Sei sulla pagina 1di 2

Lettera di Mario Ciancarella a Paolo Bolognesi Presidente dell'Associazione dei Familiari

delle Vittime della Strage di Bologna e Parlamentare


Caro Paolo, ti ricordi di me?
Vorrei semplicemente sottoporti alcuni aspetti e riflessioni sulla tua
proposta di Legge relativa all'introduzione del reato di depistaggio
(cosa che ho sempre sostenuto necessaria e fondamentale per le vicende
di strage) che hai presentato in Parlamento ma di cui sembrano essersi
perse le tracce. emo infatti che la sola sanzione non possa essere
sufficiente ad impedire il rinnovarsi di una pratica scellerata.
!i tratta di definire meglio, a mio parere, la esplicita
imprescrittibilita' del reato di depistaggio per tutti "uei reati, cui
sia collegata l'azione depistante, che contemplino la
imprescrittibilita' delle responsabilita' personali, come e' nel caso
di strage.
#noltre riterrei necessario che fossero introdotte delle pene
accessorie per chi si renda responsabile di depistaggio, come la
cancellazione di eventuali diritti ac"uisiti (come la pensione e la
radiazione dalle funzioni) proprio per aver procurato il danno alla
societa' ed allo !tato lucrando sulla propria posizione funzionale,
piuttosto che metterla al servizio della sola Costituzione, della
Legge e del Cittadino. $n po' come avviene per il se"uestro dei beni
dei mafiosi che si ritiene li abbiano accumulati proprio con la
attivita' criminosa.
%itengo infatti che solo misure che tendano a prevenire il reato &
anche attraverso la prospettazione di inasprimento delle sanzioni che
rendano di conseguenza insopportabile il costo del tradimento &
possano garantirci che un povero sottufficiale ad esempio sappia
ragionevolmente opporsi ad un ordine illegittimo e stragista impartito
da un superiore, garantito da un ampio potere discrezionale e
sanzionatorio.
%ichiamando l'art ' della legge ()*+,) sui Principi della -isciplina
.ilitare ritengo anche che andrebbe previsto che chi abbia contribuito
sostanzialmente alla consumazione del reato di depistaggio sia
destinatario della rimozione dal grado e dalle funzioni, secondo le
procedure disciplinari previste dall'ordinamento, e cosi' avvenga
anche per il superiore che ne abbia eventualmente disposto, suggerito
o avallato il comportamento depistante.
Le pene accessorie potrebbero essere mitigate laddove il responsabile
del reato di depistaggio contribuisca fattivamente alla individuazione
di "uei superiori disponenti il depistaggio.
i ringrazio della attenzione e ti auguro buon lavoro da deputato del
Paese, segnalandoti che proprio in "uesti giorni una perizia disposta
dal ribunale di /irenze ha concluso che la firma del Presidente
Pertini sul decreto con cui venivo radiato (0 anni fa risulta essere
stata spudoratamente falsificata. 1on credo sia cosa da poco essere
arrivati a falsificare la firma di un Presidente della %epubblica pur
di liberarsi di uno scomodo antagonista.
!pero di non averti disturbato. Con simpatia.
.ario Ciancarella