo? Tu,
splendido di bellezza pi di tutti i mortali, appari senza respiro, sfigurato, senza pi
forma n bellezza!. Ahim, mia luce! Non posso vederti addormentato, le mie viscere
sono ferite e una dura spada mi trapassa il cuore. I o celebro i tuoi patimenti, mi
prostro alla tua amorosa compassione: o longanime Signore.
e ora e sempre e nei secoli dei secoli. Amin.
Oggi si compie la parola profetica: perch, ecco, noi adoriamo il luogo dove si sono
posati i tuoi piedi, Signore; e avendo gustato dellalbero della salvezza, abbiamo
ottenuto la liberazione dalle passioni del peccato, per lintercessione della Theotokos,
o solo Filantropo.
E il congedo.


Liturgia di san Basilio

I Antifona
Stico: Signore la luce del tuo volto come vessillo su di noi. Hai dato letizia nel mio
cuore.
Stico: A coloro che ti temono hai dato un vessillo onde sfuggano di fronte allarco.
Stico: Sei asceso in alto, hai imprigionato i prigionieri, hai ricevuto doni tra gli
uomini.
Stico: Hai donato leredit a coloro che temono il tuo nome.
Ad ogni versetto si risponde: Per le intersessioni della Theotokos, Salvatore, salvaci.

I I Antifona
Stico: Tutti i confini della terra hanno la salvezza del nostro Dio.
Stico: Prostriamoci nel luogo in cui sono stati i suoi piedi.
Stico: Ma Dio il nostro Re dall inizio del tempo, ha operato salvezza in mezzo alla
terra.
Stico: Eccelso sono io tra i popoli ed eccelso in mezzo alla terra.
Ad ogni versetto si risponde: Salvaci, o Figlio di Dio, risuscitato dai morti, noi che ti
cantiamo Alleluia.

I I I Antifona
Stico: Esaltate il Signore Dio nostro e prostratevi dinanzi allo sgabello dei suoi piedi
perch egli santo.
Stico: Salva il tuo popolo e benedici la tua eredit.
Stico: Sii pastore per loro e portali fino alla fine dei tempi.


Apolitikion
Salva, Signore, il tuo popolo e benedici la tua eredit dando ai re vittoria contro i
barbari e custodendo con la tua Croce la tua cittadinanza.

I nvece del Trisagio: La tua Croce adoriamo, o Sovrano, e glorifichiamo la tua santa
Risurrezione.

Epistola: Ebr. I V, 14 5, 6. Vangelo: Mc. VI I I , 34 9, 1.